Le banche cinesi scelgono Linux

La ICBC ha deciso di migrare progressivamente da SCO Unix al sistema open-source per oltre 20mila filiali. Turbolinux Dataserver è la scelta. Ed è solo l'inizio, dicono


Pechino (Cina) – Il parere della Cina sui sistemi operativi proprietari? “Scarso supporto tecnico, costi elevati e basse performance”. Lo garantisce Nielse Jiang, analista economico residente nella popolosa capitale cinese. Le ultimissime notizie sembrano dargli ragione.

Il più importante istituto bancario della Repubblica Popolare, la Banca del Commercio e dell’Industria, ha deciso di passare a Linux. Le macchine di oltre 20mila filiali , finora equipaggiate con SCO Unix, saranno presto dotate della distribuzione Turbolinux Dataserver. Una svolta quasi storica per la Cina, che sceglie simbolicamente di affidare le proprie sorti all’universo open. A seguito di un recente accordo governativo, Linux approderà nelle quattro maggiori banche del grande paese. Non solo: l’intera, sterminata rete ferroviaria del Regno di Mezzo sarà completamente gestita grazie a Linux.

Infatti un accordo siglato dal governo centrale con Turbolinux Inc. , produttrice dell’omonima distribuzione, prevede la diffusione di Linux all’interno della maggior parte dei sistemi informatici della RPC. Al momento, i server basati su Linux costituiscono il 61% del parco macchine nazionale.

Snobbata Microsoft: niente soluzioni Windows per l’alta finanza made in China . Secondo il ministro dell’informazione cinese, Linux è la soluzione migliore per contenere le spese pubbliche e permettere uno sviluppo esplosivo del settore IT. Contando su un vasto capitale umano fatto di tecnici e programmatori altamente specializzati, la Cina sembra ora aver fatto una scelta di campo, tutta in favore dell’open source.

Tommaso Lombardi

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Contromisure...
    Un nanosensore per sua natura è molto...sensibile, inolte ha una portata limitata.Immagino che sia possibile pensare ad un aggeggio in grado di mandare in tilt un sensore di questo tipo (se trasmette ha un antenna, se ha un antenna posso sparargli un onda di frequenza e potenza opportuna su quell'antenna e renderlo muto).Per fortuna per ogni tecnologia esiste la contromisura, il problema è fare in modo che la contromisura sia alla portata del maggior numero di persone possibile (e non solo alle intelligence e ai criminali, senno gli unici a prenderla nel c##o sono i poveracci qualsiasi che non saranno più tranquilli neanche in casa propria)
  • Anonimo scrive:
    Alta tecnologia USA...
    Gli Stati Uniti parlano di "nanosensori e nanospie basati su tecnologia molecolare", e poi non riescono a nascondere gli omissis sui documenti pdf (cfr. caso Calipari)...Se provassero a ricominciare dalle basi?FF
    • Anonimo scrive:
      Re: Alta tecnologia USA...
      ...magari non volevano nasconderli... intanto se vogliono sono in grado di piazzarti una bomba da una tonnellata in testa senza che tu te ne accorga fin quado non senti il botto, quindi forse non è il caso di prenderli troppo in giro...Noi nel frattempo produciamo scarpe e borsette, cinesi permettendo naturalmente...
  • Anonimo scrive:
    e fra 30 anni...
    o anche molto prima che queste tecnologie saranno accessibili a tutti, hanno pensato a che potrebbe succedere?mi viene voglia di scappare su un altro pianeta...
Chiudi i commenti