Legge Stanca? Da rivedere

di Lorenzo Spallino - Il CNIPA ha illustrato quanto poco la PA abbia fin qui pensato all'inclusività, all'accessibilità dei propri servizi online. Ma non si risolve il problema senza rivedere la legge

Roma – E così apprendiamo, dalle parole del CNIPA , che a quattro anni dall’entrata in vigore della legge Stanca e a tre dalla emanazione dei criteri attuativi, su 1.426 home page di siti di pubbliche amministrazioni centrali, soltanto 42 rispettano 8 dei 22 requisiti tecnici di accessibilità fissati dal Decreto Ministeriale del 2005. Viene da chiedersi: e le centinaia di migliaia di pagine interne? Ma soprattutto: e le amministrazioni periferiche (Regioni, Province, Comuni, Comunità Montane ecc.), infinitamente più numerose di quelle centrali? Non si sa. Pur su una platea così esigua, il CNIPA è così costretto a prendere atto che ad oltre quattro anni dall’emanazione della Legge Stanca ed a circa tre anni dalla sua entrata in vigore non sono ancora soddisfacenti i risultati raggiunti su questo fronte dalla Pubblica Amministrazione Centrale e da quella Locale . Ciò nonostante, la colpa non sarebbe della legge – che anzi possiede un impianto normativo ben strutturato, peraltro molto apprezzato ed assunto a modello anche a livello europeo – ma della classe dirigente.

Che la legge sia ben scritta è opinione altamente opinabile. Senza pretesa di esaustività, ricordiamone cinque peccati capitali:

1. la legge non contiene una norma che dica espressamente che i siti delle pubbliche amministrazioni devono essere accessibili;
2. sono i contratti stipulati dalle pubbliche amministrazioni, dice la legge, che devono prevedere il rispetto dei ventidue requisiti tecnici, così che un’amministrazione che realizza un sito internamente non è costretta a realizzare un sito accessibile;
3. la sanzione della nullità assoluta del contratto è talmente spropositata rispetto alla violazione da essere inapplicabile. Di più, la legge non dice cosa succede nel caso in cui, pur firmato, il contratto non sia rispettato e il sito inaccessibile, rimettendo il tutto alla buona volontà delle amministrazioni;
4.per individuare i soggetti tenuti all’applicazione delle legge, si è scelta la via – pessima – da un lato di rifarsi alla nozione di pubblica amministrazione contenuta nel Testo Unico del Pubblico Impiego (complessa per la sua parte) e, dall’altro, di elencare alla rinfusa i soggetti di cui al primo comma dell’articolo 3, senza alcuna organicità. Dubito molto che gli estensori della disposizioni si rendessero conto di cosa stavano parlando;
5. la legge è a costo zero. Il che significa che reperire i soldi per la sua attuazione è compito dei diretti interessati. Che poi questo avvenga, come qualcuno ha suggerito, con dei risparmi (come diminuire il numero delle pagine pubblicate, affermazione che non vale la pena commentare), piuttosto che in altro modo, sono problemi loro.

Insomma: come ha scritto il maggior esperto di accessibilità italiano, Michele Diodati, in Accessibilità, Guida completa (Apogeo, 2007):

così com’è oggi, la legge italiana sull’accessibilità, per quanto sia e resti una manifestazione importante e lodevole di volontà politica contro una delle forme di discriminazione più sottili e insidiose (quella che vincola l’accesso ai servizi informatici al possesso di determinate abilità fisiche o cognitive), non è in grado di produrre gli effetti sperati. Troppi sono i soggetti che possono legalmente ignorare l’applicazione dei requisiti di accessibilità e poco efficaci si sono rivelate, almeno finora, anche le misure sanzionatorie e di controllo.

Leggere, alla luce delle indicazioni dello stesso CNIPA, di “nuove azioni normative (…) che diano nuovo slancio all’adeguamento da parte della Pubblica amministrazione e che consentano di raggiungere l’obiettivo fissato dalla Conferenza Ministeriale di Riga, ovvero la piena conformità di tutti i siti della Pubblica amministrazione entro il 2010”, è cosa che da un lato fa sorridere (siamo a maggio 2008…) e da un lato (come giuristi) spaventa, se le premesse sono quelle che abbiamo detto e se si vuole risolvere il problema semplicemente estendendo la portata delle norme esistenti.

Alla legge Stanca urge un tagliando di controllo a 360° che coinvolga, come in tutti i processi di revisione normativa, la platea più ampia possibile di soggetti interessati, a partire dalle pubbliche amministrazioni locali, ma soprattutto mettendo in campo una seria riflessione sulla qualità della legge, sulla praticabilità dei suoi obiettivi, sulla bontà delle tecniche legislative utilizzate per raggiungerli. Se tutto ciò sarà delegato a persone digiune di diritto, è ragionevole immaginare che il risultato sarà peggiore di quello attuale. Nessuno nega che le pubbliche amministrazioni abbiano la loro parte di colpa nella mancata attuazione della legge. Ma un conto è applicare una norma ragionevolmente ben scritta, e un conto applicare una legge che non contiene la più elementare delle disposizioni: ossia che i siti delle pubbliche amministrazioni debbono essere accessibili.

Lorenzo Spallino
Webimpossibile.net

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • marco Valenti scrive:
    sito chiuso e rete4 ancora in piedi
    perchè non chiudono prima rete4 mandandola sul satellite visto che viola le norme da piu' tempo, e dopo pensano a siti come rifletto tv??
  • la redazione scrive:
    FORUM CHIUSO
    Ciao a tuttila riproposizione forzata di post diffamanti e contrari alla policy ci ha spinto a chiudere questo forum :(Da questo momento qualsiasi post qui pubblicato sarà cancellato.Per informazioni scrivere alla redazione pi@deandreis.itCiao a tuttiLamberto
  • riflettotv scrive:
    risposta a neuro
    Caro Neuro Ricorda comunque cosa c'e scritto:quoto" Prima di pubblicare un tuo commento assicurati che:-..-..-non sia offensivo, calunnioso o diffamante"Ti ringrazio.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 18 maggio 2008 23.09-----------------------------------------------------------
  • Neuro scrive:
    cos'è rifletto tiv
    tempo fa contattai RTV per sapere come potevo "usufruire dei loro servizi" mi contattò un signore gentile e intelligente che infatti un mese dopo mi ricontattò dicendomi che aveva lasciato perchè troppe cose non gli quadravano...ho messo on line il listino e la presentazione di RTV così forse vi fate un'idea migliore del "progetto" altro che alternativa e innovazione...http://www.neuro.helloweb.eu/riflettotv.pdf-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 17 maggio 2008 00.15-----------------------------------------------------------
    • emmeesse scrive:
      Re: cos'è rifletto tiv
      Be, e' una buona proposta aziendale.Non ci ho letto nulla di male.Migliorabile su alcuni punti IMHO, ma logica.
      • Neuro scrive:
        Re: cos'è rifletto tiv
        - Scritto da: emmeesse
        Be, e' una buona proposta aziendale.
        Non ci ho letto nulla di male.
        Migliorabile su alcuni punti IMHO, ma logica.beh... la maggior parte dei servizi che loro ti fanno pagare piuttosto caro si possono avere gratis e con una piattaforma internazionale come brightcove. I video li hai visti? Delle palle enormi da 20 minuti, montati in modo approssimativo dove l'oggetto descritto nemmeno si capisce (ho vosto il video di un ristorante da 22 minuti dove la cucina e i piatti arrivavano solo all'inizio e per pochi istanti, contro 20 minuti di panorami e primi piani del padrone del locale, per altro piuttosto brutto. Tu andresti in un ristorante presentato in quel modo!?)Faccio video per lavoro e vivo di un portale web, so di che parlo e rifletto tv era molto lontana dall'essere una web tv. L'unico motivo per cui è durata tanto erano le partite e i film che trasmetteva in streaming, il resto era fuffa.State a vedere che fra un po' farà la stessa fine Teleweb... (ma avete visto nel sito la foto dei camion regia con i loro logo sopra? Palesemente aggiunti con photoshop!)(miiii stasera mi querelano meno male che sono imparentato con un principe del foro!)
  • Neuro scrive:
    i soliti italiani
    avevo seguito le "gesta" di riflettotv e la prima cosa che mi sono chiesto era "ma che vogliono fare questi?" Nel senso che non riuscivo a capire il progetto editoriale o meglio avevo capito che volevano fare un sacco di soldi chiedendoli a quei quattro poveracci caduti nella rete che si sono fatti fare un video editoriale sulle loro attività (il massimo del minimo era il video del ristorante da 22 minuti dove non si vedeva un piatto cucinato fino alla fine e per pochi istanti, roba da pazzi). Per salire di PR hanno messo film e video musicali che a questo punto, pare non avessero il diritto di trasmettere. Punto. Altro che proclami contro la censura che leggo in rete, questi hanno truffato e ora vengono indagati.Pure l'ultimo dei blogger sa che certe cose non vanno fatte e io dico con tutti i soldi che avevano si vanno a fregare con le loro mani... Cmq sorrido a mezza bocca e non vedo l'ora di vedere qualche amico per dirgli il godurioso "te lo avevo detto!"
  • Enry scrive:
    Niente di nuovo mi sembra...
    Non capisco lo stupure.... che il servizio proponesse contenuti senza "probabilmente" le credenziali necessarie era palese.... che il comunicato della GDF sia quantomeno poco chiaro lo è altrettanto (e non deve certo spiegare per filo e per segno la questione se non direttamente agli interessati), ma quello che mi stupisce di più è come la gente possa considerare innovativi servizi che di innovativo hanno ben poco... produrre contenuti e metterli online non è certamente innovativo.... ed esiste da tempo..... distribuire contenuti su licenza non lo è altrettanto e mettere in vetrina produzioni degli utenti men che meno.Anzi è proprio questo ultimo aspetto (che non riguarda il caso di RiflettoTV) che mi lascia sconcertato. I contenuti degli utenti, da qualunque soggetto che li rende disponibili, andrebbero PAGATI agli autori. Troppo comodo fare tv o offrire servizi "degli altri" in nome di una libertà d'informazione inesistente che tende solo a rimpinguare le casse di offre il servizio. Spesso gli utenti dimostrano una ingenuità disarmante non rendendosi conto che progetti del genere non hanno niente di innovativo, o meglio, una cosa di innovativo ce l'hanno, non vengono pagati i contenuti ai legittimi autori (intesi come gli internauti che partecipano ad un determinato progetto) E' auspicabile che gli utenti si sveglino e non consegnino più le loro prodezze in video a portali o servizi che ne sfruttano il contenuto senza devolvere un centesimo all'autore. Pensate forse che un servizio video di un qualsiasi giornalista messo in onda da qualche tv non venga pagato? E allora perchè non deve essere lo stesso per internet? Perchè li utenti sono boccaloni e pensano di mettersi in mostra quando in realtà fanno guadagnare qualcun altro con i loro lavori?Senza contare che questo atteggiamento permetterebbe una decisa scrematura dei contenuti che, proprio perchè pagati dall'emittente, sarebbero forse migliori o di maggior valore.Enry
    • Enry scrive:
      Re: Niente di nuovo mi sembra...
      e aggiungo.... deve arrivare Al Gore a dirci che "ora gli italiani" hanno la possibilità di dire la loro liberamente "sulla sua current tv"? Ma per favore.....Enry
    • Copperfield scrive:
      Re: Niente di nuovo mi sembra...
      Infatti.Lo stupore semmai è la lettura di tutti gli altri commenti che, tra furbizia e reale ingnoranza della normativa vigente, evidenziano il totale disprezzo del lavoro altrui.Mi meraviglio persino del dubbio dello stesso portale P.I. della liceità dell'intervento delle Forze dell'Ordine.Per chiarire meglio: RiflettoTv NON HA MAI DETENUTO i diritti di sfruttamento dei film trasmessi.Ha dunque compiuto un illecito tout-court, per conseguenza sanzionabile in punto di legge.Il pagamento dei diritti non c'entra. I DIRITTI NON LI HA MAI AVUTI!
      • tutt pubblicita scrive:
        Re: Niente di nuovo mi sembra...
        Chiaramente e' una manovra pubblicitaria, dai.Dai,su...
        • AdAM sMITH scrive:
          Re: Niente di nuovo mi sembra...
          La GDF ha preso una cantonata, o quantomeno si è prestata al gioco dei soliti potentati, prime fra tutte le major americane
    • Neuro scrive:
      Re: Niente di nuovo mi sembra...
      - Scritto da: Enry
      ma quello che mi stupisce di
      più è come la gente possa considerare innovativi
      servizi che di innovativo hanno ben poco...
      produrre contenuti e metterli online non è
      certamente innovativo.... ed esiste da tempo.....
      distribuire contenuti su licenza non lo è
      altrettanto e mettere in vetrina produzioni degli
      utenti men che
      meno.sottoscrivo in pieno e aggiungo che non c'erano utenti che condividevano ma clienti che pagavano

      Anzi è proprio questo ultimo aspetto (che non
      riguarda il caso di RiflettoTV) che mi lascia
      sconcertato.

      I contenuti degli utenti, da qualunque soggetto
      che li rende disponibili, andrebbero PAGATI agli
      autori. Troppo comodo fare tv o offrire servizi
      "degli altri" in nome di una libertà
      d'informazione inesistente che tende solo a
      rimpinguare le casse di offre il servizio. sottoscrivo al 100%
      Spesso
      gli utenti dimostrano una ingenuità disarmante
      non rendendosi conto che progetti del genere non
      hanno niente di innovativo, o meglio, una cosa di
      innovativo ce l'hanno, non vengono pagati i
      contenuti ai legittimi autori (intesi come gli
      internauti che partecipano ad un determinato
      progetto)la realtà è che chi è scontento, lo è perchè ora non ha più la possibilità di vedersi i film gratis (nemmeno fossero poi gli ultimi titoli!) Il resto è ipocrisia

      E' auspicabile che gli utenti si sveglino e non
      consegnino più le loro prodezze in video a
      portali o servizi che ne sfruttano il contenuto
      senza devolvere un centesimo all'autore. Pensate
      forse che un servizio video di un qualsiasi
      giornalista messo in onda da qualche tv non venga
      pagato? E allora perchè non deve essere lo stesso
      per internet?vero


      Perchè li utenti sono boccaloni e pensano di
      mettersi in mostra quando in realtà fanno
      guadagnare qualcun altro con i loro
      lavori?perchè siamo esibizionisti

      Senza contare che questo atteggiamento
      permetterebbe una decisa scrematura dei contenuti
      che, proprio perchè pagati dall'emittente,
      sarebbero forse migliori o di maggior
      valore.il prgetto rifletto tv serviva solo da contorno per la vendita di spazi pubblicitari, video editoriali e roba simile, appena riesco metto on line il listino che mi ero fatto mandare...;o)
  • emmeesse scrive:
    Complimenti
    Una manovra di marketing inedita ma efficace.
  • riflettotv scrive:
    riflettotv
    Dal 14 maggio 2008 l'avventura di RiflettoTV, ormai noto portale di notizie e di video di ogni genere, sembrava essersi fermata a causa del sequestro del portale da parte della Guardia di Finanza la quale aveva ravvisato un illecito relativo alle norme che regolano il diritto d'autore. 
Dopo poco si veniva a sapere che si trattava di alcuni film in particolare, del canale dei video musicali e di altri video riscontrabili qua e là nel sito. Rifletto, però, non ha mai lucrato su produzioni non proprie, non ha mai chiesto danaro per i film che pubblicava. L'obiettivo è sempre stato quello di fare informazione, come ogni buon ufficio stampa (in questo caso, video).Ora la redazione, dopo quanto accaduto, frutto di una leggerezza dei propri dirigenti e della interpretazione evidentemente fallace di normative e sentenze, invia a tutti gli utenti le proprie scuse, avvisando che non saranno più visibili contenuti non propri se non attentamente licenziati, spariranno alcuni canali (tra cui quello sul cinema e quello sulla musica) e saranno introdotte molte novità tra cui la presentazione da parte di alcuni tra i più noti presentatori e personaggi del mondo della televisione usuale.Ancora quindi scusandoci per quanto accaduto, invitiamo tutti gli utenti ad attendere che siano comunicati i nuovi portali ufficiali (presumibilmente www.gemtv.it e www.gemtelevision.net) che sostituiranno RiflettoTV con un nuovo e ancora più accattivante progetto web-televisivo.
    • Scoglio scrive:
      Re: riflettotv
      - Scritto da: riflettotv
      licenziati, spariranno alcuni canali (tra cui
      quello sul cinema e quello sulla musica) eState dicendo che dei film che inserivate in quel canale di nessuno corrispondevate il diritto d'autore?
    • tuspak scrive:
      Re: riflettotv
      Beh vi auguro buona fortuna per il nuovo progetto e speriamo che non ci siano altri intoppi.
    • Franz iMaccanici scrive:
      Re: riflettotv
      Grazie della delucidazione!
  • geppetto scrive:
    mannaggia
    speriamo una volta tanto che lo stato italiano abbia da pagare i danni per questa violazione della libertà di espressione per mano della guardia di finanza
    • Scoglio scrive:
      Re: mannaggia
      - Scritto da: geppetto
      speriamo una volta tanto che lo stato italiano
      abbia da pagare i danni per questa violazione
      della libertà di espressione per mano della
      guardia di
      finanzaMa cosa c'entra la libertà di espressione... L'esatto opposto. L'accusa è di non aver corrisposto i diritti d'autore o qualcosa di simile.
      • Luco, giudice di linea mancato scrive:
        Re: mannaggia
        - Scritto da: Scoglio
        - Scritto da: geppetto

        speriamo una volta tanto che lo stato italiano

        abbia da pagare i danni per questa violazione

        della libertà di espressione per mano della

        guardia di

        finanza

        Ma cosa c'entra la libertà di espressione...
        L'esatto opposto. L'accusa è di non aver
        corrisposto i diritti d'autore o qualcosa di
        simile. LE PROVE, DOVE CAZZO SONO LE PROVE
      • Neuro scrive:
        Re: mannaggia
        - Scritto da: Scoglio
        - Scritto da: geppetto

        speriamo una volta tanto che lo stato italiano

        abbia da pagare i danni per questa violazione

        della libertà di espressione per mano della

        guardia di

        finanza

        Ma cosa c'entra la libertà di espressione...
        L'esatto opposto. L'accusa è di non aver
        corrisposto i diritti d'autore o qualcosa di
        simile.ma perchè però ad indagare è "gruppo tutela mercato beni e servizi - sezione falsificazione monetaria ed altri mezzi di pagamento" ?
    • tuspak scrive:
      Re: mannaggia
      Mi dispiace moltissimo, dato che ero un affezionato utilizzatore del sito :(
    • STELLA C scrive:
      Re: mannaggia
      no ....guarda per ora e' rifletto che dovra pagare e ti assicuro che non saranno pochi i soldi che dovranno sborsare ...dipende da quanti file illegali aveva nel sito....la multa dovrebbe essere da un minimo di 2000 euro e passa a film ,o video ,o documentario che ha trasmesso (senza pagare i diritti)!!!E' di certo Ratatuille,io sono leggenta e tantissimi altri non poteva assolutamente trasmetterli visto che esistono delle windowa da rispettare 1)...prima cinema...2) poi videonoleggio...3) poi vendita ...4)poi paytv....alice sky ,mediaset...etcin sintesi non puo' averli prima di questi (naturalmente se li vuole dopo di questi deve pagare i diritti) !!!
  • Wofthel scrive:
    Fuori uno, dentro un altro....
    Sbarca on line la web tv 7i Il 16 il via alle trasmissioni, i figli di Vespa in redazione (ANSA) - ROMA, 14 MAG - Il 16 maggio inaugura le trasmissioni 7i, la nuova web tv che vede tra i collaboratori i figli Bruno Vespa, Alessandro e Federico. Venerdi' alle 23.00, in occasione del lancio, tutta la redazione, composta da tecnici e giornalisti giovanissimi, si ritrovera' a Roma, a Ponte Milvio, luogo reso celebre dalla moda dei lucchetti lanciata da Moccia, per cercare tra la gente un volto nuovo da lanciare. La tv proporra' ogni tipo di programma e punta alla collaborazione con gli spettatori.
  • Wofthel scrive:
    Hanno pestato i piedi a qualcuno in alto
    Riporto una email pubblicitaria ricevuta un paio di mesi fa: "...... La tecnologia verrà presentata alla conferenza stampa riguardante il "Manifesto di Showbbility" che si terrà il giorno 27 febbraio alle ore 10,30 presso la Camera dei Deputati Italiana , sala Mercede.""In questa sede ........ saranno protagonisti, insieme ad alcuni partner tecnico - commerciali, nell' esosizione della tecnologia utilizzata per il progetto www.riflettotv.it e www.rifletto.it che ormai da tempo utilizzano la tecnologia del CMS WebHat oltre che per la gestione dei contenuti anche per la gestione della Web TV".-----------Un modo legale per eliminare qualche "potenziale" concorrente scomodo dal mercato.
    • Scoglio scrive:
      Re: Hanno pestato i piedi a qualcuno in alto
      - Scritto da: Wofthel
      Un modo legale per eliminare qualche "potenziale"
      concorrente scomodo dal
      mercato.Certo una iniziativa come la loro stonava nettamente con il comportamento a cui sono arrivati alcuni canali televisivi, che io non guardo più a causa dell'elevato numero di interruzioni pubblicitarie a cui sono arrivati, e per il modo in cui vengono inserite (ed invito caldamente voi tutti a fare altrettanto).
  • guti scrive:
    Come mai proprio adesso?
    Non capisco come mai la chiusura del sito sia avvenuta proprio adesso, dopo tanti mesi di notorietà del sito (non mi pare che abbiano mai fatto le cose di nascosto).A proposito di web-TV avete sentito parlare recentemente di una iniziativa che riguarda Microsoft-Mediaset?
    • Paolino scrive:
      Re: Come mai proprio adesso?
      - Scritto da: guti
      Non capisco come mai la chiusura del sito sia
      avvenuta proprio adesso, dopo tanti mesi diIo un sospetto ce l'ho :)
      notorietà del sito (non mi pare che abbiano mai
      fatto le cose di
      nascosto).
      A proposito di web-TV avete sentito parlare
      recentemente di una iniziativa che riguarda
      Microsoft-Mediaset?E questo rafforzerebbe il sospetto :)Come quando per rivideo avevano creato ostacoli con quel sito che permetteva registrazioni online...
    • Pippo Santoanast aso scrive:
      Re: Come mai proprio adesso?
      - Scritto da: guti
      Non capisco come mai la chiusura del sito sia
      avvenuta proprio adesso, dopo tanti mesi di
      notorietà del sito (non mi pare che abbiano mai
      fatto le cose di
      nascosto).
      A proposito di web-TV avete sentito parlare
      recentemente di una iniziativa che riguarda
      Microsoft-Mediaset?Maddai ... impossibile... chevvaiapensare???Come diceva quello? "A pensar male si fa peccato, ma ci si prende...."
      • Neuro scrive:
        Re: Come mai proprio adesso?
        - Scritto da: Pippo Santoanast aso

        Maddai ... impossibile... chevvaiapensare???

        Come diceva quello? "A pensar male si fa peccato,
        ma ci si
        prende...."e meno male che vivete su internet, leggete uno dei portali più interessanti che ci sono in italia... subito pensate al berluska come mandande della finanzama daiiiirifletto tv era on line da un anno, andava in giro a chiedere soldi per fare i video da pubblicare nella loro fantasmagorica piattaforma cresciuta infrangendo la legge (a quanto pare).Le web tv sono altra cosa, vedi current.it ad esempio ma soprattutto Joost, altro che rifletto tv con le puntate di "non solo moda" degli anni 80 rimontate... (me lo ha detto un amico che lavora in rai quando gli mandai il link dicendogli pure "finalmente pure in italia si fa qualcosa di bello!" (che coglione che sono stato!)
  • Marco scrive:
    Gestione di Rifletto
    I problemi cominciano ad emergere tutti
  • Scoglio scrive:
    Erano su satellite anche?
    Ma non trasmettevano anche su Sky? Così mi sembra di aver letto nel sito...
    • Ilpiccolo scrive:
      Re: Erano su satellite anche?
      Io ero un frequentatore abitudinale del sito, che aveva parecchi video autoprodotti e alcuni film anche in alta definizione. Si vedeva in streaming oltre che questo anche alcuni programmi di cucina,documentari etc... Lo trovavo fantastico... speriamo ritorni...
      • Chitto scrive:
        Re: Erano su satellite anche?
        - Scritto da: Ilpiccolo
        Io ero un frequentatore abitudinale del sito, che
        aveva parecchi video autoprodotti e alcuni film
        anche in alta definizione. Si vedeva in streaming
        oltre che questo anche alcuni programmi di
        cucina,documentari etc...

        Lo trovavo fantastico... speriamo ritorni...Si, era un ottimo servizio, oltre che tecnologicamente davvero ben fatto (è difficile trasmettere in streaming con la loro qualità e con una richiesta di banda così bassa). Spero anche io che riescano a convincere il magistrato ignorante di turno che non è necessario sequestrare tutto il sito per rimuovere dei video PRESUNTI illegali.
        • unaDuraLezione scrive:
          Re: Erano su satellite anche?
          contenuto non disponibile
        • Scoglio scrive:
          Re: Erano su satellite anche?
          - Scritto da: Chitto
          Si, era un ottimo servizio, oltre che
          tecnologicamente davvero ben fatto (è difficile
          trasmettere in streaming con la loro qualità e
          con una richiesta di banda così bassa). Spero
          anche io che riescano a convincere il magistrato
          ignorante di turno che non è necessario
          sequestrare tutto il sito per rimuovere dei video
          PRESUNTI
          illegali.Purtroppo ancora la situazione non è chiara, è necessario conoscere meglio qual è l'accusa. Io non credo tanto a questa ignoranza dei magistrati, penso piuttosto che i gestori del sito abbiano fatto qualche vistoso errore.
          • Chitto scrive:
            Re: Erano su satellite anche?
            - Scritto da: Scoglio
            Purtroppo ancora la situazione non è chiara, è
            necessario conoscere meglio qual è l'accusa. IoQualunque sia l'accusa la chiusura dell'intero sito è un'azione esagerata. Non hanno portato via a Berlusconi Rete4 nonostante stia trasmettendo da anni in modo illegale utilizzando frequenze che non le sono state assegnate, non vedo perché RiflettoTV faccia eccezione.Il fatto che sia banale da un punto di vista tecnico mettere su un inutile bannerino di sputtanamento generale non significa che quei magistrati siano autorizzati a farlo.
            non credo tanto a questa ignoranza dei
            magistrati,Io si, perché l'ignoranza dei magistrati l'ho vista più e più volte messa in pratica.
            penso piuttosto che i gestori del
            sito abbiano fatto qualche vistoso
            errore.Anche se fosse la chiusura del sito è comunque un'azione vergognosa ed esagerata.
      • Neuro scrive:
        Re: Erano su satellite anche?
        - Scritto da: Ilpiccolo
        Io ero un frequentatore abitudinale del sito, che
        aveva parecchi video autoprodotti e alcuni film
        anche in alta definizione. Si vedeva in streaming
        oltre che questo anche alcuni programmi di
        cucina,documentari etc...non erano autoprodotti, ma erano "editoriali" ovvero qualcuno pagava per farsi fare il video...
  • emi scrive:
    concordo con chitto
    concordo con chitto.come si fà a chudere un intero sito web!!! è proprio roba da matti!!!vabbè, nel frattempo mi consolo con "www.tv-live.it" ;) sperando OVVIAMENTE che RILFETTOTV ritorni presto online
    • Scoglio scrive:
      Re: concordo con chitto
      Quello sì che è da chiudere all'istante!!!
      • Luco, giudice di linea mancato scrive:
        Re: concordo con chitto
        - Scritto da: Scoglio
        Quello sì che è da chiudere all'istante!!!Perché? E' un aggregatore come ce ne sono tanti.
        • Scoglio scrive:
          Re: concordo con chitto
          E' un aggregatore di contenuti sicuramente in violazione dei diritti d'autore, è per questo che va chiuso all'istante e così tutti gli altri siti simili. Se io ti aiutassi a entrare in contatto con uno spacciatore di droga, sarei un po' spacciatore anch'io, specie se ne traessi profitto.
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: concordo con chitto
            - Scritto da: Scoglio
            E' un aggregatore di contenuti sicuramente in
            violazione dei diritti d'autoreAllora anche la lista dei bookmark lo è. Perché quel sito è niente di più. Visto che in questo caso non si tratta nemmeno di hosting.
          • Scoglio scrive:
            Re: concordo con chitto
            - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
            Allora anche la lista dei bookmark lo è. Perché
            quel sito è niente di più. Visto che in questo
            caso non si tratta nemmeno di
            hosting.Se la lista è pubblica sì.
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: concordo con chitto
            - Scritto da: Scoglio
            - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato

            Allora anche la lista dei bookmark lo è. Perché

            quel sito è niente di più. Visto che in questo

            caso non si tratta nemmeno di

            hosting.

            Se la lista è pubblica sì.Vai a denunciare del.icio.us allora
          • Scoglio scrive:
            Re: concordo con chitto
            - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato

            Se la lista è pubblica sì.

            Vai a denunciare del.icio.us alloraHo dato una rapida occhiata e non vedo niente di anomalo, se c'è qualche pagina problematica forse basta segnalarma a loro...
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: concordo con chitto
            - Scritto da: Scoglio
            - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato


            Se la lista è pubblica sì.



            Vai a denunciare del.icio.us allora

            Ho dato una rapida occhiata e non vedo niente di
            anomalo, se c'è qualche pagina problematica forse
            basta segnalarma a loro...Tv-Live è uguale, sono solo link, non c'è nulla sul server
          • Scoglio scrive:
            Re: concordo con chitto
            - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
            Tv-Live è uguale, sono solo link, non c'è nulla
            sul
            serverAridaje. Tv-live ha link che riportano a materiale coperto da copyright. Tv-live è da chiudere, non esiste proprio. Quell'altro sito non lo conosco e non mi interessa.
    • pinco scrive:
      Re: concordo con chitto
      Com'è che sono online ?!!!! (newbie)(newbie)(newbie)
    • Tizio Incognito scrive:
      Re: concordo con chitto
      - Scritto da: emi
      concordo con chitto.
      come si fà a chudere un intero sito web!!!
      è proprio roba da matti!!!
      vabbè, nel frattempo mi consolo con
      "www.tv-live.it" ;) sperando OVVIAMENTE che
      RILFETTOTV ritorni presto
      onlineSu tv-live la qualità dei video fa talmente pena che sono inguardabili.
  • Claudio scrive:
    portare il sito all'estero
    Questo sito, chiaramente resideva su un sito in italia, quindi é stato facile contattare il provider, sequestrare e mettere la pagina informativa.Se a questo punto il titolare del dominio contattasse un provider estero e rimettesse on line il sito ?Non é l'intestatario del dominio ?Non ne puó fare ció che vuole ?Se poi io avessi un sito di questo genere all'estero la magistratura puó intimarmi di chiuderlo o dare l'accesso alla polizia o sono obbligati a fare una rogatoria con la nazione ospite ?
    • Chitto scrive:
      Re: portare il sito all'estero
      - Scritto da: Claudio
      Questo sito, chiaramente resideva su un sito in
      italia, quindi é stato facile contattare il
      provider, sequestrare e mettere la pagina
      informativa.

      Se a questo punto il titolare del dominio
      contattasse un provider estero e rimettesse on
      line il sito
      ?
      Non é l'intestatario del dominio ?
      Non ne puó fare ció che vuole ?

      Se poi io avessi un sito di questo genere
      all'estero la magistratura puó intimarmi di
      chiuderlo o dare l'accesso alla polizia o sono
      obbligati a fare una rogatoria con la nazione
      ospite
      ?Diciamo che per loro diventa più difficile chiuderlo.Tuttavia tu sei italiano e risiedi in Italia quindi se la possono prendere con te ed obbligarti a chiuderlo (minacciandoti, dicendoti che se non collabori ti condanneranno alla pena capitale, te, i tuoi amici, la tua famiglia e pure il tuo cane, ecc). Chiaro che se tu dici "no", a parte "prenderne atto" non possono fare (appunto tranne che chiedendo al servizio di hosting di chiudere il sito, cosa che farà subito nel caso il sito violi anche la legge del Paese ospitante).Il problema per loro si pone quando tu dici no (oppure non sono in grado di rintracciarti [chessò... perché per esempio hai usato Tor per crearlo]) e il provider di hosting dice "qui non viola alcuna legge". L'unica arma che gli rimane è appunto tentare una complessa pocedura legale internazionale ma se il sito non viola alcuna legge nel Paese ospitante è molto probabile che non ne cavino un ragno dal buco.Un caso che mi viene in mente è quello del gioco sui preti-pedoni che Luca Volonté voleva far rimuovere a tutti i costi usando la scusa che si trattava di pornografia virtuale ((rotfl)) [si potrebbe pensare che un politico sappia almeno le basi legislative del Paese che è chiamato a governare... ma questi manco sanno dove vivono]. Il gioco fu immediatamente messo su un server americano e alle richieste di rimozione il provider di hosting ha detto loro "spiacenti, qui il sito non viola nessuna legge". Al che non hanno potuto fare altro che questo:[img]http://redwing.hutman.net/%7Emreed/Assets/crybaby.jpg[/img]
      • Sgabbio scrive:
        Re: portare il sito all'estero
        Chitto ti devo correggere, accuso il gioco di pedopornografia, anche se la legge italiana non poteva fare nulla visto che era tutto stilizzato.
    • Eugenio Odorifero scrive:
      Re: portare il sito all'estero
      Di una cosa sono certo: se Youtube fosse nato in Italia, lo avrebbero sequestrato dopo un mese (anche meno).
    • Luco, giudice di linea mancato scrive:
      Re: portare il sito all'estero
      - Scritto da: Claudio
      Se poi io avessi un sito di questo genere
      all'estero la magistratura puó intimarmi di
      chiuderloSe è registrato a nome tuo (di un italiano) o comunque c'è modo per risalire a te ad esempio attraverso un email "contattami" allora sì. Altrimenti no.Ma stai sicuro che non c'è bisogno di arrivare alla rogatoria, spesso molti provider anche esteri collaborano per evitare di tirarsi rogne. Certo se quei provider si trovano in Paesi dove non esistono accordi internazionali se ne possono sbattere altamente i coglioni.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 15 maggio 2008 12.43-----------------------------------------------------------
    • tu sei scrive:
      Re: portare il sito all'estero
      ma quante balle, negli stati uniti un sito del genere non sarebbe durato un giorno, in usa col DMCA alla MPAA e alle altre associazioni basta inviare una mail per fare rimuovere i file protetti da copyright, e se non lo fai il gestore che ospita il tuo sito non ci pensa un secondo a chiudere tutto e cacciarti dal suo server pur di evitare conseguenze legali. In italia invece ci sono voluti mesi per farlo chiudere.Youtube e' tutta un'altra cosa, ogni utente e' reponsabile per quello che uploada, comunque se infrange le regole ripetutamente gli chiudono tutto il profilo, non solo i video protetti.
      • Gix scrive:
        Re: portare il sito all'estero
        ecco il perchè di Mogulus e Justin.tv. sono come youtube e sono meglio di rifletto. anche se le cose più porchè le fanno su megavideo
  • emmeesse scrive:
    Non me ne intendo ma...
    "nucleo polizia... SEZIONE FALSIFICAZIONE MONETARIA ED ALTRI MEZZI DI PAGAMENTO..."IMHO il problema non sta nei diritti d'autore...Qualcuno sa dirmi se ha senso trarre queste (pseudo)conclusioni da quella scritta?
    • Don Zauker scrive:
      Re: Non me ne intendo ma...
      - Scritto da: emmeesse
      "nucleo polizia... SEZIONE FALSIFICAZIONE
      MONETARIA ED ALTRI MEZZI DI
      PAGAMENTO..."

      IMHO il problema non sta nei diritti d'autore...

      Qualcuno sa dirmi se ha senso trarre queste
      (pseudo)conclusioni da quella
      scritta?Il sito è stato sottoposto a sequestro ai senso dell'art. 171 legge 633/41http://www.entersistemi.com/php/legge_633_diritto_autore.htm
    • sda scrive:
      Re: Non me ne intendo ma...
      - Scritto da: emmeesse
      "nucleo polizia... SEZIONE FALSIFICAZIONE
      MONETARIA ED ALTRI MEZZI DI
      PAGAMENTO..."

      IMHO il problema non sta nei diritti d'autore...

      Qualcuno sa dirmi se ha senso trarre queste
      (pseudo)conclusioni da quella
      scritta?forse hanno fatto finta di pagare i diritti ma in realtà non erano pagati : bho
      • Chitto scrive:
        Re: Non me ne intendo ma...
        - Scritto da: sda
        - Scritto da: emmeesse

        "nucleo polizia... SEZIONE FALSIFICAZIONE

        MONETARIA ED ALTRI MEZZI DI

        PAGAMENTO..."



        IMHO il problema non sta nei diritti d'autore...



        Qualcuno sa dirmi se ha senso trarre queste

        (pseudo)conclusioni da quella

        scritta?

        forse hanno fatto finta di pagare i diritti ma in
        realtà non erano pagati :
        bhoCiò non giustifica in nessun modo il sequestro dell'intero sito.È come se per via di qualche video musicale in violazione del copyright di qualcuno su Youtube si chiudesse tutto il sito, con tanto di sputtanamento generale grazie al loro ridicolo manifestino.Qui in Italia siti del genere semplicemente non sono realizzabili, l'ignoranza, specie da parte delle così dette "forze dell'ordine" è abissale e non permette certo lo sviluppo di tecnologie innovative.Concordo con chi ha detto che se Youtube fosse italiano avrebbe chiuso dopo 1 mese.
        • Luco, giudice di linea mancato scrive:
          Re: Non me ne intendo ma...
          - Scritto da: Chitto
          Qui in Italia siti del genere semplicemente non
          sono realizzabili, l'ignoranza, specie da parte
          delle così dette "forze dell'ordine" è abissale e
          non permette certo lo sviluppo di tecnologie
          innovative.L'ignoranza è più da parte dei magistrati che delle forze dell'ordine, che loro malgrado devono eseguire degli ordini.Questo fermo restante che ci sono tanti ignoranti anche nelle FFOO ma all'interno della magistratura la percentuale di ignoranti sfiora il 100%, nelle FFOO al massimo arriverà al 90%.
          • giorgio scrive:
            Re: Non me ne intendo ma...
            Ma secondo voi una procedura giudiziaria si basa su dati di fatto di fantasia o di simpatica tecnologica o sull'applicazione e l'intepretazione dei codici che formano il Diritto?Credo che qualsiasi giudice sia più competente nell'applicazione della legge di ciascuno di noi a meno che sia sua volta giudice e competente per materia e territorio.Francamante queste dissertazioni sull'ignoranza di guardia di finanza o giudici sono come le discussioni al bar del lunedì mattina.Senza polemiche.
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: Non me ne intendo ma...
            - Scritto da: giorgio
            Ma secondo voi una procedura giudiziaria si basa
            su dati di fatto di fantasiaSì.Il solo fatto che sia possibile l'oscuramento di un sito prima ancora che ci sia stato non solo un processo, anche solo un rinvio a giudizio, e nemmeno l'interrogatorio di garanzia, la dice lunga.Perché i danni, in caso di assoluzione, li paga lo Stato.Se ogni PM si assumesse personalmente la responsabilità di un sequestro, e in caso di assoluzione dell'indagato pagasse i danni di tasca sua, allora potrei anche starci. La verità è che la magistratura inquirente è intoccabile, se sbaglia è lo stato a pagare, se fa bene si prendono premi menzioni, scorte, auto blu e aumenti di (già altissimi, senza paragoni nel resto d'Europa) stipendi.Invece così è lo Stato, cioè siamo noi a dover pagare per gli errori dei magistrati, che causano danni loro personalmente.La firma di un provvedimento di sequestro non ce l'ho messa mica io, visto che la magistratura NON E' ELETTA DAI CITTADINI a differenza del Parlamento.Fanno danni? Che paghino loro. Non vedo perché debbo pagare io per le LORO mancanze.In qualunque altro lavoro, chi sbaglia paga.Nel loro "lavoro", chi sbaglia non paga. Pagano gli altri.Enzo Tortora è ancora lì a ricordarlo a tutti. Purtroppo è morto perché l'hanno costretto ad ammalarsi e a morire nonostante fosse innocente, ma se fosse ancora vivo parlerebbe con forza contro tutto questo.Per inciso, i magistrati che hanno accusato Enzo Tortora non solo non hanno avuto nemmeno una riduzione di stipendio, non solo non si sono fatti neanche un giorno di carcere, ma ora si stanno mangiando migliaia e migliaia di euro al mese, con pensioni immeritate (pagate con le nostre tasse) per NON aver lavorato bene quando in qualsiasi altro lavoro un errore del genere li avrebbe licenziati in tronco, costretti al pagamento (DI TASCA LORO) di un ENORME risarcimento, al punto che probabilmente si sarebbero trovati senza casa perché quello che avrebbero risarcito non sarebbe bastato, sarebbero finiti in carcere a vita per aver rovinato la vita di UN innocente (figuriamoci quelli che ne hanno rovinati più di uno... e sono pronto a scommettere che nessun PM ne è immune).
            o di simpatica
            tecnologica o sull'applicazione e
            l'intepretazione dei codici che formano il
            Diritto?Ma che dici? L'interpretazione dei codici?La testa dovresti tirarla fuori dalla sabbia, ogni tanto...
            Credo che qualsiasi giudice sia più competente
            nell'applicazione della legge di ciascuno di noi
            a meno che sia sua volta giudice e competente
            per materia e territorio.Assolutamente no e questo caso lo dimostra, ma ce ne potrebbero essere migliaia, basta sfogliare Punto Informatico.Sequestri di materiale informatico per banali violazioni di copyright via p2p in cui viene sequestrato l'intero PC e non viene invece fatta una copia dei dischi rigidi.Una copia di un HD sequestrato? Costosissima, centinaia di migliaia di euro. Per un singolo HD.Quasi ogni giorno su PI e su qualunque giornale ci sono notizie di questo genere, e in tutte io leggo errori di procedura, sequestri preventivi e per lo più immotivati, abusi vari, indagini partite in maniera non corretta e finite peggio, innocenti che non possono urlare la loro innocenza perché qualcuno glielo impedisce. Le notizie seguono sempre, o quasi sempre (PI a volte fa eccezione, ho detto a volte ) prese da fonte investigativa/accusatoria. Nessun quotidiano, nessun sito, nessuna agenzia di stampa si sogna di chiedere la versione della difesa, non dico dell'indagato, ma anche solo dei suoi legali.E tu osi ancora dubitare dell'ignoranza e della cattiva fede?
            Francamante queste dissertazioni sull'ignoranza
            di guardia di finanza o giudici sono come le
            discussioni al bar del lunedì mattina.A me lo sembrano le tue. Stile "va tutto bene, nessuno sbaglia".
            Senza polemiche.Io sì. Ma non contro di te. Tu sei solo una vittima plagiata da quei magistrati/FFOO che dicono "va tutto bene, ci pensiamo noi, non vi preoccupate, noi siamo il Bene Supremo e vinceremo sempre e comunque"Benjamin Franklin disse: "Chi è disposto a rinunciare a parte delle sue libertà per ottenere un piccolo, temporaneo senso di sicurezza, non merità né libertà né sicurezza".
    • Neuro scrive:
      Re: Non me ne intendo ma...
      - Scritto da: emmeesse
      "nucleo polizia... SEZIONE FALSIFICAZIONE
      MONETARIA ED ALTRI MEZZI DI
      PAGAMENTO..."

      IMHO il problema non sta nei diritti d'autore...

      Qualcuno sa dirmi se ha senso trarre queste
      (pseudo)conclusioni da quella
      scritta?hai perfettamente ragione!Stai a vedere che questa paseudo società è la solita "scatola cinese" italiana nata per ripulire i soldi di chissà chi...
  • claude scrive:
    shannon lo diceva da tempo...
    http://www.shannon.it/blog/conclusione-della-vicenda-riflettotv/
  • Chitto scrive:
    Naturalmente
    un sito italiano crea per la prima volta vera innovazione... e cosa fanno i nostri eroi della guardia di finanza? Mica chiedere la rimozione degli EVENTUALI video in violazione del diritto d'autore... nooooooooo... meglio chiudere tutto il sito causando fra l'altro un grosso danno d'immagine all'intero servizio.Evidentemente gli autori del sito non possedevano cash a sufficienza per corrompere questo o quel politico, in Italia le cose funzionano solo in questo caso.
    • Alex scrive:
      Re: Naturalmente
      - Scritto da: Chitto
      un sito italiano crea per la prima volta vera
      innovazione...Ti sei chiesto perché è stato chiuso?Non certo per l'innovazione.
      • Chitto scrive:
        Re: Naturalmente
        - Scritto da: Alex
        - Scritto da: Chitto

        un sito italiano crea per la prima volta vera

        innovazione...
        Ti sei chiesto perché è stato chiuso?
        Non certo per l'innovazione.Certamente: per ignoranza.
        • Renji Abarai scrive:
          Re: Naturalmente
          si infatti non permettere di vedere film come Batman Begins, I fantastici 4 e Ratatuille in streaming è proprio ignoranza........ a casa tua. A casa mia si chiama "violazione di diritti d'autore".E' già pericoloso mettere spezzoni anche di 4 secondi su Youtube, figurati un film intero.
          • Paolino scrive:
            Re: Naturalmente
            - Scritto da: Renji Abarai[cut]
            E' già pericoloso mettere spezzoni anche di 4
            secondi su Youtube, figurati un film
            intero.Quale pericolo x 4 secondi?Ce ne sono tantissimi di spezzoni, anche piu' lunghi...
          • Renji Abarai scrive:
            Re: Naturalmente
            non sei mai stato segnalato.Ad alcuni li hanno fatti levare.
          • Sgabbio scrive:
            Re: Naturalmente
            si ma poi ne sono riapparti 50 volte sul tubo.Comunque, povevano chiedere di rimuovere il materiale coperto da copyright invece di chiudere l'intero sito, un pò come se oscurassero youtube...
          • Renji Abarai scrive:
            Re: Naturalmente
            una cosa è che sia implementata da terzi, un altra dagli amministratori :)
          • Myriam Bianchi scrive:
            Re: Naturalmente
            una cosa io non capisco: oltre al fatto di chiudere tutto e non oscurare come dite voi solo i video coperti da copyright,hanno oscurato anche rifletto.it, che non c'entrava nulla, visto che lì i video non c'erano -mi pare- mentre c'erano gli articoli della redazione... sono perplessa
          • Neuro scrive:
            Re: Naturalmente
            evidentemente non è solo un probelma di copyright. Rifletto.tv era un progetto piuttosto grosso (visti i soldi che avranno speso in pubblicità e editoriali in giro per la rete, sui giornali e sulla tv. Mi chiedo se sotto non ci sia qualcosa di davvero grosso (come reato intendo)
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: Naturalmente
            - Scritto da: Renji Abarai
            si infatti non permettere di vedere film come
            Batman Begins, I fantastici 4 e Ratatuille in
            streaming è proprio ignoranza.....
            ... a casa tua.
            A casa mia si chiama "violazione di diritti
            d'autore".Ma che cazzo di ragionamento sarebbe? Allora va chiuso anche Google perchè permette di trovare materiale protetto da copyright.Se ci sono dei video che violano le regole chi di dovere li segnala e i gestori del sito cancellano QUEI SINGOLI VIDEO .Ah, per inciso, scommetto che tu non hai mai scaricato o copiato un divx o un mp3 o un gioco, avrai tutto originale suppongo, perché altrimenti il discorso di "a casa mia" non vale più. Comodo fare l'inquisitore con la testa degli altri...-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 15 maggio 2008 12.38-----------------------------------------------------------
          • Renji Abarai scrive:
            Re: Naturalmente
            Io sono d'accordo per pagare il lavoro degli altri.Per il resto ascolto la radio, i cd dei 5 gruppi che reputo interessanti li compro e i film o me li guardo al cinema o attendo il dvd.I giochi? tutti quelli che faccio sono in rete e se c'è l'abbonamento lo pago senza problemi dato che loro mettono i server e lavorano su patch ogni mese e in qualche modo devono essere mantenuti.In questo caso evidentemente non erano link ma erano proprio hostati sul server di RiflettoTV.Distinguiamo le cose come stanno.
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: Naturalmente
            - Scritto da: Renji Abarai
            In questo caso evidentemente non erano link ma
            erano proprio hostati sul server di
            RiflettoTV.E quindi? Ce li hanno messi i gestori? Oppure per caso, pur ricevendo richiesta di rimozione, non hanno ottemperato?Hai prove di ciò?Non basterebbe fare come per GoogleTube, o pensi che lì non ci sia mai stato niente coperto da copyright?
            Distinguiamo le cose come stanno.Affermare che un gestore è responsabile di quanto mettono gli utenti è gravissimo, teoricamente a questo punto potrei scrivere qualcosa che sia un reato (ad esempio offendere qualcuno o propagandare il fascismo) e potrei stare tranquillo tanto ci andrebbe di mezzo punto informatico e non io.
          • Renji Abarai scrive:
            Re: Naturalmente
            scusami forse non hai seguito riflettoTV dall'inizio.PER QUANTO MI RICORDO (sottolineo) c'erano state polemiche all'inizio ed erano state sollevate polemiche per la presenza di film protetti da copyright.Gli stessi amministratori avevano dichiarato che erano pagati i diritti tramite le pubblicità del sito (ma non ne sono sicuro, mi ricordo di un intervista ai gestori che erano tranquilli).Sicuramente non era materiale inserito dagli utenti.
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: Naturalmente
            - Scritto da: Renji Abarai
            scusami forse non hai seguito riflettoTV
            dall'inizio.In effetti no.
            PER QUANTO MI RICORDO (sottolineo) c'erano state
            polemiche all'inizio ed erano state sollevate
            polemiche per la presenza di film protetti da
            copyright.
            Gli stessi amministratori avevano dichiarato che
            erano pagati i diritti tramite le pubblicità del
            sito (ma non ne sono sicuro, mi ricordo di un
            intervista ai gestori che erano
            tranquilli).
            Sicuramente non era materiale inserito dagli
            utenti.Ok già è diverso, rimane che chiudere tutto il sito compreso il materiale legale è da (dispregiativo a caso)
          • Renji Abarai scrive:
            Re: Naturalmente
            se il proprietario avesse trattato e distribuito (uso condizionale dato che posso presupporre e non voglio accusare) materiale protetto è giusto che venga chiuso tutto il sito.Se trovano materiale scaduto o andato a male in un negozio sequestrano tutto, non solo il reparto incriminato.:)
          • Neuro scrive:
            Re: Naturalmente
            - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
            chiudere tutto il
            sito compreso il materiale legale è da
            (dispregiativo a
            caso)i contenuti non coperti da copyright saranno stati il 5% del sito...
          • Neuro scrive:
            Re: Naturalmente
            - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
            Affermare che un gestore è responsabile di quanto
            mettono gli utenti è gravissimoguarda che i video non erano caricati dagli utenti, ma pubblicati da RTV. I video (non film. etc) invece erano fatti da rifltto tv che si beccava un sacco di soldi per girarli, montarli e pubblicarli (ed erano delle cagate pazzesche.
        • tu sei scrive:
          Re: Naturalmente
          - Scritto da: Chitto
          - Scritto da: Alex

          - Scritto da: Chitto


          un sito italiano crea per la prima volta vera


          innovazione...

          Ti sei chiesto perché è stato chiuso?

          Non certo per l'innovazione.

          Certamente: per ignoranza.si, la tua.Credi sia cosi' innovativo fare un sito che permette lo streaming di film interi? non c'e' niente di nuovo, se non lo fa nessuno e' perche' divresti pagare i diritti su quello che trasmetti come fanno le tv tradizionali e non si parla di noccioline.
    • Neuro scrive:
      Re: Naturalmente
      ma quale innovazione!? Trasmettere programmi tv su internet è innovare? Le web tv sono altra cosa...
Chiudi i commenti