Le promesse di Bluetooth 5

Maggiore velocità, portata superiore. Le specifiche ufficiali saranno svelate a breve, ma si sa già quasi tutto del nuovo standard

Roma – Anche se si tratta di prestazioni teoriche, da verificare con la disponibilità sul mercato dei primi device compatibili con il nuovo standard, le promesse del nuovo Bluetooth 5.0 stilate dal Bluetooth Special Interest Group (Bluetooth SIG) sono veramente interessanti. Unica certezza , al momento, la presentazione che si terrà giovedì 16 giugno a Londra .

Nel comunicato ufficiale , il direttore del Bluetooth SIG, Mark Powell, ha confermato il nome del nuovo standard, appunto Bluetooth 5 , oltre a fornire alcuni dettagli tecnici, come il raddoppio del raggio massimo di azione (da 100 a 200 metri) e l’aumento di quattro volte della velocità massima di trasmissione, che passa da 1 a 4Mbps rispetto al Bluetooth Low Energy 4.x .

L’aumento di prestazioni del nuovo standard agevolerà in maniera significativa l’uso di alcuni dispositivi, come quelli audio senza fili (altoparlanti e subwoofer) che vengono sempre più spesso scelti come soluzione per le smartTV e per la diffusione dei contenuti audio-video dei dispositivi mobili.

Il nuovo standard potrebbe anche essere impiegato per connettere tra loro, o a un gateway, dispositivi IoT; i fari Bluetooth (beacon) sarebbero in grado di fornire più facilmente le informazioni di geolocalizzazione, mentre gli utenti si spostano nelle strade o in edifici pubblici (uffici, musei, negozi ecc). Le nuove specifiche comprendono anche “pacchetti pubblicitari” di dimensioni maggiori, con la possibilità per i dispositivi Bluetooth di trasmettere informazioni ad altri dispositivi, anche quando non sono “associati” o connessi tra loro. La roadmap del nuovo standard era stata rivelata lo scorso anno .

Accoppiando ad esempio una tastiera Bluetooth o un altoparlante con uno smartphone, gli advertising packet permettono di visualizzare il nome del dispositivo abbinato, in maniera da poterlo distinguere da tutti gli altri dispositivi Bluetooth che si trovano nel raggio di azione del terminale. Si tratta di una caratteristica simile alla tecnologia AirDrop di Apple per la condivisione di documenti e informazioni tra iDevice, MacBook e Mac.
La dimensione degli attuali “pacchetti pubblicitari” è di 47 byte, di cui 31 disponibili per i dati. Non si conoscono ancora le specifiche ufficiali di Bluetooth 5.0 in questo senso. Con l’aumento della dimensione dei pacchetti pubblicitari, però, i dispositivi Bluetooth potranno trasmettere informazioni più dettagliate, estendendo a loro volta le funzionalità dei Bluetooth beacon e le caratteristiche di handoff dei dispositivi.

Rimane da verificare, infine, la compatibilità dell’attuale hardware Bluetooth con la nuova specifica semplicemente a seguito di un aggiornamento software, cosa poco probabile. Difficilmente i primi device (laptop, tablet, smartphone ecc) compatibili con il Bluetooth 5.0 saranno lanciati sul mercato prima del secondo o terzo trimestre del prossimo anno.

Thomas Zaffino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • iRoby scrive:
    Anche morbida
    Guarda se la fanno anche morbida ed a 3 veli che all'occorrenza ne posso fare buon uso, tutta questa tecnologia flessibile corro a comprarne 12 rotoli!
  • bubba scrive:
    le "invenzioni" di apple
    bei tempi quando c'era woz ....e le cose venivano inventate sul serio ... :PNo, cmq il newton era interessante, in effetti :Ptornanto ai display pieghevoli, in realta' sara' la Next Big Thing... ovviamente si dovra' attendere un 'formato/implementazione' efficace. Perche' a dispetto di schermi con 2000 DPI, sempre di 4'' sono [e se non lo sono non sappiamo dove infilarli]... e noi poveri umani sempre quegli occhi e quelle dita abbiamo...
    • passavo... scrive:
      Re: le "invenzioni" di apple
      Decifrando il Jobs pensiero, direi che quello che vuole il cliente non conta. Quello che conta è quello che IO voglio che lui vuole.Sotto questo profilo, Jobs aveva ragione nel trattare il cliente come un idiota da portare per mano. "La volontà tua? Ma non farmi ridere! Tieni questo e pagamelo."
    • prova123 scrive:
      Re: le "invenzioni" di apple
      ... comunque le batterie non sono pieghevoli ...
      • postino scrive:
        Re: le "invenzioni" di apple
        - Scritto da: prova123
        ... comunque le batterie non sono pieghevoli ...Ah davvero?Se non ce lo dicevi tu avremmo corso un bel rischio!(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
      • adpware scrive:
        Re: le "invenzioni" di apple
        - Scritto da: prova123
        ... comunque le batterie non sono pieghevoli ...Ehm... https://www.ansa.it/scienza/notizie/rubriche/energia/2013/02/27/Prime-batterie-flessibili-computer-indossabili_8319826.html:-)
        • Osvy scrive:
          Re: le "invenzioni" di apple
          - Scritto da: adpware
          - Scritto da: prova123

          ... comunque le batterie non sono pieghevoli ...

          Ehm...
          https://www.ansa.it/scienza/notizie/rubriche/energ

          :-)si, però:e le batterie sono capaci di 20 cicli di ricarica.quindi non ci servono
      • Osvy scrive:
        Re: le "invenzioni" di apple
        - Scritto da: prova123
        ... comunque le batterie non sono pieghevoli ...al momento anche a me il problema pare questo
    • Osvy scrive:
      Re: le "invenzioni" di apple
      - Scritto da: bubba
      tornanto ai display pieghevoli, in realta' sara'
      la Next Big Thing... ovviamente si dovra'
      attendere un 'formato/implementazione' efficace.
      Perche' a dispetto di schermi con 2000 DPI,
      sempre di 4'' sono [e se non lo sono non sappiamo
      dove infilarli]... e noi poveri umani sempre
      quegli occhi e quelle dita abbiamo...in realtà, da tempo scrivo su come sarebbe valido avere cellulari da 4-5"(quindi che vanno nel taschino anche) che possano diventare 8-10",quindi comodi tablet: con i pieghevoli con cerniera pare non fosse facile,forse coi pieghevoli (e gli srotolabili) ci si può fare, e secondo me sarebbero prodotti interessanti,perché a mio parere uno schermo grande è sempre meglio di uno più piccolo...ma chiaro che questo si scontra con la portabilità
      • panda rossa scrive:
        Re: le "invenzioni" di apple
        - Scritto da: Osvy
        forse coi pieghevoli (e gli srotolabili) ci si
        può fare, e secondo me sarebbero prodotti
        interessanti,
        perché a mio parere uno schermo grande è sempre
        meglio di uno più
        piccolo..."Per scrivere un commento grande, ci vuole uno schermo grande." (cit.)[img]http://images.vanityfair.it/Storage/Assets/Crops/343999/53/175440/spot-grande-pennello-cinghiale_600x450.jpg[/img]
        • Osvy scrive:
          Re: le "invenzioni" di apple
          - Scritto da: panda rossa
          "Per scrivere un commento grande, ci vuole uno
          schermo grande."
          (cit.)no, ci vuole un grande schermo (cit.) :-)
Chiudi i commenti