Le suonerie ora puntano sui ritornelli personalizzati

I gestori cercano di lanciare una nuova tendenza negli USA sperando che spopoli anche all'estero. Roba vecchia rifatta nuova: modifica a go-go dei brani musicali per nuove suonerie personali

New York – Come portachiavi, braccialetto, chicchi di riso o altri souvenir in vendita in chioschetti e bancarelle, oggi è possibile recuperare anche brani musicali, magari personalizzati con il proprio nome. L’idea è venuta a chi cura l’immagine e il marketing del rapper americano Chingy (nella foto), che ha registrato oltre cento versioni del brano “Dem Jeans” sostituendo, in una frase del testo, la parola “girl” con altrettanti nomi femminili.

I giovani utenti particolarmente evoluti possono pensare anche ad una suoneria che, ad ogni chiamata proveniente dall’amica “Mary”, suoni la frase “Damn Mary, How’d You Get In Dem Jeans?” con la voce del rapper 26enne. Come riferisce Reuters , il servizio è offerto dalla casa discografica di Chingy, la Capitol Records, in partnership con Sprint Nextel . “L’ultima frontiera dell’intrattenimento moderno è la personalizzazione dei media” afferma Ted Mico, vicepresidente Strategic Marketing di Capitol.

Il rapper americano Anche il nome di un altro giovane artista, John Legend, è stato usato dai suoi manager per promuovere l’album “Once Again”, legandolo ai servizi multimediali dell’operatore Verizon Wireless , proponendo due brevi clip di due sue canzoni agli utenti, affinché votassero quella che avrebbe dovuto essere pubblicata come single.

Questa tendenza dimostra l’attenzione che le major dedicano al sempre più interessante mercato di suonerie e brani musicali. Un business in crescita che gli analisti di eMarketer prevedono sempre più lucroso: dall’attuale volume d’affari di 1,1 miliardi di dollari, si stima di arrivare a 15 miliardi nel 2010. Un magico mondo , insomma.

D.B.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • marcel scrive:
    La "strane cose" di Telecom
    Mentre Vodafone lancia la promozione di una rete mobile UNIFICATA con rete fissa, Telecom percorre il cammino inverso: divide il fisso dal mobile.C'è qualche burattinaio diedo una decisione tanto insensata e fuori dal mondo?
  • Anonimo scrive:
    Rete pubblica azienda pubblica.
    Essendo monopolista la telecom non dovrebbe competere sui servizi.soluzione due aziende separate e ben distinte.COn il monopolio attuale gli sprechi in azienda come telecom sono enormi e li paghiamo tutti noi, dipendenti incompetenti in primisCia
  • Anonimo scrive:
    Chi semina pioggia....
    41,3 miliardi di Euro di debiti... nonostante abbia pututo operare praticamente come monopolista... una presunzione ed una arroganza non solo del managment, ma di quasi tutti i dipendenti... adesso mi auguro solo che avranno quello che si meritano !Non si può trattare tutti a pesci in faccia, fare il bello ed il cattivo tempo con operazioni di concorrenza sleale (peraltro condannate con una pesantissima multa di oltre 100 milioni di euro) e poi invocare la comprensione e l'intervanto del governo.. Falliscano... sarà un bel giorno per molta gente... sopratutto per coloro (e sono tantissimi) che sono stati vessati in questi anni in tutti i modo dal colosso monopolista privato !
  • Anonimo scrive:
    Intanto siamo terzultimi in Europa
    Ricordo solo che grazie allo stato attuale delle telecomunicazioni in Italia siamo al terzultimo posto in Europa come diffusione della rete (davanti solo a Cipro e alla Grecia).E questo grazie alla TELEZOZZ.
  • xWolverinex scrive:
    e quando esternalizzavano...
    ... dov'erano i sindacati ???????
  • Anonimo scrive:
    Tanto va comunque in rovina
    E' come Alitalia, basterebbe una spinta e rotola giù per la china, ricavi in discesa per Telecom nel futuro... è fisiologico, quindi non ci possono fare nulla, qualche altro investimento sbagliato e piangeranno lacrime amare. Anche chi ha le sue azioni.
  • scribble scrive:
    A LAVORARE!
    Questa gente arrogante che ti rideva in faccia bevendo il caffè quando tu cercavi di spiegargli sull'orlo delle lacrime che per colpa loro eri nella m...a fino al collo, adesso viene a piangere?!?!?A lavorare!!!!E spero che se mai si azzardino a fare una manifestazione pubblica vengano accolti da piogge di pomodori.
    • Anonimo scrive:
      Re: A LAVORARE!
      - Scritto da: scribble
      Questa gente arrogante che ti rideva in faccia
      bevendo il caffè quando tu cercavi di spiegargli
      sull'orlo delle lacrime che per colpa loro eri
      nella m...a fino al collo, adesso viene a
      piangere?!?!?
      A lavorare!!!!
      E spero che se mai si azzardino a fare una
      manifestazione pubblica vengano accolti da piogge
      di pomodori.STRAQUOTISSIMO!Nelle mie statistiche personali emerse negli anni da problemi legati a telecom, si salvano 3 persone su 10.... il che equivale ad una possibile riduzione del personale del 70%!!!
  • Anonimo scrive:
    i sindacati
    ma che vogliono? è colpa loro se alitalia è in perdita, che non han voluto far licenziare il personale in esubero e permettere le ristrutturazioni prima, poi, dov'erano quando la telecom ha esternalizzato i tecnici? ora rompono, assieme alle autority, ad una azienda che avrebbe bisogno di andare avanti spedita senza tutti questi paletti, chissenefrega se la 20 megabit non è replicabile da altri, si creassero le reti loro, chissenefrega se vogliono scorporarsi tim da ti media da chicchessia, purchè sappiano andare avanti, e se non ce la faranno, pazienza, falliscano, ci resta la rete fastweb, e tutte le reti mobili in crescita con l'hsdpa, male che va ci faranno delle tariffe flat nuove, non ci restiamo sicuramente tagliati fuori da internet, ma i sindacati non ci devono mettere mano nel controllo della gestione aziendale, loro possono solo difendere i diritti dei lavoratori entro certi limiti.
    • Anonimo scrive:
      Re: i sindacati

      bisogno di andare avanti spedita senza tutti
      questi paletti, chissenefrega se la 20 megabit
      non è replicabile da altri, si creassero le reti
      loro, Un par de cojoni! Telecom si è "trovata" l'infrastruttura di rete già bella che pronta, e in gran parte pagata dagli italiani.
    • Anonimo scrive:
      Re: i sindacati
      - Scritto da:
      ma che vogliono? è colpa loro se alitalia è in
      perdita.....QUESTI sindacati sono la rovina del nostro paese. Se sei una COOP puoi fare quel caxxio che ti pare, non versi i contributi, chiudi e riapri e i sindacati non intervengono mai. Nel frattempo rompono i coxioni con proteste che hanno il solo scopo di creare VISIBILITA' per le masse del tipo: "Visto come siamo bravi e FORTI, se non lo vogliamo, NOI, NONSIFARAMAI!"BAXTARDI!
  • Anonimo scrive:
    Tronchetti fa torto e Prodi, e Prodi....
    ..gli scatena addosso i mastini della guerra !Ovvero, i sindacati al soldo del partito :DDa un pezzo ormai, tra multe fittizzie del garante, cessioni sottocosto e inciuci politici, la Telecom e' diventata carne morta.Ci vorrebbe...un miracolo, lo smembramento totale, il licenziamento del direttivo e la creazione di una societa' STATALE in mano ai cittadini.Per ogni decisione importante, un referendum.Per la scelta dei capigruppo : referendum.Ci vorrebbe...ma mi sa che non ci sara' mai.
    • Anonimo scrive:
      Re: Tronchetti fa torto e Prodi, e Prodi
      la rinascita della sip?
      • Anonimo scrive:
        Re: Tronchetti fa torto e Prodi, e Prodi
        - Scritto da:
        la rinascita della sip?No, quella era in mano all'IRI (ovvero in mano alla chiesa catto/comunista/social/democristiana) e a un tizio (chi ha detto An-Dre-Ott-i ? :D che gestiva gli affari interni ed "esterni".Io parlavo di una societa' i cui azionisti diretti siano i cittadini.Cioe' : nessuna societa' privata puo' possedere delle azioni per piu' dell'8% e nessun cittadino provato puo' possedere azioni per piu' dello 0,01%
    • pippo75 scrive:
      Re: Tronchetti fa torto e Prodi, e Prodi

      Ci vorrebbe...un miracolo, lo smembramento
      totale, il licenziamento del direttivo e la
      creazione di una societa' STATALE in mano ai
      cittadini.
      Per ogni decisione importante, un referendum.
      Per la scelta dei capigruppo : referendum.

      Ci vorrebbe...ma mi sa che non ci sara' mai.menomale, altrimenti ritoriamo come per il nuclerare, devono decidere persone che non sanno una mazza di quello.I referendum si fanno, ma non su cose dove la gente non sa cose deve scegliere ( come le scelte tecniche ).Prima si sono costruite le centrali.Si sono fatte chiudereSi compra l'energia nucleare dalla Francia.Si continua a pagare per il mantenimento delle nostre centrali nucleari per non farle produrre. Mica pensarai che una volta chiuso, e' tutto finito, le persona lavorano ancora dentro.Se per ogni scelta devi fare un referedum, quanto tempo ci vuole, quanto costa, chi informa la gente?
      • Anonimo scrive:
        Re: Tronchetti fa torto e Prodi, e Prodi

        menomale, altrimenti ritoriamo come per il
        nuclerare, devono decidere persone che non sanno
        una mazza di
        quello.

        I referendum si fanno, ma non su cose dove la
        gente non sa cose deve scegliere ( come le scelte
        tecniche
        ).

        Prima si sono costruite le centrali.

        Si sono fatte chiudere

        Si compra l'energia nucleare dalla Francia.

        Si continua a pagare per il mantenimento delle
        nostre centrali nucleari per non farle produrre.
        Mica pensarai che una volta chiuso, e' tutto
        finito, le persona lavorano ancora
        dentro.

        Se per ogni scelta devi fare un referedum, quanto
        tempo ci vuole, quanto costa, chi informa la
        gente?Il dovere di uno Stato Sovrano e' quello di dare, ai cittadini, i mezzi per scegliere Democraticamente.Fare informazione (corretta) sul nucleare richiedeva e richiederebbe tutt'oggi una semplice campagna mediatica.Invece di mostrare le stronzate del grande fratello e i culi delle veline, potrebbero impiegare il tempo facendo capire alla gente cosa sia il nucleare.Gli Italiani non sono stupidi, solo ignoranti.Ma l'ignoranza, al contrario della stupidita', e' curabile.A parte quanto sopra, le centrali nucleari non sono attive perche' non c'e' interesse, altrimenti avrebbero fatto come per gli inceneritori (o rigassificatori, come ti piace) :nessuno li ha voluti, ma tutti se li son presi.
    • Anonimo scrive:
      Re: Tronchetti fa torto e Prodi, e Prodi
      - Scritto da:
      Ci vorrebbe...un miracolo, lo smembramento
      totale, il licenziamento del direttivo e la
      creazione di una societa' STATALE in mano ai
      cittadini.Da quando le cose statali sono in mano ai cittadini?A me risulta che siano in mano ai dirigenti a loro volta imposti dai politici.
      • Anonimo scrive:
        Re: Tronchetti fa torto e Prodi, e Prodi
        - Scritto da:
        - Scritto da:


        Ci vorrebbe...un miracolo, lo smembramento

        totale, il licenziamento del direttivo e la

        creazione di una societa' STATALE in mano ai

        cittadini.

        Da quando le cose statali sono in mano ai
        cittadini?
        A me risulta che siano in mano ai dirigenti a
        loro volta imposti dai
        politici.Passerebbero in mano ai cittadini come parte del miracolo richiesto sopra... :D
  • Anonimo scrive:
    le aziende campino con i loro soldi
    non con i nostri.Basta con queste aziende privato-statali dove i soldi sono privati (i nostri) e le cariche statali (i dirigenti sono tutti ex politici).Io vorrei:reti telefoniche, elettriche e ferroviarie allo Stato che si occupa della manutenzione.Chiunque può utilizzarle previo pagamento di affitti e licenze che servono per la manutenzione.Bella forza le ferrovie, vanno sotto ma tanto non possono fallire perchè se loro cadono non ci sono più treni.Che schifo
    • Anonimo scrive:
      Re: le aziende campino con i loro soldi

      Io vorrei:
      reti telefoniche, elettriche e ferroviarie allo
      Stato che si occupa della
      manutenzione.La telefonia era in mano allo stato (Azienda di Stato Per I Servizi Telefonici) svenduta per un pezzo di pane grazie a Craxi e Compagnia (credo fosse un mega compromesso storico).ASST divenne IRITEL che venne fusa assieme a SIP e nacque TELECOM ITALIA.Per il resto dipendenti telecom ci sono ancora solo che per lavorare devono ricevere gli ordini da un call center che non sa neppure dove è il cliente.,,, ma che ci vendano chissenefrega.
      • Anonimo scrive:
        Re: le aziende campino con i loro soldi
        ma quale craxi che era durante il periodo di prodi!
        • Anonimo scrive:
          Re: le aziende campino con i loro soldi
          - Scritto da:
          ma quale craxi che era durante il periodo di
          prodi!primi i maneggi sulla sip-telecom risalgono all'epoca craxi.altra faccenda poi e' stata la privatizzazione in cui anziche' vendere ai tedeschi si preferi' lasciare campo libero ai "finanziatori" italiani che non avevano una lira: per una questione di italianita' raccontarono.il problema dell'italia e' l'incapacita' di tutta la classe dirigente, politica ed economica, che dovremmo estinguere all'instante con relativa figliolanza a seguito.Se siamo con le pezze al culo e' per colpa di questi personaggi.
  • picchiatello scrive:
    Esistono ancora dipendenti ?
    Esistono ancora dipendenti ? perche' tra terziarizzazioni di servizi , call-center, appalti e sup-appalti di servizi ho paura che chi percepisce uno stipendio vada dal quadro in su........magari l'unico che va in piazza e' tronchetti.
  • Anonimo scrive:
    Privatizzazione.ecco il risultato
    Come distruggere un'azienda..rivolgersi al governo...ci sono proprio quelli di allora....
Chiudi i commenti