Le major bacchettano Sun Microsystems

I discografici accusano l'azienda perché alcuni suoi dipendenti usano i network Sun per scaricare materiali musicali protetti da copyright. Sun se la prende con gli impiegati


Roma – Le schermaglie tra RIAA e Sun Microsystems si sono riaccese nei giorni scorsi quando i discografici americani hanno inviato al colosso tecnologico una lettera di diffida per la circolazione sui suoi server di materiali protetti da copyright.

In particolare, RIAA sostiene di aver scoperto che vi sono impiegati Sun che nel corso delle proprie attività nelle sedi dell’azienda usano i server Sun per scaricare musica.

Dopo aver ricevuto la lettera, Sun ha immediatamente inviato una propria diffida ai dipendenti: “Scaricare materiali protetti da copyright è illegale ed è una violazione delle politiche di comportamento di Sun in relazione all’uso non appropriato delle risorse di Sun. Agli impiegati è proibito intrattenere tali attività usando il tempo o le risorse di Sun. Gli impiegati che seguono queste pratiche mettono Sun (e non solo loro stessi) a rischio di denuncia e devono cessare immediatamente tali attività”.

La diffida di Sun continua chiedendo anche l’immediata cancellazione di tutti i file scaricati e annunciando una verifica interna tesa a verificare nei prossimi giorni se si trovano ancora materiali illegali sui server dell’azienda.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Come no...
    Con l'obiettivo di sperimentare quel giovane e promettente mercato che sta portando verso le reti mobili una vasta gamma di contenuti informativi a pagamento, RealNetworks ha lanciato in USA un nuovo servizio, chiamato RealOne Mobile Guides, per lo streaming di contenuti audio e video sui dispositivi mobili.. MAGARI "contenuti" a pagamento come quelli del gestore del sito sulla SARS della Edi on WEB, il quale, colto con le mani nel sacco, dopo aver negato l'evidenza con un'incredibile faccia come il c*lo minaccia pure sfracelli legali..guardate la sua replica su PI!... visti tali (non isolati)precedenti è perlomeno opinabile che il mercato sia così 'promettente'...
  • Anonimo scrive:
    L'ennesimo flop annunciato...
    "RealNetworks spera di dimostrare ai carrier e ai fornitori di contenuti che questo genere di servizi, soprattutto quelli relativi alla diffusione di notizie e telecronache audio/video di eventi sportivi, sono ormai pronti a generare profitti"..COME NO...LA SPERANZA E' SEMPRE L'ULTIMA A MORIRE...
    • Anonimo scrive:
      Re: L'ennesimo flop annunciato...
      - Scritto da: Anonimo
      "RealNetworks spera di dimostrare ai carrier
      e ai fornitori di contenuti che questo
      genere di servizi, soprattutto quelli
      relativi alla diffusione di notizie e
      telecronache audio/video di eventi sportivi,
      sono ormai pronti a generare profitti"

      ..COME NO...LA SPERANZA E' SEMPRE L'ULTIMA A
      MORIRE...mah la teconologia evolve per fare profitti ma il telefonino deve solo servire a telefonare e memorizzare i nominativi con la possibilità di sms e stop, non guardoc erto film sul cellulare o ci ascolto musica. dai adesso mi apre esagerato poi al batteria dura più niente
  • Anonimo scrive:
    Altro che radiolina!!!
    Il popolo dei burini hi-tec ha un altro troiaio con cui alzare il tasso di testosterone!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Altro che radiolina!!!

      Il popolo dei burini hi-tec ha un altro
      troiaio con cui alzare il tasso di
      testosterone!!!ROTFLe che mi dici di tutto lo spy-ware che gli installerannosul cellulare leopardato nuovo di pacca :-D
Chiudi i commenti