Le imprese vogliono soldi per l'ICT

I dati del Governo parlano di richieste di finanziamenti di gran lunga superiori a quelli che l'Esecutivo mette in campo per agevolare l'innovazione nelle piccole e medie imprese italiane


Roma – Sono 800 milioni di euro i soldi pubblici che un nugolo di piccole e medie imprese italiane (PMI) hanno richiesto al Governo a fronte di un proprio investimento globale per almeno altri 1000 milioni. Troppo, rispetto alle risorse allocate dall’Esecutivo per stimolare l’introduzione e la diffusione di evoluti sistemi tecnologici nel tessuto industriale cardine dell’economia italiana, circa 62 milioni di euro.

Stando a quanto riferito proprio dal Governo, il bando per le agevolazioni ICT emesso lo scorso novembre dal ministero all’Innovazione e da quello alle Attività produttive è stato preso di mira da 880 progetti, il 51 per cento dei quali al nord, il 26 per cento al centro e il 23 al sud.

Lo squilibrio evidente tra risorse messe in campo e fondi richiesti secondo i ministri interessati, rispettivamente Lucio Stanca e Antonio Marzano, deve costituire uno stimolo per reperire ulteriori risorse. Una prima soluzione potrebbe venire da alcune specifiche disponibilità comunitarie.

Secondo Marzano “il settore dell’ICT è tuttora inadeguatamente sviluppato nel nostro Paese. Questo aspetto, da un lato rappresenta un fattore di debolezza competitiva ma, dall’altro, costituisce una opportunità da rilanciare, come si intende fare con questo bando, per ricavare tutti quei benefici di produttività che altre economie hanno conseguito, a partire dagli USA, la cui crescita sostenuta negli anni passati si deve, in parte cospicua, proprio alla diffusione di queste tecnologie”.

Stanca ha invece sottolineato che quanto accade dà il “senso dell’urgenza” nel proseguire negli investimenti e ha affermato che il bando “favorisce l’aggregazione fra imprese affinché facciano ‘sistemà, consentendo loro di essere più competitive sui mercati globali attraverso la ricerca e l’innovazione digitale”.

Ad ogni modo, per esaminare gli 880 progetti presentati e decidere l’allocazione delle risorse comunque previste ci vorranno almeno tre mesi e le graduatorie relative dovrebbero essere comunicate entro luglio.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    l Intel 4004 fu fatt da un indiano
    costa come un telefonino ma e 1000 volte megliogli indiani sono ingegneri tostissimiora capisco per l Intel 4004 lo ha progettato un indiano!!tra 20 anni tutta linformatica sara fatta nella Bangalore Valley
    • Anonimo scrive:
      Re: l Intel 4004 fu fatt da un indiano
      Ti sfugge solo la piccola differenza che passa tra un "indiano" cha ha studiato al MIT, e un "indiano qualsiasi"... è invece vero che una parte massiccia degli studenti PhD in USA vengono dall'India (e spesso non si sognano neppure di tornarci, se è per quello), come dal sudafrica e dall'europa: perché il sistema di istruzione inferiore USA crea solo delle bestie di semianalfabeti.
  • Anonimo scrive:
    Il link è sbagliato
    Il link giusto è http://amidasimputer.com/ e non http://www.simputer.com/ . Quest'ultimo si si riferisce a una macchina completamente diversa.
    • Anonimo scrive:
      Re: Il link è sbagliato
      - Scritto da: Anonimo
      Il link giusto è amidasimputer.com /
      e non www.simputer.com / . Quest'ultimo si
      si riferisce a una macchina completamente
      diversa.Ragazzoil sito e' quello linkato nell'articolo.org.org = free = gratuito = volontari che lavorano
  • Anonimo scrive:
    Mah non e' quello che dice l'articolo...
    Andando sul sito del produttore sto amida non viene classifficato come simple computer o che ma come traducendo letteralemente "uno dei palmari piu' avanzati al mondo...."E visto che il modello piu' bello costa circa 500$ di simple ed economico non ha proprio niente..Diciamo che il titolo giusto per la notizia dovrebbe essere "in vendita' in india il primo palmare Linux based"E anche dalle foto pubblicitarie non mi sembra destinato alla fascia povera della popolazione ma piuttosto ai piu' benestanti.
  • Anonimo scrive:
    macchè soluzione per il digital divide!
    si parte da una cifra base di 240 euro, non si può neanche definire economico per il nostro mercato, quando un palm in bianco e nero costa 80$http://www.amidasimputer.com/models/
  • Anonimo scrive:
    Ma siamo pazzi?
    Il palm zire, bianco e nero, costa meno di 100 dollari... quello a colori non costa molto di più. Sto vedendo una offerta di un negozio qui a roma con queste cose a 265 euro (forse iva esclusa), ma fatevi le proporzioni:MIDITOWER 300W WHITE XP MB ECS K7VTA3 SKA KT333 AMD DURON 1,6 GHZ 266 SKA FAN AMD DURON DIMM 256MB 333 DDR GEFORCE4 MX4000 128MB SDR+TV HD MAXTOR 40GB 7200 U133 CD-ROM LG 52X IDE SCHEDA AUDIO 32BIT INTEGRATA FLOPPY 1.44 MB
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma siamo pazzi?
      - Scritto da: Anonimo
      Il palm zire, bianco e nero, costa meno di
      100 dollari... quello a colori non costa
      molto di più.
      Sto vedendo una offerta di un negozio qui a
      roma con queste cose a 265 euro (forse iva
      esclusa), ma fatevi le proporzioni:Beh, forse in India chi si può permettere lo Simputer è considerato un benestante... mentre per chi si può permettere il PC che tu "proponi" è per i ricchi...Ovviamente è una vaga supposiozione, dato che dell'India ne so ben poco...Mah...! Cmq mi sembra carina l'idea!P.S.Ma dov'è che lo vendono sto PC?Mi sembra veramente basso il prezzo.-nOra-
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma siamo pazzi?
      Anonimo wrote:
      Il palm zire, bianco e nero, costa meno di 100 dollari...Lo Zire non serve ad un tubo per gli scopi cui e' destinato un simputer.Anonimo also wrote:
      Sto vedendo una offerta di un negozio qui a roma con
      queste cose a 265 euro (forse iva esclusa), ma fatevi le
      proporzioni:Un desktop e' persino piu' inutile d' uno Zire.
  • Anonimo scrive:
    150 euro...
    Hanno chiamato Simputer un'unità che altro non è che un banalissimo palmare. L'hanno prezzato nella versione base 150 euro che sono un'enormità per la popolazione povera indiana.Ma chi se lo deve comprare? Che ci deve fare? Se l'acquisto e l'utilizzo è destinato a strutture didattiche, non era meglio dotarle di vecchi pc con vecchi monitor 14" che sempre meglio di uno schermino monocromatico sono?Mah.
    • Anonimo scrive:
      Re: 150 euro...
      Anonimo wrote:
      [...] era meglio dotarle di vecchi pc con vecchi monitor 14"
      che sempre meglio di uno schermino monocromatico sono?Certo, poi l' alimenti a letame quella bestia di CRT.
    • Anonimo scrive:
      Re: 150 euro...
      Anonimo wrote:
      [...] 150 euro che sono un'enormità per la popolazione
      povera indiana.Verra' acquistato da comunita' di 10/20 persone.
  • Anonimo scrive:
    !!!mittiko
    Nessun commento su questa cosa.Però lo devo avere!!!!! Un ,futuro,pezzo da collezione signori..... :D(linux)
  • Anonimo scrive:
    i conti non tornano....
    ma scusate: dubito che un analfabeta indiano e quindi appartenete ad una categoria sociale bassa possa spendere 150 euro per una cosa che non sa usare (in quanto li guadagna sti 150 euro? 12 mesi ? e dopo cosa magna? pixel?).Al contrario l'indiano ricco sarà indeciso se comprarsi un bel telefonino con la fotocamera o sto gadget più alternativo.mah.....
    • Anonimo scrive:
      Re: i conti non tornano....
      - Scritto da: Anonimo
      ma scusate: dubito che un analfabeta indiano
      e quindi appartenete ad una categoria
      sociale bassa possa spendere 150 euro per
      una cosa che non sa usare Credo che l'idea sia quella di fornire il simputer non tanto a singole persone quanto a piccole comunità, ed il prezzo potrebbe essere pagato in tutto o in parte dal governo indiano, o dai governi locali.Poi, l'indiano ricco può comprare quello che gli pare.Ad ogni modo, se è veramente ricco, non ha bisogno né del simputer né del PC se non per gioco.Solo i poveri hanno bisogno di attrezzi, che siano zappe o computer.
    • Anonimo scrive:
      50.000.000
      Indiani stanno benissimo e se lo possono permettere, lavorano nelle società di informatiche che stanno prendendo i lavori di Help Desk che vengono affidati dalle multinazionali.Inoltre nell'ufficio accanto ho un indiano, un pò più in là un'altro, persone piacevoli, ma sono qui a fare i lavori che prima facevate voi, se non la avete ancora capita bene fra un pò di anni il problema è se VOI avrete i 150 euro da spendere.Se volete capire capite, se no pazienza, io comuque parlo bene inglese e mi sono già comperato il turbante (che nessuno usa a dire la verità), mi coloro un pò la faccia imito l'accento e forse il mio lavoro lo salvo....
  • Anonimo scrive:
    mi compro un Ipaq con win2003 :-

    mitico... se solo costasse 15$
  • Anonimo scrive:
    Che classe!
    Che classe questi indiani! Hanno tenuto duro in un'impresa veramente difficile. Sono arrivati in fondo senza soldi. Onore al merito! FP
  • Anonimo scrive:
    Analfabetismo?
    E' pensato per persone che non hanno avuto modo di alfabetizzarsi, ma non mi stupirei troppo se strumenti simili venissero introdotti anche nelle cosiddette civilta' evolute.Tra un po', la maggior parte degli strumenti di base saranno utilizzabili anche da persone che non sanno leggere/scrivere.L'alba di un diffuso analfabetismo di ritorno?
    • Anonimo scrive:
      Re: Analfabetismo?
      non credo si proprio così....ricorda ceh se fai un programma che anche uno stupido lo può usare lo useranno solo gli stupidi
    • Anonimo scrive:
      Re: Analfabetismo?
      Anonimo wrote:
      L'alba di un diffuso analfabetismo di ritorno?Il problema del digital divide (o "analfabetismo digitale") c' e' gia'.Per rendersene conto basta vedere quanto si parli di ICT tramite i media di massa e quanto poca conoscenza ci sia in giro (persino fra gli addetti ai lavori).Cio' ke si sta affacciando e' invece una serie di soluzioni per questo problema.
  • Anonimo scrive:
    Che pagliacciata
    Con 150 euro mi ci compro una X-Box modificata con sopra Linux e un monitor LCD, altro che un palmare unto e triste.
    • Anonimo scrive:
      Re: Che pagliacciata
      - Scritto da: Anonimo
      Con 150 euro mi ci compro una X-Box
      modificata con sopra Linux e un monitor LCD,
      altro che un palmare unto e triste.Come no... a 150 Euro Xbox + monitor LCD...Sveglia! E' Lunedi' mattina! Forse stavi ancora sognando:-)
      • Anonimo scrive:
        Re: Che pagliacciata
        Hai ragione, il lunedi` e` duro. E poi, con l'ora legale, ancora di piu`. :)Dai, diciamo che mi ci compro la X-box e qualcos'altro... :)
        • Anonimo scrive:
          Re: Che pagliacciata
          si ti compri la x-box e un piatto de merda
          • Anonimo scrive:
            Re: Che pagliacciata
            - Scritto da: Anonimo
            si ti compri la x-box e un piatto de merdaIo in offerte all'ipercoop x 147 euro ho comprato xbox, mm3, halo, p.zero e telecomando dvd..beccati questa....quarda che e' vera!
  • Anonimo scrive:
    Boh... Sono un po' perplesso...
    Non mi sembra un affarone compare un palmare monocromatico da 206 MHz a 150?... Poi visto che a quanto ho capito servirebbe per dare una spinta all'IT indiano mi sembra un po' un assurdità... Che ci fai con un catorcio del genere?? Boh... Perplesso...
    • Anonimo scrive:
      Re: Boh... Sono un po' perplesso...
      Anonimo wrote:
      Che ci fai con un catorcio del genere??Diffusione di informazioni agricole, sanitarie e culturali tramite programmi/media F&F ("liberi e gratuiti").
    • Anonimo scrive:
      Re: Boh... Sono un po' perplesso...
      - Scritto da: Anonimo
      Non mi sembra un affarone compare un palmare
      monocromatico da 206 MHz a 150?... Poi visto
      che a quanto ho capito servirebbe per dare
      una spinta all'IT indiano mi sembra un po'
      un assurdità... Che ci fai con un
      catorcio del genere?? Boh... Perplesso...Una qualche perplessità ce l'ho anch'io, per quanto riguarda il prezzo.Però, per quanto riguarda l'utilità dell'attrezzo, non pare male. Ho letto mesi fa un articolo riguardante 'sto simputer, e non pare male. L'idea è di avere qualcosa di robusto, facile da usare e che possa connettersi ad Internet anche attaccandosi al più marcio e abbandonato doppino telefonico. Una buona occasione per paesini remoti per scambiare e-mail, leggere notizie, collegarsi magari con le pubbliche amministrazioni.Occorre sempre pensare che il palmare tipico, da noi, è costruito a misura di "executive", e non serve ad un accidente in un qualche paesetto in mezzo alla giungla. Il simputer invece potrebbe essere un bel mezzo di comunicazione (e di calcolo) in posti remoti.staremo a vedere
  • Anonimo scrive:
    Completo di specifiche
    Se non erro è pure possibile scaricare le specifiche HW e altri dettagli, questa mi sembra una cosa molto utile e forse unica nel suo genere. Se avessimo le specifiche di ogni " aggeggio" non sarebbe difficile creare software o sistemi operativi alternativi a quelli che danno i produttori.C'e' da contare comunque che sarà stato costruito per resistere agli urti e perché sia utilizzato da persone quasi analfabete, quindi nel complesso non penso sia così male.Il problema secondo me sta nel fatto che forse non sono i computer che servono in quei posti, ma altre cose più importanti.....
    • Anonimo scrive:
      Re: Completo di specifiche
      Anonimo wrote:
      Il problema secondo me sta nel fatto che forse non sono i
      computer che servono in quei posti, ma altre cose più
      importanti.....Servono ANKE i computer: tieni presente ke l' India ha gia' un sistema economico e probabilmente e' anke sufficentemente sviluppato per accettare un' innovazione di questo tipo.L' unica cosa veramente importante e' ke siano loro a realizzarla utilizzando tecnologie e conoscenze libere da brevetti e copyright evitando cosi' una nuova colonizzazione.___Tramite sw preinstallati si possono trasmettere efficentemente informazioni di carattere economito, sanitario e culturale: proprio cio' ke serve.Senza contare ke un media nuovo potrebbe anke essere piu' efficace di quelli tradizionali.
  • Anonimo scrive:
    150 euro???
    Ma dico, non per fare i conti in tasca agli Indiani, con quella cifra si compra, qui in italia, un vetusto pc usato, che comunque e' un pc e non un palmare monocromatico!(se serve per la programmazione,il monitor se lo devono comprare lo stesso,perche' non penso che nessuno voglia fare debugging su un display)A me sembra piu' una trovata populistica del loro governo!
    • Anonimo scrive:
      Re: 150 euro???
      Marzio wrote:
      Ma dico, non per fare i conti in tasca agli Indiani, con quella
      cifra si compra, qui in italia, un vetusto pc usato [...]Ma almeno hai capito a cosa serve un simputer?Un PC tradizionale e' quanto di piu' inutile e dannoso (colonialismo, FUD quando capiranno d' aver buttato i soldi per qualcosa ke non possono usare, ...) possa esistere per l' India rurale.
  • Anonimo scrive:
    dai su
    diamo questi 150 euro a quei jilipollas,almeno aiutiamo l'economia di un paese in via di sviluppo, piuttosto che arricchire sempre la solita America, la cui Intel, e non solo la Intel, sfrutta questi paesi come muli.
  • Anonimo scrive:
    Ma è un palmare!!!
    A quel prezzo ci si può comprare un Palm (negli USA costano anche 70-80 $), oppure un palmare con altro sistema operativo ((linux)), con una spesa di poco superiore..
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma è un palmare!!!
      - Scritto da: Anonimo
      A quel prezzo ci si può comprare un
      Palm (negli USA costano anche 70-80 $),
      oppure un palmare con altro sistema
      operativo ((linux)), con una spesa di poco
      superiore..Cattivo non e'!150 euro per 64M strongARM e le altre caratteristiche non e' un cattivo prezzo...
  • Anonimo scrive:
    che ci si può fare?
    sono parecchi comunque 150 euro.che ci si può fare con quel simputer?
    • Anonimo scrive:
      Re: che ci si può fare?
      - Scritto da: Anonimo
      sono parecchi comunque 150 euro.

      che ci si può fare con quel simputer?206 mhz.. 64 di ram..ci giochi a doom :D
    • Anonimo scrive:
      Re: che ci si può fare?
      Anonimo wrote:
      sono parecchi comunque 150 euro.Verra' acquistato in comunita'.
  • Anonimo scrive:
    Bhoo, 150 Euro?
    Con 150 Euro, uno si compra un Pentium III usato e gli avanza anche qualcosa.Non penso che avrà molto successo.Un computer come quello vale si e no, 20 Euro, lo vogliono vendere a 150, credo che ci sia qualcosa che non va.
    • Africano scrive:
      Re: Bhoo, 150 Euro?
      - Scritto da: Anonimo

      Con 150 Euro, uno si compra un Pentium III
      usato e gli avanza anche qualcosa.

      Non penso che avrà molto successo.

      Un computer come quello vale si e no, 20
      Euro, lo vogliono vendere a 150, credo che
      ci sia qualcosa che non va.be' falli tu per 30 euro e te li compro a vagonate per 50 e ci mettiamo in affari. :D
    • Anonimo scrive:
      Re: Bhoo, 150 Euro?
      - Scritto da: Anonimo

      Con 150 Euro, uno si compra un Pentium III
      usato e gli avanza anche qualcosa.Guarda che è un portatile...Non puoi paragonarlo ad un PC desktop.
      • Anonimo scrive:
        Re: Bhoo, 150 Euro?
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo



        Con 150 Euro, uno si compra un Pentium
        III

        usato e gli avanza anche qualcosa.

        Guarda che è un portatile...

        Non puoi paragonarlo ad un PC desktop.A me sembra un palmare e con un display monocromatico pure.
        • Anonimo scrive:
          Re: Bhoo, 150 Euro?
          Anonimo 2 wrote:
          Anonimo 1 wrote:

          Guarda che è un portatile...

          A me sembra un palmare e con un display monocromatico
          pure.Ed un palmare con skermo monocromatico secondo te cos' e'?/me perplesso......
  • Lecta scrive:
    Per la redazione
    Nel link al sito ufficiale manca "http://". Così com'è rimanda ad una pagina (inesistente) di Punto informatico.Saluti
  • Anonimo scrive:
    Mah...
    ...a me sembra un coso un po' inutile.Poi 6 ore di batteria sono una schifezza, ne fa 5 il mio portatile con P4 3Ghz che pero' ha 512 mega di ram, 40 Gb di HD e Geforce 5 fx oltre ad un display ad altissima risoluzione da 15" .Fuffa per Punjabi, oserei dire :@
    • Lecta scrive:
      Re: Mah...
      Forse hai ragione, ma non credo che il tuo portatile sia costato 150 euro, ;)
      • Anonimo scrive:
        Re: Mah...
        Con 150 euro ti prendi un P3-500 con 256 Mb di Pc100 che va meglio di quel coso, cmq hai ragione...il mio paragone era impietoso ;)
        • Anonimo scrive:
          Re: Mah...
          - Scritto da: Anonimo
          Con 150 euro ti prendi un P3-500 con 256 Mb
          di Pc100 che va meglio di quel coso, cmq hai
          ragione...il mio paragone era impietoso ;)wow mi ci vedo ad andare in giro con un mini tower e monitor crt nella 24 ore....
        • Anonimo scrive:
          Re: Mah...
          - Scritto da: Anonimo
          Con 150 euro ti prendi un P3-500 con 256 Mb
          di Pc100 che va meglio di quel coso, cmq hai
          ragione...il mio paragone era impietoso ;)E dalli, come a quell'altro, ti ricordo che si tratta di un p-o-r-t-a-t-i-l-e....Trovami un portatile con le caratteristiche e il prezzo che hai indicato tu e te lo compro al volo :D Ah, il monitor ovviamente LCD 1024x768 matrice attiva, non serve specificarlo perché già lo intendevi, vero? :D
          • Anonimo scrive:
            Re: Mah...
            E' un palmare, non è un portatile.Ma avete visto i prezzi dei palmari? Questo magari non è il più economico di tutti, ma è offerto ad un prezzo dignitoso... e non parlate di portatili, piuttosto pensate che c'è gente che compra gli iPaq a 700 euro invece che un bel portatile.E' tutta questione di necessità, non si possono paragonare dispositivi che hanno un target di utilizzo così differente.
    • giorla scrive:
      Re: Mah...
      - Scritto da: Anonimo
      ...a me sembra un coso un po' inutile.
      Poi 6 ore di batteria sono una schifezza, ne
      fa 5 il mio portatile con P4 3Ghz che pero'
      ha 512 mega di ram, 40 Gb di HD e Geforce 5
      fx oltre ad un display ad altissima
      risoluzione da 15" .
      Fuffa per Punjabi, oserei dire :@É un dispositivo pensato per combattere il digital divide. Può essere utilizzato anche da persone analfabete."It has a special role in the third world because it ensures that illiteracy is no longer a barrier to handling a computer. The key to bridging the digital divide is to have shared devices that permit truly simple and natural user interfaces based on sight, touch and audio" Basta leggere http://www.simputer.org/simputer/about/
    • Anonimo scrive:
      Re: Mah...
      - Scritto da: Anonimo
      ne fa 5 il mio portatile con P4 3Ghz che pero'
      ha 512 mega di ram, 40 Gb di HD e Geforce 5Non ci credo neanche se lo vedo.
Chiudi i commenti