Lettere/ Cinema, istruzioni per l'uso

Mai farsi vedere armati di computer prima di entrare in sala. C'è il rischio di non riuscire ad entrarci affatto. Davanti alla celluloide, non vale la presunzione di innocenza

Caro Punto Informatico,

Scrivo per raccontare di uno spiacevole episodio che ha visto protagonista, questa sera, me e il mio portatile.

Sono, per meglio dire ero, un affezionato cliente di un cinema che frequento per motivi di vicinanza alla mia abitazione quasi tutte le settimane da quando è stato inaugurato. Per la stessa ragione questa sera avevo deciso di andare, con altri 5 amici, ad assistere alla proiezione de “Il mio vicino Totoro”, lavoro di animazione del 1988 (attenzione: 1988) dell’artista giapponese Hayao Miyazaki del quale sono appassionato.

Come ogni sera analoga, andando al cinema direttamente dal lavoro, portavo con me il mio portatile nella sua borsa. Essendo in relativo anticipo (quasi un’ora)
e disponendo il cinema di una vasta sala d’attesa ho commesso, parrebbe, il fatale errore di approfittare del tempo disponibile per finire di catalogare le foto delle vacanze. Arrivati, poi, i miei amici, rimesso il portatile nella borsa, comprati i biglietti, mi sono avviato all’entrata della sala.

Lì l’amara sorpresa: “con quella borsa non può entrare”.

Ammetto di essere cascato dalle nuvole. Mi è stato spiegato che non mi era consentito entrare nel cinema perché, essendosi il direttore accorto che avevo un portatile, avrei potuto, a suo avviso, registrare il film.

A poco è servito affermare che sono anni che frequento quello stesso cinema con quella stessa borsa e che il mio portatile, un MacBookPro da 15 pollici, ha solo una webcam integrata rivolta verso l’utente (cosa che avrebbe reso qualsiasi tentativo di ripresa piuttosto ridicolo). A poco è servito far presente che il film è dell’88. A poco è servito far presente che se avessi avuto intenzioni del genere non avrei giocato per tre quarti d’ora con il portatile nella sala d’attesa. A poco è servito far presente che era solo un portatile, non una telecamera. A poco è servito far notare che tutti gli altri che entravano potevano avere qualsiasi cosa nelle borse (senza parlare dei cellulari di ultima generazione).

Le abbiamo provate tutte. Nulla da fare.
“Se mi da il suo portatile glielo posso mettere in cassaforte” è il massimo che ho ottenuto dal direttore, assieme a “poteva lasciarlo nel bagagliaio della sua auto”. Essendo un professionista, avendo sul portatile i dati dei miei clienti ed essendo il portatile aziendale, non avevo purtroppo modo di assecondare la prima richiesta e, rispetto alla seconda, francamente, non sapevo se essere più incredulo o divertito.

Naturalmente ce ne siamo andati dopo esserci fatti rimborsare i biglietti. Serata rovinata.

La cosa più fastidiosa di questa esperienza? Il fatto che nemmeno per un secondo sia balenata l’idea della presunzione dell’innocenza. Del fatto, cioè, che anche se porto con me un portatile non vuol dire che voglia “rubare” un film e che dare per scontato l’opposto fosse un’offesa non solo nei miei confronti ma anche nei confronti delle persone che erano con me.

A ben pensarci, a mente fredda, avrei dovuto chiedere di essere, semplicemente, ammanettato, tanto per escludere il rischio di commettere un crimine. Dopotutto ero colpevole: avevo con me un portatile.

Cordiali saluti,
(lettera firmata)

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • M.R. scrive:
    Almeno in Inghilterra....
    ....c'è la speranza che quei soldi siano effettivamente usati per quello promesso.E in Italia? Ci sarebbero speranze che almeno l' 1 percento di tale balzello finisca veramente per finanziare l' ammodernamento?
  • Giuseppe Rossi scrive:
    Come si risolvono i problemi
    Forse che non pagano un canone ogni mese ?Una nuova tassa ma è un genio, ma dove lo hanno trovato, vorremmo averlo noi in Italia, ma è stato in vacanza con Visco (ma ve lo siete già dimenticato ???).Ma è una gioia pagare le tasse... se fossero giuste, se fossero impiegate bene.
  • anonimo scrive:
    internet
    Perchè non basta quello che si paga alla telecom per avere l'adsl
  • Leone Morta scrive:
    invito alla lettura sul tema della liber
    Sul blog "New Blog Times" (google please). C'e' un interessante articolo rivolto a chi si esprime liberamente su internet, dal titolo "Lo strano caso di Benjamin Pecorella". Un invito alla lettura, l' ho trovato esortativo. Saluti
  • xWolverinex scrive:
    Notiziona !!
    In Italia la rete e' stata fatta SOLO coi soldi dei contribuenti e poi e' stata praticamente REGALATA ad un privato....Non mi fanno per nulla pena.
    • coop scrive:
      Re: Notiziona !!
      - Scritto da: xWolverinex
      In Italia la rete e' stata fatta SOLO coi soldi
      dei contribuenti e poi e' stata praticamente
      REGALATA ad un
      privato....

      Non mi fanno per nulla pena.In Italia c'è un gruppo economico e finanziario che ha un giro d'affari di oltre 50 miliardi di euro all'anno e le tasse non sa nemmeno cosa siano. Si chiamano cooperative. Votate Ber(lu)s(co)ani.
  • Gizmo scrive:
    Se si scandalizzano per 6 euro
    Conosco un'altra tassa iniqua fatta pagare a tutti senza distinzione di fascia di reddito.. e costa 107 euro all'anno, non 6.
    • albertobs88 scrive:
      Re: Se si scandalizzano per 6 euro
      Inizia per R e finisce per AI? :P
      • Guybrush scrive:
        Re: Se si scandalizzano per 6 euro
        - Scritto da: albertobs88
        Inizia per R e finisce per AI? :Pno.Inizia per R e finisce per adioanimalimbarcati.Pero' ci sei andato vicino :D
      • Gizmo scrive:
        Re: Se si scandalizzano per 6 euro
        - Scritto da: albertobs88
        Inizia per R e finisce per AI? :Pahahahah!! indovinato ^_^
    • Funz scrive:
      Re: Se si scandalizzano per 6 euro
      - Scritto da: Gizmo
      Conosco un'altra tassa iniqua fatta pagare a
      tutti senza distinzione di fascia di reddito.. e
      costa 107 euro all'anno, non
      6.Se la cosa che inizia per C e finisce per ANONE andasse a finanziare le reti Internet invece che robaccia per cervelli all'ammasso, la pagherei più volentieri :)
      • xWolverinex scrive:
        Re: Se si scandalizzano per 6 euro
        - Scritto da: Funz
        - Scritto da: Gizmo

        Conosco un'altra tassa iniqua fatta pagare a

        tutti senza distinzione di fascia di reddito.. e

        costa 107 euro all'anno, non

        6.

        Se la cosa che inizia per C e finisce per ANONE
        andasse a finanziare le reti Internet invece che
        robaccia per cervelli all'ammasso, la pagherei
        più volentieri
        :)Quotone
  • Enjoy with Us scrive:
    La sinistra è sempre SINISTRA!
    L'unica soluzione di ogni problema è sempre la stessa, facciamo una nuova tassa, alziamo le tasse esistenti ecc...Già che ci sono perchè non finanziano il progetto delle disconnessioni forzose con un'altra tassa aggiuntiva e perchè no, perchè non introducono una bella tassa sull'equo compenso da far pagare a tutti e da versare direttamente alle povere major... tanto tutti sono colpevoli... alzi la mano chi non canticchia mai un motivetto!
    • Arancia scrive:
      Re: La sinistra è sempre SINISTRA!
      - Scritto da: Enjoy with Us
      L'unica soluzione di ogni problema è sempre la
      stessa, facciamo una nuova tassa, alziamo le
      tasse esistenti
      ecc...Il fatto è che lo Stato, qualunque esso sia, è sempre più ricco grazie alle tasse che impone ai suoi cittadini. Questi soldi dovrebbero servire al popolo, non ad aumentare loro lo stipendio o far si che ci siano altri nullafacenti ignoranti con la terza media a impegnare ruoli che dovrebbero essere ricoperti esclusivamente da chi sa il fatto suo ed ha un background culturale che gli permette di farlo.Risultato, Stato ricco, "dipendenti" al suo servizio sempre piu in grado di scialaquare, e la gente normale alle prese con i conti correnti sempre in rosso. Almeno per qualli che non hanno ancora ritirato tutto quel poco che gli rimane dal proprio conto in banca.Lo Stato è stato creato per il benessere del popolo, non per la sua rovina. Ma la gente sembra aver dimenticato questo semplicissimo concetto.
      • attackment scrive:
        Re: La sinistra è sempre SINISTRA!
        c'è pure chi ha studiato ma sa fare meno di un autodidatta
      • unaDuraLezione scrive:
        Re: La sinistra è sempre SINISTRA!
        contenuto non disponibile
      • ExtraT scrive:
        Re: La sinistra è sempre SINISTRA!
        A quando la pulizia basata su età/abilità/stato di salute... etc etc? che Hitler avesse ragione? ma vai tranquillo, con la sinistra che ci ritroviamo il 1984 NON è già passato, ma appare un lminoso futuro.
      • bLax scrive:
        Re: La sinistra è sempre SINISTRA!
        ora,non mescoliamo la nostra situazione di medda con qualla inglese....le spese del parlamento e della corona là sono tutte pubblicate in internet...qua da noi sono pubbliche ma gli archivi inaccessibili...pensa te come siamo presi!in inghilterra chi amministra la cosa pubblica lo deve fare secondo il concetto "del buonpadre di famiglia", piu snello e senza mille concorsi pubblici e appalti, e si viene processati se viene identificata una serie di spese "faziose" (nel senso che non serve indire un concorso per sapere il prezzo di qualcosa, semplicemente si dà carta bianca, ma se ti pesco a coprare sempre dallo stasso fornitore, e a prezzi non concorrenziali, SICURO c'è un maneggio sotto e sei nella XXXXX...e la finisci in galera, mica come qui che finisci in TV)
Chiudi i commenti