Legge editoria: primo sito sotto sequestro

Come previsto solo da alcuni, l'ordinanza con cui è stato sequestrato eretico.com si basa sulla nuova legge sull'editoria, che inizia a far danni. Ne hanno parlato neural.it e vita.it. Paradossi da prodotto editoriale elettronico


Roma – Doveva accadere, era scritto che accadesse ed è successo: per la prima volta un sito internet italiano è stata sottoposto a sequestro da parte dell’autorità giudiziaria con una decisione che trae fondamento anche dalla legge sull’editoria (62/2001), quella stessa legge i cui effetti erano stati minimizzati da importanti siti internet, oltreché dai principali responsabili della sua approvazione.

Eretico.com, discusso sito dedicato a quello che secondo le autorità è un vilipendio al cristianesimo e ai suoi simboli, è stato censurato con una motivazione (riportata qui ) destinata a far drizzare i capelli a chiunque abbia sperato in una internet libera da azioni repressive contro la libertà di espressione. Il sequestro risale ai primi di giugno (ne aveva parlato anche neural.it ) ma ora si conoscono le inquietanti motivazioni dell’ordinanza.

Stando al Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Latina il gestore del sito “?vilipendeva le persone che professano la religione cattolica e i ministri del culto cattolico pubblicando sul detto sito le immagini del Sommo Pontefice, del beato Francesco Forgione detto ‘Padre Pio’ nonché di altri ministri del culto cattolico raffigurati in disegno o in fotomontaggio in modo mostruoso con corpo di animale e testa di uomo ovvero mentre subivano sodomizzazioni e altri atti sessuali o osceni, quali la fuoriuscita di un pene dalle stimmate o l’esclamazione da parte del Cristo della frase ‘porco io’, ovvero mediante l’indicazione del predetto beato ‘Padre Pio’ e dei suoi devoti come rispettivamente ‘frate più ignorante della storia e ‘adoratori altrettanto ignorantì;”

Questi contenuti sono definiti nell’ordinanza come “prodotto editoriale” sottoposto ai maggiori “diritti e doveri” di cui alla legge sulla stampa (47/1948).

Va detto che sulla home page del sito campeggiava una sorta di “disclaimer di avvertimento” che consentiva a chiunque di capire da subito la natura politica del sito: “In questo sito sono presenti forme di intrattenimento ludico più o meno tecnologiche finalizzate ad una sana iconoclastia destinata a chiunque, in questi giorni di giubileo, abbia tanta voglia di scaraventare giù dai piedistalli tutti quei simboli frutto di una degenerazione della religione cattolica”. Un altro disclaimer avvertiva: “ogni riferimento a persone cose, fatti e personaggi biblici nonchè pubblici è puramente casuale.AMEN”

Secondo il GIP, in questo caso non può essere “invocato l’esercizio del diritto di manifestazione del pensiero, in quanto i modi usati si sostanziano in una mera, gratuita e volgare aggressione visiva e scritta a quanti professano il culto cattolico, senza alcun utile apporto critico o revisionista ma con uno sterile spirito offensivo;”.

E “considerato che il sito internet in esame deve essere ritenuto prodotto editoriale ai sensi dell’art. 1 l. n.° 621, di un prodotto realizzato su supporto informatico destinato alla diffusione di informazioni con mezzo elettronico attraverso la diffusione nella rete mondiale, accessibile in pratica a chiunque, di una serie di opinioni e informazioni sugli appartenenti alla religione cattolica, sui suoi simboli e sulle abitudini dei suoi ministri di culto; considerato che per l’applicazione dell’art. 2 della l. n.° 4748 ai prodotti editoriali si deve ritenere che gli stessi siano equiparati, anche ai fini penali, alla disciplina riservata alla stampa e alle conseguenti maggiori garanzie ad essa attribuite in virtù della importante funzione svolta in una società democratica dai mezzi di comunicazione di massa, dei quali internet fa parte a pieno titolo;”


Per queste ragioni l’ordinanza ha stabilito il sequestro del sito e dei “beni hardware e software nonché al loro prodotto telematico relativo al dominio e al sito”, con “trasferimento di dati dagli hard disk ad altri supporti portatili, con prelievo delle eventuali copie di backup eseguite e con inserimento all’interno del sito, in sostituzione integrale del contenuto della dicitura: “TRIBUNALE ORDINARIO DI LATINA-PROCURA DELLA REPUBBLICA DI LATINA SITO SOTTOPOSTO A SEQUESTRO PREVENTIVO PER DISPOSIZIONE DELL’AUTORITA’ GIUDIZIARIA” su sfondo bianco, con logo della Repubblica e indicazione della data di esecuzione;”.

L’ordinanza è la prima manifestazione dei guasti che la nuova legge sull’editoria può provocare e può rappresentare uno spunto di riflessione in più per chi ha ritenuto di sostenere questa legge tentando di smontare una mobilitazione che non ha precedenti su internet in Italia e che verrà presentata nelle prossime settimane alle istituzioni italiane. Con la speranza che eventi come quello di eretico.com consentano di mettere immediatamente a fuoco i guasti che questa legge può provocare.

Come spiega Vita.it : “E’ il primo utilizzo concreto di un ‘grimaldello legislativo’ che oggi ha fatto chiudere, magari giustamente, un sito che offendeva Padre Pio, ma domani potrebbe dare a chiunque uno strumento per imbavagliare qualsiasi fonte di informazione alternativa in rete.”

Insiste Vita.it: “Nessuno avrebbe il cattivo gusto di definire ‘prodotto editorialè anche i graffiti ‘pubblicatì sui muri dei bagni pubblici, ma in questa ordinanza si legge che ‘il sito internet in esame deve essere ritenuto prodotto editoriale ai sensi dell’art. 1 l. n.° 621’, subito dopo aver affermato che le pagine in questione non sono altro che ‘una mera, gratuita e volgare aggressione visiva e scritta a quanti professano il culto cattolico, senza alcun utile apporto critico o revisionista ma con uno sterile spirito offensivo’.
A questo punto Calvino, Pirandello, Hemingway e gli autori di “prodotti editoriali” di ben altro spessore si saranno rivoltati più volte nella tomba per questo accostamento davvero singolare tra la cultura dei libri e la volgarità da bagno pubblico, forme espressive molto distanti tra loro che tuttavia sull’internet sono separate solamente da un click del mouse.”

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Tommaso give us more
    Audace la strategia, rivelante la terminologia. Sono amante dell'iperbole e della furia, anche onanistica.
  • Anonimo scrive:
    In crescita? Sì ma...
    ...se si decidono a livellarsi come il resto d'europa... non si possono pagare 110 carte per un titolo appena uscito...
    • Anonimo scrive:
      Re: In crescita? Sì ma...
      Abbassare i prezzi?E poi come li paghi i nani e le ballerine che popolano le presentazioni dei giochi?- Scritto da: El-DoX
      ...se si decidono a livellarsi come il resto
      d'europa... non si possono pagare 110 carte
      per un titolo appena uscito...
Chiudi i commenti