Le tre anime di Mandriva 2006

Le tre anime di Mandriva 2006

La nuova major release del celebre sistema operativo raccoglie l'eredità delle distribuzioni Linux di Conectiva e Lycoris e, con il suo nuovo bagaglio di funzionalità, rinnova la sfida a Windows
La nuova major release del celebre sistema operativo raccoglie l'eredità delle distribuzioni Linux di Conectiva e Lycoris e, con il suo nuovo bagaglio di funzionalità, rinnova la sfida a Windows


Parigi – Negli scorsi giorni Mandriva , ex MandrakeSoft, ha reso disponibile ai propri abbonati la nuova release 2006 della sua omonima distribuzione Linux per il desktop. Mandriva Linux 2006 è la prima versione di questo sistema operativo ad incorporare le tecnologie che la società franco-americana ha recentemente acquisito da Lycoris .

“La nuova versione di Mandriva è il frutto della convergenza di tre tecnologie: Mandriva, Conectiva e Lycoris”, si legge sul sito di Mandriva Club . “Mandriva Linux 2006 è più facile da usare, più user-friendly e più potente. E’ ideale per le necessità di tutti i clienti, dai principianti agli utenti SOHO”.

L’eredità di Conectiva, un altro distributore Linux acquisito da Mandriva all’inizio dell’anno , si trova già alla base dell’ultima major release della distribuzione, la 2005 . Mettendo insieme il codice e il know-how delle due società appena fagocitate, Mandriva conta di rendere il proprio sistema operativo un’alternativa ancor più completa a Windows.

Mandriva Linux 2006 promette migliorie al processo d’installazione, ai tempi di avvio e al look and feel dell’interfaccia utente, inoltre viene definita l’unica distribuzione Linux sul mercato certificata per la piattaforma Centrino di Intel.

Tra i nuovi software inclusi nella nuova distribuzione vi sono KDE 3.4, GNOME 2.10, il Kernel 2.6.12, GCC 4.0, X.org 6.9, glibc 2.3.5, OpenOffice.org 1.1.5, il server di groupware Kolab 2, il lettore di feed RSS Akregator, Opera, Skype, il servizio di musica on-line Mindawn, Adobe Reader 7.0, RealPlayer 10 e Flash Player 7.

Gli iscritti dal “Club” di Mandriva possono scaricare le versioni x86 e x86-64 del sistema operativo via Web o FTP: la versione base è di 4 CD, ma gli utenti “silver” e “gold” possono scaricare anche la distribuzione “lite” Discovery, il CD “live”, la suite di tool extra PowerPack e l’edizione DVD.

Come tradizione, la versione pubblica e gratuita di Mandriva Linux 2006 verrà rilasciata ad alcune settimane di distanza da quella a pagamento.

Poche settimane fa Mandriva ha annunciato la disponibilità dei primi notebook di Dell con la propria distribuzione pre-installata. Mandriva Linux aveva già fatto il proprio debutto sui laptop di HP, sia in configurazione dual-boot (con Windows) che single-boot.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

09 10 2005
Link copiato negli appunti