Le nanoparticelle riparano i circuiti

Ricercatori indiani lavorano a una soluzione pensata per fornire un minimo di capacità "autoriparante" ai circuiti elettrici, una nano-tecnologia che promette bene ma ha ancora bisogno di tempo per evolvere e maturare
Ricercatori indiani lavorano a una soluzione pensata per fornire un minimo di capacità "autoriparante" ai circuiti elettrici, una nano-tecnologia che promette bene ma ha ancora bisogno di tempo per evolvere e maturare

Per porre rimedio al naturale logorio dei moderni circuiti elettrici, esperti indiani hanno pensato a un sistema in grado di riparare automaticamente i collegamenti senza alcun intervento esterno. L’idea è di fornire capacità auto-rigeneranti ai circuiti impiegati in condizioni estreme, anche se al momento i risultati ottenuti non sono ancora ottimali.

I circuiti elettrici possono cedere, interrompersi o danneggiarsi in seguito a stress termico, meccanico o elettrico, spiegano i ricercatori, e il meccanismo di auto-riparazione ideato dagli esperti dell’Istituto Indiano delle Scienze di Bangalore prova a “metterci una pezza” tramite l’impiego di un olio a base di silicio con proprietà isolanti.

Il composto oleoso contiene microscopiche particelle di rame o nanotubi di carbonio polarizzati, una soluzione che in condizioni normali rimane inerte; nel caso di un guasto, invece, le nanoparticelle vengono attirate dal campo elettromagnetico generato dall’interruzione e tendono naturalmente a migrare per “riparare” il danno.

Le particelle sono mosse dalla necessità di compensare il guasto nei circuiti dalla loro stessa carica elettrica positiva, e i ricercatori definiscono questa capacità come un processo termodinamico in grado di orientarsi in un labirinto; il campo elettrico è più forte lungo la spaccatura tra i circuiti, ed è la guida seguita dalle particelle per ripristinare il contatto.

Stabilito il principio di funzionamento di base, ai circuiti auto-riparanti dei ricercatori indiani manca ora letteralmente la sostanza: al momento, i contatti che le nanoparticelle sono in grado di ristabilire non sono in grado di condurre una corrente molto forte, né risultano particolarmente robusti sul lungo termine.

Alfonso Maruccia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

15 04 2015
Link copiato negli appunti