L'autovelox che pizzica chi parla al cellulare

In South Yorkshire una chiamata in macchina può essere sanzionata anche via autovelox mobile

Londra – Nel South Yorkshire , d’ora in poi, l’autovelox portatile potrà essere utilizzato anche per comprovare l’utilizzo del cellulare da parte di un conducente. Una violazione che verrà sanzionata con 60 sterline e ben 3 punti delle patente.

Secondo Evening Standard si tratterebbe di un’iniziativa della polizia locale – conseguenza delle statistiche che nel 2005 hanno rilevato in 400 feriti e 13 morti il numero di “chiacchieroni patentati”.

“A occhio nudo o attraverso la lente di un autovelox mobile la violazione rimane tale, quindi gli agenti operano in totale legalità”, ha dichiarato Meredydd Hughes, responsabile locale dell’ Association of Chief Constables . “Gli autovelox automatici, invece, possono essere utilizzati solo per la rilevazione delle infrazioni tradizionali, a meno che non cambi la normativa”. Si tratta insomma di una piccola agevolazione che non obbliga la Polizia a notificare immediatamente l’infrazione.

Il Governo spera che le sanzioni più dure possano dissuadere gli automobilisti dall’utilizzo dei cellulari durante la guida, e quindi favorire l’uso dei sistemi vivavoce. I dati di Direct Line , ad esempio, confermano che un conducente su otto ignora totalmente le Leggi sull’utilizzo dei cellulari a bordo.

“Tre punti in meno sono certamente un segnale”, ha aggiunto Hughes. “Dovrebbe essere considerato un avvertimento per gli automobilisti che con questa nuova norma non si scherza”.

Dario d’Elia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Questo c'ha la PIGNE!
    ...i video di YouTube...ma che sta a dì? La maggior parte dei video youtube è amatoriale e fatta "in casa" e non commerciale, se ci si trovano anche dentro per forza di cose riferimenti a roba protetta da copyright, vuoi per la natura stessa del video ( imitazioni, satira, umorismo ecc ) o perchè semplicemente "era lì" pretendere il pagamento dei diritti è una cosa assai bigotta e pretestuosa, anzi direi di stampo quasi mafioso.In tempi come questi, mancava proprio un programma SPIONE residente nei server a mo di trojan pronto a spifferare a chissà chi tutto di tutti. Complimenti.
  • rockroll scrive:
    Sarebbe il sistema migliore
    Si, sarebbe il sistema migliore per far cicrcolare liberamente a basso costo materiale coperto da copyright: ogni volta che circola, il beneficiario paga la sua quota, anche se la cosa avviene in circuiti P2P, a differenza di quel dice l'articolo: gli ISP sono in grado di intercettare il tag (WaterMarking) ed in base ad esso fatturare in automatico sulla stessa bolletta telefonica per conto di operatore TLC che riverserà agli aventi diritto e solo ad essi, nella giusta misura! Meglio di così...Avevo scritto mesi fa queste stesse cose, ma destai solo'l'interesse di alcuni di voi che si arrampicarono sugli specchi per denigrare l'idea. Unico preoblema sarebbe che d'ora in poi dovrebbe essere immessa sul mercato solo roba protetta garantita da "sigillo" di watermarking, mentre quanto è stato emesso fin 'ora la passerebbe liscia. Beh, cavoli loro se non si sono svegliati prima, l'importante è iniziare. Il sigillo e relativo check sum e/o CIN sarebbero annidati in modo inscindibile dal contenuto da proteggere, e a sua volta protetto da ceck sum nacosto. L'importante vero sarebbe che i prezzi fossero finalmente equi, tipo 1 cent di euro a brano musicale, 50 cents a film completo, nulla per software: dovrebbe circolare solo software FREE ovvero gratuito.Bye.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 01 marzo 2007 08.02-----------------------------------------------------------
    • Anonimo scrive:
      Re: Sarebbe il sistema migliore
      - Scritto da: rockroll
      ogni volta che circola, il
      beneficiario paga la sua quota, anche se la cosa
      avviene in circuiti P2P, a differenza di quel
      dice l'articolo: gli ISP sono in grado di
      intercettare il tag (WaterMarking) ed in base ad
      esso fatturare in automatico sulla stessa
      bolletta telefonica per conto di operatore TLC
      che riverserà agli aventi diritto e solo ad essi,
      nella giusta misura!
      TU sei matto... Fatturare in automatico? Ma bevi grappa la mattina ? :D
      • rockroll scrive:
        Re: Sarebbe il sistema migliore
        Io non offendo mai per primo, gradirei altrettanto !Fatturare il giusto in automatico è cosa giusta.Visto che a differenza tua non sono anonimo, sai benissimo quante campagne ho fatto su queste pagine a difesa delle nostre libertà digitali, e contro i soprusi di chi parassita ed ingrassa coi balzelli che ci impongono leggi di loro comodo. Ma da questo a difendere comunque il procurato eventuale mancato guadagno per usufrutto di opere coperte da diritti evadendone un giusto e corretto corrispettivo, ce ne passa.Bye.
        • Anonimo scrive:
          Re: Sarebbe il sistema migliore
          - Scritto da: rockroll
          Io non offendo mai per primo, gradirei
          altrettanto
          !

          Fatturare il giusto in automatico è cosa giusta.

          Visto che a differenza tua non sono anonimo, sai
          benissimo quante campagne ho fatto su queste
          pagine a difesa delle nostre libertà digitali, e
          contro i soprusi di chi parassita ed ingrassa coi
          balzelli che ci impongono leggi di loro comodo.

          Ma da questo a difendere comunque il procurato
          eventuale mancato guadagno per usufrutto di opere
          coperte da diritti evadendone un giusto e
          corretto corrispettivo, ce ne
          passa.

          Bye
          .Non sono quello di prima, ma fatturare in automatico al proprietario della linea è fuori dal mondo.Mille volte peggio dei dialer.Chi mi dice che il filmato che sto vedendo è a pagamento o gratuito?Io se vedo un filmato online non voglio pagare niente, oppure se è a pagamento che il sistema sia chiaro e sia un sistema ATTIVO, non passivo sulla mia bolletta.
          • rockroll scrive:
            Re: Sarebbe il sistema migliore
            - Scritto da:

            - Scritto da: rockroll

            Io non offendo mai per primo, gradirei

            altrettanto

            !



            Fatturare il giusto in automatico è cosa giusta.



            Visto che a differenza tua non sono anonimo, sai

            benissimo quante campagne ho fatto su queste

            pagine a difesa delle nostre libertà digitali, e

            contro i soprusi di chi parassita ed ingrassa
            coi

            balzelli che ci impongono leggi di loro comodo.



            Ma da questo a difendere comunque il procurato

            eventuale mancato guadagno per usufrutto di
            opere

            coperte da diritti evadendone un giusto e

            corretto corrispettivo, ce ne

            passa.



            Bye

            .


            Non sono quello di prima, ma fatturare in
            automatico al proprietario della linea è fuori
            dal
            mondo.

            Mille volte peggio dei dialer.
            Chi mi dice che il filmato che sto vedendo è a
            pagamento o
            gratuito?

            Io se vedo un filmato online non voglio pagare
            niente, oppure se è a pagamento che il sistema
            sia chiaro e sia un sistema ATTIVO, non passivo
            sulla mia
            bolletta.

            Non verrebbero trattati con WaterMark files gratuiti, cosi come i nostri files privati. I programmi P2P, con una piccolissima aggiunta, riconoscerebbero ii WMK (abbreviazione) se presente, e chiederebbero ozionalmente conferma displayando il costo del file prima di proseguire il DL (rammento che le info di fatturazione sono codificate nel WMK). Ma non sarebbe neppure necessario: dal titolo intuiamo facilmente se un file è a pagamento, e le tariffe sarebbe giusto che fossero standard, esempio 2 cents a canzone e 50 a films. Nessun problema se le tariffe non sono differenziate, un bel film recente o una canzone che merita (quindi probabilmente non recente, ndr) daranno proporzionalmente più reddito agli artisti unicamente e giustamente perchè più scaricate!Per maggiori dettagli vedi precedenti rispoate: http://punto-informatico.it/pm.aspx?m_id=1912099&id=1910085 Bye.
    • rockroll scrive:
      Re: Sarebbe il sistema migliore
      - Scritto da: rockroll
      Si, sarebbe il sistema migliore per far
      cicrcolare liberamente a basso costo materiale
      coperto da copyright: ogni volta che circola, il
      beneficiario paga la sua quota, anche se la cosa
      avviene in circuiti P2P, a differenza di quel
      dice l'articolo: gli ISP sono in grado di
      intercettare il tag (WaterMarking) ed in base ad
      esso fatturare in automatico sulla stessa
      bolletta telefonica per conto di operatore TLC
      che riverserà agli aventi diritto e solo ad essi,
      nella giusta misura!

      Meglio di così...

      Avevo scritto mesi fa queste stesse cose, ma
      destai solo'l'interesse di alcuni di voi che si
      arrampicarono sugli specchi per denigrare l'idea.


      Unico preoblema sarebbe che d'ora in poi dovrebbe
      essere immessa sul mercato solo roba protetta
      garantita da "sigillo" di watermarking, mentre
      quanto è stato emesso fin 'ora la passerebbe
      liscia. Beh, cavoli loro se non si sono svegliati
      prima, l'importante è iniziare. Il sigillo e
      relativo check sum e/o CIN sarebbero annidati in
      modo inscindibile dal contenuto da proteggere, e
      a sua volta protetto da ceck sum nacosto.


      L'importante vero sarebbe che i prezzi fossero
      finalmente equi, tipo 1 cent di euro a brano
      musicale, 50 cents a film completo, nulla per
      software: dovrebbe circolare solo software FREE
      ovvero
      gratuito.

      Bye
      .Quoto me stesso per precisare ancora qualcosa, viste le osservazione fatte.Cosa preferite, scambiare in modo considerato illegale rischiando quel che si rischia, e sapete benissimo che non esistono sistemi sicuri e non c'è tecnica che ci salvi dagli infiltrati al servizio del potere, oppure avere diponibile in tutta tranquillità un sistema che vi offre libero scambio a un prezzo anche cento volte inferiore a quello di negozio, retribuisce direttamente ed equamente solo gli aventi diritto per una quota che ora viene evasa, e a noi costa così poco da rendere antieconomico l'utilizzo di tecniche di cripting/decriptimg, fraging/defraging, darking, anoniymizing ecc..., che intasano le reti ed i nodi di accesso in modo almeno tanto assurdo quanto assurde sono le leggi che ci combattiamo?Sappiate che gli attuali sistemi P2P per sfuggire ai controlli, di cui altri e non io vanno fieri, quanto meno vi raddoppiano i tempi di reperimento files e quasi quelli di trasferimento. Avete mai fatto il calcolo del costo aggiuntivo?Insomma lo scopo del tutto deve essre raggiungere il risutato legalmente senza ostacoli e balzelli assurdi, e non dimostrare la propria "furbizia" a dispetto altrui, anche se "altrui" merita di essere imbrogliato. Fate voi che sapete!Bye - rockroll
      • Anonimo scrive:
        Re: Sarebbe il sistema migliore

        Insomma lo scopo del tutto deve essre raggiungere
        il risutato legalmente senza ostacoli e balzelli
        assurdi, e non dimostrare la propria "furbizia" a
        dispetto altrui, anche se "altrui" merita di
        essere imbrogliato.

        Fate voi che sapete!Ma anche il watermarking può essere bypassato...
        • rockroll scrive:
          Re: Sarebbe il sistema migliore
          - Scritto da:

          Insomma lo scopo del tutto deve essre
          raggiungere

          il risutato legalmente senza ostacoli e balzelli

          assurdi, e non dimostrare la propria "furbizia"
          a

          dispetto altrui, anche se "altrui" merita di

          essere imbrogliato.



          Fate voi che sapete!
          Ma anche il watermarking può essere bypassato...E' vero, ma secondo come è annidato dentro il file, può essere molto difficoltoso, anche perchè se ne rimane traccia può esere riconosciuto come falsato. Il principio dovrebbe essere un altro: il WaterMarking serve non come funzione DRM, ma come info di attribuzione automatica del corrispettivo: se il costo da pagare per usufruire del contenuto diventa tanto contenuto quanto ho ipotizzato, nessuno ha convenienza a pasticciare il file per eludere il WaterMarking ed operare illegalmente, d'altro canto, automatizzando il tutto e riconoscendo ai veri aventi diritto un corrispettivo per noi esiguo ma sufficiente visto il grandissimo numero di scambi che ora non danno luogo a retribuzione, mi pare che tutti possano essere sodisfatti (salvo i succhiasoldi a tadimento), e che noi utenti, liberati dai vincoli e dai costi imposti dalle Majors, possiamo di buon grado accettare lealmente tale soluzione.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 02 marzo 2007 02.10-----------------------------------------------------------
      • Anonimo scrive:
        Re: Sarebbe il sistema migliore
        - Scritto da: rockroll
        Sappiate che gli attuali sistemi P2P per sfuggire
        ai controlli, di cui altri e non io vanno fieri,
        quanto meno vi raddoppiano i tempi di reperimento
        files e quasi quelli di trasferimento. bhe? mica devi star li davanti allo schermo a fissare la barra di progresso del download
        Avete mai
        fatto il calcolo del costo
        aggiuntivo?hai mai sentito parlare di connessioni flat?
        • rockroll scrive:
          Re: Sarebbe il sistema migliore
          - Scritto da:

          - Scritto da: rockroll

          Sappiate che gli attuali sistemi P2P per
          sfuggire

          ai controlli, di cui altri e non io vanno fieri,

          quanto meno vi raddoppiano i tempi di
          reperimento

          files e quasi quelli di trasferimento.

          bhe? mica devi star li davanti allo schermo a
          fissare la barra di progresso del
          download


          Avete mai

          fatto il calcolo del costo

          aggiuntivo?

          hai mai sentito parlare di connessioni flat?Io sono Flat, FW Fibra, ma questo non vuol dire che non paghi l'energia elettrica e l'ammortamento delle apparecchiature oltre al maggior tempo di attesa del "completion", e comunque i costi derivanti da consumo risorse artificiosamente maggiorato, mascherati o meno da apposito contratto flat, esistono a livello di comunità. Se continuiamo ad intasare la rete con tecnologie P2P che premiano l'evasione dei controlli, consumiamo abbastanza più risorse del giusto, e ne abbiamo comunque uno svantaggio più o meno indiretto tutti. Il giusto è avere tecnologie efficienti, piena disponibilità di azione, metodologie non più soggette a repressioni perchè considerate illegali, ed essere quel tanto onesti da corrispondere quel minimo di riconoscimento solo a chi lo merita, per importi che a noi risulterebbero irrisori ma ai diretti beneficiati sarebbero più che sufficienti, considerato il volume degli scambi e l'attuale assenza di reddito da scambio.Vedi precedenti discussioni:http://punto-informatico.it/pm.aspx?m_id=1912099&id=1910085Bye.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 02 marzo 2007 04.21-----------------------------------------------------------
    • Anonimo scrive:
      Re: Sarebbe il sistema migliore
      Innanzitutto non credo assolutamente che sia possibile creare un sistema di watermarking che resista ad una cosa anche molto semplice come il re-encoding. Esempio: scarico un AVI in MEPG4 ufficiale e "watermakato", lo converto in MKV codificato Theora e addio watermarking!Un watermarking più invasivo può sicuramente essere rilevato e rimosso da qualche tool automatico.Detto questo, non è attualmente fattibile che un ISP monitori tutti i byte che passano cercando in essi eventuali watermark: il costo di una simile infrastruttura hardware sarebbe proibitivo e anche a livello di realizzazione software la vedo molto dura.Se fosse comunque fattibile, sarebbe comunque una gravissima violazione della privacy, equivalente ad installare microfoni in casa tua con un sistema che controlla se stai canticchiando qualche canzone e in caso ti manda a casa la bolletta conseguente ;)Infine: prima di essere disposto ad operare "nella legalità", ti ricordo che le norme sul copyright attuali sono assai poco democratiche e credo che se sottoposte a referendum (un'idea buona?) cadrebbero quasi tutte. Se fossero più oneste e condivisibili, allora credo che ben pochi non sarebbero disposti a rispettarle.
      • rockroll scrive:
        Re: Sarebbe il sistema migliore
        - Scritto da:
        Innanzitutto non credo assolutamente che sia
        possibile creare un sistema di watermarking che
        resista ad una cosa anche molto semplice come il
        re-encoding. Esempio: scarico un AVI in MEPG4
        ufficiale e "watermakato", lo converto in MKV
        codificato Theora e addio
        watermarking!

        Un watermarking più invasivo può sicuramente
        essere rilevato e rimosso da qualche tool
        automatico.

        Detto questo, non è attualmente fattibile che un
        ISP monitori tutti i byte che passano cercando in
        essi eventuali watermark: il costo di una simile
        infrastruttura hardware sarebbe proibitivo e
        anche a livello di realizzazione software la
        vedo molto
        dura.

        Se fosse comunque fattibile, sarebbe comunque una
        gravissima violazione della privacy, equivalente
        ad installare microfoni in casa tua con un
        sistema che controlla se stai canticchiando
        qualche canzone e in caso ti manda a casa la
        bolletta conseguente
        ;)

        Infine: prima di essere disposto ad operare
        "nella legalità", ti ricordo che le norme sul
        copyright attuali sono assai poco democratiche e
        credo che se sottoposte a referendum (un'idea
        buona?) cadrebbero quasi tutte. Se fossero più
        oneste e condivisibili, allora credo che ben
        pochi non sarebbero disposti a
        rispettarle.Sono io il primo ad ever detto, in risposta ad un articolo di mesi fa, che il sistema di WaterMarking inteso come protezione dei files coperti da copyright sarebbe ridicolmente facile da bypassare anche senza essere hacker, e non potrebbbe assolutemente costituire difesa inviolabile; ma come già dissi lo scopo del WMK (abbreviamolo così) dovrebbe essere non di protezione ma di attribuzione automatica di corrispettivo economico, ed il manipolare il file, per semplice che possa essere, diventerebbe non conveniente, partendo dal principio che pagando in automatico ai veri aventi diritto pochi centesimi a brano musicale e poche decine di cents a filmato cinematografico, essi ne sarebbero più che felici visto il volume degli scambi, per i quali attualmente non percepiscono introiti da scambi P2P. Per quel che riguarda problemi di scansione degli ISP, i WMK occuperebbero posizioni note nei files, e non ci sarebbe bisogno di onerose ricerche per identificarli "on fly" (al volo). Sarebbero soggeti a facile contraffazione, ma non avremmo motivo di farla, come sto per dire. Io vi dico: accettiamo la legalizzazione ai costi irrisori per noi che ne deriverebbero, rispettiamo lealmente il WMK, e scambiamo a volontà e legalmente, con sistemi P2P tradizionali e quindi efficienti come una volta per l'assenza di pesanti tecniche di evasione dei controlli, che oltretutto non danno garanzia assoluta di farla franca.Il risparmio sui costi di scambio sarebbe certamente superiore al costo dei diritti che deriverebbero dalla mia proposta.Leggi anche la precedente risposta:http://punto-informatico.it/pm.aspx?id=1910085&m_id=1912093&r=PIBye .-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 02 marzo 2007 03.04-----------------------------------------------------------
    • Xendorf scrive:
      Re: Sarebbe il sistema migliore
      - Scritto da: rockroll
      L'importante vero sarebbe che i prezzi fossero
      finalmente equi, tipo 1 cent di euro a brano
      musicale, 50 cents a film completo, nulla per
      software: dovrebbe circolare solo software FREE
      ovvero gratuito.E chi col software venduto online ci campa?Non è il mio caso ma comunque non comprendo il perché del "solo software FREE".
      • rockroll scrive:
        Re: Sarebbe il sistema migliore
        - Scritto da: Xendorf

        - Scritto da: rockroll

        L'importante vero sarebbe che i prezzi fossero

        finalmente equi, tipo 1 cent di euro a brano

        musicale, 50 cents a film completo, nulla per

        software: dovrebbe circolare solo software FREE

        ovvero gratuito.

        E chi col software venduto online ci campa?
        Non è il mio caso ma comunque non comprendo il
        perché del "solo software
        FREE".Il software a pagamento scambiato on line con sistemi P2P eludendone il costo resterebbe pratica illegale come è tuttora, semplicemente perchè il sistema di WMK (WaterMarK) che dà luogo a pagamenti automatici da bolletta, facilmante aggirabile, diventerebbe conveniente da aggirare per prodotti che hanno un valore specifico, a parità di dimensione files, molto ma molto più elevato di opere più o meno banali destinate all'intrattenimento.E d'altro canto, benchè nel modulo assoluto non ci sarebbero vincoli all'istituzione di aree spurie a piacere annidate in modo da contenere WMK ben più difficoltosi da violare, lo sforzo di scansione e raffinato esame che gli ISP dovrebbero fare per riconoscimento di WMK legittimi o più o meno contraffatti renderebbe probabilmente irrealizzabile la cosa.Ho spiegato meglio il concetto in precedenti risposte: http://punto-informatico.it/pm.aspx?m_id=1912099&id=1910085Bye.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 02 marzo 2007 03.24-----------------------------------------------------------
    • Anonimo scrive:
      Re: Sarebbe il sistema migliore
      - Scritto da: rockroll
      Si, sarebbe il sistema migliore per far
      cicrcolare liberamente a basso costo materiale
      coperto da copyright: ogni volta che circola, il
      beneficiario paga la sua quota, anche se la cosa
      avviene in circuiti P2P, a differenza di quel
      dice l'articolo: gli ISP sono in grado di
      intercettare il tag (WaterMarking) ed in base ad
      esso fatturare in automatico sulla stessa
      bolletta telefonica per conto di operatore TLC
      che riverserà agli aventi diritto e solo ad essi,
      nella giusta misura!certo certo, peccato che se lo stream e' crittato l'isp non puo' matchare un bel nulla
      • Anonimo scrive:
        Re: Sarebbe il sistema migliore
        Ragazzi questo Rocknroll forse vive in un mondo tutto suo dove TUTTI rispettano TUTTI e nessuno fa il furbo o calpesta in alcun modo i diritti di chicchessìa. A me pare di vivere in un mondo sensibilmente diverso. Ma se Rocknroll sa di una porticina che porta nel suo mondo gli sarei grato per l'eternità se condividesse con me questo segreto, purchè non sia un porticina da sniffare o da fumare o che...
      • rockroll scrive:
        Re: Sarebbe il sistema migliore
        - Scritto da:

        - Scritto da: rockroll

        Si, sarebbe il sistema migliore per far

        cicrcolare liberamente a basso costo materiale

        coperto da copyright: ogni volta che circola, il

        beneficiario paga la sua quota, anche se la cosa

        avviene in circuiti P2P, a differenza di quel

        dice l'articolo: gli ISP sono in grado di

        intercettare il tag (WaterMarking) ed in base ad

        esso fatturare in automatico sulla stessa

        bolletta telefonica per conto di operatore TLC

        che riverserà agli aventi diritto e solo ad
        essi,

        nella giusta misura!

        certo certo, peccato che se lo stream e' crittato
        l'isp non puo' matchare un bel
        nullaVerissimo, in prima battuta non mi sono dilungato sulle conseguenze del problema, ma dovrebbe essere superato grazie alla buona volontà di ambo le parti (noi e gli artisti, tagliado fuori le sanguisughe soldisughe).Ti rimando alle risposte precedenti:http://punto-informatico.it/pm.aspx?m_id=1912099&id=1910085
Chiudi i commenti