L'Europa lavora al computer molecolare

Un nuovo progetto finanziato dalla UE mira alla sintesi di un sistema di computing innovativo, che non si limiti a fare concorrenza a quelli attuali ma lavori in ambiti diversi

Roma – Se IBM prova a replicare il funzionamento del cervello con l’ausilio di un supercomputer, un team composto da ricercatori europei ha invece deciso di seguire una strada diversa concentrandosi sulla simulazione delle interazioni chimiche che avvengono tra neuroni e la loro peculiare capacità di attivare “network” di percorsi specifici in relazione a quanto sia necessario processare.

Finanziato con una somma di 1,8 milioni di euro per 3 anni, il progetto europeo di computing molecolare vuole prima di tutto realizzare l’elemento basilare di un simile sistema, una “cellula” in grado di formare spontaneamente uno strato esterno di lipidi che nel cervello umano è alla base della comunicazione tra neuroni.

Quando due diversi strati di lipidi entrano in contatto, le cellule corrispondenti avviano la comunicazione chimica per mezzo di una proteina. In più, il nucleo cellulare è interessato dalla reazione chimica nota come Belousov-Zhabotinsky (avviabile modificando il livello di concentrazione dell’elemento bromo) ed entra in un periodo “refrattario” in cui ulteriori segnali chimici non influenzano la reazione già avviata.

Il risultato finale di tutto questo è la velocissima attivazione delle reti di neuroni preposte ai compiti più svariati, ed è anche l’obiettivo che i ricercatori europei intendono raggiungere con il loro computer molecolare o “computer bagnato”. “Ogni neurone è simile a un computer molecolare”, dice il dottor Klaus-Peter Zauner della University of Southampton che collabora al progetto. “Il nostro lavoro – continua Zauner – è un’astrazione molto brutale di quello che già fanno i neuroni”.

Se la ricerca dovesse dare i frutti sperati, inoltre, un eventuale computer molecolare pienamente operativo non sarebbe destinato a fare concorrenza alla potenza computazionale “bruta” dei calcolatori moderni, quanto piuttosto ad agire in ambiti diversi e sin qui largamente inesplorati . “Se un giorno vorremo realizzare un computer con una potenza e un complessità simili a quelle del cervello umano – dice Frantisek Stepanek dell’Istituto di tecnologia chimica di Praga – io sono convinto del fatto che occorrerà una qualche forma di computing chimico o molecolare”.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • mirko.it scrive:
    per chi non conosce android
    voglio sorvolare sulla questione del "baco" riguardante l'applicazione che ruba i dati bancari.riguardo la "vulnerabilità di sicurezza" del telefono in questione, ecco cos'è il blocco dello schermo:http://www.androidstalk.com/videos/t-mobile-g1-google-android-phone-gesture-unlockingpraticamente, equivale allo slider presente sul telefono apple per sbloccare lo schermo.è opzionale, non è impostato di default (il default è uno slider verticale, dall'alto al basso).durante la gesture di sblocco (non in quella di configurazione) si possono eliminare le 9 pallette che indicano il percorso, in modo da far sembrare una gesture qualsiasi in caso di occhi indiscreti.ciao
  • ruppolo scrive:
    L'androide col pacco
    http://www.spider-mac.com/blog/spider-mac/Voci/2010/1/13_Google_Nexus_One__raffica_di_reclami_ma_non_esiste_un_supporto_telefonico.html
    • NetUser scrive:
      Re: L'androide col pacco
      Al link che hai postato mi par di capire che google l'ha presa alla leggera dal lato supporto ai clienti. HTC e T-mobile se ne lavano un po le mani.Per finire diventa il classico gioco dello scarica barile.Un utente di quel forum ha postato su youtube un video riguardo la ricezione del suo G1 e del Nexus, lamentando problemi sul secondo.[yt]6z5iwd18avE[/yt]Mi lascia sorpreso che questo telefono presenta quasi più problemi del primo iphone pur arrivando oltre 2 anni dopo e sicuramente i materiali usati nel frattempo sono migliorati. Come mai questi problemi di ricezione? Oppure è colpa della copertura di rete? Qualcuno ha informazioni più precise in merito?Per vederci piû chiaro e sulla falsa riga di quello che accade per altri apparecchi, qualcuno sa se c'è in rete un articolo (con foto) riguardo un nexus smontato e la conseguente analisi delle sue componenti? Grazie in aticipo per il link.
    • io sono io scrive:
      Re: L'androide col pacco
      ah se lo dice lo stupefacente spider-mac...
      • ruppolo scrive:
        Re: L'androide col pacco
        - Scritto da: io sono io
        ah se lo dice lo stupefacente spider-mac...Lo dice anche lo stupefacente Macity:http://www.macitynet.it/macity/aA41687/nexus_one_la_prima_settimana_di_vendite_fa_paura_a_google.shtml
        • DarkOne scrive:
          Re: L'androide col pacco
          - Scritto da: ruppolo
          - Scritto da: io sono io

          ah se lo dice lo stupefacente spider-mac...

          Lo dice anche lo stupefacente Macity:
          http://www.macitynet.it/macity/aA41687/nexus_one_l"Macity ti porta 24/7 notizie dal mondo Mac, iPod, iPhone e Hi-Tech"Un altro giornale imparzialissimo... (ROTFL)
          • ruppolo scrive:
            Re: L'androide col pacco
            - Scritto da: DarkOne
            - Scritto da: ruppolo

            - Scritto da: io sono io


            ah se lo dice lo stupefacente spider-mac...



            Lo dice anche lo stupefacente Macity:


            http://www.macitynet.it/macity/aA41687/nexus_one_l

            "Macity ti porta 24/7 notizie dal mondo Mac,
            iPod, iPhone e
            Hi-Tech"
            Un altro giornale imparzialissimo... (ROTFL)Il Wall Street Journal ti va bene?http://digitaldaily.allthingsd.com/20100112/decent-nexus-one-customer-support-apparently-not-on-list-of-things-google-plans-to-make-universally-accessible-and-useful/?mod=ATD_sphereAh, leggiti anche queste risposte date da Walt Mossberg:http://mailbox.allthingsd.com/20100113/more-on-the-nexus-one/
    • Mettiuz scrive:
      Re: L'androide col pacco
      In effetti articoli e recensioni di mac-fanatici su un telefono android sono affidabili...Questa è una recensione di tecnophone, magari è un po' più imparziale ;)http://www.tecnophone.it/2010/01/14/google-nexus-one-la-video-prova-italiana
  • Orwell scrive:
    Il sistema di controllo di Apple
    Chiariamo innanzitutto una cosa: Google non ha mai detto che il Nexus era l'anti iPhone o l'iPhone killer; queste sono caxxate che si sono inventati i giornalisti. Naturalemente posso sbagliarmi ma a me non risultano dichiarazioni ufficiali di Google in tal senso. In ogni caso, visto che al momento ci si ostina a voler confrontare Android con Apple e Nexus One con iPhone, vorrei se possibile ragionare serenamente sull'aspetto del controllo sulle applicazioni per iPhone operato da Apple. Non ho mai sviluppato nulla per iPhone e quindi non ho idea di quale sia la procedura per pubblicare un'applicazione sullo store. Per esempio: lo sviluppatore fornisce ad Apple anche il codice sorgente della sua applicazione? Se lo fa esiste qualcuno che si mette a controllare migliaia di righe di codice per capire come funziona la sua applicazione? Danno il software in pasto ad un analizzatore che evidenzia automaticamente pezzi di codice malevolo?Altrimenti non capisco come possano garantire che le applicazioni che pubblicano sono sicure.
    • ruppolo scrive:
      Re: Il sistema di controllo di Apple
      - Scritto da: Orwell
      lo sviluppatore
      fornisce ad Apple anche il codice sorgente della
      sua applicazione?No.
      Danno il software in pasto ad un analizzatore che
      evidenzia automaticamente pezzi di codice
      malevolo?No.
      Altrimenti non capisco come possano garantire che
      le applicazioni che pubblicano sono
      sicure.Non lo garantiscono, infatti.Come nessuno ti garantisce che una vettura passi col rosso e ti investa, pur con il semaforo, la patente di guida, l'esame, la contravvenzione se passi col rosso, la polizia stradale, il controllo alcometrico, il collaudo del veicolo, l'assicurazione responsabilità civile e tutto il resto.La sicurezza deriva da un insieme di fattori:Il controllo manuale delle applicazioni;La possibilità per Apple di togliere un programma malevolo dallo store e dagli apparecchi;Il fatto che possono pubblicare sullo store solo persone note e che hanno pagato la quota annuale (quindi se hanno pagato, sono note);Il fatto che l'iPhone ha solo l'AppStore come fonte di programmi;Il fatto che l'iPhone non ha porte aperte e le applicazioni non hanno acXXXXX al sistema operativo.
    • NetUser scrive:
      Re: Il sistema di controllo di Apple
      - Scritto da: Orwell
      Chiariamo innanzitutto una cosa: Google non ha
      mai detto che il Nexus era l'anti iPhone o
      l'iPhone killer; queste sono caxxate che si sono
      inventati i giornalisti.A te risulta che google abbia fatto una smentita ufficiale oppure tornasse comodo quasta pubblicità gratuita? Naturalemente posso
      sbagliarmi ma a me non risultano dichiarazioni
      ufficiali di Google in tal senso.Ma anche nessuna semntita ufficiale, In ogni caso,
      visto che al momento ci si ostina a voler
      confrontare Android con Apple e Nexus One con
      iPhone, vorrei se possibile ragionare serenamente
      sull'aspetto del controllo sulle applicazioni per
      iPhone operato da Apple.Ma anche su quello non operato sul market. Argomento più interessante vista l'attualità. Non ho mai sviluppato
      nulla per iPhone e quindi non ho idea di quale
      sia la procedura per pubblicare un'applicazione
      sullo store. Per esempio: lo sviluppatore
      fornisce ad Apple anche il codice sorgente della
      sua applicazione? Se lo fa esiste qualcuno che si
      mette a controllare migliaia di righe di codice
      per capire come funziona la sua applicazione?
      Potresti a esempio documentarti sul sito ufficiale. Sarebbe un ottima cosa documentarsi li e poi lanciare discussioni con cognizione di causa.
      Danno il software in pasto ad un analizzatore che
      evidenzia automaticamente pezzi di codice
      malevolo?
      Altrimenti non capisco come possano garantire che
      le applicazioni che pubblicano sono
      sicure.Prova con google oppure direttamente sul sito apple.
      • Orwell scrive:
        Re: Il sistema di controllo di Apple
        - Scritto da: NetUser
        A te risulta che google abbia fatto una smentita
        ufficiale oppure tornasse comodo quasta
        pubblicità
        gratuita?E chi dovrebbe smentire? 10 mila blog e forum?

        Ma anche su quello non operato sul market.
        Argomento più interessante vista
        l'attualità.Beh su questo si è già detto, no? Non c'è, se non a posteriori. Cos'altro dobbiamo dire?
        Potresti a esempio documentarti sul sito
        ufficiale. Sarebbe un ottima cosa documentarsi li
        e poi lanciare discussioni con cognizione di
        causa.Io non ho trovato nulla a riguardo, speravo di avere una risposta da voi, profondi conoscitori di iPhone. Se sai come funziona, dillo.

        Prova con google oppure direttamente sul sito
        apple.Io non ho trovato nulla. Se mi mandi un link ti ringrazio.
        • NetUser scrive:
          Re: Il sistema di controllo di Apple
          - Scritto da: Orwell
          - Scritto da: NetUser


          A te risulta che google abbia fatto una smentita

          ufficiale oppure tornasse comodo quasta

          pubblicità

          gratuita?

          E chi dovrebbe smentire? 10 mila blog e forum?
          Una smetita ufficiale basta. Se non è stata fatta sicuramente a google conveniva non poco che dipingessero il Nexus quale iphone-killer.Non hanno fatto i conti con le stroncature iniziali del loro prodotto.



          Ma anche su quello non operato sul market.

          Argomento più interessante vista

          l'attualità.

          Beh su questo si è già detto, no? Non c'è, se non
          a posteriori. Cos'altro dobbiamo
          dire?
          Nulla e soprattutto non difendere a tutti i costi un modello che presenta pecche non da poco conto.

          Potresti a esempio documentarti sul sito

          ufficiale. Sarebbe un ottima cosa documentarsi
          li

          e poi lanciare discussioni con cognizione di

          causa.

          Io non ho trovato nulla a riguardo, speravo di
          avere una risposta da voi, profondi conoscitori
          di iPhone. Se sai come funziona,
          dillo.Chi cerca trova come trovai io.PiÙ libero di così. Troppo facile trovare sempre la pappa pronta.




          Prova con google oppure direttamente sul sito

          apple.

          Io non ho trovato nulla. Se mi mandi un link ti
          ringrazio.Qualcosa trovi di sicurohttp://developer.apple.com/iphone/https://daw.apple.com/cgi-bin/WebObjects/DSAuthWeb.woa/wa/login?appIdKey=D534F5C413E680ACBC861EE8025883117C9705F90893AF782751628F0291F620&path=/iphone/index.phphttp://developer.apple.com/safari/library/documentation/InternetWeb/Conceptual/iPhoneWebAppHIG/Introduction/Introduction.htmle google è sempre amico di tutti, magari non propone link aggiornatissimi, ma qualcosa si trova sempre:http://www.cupmagazine.com/vuoi-pubblicare-in-appstore-ecco-i-principali-consigli-10633.htmlhttp://www.marcobellinaso.com/blog-ita/post/Pubblicare-applicazioni-iPhone-iPod-Touch-su-iTunes.aspx
          • Orwell scrive:
            Re: Il sistema di controllo di Apple
            - Scritto da: NetUser
            Chi cerca trova come trovai io.Se sai come funziona perchè non lo spieghi senza tanti giri di parole?
            PiÙ libero di così. Troppo facile trovare sempre
            la pappa
            pronta.Se, vabbè.
            Qualcosa trovi di sicuro
            http://developer.apple.com/iphone/Queste sono le condizioni per l'iscrizione all'ADC; non parlano dei criteri di accettazione delle applicazioni sviluppate.
            https://daw.apple.com/cgi-bin/WebObjects/DSAuthWebMi chiede una username e una password.
            http://developer.apple.com/safari/library/document
            Safari Dev Center, però non trovo nulla di interessante.
            e google è sempre amico di tutti, magari non
            propone link aggiornatissimi, ma qualcosa si
            trova
            sempre:
            http://www.cupmagazine.com/vuoi-pubblicare-in-appsSorry. Error 404: Page Not Found
            http://www.marcobellinaso.com/blog-ita/post/PubbliEcco questo è già qualcosa. Per pubblicare un'applicazione bisogna fornire una serie di documenti attestanti la propria identità e firmare dei contratti. Questo può essere un buon deterrente verso i malintenzionati. Quanto ai controlli più o meno automatici e più o meno approfonditi sulle applicazioni, non mi sembra ci sia chiarezza da nessuna parte; la procedura di approvazione non è nota, tanto che alcuni sviluppatori hanno tentato di riassumerla in un flow chart:http://www.cio.com/images/content/articles/body/2009/05/AppStoreComic.jpgPer il resto vedremo, giudicherà il mercato. Se Android dovesse fallire, pazienza me ne farò una ragione.
          • NetUser scrive:
            Re: Il sistema di controllo di Apple
            - Scritto da: Orwell
            - Scritto da: NetUser


            Chi cerca trova come trovai io.

            Se sai come funziona perchè non lo spieghi senza
            tanti giri di parole?

            Perché puoi imparare ad usare google.

            PiÙ libero di così. Troppo facile trovare sempre

            la pappa

            pronta.

            Se, vabbè.Intanto ho ragione.


            Qualcosa trovi di sicuro

            http://developer.apple.com/iphone/

            Queste sono le condizioni per l'iscrizione
            all'ADC; non parlano dei criteri di accettazione
            delle applicazioni
            sviluppate.
            Se cerchi trovi.


            https://daw.apple.com/cgi-bin/WebObjects/DSAuthWeb

            Mi chiede una username e una password. Creati un account



            http://developer.apple.com/safari/library/document



            Safari Dev Center, però non trovo nulla di
            interessante.
            Se non leggi poi ovvio che scrivi che non lo trovi interessante.


            e google è sempre amico di tutti, magari non

            propone link aggiornatissimi, ma qualcosa si

            trova

            sempre:


            http://www.cupmagazine.com/vuoi-pubblicare-in-apps

            Sorry. Error 404: Page Not FoundSorry a me funzionava. Sarai sfigato tu che, non capisci i link postati, non hai la password, non ti vanno i link, non sai usare google.Strano, tutte a te capitano.



            http://www.marcobellinaso.com/blog-ita/post/Pubbli

            Ecco questo è già qualcosa.E c'era qualcosa anche negli altri link. Se solo ti fossi dato la pena di leggerli. Per pubblicare
            un'applicazione bisogna fornire una serie di
            documenti attestanti la propria identità e
            firmare dei contratti. Questo può essere un buon
            deterrente verso i malintenzionati. Quanto ai
            controlli più o meno automatici e più o meno
            approfonditi sulle applicazioni, non mi sembra ci
            sia chiarezza da nessuna parte; la procedura di
            approvazione non è nota, tanto che alcuni
            sviluppatori hanno tentato di riassumerla in un
            flow
            chart:
            E quindi?Meglio il market di android dove l'unica cosa chiara è che non ci sono controlli?Non capisco dove vuoi andare a parare.
            http://www.cio.com/images/content/articles/body/20

            Per il resto vedremo, giudicherà il mercato. Se
            Android dovesse fallire, pazienza me ne farò una
            ragione.Ti rimarrà piÙ tempo per imparare ad usare produttivamente google e trovare quello che cerchi evitando di lamentarti sui forum.
  • qwa aqw scrive:
    pssst, ho un segreto da rivelare
    Qualsiasi sistema operativo sul quale si possano installere applicazioni di terze parti è insicuro, basta installlarci sopra un "client per operazioni bancarie".Scusate, ma chi è che si installa un client per operazioni bancarie? Non lo installerei neanche se fosse la mia banca a fornirmelo.
    • sadness with you scrive:
      Re: pssst, ho un segreto da rivelare
      - Scritto da: qwa aqw
      Qualsiasi sistema operativo sul quale si possano
      installere applicazioni di terze parti è
      insicuro, basta installlarci sopra un "client per
      operazioni bancarie".
      Scusate, ma chi è che si installa un client per
      operazioni bancarie? Non lo installerei neanche
      se fosse la mia banca a fornirmelo.Fino al'altro ieri c'era un stuolo di persone pronte a giurare che Open Source = (intrinsecamente) più sicurezza. Ora invece si pretende che l'utente che compra un cellulare (prodotto altamente consumer destinano a gente che nemmeno sa cos'è un sistema operativo, o cosa sia l'Open Source) faccia delle scelte in merito alla "libertà" e alla "sicurezza"... ma da quando chi compra un cellulare deve preoccuaprsi di certe cose???
      Basta stare attenti e non
      essere così bravi da inserire propri dati
      sensibili in applicazioni dubbie.Ripeto per l'essima volta: chi difende Android si sta focalizzando su "questo" caso specifico, ma la realtà è un altra... la realtà è che, non essendoci alcun controllo, chiunque può inserire del codice malevolo che prende informazioni riservate dal telefono (anche senza che sia l'utente ad inserirle) e le spedisce chissà dove, e lo può inserire in qualunque applicazione, anche non dubbia (anche un gioco). Il problema non è di Android in sé ma del modello scelto da Google
      • Disgra scrive:
        Re: pssst, ho un segreto da rivelare
        che palle con sto copia incolla....open source vuol dire liberta'!se te hai sempre capito sicurezza è un problema tuo....siamo tutti responsabile di quello che diciamo e non di quello che capisci tu
      • DarkOne scrive:
        Re: pssst, ho un segreto da rivelare
        - Scritto da: sadness with you
        Fino al'altro ieri c'era un stuolo di persone
        pronte a giurare che Open Source =
        (intrinsecamente) più sicurezza. Ora invece si
        pretende che l'utente che compra un cellulare
        (prodotto altamente consumer destinano a gente
        che nemmeno sa cos'è un sistema operativo, o cosa
        sia l'Open Source) faccia delle scelte in merito
        alla "libertà" e alla "sicurezza"... ma da quando
        chi compra un cellulare deve preoccuaprsi di
        certe
        cose???
        Mi spieghi cosa diavolo c'entra l'opensource con questo fatto?Ah, aspetta...ho capito il proXXXXX mentale. Android è opensource...quindi qualsiasi cosa legata ad android è per definizione opensource, così come l'applicazione "bancaria" è opensource...quindi opensource è il male.Ma almeno ci ragioni 5 minuti sulle cose che dici?
        Ripeto per l'essima volta: chi difende Android si
        sta focalizzando su "questo" caso specifico, ma
        la realtà è un altra... la realtà è che, non
        essendoci alcun controllo, chiunque può inserire
        del codice malevolo che prende informazioni
        riservate dal telefono (anche senza che sia
        l'utente ad inserirle) e le spedisce chissà dove,
        e lo può inserire in qualunque applicazione,
        anche non dubbia (anche un gioco). Il problema
        non è di Android in sé ma del modello scelto da
        GoogleDati a suffragio di questa tua tesi ce ne sono? Dove sta scritto che una applicazione può accedere alla rubrica o quello che è, senza autorizzazione o senza nessun controllo?Sto chiedendo seriamente. Se davvero io posso fare una applicazione che prende i numeri della rubrica e spara sms senza autorizzazione, allora è una vera cacata ma sinceramente ho serissimi dubbi a riguardo.
        • ruppolo scrive:
          Re: pssst, ho un segreto da rivelare
          - Scritto da: DarkOne
          Dati a suffragio di questa tua tesi ce ne sono?
          Dove sta scritto che una applicazione può
          accedere alla rubrica o quello che è, senza
          autorizzazione o senza nessun
          controllo?Certo che può.Il controllo è quello umano, una persona verifica la correttezza dell'operazione.
          Sto chiedendo seriamente. Se davvero io posso
          fare una applicazione che prende i numeri della
          rubrica e spara sms senza autorizzazione, allora
          è una vera cacata ma sinceramente ho serissimi
          dubbi a
          riguardo.Mandare SMS no, ma più semplicemente e con maggior efficacia instaurare una connessione TCP/IP con un server, si.
        • sadness with you scrive:
          Re: pssst, ho un segreto da rivelare
          - Scritto da: DarkOne

          Fino al'altro ieri c'era un stuolo di persone

          pronte a giurare che Open Source =

          (intrinsecamente) più sicurezza. Ora invece si

          pretende che l'utente che compra un cellulare

          (prodotto altamente consumer destinano a gente

          che nemmeno sa cos'è un sistema operativo, o cosa

          sia l'Open Source) faccia delle scelte in merito

          alla "libertà" e alla "sicurezza"... ma da quando

          chi compra un cellulare deve preoccuaprsi di

          certe cose???

          Mi spieghi cosa diavolo c'entra l'opensource con
          questo fatto?
          Ah, aspetta...ho capito il proXXXXX mentale.
          Android è opensource...quindi qualsiasi cosa
          legata ad android è per definizione opensource,
          così come l'applicazione "bancaria" è
          opensource...quindi opensource è il
          male.Errore...Punto 1) Open Source significa che ogni produttore (ma non solo) puàò personalizzarlo, e se non è sufficientemente preparato rischia di infilare bug come quello di Motorola... perché alla fine della fiera chi compra il telefono se lo compra con la versione di OS che gli ha messo il produttore...Punto 2) Il modello "libertino" scelto da Google (che non è direttamente collegato all'Open Source, ma ci va a braccetto) fa si che chiunque possa infilare del malware in un'applicazione... se vuoi ne riparliamo tre 6 mesi...

          Ripeto per l'essima volta: chi difende Android si

          sta focalizzando su "questo" caso specifico, ma

          la realtà è un altra... la realtà è che, non

          essendoci alcun controllo, chiunque può inserire

          del codice malevolo che prende informazioni

          riservate dal telefono (anche senza che sia

          l'utente ad inserirle) e le spedisce chissà dove,

          e lo può inserire in qualunque applicazione,

          anche non dubbia (anche un gioco). Il problema

          non è di Android in sé ma del modello scelto da

          Google

          Dati a suffragio di questa tua tesi ce ne sono?
          Dove sta scritto che una applicazione può
          accedere alla rubrica o quello che è, senza
          autorizzazione o senza nessun controllo?Considerando che si può fare sull'iPhone, non vedo perché non debba essere possibile su Android: accedere ai dati della rubrica è quasi d'obbligo per realizzare certe utility...
          Sto chiedendo seriamente. Se davvero io posso
          fare una applicazione che prende i numeri della
          rubrica e spara sms senza autorizzazione, allora
          è una vera cacata ma sinceramente ho serissimi
          dubbi a riguardo.Più che mandare SMS, li manda via rete...-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 13 gennaio 2010 11.02-----------------------------------------------------------
          • DarkOne scrive:
            Re: pssst, ho un segreto da rivelare
            - Scritto da: sadness with you
            Errore...
            Punto 1) Open Source significa che ogni
            produttore (ma non solo) puàò personalizzarlo, e
            se non è sufficientemente preparato rischia di
            infilare bug come quello di Motorola... perché
            alla fine della fiera chi compra il telefono se
            lo compra con la versione di OS che gli ha messo
            il
            produttore...Allora saresti così gentile da spiegarmi perchè è Google che sta lavorando alla soluzione del bug e non motorola? Forse forse il problema è di android, non delle personalizzazioni, che credo si limitino all'interfaccia, icone ecc ecc.
            Punto 2) Il modello "libertino" scelto da Google
            (che non è direttamente collegato all'Open
            Source, ma ci va a braccetto) fa si che chiunque
            possa infilare del malware in un'applicazione...
            se vuoi ne riparliamo tre 6
            mesi...
            Quindi linux è pieno di malware? Che c'entra con l'opensource?Se una applicazione è opensource significa che pincopallo domani mattina si alza e si mette a sbirciare il codice e se trova malware la denuncia. Questo non può succedere in ambiti closed-source, lo sa solo l'autore cosa fa quella applicazione. Ma poichè le applicazioni sul marketplace non credo debbano essere necessariamente opensource non c'azzecca niente quello che stai dicendo.
            Considerando che si può fare sull'iPhone, non
            vedo perché non debba essere possibile su
            Android: accedere ai dati della rubrica è quasi
            d'obbligo per realizzare certe
            utility...
            Più che mandare SMS, li manda via rete...Non so quali meccanismi di protezione implementi android, ma questo è un problema del sistema operativo e non del marketplace che è aperto.E' ovvio che in un sistema in cui le applicazioni sono controllate è necessario introdurre controlli più stretti sul sistema operativo, come succede in symbian. L'applicazione va certificata e autorizzata per qualsiasi cosa faccia, compreso l'accedere ad internet.Preferisco avere questo tipo di controllo. Tu no? Usa apple...chi ti dice nulla, ma non dire che opensource è una cagata e android fa schifo perchè usa un modello di libertà che voi utenti apple non conoscerete mai.
          • DarkOne scrive:
            Re: pssst, ho un segreto da rivelare
            Ecco cosa intendo per libertà:http://gizmodo.com/5446641/the-nokia-n900-running-starcraftSi parla di maemo nel caso in oggetto, ma il discorso è lo stesso. Con apple queste cose non le vedrai mai e poi mai. Non che sia una goduria giocare a starcraft su un telefono, ma è la prova che la gente può fare cose interessanti in totale libertà.Come ho già detto, maemo potrebbe essere una alternativa molto valida ad iphone.
          • ruppolo scrive:
            Re: pssst, ho un segreto da rivelare
            - Scritto da: DarkOne
            Ecco cosa intendo per libertà:

            http://gizmodo.com/5446641/the-nokia-n900-running-

            Si parla di maemo nel caso in oggetto, ma il
            discorso è lo stesso. Con apple queste cose non
            le vedrai mai e poi mai.Meno male (rotfl)
            Non che sia una goduria
            giocare a starcraft su un telefono,Ma vaaaa???
            ma è la prova
            che la gente può fare cose interessanti in totale
            libertà.Ma certo, anche se corri nel deserto puoi andare nella direzione che vuoi, alla velocità che vuoi, in piena libertà.
            Come ho già detto, maemo potrebbe essere una
            alternativa molto valida ad
            iphone.Potrebbe, ma non è. Il punto è che i tecno-antiquari (non trovo definizione migliore per gli appassionati dei emulatori di vecchi sistemi/software) sono una ristrettissima nicchia.Ci sono migliaia di giochi su AppStore molto più belli e interessanti di quello che ci hai fatto vedere. Il mondo va avanti.PS: ma cos'è quello stilo che si vede sul filmato? Maemo usa ancora le pennette? (rotfl)
          • ruppolo scrive:
            Re: pssst, ho un segreto da rivelare
            - Scritto da: DarkOne
            Usa apple...chi ti dice nulla, ma non dire che
            opensource è una cagata e android fa schifo
            perchè usa un modello di libertà che voi utenti
            apple non conoscerete
            mai.Al contrario, noi non solo la conosciamo, questa libertà, ma ne godiamo i soli lati positivi.Giusto per fare un esempio, dal 2001 (anno di uscita di Windows XP...) noi abbiamo per default installato e attivo il web server Apache, prodotto Open Source, INTEGRATO con il sistema operativo, COMPILATO per il nostro sistema operativo e piattaforma (PPC e x86), e di una versione STABILE. Idem per le altre decine di prodotti Open Source, ivi comprese le parti del sistema operativo, come ad esempio CUPS, il sistema di gestione delle stampanti (senza scendere al BSD o al kernel).
          • sadness with you scrive:
            Re: pssst, ho un segreto da rivelare
            - Scritto da: DarkOne

            Errore...

            Punto 1) Open Source significa che ogni

            produttore (ma non solo) puàò personalizzarlo, e

            se non è sufficientemente preparato rischia di

            infilare bug come quello di Motorola... perché

            alla fine della fiera chi compra il telefono se

            lo compra con la versione di OS che gli ha messo

            il produttore...

            Allora saresti così gentile da spiegarmi perchè è
            Google che sta lavorando alla soluzione del bug e
            non motorola? Forse forse il problema è di
            android, non delle personalizzazioni, che credo
            si limitino all'interfaccia, icone ecc ecc.se così fosse, peggio ancora!!!

            Punto 2) Il modello "libertino" scelto da Google

            (che non è direttamente collegato all'Open

            Source, ma ci va a braccetto) fa si che chiunque

            possa infilare del malware in un'applicazione...

            se vuoi ne riparliamo tre 6 mesi...

            Quindi linux è pieno di malware? No, ma la diffusione in ambito consumer di Linux è ridicola (quasi inesistente), mentre il target di un telefonino è un attimo differente...
            Che c'entra con l'opensource?niente: infatto ho parlato di "modello scelto da Google"

            Considerando che si può fare sull'iPhone, non

            vedo perché non debba essere possibile su

            Android: accedere ai dati della rubrica è quasi

            d'obbligo per realizzare certe utility...

            Più che mandare SMS, li manda via rete...

            Non so quali meccanismi di protezione implementi
            android, ma questo è un problema del sistema
            operativo non è questione di "protezione": un'applicazione deve essere in grado di accedere a quei dati... ci mancherebbe...
            E' ovvio che in un sistema in cui le applicazioni
            sono controllate intendevi dire "non" sono controllate...
            è necessario introdurre
            controlli più stretti sul sistema operativo, come
            succede in symbian. L'applicazione va certificata
            e autorizzata per qualsiasi cosa faccia, compreso
            l'accedere ad internet.certificata da chi?facci un esempio pratico
            Preferisco avere questo tipo di controllo. Tu no?
            Usa apple...chi ti dice nulla, ma non dire che
            opensource è una cagatamai detto: ho semplicemente detto che IMHO non è adatto ad un prodotto come un cellulare
            e android fa schifo
            perchè usa un modello di libertà che voi utenti
            apple non conoscerete mai.mai detto che fa schifo per questo motivo: ho semplicemente detto che è un modello rischioso per una fascia di prodotto che è destinato a gente capace di scegliere il telefono solo perché "bianco è più bello di nero"Per quanto riguarda la mia libertà, "scegliere Apple" fa comunque parte della mia libertà ed è una scelta che ognuno fa in base alle prorie necessità e alle proprie idee (e non perché è un utonto lobotomizzato). Premesso questo, chi usa l'iPhone è libero di scegliere tra oltre 100'000 applicazioni, cifra alla quale Android non si avvicina nemmeno minimamente, e al momento non vedo particolari limiti alle applicazioni su AppStore. Se vuoi procedere con esempi concreti fai pure
      • ruppolo scrive:
        Re: pssst, ho un segreto da rivelare
        - Scritto da: sadness with you
        Il problema
        non è di Android in sé ma del modello scelto da
        GoogleE allora diciamolo, è un modello sbagliato.
        • angros scrive:
          Re: pssst, ho un segreto da rivelare

          E allora diciamolo, è un modello sbagliato.Per gli utenti XXXXXXXXX, sì
          • ruppolo scrive:
            Re: pssst, ho un segreto da rivelare
            - Scritto da: angros

            E allora diciamolo, è un modello sbagliato.

            Per gli utenti XXXXXXXXX, sìQuasi tutti, allora.
          • angros scrive:
            Re: pssst, ho un segreto da rivelare

            Quasi tutti, allora.Non devi pensare che quasi tutti gli utenti abbiano le stesse esigenze che hai tu.
          • NetUser scrive:
            Re: pssst, ho un segreto da rivelare
            cit: Non devi pensare che quasi tutti gli utenti abbiano le stesse esigenze che hai tu.
          • ruppolo scrive:
            Re: pssst, ho un segreto da rivelare
            - Scritto da: angros

            Quasi tutti, allora.

            Non devi pensare che quasi tutti gli utenti
            abbiano le stesse esigenze che hai
            tu.No no, mi riferivo agli XXXXXXXXX.
          • angros scrive:
            Re: pssst, ho un segreto da rivelare
            E tu ritieni di farne parte o no? Perchè se mi dici che l' iPhone per te è il telefono migliore, cosa dovrei pensare?
          • ruppolo scrive:
            Re: pssst, ho un segreto da rivelare
            - Scritto da: angros
            E tu ritieni di farne parte o no? Perchè se mi
            dici che l' iPhone per te è il telefono migliore,
            cosa dovrei
            pensare?Non dovresti pensare nulla, dovresti solo leggere altre opinioni di persone molto più accreditate di me. Del resto, non possedendo tu l'iPhone, puoi solo leggere le opinioni degli altri che ce l'hanno. Oppure trovi più significative le opinioni sull'iPhone di chi l'iPhone non ce l'ha?
          • Daniele Mura scrive:
            Re: pssst, ho un segreto da rivelare
            l'iPhone non è il migliore telefono sulla carta.è letteralmente stracciato da modelli più economici nei seguenti settori:Connettività (bluetooth, WiFi, etc) il modello 3GS ha riparato a gran parte dei danni fatti da apple.Gestione memoria (accessibilità senza programmi)Messaggistica (prima del 3GS era l'unico phone al mondo ad avere lacune in questo settore)Gestione energetica (batteria insostituibile senza supporto, consumi elevati ma cmq nella media degli smarthphone)Economia (costa decisamente più della concorrenza a pari opzioni)Fotocamera e *videocamera se presente (la qualità della fotocamera è ferma al corrispettivo nokia del 2006, 4 anni sono un'era in termini informatici)Bussiness (non è decisamente adatto causa iTunes,che è un software malware legalizzato)Internet (attualmente grazie a Opera mobile Win mobile è ancora imbattuto in questo settore, è l'unico browser mobile a passare gli acid test e ha supporti ai plug in + avanzati)E' superiore a molti altri in:Qualità videoQualità touchscreen (in cui è incontrastato)Apple StoreFluidità d'usocredo che l'unico vero iPhone degno di tale nome è il 3GS gli altri non hanno senso di esistere.
          • ruppolo scrive:
            Re: pssst, ho un segreto da rivelare
            - Scritto da: Daniele Mura
            l'iPhone non è il migliore telefono sulla carta.Già, sulla carta...

            è letteralmente stracciato da modelli più
            economici nei seguenti
            settori:
            Connettività (bluetooth, WiFi, etc) il modello
            3GS ha riparato a gran parte dei danni fatti da
            apple.Ti posso dimostrare che un quanto a connettività l'iPhone è anni luce avanti gli altri.
            Gestione memoria (accessibilità senza programmi)Tradotto farebbe? (non che mi interessi molto...)
            Messaggistica (prima del 3GS era l'unico phone al
            mondo ad avere lacune in questo
            settore)Probabile.
            Gestione energetica (batteria insostituibile
            senza supporto, consumi elevati ma cmq nella
            media degli
            smarthphone)
            Economia (costa decisamente più della concorrenza
            a pari
            opzioni)Non esistono le "pari opzioni". iPhone ha migliaia di possibilità in più.
            Fotocamera e *videocamera se presente (la qualità
            della fotocamera è ferma al corrispettivo nokia
            del 2006, 4 anni sono un'era in termini
            informatici)Non scambiare i megapixel per qualità. La fotocamera è di buona qualità.
            Bussiness (non è decisamente adatto causa
            iTunes,che è un software malware
            legalizzato)Cosa significa lo sai solo tu.Comunque ti dico io qualcosa su "business": memoria criptata e Exchange. Due requisiti senza i quali non entri nelle grandi aziende e nemmeno negli enti governativi.
            Internet (attualmente grazie a Opera mobile Win
            mobile è ancora imbattuto in questo settore, è
            l'unico browser mobile a passare gli acid test e
            ha supporti ai plug in +
            avanzati)AHHAHAHAHAHAHH!!!!!Vai a nasconderti, va!

            E' superiore a molti altri in:
            Qualità video
            Qualità touchscreen (in cui è incontrastato)
            Apple Store
            Fluidità d'uso

            credo che l'unico vero iPhone degno di tale nome
            è il 3GS gli altri non hanno senso di
            esistere.bla bla bla bla...
          • sadness with you scrive:
            Re: pssst, ho un segreto da rivelare
            - Scritto da: angros

            E allora diciamolo, è un modello sbagliato.

            Per gli utenti XXXXXXXXX, sìnon è questione di XXXXXXXXXtà... l'utente medio di un cellulare non si preoccupa (e non dovrebbe preoccuparsi) di certe questioni
          • NetUser scrive:
            Re: pssst, ho un segreto da rivelare
            - Scritto da: sadness with you
            - Scritto da: angros


            E allora diciamolo, è un modello sbagliato.



            Per gli utenti XXXXXXXXX, sì

            non è questione di XXXXXXXXXtà... l'utente medio
            di un cellulare non si preoccupa (e non dovrebbe
            preoccuparsi) di certe
            questioniAppunto.Non mi pare che quando la gente comune va a comprare il cellulare faccia domande del tipo: ma l'OS è open source? ma lo store online è sicuro? controllano il codice delle app? eccSolitamente si sentono domande tipo: fa le foto e come è la fotocamera? quanto spazio ha? fa questo? posso ascoltare anche la musica? telefona bene? o domande pratiche di questo tipo. Le disquisizioni puramente filosofiche riguardo la filosofia che sta dietro un cellulare e il suo OS credo siano poco interessanti per la gente comune che considera il cellulare per quello che è.
          • NetUser scrive:
            Re: pssst, ho un segreto da rivelare
            - Scritto da: angros

            E allora diciamolo, è un modello sbagliato.

            Per gli utenti XXXXXXXXX, sìQuale autorevolezza hai per dare degli XXXXXXXXX a tutti solo per difendere il modello google che dal lato pratico evidenzia di avere qualche piccolo problema?Non è che stai solo intervenendo in modo discutibile per creare flame?
        • Lokutus scrive:
          Re: pssst, ho un segreto da rivelare
          Ho letto un poco qua ed un poco la...di solito non commento.Ma devo dire che questo Ruppolo è indifendibile :)
          • ruppolo scrive:
            Re: pssst, ho un segreto da rivelare
            - Scritto da: Lokutus
            Ho letto un poco qua ed un poco la...di solito
            non
            commento.
            Ma devo dire che questo Ruppolo è indifendibile :)Mi difendo bene da solo, grazie :)
          • NetUser scrive:
            Re: pssst, ho un segreto da rivelare
            - Scritto da: Lokutus
            Ho letto un poco qua ed un poco la...di solito
            non
            commento.
            Ma devo dire che questo Ruppolo è indifendibile :)Lungi da me difendere qualcuno, ma la tua apparizione "casuale" per postare solo questo commento contro questo utente fa nascere alcuni dubbi; anche perché scorrendo questo e altri 3ad del forum non sei il primo caso di utente "che non commenta mai" che compare ad attaccare un utente specifico in usa sorta di azione hit & run. :-)
          • strike1 scrive:
            Re: pssst, ho un segreto da rivelare
            - Scritto da: NetUser
            - Scritto da: Lokutus

            Ho letto un poco qua ed un poco la...di solito

            non

            commento.

            Ma devo dire che questo Ruppolo è indifendibile
            :)

            Lungi da me difendere qualcuno, ma la tua
            apparizione "casuale" per postare solo questo
            commento contro questo utente fa nascere alcuni
            dubbi; anche perché scorrendo questo e altri 3ad
            del forum non sei il primo caso di utente "che
            non commenta mai" che compare ad attaccare un
            utente specifico in usa sorta di azione hit &
            run.
            :-)Visto che sono uno di quelli che sono comparso.. rispondo..Per quanto mi riguarda mi diverte più che altro leggere i commenti, perchè mi interessa leggere il parere degli altri, per riuscire a farmi un' idea migliore dei prodotti che utilizzo e dei loro possibili concorrenti.Mi accontento di questo e solitamente non sento la necessità d' intervenire attivamente.Questa volta ho criticato ruppolo semplicemente perchè NON SOPPORTO più lui e tutti quelli che scrivono con i paraocchi e lo scudo da fanboy, trasformando qualsiasi discussione in guerra di religione.Se qualcuno dice qualcosa contro iphone od a favore di un concorrente.. il super paladino ruppolo deve intervenire.. e subito dopo l'intero thread si trasforma in ruppolo ed i suoi fedeli contro tutti, ed a quel punto lo si può buttare nella spazzatura..
          • ruppolo scrive:
            Re: pssst, ho un segreto da rivelare
            - Scritto da: strike1
            Se qualcuno dice qualcosa contro iphone od a
            favore di un concorrente.. il

            super paladino ruppolo deve intervenire.. e
            subito dopo l'intero thread si trasforma in
            ruppolo ed i suoi fedeli contro tutti, ed a quel
            punto lo si può buttare nella
            spazzatura..E che motivo ci sarebbe di dire qualcosa contro l'iPhone in una notizia che riguarda Android?Leggi il PRIMO post di questa notizia!
          • NetUser scrive:
            Re: pssst, ho un segreto da rivelare
            A questo punto mi chiedo quale sia l'utilità dei tuoi interventi se non quella di volerlo provocare sperando che ti aiuti a far partire un flame.Se ci rifletti, così facendo, non ci fai figura migliore.
        • LuNa scrive:
          Re: pssst, ho un segreto da rivelare
          quoto
      • Funz scrive:
        Re: pssst, ho un segreto da rivelare
        - Scritto da: sadness with you
        Fino al'altro ieri c'era un stuolo di persone
        pronte a giurare che Open Source =
        (intrinsecamente) più sicurezza. Ora invece si
        pretende che l'utente che compra un cellulare
        (prodotto altamente consumer destinano a gente
        che nemmeno sa cos'è un sistema operativo, o cosa
        sia l'Open Source) faccia delle scelte in merito
        alla "libertà" e alla "sicurezza"... ma da quando
        chi compra un cellulare deve preoccuaprsi di
        certe
        cose???Da quando il cellulare ha assunto funzionalità internet simili a quelle di un PC, e gli si delegano operazioni importanti e dati sensibili come quelli bancari.Se non ti preoccupi della sicurezza in questi casi, sei un ibecille.
        • ruppolo scrive:
          Re: pssst, ho un segreto da rivelare
          - Scritto da: Funz
          Se non ti preoccupi della sicurezza in questi
          casi, sei un
          ibecille.Bene, allora fai un esempio concreto di "preoccupazione per la sicurezza".Sei un utente Android, sei nel Android Market, vedi una applicazione che ti interessa. Come ti comporti?
          • Funz scrive:
            Re: pssst, ho un segreto da rivelare
            - Scritto da: ruppolo
            - Scritto da: Funz

            Se non ti preoccupi della sicurezza in questi

            casi, sei un

            ibecille.

            Bene, allora fai un esempio concreto di
            "preoccupazione per la
            sicurezza".
            Sei un utente Android, sei nel Android Market,
            vedi una applicazione che ti interessa. Come ti
            comporti?come con qualsiasi programma: se devo trattarci dati sensibili (ca**o il mio conto in banca!) deve essere conosciuto, avere una larga base di utenti, testato, possibilmente open.Certo non prenderei la prima app che mi trovo davanti.
          • ruppolo scrive:
            Re: pssst, ho un segreto da rivelare
            - Scritto da: Funz
            - Scritto da: ruppolo

            - Scritto da: Funz


            Se non ti preoccupi della sicurezza in questi


            casi, sei un


            ibecille.



            Bene, allora fai un esempio concreto di

            "preoccupazione per la

            sicurezza".

            Sei un utente Android, sei nel Android Market,

            vedi una applicazione che ti interessa. Come ti

            comporti?

            come con qualsiasi programma: se devo trattarci
            dati sensibili (ca**o il mio conto in banca!)
            deve essere conosciuto, avere una larga base di
            utenti, testato, possibilmente
            open.
            Certo non prenderei la prima app che mi trovo
            davanti.E tutte queste informazioni sono sul Android Marketplace?
          • Funz scrive:
            Re: pssst, ho un segreto da rivelare
            - Scritto da: ruppolo

            come con qualsiasi programma: se devo trattarci

            dati sensibili (ca**o il mio conto in banca!)

            deve essere conosciuto, avere una larga base di

            utenti, testato, possibilmente

            open.

            Certo non prenderei la prima app che mi trovo

            davanti.

            E tutte queste informazioni sono sul Android
            Marketplace?Tu chiedi all'oste se il vino è buono?A me pare che tu dell'oste Apple ti fidi ciecamente...
          • ruppolo scrive:
            Re: pssst, ho un segreto da rivelare
            - Scritto da: Funz
            - Scritto da: ruppolo


            come con qualsiasi programma: se devo
            trattarci


            dati sensibili (ca**o il mio conto in banca!)


            deve essere conosciuto, avere una larga base
            di


            utenti, testato, possibilmente


            open.


            Certo non prenderei la prima app che mi trovo


            davanti.



            E tutte queste informazioni sono sul Android

            Marketplace?

            Tu chiedi all'oste se il vino è buono?
            A me pare che tu dell'oste Apple ti fidi
            ciecamente...E se invece dell'oste lo chiedo ai clienti?
      • markit scrive:
        Re: pssst, ho un segreto da rivelare
        L'applicazione in questione è software Proprietario, quindi non puoi vedere cosa fa se non dagli effetti che eventualmente riesci a percepire. Un po' come il sistema operativo che stai quasi certamente usando, e che non hai nemmeno idea di che dati stia trasmettendo oltre oceano :)
        • NetUser scrive:
          Re: pssst, ho un segreto da rivelare
          - Scritto da: markit
          L'applicazione in questione è software
          Proprietario, quindi non puoi vedere cosa fa se
          non dagli effetti che eventualmente riesci a
          percepire.
          Quindi ben venga un controllo preventivo delle app prima di metterle nel market. Almeno evitiamo rischi alla clientela che non per forza campa di filosofia degli OS, di open/closed, di corsi di sicurezza informatica, ecc ecc ma che semplicemente compra un telefono per usarlo.E fors'anche google/HTC/T-mobile dovrebbero provvedere per dare un supporto degno di tale nome alla loro clientela che ha comprato il Nexus.
          Un po' come il sistema operativo che stai quasi
          certamente usando, e che non hai nemmeno idea di
          che dati stia trasmettendo oltre oceano
          :)Da quanto per usare un computer chiunque deve essere un esperto informatico?Dobbiamo essere schiavi della tecnologia oppure la tecnologia deve essere uno strumento?È troppo facile dar sempre la colpa all'ignoranza del cliente per mascherare le pecche dei prodotti. E in questo caso, per difendere un prodotto che ha sposato la filosofia open palesando "qualche problemino", si è disposti anche a negare l'evidenza dei fatti.
      • il signor rossi scrive:
        Re: pssst, ho un segreto da rivelare
        - Scritto da: sadness with you
        Fino al'altro ieri c'era un stuolo di persone
        pronte a giurare che Open Source =
        (intrinsecamente) più sicurezza. Ora invece si
        pretende che l'utente che compra un cellulare
        (prodotto altamente consumer destinano a gente
        che nemmeno sa cos'è un sistema operativo, o cosa
        sia l'Open Source) faccia delle scelte in merito
        alla "libertà" e alla "sicurezza"... ma da quando
        chi compra un cellulare deve preoccuaprsi di
        certe cose???guarda che l'open source è un modello di sviluppo del software, non c'entra assolutamente niente con il fatto che tu possa installare o meno un'applicazione malevola sul tuo computer o smartphone.L'open source riguarda il codice di Android e qui stiamo invece parlando di un'applicazione sviluppata da un tale.
        Ripeto per l'essima volta: chi difende Android si
        sta focalizzando su "questo" caso specifico, ma
        la realtà è un altra... la realtà è che, non
        essendoci alcun controllo, chiunque può inserire
        del codice malevolo che prende informazioni
        riservate dal telefono (anche senza che sia
        l'utente ad inserirle) e le spedisce chissà dovegià, proprio come avviene su un normale PC... allora sentiamo, anche Microsoft dovrebbe fare come Apple e permettere di installare sotto Windows solo applicazioni scaricate da uno store e preventivamente certificate? Apple dovrebbe estendere la politica dello store anche ai Macintosh? Linux dovrebbe essere messo fuori legge perché è possibile installarci quello che vogliamo?La verità è che quello che è sucXXXXX è una cosa normalissima nel mondo dell'informatica: l'esistenza di un'applicazione malevola che non fa quello che promette di fare, ovvero un trojan.
        e lo può inserire in qualunque applicazione,
        anche non dubbia (anche un gioco). Il problema
        non è di Android in sé ma del modello scelto da
        Googlee a questo punto quindi possiamo analizzare i due modelli e dire: sul mio PC ho dati ancora più sensibili e importanti di quelli che ho sul cellulare. Quindi, seguendo il tuo ragionamento, il modello generale di sistema operativo per computer è un problema?No, non è assolutamente un problema il modello scelto da Google. C'è gente che preferirà il modello scelto da Apple e gente che preferirà il modello di Google, ovvero un sistema molto più aperto, non necessariamente più insicuro (la storia dell'informatica ha in effetti dimostrato che l'open source è un metodo efficacissimo per individuare e correggere i bug, prova ne è che Linux non è certo un sistema insicuro, almeno non più di windows che invece è closed source).Per quanto riguarda il modello di distribuzione delle applicazioni, io preferisco installarci quello che mi pare e verificare in altro modo (ad esempio la diffusione e la verifica da parte della community) che un'applicazione non sia un trojan, sempre tenendo conto del fatto che prima di passare dati sensibili a un'applicazione fatta da chissà chi ci penserei 1000 volte.
        • NetUser scrive:
          Re: pssst, ho un segreto da rivelare
          - Scritto da: il signor rossi
          - Scritto da: sadness with you


          Fino al'altro ieri c'era un stuolo di persone

          pronte a giurare che Open Source =

          (intrinsecamente) più sicurezza. Ora invece si

          pretende che l'utente che compra un cellulare

          (prodotto altamente consumer destinano a gente

          che nemmeno sa cos'è un sistema operativo, o
          cosa

          sia l'Open Source) faccia delle scelte in merito

          alla "libertà" e alla "sicurezza"... ma da
          quando

          chi compra un cellulare deve preoccuaprsi di

          certe cose???

          guarda che l'open source è un modello di sviluppo
          del software, non c'entra assolutamente niente
          con il fatto che tu possa installare o meno
          un'applicazione malevola sul tuo computer o
          smartphone.
          L'open source riguarda il codice di Android e qui
          stiamo invece parlando di un'applicazione
          sviluppata da un
          tale.
          Ricordo male o c'un problema di sicurezza in Droid di Motorola che ha android 2.qualcosa? Se se non sbaglio la posizione ufficiale di google è: ci stiamo lavorando. Ma non hanno dato scadenze.A sentire taluni i correttivi nel mondo open sono quasi istantanei. Dovrebbero andare a lavorare per google e far vedere loro come si risolvono subito i problemi. OK è una provocazione. Ma magari qualcuno trova una buona offerta professionale per davvero. :-D
        • ruppolo scrive:
          Re: pssst, ho un segreto da rivelare
          - Scritto da: il signor rossi
          La verità è che quello che è sucXXXXX è una cosa
          normalissima nel mondo dell'informatica:Appunto, nel mondo dell'informatica.Ma il mondo dei cellulari non è esattamente il mondo dell'informatica, quindi non può essere considerato normale subire i problemi di quest'ultimo.Se non altro, per il "senno di poi". Mi spiego meglio: a cosa serve l'esperienza dei problemi nel mondo informatico se poi non viene usata per evitare gli stessi problemi nei nuovi mondi che andiamo a creare?AppStore nasce proprio da tale esperienza. Il problema di trovare, scegliere, acquistare, installare e aggiornare il software, i problema di software malevolo, il problema per gli sviluppatori di commercializzare i loro prodotti, sono stati risolti con AppStore.Non a caso il tablet che uscirà, è che segnerà l'inizio di una nuova era del personal computer, è figlio dell'esperienza dell'iPhone.
  • Charlie Parker scrive:
    ruppolo...
    ... sono un felice possessore di MacBook Pro e di iPod ma fatemelo dire, anzi, urlare:RUPPOLO, HAI STRACCIATO I MARONI, SEI LA VERGOGNA DEGLI UTENTI APPLE SERI!andando OT: Google ha iniziato un percorso importante (http://bit.ly/6zM3re), vediamo se Apple, che in passato ha usato l'immagine del Dalai Lama per farsi pubblicità (http://bit.ly/87cyWl), avrà il coraggio di fare altrettanto...
    • NetUser scrive:
      Re: ruppolo...
      Il percorso importante lo deve fare il paese stesso, la mentalità della governance di quel paese, non google che di sicuro non ha interessi umanitari dietro le sue azioni.Francamente non capisco questa continua volontà, da parte di taluni utenti, di voler fare polemica spicciola su qualsiasi cosa creando ad arte contrapposizioni solo per predisporre le condizioni necessarie per scatenare dei flame.
      • Charlie Parker scrive:
        Re: ruppolo...
        Google non ha sicuramente interessi umanitari, ma di certo mette a rischio una fetta di profitti con questa mossa. è una mossa coraggiosa. che sia la cina a dover fare un percorso è ovvio, ma questa situazione potrebbe diventare uno stimolo. se infatti il governo di Pechino decidesse di far chiudere Google.ch il contraccolpo, sia all'interno che all'esterno, sarebbe tanto grande da creare una pressione fortissima.Non c'è voglia di innescare flame, al contrario: volevo solo ricordare a quelli che ritengono certe aziende "sante e infallibili, votate unicamente al bene dell'umanità" come, anche per loro, sia la legge del business a comandare quasi sempre. ed è per business che negli anni '90 si sfrutta l'immagine del Dalai Lama, per poi censurarlo nel 2009 come ha fatto Apple.A Cupertino realizzano prodotti eccezionali, ma qualche XXXXXXX (dal punto di vista dell'utente) la fanno pure loro. Così come un sacco di cose ben fatte escono anche da altri "pensatoi". Quelli che per partito preso condannano tutto ciò che non cade da un melo, tralasciando di seguirne gli sviluppi in positivo e, soprattutto, dimenticando tutte le volte in cui Zio (o dovrei dire Dio) Steve li ha abbandonati, dovrebbero avere l'intelligenza di ammetterlo. A meno che non siano prezzolati, nel qual caso...
        • ruppolo scrive:
          Re: ruppolo...
          Forse hai dimenticato cosa sono le Leggi.
          • Charlie Parker scrive:
            Re: ruppolo...
            Ammesso che la giustificazione sia sufficiente (il tema dei confini delle leggi, in presenza di server dislocati in giro per il globo è abbastanza controverso) hai mai sentito parlare di "advocacy advertising"? Si tratta di una forma di comunicazione aziendale con la quale l'impresa dichiara la propria posizione riguardo ad un determinato tema, ed è usata dalle aziende di tutto il mondo.Cosa impedirebbe ad Apple di prendere una posizione precisa a sostegno del Dalai Lama nel resto del mondo? Ad esempio condannando la censura cui è costretta a sottomettersi? O mettendo in evidenza le applicazioni a sostegno della sua causa sugli altri store? Ah, già, adesso ricordo... a impedirlo c'è l'unica Legge: se scontento il governo cinese c'è il rischio di perdere un sacco di fatturato che deriva dalla vendita di iPhone in Cina...Vedi che, anche per Apple, il Think Different ha cambiato decisamente pelle?
          • ruppolo scrive:
            Re: ruppolo...
            Come dice mio suocero, è facile fare il XXXXXXXXX con il XXXX degli altri...
          • Charlie Parker scrive:
            Re: ruppolo...
            quasi facile quanto dire di pensare diversamente finchè questo non mette a rischio il portafoglio...
          • ruppolo scrive:
            Re: ruppolo...
            - Scritto da: Charlie Parker
            quasi facile quanto dire di pensare diversamente
            finchè questo non mette a rischio il
            portafoglio...Appunto, si tratta di coerenza e ipocrisia.
    • ruppolo scrive:
      Re: ruppolo...
      - Scritto da: Charlie Parker
      ... sono un felice possessore di MacBook Pro e di
      iPod ma fatemelo dire, anzi,
      urlare:
      RUPPOLO, HAI STRACCIATO I MARONI, SEI LA VERGOGNA
      DEGLI UTENTI APPLE
      SERI!Non sei obbligato a leggere i miei post, che riconosci facilmente senza bisogno di aprirli.
      • Ruttolo scrive:
        Re: ruppolo...
        Redazione di PI, per favore, potreste implementare il PLONK anche nei vostri forum?Eliminando i post di certi individui l'aria sarebbe davvero più respirabile.
        • ruppolo scrive:
          Re: ruppolo...
          Redazione di PI, per favore, potreste obbligare la registrazione?Eliminando certi utenti non registrati la qualità del forum sarà migliore.
  • bubba scrive:
    82 msg sul nulla....? :-(
    in questo momento ci sono 82 messaggi (e, stranamente non sono tutti di ruppolo ;) e di tutti quelli che ho letto NON uno dice qualcosa di decente.Si fanfulla sul modello piu open / piu rischioso? / piu libertario / con meno apps di google contro il modello di apple + chiuso (con piu apps ma meno emulatori ,che va XXXXXXXXXato) ecc, delle superiori? caratteristiche tecniche dell'iphone (ancora? che noia!), della perfezione di apple ecc.. MA NIENTE sulla questione intrinseca... ossia dell'app dedita al phishing.Il security model e l'approccio di sviluppo "piu open" di google (che potrebbe teoricamente piu liberamente permettere ad appz di accedere a risorse a basso livello, Dalvik o non Dalvik) rispetto ad apple non c'entra granche'... anzi niente, direi. Un app del genere si puo fare per qualunque smartphone OS... dotato di appstore o meno.. essendo presumibilmente solo una GUI che spara un paio di "comandi" http e dns.... credo che tranquillamente potrebbe finire in qualunque appstore, anche Apple. O le API di Iphone non permettono, senza warning, di eseguire alle appz queste 2 semplici operazioni? non credo.Quindi semmai e' interessante interrogarsi sul resto..- google ha uno staff che testa le appz? o ha avuto troppa fretta? se si, come? potrebbe anche testarle in modo automatizzato, ma una roba di phishing cosi non si scopre..Di converso perche ad Apple non mi risulta sia ancora accaduta una cosa del genere?- ha un grosso staff che davvero prova tutte le appz?- una (o piu) phish appz ci sono state nello store, ma sono state beccate e silentemente fatte sparire (xche magari nessun utente se n'e' accorto o troppo pigro x comunicarlo?)- una (o piu) phish appz ci sono nello store ma nessuno se n'e' ancora accorto?
    • NetUser scrive:
      Re: 82 msg sul nulla....? :-(
      Se tu avessi veramente letto tutti gli 82 messaggi che sostieni di aver letto, ti saresti accorto che quanto da te esposto è stato già trattato, magari non completamente, ma è stato per lo meno abbozzato il discorso.L'utilità del tuo post è almeno quella di fare le sintesi di tutti gli 82 post che reputi nulli e raccoglierli in un post unico.Oltre a questo, non è che tu, al contrario ti tutti quelli che hanno postato prima di te, hai portato elementi illuminati.Ad ogni modo grazie per il post sintesi.
    • sadness with you scrive:
      Re: 82 msg sul nulla....? :-(
      - Scritto da: bubba
      in questo momento ci sono 82 messaggi (e,
      stranamente non sono tutti di ruppolo ;) e di
      tutti quelli che ho letto NON uno dice qualcosa
      di decente.non credo che tu li abbia letti tutti, e non credo che il tuo contenga info "migliori"
      Si fanfulla sul modello piu open / piu rischioso?
      / piu libertario / con meno apps di google contro
      il modello di apple + chiuso (con piu apps ma
      meno emulatori ,che va XXXXXXXXXato) ecc, delle
      superiori? caratteristiche tecniche dell'iphone
      (ancora? che noia!), della perfezione di apple
      ecc.. MA NIENTE sulla questione intrinseca...
      ossia dell'app dedita al phishing....che è figlia del modello scelto...
      Il security model e l'approccio di sviluppo "piu
      open" di google (che potrebbe teoricamente piu
      liberamente permettere ad appz di accedere a
      risorse a basso livello, Dalvik o non Dalvik)
      rispetto ad apple non c'entra granche'... anzi
      niente, direi."diresti" o "dici"? perché secondo me invece c'entra... ma soprattutto c'entra il fatto che non viene fatto nessun controllo per cui, al di là di questo caso specifico, in futuro potrebbe esserci del malware in applicazioni di ogni tipo, anche in giochi
      Un app del genere si puo fare per qualunque
      smartphone OS... dotato di appstore o meno..
      essendo presumibilmente solo una GUI che spara un
      paio di "comandi" http e dns.... credo che
      tranquillamente potrebbe finire in qualunque
      appstore, anche Apple. io invece credo proprio che su AppStore non verrebbe approvata...
      O le API di Iphone non
      permettono, senza warning, di eseguire alle appz
      queste 2 semplici operazioni? non credo.stai parlando per supposizioni
      Quindi semmai e' interessante interrogarsi sul
      resto..
      - google ha uno staff che testa le appz?no: è proprio questo il problema...
      o ha avuto troppa fretta? nessuna fretta: non c'è...
      se si, come? potrebbe anche
      testarle in modo automatizzato, ma una roba di
      phishing cosi non si scopre..NON C'E' NESSUN TEST: E' QUESTO IL PROBLEMA
      Di converso perche ad Apple non mi risulta sia
      ancora accaduta una cosa del genere?PErché i test li fa
      - ha un grosso staff che davvero prova tutte le
      appz?si
      - una (o piu) phish appz ci sono state nello
      store, ma sono state beccate e silentemente fatte
      sparire (xche magari nessun utente se n'e'
      accorto o troppo pigro x comunicarlo?)
      - una (o piu) phish appz ci sono nello store ma
      nessuno se n'e' ancora accorto?Nessuna applicazione del genere su AppStore
      • Orwell scrive:
        Re: 82 msg sul nulla....? :-(
        - Scritto da: sadness with you
        io invece credo proprio che su AppStore non
        verrebbe
        approvata...
        Beh ma allora usi anche tu il condizionale... Se per l'Android Market è ormai assodato che per, come stanno le cose attualmente, le applicazioni malevoli possono passare (salvo poi essere rimosse non appena si evidenzia il problema), una risposta finale ed altrettanto certa sulla possibilità o meno che un simile evento si verifichi anche sullo store di Apple non c'è finora stata. Io non ho ancora capito con certezza perchè una cosa simile non sarebbe potuta accadere sull'App Store.

        PErché i test li fa
        Risposta generica. Quali test fa? Non so se ti intendi di programmazione ma trovare un problema come quello di cui si sta parlando in un'applicazione che non si conosce è difficilissimo, anche avendo a disposizione il codice sorgente.
    • ruppolo scrive:
      Re: 82 msg sul nulla....? :-(
      - Scritto da: bubba
      Un app del genere si puo fare per qualunque
      smartphone OS... dotato di appstore o meno..
      essendo presumibilmente solo una GUI che spara un
      paio di "comandi" http e dns.... credo che
      tranquillamente potrebbe finire in qualunque
      appstore, anche Apple. O le API di Iphone non
      permettono, senza warning, di eseguire alle appz
      queste 2 semplici operazioni? non
      credo.Infatti la differenza è il controllo effettuato da persone preposte.

      Quindi semmai e' interessante interrogarsi sul
      resto..
      - google ha uno staff che testa le appz?Pare di no, ma se lo fa, non lo fa tanto bene.Credo comunque non lo faccia, altrimenti si saprebbe di lamentele su applicazioni rifiutate, come accade per Apple.
      o ha
      avuto troppa fretta? se si, come? potrebbe anche
      testarle in modo automatizzato, ma una roba di
      phishing cosi non si
      scopre..

      Di converso perche ad Apple non mi risulta sia
      ancora accaduta una cosa del
      genere?Per lo stesso motivo per cui su Mac non ci sono malware (leggi: 2 contro oltre 1 milione del mondo Windows)
      - ha un grosso staff che davvero prova tutte le
      appz?Altroché! Uno squadrone di persone testano centinaia di programmi nuovi ogni giorno, senza contare gli aggiornamenti. Sono arcinoti i tempi lunghi per l'approvazione, che solo da pochi giorni sono stati velocizzati.
      - una (o piu) phish appz ci sono state nello
      store, ma sono state beccate e silentemente fatte
      sparire (xche magari nessun utente se n'e'
      accorto o troppo pigro x
      comunicarlo?)Certo certo, anche l'altro giorno alcuni carabinieri sono stati rapinati in caserma, ma la notizia è stata fatta sparire.
      - una (o piu) phish appz ci sono nello store ma
      nessuno se n'e' ancora
      accorto?Ma certo, cosa vuoi che si accorgano gli utenti iPhone? Sono tutti utonti.Il punto è un altro: Android Market è l'unica fonte di approvvigionamento software per gli smartphone Android?No, quindi anche se il Market cambiasse politica verso quella Apple, gli utenti sarebbero comunque sempre in costante pericolo.Inoltre, piccolo particolare, se nonostante i controlli di Apple un malware dovesse comunque finire in circolo, Apple ha la facoltà tecnica di eliminarlo dai terminali.Alla fine della fiera, è accettabile che un telefono cellulare soffra degli stessi problemi dei PC con Windows?NO, è la risposta.E, anche se off-topic, aggiunto che non è accettabile nemmeno per i personal computer, per questo il tablet Apple che presto vedremo nel mercato è stato pensato con lo stesso criterio dell'iPhone.
      • Shu scrive:
        Re: 82 msg sul nulla....? :-(
        - Scritto da: ruppolo
        Altroché! Uno squadrone di persone testano
        centinaia di programmi nuovi ogni giorno, senza
        contare gli aggiornamenti. Sono arcinoti i tempi
        lunghi per l'approvazione, che solo da pochi
        giorni sono stati
        velocizzati.Vuoi che ti dica come lo aggirerei?Basta fare un'applicazione esattamente come quella incriminata per Android, ma con un piccolo (stimo intorno ai 10 KB) pezzo di codice che si attiva solo il 14 agosto 2010.La mia app funziona perfettamente, si memorizza tutte le mie password nel suo bel DB, e anche tutti i codici di sblocco che scrivo nel frattempo per mandare bonifici. Naturalmente crittati, sul mio telefono.il 14 agosto li prende, li comprime e li manda a un IP di un mio server. Io, il 15 agosto, prendo tutti quei codici, metto 10 persone a provarli tutti e rubo a tutti mentre sono in vacanza.Come fa Apple ad accorgersi di quella time bomb senza avere acXXXXX al sorgente? Come fanno gli utenti ad avvisare gli altri utenti della falla, visto che verranno colpiti tutti insieme?Ai posteri...
        • ruppolo scrive:
          Re: 82 msg sul nulla....? :-(
          - Scritto da: Shu
          - Scritto da: ruppolo


          Altroché! Uno squadrone di persone testano

          centinaia di programmi nuovi ogni giorno, senza

          contare gli aggiornamenti. Sono arcinoti i tempi

          lunghi per l'approvazione, che solo da pochi

          giorni sono stati

          velocizzati.

          Vuoi che ti dica come lo aggirerei?
          Basta fare un'applicazione esattamente come
          quella incriminata per Android, ma con un piccolo
          (stimo intorno ai 10 KB) pezzo di codice che si
          attiva solo il 14 agosto
          2010.
          La mia app funziona perfettamente, si memorizza
          tutte le mie password nel suo bel DB, e anche
          tutti i codici di sblocco che scrivo nel
          frattempo per mandare bonifici. Naturalmente
          crittati, sul mio
          telefono.

          il 14 agosto li prende, li comprime e li manda a
          un IP di un mio server. Io, il 15 agosto, prendo
          tutti quei codici, metto 10 persone a provarli
          tutti e rubo a tutti mentre sono in
          vacanza.

          Come fa Apple ad accorgersi di quella time bomb
          senza avere acXXXXX al sorgente? Come fanno gli
          utenti ad avvisare gli altri utenti della falla,
          visto che verranno colpiti tutti
          insieme?

          Ai posteri...E faresti tutto questo sapendo che alla Apple sanno chi sei? Poi cosa fai, scappi per il resto della vita inseguito dall'Interpol?
          • Shu scrive:
            Re: 82 msg sul nulla....? :-(
            - Scritto da: ruppolo
            E faresti tutto questo sapendo che alla Apple
            sanno chi sei? Poi cosa fai, scappi per il resto
            della vita inseguito
            dall'Interpol?Perche` tu credi che a Google non sappiano chi e' Droid09? Ha pagato l'iscrizione al Market come tutti gli altri.Se ha falsificato identità e carta di credito, può fare lo stesso anche con lo store Apple.Riesci a vedere una prospettiva un po' più ampia del tuo naso o sai solo dare dell'ignorante senza nessuna argomentazione?
          • ruppolo scrive:
            Re: 82 msg sul nulla....? :-(
            - Scritto da: Shu
            - Scritto da: ruppolo


            E faresti tutto questo sapendo che alla Apple

            sanno chi sei? Poi cosa fai, scappi per il resto

            della vita inseguito

            dall'Interpol?

            Perche` tu credi che a Google non sappiano chi e'
            Droid09? Ha pagato l'iscrizione al Market come
            tutti gli
            altri.

            Se ha falsificato identità e carta di credito,
            può fare lo stesso anche con lo store
            Apple.

            Riesci a vedere una prospettiva un po' più ampia
            del tuo naso o sai solo dare dell'ignorante senza
            nessuna
            argomentazione?Ah perché le tue sarebbero argomentazioni? Facciamo una cosa, attendiamo che becchino questo tizio, poi ne riparliamo della tua idea. Anche perché la tua storia non finisce con il furto dei dati, continua con il trasferimento di soldi da conti dei truffati verso tuoi conti. Cose semplici...
          • FinalCut scrive:
            Re: 82 msg sul nulla....? :-(
            - Scritto da: Shu
            - Scritto da: ruppolo


            E faresti tutto questo sapendo che alla Apple

            sanno chi sei? Poi cosa fai, scappi per il resto

            della vita inseguito

            dall'Interpol?

            Perche` tu credi che a Google non sappiano chi e'
            Droid09? Credo di no, se così non fosse ne avremo notizia a breve su PI...ma secondo me sono spariti.
            Ha pagato l'iscrizione al Market come
            tutti gli
            altri.Con che metodi ha pagato? PayPal? Google Checkout? Carta di credito?
            Se ha falsificato identità e carta di credito,
            può fare lo stesso anche con lo store
            Apple.No alla Apple non puoi dare una carta di credito, devi fornire i tuoi dati bancari e fare un bonifico, Apple inoltre ha già provveduto a farsi mandare la tua iscrizione al REA, ha TELEFONATO al numero intestatario del contratto e si è accertata che l'amministratore abbia chiesto l'iscrizione...Tutte cose che se voglio posso falsificare, ma se permetti è un pochino più complicato falsificare le tue credenziali sull'App Store, creare una falsa iscrizione al REA, aprire un c/c bancario con intestatario la società fantasma aprire anche un contratto telefonico a nome dello stesso... insomma rinunci...
            Riesci a vedere una prospettiva un po' più ampia
            del tuo naso o sai solo dare dell'ignorante senza
            nessuna
            argomentazione?Ti piace come argomentazione o vuoi ulteriori dettagli?Chiedi a chi ha un contratto da developer o fallo tu stesso.(linux)(apple)
  • strike1 scrive:
    mah
    mah, per capire che non merita risposta basta leggere una decina a caso dei suoi 7k e passa post.Dunque scriva quel che vuole, va ignorato e basta.Il problema è che anche chi ha scritto l'articolo.. si discosta poco dai troll..
    • NetUser scrive:
      Re: mah
      Beh tu ne hai scritti solo 2 ma il secondo mi sa che lo hai postato al posto sbagliato perché non si capisce di chi stai parlando.
      • strike1 scrive:
        Re: mah
        - Scritto da: NetUser
        Beh tu ne hai scritti solo 2 ma il secondo mi sa
        che lo hai postato al posto sbagliato perché non
        si capisce di chi stai
        parlando.Parlavo di RUPPOLO.
        • NetUser scrive:
          Re: mah
          E quotare invece che aprire post incomprensibili?Domanda: ma se parli di ruppolo vuol dire che segui da molto il forum, però hai solo 2 post al tuo attivo; quali nick utilizzavi prima di registrarti o quali nick usi in parallelo?
          • strike1 scrive:
            Re: mah
            - Scritto da: NetUser
            E quotare invece che aprire post incomprensibili?

            Domanda: ma se parli di ruppolo vuol dire che
            segui da molto il forum, però hai solo 2 post al
            tuo attivo; quali nick utilizzavi prima di
            registrarti o quali nick usi in
            parallelo?Il forum lo seguo da anni, ma era la prima volta che intervenivo, ed ho sbagliato pulsante, purtroppo non ho trovato la possibilità di cancellare il post e metterlo nel thread giusto.Ruppolo.. beh uno che al mio primo post mi dice:"Ecco un altro che dovrebbe già essere a letto."Beh, non merita di essere considerato, rispetto ai forum funzionavano meglio i newreader, dove si faceva un bell killfilter sugli utenti come RUPPOLO e la cosa era risolta.
          • NetUser scrive:
            Re: mah
            - Scritto da: strike1

            Il forum lo seguo da anni, ma era la prima volta
            che intervenivo, ed ho sbagliato pulsante,
            purtroppo non ho trovato la possibilità di
            cancellare il post e metterlo nel thread
            giusto.
            Capita. Ma non sarai timido che non intervieni mai? ;-)
            Ruppolo.. beh uno che al mio primo post mi dice:
            "Ecco un altro che dovrebbe già essere a letto."
            Rileggi il tuo primo post e magari capisci perché gli è scappata una battuta del genere. Ci può anche stare come ci può stare prenderla male.Ma dato che dici che segui il forum da anni, sapevi in anticipo che costui può anche risponderti così. Di che ti lamenti allora?
            Beh, non merita di essere considerato, rispetto
            ai forum funzionavano meglio i newreader, dove si
            faceva un bell killfilter sugli utenti come
            RUPPOLO e la cosa era
            risolta.E allora non considerarlo invece di aprire 3ad appositi per dargli addosso. Soprattutto perché hai sempre la facoltà di non leggere i commenti di un utente che secondo te non merita di essere considerato. Perché vuoi contraddirti da solo?
          • ruppolo scrive:
            Re: mah
            - Scritto da: NetUser
            Rileggi il tuo primo post e magari capisci perché
            gli è scappata una battuta del genere.E precisamente questo è il passaggio che ha determinato la mia reazione: In compenso abbiamo un cell OPEN basato su LINUX, io non ho mai avuto un telefono così personalizzabile come lo il mio attuale MAGIC tim. Personalizzare il telefono è una operazione fine a stessa, una sorta di gioco a cui solitamente bambini e adolescenti sono dediti. Da qui il "dovresti essere a letto".
          • Shu scrive:
            Re: mah
            - Scritto da: ruppolo
            Personalizzare il telefono è una operazione fine
            a stessa, una sorta di gioco a cui solitamente
            bambini e adolescenti sono dediti.HAHAHAHAHAHAHA. Bellissima!Quindi dici che la possibilità di mettermi il calendario con gli appuntamenti sul desktop, o di raggrupparmi le applicazioni in una cartella per trovarle più velocemente, o magari semplicemente di ingrandire i font o di cambiare i colori della UI perché sono ipovedente o daltonico sono giochi da bambini.Continua a leccare il sedere alla Apple, che conosce esattamente le esigenze di TUTTI i suoi utenti. Sperando che un giorno non si dimentichi delle tue.Bye.
          • ruppolo scrive:
            Re: mah
            - Scritto da: Shu
            - Scritto da: ruppolo


            Personalizzare il telefono è una operazione fine

            a stessa, una sorta di gioco a cui solitamente

            bambini e adolescenti sono dediti.

            HAHAHAHAHAHAHA. Bellissima!
            Quindi dici che la possibilità di mettermi il
            calendario con gli appuntamenti sul desktop, o di
            raggrupparmi le applicazioni in una cartella per
            trovarle più velocemente, o magari semplicemente
            di ingrandire i font o di cambiare i colori della
            UI perché sono ipovedente o daltonico sono giochi
            da
            bambini.Siccome la personalizzazione a cui si riferisce strike1 riguarda temi e altre amenità di quel tipo, si, sono giochi per bambini.Riguardo ipovedenti e daltonici, invece, ti porto a conoscenza che l'iPhone è l'unico dispositivo con una serie di funzionalità specifiche per portatori di handicap, tra cui Voice Over che legge tutti gli elementi sullo schermo e fornisce gesti specifici per interagire, un sistema per gestire lo zoom, la possibilità di visualizzare in bianco e nero, di ascoltare l'audio in mono, di pronunciare il testo delle auto correzioni, eccetera.

            Continua a leccare il sedere alla Apple, che
            conosce esattamente le esigenze di TUTTI i suoi
            utenti. Sperando che un giorno non si dimentichi
            delle
            tue.

            Bye.Tranquillo che Apple conosce esattamente le esigenze degli utenti. Tu invece sei solo un profondo ignorante.
    • sadness with you scrive:
      Re: mah
      il problema è che non riesci ad inserirti nel forum....
  • strike1 scrive:
    pretestuoso
    L' articolo mi sembra scritto con l' intento di voler cercare per forza qualcosa per parlar male di Android.Google ha scelto la strada OPEN, dunque non si può pensare di mettere un qualcuno che discrimini fra le applicazioni!Questo è il rovescio della medaglia, ma è una scelta consapevole, non un errore..In compenso abbiamo un cell OPEN basato su LINUX, io non ho mai avuto un telefono così personalizzabile come lo il mio attuale MAGIC tim.Mi sbaglierò, ma a mia memoria non ricordo nessun OS cell che ha avuto uno sviluppo così rapido come Android dal suo lancio ad oggi.Non dimenticate poi che google è anche un fornitore di servizi.. Gmail, google Maps, google apps vanno a nozze con android.Il navigatore su google maps ad esempio è in arrivo anche da noi, a dir il vero lo si fa già girare senza troppi problemi.. e non è affatto male.
    • ruppolo scrive:
      Re: pretestuoso
      Ecco un altro che dovrebbe già essere a letto.
      • angros scrive:
        Re: pretestuoso
        Almeno mettici un po' di impegno nelle tue trollate... così sei una delusione! lo sai che puoi fare di meglio!
        • ruppolo scrive:
          Re: pretestuoso
          - Scritto da: angros
          Almeno mettici un po' di impegno nelle tue
          trollate... così sei una delusione! lo sai che
          puoi fare di
          meglio!Mai dai, uno che viene a parlare di personalizzazione... gente che usa apparecchi fine a se stessi.
          • rock3r scrive:
            Re: pretestuoso
            - Scritto da: ruppolo
            Mai dai, uno che viene a parlare di
            personalizzazione... gente che usa apparecchi
            fine a se stessi .parla l'utente iphone (rotfl)(rotfl)
          • Disgra scrive:
            Re: pretestuoso
            tipo quello con la mela morsicata?non è apple quella che:peronalizziamo il vostro iphone-ipod con l'incisione del nome?
          • NetUser scrive:
            Re: pretestuoso
            Dove sarebbe l'apparecchio fine a se stesso?
    • sadness with you scrive:
      Re: pretestuoso
      - Scritto da: strike1
      L' articolo mi sembra scritto con l' intento di
      voler cercare per forza qualcosa per parlar male
      di Android.L'articolo cita fatti reali
      Google ha scelto la strada OPEN, dunque non si
      può pensare di mettere un qualcuno che discrimini
      fra le applicazioni!infatti è proprio questo il problema della strada scelta da Google... poi possiamo anche aggiungere che c'è chi sostiene che essendo Open è più sicuro, mentre i fatti stanno dimostrando il contrario
      Questo è il rovescio della medaglia, ma è una
      scelta consapevole, non un errore..è un errore nel momento in cui questa scelta viene fatta per un prodotto di largo consumo che per forza di cose finisce nelle mani di tutti, anche di chi non si pone questioni filosofiche sull'open source. è un errore nel momenoto in cui non viene fatta nessuna campagna informativa in merito a certi possibili pericoli (anche perché altrimenti le vendite crollano...)
      In compenso abbiamo un cell OPEN basato su LINUX,preferisco un cellulare sicuro e che funziona...
      io non ho mai avuto un telefono così
      personalizzabile come lo il mio attuale MAGIC
      tim.non mi interessa "personalizzarlo", mi interessa che faccia quello di cui ho bisogno: è uno "strumento", mica una "ragione di vita"...
      Mi sbaglierò, ma a mia memoria non ricordo nessun
      OS cell che ha avuto uno sviluppo così rapido
      come Android dal suo lancio ad oggi.ricordi male...
      Non dimenticate poi che google è anche un
      fornitore di servizi.. Gmail, google Maps, google
      apps vanno a nozze con android.e...?
      • strike1 scrive:
        Re: pretestuoso
        - Scritto da: sadness with you
        - Scritto da: strike1

        L' articolo mi sembra scritto con l' intento di

        voler cercare per forza qualcosa per parlar male

        di Android.

        L'articolo cita fatti realiL'articolo cita fatti reali che hanno un valore pressochè nullo, ma li vuol far passare come dei PROBLEMI di una gravità mai vista.. se uno affida i propri dati bancari alla prima applicazione che trova.. è un XXXXXXXXX.. indipendentemente dall' OS utilizzato.


        Google ha scelto la strada OPEN, dunque non si

        può pensare di mettere un qualcuno che
        discrimini

        fra le applicazioni!

        infatti è proprio questo il problema della strada
        scelta da Google... poi possiamo anche aggiungere
        che c'è chi sostiene che essendo Open è più
        sicuro, mentre i fatti stanno dimostrando il
        contrarioVedremo, per il momento la strada OPEN ha consentito uno sviluppo piuttosto veloce del sistema.

        Questo è il rovescio della medaglia, ma è una

        scelta consapevole, non un errore..

        è un errore nel momento in cui questa scelta
        viene fatta per un prodotto di largo consumo che
        per forza di cose finisce nelle mani di tutti,
        anche di chi non si pone questioni filosofiche
        sull'open source. è un errore nel momenoto in cui
        non viene fatta nessuna campagna informativa in
        merito a certi possibili pericoli (anche perché
        altrimenti le vendite
        crollano...)Ma che campagna vuoi fare dai.. siamo seri.Io preferisco poter scegliere d' installare ciò che voglio, piuttosto d' esser limitato a causa di chi non è in grado di scegliere...


        In compenso abbiamo un cell OPEN basato su
        LINUX,

        preferisco un cellulare sicuro e che funziona...
        Android è sicuro e funziona più che bene, se poi lo vuoi a prova d' UTONTO, non è un problema mio..

        io non ho mai avuto un telefono così

        personalizzabile come lo il mio attuale MAGIC

        tim.

        non mi interessa "personalizzarlo", mi interessa
        che faccia quello di cui ho bisogno: è uno
        "strumento", mica una "ragione di
        vita"...Io lo uso come strumento.. sono altri qui dentro con 7k post.. quella è una ragione di vita.


        Mi sbaglierò, ma a mia memoria non ricordo
        nessun

        OS cell che ha avuto uno sviluppo così rapido

        come Android dal suo lancio ad oggi.

        ricordi male...Ah si, allora chi ha fatto meglio? Ricordamelo..


        Non dimenticate poi che google è anche un

        fornitore di servizi.. Gmail, google Maps,
        google

        apps vanno a nozze con android.

        e...?Mai provato il navigatore su Gmaps ?
        • sadness with you scrive:
          Re: pretestuoso
          - Scritto da: strike1

          L'articolo cita fatti reali
          L'articolo cita fatti reali che hanno un valore
          pressochè nullo,'nsomma... applicazioni che rubano i tuoi dati bancari non mi sembrano proprio problemi da poco, così come bug che permettono a chiunque l'acXXXXX al telefono (e quindi ai dati personali ivi inclusi)
          ma li vuol far passare come dei
          PROBLEMI di una gravità mai vista.. se uno affida
          i propri dati bancari alla prima applicazione che
          trova.. è un XXXXXXXXX.. indipendentemente dall'
          OS utilizzato.Ti sfugge il fatto che il problema reale non è tanto quello che si è verificato in questo caso specifico, ma il fatto che mancando qualsiasi controllo fioriranno malware di qualsiasi tipo, perché la diffusione sarà a livello molto ampio con un target consumer


          Google ha scelto la strada OPEN, dunque non si


          può pensare di mettere un qualcuno che


          discrimini fra le applicazioni!



          infatti è proprio questo il problema della strada

          scelta da Google... poi possiamo anche aggiungere

          che c'è chi sostiene che essendo Open è più

          sicuro, mentre i fatti stanno dimostrando il

          contrario
          Vedremo, vedremo... ma per ora è così
          per il momento la strada OPEN ha
          consentito uno sviluppo piuttosto veloce del
          sistema.a parte il fatto che si potrebbe discutere di questo, a me come utente non interessa quanto velocemente sia stato sviluppato il sistema, mi interessa che funzioni bene


          Questo è il rovescio della medaglia, ma è una


          scelta consapevole, non un errore..



          è un errore nel momento in cui questa scelta

          viene fatta per un prodotto di largo consumo che

          per forza di cose finisce nelle mani di tutti,

          anche di chi non si pone questioni filosofiche

          sull'open source. è un errore nel momenoto in cui

          non viene fatta nessuna campagna informativa in

          merito a certi possibili pericoli (anche perché

          altrimenti le vendite crollano...)
          Ma che campagna vuoi fare dai.. siamo seri.Sono serissimo: sei tu che sei poco realista... il mondo là fuori nonè certo fatto da esperti di informatica
          Io preferisco poter scegliere d' installare ciò
          che voglio, piuttosto d' esser limitato a causa
          di chi non è in grado di scegliere...io preferisco scegliere tra 120.000 applicazioni sicure che tra 1.000 di cui mi dovrei pure preoccupare di capire se sono sicuramente buone o dubbie, o se sulla mia versione di Android (personalizzata dal produttore di turno) funzionano o no


          In compenso abbiamo un cell OPEN basato su


          LINUX,



          preferisco un cellulare sicuro e che funziona...


          Android è sicuroParlo di "cellulare" non di sistema... Android potrebbe anche essere sicuro "in sé", ma se la personalizzazione del produttore che mi vende il cellulare non è sicura, o il software che installo non è sicuro perché non è controllato da nessuno, il risultato finale è che il mio cellulare (perché l'utente compra il cellulare, mica "sposa" la filosofia Open che sta dietro lo sviluppo dle sistema) non è sicuro.


          io non ho mai avuto un telefono così


          personalizzabile come lo il mio attuale MAGIC


          tim.



          non mi interessa "personalizzarlo", mi interessa

          che faccia quello di cui ho bisogno: è uno

          "strumento", mica una "ragione di vita"...

          Io lo uso come strumento.. sono altri qui dentro
          con 7k post.. quella è una ragione di vita.Se lo usi come strumento dovresti preoccuparti del fatto che faccia quello che ti serve, non che si possa personalizzare o meno.


          Mi sbaglierò, ma a mia memoria non ricordo nessun


          OS cell che ha avuto uno sviluppo così rapido


          come Android dal suo lancio ad oggi.



          ricordi male...

          Ah si, allora chi ha fatto meglio? Ricordamelo..indovina


          Non dimenticate poi che google è anche un


          fornitore di servizi.. Gmail, google Maps,


          google apps vanno a nozze con android.



          e...?

          Mai provato il navigatore su Gmaps ?e...?
    • ruppolo scrive:
      Re: pretestuoso
      - Scritto da: strike1
      Google ha scelto la strada OPEN, dunque non si
      può pensare di mettere un qualcuno che discrimini
      fra le
      applicazioni!E questo chi lo dice?Se un domani una azienda costruisce una automobile con un progetto open, non si dovrà pensare di farla passare al collaudo?"Open" si riferisce ai sorgenti, non a tutto il resto. La gente, tu compreso, crede che Open significhi libertà a 360 gradi, invece è solo la libertà di usare i sorgenti. Finito lì.Google potrebbe benissimo fare coma Apple, una procedura di approvazione per i programmi sul Market. Come anche limitare i terminali a prendere il software solo dal Market. Ma alla fine sarebbe chiara a tutti la verità, ovvero che il software open source è una risorsa ad esclusivo vantaggio degli sviluppatori, non degli utenti. E allora crollo di un sogno per gli utenti e crollo di una strumentalizzazione strumento di marketing.
      • Mettiuz scrive:
        Re: pretestuoso
        D'accordo al 50%:- vero che Google dovrebbe controllare le app almeno per evitare malware- sbagliato togliere la possibilità di installare app al di fuori del market. Attualmente per farlo deve essere spuntata una casella che di default lo impedisce, nel momento in cui attivi la possibilità di installare app non provenienti dal market viene fuori un popup che ti avverte dei rischi e che ti informa che se lo fai te ne assumi la totale responsabilità
        • ruppolo scrive:
          Re: pretestuoso
          - Scritto da: Mettiuz
          D'accordo al 50%:
          - vero che Google dovrebbe controllare le app
          almeno per evitare
          malware
          - sbagliato togliere la possibilità di installare
          app al di fuori del market. Attualmente per farlo
          deve essere spuntata una casella che di default
          lo impedisce, nel momento in cui attivi la
          possibilità di installare app non provenienti dal
          market viene fuori un popup che ti avverte dei
          rischi e che ti informa che se lo fai te ne
          assumi la totale
          responsabilitàNé più né meno di quello che recitano i programmi di XXXXXXXXX per iPhone.L'unica differenza è la facilità per gettarsi nei guai: più semplice con Android, più difficile con iPhone.
          • Mettiuz scrive:
            Re: pretestuoso
            Indubbiamente, ma è anche la grande differenza tra Android e iPhone.Per dirla in parole povere: se uno è ignorante usa le app del Market (che comunque andrebbero controllate meglio) e se non usa solo quelle diventa un irresponsabile, se poi da la colpa a Google che non gli ha fatto un'esame di informatica prima di permettergli di spuntare l'opzione si evolve in un idiota.E' come se io uso un coltello da cucina per ammazzare una persona e poi do la colpa alla Miracle Blade che mi ha permesso di comprare il coltello.
          • ruppolo scrive:
            Re: pretestuoso
            - Scritto da: Mettiuz
            Indubbiamente, ma è anche la grande differenza
            tra Android e
            iPhone.

            Per dirla in parole povere: se uno è ignorante
            usa le app del Market (che comunque andrebbero
            controllate meglio) e se non usa solo quelle
            diventa un irresponsabile, se poi da la colpa a
            Google che non gli ha fatto un'esame di
            informatica prima di permettergli di spuntare
            l'opzione si evolve in un
            idiota.

            E' come se io uso un coltello da cucina per
            ammazzare una persona e poi do la colpa alla
            Miracle Blade che mi ha permesso di comprare il
            coltello.La prima affermazione è falsa: se uno è ignorante usa le app del Market quindi tutto il castello crolla.
          • angros scrive:
            Re: pretestuoso
            Ritengo che la prima affermazione vada corretta in:"se uno è ignorante usa SOLO le app del Market"In questo modo, l' enunciato torna a funzionare.
          • Mettiuz scrive:
            Re: pretestuoso
            Si è quello che volevo dire, ma bastava leggere una riga sotto dove ho scritto "se non usa solo quelle", purtroppo leggere e comprendere sono 2 pratiche cadute in disuso...
          • ruppolo scrive:
            Re: pretestuoso
            - Scritto da: angros
            Ritengo che la prima affermazione vada corretta
            in:

            "se uno è ignorante usa SOLO le app del Market"

            In questo modo, l' enunciato torna a funzionare.Si, funziona che è falso.Uno potrebbe usare solo le app del Market perché non vuole perdersi in millemila account e acquisti da sconosciuti pinco palla, ad esempio.
          • angros scrive:
            Re: pretestuoso

            Si, funziona che è falso.
            Uno potrebbe usare solo le app del Market perchéTu non hai molto chiaro il concetto di logica, vero?La frase: "se uno è ignorante usa SOLO le app del Market" non è sinonimo di "SOLO se uno è ignorante usa le app del Market", e nemmeno di "SOLO se uno è ignorante usa SOLO le app del Market". Sono tre concetti diversi.
            non vuole perdersi in millemila account e
            acquisti da sconosciuti pinco palla, ad
            esempio.E chi ha parlato di account e acquisti? Quando io scarico un programma per pc, non devo mica registrare un account. Perchè mai dovrei farlo per scaricare un programma per cellulare?Per scaricare un programma per pc, vado sul sito, clicco sul link, scarico il file, e lo apro (se necessario, lo installo, se è un programma stand alone non ho nemmeno bisogno di installarlo, funziona subito).Usare un programma stand-alone su Windows è facile come sul mac: scarichi il file .zip, ci clicchi sopra, trascini il contenuto nella cartella di tua scelta, clicchi sul programma e quello si apre.Stesso discorso con le applicazioni stand-alone di linux (a parte il fatto che il file non è uno zip ma un .tar.gz, per il resto funziona allo stesso modo), con in più il fatto che linux può usare anche i repository, dove tutto si installa e disinstalla con due click.Per Android il sistema è analogo: c' è il Market, ci sono altri repository, oppure ti scarichi i programmi direttamente dai siti dei produttori, senza nessun account o pagamento.
          • ruppolo scrive:
            Re: pretestuoso
            Ma cosa sto a parlare con uno che non conosce il significato di "acquistare un programma"?
          • angros scrive:
            Re: pretestuoso
            Infatti io non acquisto i programmi, e ritengo che farlo sia da sciocchi: perchè comprare, quando puoi avere gratis?
          • ruppolo scrive:
            Re: pretestuoso
            - Scritto da: angros
            Infatti io non acquisto i programmi, e ritengo
            che farlo sia da sciocchi: perchè comprare,
            quando puoi avere
            gratis?È la stessa cosa che si chiede un comune ladro di polli.
          • angros scrive:
            Re: pretestuoso
            Peccato che l' uso del software gratuito non sia un reato: la calunnia (ad esempio dare ingiustamente del ladro a qualcuno), invece, lo è.
          • ruppolo scrive:
            Re: pretestuoso
            - Scritto da: angros
            Infatti io non acquisto i programmi, e ritengo
            che farlo sia da sciocchi: perchè comprare,
            quando puoi avere
            gratis?La precedente riposta me l'hanno cancellata, quindi riprovo:Perché tra i programmi a pagamento trovi prodotti molto più funzionali e validi.
          • angros scrive:
            Re: pretestuoso
            (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
      • Orwell scrive:
        Re: pretestuoso
        - Scritto da: ruppolo

        E questo chi lo dice?
        Se un domani una azienda costruisce una
        automobile con un progetto open, non si dovrà
        pensare di farla passare al
        collaudo?
        Che c'entra il collaudo? Distinguiamo le cose: se c'è un problema nell'auto così come esce dalla fabbrica, deve essere il costruttore a farsi carico di risolverlo (vedi bug fixing del codice del sistema operativo). Se c'è un problema con un acXXXXXrio che monti di tua iniziativa tela devi prendere con chi ha costruito l'acXXXXXrio o con te stesso.
        "Open" si riferisce ai sorgenti, non a tutto il
        resto. La gente, tu compreso, crede che Open
        significhi libertà a 360 gradi, invece è solo la
        libertà di usare i sorgenti. Finito
        lì.
        Google potrebbe benissimo fare coma Apple, una
        procedura di approvazione per i programmi sul
        Market.
        Come anche limitare i terminali a
        prendere il software solo dal Market. Ma alla
        fine sarebbe chiara a tutti la verità, ovvero che
        il software open source è una risorsa ad
        esclusivo vantaggio degli sviluppatori, non degli
        utenti. Così sarebbe solo un clone di Apple e allora sì che avrebbero pienamente ragione tutti i fan di iPhone.
        • ruppolo scrive:
          Re: pretestuoso
          - Scritto da: Orwell
          - Scritto da: ruppolo



          E questo chi lo dice?

          Se un domani una azienda costruisce una

          automobile con un progetto open, non si dovrà

          pensare di farla passare al

          collaudo?



          Che c'entra il collaudo? Distinguiamo le cose: se
          c'è un problema nell'auto così come esce dalla
          fabbrica, deve essere il costruttore a farsi
          carico di risolverlo (vedi bug fixing del codice
          del sistema operativo).E chi individua il problema?Il collaudo, come anche l'omologazione, è una operazione compiuta da terzi, esattamente come Apple omologa il lavoro degli altri. Se c'è in problema, il costruttore dell'applicazione deve farsi carico di risolverlo.
          Se c'è un problema con un
          acXXXXXrio che monti di tua iniziativa tela devi
          prendere con chi ha costruito l'acXXXXXrio o con
          te stesso.Anche per gli acXXXXXri esiste l'omologazione, quindi solo se monti un acXXXXXrio non omologato (nella fattispecie una applicazione non omologata da Apple) e hai un problema, te la devi prendere con te stesso.

          "Open" si riferisce ai sorgenti, non a tutto il

          resto. La gente, tu compreso, crede che Open

          significhi libertà a 360 gradi, invece è solo la

          libertà di usare i sorgenti. Finito

          lì.

          Google potrebbe benissimo fare coma Apple, una

          procedura di approvazione per i programmi sul

          Market.

          Come anche limitare i terminali a

          prendere il software solo dal Market. Ma alla

          fine sarebbe chiara a tutti la verità, ovvero
          che

          il software open source è una risorsa ad

          esclusivo vantaggio degli sviluppatori, non
          degli

          utenti.

          Così sarebbe solo un clone di Apple e allora sì
          che avrebbero pienamente ragione tutti i fan di
          iPhone.Ma i fan di iPhone HANNO ragione. Linka pure questa mia affermazione, così la rivediamo tra un anno.
    • markit scrive:
      Re: pretestuoso
      Il problema è che non è "open" abbastanza! Solo il SO e una piccolissima parte delle applicazioni sono Software Libero. Se il programma in questione fosse stato software Libero non ci sarebbe stato il problema (es. si può imporre di uploadare nel market i sorgenti, e l'eseguibile è creato da google stessa. Quindi controllando i sorgenti sai sicuramente quello che fa l'applicazione). Anche molte applicazioni a corredo, es. il calendario, non sono software Libero, e difatti io mi trovo malissimo per un problema banale (gli appuntamenti suonano una sola volta e pure brevemente, praticamente inutili) e non ci si può fare nulla...Comunque, almeno una parte è Libera, speriamo che altre soluzioni per cellulare lo diventino ancora di più.
  • nome e cognome scrive:
    eh povera gurgle
    Quando le cose si fanno serie le XXXXXte si pagano care, eh. Questi speravano di usare con android lo stesso approccio "don't be serious" che usano per tutti i loro prodotti e lasciarlo perennemente in beta. Ora, forza a frustare i markettari che bisogna recuperare punti.
  • barra78 scrive:
    Ancora...
    Alfonso ci spieghi cosa hai contro Google e contro Android????sinceramente le tue 'chiacchiere da bar' quotidiane su Android hanno un pò rotto....qualunque piattaforma hai i suoi difetti, Android ha i difetti di una soluzione opensource, Apple con Iphone ha avuto le sue rogne, questo nonostante un sistema che è nato facendo POCO (ricordate i limiti con MMS e simili agli inizi), MS con WM pure, così symbian ecc.
    • sadness with you scrive:
      Re: Ancora...
      - Scritto da: barra78
      Alfonso ci spieghi cosa hai contro Google e
      contro
      Android????

      sinceramente le tue 'chiacchiere da bar'
      quotidiane su Android hanno un pò
      rotto....guarda che ne parlano tutti... ti dà fastidio? lavori in Gogogle?
      qualunque piattaforma hai i suoi difetti, Android
      ha i difetti di una soluzione opensource, Apple
      con Iphone ha avuto le sue rogne, per esempio?
      questo
      nonostante un sistema che è nato facendo POCO
      (ricordate i limiti con MMS e simili agli inizi),non è che ci fossero limiti con gli MMS... non c'erano proprio (e non vedo il problema)
      • barra78 scrive:
        Re: Ancora...

        guarda che ne parlano tutti... ti dà fastidio?
        lavori in Gogogle?No non lavoro in Gogogle (anche se mi piacerebbe...). Il problema non è il fatto in se, ma come è esposto, mi sembra più che evidente che ci sia un 'odio personale' dell'autore dell'articolo....
        non è che ci fossero limiti con gli MMS... non
        c'erano proprio (e non vedo il problema)Vallo a dire a tutti quelli che per mesi hanno scritto post e articoli lamentando l'assenza di mms, il mancato supporto al tethering e cose simili (ho sempre seguito poco non essendo interessato all'argomento ma di post del genere se ne trovano migliaia sul web). Poi questo non significa che iphone sia un XXXXX, tutt'altro. Un'apparecchio che fa poche cose e che le fa bene è IMHO meglio di uno con tutto ma lasciato a metà...
        • sadness with you scrive:
          Re: Ancora...
          - Scritto da: barra78

          guarda che ne parlano tutti... ti dà fastidio?

          lavori in Gogogle?

          No non lavoro in Gogogle (anche se mi
          piacerebbe...). Il problema non è il fatto in se,
          ma come è esposto, mi sembra più che evidente che
          ci sia un 'odio personale' dell'autore
          dell'articolo....non mi pare

          non è che ci fossero limiti con gli MMS... non

          c'erano proprio (e non vedo il problema)
          Vallo a dire a tutti quelli che per mesi hanno
          scritto post e articoli lamentando l'assenza di
          mms, tutta gente che l'iPhone non l'aveva...
          il mancato supporto al tetheringQuello è un problema delle telco, mica di Apple: anche col firmware attuale, se la tua telco non te lo permette, non tetheri un bel niente, ed era la stessa cosa anche con i primi Android venduti in USA
    • ruppolo scrive:
      Re: Ancora...
      - Scritto da: barra78
      Apple
      con Iphone ha avuto le sue rogne, questo
      nonostante un sistema che è nato facendo POCO
      (ricordate i limiti con MMS e simili agli inizi),POCO???Tu sei fuori con la gamella. Poi uno che mi tira in ballo gli MMS dovrebbe essere già a letto...
      • angros scrive:
        Re: Ancora...
        Mangiato pesante, stasera, eh?
      • barra78 scrive:
        Re: Ancora...
        Guarda l'unica volta che ho avuto bisogno di mandare un mms è stata per lavoro (dovevo inviare la foto di un componente perchè non ci capivamo su cosa mi serviva!).Quello era solo un'esempio al quale si può certamente aggiungere il tethering e probabilmente un pò di altre cose (non ho voglia di cercare sul web). Inoltre non voleva essere una critica al telefono apple, solo una constatazione di come entrambi gli approcci abbiano i loro limiti.
        • ruppolo scrive:
          Re: Ancora...
          - Scritto da: barra78
          Guarda l'unica volta che ho avuto bisogno di
          mandare un mms è stata per lavoro (dovevo inviare
          la foto di un componente perchè non ci capivamo
          su cosa mi
          serviva!).E, forse, il destinatario non aveva modo di ricevere una banale foto inviata via email.

          Quello era solo un'esempio al quale si può
          certamente aggiungere il tetheringSai chi reclama il tethering? Quelli a cui non arriva l'ADSL e devono ricorrere alle reti 3G per scaricare col mulo musica e film.
          e
          probabilmente un pò di altre cose (non ho voglia
          di cercare sul web). Inoltre non voleva essere
          una critica al telefono apple, solo una
          constatazione di come entrambi gli approcci
          abbiano i loro
          limiti.Forse "avevano", dato che tethering, MMS e copia incolla fanno oggi parte di iPhone.Tre funzioni aggiunte giustamente dopo, data la loro scarsa importanza.
          • barra78 scrive:
            Re: Ancora...
            vivi in un mondo molto molto piccolo.Prova a pensare che anche se TU passi le gg sul mulo magari certe persone hanno bisogno di connettersi in mobilità e che pagando un canone per il telefono che prevede un sacco di traffico dati e trovano logico usarlo per collegarsi ad internet (magari via bluetooth) dal pc. Le funzioni che PER TE hanno poca importanza potrebbero essere invece importanti per altri.
          • ruppolo scrive:
            Re: Ancora...
            - Scritto da: barra78
            vivi in un mondo molto molto piccolo.Questo è quello che credi tu.
            Prova a pensare che anche se TU passi le gg sul
            mulo magari certe persone hanno bisogno di
            connettersi in mobilitàMa va? E cosa pensi che faccia, l'iPhone?Mi sembri tanto quello che per scrivere un messaggio email usa Word e poi allega il file di testo, dimenticando che l'applicazione di posta serve proprio a scrivere messaggi.
            e che pagando un canone
            per il telefono che prevede un sacco di traffico
            dati e trovano logico usarlo per collegarsi ad
            internet (magari via bluetooth) dal pc.Peccato che questo "sacco di traffico" non esiste. Un pc di casa ha bisogno di un volume di traffico superiore a quello fornito con le normali offerte per i cellulari.In ogni caso una economica chiavetta 3G (o un router, meglio ancora) associata ad un piano dati adatto ad un pc casalingo è una soluzione molto più razionale.Ad esempio un piano dati da 30GB/35/mese per il PC di casa, e uno da 500MB/8/mese per lo smartphone. Totale 43 euro al mese, tanto quanto una linea Telecom con Alice ADSL.
            Le funzioni che PER TE hanno poca importanza
            potrebbero essere invece importanti per
            altri.Siccome io sono un consulente, persona che per lavoro fornisce soluzioni ai problemi degli altri, so benissimo di cosa gli altri hanno bisogno, e riconosco i troll sui forum che lamentano mancanze di funzioni "che tutti hanno sempre avuto". Troll che parlano di carenze di funzioni utili ad amministratori di sistema, ad esempio, o sviluppatori di siti web, come se gli smartphone fossero prodotti concepiti per tecnici informatici o operatori del settore.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 13 gennaio 2010 11.26-----------------------------------------------------------
          • barra78 scrive:
            Re: Ancora...
            Evidentemente scrivi senza collegare il cervello (scrivo mobilità e tu rispondi a casa...), fine della discussione.UN CONSULENTE CHE È IN GRADO DI FARE TUTTO CON IPHONE..... Non scrivi preventivi, magari nelle pause tra un appuntamento e un'altro? non ti è mai capitato di dover aprire allegati con log di svariate pagine di testo? 500mb/mese ti consentono di inviare 500 documenti da 1mb, con listini, ordini, fatture, rapporti per le tue consulenze. tu riesci dall'iphone? Io accedo al mio gestionale via web dal portatile e faccio fatica a generare 100mb di traffico.
          • ruppolo scrive:
            Re: Ancora...
            - Scritto da: barra78
            Evidentemente scrivi senza collegare il cervello
            (scrivo mobilità e tu rispondi a casa...), fine
            della
            discussione.Veramente ti ho fatto una gentilezza, a considerare quel "e che pagando un canone per il telefono che prevede un sacco di traffico dati e trovano logico usarlo per collegarsi ad internet (magari via bluetooth) dal pc. " un pc a casa.Perché altrimenti ti avrei dato dell'idiota, dato che in mobilità si usa l'iPhone, non il pc connesso all'iPhone.

            UN CONSULENTE CHE È IN GRADO DI FARE TUTTO CON
            IPHONE.....Ah si? e chi è?
            Non scrivi preventivi, magari nelle pause tra un
            appuntamento e un'altro?No, li scrivo alla sera, a casa.
            non ti è mai capitato di
            dover aprire allegati con log di svariate pagine
            di testo?Raramente, e quando è capitato ero sul luogo del "misfatto". Ma non vedo il problema se dovessi leggere tali log con l'iPhone.
            500mb/mese ti consentono di inviare 500 documenti
            da 1mb, con listini, ordini, fatture, rapporti
            per le tue consulenze. tu riesci dall'iphone?Non mando nulla di tutto questo con l'iPhone, tranne qualche rapporto composto da poche qualche riga di testo.
            accedo al mio gestionale via web dal portatile e
            faccio fatica a generare 100mb di
            traffico.Appunto, quindi? Non capisco cosa vuoi dire.
          • DarkOne scrive:
            Re: Ancora...
            - Scritto da: ruppolo
            Sai chi reclama il tethering? Quelli a cui non
            arriva l'ADSL e devono ricorrere alle reti 3G per
            scaricare col mulo musica e
            film.
            Hahahahahhahahahahahahhahahahaha!!!!!!!!!!!!!!!!!!Quando te ne esci con queste massime sei proprio da mettere alla gogna ruppolo...è per gente come te che in tanti odiano apple ;)
          • ruppolo scrive:
            Re: Ancora...
            - Scritto da: DarkOne
            - Scritto da: ruppolo

            Sai chi reclama il tethering? Quelli a cui non

            arriva l'ADSL e devono ricorrere alle reti 3G
            per

            scaricare col mulo musica e

            film.



            Hahahahahhahahahahahahhahahahaha!!!!!!!!!!!!!!!!!!
            Quando te ne esci con queste massime sei proprio
            da mettere alla gogna ruppolo...è per gente come
            te che in tanti odiano apple
            ;)La verità infastidisce, si sa.
          • DarkOne scrive:
            Re: Ancora...
            - Scritto da: ruppolo
            La verità infastidisce, si sa.Se non conosci certe situazioni faresti meglio a non sparare sentenze.Prova a navigare su internet con una connessione a 56k, visto che non tutti sono raggiunti da adsl, e poi mi sai dire perchè la gente vuole il tethering da cellulare...
          • ruppolo scrive:
            Re: Ancora...
            - Scritto da: DarkOne
            - Scritto da: ruppolo

            La verità infastidisce, si sa.

            Se non conosci certe situazioni faresti meglio a
            non sparare
            sentenze.
            Prova a navigare su internet con una connessione
            a 56k, visto che non tutti sono raggiunti da
            adsl, e poi mi sai dire perchè la gente vuole il
            tethering da
            cellulare...chissà, forse perché una banale chiavetta... è troppo banale.
          • DarkOne scrive:
            Re: Ancora...
            - Scritto da: ruppolo
            chissà, forse perché una banale chiavetta... è
            troppo
            banale.Perchè devo comperare una chiavetta quando ho già un telefono da utilizzare per collegarmi ad internet? Che assurdità...
          • ruppolo scrive:
            Re: Ancora...
            Tu hai esperienza in merito? Se si, racconta.
          • DarkOne scrive:
            Re: Ancora...
            - Scritto da: ruppolo
            Tu hai esperienza in merito? Se si, racconta.Certamente.Quando sono andato a vivere da solo qualche anno fa, stavo in una zona non coperta da adsl e non raggiunta nemmeno da HSDPA. Avevo un cellulare di scorta funzionante, con supporto UMTS dentro cui ci ho infilato una scheda della tre e mi sono fatto naviga.tre.Avevo appena 100 mega al giorno per navigare, ma mi andava benissimo per andare su qualche sito, leggere la posta, ecc ecc...senza dover scaricare roba piratata.Comprare una chiavetta avrebbe significato: 1) l'esborso di 150 euro per una chiavetta oppure 2) contratto biennale minimo con spreco di danaro inutile perchè tanto non ci andavo nemmeno in HSDPA.Ho preferito pagare 12 euro al mese, attivarmi l'opzione sulla scheda e usare il telefono di scorta collegato in bluetooth al pc.Dopo 1 anno e mezzo sono andato via: mi è bastato disdire l'offerta naviga.tre e non ho pagato altro.
          • NetUser scrive:
            Re: Ancora...
            E chi non ha il cellulare che permette il tethering che fa? Risparmia di più a comprarsene uno abilitato o costa meno la chiavetta?
          • DarkOne scrive:
            Re: Ancora...
            - Scritto da: NetUser
            E chi non ha il cellulare che permette il
            tethering che fa? Risparmia di più a comprarsene
            uno abilitato o costa meno la
            chiavetta?Appunto, il tethering è una funzione molto importante.
          • ruppolo scrive:
            Re: Ancora...
            - Scritto da: DarkOne
            Avevo appena 100 mega al giorno per navigare, ma
            mi andava benissimo per andare su qualche sito,
            leggere la posta, ecc ecc...senza dover scaricare
            roba
            piratata.Quindi stiamo parlando dei normali compiti dell'iPhone.Per ora non vedo ragioni di utilizzo di tethering.
          • DarkOne scrive:
            Re: Ancora...
            - Scritto da: ruppolo
            Quindi stiamo parlando dei normali compiti
            dell'iPhone.
            Per ora non vedo ragioni di utilizzo di tethering.LOL! Sei patetico ruppolo...non ti voglio nemmeno rispondere :)
          • NetUser scrive:
            Re: Ancora...
            - Scritto da: DarkOne
            - Scritto da: ruppolo

            chissà, forse perché una banale chiavetta... è

            troppo

            banale.

            Perchè devo comperare una chiavetta quando ho già
            un telefono da utilizzare per collegarmi ad
            internet? Che
            assurdità...Stai sostenendo che il tethering via cellulare garantisce una migliore qualità del servizio rispetto ad una chiavetta? Perché se si non mi spiego il boom delle chiavette.
  • Reggio emilia scrive:
    Libertà di scegliere
    l'utonto preferisce la censura di Applel'utente intelligente preferisce poter scegliere, sapendo cosa evitaretu cosa sei, utente o utonto ?
    • Jimbetto scrive:
      Re: Libertà di scegliere
      - Scritto da: Reggio emilia
      l'utonto preferisce la censura di Apple

      l'utente intelligente preferisce poter scegliere,
      sapendo cosa
      evitare

      tu cosa sei, utente o utonto ?Eri in bagno quando hai pensato a questa affermazione, vero ? :-D
    • free for all scrive:
      Re: Libertà di scegliere
      - Scritto da: Reggio emilia
      l'utonto preferisce la censura di Apple

      l'utente intelligente preferisce poter scegliere,
      sapendo cosa
      evitare

      tu cosa sei, utente o utonto ?«io so' io e voi nun siete 'n XXXXX»-a.sordi
    • angros scrive:
      Re: Libertà di scegliere
      - Scritto da: Reggio emilia
      l'utonto preferisce la censura di Apple

      l'utente intelligente preferisce poter scegliere,
      sapendo cosa
      evitare

      tu cosa sei, utente o utonto ?Quotone!E poter scegliere implica, ovviamente, poter scegliere anche tra Android o iPhone... ma per gli utonti, anche solo questa scelta è già troppo, ecco perchè se la prendono con il Nexus One e continuano a dire che sarà un fiasco, che l' iPhone è meglio ecc...
      • sadness with you scrive:
        Re: Libertà di scegliere
        - Scritto da: angros
        Quotone!eh beh... solidarietà tra troll...
        E poter scegliere implica, ovviamente, poter
        scegliere anche tra Android o iPhone... ma per
        gli utonti, anche solo questa scelta è già
        troppo, ecco perchè se la prendono con il Nexus
        One e continuano a dire che sarà un fiasco, che
        l' iPhone è meglio ecc...veramente qi vedo solo gente che, su un articolo che parla dei problemi di Android, non sa fare niente di meglio che attaccare l'iPhone... le 120.000 applicazioni di AppStore (tutte "sicure"), se permetti, offrono qualche scelta in più rispetto a quelle per Android (che poi devi verificare se vanno sul tuo telefono, ecc... ecc...)
        • Alvaro Vitali scrive:
          Re: Libertà di scegliere
          - Scritto da: sadness with you

          ... le 120.000 applicazioni di AppStore (tutte
          "sicure") ...Stai rigirando la frittata a modo tuo ...
          • sadness with you scrive:
            Re: Libertà di scegliere
            - Scritto da: Alvaro Vitali
            - Scritto da: sadness with you



            ... le 120.000 applicazioni di AppStore (tutte

            "sicure") ...

            Stai rigirando la frittata a modo tuo ...Ah beh... scusa se in un articolo che parla dei problemi di Android, uno non sa fare niente di meglio di dire che iPhone è per "utonti"... e poi io sarei quello che rigira la frittata? Mapperfavore!!!
          • Alvaro Vitali scrive:
            Re: Libertà di scegliere
            Non mi riferivo a quella frase, ma alla presunta sicurezza del filtro AppStore
          • ciao scrive:
            Re: Libertà di scegliere
            Esistono , o sono esistite, applicazioni con malware su AppStore ? Se Sí, quali? E quanti utenti l'hanno scaricato prima che Apple se ne accorgesse e lo rimuovesse ?
          • ruppolo scrive:
            Re: Libertà di scegliere
            - Scritto da: ciao
            Esistono , o sono esistite, applicazioni con
            malware su AppStore ?No.E neppure tra quelle fuori dall'AppStore, che io sappia, ma questo non ha importanza.
          • sadness with you scrive:
            Re: Libertà di scegliere
            - Scritto da: ruppolo

            Esistono , o sono esistite, applicazioni con

            malware su AppStore ?

            No.ni
            E neppure tra quelle fuori dall'AppStore, che io
            sappia,sai male...
      • ruppolo scrive:
        Re: Libertà di scegliere
        - Scritto da: angros
        e continuano a dire che sarà un fiasco, Sarà? Guarda che è il 12 gennaio. È un fiasco, non "sarà".
      • NetUser scrive:
        Re: Libertà di scegliere
        - Scritto da: angros
        - Scritto da: Reggio emilia

        l'utonto preferisce la censura di Apple



        l'utente intelligente preferisce poter
        scegliere,

        sapendo cosa

        evitare



        tu cosa sei, utente o utonto ?

        Quotone!

        E poter scegliere implica, ovviamente, poter
        scegliere anche tra Android o iPhone... ma per
        gli utonti, anche solo questa scelta è già
        troppo, ecco perchè se la prendono con il Nexus
        One e continuano a dire che sarà un fiasco, che
        l' iPhone è meglio
        ecc...Oppure tu e alcuni altri non vi rendete conto dei rischi di questo modello applicati a prodotti di massa che vengono venduti nei negozi di telefoni a tutti quanti e non a soli smanettoni.
    • alexjenn scrive:
      Re: Libertà di scegliere
      - Scritto da: Reggio emilia
      l'utonto preferisce la censura di Apple
      Scusami, ma mi sembra che tu confonda i ruoli.Se Apple censura, lo fa contro i programmatori che non rispettano certe clausole, che i programmatori stessi si prenderanno la briga di leggere prima.L'utente non ha nessuna censura, una volta che il programma è già nell'App Store.Scelta? Be', togliendo molte stupidaggini, credo che buona parte degli oltre 125 mila applicativi offrano buona scelta.
      l'utente intelligente preferisce poter scegliere,
      sapendo cosa
      evitare
      E questo non si può fare con l'App Store?Fammi un esempio concreto.
      tu cosa sei, utente o utonto ?E tu?
    • sadness with you scrive:
      Re: Libertà di scegliere
      - Scritto da: Reggio emilia
      l'utonto preferisce la censura di Appleo forse preferisce "delegare" ad altri certi controlli e godersi il suo dispositivo
      l'utente intelligente preferisce poter scegliere,
      sapendo cosa evitareguarda che questa è solo la punta dell'iceberg...
      tu cosa sei, utente o utonto ?tu non te lo dico nemmeno cosa sei
    • ruppolo scrive:
      Re: Libertà di scegliere
      - Scritto da: Reggio emilia
      l'utonto preferisce la censura di Apple

      l'utente intelligente preferisce poter scegliere,
      sapendo cosa
      evitareSapendo cosa evitare? E per saperlo ha fatto un corso?
      tu cosa sei, utente o utonto ?Perché, sei in grado di vedere la differenza? Tu?
      • angros scrive:
        Re: Libertà di scegliere

        Sapendo cosa evitare? E per saperlo ha fatto un
        corso?Magari ha letto le istruzioni, o magari aveva già altri apparecchi (computer, palmare...) e sapeva come funzionavano, o magari si è fatto insegnare da qualcuno che era capace.O magari sa cosa evitare per istinto, grazie ad un innato dono di natura che a te purtroppo manca: il buon senso.


        tu cosa sei, utente o utonto ?
        Perché, sei in grado di vedere la differenza? Tu?Evidentemente non l' ha vista, se lo chiede a te, perchè nel tuo caso è lampante che sei un utonto, non c' è bisogno di chiederlo; comunque, c'è anche gente che ti ha scambiato per un linario, quindi tutto è possibile.
        • ruppolo scrive:
          Re: Libertà di scegliere
          - Scritto da: angros

          Sapendo cosa evitare? E per saperlo ha fatto un

          corso?

          Magari ha letto le istruzioni, o magari aveva già
          altri apparecchi (computer, palmare...) e sapeva
          come funzionavano, o magari si è fatto insegnare
          da qualcuno che era
          capace.

          O magari sa cosa evitare per istinto, grazie ad
          un innato dono di natura che a te purtroppo
          manca: il buon
          senso.Eh certo, ora anche i cellulari sono come i PC, strumenti ostici pieni di malware. Pensi sia questo ciò che pensa la gente?Per fortuna esiste iPhone, che mantiene il cellulare uno strumento sicuro e affidabile.
          Evidentemente non l' ha vista, se lo chiede a te,
          perchè nel tuo caso è lampante che sei un utonto,
          non c' è bisogno di chiederlo; comunque, c'è
          anche gente che ti ha scambiato per un linario,
          quindi tutto è
          possibile.Vedo che il tuo linguaggio sta degradando... giornate pesanti, eh?
          • Shu scrive:
            Re: Libertà di scegliere
            - Scritto da: ruppolo
            Per fortuna esiste iPhone, che mantiene il
            cellulare uno strumento sicuro e
            affidabile.http://www.iphoneitalia.com/malware-nelle-applicazioni-appstore-e-possibile-34344.htmlNon mi pare un sito anti-iPhone.Forse è semplicemente il costo (250 dollari l'anno contro 25 dollari una tantum del Market Android) a tenere un po' più lontani i produttori di malware. O forse non ci ha ancora pensato nessuno. O forse nessun utente iPhone è abbastanza in gamba da accorgersi di applicazioni malware che già circolano nel suo sistema.Forse un giorno lo sapremo.
          • ruppolo scrive:
            Re: Libertà di scegliere
            - Scritto da: Shu
            - Scritto da: ruppolo


            Per fortuna esiste iPhone, che mantiene il

            cellulare uno strumento sicuro e

            affidabile.

            http://www.iphoneitalia.com/malware-nelle-applicaz

            Non mi pare un sito anti-iPhone.E quindi? Chiunque è libero di dire "potrebbe accadere".
            Forse è semplicemente il costo (250 dollari
            l'anno contro 25 dollari una tantum del Market
            Android)Non sono 250 dollari ma 99 dollari, 79 euro in Europa (tra l'altro sul Market possono vendere solo americani e inglesi).
            a tenere un po' più lontani i produttori
            di malware.Certamente, vale anche per Google:http://market.android.com/support/bin/answer.py?hl=en&answer=113468
            O forse non ci ha ancora pensato
            nessuno.Visto che per farlo devi pagare e quindi fare una transazione bancaria, non sei anonimo...
            O forse nessun utente iPhone è
            abbastanza in gamba da accorgersi di applicazioni
            malware che già circolano nel suo
            sistema.Vale la risposta precedente.
            Forse un giorno lo sapremo.Aspetta & Spera.
    • stivy scrive:
      Re: Libertà di scegliere
      - Scritto da: Reggio emilia
      l'utonto preferisce la censura di Apple

      l'utente intelligente preferisce poter scegliere,
      sapendo cosa
      evitare

      tu cosa sei, utente o utonto ?Peccato però che i prodotti avanzati come gli smartphones vengono sviluppati solo se le ditte riescono a venderne una marea. E ci sono una marea di utonti e molti meno utenti.Non sei più furbo degli altri: se non ci fossero gli utonti, tu (utente) non avresti nessuno smartphone fra le mani.
  • Reggio emilia scrive:
    Punto Informatico = Microsoft
    stanchi di questa leccata di sedere...obiettività, dov'è finita ?
    • Alvaro Vitali scrive:
      Re: Punto Informatico = Microsoft
      - Scritto da: Reggio emilia
      stanchi di questa leccata di sedere...

      obiettività, dov'è finita ?Beh, anzi, direi che l'articolo è fatto "molto bene"; in sostanza dice che, se io metto una bomba ad una FIAT Panda e la faccio esplodere, allora la colpa è della FIAT ...
      • sadness with you scrive:
        Re: Punto Informatico = Microsoft
        - Scritto da: Alvaro Vitali
        - Scritto da: Reggio emilia

        stanchi di questa leccata di sedere...



        obiettività, dov'è finita ?

        Beh, anzi, direi che l'articolo è fatto "molto
        bene"; in sostanza dice che, se io metto una
        bomba ad una FIAT Panda e la faccio esplodere,
        allora la colpa è della FIAT...ma anche no... riprova e controlla...-Problema 1) il "metodo" di approvazione delle Android Apps-Problema 2) un bug bello e buono di android 2.0 del quale Google è a conoscenza e sta cercando la soluzione-Problema 3) la gente che finge di non capire i Problemi 1 e 2
        • Nicola Amatucci scrive:
          Re: Punto Informatico = Microsoft
          Il problema non è di Google, ma di Motorola, poiché l'os lo ha personalizzato la Motorola e poi sono in giro custom firmware già 2.1 con patch e cose che iphone se le sogna. Basta dire Cyanogen e ho detto tutto. Se c'è un bug, se non lo risolve google, lo risolve l'immensa comunità che ha alle spalle, no?L'altra questione è una questione di libertà. Vuoi libertà, allora devi essere pronto ad accettarne i rischi, perché a questo mondo non tutti sono buoni. Così è nella vita reale, più facile è su internet. Basta stare attenti e non essere così bravi da inserire propri dati sensibili in applicazioni dubbie.Punto Informatico non è = Microsoft e nemmeno = Apple è = Punto Informatico. Ognuno, anche chi redige l'articolo, può avere le sue preferenze. Per questo esistono i commenti :-)
          • NetUser scrive:
            Re: Punto Informatico = Microsoft
            - Scritto da: Nicola Amatucci
            Il problema non è di Google, ma di Motorola,
            poiché l'os lo ha personalizzato la Motorola e
            poi sono in giro custom firmware già 2.1 con
            patch e cose che iphone se le sogna. Basta dire
            Cyanogen e ho detto tutto. Se c'è un bug, se non
            lo risolve google, lo risolve l'immensa comunità
            che ha alle spalle,
            no?

            L'altra questione è una questione di libertà.
            Vuoi libertà, allora devi essere pronto ad
            accettarne i rischi, perché a questo mondo non
            tutti sono buoni. Così è nella vita reale, più
            facile è su internet. Basta stare attenti e non
            essere così bravi da inserire propri dati
            sensibili in applicazioni
            dubbie.
            Forse bisognerebbe spiegare agli acquirenti di Nexus & co come comportarsi e a quali rischi possono andare incontro.Perché pensano di acquistare un telefono, non un prodotto a rischio.
            Punto Informatico non è = Microsoft e nemmeno =
            Apple è = Punto Informatico. Ognuno, anche chi
            redige l'articolo, può avere le sue preferenze.
            Per questo esistono i commenti
            :-)
          • sadness with you scrive:
            Re: Punto Informatico = Microsoft
            - Scritto da: Nicola Amatucci
            Il problema non è di Google, ma di Motorola,
            poiché l'os lo ha personalizzato la Motorola ehai ragione... ma questo è un altro punto debole della catena
            poi sono in giro custom firmware già 2.1 con
            patch e cose che iphone se le sogna. a parte il fatto che nessuno vuole fare un confronto con l'iPhone in questo contesto, cosa farebbe mai?
            Basta dire
            Cyanogen e ho detto tutto.non hai detto niente perché non hai detto "cosa" fa di così' particolare
            Se c'è un bug, se non
            lo risolve google, lo risolve l'immensa comunità
            che ha alle spalle, no?no, perché stiamo parlando di prodotti destinati all'uomo comune, non allo smanettone che va a cercarsi soluzione custom su internet
            L'altra questione è una questione di libertà.
            Vuoi libertà, allora devi essere pronto ad
            accettarne i rischi, perché a questo mondo non
            tutti sono buoni. Fino al'altro ieri c'era un stuolo di persone pronte a giurare che Open Source = (intrinsecamente) più sicurezza.Tu credi che l'acquirente medio di un cellulare si faccia questioni fisolofiche sull'Open Sopurce e sulla libertà del sistema operativo montato su quel cellulare??? Cerchiamo di essere seri e realisti, per favore... che conosco persone che hanno comprato un certo telefono solo perché "è bianco e s'intona bene con la borsetta"
            Così è nella vita reale, più
            facile è su internet.La vita reale è che il cellulare lo usa anche chi non sa cosa sia internet
            Basta stare attenti e non
            essere così bravi da inserire propri dati
            sensibili in applicazioni dubbie.Ripeto per l'essima volta: chi difende Android si sta focalizzando su "questo" caso specifico, ma la realtà è un altra... la realtà è che, non essendoci alcun controllo, chiunque può inserire del codice malevolo che prende informazioni riservate dal telefono (anche senza che sia l'utente ad inserirle) e le spedisce chissà dove, e lo può inserire in qualunque applicazione, anche non dubbia (anche un gioco). Il problema non è di Android in sé ma del modello scelto da Google-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 13 gennaio 2010 09.26-----------------------------------------------------------
          • Shu scrive:
            Re: Punto Informatico = Microsoft
            - Scritto da: sadness with you
            Fino al'altro ieri c'era un stuolo di persone
            pronte a giurare che Open Source =
            (intrinsecamente) più
            sicurezza.Io continuo a sostenerlo. E i fatti mi cosano.Il sistema di sblocco del Droid non era open source (non credo lo sia nemmeno adesso).L'applicazione di phishing non è open source.Se entrambe fossero state open source, si sarebbero trovati e corretti prima entrambi i bug.
            Tu credi che l'acquirente medio di un cellulare
            si faccia questioni fisolofiche sull'Open Sopurce
            e sulla libertà del sistema operativo montato su
            quel cellulare??? Cerchiamo di essere seri e
            realisti, per favore... che conosco persone che
            hanno comprato un certo telefono solo perché "è
            bianco e s'intona bene con la
            borsetta"E su questo hai ragione. Il problema è di cultura.Io sono dell'idea (e l'ho sempre detto) che serva una patente per usare qualsiasi apparecchio più complicato del telefono di casa, soprattutto se connesso in rete. Ma non la Patente Europea, qualcosa di più approfondito.A quelle persone che citi dovrebbe essere vietato acquistare uno smartphone. Dovrebbero prendere solo i cellulari con rubrica, sms e macchina fotografica.
            Ripeto per l'essima volta: chi difende Android si
            sta focalizzando su "questo" caso specifico, ma
            la realtà è un altra... la realtà è che, non
            essendoci alcun controllo, chiunque può inserire
            del codice malevolo che prende informazioni
            riservate dal telefono (anche senza che sia
            l'utente ad inserirle) e le spedisce chissà dove,
            e lo può inserire in qualunque applicazione,No, vedi altro mio messaggio.Bye.
          • ruppolo scrive:
            Re: Punto Informatico = Microsoft
            - Scritto da: Shu
            Il sistema di sblocco del Droid non era open
            source (non credo lo sia nemmeno
            adesso).Come come come? Cosa sarebbe questo sistema di sblocco Droid? Esistono telefoni con Android bloccati?
            L'applicazione di phishing non è open source.Mi pare una caratteristica comune anche a quel milione e passa di malware per Windows...
            Se entrambe fossero state open source, si
            sarebbero trovati e corretti prima entrambi i
            bug.Bug? Ma non sono mica bug...

            Tu credi che l'acquirente medio di un cellulare

            si faccia questioni fisolofiche sull'Open
            Sopurce

            e sulla libertà del sistema operativo montato su

            quel cellulare??? Cerchiamo di essere seri e

            realisti, per favore... che conosco persone che

            hanno comprato un certo telefono solo perché "è

            bianco e s'intona bene con la

            borsetta"

            E su questo hai ragione. Il problema è di cultura.
            Io sono dell'idea (e l'ho sempre detto) che serva
            una patente per usare qualsiasi apparecchio più
            complicato del telefono di casa, soprattutto se
            connesso in rete. Ma non la Patente Europea,
            qualcosa di più
            approfondito.
            A quelle persone che citi dovrebbe essere vietato
            acquistare uno smartphone. Dovrebbero prendere
            solo i cellulari con rubrica, sms e macchina
            fotografica.Io invece, al contrario di te, sono dell'idea che il progresso debba rendere semplici le cose complicate, che non solo non ci deve essere nessuna patente, ma nemmeno il manuale di istruzioni (come l'iPhone).Ed è la filosofia di Apple da sempre, che prima con l'iPhone e tra poco con il tablet, troverà ora la sua massima espressione.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 13 gennaio 2010 15.08-----------------------------------------------------------
          • Shu scrive:
            Re: Punto Informatico = Microsoft
            - Scritto da: ruppolo
            - Scritto da: Shu

            Il sistema di sblocco del Droid non era open

            source (non credo lo sia nemmeno

            adesso).
            Come come come? Cosa sarebbe questo sistema di
            sblocco Droid? Esistono telefoni con Android
            bloccati?Hai letto l'articolo? Stiamo parlando del bug della funzione "blocco del telefono", e della possibilità di sbloccarlo senza conoscere l codice di sblocco.Bye.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 13 gennaio 2010 15.24-----------------------------------------------------------
          • ruppolo scrive:
            Re: Punto Informatico = Microsoft
            - Scritto da: Shu
            - Scritto da: ruppolo

            - Scritto da: Shu


            Il sistema di sblocco del Droid non era open


            source (non credo lo sia nemmeno


            adesso).

            Come come come? Cosa sarebbe questo sistema di

            sblocco Droid? Esistono telefoni con Android

            bloccati?

            Hai letto l'articolo? Stiamo parlando del bug
            della funzione "blocco del telefono", e della
            possibilità di sbloccarlo senza conoscere l
            codice di
            sblocco.

            Bye.Ma allora di che cavolo di "sistema di sblocco open source" stiamo parlando? Il sistema di sblocco è una azione che fa l'utente, non in prodotto open source!
          • Nicola Amatucci scrive:
            Re: Punto Informatico = Microsoft
            La comunità che ha alle spalle può agire liberamente sul codice di android, poiché è un sistema operativo open-source, correggendo eventuali errori della base comune del sistema. Il fatto che ci siano molte personalizzazioni ti garantisce la possibilità di scegliere quella che vuoi e permette ad ogni produttore di creare applicazioni specifiche per il suo terminale e vendere sul suo market (politica di google). Ovviamente la stessa applicazione con poche modifiche (solamente a livello grafico) può girare su tutti i terminali.Cyanogen fa dei firmware legali per prodotti htc: velocità, stabilità, correzioni al kernel, utilizzo della sdcard come estensione della memoria interna, come partizione di swap, miglioramenti grafici, miglioramenti delle applicazioni di base (rubrica, telefono, email, ...) e così via...Il discorso comunque non è relativo solo agli smartphone; quando compri un computer (windows, mac, linux che sia) e lo connetti ad internet, nessuno ti avvisa lo della possibilità che si presenti questo o quel problema (malware, phishing, virus, trojan...). Noi ne abbiamo la consapevolezza, ma quelli che non sono informati, non ce l'hanno. Fortunatamente le banche e le poste ti avvisano di fidarti solo dei loro prodotti software e siti web e mail; problemi tuoi se sei così stupido da cascarci, non del terminale con cui ti sei connesso. Avendone la consapevolezza, conosci e capisci il rischio e impari a vedere se il sito su cui ti trovi è quello vero, se il programma è fidato e poi lo usi. Ma questo vale in generale, su windows, come su linux, come su android, perché tutti possono fare e distribuire il proprio programmino, gratuitamente.Concordo che su applestore ci sia una bassissima probabilità che ciò si verifichi, ma comunque sulla buona fetta che comprende gli iphone XXXXXXXXXati, qualcosa si è verificato. Anche con gli mms di quelli non XXXXXXXXXati, se non ricordo male?
          • lol scrive:
            Re: Punto Informatico = Microsoft

            Concordo che su applestore ci sia una bassissima
            probabilità che ciò si verifichiSe il codice sorgente è chiuso ci si può infilare qualsiasi "munnezza".Se è aperto lo si può fare ma è facile che qualcuno lo scopriraSe è aperto a pochi si può solo sperare che quei pochi se ne accorgano.
          • ruppolo scrive:
            Re: Punto Informatico = Microsoft
            - Scritto da: lol

            Concordo che su applestore ci sia una bassissima

            probabilità che ciò si verifichi

            Se il codice sorgente è chiuso ci si può infilare
            qualsiasi
            "munnezza".
            Se è aperto lo si può fare ma è facile che
            qualcuno lo
            scoprira
            Se è aperto a pochi si può solo sperare che quei
            pochi se ne
            accorgano.Se non sei anonimo, te ne stai buono, se non vuoi passare il resto dei giorni con i vestiti a righe.
    • McHollyons scrive:
      Re: Punto Informatico = Microsoft
      se anche te credevi di risparmiare con l openn sorcio..get the facts!
  • alexjenn scrive:
    Non per fare lo sborone...
    Ma l'avevo già previsto, rispondendo ai soliti detrattori del sistema di filtraggio dell'App Store di Apple.Aspetto le risposte dei soliti.
    • angros scrive:
      Re: Non per fare lo sborone...
      La risposta è semplice: se io ti imprigiono in casa, non potrai avere incidenti stradali; ma forse tu preferiresti poter uscire di casa, anche se corri qualche rischio.Solo inciampando e cadendo si può imparare a camminare... altrimenti, spostati pure su una sedia a rotelle, ma solo se trovi qualcuno che ti spinge.
      • alexjenn scrive:
        Re: Non per fare lo sborone...
        - Scritto da: angros
        La risposta è semplice: se io ti imprigiono in
        casa, non potrai avere incidenti stradali; ma
        forse tu preferiresti poter uscire di casa, anche
        se corri qualche
        rischio.
        Ehm, forse vorresti dire che tutte le applicazioni che si trovano nell'App Store sono di Apple?
        Solo inciampando e cadendo si può imparare a
        camminare... altrimenti, spostati pure su una
        sedia a rotelle, ma solo se trovi qualcuno che ti
        spinge.Se ripulire il conto corrente lo chiami inciampare... :|
        • angros scrive:
          Re: Non per fare lo sborone...

          Ehm, forse vorresti dire che tutte le
          applicazioni che si trovano nell'App Store sono
          di
          Apple?Richiedono l' autorizzazione di Apple, che si riserva di non mettere ciò che non ritiene adatto (perchè secondo loro è immorale, perchè potrebbe in teoria permettere di usare progammi pirata, perchè potrebbe dare una cattiva impressione del cellulare iphone...)Di sicuro non voglio una porcheria del genere, preferisco rischiare con il malware.
          Se ripulire il conto corrente lo chiami
          inciampare...
          :|Da rubare i dati bancari a farsi ripulire il conto c' è un po' di differenza: puoi impostare i limiti che vuoi sull' acXXXXX al conto (ad esempio, puoi fare in modo che non sia possibile prelevare più di una certa cifra per volta, o puoi fare in modo di poter gestire via internet l' acquisto e la vendita di titoli, ma non i bonifici (così anche se accedono al tuo conto difficilmente ti portano via qualcosa).E ti conviene mettere questi limiti, se accedi al conto via cellulare, perchè un cellulare può essere rubato facilmente, e anche scoprire la password che scrivi sul cellulare potrebbe non essere così difficile; purtroppo c' è gente che magari dà istruzioni alla banca di poter fare tutto online (anche un bonifico di tutto il contenuto del conto), poi mette password semplicissime, tipo 12345 ("sorprendente, è la stessa combinazione della mia valigia"), poi magari accede al conto con il cellulare in autobus, dove tutti possono vedere cosa fa; con gente che fa così, non c' è sistema di sicurezza che tenga. Ma il problema è dell' utente, non del cellulare.
          • alexjenn scrive:
            Re: Non per fare lo sborone...
            - Scritto da: angros

            Ehm, forse vorresti dire che tutte le

            applicazioni che si trovano nell'App Store sono

            di

            Apple?

            Richiedono l' autorizzazione di Apple, che si
            riserva di non mettere ciò che non ritiene adatto
            (perchè secondo loro è immorale, perchè potrebbe
            in teoria permettere di usare progammi pirata,
            perchè potrebbe dare una cattiva impressione del
            cellulare
            iphone...)

            Di sicuro non voglio una porcheria del genere,
            preferisco rischiare con il
            malware.Senza offesa, ma questo dice molto sulle tue capacità di giudizio.



            Se ripulire il conto corrente lo chiami

            inciampare...

            :|

            Da rubare i dati bancari a farsi ripulire il
            conto c' è un po' di differenzaCerto.Se ti prendono i dati bancari sarà per fare versamenti a tuo favore. puoi impostare i
            limiti che vuoi sull' acXXXXX al conto (ad
            esempio, puoi fare in modo che non sia possibile
            prelevare più di una certa cifra per volta, o
            puoi fare in modo di poter gestire via internet
            l' acquisto e la vendita di titoli, ma non i
            bonifici (così anche se accedono al tuo conto
            difficilmente ti portano via
            qualcosa).
            La prima comodità dell'home banking è proprio quella di fare bonifici a costi inferiori (di solito, 50 centesimi a operazione contro i 5 allo sportello).Che senso avrebbe impedirli, non si sa.Poi, sarà comodo solo per te avere una home banking limitata su tutto.
            E ti conviene mettere questi limiti, se accedi al
            conto via cellulare, perchè un cellulare può
            essere rubato facilmente, e anche scoprire la
            password che scrivi sul cellulare potrebbe non
            essere così difficile; purtroppo c' è gente che
            magari dà istruzioni alla banca di poter fare
            tutto online (anche un bonifico di tutto il
            contenuto del conto), poi mette password
            semplicissime, tipo 12345 ("sorprendente, è la
            stessa combinazione della mia valigia"), poi
            magari accede al conto con il cellulare in
            autobus, dove tutti possono vedere cosa fa; con
            gente che fa così, non c' è sistema di sicurezza
            che tenga. Ma il problema è dell' utente, non del
            cellulare.Guarda, il succo della questione è che ti stai inventando delle scuse per non ammettere che Android & Co. non hanno sistemi di protezione di dati sensibili, protezioni che Apple offre, e lo fai solo perché preferisci "rischiare con il malware". :|
          • ale meno scrive:
            Re: Non per fare lo sborone...
            - Scritto da: alexjenn

            La prima comodità dell'home banking è proprio
            quella di fare bonifici a costi inferiori (di
            solito, 50 centesimi a operazione contro i 5 allo
            sportello).

            scusa l'OT, ma dove vivi??? 5 euro per un bonifico allo sportello, ti ricordo sono le vecchie 10 mila lire!!che banca hai?!?!?!
          • alexjenn scrive:
            Re: Non per fare lo sborone...
            - Scritto da: ale meno
            - Scritto da: alexjenn



            La prima comodità dell'home banking è proprio

            quella di fare bonifici a costi inferiori (di

            solito, 50 centesimi a operazione contro i 5
            allo

            sportello).





            scusa l'OT, ma dove vivi??? 5 euro per un
            bonifico allo sportello, ti ricordo sono le
            vecchie 10 mila
            lire!!
            che banca hai?!?!?!Uhm, prima di risponderti ti faccio una domanda: in che anno pensi di vivere adesso? ;)
          • Disgra scrive:
            Re: Non per fare lo sborone...
            ha la banca apple....figurati che il costo del bonifico costa più del bonifico stesso....però è contento così perche ste jobs morsica personalmente tutti i libretti degli assegni:)
          • pay the Bill scrive:
            Re: Non per fare lo sborone...
            - Scritto da: Disgra

            però è contento così perche ste jobs morsica
            personalmente tutti i libretti degli
            assegni

            :)ROTFL! (rotfl) morto xD
          • alexjenn scrive:
            Re: Non per fare lo sborone...
            - Scritto da: Disgra
            ha la banca apple....
            figurati che il costo del bonifico costa più del
            bonifico
            stesso....
            però è contento così perche ste jobs morsica
            personalmente tutti i libretti degli
            assegni

            :) :|
          • angros scrive:
            Re: Non per fare lo sborone...
            - Scritto da: alexjenn
            - Scritto da: angros


            Ehm, forse vorresti dire che tutte le


            applicazioni che si trovano nell'App Store
            sono


            di


            Apple?



            Richiedono l' autorizzazione di Apple, che si

            riserva di non mettere ciò che non ritiene
            adatto

            (perchè secondo loro è immorale, perchè potrebbe

            in teoria permettere di usare progammi pirata,

            perchè potrebbe dare una cattiva impressione del

            cellulare

            iphone...)



            Di sicuro non voglio una porcheria del genere,

            preferisco rischiare con il

            malware.

            Senza offesa, ma questo dice molto sulle tue
            capacità di
            giudizio.Cosa intendi dire? Per la cronaca, sul mio computer l' ultima volta che ho visto un malware è stato nel 2007 (usavo ancora win XP); e io uso il computer parecchio.








            Se ripulire il conto corrente lo chiami


            inciampare...


            :|



            Da rubare i dati bancari a farsi ripulire il

            conto c' è un po' di differenza

            Certo.

            Se ti prendono i dati bancari sarà per fare
            versamenti a tuo
            favore.Se per accedere al tuo conto basta un solo numero, il tuo conto non è molto sicuro (già se hai quelle chiavette che ti cambiano codice ogni minuto va un po' meglio, anche se la sicurezza non è del 100%). Se il malware ti ruba la password di acXXXXX, un malintenzionato potrà vedere cosa hai sul conto, ma non potrà fare bonifici senza la password della chiavetta (e anche se il malware te l' ha rubata e glie l' ha spedita, ormai è scaduta ed inutile)Un altro sistema è la tessera con i codici usa e getta: ad ogni bonifico tu usi una password diversa (indicata su una scheda di carta), che digiti una volta e poi non usi più: anche se un malintenzionato la legge, non può poi farci niente.L' unico modo, per un malware, per rubarti i soldi dal conto, sarebbe di aspettare che tu stia per fare un bonifico, poi, nel momento in cui tu metti la password, invece di effettuare tale bonifico sul conto che hai scelto tu, ne effettua un altro sul conto del truffatore; ma una cosa del genere verrebbe a galla molto presto, e analizzando l' applicazione si scoprirebbe subito quale è il conto del trufatore, e sarebbe possibile bloccalo e recuperare i soldi, oltre ad arrestare il responsabile.D' altra parte, anche i dati bancari in sè, anche se non ti permettono di prelevare, possono prestarsi a tanti usi (se ad esempio scopro quali sono i tuoi investimenti preferiti, posso magari truffarti più facilmente), o possono essere rivenduti.

            La prima comodità dell'home banking è proprio
            quella di fare bonifici a costi inferiori (di
            solito, 50 centesimi a operazione contro i 5 allo
            sportello).

            Che senso avrebbe impedirli, non si sa.Ne fai così tanti, di bonifici? Perchè allora non so se sul tuo conto rimane ancora qualcosa da rubare ;-)

            Poi, sarà comodo solo per te avere una home
            banking limitata su
            tutto.Limitata sui sistemi che non uso; inoltre, se si chiama "home banking" perchè la faccio da casa, la faccio con computer e browser, senza installare nulla.
            Guarda, il succo della questione è che ti stai
            inventando delle scuse per non ammettere che
            Android & Co. non hanno sistemi di protezione di
            dati sensibili, protezioni che Apple offre, e lo
            fai solo perché preferisci "rischiare con il
            malware".

            :|Non è android ad avere o non avere sistemi di protezione dei dati sensibili, è il software; quel genere di programma si sarebbe potuto realizzare anche per iPhone, ma la Apple l' avrebbe cancellato, esattamente come Google l' ha tolto dallo store; semplicemente la politica di Apple è più restrittiva, e quindi lascia passare meno programmi pericolosi, anche se così facendo i programmi buoni hanno bisogno di un po' di tempo in più prima di venire approvati.La cosa grave è che quel programma sia finito su Android Market; quella è stata una negligenza, sicuramente (ma tale negligenza sarebbe potuta capitare anche sullo store di Apple, perchè è stato il personale che controllava le applicazioni ad aver sbagliato)
          • alexjenn scrive:
            Re: Non per fare lo sborone...
            Forse ricordo male, ma la politica di Google era quella del mercato aperto, senza restrizioni.Ergo, non ci sono controlli.
          • angros scrive:
            Re: Non per fare lo sborone...
            Non so esattamente, ma credo che "mercato aperto" voglia dire soprattutto che ci possono essere diversi store, non uno solo (e ogni store può applicare le regole e i controlli che vuole)
          • alexjenn scrive:
            Re: Non per fare lo sborone...
            No, non era quello a cui si riferiva Google.Google voleva dire: noi non applicheremo censure.Siccome l'anno scorso, poco dopo questa presa di posizione uscirono due bei programmi malware per Android, subito Google cambiò posizione, ma mantenendo comunque le braccia molto aperte.Ecco il risultato.Scommetti che tra poco Google farà controlli pari a quelli che fa Apple?
          • angros scrive:
            Re: Non per fare lo sborone...
            Con il modello di Google, questo non sarebbe un problema: se a me interessa una applicazione che Google non offre, la prendo da un altro store (o dal sito del produttore) e me la installo, perchè a differenza dell' iPhone, su Android io non sono obbligato ad usare solo uno store. Tutto questo senza bisogno di XXXXXXXXX o di invalidare la garanzia.Sullo store di Google finiranno le applicazioni "per tutti", mentre altre applicazioni, magari altrettanto utili, ma un po' più rischiose da usare, finiranno altrove (magari alcuni store saranno solo per maggiorenni, e avrnno un bel disclaimer dove ti dicono "non ci assumiamo responsabilità se con questi programmi fai dei danni")Inoltre, dai siti dei produttori sarà magari possibile scaricare direttamente i programmi ancora in beta, per chi non resiste e vuole provarli in anteprima.
          • alexjenn scrive:
            Re: Non per fare lo sborone...
            - Scritto da: angros
            Con il modello di Google, questo non sarebbe un
            problema: se a me interessa una applicazione che
            Google non offre, la prendo da un altro store (o
            dal sito del produttore) e me la installo, perchè
            a differenza dell' iPhone, su Android io non sono
            obbligato ad usare solo uno store. Tutto questo
            senza bisogno di XXXXXXXXX o di invalidare la
            garanzia.
            È un'ottima cosa, anche se poi dovrai comunque essere sicuro della fonte e del fatto che poi l'applicativo vada bene per il modello di smartphone che hai.Comunque, (ripeto) togliendo la multitudine di stupidaggini, tra 125 mila applicativi qualcosa che vada bene a me lo trovo, no?Guarda cosa si sono inventati pure con la Augmented Reality nell'iPhone.
            Sullo store di Google finiranno le applicazioni
            "per tutti", mentre altre applicazioni, magari
            altrettanto utili, ma un po' più rischiose da
            usare, finiranno altrove (magari alcuni store
            saranno solo per maggiorenni, e avrnno un bel
            disclaimer dove ti dicono "non ci assumiamo
            responsabilità se con questi programmi fai dei
            danni")
            Inoltre, dai siti dei produttori sarà magari
            possibile scaricare direttamente i programmi
            ancora in beta, per chi non resiste e vuole
            provarli in
            anteprima.Sperando che le beta non creino XXXXXX col sistema operativo.
          • angros scrive:
            Re: Non per fare lo sborone...

            È un'ottima cosa, anche se poi dovrai comunque
            essere sicuro della fonte e del fatto che poi
            l'applicativo vada bene per il modello di
            smartphone che
            hai.Nè più nè meno di quello che faccio già con il pc.

            Comunque, (ripeto) togliendo la multitudine di
            stupidaggini, tra 125 mila applicativi qualcosa
            che vada bene a me lo trovo,
            no?Dipende dal genere di cose che ti interessa: ad esempio, tra le 125 mila applicazioni non ci sono emulatori, e non ci sono programmi per far girare le pagine in flash (e questo non dipende dalla mancanza di applicazioni specifiche, ma da una precisa scelta della Apple).Ad esempio, a me gli emulatori piacciono (e anche a te, se hai lo ScummVM), e rifiuto categoricamente un modello in cui mi dicono che non posso installarne uno.
            Sperando che le beta non creino XXXXXX col
            sistema
            operativo.Perchè dovrebbero? Al massimo non funzionano, e te le devi disinstallare. Su linux esistono un mucchio di programmi in beta, se non funzionano non succede niente al resto del sistema, cancelli l' applicazione che non va e finisce lì (ed Android è derivato da linux)
          • alexjenn scrive:
            Re: Non per fare lo sborone...
            - Scritto da: angros

            È un'ottima cosa, anche se poi dovrai comunque

            essere sicuro della fonte e del fatto che poi

            l'applicativo vada bene per il modello di

            smartphone che

            hai.

            Nè più nè meno di quello che faccio già con il pc.




            Comunque, (ripeto) togliendo la multitudine di

            stupidaggini, tra 125 mila applicativi qualcosa

            che vada bene a me lo trovo,

            no?

            Dipende dal genere di cose che ti
            interessa: ad esempio, tra le 125 mila
            applicazioni non ci sono emulatori, e non ci sono
            programmi per far girare le pagine in flash (e
            questo non dipende dalla mancanza di applicazioni
            specifiche, ma da una precisa scelta della
            Apple).
            Ad esempio, a me gli emulatori piacciono (e anche
            a te, se hai lo ScummVM), e rifiuto
            categoricamente un modello in cui mi dicono che
            non posso installarne
            uno.Ho anche Stella, bellissimo emulatore dell'Atari 2600 ma, sinceramente, non vedo perché crearne per smartphone.



            Sperando che le beta non creino XXXXXX col

            sistema

            operativo.
            Perchè dovrebbero? Al massimo non funzionano, e
            te le devi disinstallare. Su linux esistono un
            mucchio di programmi in beta, se non funzionano
            non succede niente al resto del sistema, cancelli
            l' applicazione che non va e finisce lì (ed
            Android è derivato da
            linux)
          • ruppolo scrive:
            Re: Non per fare lo sborone...
            - Scritto da: angros

            È un'ottima cosa, anche se poi dovrai comunque

            essere sicuro della fonte e del fatto che poi

            l'applicativo vada bene per il modello di

            smartphone che

            hai.

            Nè più nè meno di quello che faccio già con il pc.AHAHHAHAHHAHAHHA (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)Dammi il numero del tuo PC che provo a chiamarlo, vediamo se squilla (rotfl)E dimmi, te la dice la longitudine e latitudine di dove si trova? E i comandi vocali? E la fotocamera da 3... no, da 5 megapixel col flash? (rotfl)




            Comunque, (ripeto) togliendo la multitudine di

            stupidaggini, tra 125 mila applicativi qualcosa

            che vada bene a me lo trovo,

            no?

            Dipende dal genere di cose che ti
            interessa: ad esempio, tra le 125 mila
            applicazioni non ci sono emulatori, e non ci sono
            programmi per far girare le pagine in flashLe due cose fondamentali che servono per strada...
            (e
            questo non dipende dalla mancanza di applicazioni
            specifiche, ma da una precisa scelta della
            Apple).
            Ad esempio, a me gli emulatori piacciono (e anche
            a te, se hai lo ScummVM), e rifiuto
            categoricamente un modello in cui mi dicono che
            non posso installarne
            uno.Eh certo, metti che capita un incidente per la strada, vuoi mettere avere un emulatore? Potresti emulare il dottor House e salvare vite umane!

            Sperando che le beta non creino XXXXXX col

            sistema

            operativo.
            Perchè dovrebbero? Al massimo non funzionano, e
            te le devi disinstallare. Su linux esistono un
            mucchio di programmi in beta, se non funzionano
            non succede niente al resto del sistema, cancelli
            l' applicazione che non va e finisce lì (ed
            Android è derivato da
            linux)Ma non basta mettere le sbarre al bandone, al posto dei coperchi sugli slot degli hard disk, e diventa un bel cellulare?
          • angros scrive:
            Re: Non per fare lo sborone...

            AHAHHAHAHHAHAHHA
            (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)

            Dammi il numero del tuo PC che provo a chiamarlo,
            vediamo se squilla
            (rotfl)

            E dimmi, te la dice la longitudine e latitudine
            di dove si trova? E i comandi vocali? E la
            fotocamera da 3... no, da 5 megapixel col flash?
            (rotfl)Hai bevuto? :-)Hai almeno capito il senso della domanda? si parlava di applicazioni, e del fatto che se scarichi un programma da una fonte diversa da chi ti ha fornito il sistema (computer o smartphone che sia), devi controllare che la fonte sia affidabile, e che il programma sia compatibile con il tuo hardware; con il pc questo è normale, e non vedo perchè dovrebbe essere un problema per uno smartphone.

            Eh certo, metti che capita un incidente per la
            strada, vuoi mettere avere un emulatore? Potresti
            emulare il dottor House e salvare vite
            umane!Già, se capita un incidente non mi serve un emulatore, mentre le 125000 applicazioni sono utilissime... oppure è più utile poter telefonare e chiamare aiuto (cosa che si fa anche con il cellulare più scarso)?
            Ma non basta mettere le sbarre al bandone, al
            posto dei coperchi sugli slot degli hard disk, e
            diventa un bel
            cellulare?Ok, ho capito; hai bevuto.Ci sentiamo domani quando ti è passata.
          • ruppolo scrive:
            Re: Non per fare lo sborone...
            - Scritto da: angros
            si
            parlava di applicazioni, e del fatto che se
            scarichi un programma da una fonte diversa da chi
            ti ha fornito il sistema (computer o smartphone
            che sia), devi controllare che la fonte sia
            affidabile, e che il programma sia compatibile
            con il tuo hardware; con il pc questo è normale,
            e non vedo perchè dovrebbe essere un problema per
            uno
            smartphone.Non avevo dubbi che non vedi il problema.Per te rendere incasinato l'uso di un cellulare è normale.
            Già, se capita un incidente non mi serve un
            emulatore, mentre le 125000 applicazioni sono
            utilissime... oppure è più utile poter telefonare
            e chiamare aiuto (cosa che si fa anche con il
            cellulare più
            scarso)?Col cellulare scarso si fa, con gli smartphone forse: dipende se il multitasking non è intasato...Tra le 133000 (scusa se correggo, ma sai, ogni giorno nascono quelle 500 applicazioni...) c'è anche l'applicazione apposita:http://appshopper.com/utilities/emergenze
          • NetUser scrive:
            Re: Non per fare lo sborone...
            Utile. Di solito in quei momenti concitati ci si riesce pure a scordare i numeri di telefono.
          • angros scrive:
            Re: Non per fare lo sborone...
            E c' era bisogno di una applicazione apposta? Non basta avere i numeri in rubrica?Oltre tutto, se non ti ricordi il numero di telefono, è molto facile che tu abbia la lucidità mentale di cercare l' applicazione "emergenze" tra le altre 133000....
          • ruppolo scrive:
            Re: Non per fare lo sborone...
            - Scritto da: angros
            E c' era bisogno di una applicazione apposta? Non
            basta avere i numeri in
            rubrica?

            Oltre tutto, se non ti ricordi il numero di
            telefono, è molto facile che tu abbia la lucidità
            mentale di cercare l' applicazione "emergenze"
            tra le altre
            133000....Non le cerchi tra 133000, ma tra quelle presenti nel tuo iPhone. L'icona è molto esplicita: SOS su fondo rosso.
          • angros scrive:
            Re: Non per fare lo sborone...
            Se te la eri installata prima (ma del resto, se ci avevi pensato prima, magari ti eri anche messo in rubrica i numeri per le emergenze)
          • NetUser scrive:
            Re: Non per fare lo sborone...
            - Scritto da: angros
            Se te la eri installata prima (ma del resto, se
            ci avevi pensato prima, magari ti eri anche messo
            in rubrica i numeri per le
            emergenze)Ma anche no.
          • ruppolo scrive:
            Re: Non per fare lo sborone...
            - Scritto da: angros
            Se te la eri installata prima (ma del resto, se
            ci avevi pensato prima, magari ti eri anche messo
            in rubrica i numeri per le
            emergenze)Magari non conosco tutti i numeri delle emergenze... nemmeno conosco tutte le organizzazioni che trattano emergenze, per cui l'applicazione ha la sua utilità. Bella pronta, senza sbattimenti.
          • NetUser scrive:
            Re: Non per fare lo sborone...
            - Scritto da: angros
            E c' era bisogno di una applicazione apposta? Non
            basta avere i numeri in
            rubrica?
            Non sta a te giudicarlo. Trovi quindi la tua osservazione superflua.
            Oltre tutto, se non ti ricordi il numero di
            telefono, è molto facile che tu abbia la lucidità
            mentale di cercare l' applicazione "emergenze"
            tra le altre
            133000....Perché tu sei così lucido da cercare l'applicazione al momento preciso che ti serve o magari te la scarichi prima così è già disponibile?Francamente le tue osservazioni lasciano il tempo che trovano.
          • Orwell scrive:
            Re: Non per fare lo sborone...
            (magari alcuni store
            saranno solo per maggiorenni, e avrnno un bel
            disclaimer dove ti dicono "non ci assumiamo
            responsabilità se con questi programmi fai dei
            danni")Che poi è anche la politica di Apple, perchè nonostante tutte le storie sul controllo delle applicazioni, alla fine la garanzia non la danno mica agli utenti. Leggetevi le condizioni contrattuali dell'App store.
          • NetUser scrive:
            Re: Non per fare lo sborone...
            Non é complicato immaginarsi che se apple filtra le app il rischio che abbiamo visto realizzarsi sul android marketplace difficilmente lo si ritrova nell'app store. Mai dire mai, ma sicuramente meglio un controllo preventivo che porte aperte per tutti e si arrangino gli utenti.
          • ruppolo scrive:
            Re: Non per fare lo sborone...
            - Scritto da: angros
            Non è android ad avere o non avere sistemi di
            protezione dei dati sensibili, è il software;
            quel genere di programma si sarebbe potuto
            realizzare anche per iPhone, ma la Apple l'
            avrebbe cancellato, esattamente come Google l' ha
            tolto dallo store; semplicemente la politica di
            Apple è più restrittiva, e quindi lascia passare
            meno programmi pericolosi, anche se così facendo
            i programmi buoni hanno bisogno di un po' di
            tempo in più prima di venire
            approvati.Peccato che non ci sia malware nemmeno nei programmi non ufficiali. Peccato per te, ovviamente.
            La cosa grave è che quel programma sia finito su
            Android Market; quella è stata una negligenza,
            sicuramente (ma tale negligenza sarebbe potuta
            capitare anche sullo store di Apple, perchè è
            stato il personale che controllava le
            applicazioni ad aver
            sbagliato)Sei patetico.
          • angros scrive:
            Re: Non per fare lo sborone...

            Peccato che non ci sia malware nemmeno nei
            programmi non ufficiali. Peccato per te,
            ovviamente.Per installare quelli non ufficiali serve il XXXXXXXXX, e a quel punto il malware c' è: Ikee, te lo sei dimenticato?
          • NetUser scrive:
            Re: Non per fare lo sborone...
            - Scritto da: angros

            Peccato che non ci sia malware nemmeno nei

            programmi non ufficiali. Peccato per te,

            ovviamente.

            Per installare quelli non ufficiali serve il
            XXXXXXXXX, e a quel punto il malware c' è: Ikee,
            te lo sei
            dimenticato?Si ma tu scordi che la tua garanzia è andata e che quindi ti assumi il rischio. Tale rischio però non inizi a correrlo come esci dal negozio dove hai acquistato il tuo iphone. Devi ancora JB, definire repository ecc ecc.
          • ruppolo scrive:
            Re: Non per fare lo sborone...
            - Scritto da: angros

            Peccato che non ci sia malware nemmeno nei

            programmi non ufficiali. Peccato per te,

            ovviamente.

            Per installare quelli non ufficiali serve il
            XXXXXXXXX, e a quel punto il malware c' è: Ikee,
            te lo sei
            dimenticato?No, non me lo sono dimenticato, ma dimmi, in quale applicazione sta?
          • angros scrive:
            Re: Non per fare lo sborone...
            Trattandosi di un worm, ti può colpire anche se non installi una applicazione specifica (il che mi sembra ancora peggio)
          • ruppolo scrive:
            Re: Non per fare lo sborone...
            - Scritto da: angros
            Trattandosi di un worm, ti può colpire anche se
            non installi una applicazione specifica (il che
            mi sembra ancora
            peggio)Non è peggio perché gli indirizzi Internet sono 256x256x256x256=4.294.967.296, quindi prima di passarli tutti in rassegna, ponendo che ne fai 10 al secondo per 24 ore al giorno, ci vogliono 136 anni. Molto più facile farlo con una applicazione...Ma su iPhone questo non accade. Parlo di iPhone con iPhone OS, è chiaro che se gli metti un sistema operativo diverso, allora tutto è possibile.
          • Shu scrive:
            Re: Non per fare lo sborone...
            - Scritto da: ruppolo
            - Scritto da: angros

            Trattandosi di un worm, ti può colpire anche se

            non installi una applicazione specifica (il che

            mi sembra ancora

            peggio)

            Non è peggio perché gli indirizzi Internet sono
            256x256x256x256=4.294.967.296, quindi prima di
            passarli tutti in rassegna, ponendo che ne fai 10
            al secondo per 24 ore al giorno, ci vogliono 136
            anni. Molto più facile farlo con una
            applicazione...Ma hai la minima idea di come funzionano i worm oggi?La prima macchina ne farà anche 10 al secondo, ma quando ne infetta una, gli passa anche il range da attaccare, e a quel punto diventano 20 al secondo, e ogni volta aumenta esponenzialmente il numero di attacchi.Puoi finire un attacco tranquillamente in 136 MINUTI, se ti va bene, altro che 136 anni.Bye.P.S.: dal conto devi togliere 16 milioni di classi 10.*, un milione di 172.* e 65536 di 192.168.*. Riduci di poco, ma eviti richieste a vuoto e timeout inutili.
          • ruppolo scrive:
            Re: Non per fare lo sborone...
            - Scritto da: Shu
            Ma hai la minima idea di come funzionano i worm
            oggi?Funzionano come ieri.
            La prima macchina ne farà anche 10 al secondo, ma
            quando ne infetta una, gli passa anche il range
            da attaccare, e a quel punto diventano 20 al
            secondo, e ogni volta aumenta esponenzialmente il
            numero di
            attacchi.Aumenta quanto vuoi... non sono mica sincronizzati, ognuno opera come se fosse solo.
            Puoi finire un attacco tranquillamente in 136
            MINUTI, se ti va bene, altro che 136
            anni.AHAHHAHAHHA!!! Beata ignoranza.Ce ne vorrebbero più di mezzo milione ammesso che ognuno facesse solo la sua parte di indirizzi. Ma siccome così non è, per un calcolo statistico ci vuole la metà del tempo, 68 anni.
            P.S.: dal conto devi togliere 16 milioni di
            classi 10.*, un milione di 172.* e 65536 di
            192.168.*. Riduci di poco, ma eviti richieste a
            vuoto e timeout
            inutili.No che li tolgo, non vorrai mica che rinuncio ad infettare quelli nella mia stessa rete locale, no?PS: nelle realtà è andata proprio così, quei pochi si sono infettati nelle reti locali delle connessioni wi-fi gratuite.PPS: ovviamente solo quelli XXXXXXXXXati, tra questi solo quelli con l'SSH attivo, tra questi solo quelli con la password di default. Che pochi che rimangono, vero?PPPS: ovviamente solo quelli accesi e connessi, quindi mentre l'utente li sta utilizzando.PPPPS: ovviamente quelli in rete wi-fi locale non sono raggiungibili dall'esterno...
          • Shu scrive:
            Re: Non per fare lo sborone...
            - Scritto da: ruppolo
            AHAHHAHAHHA!!! Beata ignoranza.
            Ce ne vorrebbero più di mezzo milione ammesso che
            ognuno facesse solo la sua parte di indirizzi. Ma
            siccome così non è, per un calcolo statistico ci
            vuole la metà del tempo, 68
            anni.Visto che non sei di alcuna utilità ad alcun thread, questa è la mia ultima risposta. Tanto ormai la tua fama ti precede e la gente sa che è inutile leggerti.leggi qui:http://www.appuntidigitali.it/3140/tornano-i-worm-piu-in-forma-che-mai/Ti riporto un passo:martedì 13 i computer infetti fossero circa 2,4 milioni, mentre per la fine della giornata di venerdì 16 la cifra era arrivata a sfiorare addirittura i 9 milioni,Quindi stiamo parlando di oltre 6 milioni in 3 giorni. Quindi 70 al secondo. 70 INFETTI, non attaccati. Ma anche se tutti quelli attacati fossero stati infetti, significa 2 milioni al giorno, che tradotto significa che in 5 anni avrebbe infettato tutti gli IP. Altro che 60 anni.E ti faccio notare che non tutti gli IP erano infettabili (vedi router, firewall, macchine con altri S.O., ma banalmente anche indirizzi di rete e broadcast).Ora vai a studiare un po' gli algoritmi di calcolo distribuito e vedi come ogni zombie può evitare di attaccare IP già attaccati. E ammetti di essere un po' ignorante anche tu.
          • ruppolo scrive:
            Re: Non per fare lo sborone...
            - Scritto da: Shu
            che tradotto significa che in 5 anni
            avrebbe infettato tutti gli IP. Altro che 60
            anni.AHHAHAHAHAHHAHAHHAHAH (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)Guarda, non perdo nemmeno tempo a verificare (parlare poi di virus per PC...), mi basta questo "5 anni" per riderti in faccia. Un programma di questo tipo verrebbe rimosso nel giro di qualche ora, e tu mi parli di 5 anni? PPPPRRRTTTTTTT (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
          • angros scrive:
            Re: Non per fare lo sborone...
            Ti contraddici: prima avevi parlato di "programmi non ufficiali" (http://punto-informatico.it/b.aspx?i=2785508&m=2785762#p2785762), e come pensi di rimuoverli?
          • ruppolo scrive:
            Re: Non per fare lo sborone...
            - Scritto da: angros
            Ti contraddici: prima avevi parlato di "programmi
            non ufficiali"
            (http://punto-informatico.it/b.aspx?i=2785508&m=27Non ti è entrato ancora nella zucca che non ci sono applicazioni malevoli che l'utente possa installarsi? Né in AppStore né in nessuna altra parte!
          • angros scrive:
            Re: Non per fare lo sborone...
            Non ci sono applicazioni malevoli che l' utente possa installarsi, ma ce ne sono che possono essere installate da altri a sua insaputa :-P
          • ruppolo scrive:
            Re: Non per fare lo sborone...
            - Scritto da: angros
            Non ci sono applicazioni malevoli che l' utente
            possa installarsi, ma ce ne sono che possono
            essere installate da altri a sua insaputa
            :-PQuesto si. Ovviamente solo a chi ha fatto il "furbo".
          • LMC scrive:
            Re: Non per fare lo sborone...
            Spiegami meglio il concettoPreferisci correre rischi per avere piu' possibilita', ma per non correre rischi riduci queste possibilita'?Per avere piu' possibilita' ne hai meno.E' una veraXXXXXta.Saluti- Scritto da: angros

            Di sicuro non voglio una porcheria del genere,
            preferisco rischiare con il
            malware.

            Da rubare i dati bancari a farsi ripulire il
            conto c' è un po' di differenza: puoi impostare i
            limiti che vuoi sull' acXXXXX al conto (ad
            esempio, puoi fare in modo che non sia possibile
            prelevare più di una certa cifra per volta, o
            puoi fare in modo di poter gestire via internet
            l' acquisto e la vendita di titoli, ma non i
            bonifici (così anche se accedono al tuo conto
            difficilmente ti portano via
            qualcosa).

            E ti conviene mettere questi limiti, se accedi al
            conto via cellulare, perchè un cellulare può
            essere rubato facilmente, e anche scoprire la
            password che scrivi sul cellulare potrebbe non
            essere così difficile; purtroppo c' è gente che
            magari dà istruzioni alla banca di poter fare
            tutto online (anche un bonifico di tutto il
            contenuto del conto), poi mette password
            semplicissime, tipo 12345 ("sorprendente, è la
            stessa combinazione della mia valigia"), poi
            magari accede al conto con il cellulare in
            autobus, dove tutti possono vedere cosa fa; con
            gente che fa così, non c' è sistema di sicurezza
            che tenga. Ma il problema è dell' utente, non del
            cellulare.
          • alexjenn scrive:
            Re: Non per fare lo sborone...
            Eccezionale come hai estrapolato una proprietà transitiva nella logica ;)
      • free for all scrive:
        Re: Non per fare lo sborone...
        - Scritto da: angros
        La risposta è semplice: se io ti imprigiono in
        casa, non potrai avere incidenti stradali; ma
        forse tu preferiresti poter uscire di casa, anche
        se corri qualche
        rischio.

        Solo inciampando e cadendo si può imparare a
        camminare... altrimenti, spostati pure su una
        sedia a rotelle, ma solo se trovi qualcuno che ti
        spinge.Allora, secondo il tuo pensiero, solo prendendolo in cul0 si puo' imparare ad evitare di farsi incul@re.. auguri e buona vaselina ;-)
        • angros scrive:
          Re: Non per fare lo sborone...
          Scusa, a te non hanno insegnato a pensarci un momento, prima di dare le chiavi di casa (o del tuo conto in banca) ad altri?Se vuoi gestire il tuo conto online, non dovresti usare un programma di Google, o d Apple, o di chiunque altro: dovresti usare il programma (o la webapp) fornito dalla tua banca.
          • sadness with you scrive:
            Re: Non per fare lo sborone...
            - Scritto da: angros
            Scusa, a te non hanno insegnato a pensarci un
            momento, prima di dare le chiavi di casa (o del
            tuo conto in banca) ad altri?

            Se vuoi gestire il tuo conto online, non dovresti
            usare un programma di Google, o d Apple, o di
            chiunque altro: dovresti usare il programma (o la
            webapp) fornito dalla tua banca.il problema non è quello specifico di questo caso: il problema è che se non c'è alcun controllo, potrai trovare malware di ogni tipo... è solo questione di tempo... mesi...
          • NetUser scrive:
            Re: Non per fare lo sborone...
            - Scritto da: sadness with you
            - Scritto da: angros

            Scusa, a te non hanno insegnato a pensarci un

            momento, prima di dare le chiavi di casa (o del

            tuo conto in banca) ad altri?



            Se vuoi gestire il tuo conto online, non
            dovresti

            usare un programma di Google, o d Apple, o di

            chiunque altro: dovresti usare il programma (o
            la

            webapp) fornito dalla tua banca.

            il problema non è quello specifico di questo
            caso: il problema è che se non c'è alcun
            controllo, potrai trovare malware di ogni tipo...
            è solo questione di tempo...
            mesi...E lo si potrà trovare pure nei giochi o in altri applicativi che non per forza sono app che trattano ufficialmente dati sensibili, ma poi sotto sotto te li scippano a tua insaputa.Sbaglio o ci sono taluni personaggi che pur di difendere a tutti i costi il modello di google, e alla luce dei problemi di sicurezza di questi giorni, si stanno arrampicando molto in alto?
          • Shu scrive:
            Re: Non per fare lo sborone...
            - Scritto da: NetUser
            E lo si potrà trovare pure nei giochi o in altri
            applicativi che non per forza sono app che
            trattano ufficialmente dati sensibili, ma poi
            sotto sotto te li scippano a tua
            insaputa.No, non su Android. Ogni sviluppatore ha un suo userid, e tutti i dati delle sue applicazioni sono in una cartella con tale userid (a meno che l'applicazione non li salvi volontariamente nella scheda SD formattata in FAT32... o a meno che non preveda un servizio di sistema per accederci, come la rubrica contatti interna).Quindi ogni applicazione ha acXXXXX (sia in lettura che in scrittura) solo ai dati delle altre applicazioni di quello sviluppatore.Un malware che voglia rubarti i dati, te li deve chiedere, esattamente come ha fatto questo.Bye.
          • ruppolo scrive:
            Re: Non per fare lo sborone...
            - Scritto da: Shu
            Un malware che voglia rubarti i dati, te li deve
            chiedere, esattamente come ha fatto
            questo.Anche su iPhone nessuna applicazione può accedere ai dati delle altre, di terze parti.
          • NetUser scrive:
            Re: Non per fare lo sborone...
            Link alle spiegazioni di cosa faceva questa app.Sai com'è potresti scrivere qualsiasi cosa giusta o sbagliata, ma solo fonti serie permettono di fidarsi.
      • logicaMente scrive:
        Re: Non per fare lo sborone...
        - Scritto da: angros
        Solo inciampando e cadendo si può imparare a
        camminare... Molto opinabile, non serve farsi truffare online per diventare consapevoli dei rischi della sicurezza ed evitarli...
        • DarkOne scrive:
          Re: Non per fare lo sborone...
          - Scritto da: logicaMente
          Molto opinabile, non serve farsi truffare online
          per diventare consapevoli dei rischi della
          sicurezza ed
          evitarli...Domanda:Un utente sensibilizzato alla sicurezza è più o meno attento nelle cose che fa rispetto ad un utente che si affida al 100% ad un sistema di censura e controllo?
          • ruppolo scrive:
            Re: Non per fare lo sborone...
            - Scritto da: DarkOne
            - Scritto da: logicaMente

            Molto opinabile, non serve farsi truffare online

            per diventare consapevoli dei rischi della

            sicurezza ed

            evitarli...

            Domanda:
            Un utente sensibilizzato alla sicurezza è più o
            meno attento nelle cose che fa rispetto ad un
            utente che si affida al 100% ad un sistema di
            censura e
            controllo?Dipende dal contesto. Se entro un una caserma dei carabinieri o vado dal medico non penso di entrare in un posto pericoloso dove possono rapinarmi.Così vale per un cellulare.
          • DarkOne scrive:
            Re: Non per fare lo sborone...
            - Scritto da: ruppolo
            Dipende dal contesto. Se entro un una caserma dei
            carabinieri o vado dal medico non penso di
            entrare in un posto pericoloso dove possono
            rapinarmi.
            Così vale per un cellulare.Se entri in una caserma dei carabinieri e ti metti a dire al primo che passa il numero del tuo conto e password sei un cretino lo stesso.E guarda che è proprio questo il caso...è l'esatto equivalente di quello che è sucXXXXX.
          • ruppolo scrive:
            Re: Non per fare lo sborone...
            - Scritto da: DarkOne
            - Scritto da: ruppolo

            Dipende dal contesto. Se entro un una caserma
            dei

            carabinieri o vado dal medico non penso di

            entrare in un posto pericoloso dove possono

            rapinarmi.

            Così vale per un cellulare.

            Se entri in una caserma dei carabinieri e ti
            metti a dire al primo che passa il numero del tuo
            conto e password sei un cretino lo
            stesso.
            E guarda che è proprio questo il caso...è
            l'esatto equivalente di quello che è
            sucXXXXX.No, mi spiace. L'applicazione è stata scaricata da un luogo che doveva essere sicuro, un luogo trusted. Ai carabinieri devo poter dire il numero del mio conto e la password senza avere il timore che quello dopo mi svuota il conto.Altrimenti, ripeto, dovrei far mangiare al gatto ogni cosa, prima di mangiarla io.
          • Shu scrive:
            Re: Non per fare lo sborone...
            - Scritto da: ruppolo
            Ai carabinieri devo poter dire il numero
            del mio conto e la password senza avere il timore
            che quello dopo mi svuota il
            conto.No, ai Carabinieri non devi assolutamente dire la tua password, come non devi dirla a un prete in confessione.Ci sono dibattiti anche sull'obbligatorietà di comunicare le password dietro decreti ingiuntivi o ordini del tribunale, figurarsi dirle in giro.Per quanto io mi fidi delle forze dell'ordine italiane, le mele marce ci sono dappertutto.
          • ruppolo scrive:
            Re: Non per fare lo sborone...
            - Scritto da: Shu
            - Scritto da: ruppolo


            Ai carabinieri devo poter dire il numero

            del mio conto e la password senza avere il
            timore

            che quello dopo mi svuota il

            conto.

            No, ai Carabinieri non devi assolutamente dire la
            tua password, come non devi dirla a un prete in
            confessione.
            Ci sono dibattiti anche sull'obbligatorietà di
            comunicare le password dietro decreti ingiuntivi
            o ordini del tribunale, figurarsi dirle in
            giro.

            Per quanto io mi fidi delle forze dell'ordine
            italiane, le mele marce ci sono
            dappertutto.Certamente, ma non posso diventare paranoico per questo.
          • DarkOne scrive:
            Re: Non per fare lo sborone...
            - Scritto da: ruppolo
            Certamente, ma non posso diventare paranoico per
            questo.Ci hai provato e ti è andata male ruppolo.Questa non è paranoia, la password è personale e non va detta a NESSUNO. Senza parlare di paranoie ci sono cose verso cui un utente DEVE essere sensibile, negare questo fatto è ciò che porta ad avere gli utonti. Sei libero di essere un utonto, ma dubito fortemente che tu sia così sprovveduto da fornire la tua password a chicchessia, compresa una applicazione presente su appstore ;)
      • sadness with you scrive:
        Re: Non per fare lo sborone...
        - Scritto da: angros
        La risposta è semplice: se io ti imprigiono in
        casa, non potrai avere incidenti stradali; ma
        forse tu preferiresti poter uscire di casa, anche
        se corri qualche rischio.o forse preferisco scegliere cosa fare... o magari posso fare una strada "obbligata" ma sicura (perché vigilata), oppure fare i vicoli dove posso incontrare malviventi di ogni tipo...
        Solo inciampando e cadendo si può imparare a
        camminare...e qui casca l'asino... ocio a non farti male
      • ruppolo scrive:
        Re: Non per fare lo sborone...
        Splendida arrampicata.Mi spiace per te, ma Google, Android, l'Open Source e il Nexus hanno iniziato male l'anno. Come il solito sei dalla parte sbagliata del fiume.
      • stivy scrive:
        Re: Non per fare lo sborone...
        - Scritto da: angros
        La risposta è semplice: se io ti imprigiono in
        casa, non potrai avere incidenti stradali; ma
        forse tu preferiresti poter uscire di casa, anche
        se corri qualche
        rischio.
        Scusa ma... gli incidenti stradali non sono (in teoria) evitati dall'insieme di REGOLE del codice della strada? Quindi, per estensione, gli incidenti "informatici su iphone" sono evitati (sempre in teoria) dalle REGOLE di Appstore
        • ruppolo scrive:
          Re: Non per fare lo sborone...
          Precisamente, e come nessuno ti può garantire che tale insieme di regole ti preservi dall'essere investito da qualcuno, ugualmente nessuno ti può garantire che il malware non entrerà mai sull'iPhone. Ma tu sai che ci sono un insieme di regole, di azioni, di persone, preposte ad evitare tale eventualità. Quindi parliamo di "ragionevole sicurezza".
    • GBT scrive:
      Re: Non per fare lo sborone...
      Molto appropriato, tu combatti come una mucca!
      • alexjenn scrive:
        Re: Non per fare lo sborone...
        ?Tu prova a combattere con una mucca, poi torni e ci racconti.E buon malware.
        • angros scrive:
          Re: Non per fare lo sborone...
          Non hai colto la citazione, mi sa...Proviamo con questa:"Presto sentirai la mia spada come uno spiedino"
          • alexjenn scrive:
            Re: Non per fare lo sborone...
            - Scritto da: angros
            Non hai colto la citazione, mi sa...

            Proviamo con questa:

            "Presto sentirai la mia spada come uno spiedino"Ammetto la mia ignoranza.
          • alexjenn scrive:
            Re: Non per fare lo sborone...
            Ho capito. Rapida ricerca... Monkey Island (mai giocato)
          • angros scrive:
            Re: Non per fare lo sborone...
            Risposta esatta.Se non hai mai giocato, ti consiglio di prendere il programma ScummVM e di provarlo... è divertente.
          • alexjenn scrive:
            Re: Non per fare lo sborone...
            - Scritto da: angros
            Risposta esatta.

            Se non hai mai giocato, ti consiglio di prendere
            il programma ScummVM e di provarlo... è
            divertente.ScummVM ce l'ho già da un pezzo per il gioco di Indiana Jones e l'Ultima Crociata (ci giocavo 20 anni fa), ma Monkey Island lo ignoravo completamente. Ti ringrazio comunque per il consiglio ;)
          • Disgra scrive:
            Re: Non per fare lo sborone...
            eh?????come?????comunque tranquillo...se ci giochi non prendi ne virus e malware...anche se non lo scarichi dall'applestore
          • alexjenn scrive:
            Re: Non per fare lo sborone...
            - Scritto da: Disgra
            eh?????
            come?????
            comunque tranquillo...se ci giochi non prendi ne
            virus e malwarePer definizione: uso Mac OS X.
            ...anche se non lo scarichi
            dall'applestoreGraaaande battuta. Wow! (anonimo)
    • Alvaro Vitali scrive:
      Re: Non per fare lo sborone...
      - Scritto da: alexjenn
      Ma l'avevo già previsto, rispondendo ai soliti
      detrattori del sistema di filtraggio dell'App
      Store di
      Apple.

      Aspetto le risposte dei soliti.Quindi, secondo te il filtro dell'App Store di Apple funziona?Forse ti sei perso qualche articolo nei mesi scorsi ...
      • alexjenn scrive:
        Re: Non per fare lo sborone...
        - Scritto da: Alvaro Vitali
        - Scritto da: alexjenn

        Ma l'avevo già previsto, rispondendo ai soliti

        detrattori del sistema di filtraggio dell'App

        Store di

        Apple.



        Aspetto le risposte dei soliti.

        Quindi, secondo te il filtro dell'App Store di
        Apple
        funziona?

        Forse ti sei perso qualche articolo nei mesi
        scorsi
        ...Può darsi. Sapevo che tutti gli app presenti nell'App Store sono sicuri, ma forse sbaglio.Gradirei molto se tu potessi delucidarmi, grazie.
      • ruppolo scrive:
        Re: Non per fare lo sborone...
        - Scritto da: Alvaro Vitali
        Quindi, secondo te il filtro dell'App Store di
        Apple
        funziona?

        Forse ti sei perso qualche articolo nei mesi
        scorsi
        ...Forse me lo sono perso anch'io, ma sicuramente tu ci potrai illuminare...
    • DarkOne scrive:
      Re: Non per fare lo sborone...
      - Scritto da: alexjenn
      Ma l'avevo già previsto, rispondendo ai soliti
      detrattori del sistema di filtraggio dell'App
      Store di
      Apple.

      Aspetto le risposte dei soliti.Ma allora sei un genio! Incredibile!Chi se lo sarebbe mai immaginato che un sistema di applicazioni aperto e non controllato un giorno avrebbe avuto problemi di phishing?
      • ruppolo scrive:
        Re: Non per fare lo sborone...
        - Scritto da: DarkOne
        - Scritto da: alexjenn

        Ma l'avevo già previsto, rispondendo ai soliti

        detrattori del sistema di filtraggio dell'App

        Store di

        Apple.



        Aspetto le risposte dei soliti.

        Ma allora sei un genio! Incredibile!
        Chi se lo sarebbe mai immaginato che un sistema
        di applicazioni aperto e non controllato un
        giorno avrebbe avuto problemi di
        phishing?Di certo non gli sprovveduti che l'hanno scelto.
        • DarkOne scrive:
          Re: Non per fare lo sborone...
          - Scritto da: ruppolo
          Di certo non gli sprovveduti che l'hanno scelto.Quindi se un utente mac cade vittima di phishing significa che macosx fa schifo?E' un approccio differente, ognuno sceglie quello che più gli aggrada. Tu vuoi censura e "sicurezza", benissimo...io voglio essere libero di installarmi quello che mi pare, compreso una MIA applicazione se voglio.
          • ruppolo scrive:
            Re: Non per fare lo sborone...
            - Scritto da: DarkOne
            - Scritto da: ruppolo

            Di certo non gli sprovveduti che l'hanno scelto.

            Quindi se un utente mac cade vittima di phishing
            significa che macosx fa
            schifo?Credo tutti sappiano dell'esistenza dei "virus" sui personal computer...
            E' un approccio differente, ognuno sceglie quello
            che più gli aggrada. Tu vuoi censura e
            "sicurezza", benissimo...io voglio essere libero
            di installarmi quello che mi pare, compreso una
            MIA applicazione se
            voglio.La libertà di installarti una TUA applicazione non ti viene negata, in Mac come in iPhone.Quanto alla scelta, non posso aspettarmi di andare a fare la spesa e portare a casa cibo avvelenato (anche se con l'acqua minerale è sucXXXXX). Questo perché ci sono persone preposte al controllo in ogni fase della filiera che produce un alimento.O forse prima di mangiare ogni cosa dovrei farla mangiare al gatto per vedere se vive o muore?Ma anche su un prodotto tecnologico ci sono numerosi controlli e certificazioni sulla sicurezza. Quello del software è uno dei tanti, che mi garantisce (nei limiti ragionevoli), per certi prodotti (iPhone è uno di questi) che non ci siano insidie.
          • DarkOne scrive:
            Re: Non per fare lo sborone...
            - Scritto da: ruppolo
            Credo tutti sappiano dell'esistenza dei "virus"
            sui personal
            computer...
            Perchè, un sito di phishing è un virus?
            La libertà di installarti una TUA applicazione
            non ti viene negata, in Mac come in
            iPhone.
            Ah si? Peccato che per farlo debba passare nel sistema di censura di apple, nonchè pagare non so quanto per vedere la mia applicazione pubblicata. Bella libertà...
            Quanto alla scelta, non posso aspettarmi di
            andare a fare la spesa e portare a casa cibo
            avvelenato (anche se con l'acqua minerale è
            sucXXXXX). Questo perché ci sono persone preposte
            al controllo in ogni fase della filiera che
            produce un
            alimento.
            O forse prima di mangiare ogni cosa dovrei farla
            mangiare al gatto per vedere se vive o
            muore?
            Ma che razza di discorso è questo? Allora come dici tu anche i programmi per pc devono essere controllati TUTTI, sennò non puoi installarli.Sono ambiti totalmente differenti, non ha senso quello che dici.
            Ma anche su un prodotto tecnologico ci sono
            numerosi controlli e certificazioni sulla
            sicurezza. Quello del software è uno dei tanti,
            che mi garantisce (nei limiti ragionevoli), per
            certi prodotti (iPhone è uno di questi) che non
            ci siano
            insidie.Se si limitasse a questo il sistema di controllo sarebbe un bene. In verità è solo un pretesto per non far passare le applicazioni che non piacciono ad apple, passare necessariamente per l'appstore e PAGARE.Mi sono informato circa le modalità di pubblicazione di una applicazione, che è tutto fuorchè banale ed immediato:http://www.marcobellinaso.com/blog-ita/post/Pubblicare-applicazioni-iPhone-iPod-Touch-su-iTunes.aspxBellissima la libertà che avete...tenetevela strettissima, io preferisco altro e pagare anche di meno il cellulare ;)
          • ruppolo scrive:
            Re: Non per fare lo sborone...
            - Scritto da: DarkOne
            - Scritto da: ruppolo

            Credo tutti sappiano dell'esistenza dei "virus"

            sui personal

            computer...



            Perchè, un sito di phishing è un virus?Hai notato gli apici ai lati della parola virus? Ne conosci il significato?

            La libertà di installarti una TUA applicazione

            non ti viene negata, in Mac come in

            iPhone.



            Ah si? Peccato che per farlo debba passare nel
            sistema di censura di apple,Assolutamente no. Se vuoi puoi installarti applicazioni XXXXX e qualsiasi altra cosa.
            nonchè pagare non so
            quanto79 euro, IVA compresa.
            per vedere la mia applicazione pubblicata.
            Bella
            libertà...Ah no, se la vuoi pubblicare allora deve rispettare le regole: niente XXXXX, sorry.Ah, dimentichi la conclusione: ogni mese ti arrivano i soldi sul tuo conto. Quali soldi? I soldi dei clienti Apple di tutto il mondo che acquistano la tua applicazione, mentre su sorseggi il drink in spiaggia con una bella ragazza ti rinfresca agitando una foglia di palma.Gli altri invece devono stare in ufficio a registrare anagrafiche, emettere fatture, controllare il server web, pensare al marketing, eccetera eccetera.

            Quanto alla scelta, non posso aspettarmi di

            andare a fare la spesa e portare a casa cibo

            avvelenato (anche se con l'acqua minerale è

            sucXXXXX). Questo perché ci sono persone
            preposte

            al controllo in ogni fase della filiera che

            produce un

            alimento.

            O forse prima di mangiare ogni cosa dovrei farla

            mangiare al gatto per vedere se vive o

            muore?



            Ma che razza di discorso è questo? Allora come
            dici tu anche i programmi per pc devono essere
            controllati TUTTI, sennò non puoi
            installarli.Ma infatti i programmi PC sono notoriamente veicolo di malware, per questo la gente usa gli antivirus nei propri computer. PC con Windows, per la precisione.
            Sono ambiti totalmente differenti, non ha senso
            quello che
            dici.Come sono ambiti diversi il mondo dei cellulari e quello dei personal computer.Apple ha fatto in modo di mantenere tali ambiti ben separati, mentre gli altri, seguendo sempre il vecchio concetto che lo smartphone è solo un pc più piccolo, si sono trascinati le rogne annesse e connesse.Ti faccio un esempio: quanti contratti e quante SIM devi avere per parlare con gli abbonati di migliaia di aziende diverse? Risposta: 1.Quanti account/siti devi avere/visitare per ottenere tutti i software che ti servono, di migliaia di aziende diverse? Risposta: 1, con iPhone.E ancora, tu per caso ti aspetti di ricevere malware attraverso l'operatore del tuo unico contratto? No. Allo stesso modo l'utente iPhone non se lo aspetta, né dal singolo operatore con cui ha stipulato il contratto né dal singolo fornitore di software con cui ha stipulato il contratto.Ambiti totalmente differenti, come tu stesso hai detto nel paragone con il supermercato.

            Ma anche su un prodotto tecnologico ci sono

            numerosi controlli e certificazioni sulla

            sicurezza. Quello del software è uno dei tanti,

            che mi garantisce (nei limiti ragionevoli), per

            certi prodotti (iPhone è uno di questi) che non

            ci siano

            insidie.

            Se si limitasse a questo il sistema di controllo
            sarebbe un bene. In verità è solo un pretesto per
            non far passare le applicazioni che non piacciono
            ad apple, passare necessariamente per l'appstore
            e
            PAGARE.Questa si chiama paranoia."Applicazioni che non piacciono ad Apple". Ma pensi che Apple sia una persona fisica che sceglie le applicazioni come se scegliesse un vestito? Mi piace, non mi piace...Ci sono delle regole da rispettare e delle Leggi, prima di tutto. Poi ci sono delle precise scelte legate al business: il business è vendere applicazioni, non abbatterle col macete. Ogni applicazione abbattuta è una opportunità di guadagno persa.Alla luce di queste considerazioni puoi capire che non vedrai mai su AppStore applicazioni che violano le Leggi e applicazioni che favoriscono le violazioni dei diritti altrui. Facciamo un esempio: voglio pubblicare un libro di ricette di cucina. Vado in libreria, ne compro uno, tiro su con lo scanner foto e testi e butto tutto dentro una applicazione. Sto quindi violando il diritto d'autore. Credi che tale applicazione passerà? No, non passerà. E se per te questa è libertà negata, ti rispondo si, è libertà negata, perché la tua libertà FINISCE dove inizia quella di un altro.
            Mi sono informato circa le modalità di
            pubblicazione di una applicazione, che è tutto
            fuorchè banale ed
            immediato:

            http://www.marcobellinaso.com/blog-ita/post/PubbliUna modalità che conosco bene, visto che mi sono iscritto anch'io. Non vedo alcun problema. Prova a pensare, invece, a quanto tempo e soldi ti occorrerebbero per mettere in piedi una struttura commerciale autonoma per vendere il tuo prodotto in tutto il mondo. Pensi di cavartela con 79 euro e 15 giorni o 1 mese?Ah, approfitto per farti notare i parametri che vengono controllati: uso della CPU, uso della memoria, eventuale leak della memoria... secondo te a chi vanno i benefici di tali controlli?
            Bellissima la libertà che avete...tenetevela
            strettissima, io preferisco altro e pagare anche
            di meno il cellulare
            ;)Tu hai solo una visione ristretta delle cose e non ti poni nemmeno la domanda "ma come mai ci sono già oltre 130 mila applicazioni e ogni giorno se ne aggiungono 500?". Secondo te perché è così difficile? E non ti chiedi quanto guadagnano gli sviluppatori con iPhone? E quanti sono?Non ti rendi conto che tutto ruota intorno l'iPhone e il resto praticamente non esiste? Togliti i paraocchi!
      • alexjenn scrive:
        Re: Non per fare lo sborone...
        - Scritto da: DarkOne
        - Scritto da: alexjenn

        Ma l'avevo già previsto, rispondendo ai soliti

        detrattori del sistema di filtraggio dell'App

        Store di

        Apple.



        Aspetto le risposte dei soliti.

        Ma allora sei un genio! Incredibile!
        Chi se lo sarebbe mai immaginato che un sistema
        di applicazioni aperto e non controllato un
        giorno avrebbe avuto problemi di
        phishing?Non mi va di controllare, ma scommetto che sei un detrattore del sistema di controllo dell'App Store.
        • DarkOne scrive:
          Re: Non per fare lo sborone...
          - Scritto da: alexjenn
          - Scritto da: DarkOne

          - Scritto da: alexjenn


          Ma l'avevo già previsto, rispondendo ai soliti


          detrattori del sistema di filtraggio dell'App


          Store di


          Apple.





          Aspetto le risposte dei soliti.



          Ma allora sei un genio! Incredibile!

          Chi se lo sarebbe mai immaginato che un sistema

          di applicazioni aperto e non controllato un

          giorno avrebbe avuto problemi di

          phishing?

          Non mi va di controllare, ma scommetto che sei un
          detrattore del sistema di controllo dell'App
          Store.Ovviamente, ma ciò non fornisce valore aggiunto all'ovvietà della tua affermazione.Non ci voleva di certo un genio per capire che un sistema aperto avrebbe portato a questo tipo di problematiche.
          • alexjenn scrive:
            Re: Non per fare lo sborone...
            - Scritto da: DarkOne
            - Scritto da: alexjenn

            Non mi va di controllare, ma scommetto che sei
            un

            detrattore del sistema di controllo dell'App

            Store.

            Ovviamente, ma ciò non fornisce valore aggiunto
            all'ovvietà della tua
            affermazione.
            Non ci voleva di certo un genio per capire che un
            sistema aperto avrebbe portato a questo tipo di
            problematiche.Capisco.Sono stato un XXXXXXXXXX a pensare ciò, a credere di aver capito l'ovvio tempo prima.Dici che è naturale questo tipo di problematiche, e che non ci vuole un genio per capirlo, eppure tu critichi la soluzione di Apple che evita appunto l'insorgere di questo tipo di problematiche.Dato che sembri essere molto preparato, dì un po': quale soluzione proporresti tu?
          • DarkOne scrive:
            Re: Non per fare lo sborone...
            - Scritto da: alexjenn
            Capisco.

            Sono stato un XXXXXXXXXX a pensare ciò, a credere
            di aver capito l'ovvio tempo
            prima.
            Non ho detto questo, cercavo solo di farti capire che non serve auto proclamarti un genio ad aver pensato questa ovvietà.
            Dato che sembri essere molto preparato, dì un
            po': quale soluzione proporresti
            tu?Tutte e due, esattamente così come sono. Ciascuno sceglie quale gli va più a genio e quella utilizza.Il sistema di apple ha 2 grossi svantaggi: 1) devi pagare per pubblicare applicazioni, anche gratuite. Se un privato volesse fare un'applicazione per renderla disponibile alla gente è disincentivato a farlo perchè apple deve spillare soldi.2) apple non fa un banale controllo sulla sicurezza dell'applicazione, di quanta memoria utilizza e così via...ma applica delle vere e proprie censure. Questo non mi va per niente bene.A te va bene? A non so quanta gente va bene? Utilizzatelo...chi ve lo nega, ma non tutti vogliono le catene.
          • alexjenn scrive:
            Re: Non per fare lo sborone...
            - Scritto da: DarkOne
            - Scritto da: alexjenn

            Capisco.



            Sono stato un XXXXXXXXXX a pensare ciò, a
            credere

            di aver capito l'ovvio tempo

            prima.



            Non ho detto questo, cercavo solo di farti capire
            che non serve auto proclamarti un genio ad aver
            pensato questa
            ovvietà.
            Non mi pare di essermi proclamato un genio; anzi, sei stato tu a tirare in ballo la parola.La mia era una risposta ai soliti detrattori che difendevano la posizione di Google.

            Dato che sembri essere molto preparato, dì un

            po': quale soluzione proporresti

            tu?

            Tutte e due, esattamente così come sono. Ciascuno
            sceglie quale gli va più a genio e quella
            utilizza.
            Il sistema di apple ha 2 grossi svantaggi: 1)
            devi pagare per pubblicare applicazioni, anche
            gratuite. Se un privato volesse fare
            un'applicazione per renderla disponibile alla
            gente è disincentivato a farlo perchè apple deve
            spillare
            soldi.Forse sono disinformato.Quale e di quanto sarebbe la spesa?
            2) apple non fa un banale controllo sulla
            sicurezza dell'applicazione, di quanta memoria
            utilizza e così via...ma applica delle vere e
            proprie censure. Questo non mi va per niente
            bene.
            Una vera e propria censura?Esiste una falsa e impropria?Scusa una cosa: mi spieghi qual è esattamente la censura che applica Apple?
            A te va bene? A non so quanta gente va bene?
            Utilizzatelo...chi ve lo nega, ma non tutti
            vogliono le
            catene.A me vanno bene le applicazioni che trovo per ciò che mi servono, che tra l'altro funzionano bene e almeno sono anche sicuri.
          • DarkOne scrive:
            Re: Non per fare lo sborone...
            - Scritto da: alexjenn
            Non mi pare di essermi proclamato un genio; anzi,
            sei stato tu a tirare in ballo la
            parola.

            La mia era una risposta ai soliti detrattori che
            difendevano la posizione di
            Google.
            Hai esordito con "Non per fare lo sborone..." (classica frase di chi fa lo sborone) e hai continuato con : "Lo avevo previsto". Autoesplicative le tue parole, ma penso sia inutile continuare a dibattere di questo.
            Forse sono disinformato.

            Quale e di quanto sarebbe la spesa?
            Mi pare si paghi 79 euro (forse più iva, non so). Potrebbe anche essere di 1 euro la spesa, resta il fatto che devi pagare per forza per rendere disponibile la tua applicazione (anche gratis).Dimmi tu se già questa non è una catena alla libertà.
            Una vera e propria censura?
            Esiste una falsa e impropria?
            Scusa una cosa: mi spieghi qual è esattamente la
            censura che applica
            Apple?
            Non giocare sulle parole con me ;)Forse ti sei dimenticato degli articoli che sono usciti circa le censure di apple? Io non l'ho dimenticato, cercateli anche su PI e forse ti si apriranno gli occhi.
            A me vanno bene le applicazioni che trovo per ciò
            che mi servono, che tra l'altro funzionano bene e
            almeno sono anche
            sicuri.E chi sta dicendo niente...continua ad usarlo. Io preferisco non avere il padrone con la frusta ;)
          • ruppolo scrive:
            Re: Non per fare lo sborone...
            - Scritto da: DarkOne
            - Scritto da: alexjenn
            Mi pare si paghi 79 euro (forse più iva, non so).
            Potrebbe anche essere di 1 euro la spesa, resta
            il fatto che devi pagare per forza per rendere
            disponibile la tua applicazione (anche
            gratis).
            Dimmi tu se già questa non è una catena alla
            libertà.Prova ad andare alla redazione di un giornale e chiedi se ti pubblicano un tuo lavoro gratis...
          • ruppolo scrive:
            Re: Non per fare lo sborone...
            - Scritto da: DarkOne
            Il sistema di apple ha 2 grossi svantaggi: 1)
            devi pagare per pubblicare applicazioni, anche
            gratuite. Se un privato volesse fare
            un'applicazione per renderla disponibile alla
            gente è disincentivato a farlo perchè apple deve
            spillare
            soldi.
            2) apple non fa un banale controllo sulla
            sicurezza dell'applicazione, di quanta memoria
            utilizza e così via...ma applica delle vere e
            proprie censure. Questo non mi va per niente
            bene.

            A te va bene? A non so quanta gente va bene?
            Utilizzatelo...chi ve lo nega, ma non tutti
            vogliono le
            catene.Tu le catene le hai nel cervello.Chi pubblica sta facendo un LAVORO. Sai cosa significa? Forse no, perché sei mantenuto... trattasi di un cosa che si fa per avere dei soldi che servono per vivere.E ogni lavoro ha le sue REGOLE. Pensi di entrare in una fabbrica e fare il XXXXX che vuoi? Pensi di aprire un negozio e fare il XXXXX che vuoi?Se vuoi fare il XXXXX che vuoi vai nel deserto!-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 14 gennaio 2010 22.41-----------------------------------------------------------
          • angros scrive:
            Re: Non per fare lo sborone...

            Tu le catene le hai nel cervello.Non so se tu hai un cervello, ma le catene tu le hai di sicuro, visto che hai il terrore patologico di usare qualsasi cosa che non sia Apple, e che obbedisci ad Apple come uno schiavetto.
            Chi pubblica sta facendo un LAVORO. Sai cosa
            significa? Forse no, perché sei mantenuto...Lavoro che altri fanno gratis (sourceforge ad esempio pubblica gratis).E costringere qualcuno ad usare il tuo servizio, perchè gli hai proibito di usarne un altro (e gli hai anche proibito di pubblicare da solo, perchè il 99% degli sviluppatori sa benissimo come farsi il suo sito per distribuire il proprio software, e non ha bisogno di pagare qualcuno che lo faccia al suo posto) è un crimine
            trattasi di un cosa che si fa per avere dei soldi
            che servono per
            vivere.O da offrire come obolo per Steve Jobs, a giudicare da cosa fai tu.
            E ogni lavoro ha le sue REGOLE. Pensi di entrare
            in una fabbrica e fare il XXXXX che vuoi? Pensi
            di aprire un negozio e fare il XXXXX che
            vuoi?La Apple non sta facendo esattamente il "ca22o che vuole", per usare il tuo linguaggio?E sì, se io penso di aprire un negozio, penso di farci cosa voglio, e non di dover essere costretto a vendere il mio prodotto nel supermercato di qualcun altro pagandogli un pizzo
            Se vuoi fare il XXXXX che vuoi vai nel deserto!Alla sera te ne esci sempre con certe sparate.... mangia roba più leggera a cena, altrimenti poi scrivi post allucinanti!
          • DarkOne scrive:
            Re: Non per fare lo sborone...
            - Scritto da: ruppoloIl fatto che ti agiti così tanto non fa altro che darmi ragione :DApple vi tiene al guinzaglio, limitandovi nella scelta e nelle possibilità. Se fosse tutto così idilliaco e magico come dici, non ci sarebbe il XXXXXXXXX.Continua ad usare apple, noi stiamo meglio altrove! :)
          • ruppolo scrive:
            Re: Non per fare lo sborone...
            - Scritto da: DarkOne
            - Scritto da: ruppolo

            Il fatto che ti agiti così tanto non fa altro che
            darmi ragione
            :D
            Apple vi tiene al guinzaglio, limitandovi nella
            scelta e nelle possibilità. Se fosse tutto così
            idilliaco e magico come dici, non ci sarebbe il
            XXXXXXXXX.Il XXXXXXXXX è nato per ben altro scopo: consentire l'uso del telefono con altri operatori e quindi al di fuori degli USA.

            Continua ad usare apple, noi stiamo meglio
            altrove!
            :)Il fatto che sei qui a trollare contro Apple dimostra che non stai meglio...
          • DarkOne scrive:
            Re: Non per fare lo sborone...
            - Scritto da: ruppolo
            Il XXXXXXXXX è nato per ben altro scopo:
            consentire l'uso del telefono con altri operatori
            e quindi al di fuori degli
            USA.
            E gli asini volano.
            Il fatto che sei qui a trollare contro Apple
            dimostra che non stai
            meglio...Quindi anche tu non stai meglio, visto che trolli contro windows e linux :)
          • ruppolo scrive:
            Re: Non per fare lo sborone...
            - Scritto da: DarkOne
            Non ci voleva di certo un genio per capire che un
            sistema aperto avrebbe portato a questo tipo di
            problematiche.Quindi chi è il genio?
    • eh beh scrive:
      Re: Non per fare lo sborone...
      come diceva benjamin franklin, che forse conoscerai solo perché ne servono almeno quindici per comprare qualunque prodotto apple, chi è disposto a rinunciare alla propria libertà in cambio di sicurezza non merita ne libertà ne sicurezza.purtroppo è persino inutile tentare di far ragionare voi mele marce sul fatto che i ciclici appelli all'insicurezza, per far prosperare i furbi sulla paura delle persone ignoranti, sono una costante storica: e se oggi nel rinunciare a essere TU il filtro di te stesso sembrerebbe che il danno sia limitato a vantaggio del fatturato di un'azienda, in realtà questa tua disponibilità è esattamente la stessa del popolo tedesco che contribuì in modo determinante all'ascesa del nazismo in germania per dirne una che purtroppo non è la più recente ne la più antica.davvero gli esseri (sub)umani non imparano mai dai propri errori:la venerazione del capo, l'esposizione del logo, il recinto culturale fatto di "noi" in contrapposizione agli "altri", l'apertura al prossimo che in qualunque momento può entrare a far parte del gruppo ma anche l'impossibilità di concepire il perché non tutti lo desiderino: ovvero la così radicata e intuitiva certezza di essere "migliori" tale da rendere impossibile la comprensione del perché l'altro fa altro, cioè "sbaglia".notevole, davvero notevole. peraltro il termine "sborone", cioè gradasso, ostentatore, volgare, privo di tatto e di gusto sembra essere confezionato a misura del vostro atteggiamento, quindi non essere falsamente modesto dicendo "non per farlo...", lo sei come ogni elemento attivo di un ente totalitario :)
      • alexjenn scrive:
        Re: Non per fare lo sborone...
        Mai letta una quantità enorme di stupidaggini, soprattutto sul fatto che non sarei libero se uso un iPhone.Per il resto, stampo e butto nel XXXXX.
        • eh beh scrive:
          Re: Non per fare lo sborone...
          - Scritto da: alexjenn
          Mai letta una quantità enorme di stupidaggini,
          soprattutto sul fatto che non sarei libero se uso
          un
          iPhone.

          Per il resto, stampo e butto nel XXXXX.se per quantità enorme di stupidaggini intendi dire "cose che non capisco perché sono ignorante e forse un pò fesso ma me ne vergogno", concordo =)
          • NetUser scrive:
            Re: Non per fare lo sborone...
            Ma anche no, soprattutto se tu non sei autorevole.Come ti hanno già detto, ristampiamo e buttiamo nel XXXXX.
      • ruppolo scrive:
        Re: Non per fare lo sborone...
        - Scritto da: eh beh
        chi è
        disposto a rinunciare alla propria libertà in
        cambio di sicurezza non merita ne libertà ne
        sicurezza.Quindi immagino che a casa tua non usi chiuderti dentro a chiave, ovvero chiunque può entrare, giusto? O forse ti sei privato della libertà di lasciare la porta aperta?
        • ahaha scrive:
          Re: Non per fare lo sborone...

          Quindi immagino che a casa tua non usi chiuderti
          dentro a chiave, ovvero chiunque può entrare,
          giusto? O forse ti sei privato della libertà di
          lasciare la porta
          aperta?quindi immagino che a casa tua usi non avere le chiavi di casa, ed è il portiere a stabilire chi può entrare dei tuoi amici, anzi è il portiere che stabilisce chi è tuo amico?ma cosa hai al posto del cervello, il garam masala?
  • boh scrive:
    Per la solita fretta
    Avessero messo un sistema di 'quarantena' dove le nuove app/release di app sarebbero rimaste per (esempio) un mese tutto questo non sarebbe sucXXXXX.Ma alla fine c'era da aspettarselo, devono entrare in un mercato gia' saturo di prodotti, sistemi operativi e software consolidati dal tempo, ci puo' stare il tentare il tutto-per-tutto usando policy meno... 'decenti'.Detto questo, sinceramente, comprarsi un cellulare android nuovo di pacca (e quindi non adeguatamente testato sul mercato), installarci un software con un mese di eta' alle spalle ed inoltre utilizzarlo per transazione bancarie... Che dire, la madre dei cretini e' sempre incinta :)Sarebbe stato piu' perdonabile farsi hackare da un software per guardare pr0n lol ^___________^
    • Shu scrive:
      Re: Per la solita fretta
      - Scritto da: boh
      Avessero messo un sistema di 'quarantena' dove le
      nuove app/release di app sarebbero rimaste per
      (esempio) un mese tutto questo non sarebbe
      sucXXXXX.Mi sfugge come un mese di quarantena in cui nessuno faccia controlli possa impedire che queste app si diffondano.Semplicemente il phishing sarebbe partito un mese dopo.Bye.
      • ruppolo scrive:
        Re: Per la solita fretta
        - Scritto da: Shu
        - Scritto da: boh


        Avessero messo un sistema di 'quarantena' dove
        le

        nuove app/release di app sarebbero rimaste per

        (esempio) un mese tutto questo non sarebbe

        sucXXXXX.

        Mi sfugge come un mese di quarantena in cui
        nessuno faccia controlli possa impedire che
        queste app si
        diffondano.
        Semplicemente il phishing sarebbe partito un mese
        dopo.

        Bye.No, 40 giorni dopo, non un mese dopo.Divertente come gli antivirus per PC inoculino nella testa della gente concetti strampalati come la quarantena...
        • Whishper scrive:
          Re: Per la solita fretta
          mapperpiacere!http://it.wikipedia.org/wiki/Quarantena1 La quarantena dura 40gg solo nei casi di peste2 La quarantena dei virus informatici non ha limiti di tempo!
          • ruppolo scrive:
            Re: Per la solita fretta
            - Scritto da: Whishper
            mapperpiacere!

            http://it.wikipedia.org/wiki/Quarantena
            1 La quarantena dura 40gg solo nei casi di peste
            2 La quarantena dei virus informatici non ha
            limiti di
            tempo!Appunto, si presuppone che la quarantena sia un periodo durante il quale QUALCOSA ACCADA. La quarantena del mondo Windows, invece, è un periodo di tempo indeterminato durante il quale non accade nulla. Quindi che senso ha chiamarla quarantena? E che senso ha conservare dei virus informatici non attivi per un tempo indeterminato? Per rischiare che un giorno tornino attivi?
  • stivy scrive:
    Mentre in AppStore ...
    Applicazioni malevole così non ce ne sono ;-)
    • 1977 scrive:
      Re: Mentre in AppStore ...
      - Scritto da: stivy
      Applicazioni malevole così non ce ne sono ;-)Gran commento. Molto tecnico.
      • free for all scrive:
        Re: Mentre in AppStore ...
        - Scritto da: 1977
        - Scritto da: stivy

        Applicazioni malevole così non ce ne sono ;-)

        Gran commento. Molto tecnico.Molto appropriato vero e reale.App store nonostante i detrattori, esiste ed e' operativo da anni. Senza troppi commenti tecnici va detta una sola cosa: Funziona ed e' sicuro.
        • app5st0r3 scrive:
          Re: Mentre in AppStore ...
          Funziona ed e' sicuro finche' non si prova il contrario ;)
          • pinco pallino scrive:
            Re: Mentre in AppStore ...
            - Scritto da: app5st0r3
            Funziona ed e' sicuro finche' non si prova il
            contrario
            ;)Quindi è sicuro. Questo almeno se si vuole utilizzare lo stessometodo con cui si valuta l'innocenza o la colpevolezza di qualcuno in ambito giudiziario.Chissà, forse per certi paesi un accusato è colpevole fino a prova contraria.Qui in Italia non è così sulla carta ma di fatto lo è. Ma questo è un altro discorso.
          • zuzzurro scrive:
            Re: Mentre in AppStore ...
            Che bel paragone... non c'è che dire :)Sempre più fantastiche le discussioni su PI.
      • Alvaro Vitali scrive:
        Re: Mentre in AppStore ...
        - Scritto da: 1977
        - Scritto da: stivy

        Applicazioni malevole così non ce ne sono ;-)

        Gran commento. Molto tecnico.Avresti dovuto scrivere: "Grande articolo. Molto tecnico".Se un fesso si autoinstalla un malware, che c'entra Android.Lo puoi fare anche su Windows, Linux, Mac, Solaris, UNIX, etc; in quel caso, la sicurezza di un sistema può fare poco.
        • NetUser scrive:
          Re: Mentre in AppStore ...
          - Scritto da: Alvaro Vitali
          - Scritto da: 1977

          - Scritto da: stivy


          Applicazioni malevole così non ce ne sono ;-)



          Gran commento. Molto tecnico.

          Avresti dovuto scrivere: "Grande articolo. Molto
          tecnico".

          Se un fesso si autoinstalla un malware, che
          c'entra
          Android.Beh non sarà colpa del tostapane per caso.
          Lo puoi fare anche su Windows, Linux, Mac,
          Solaris, UNIX, etc; in quel caso, la sicurezza di
          un sistema può fare
          poco.Si ma qui si parla di un app presente nel marketpalce di android e scaricata dagli utenti sul proprio cellulare e questa att celava un attacco di phishing.Nell'altro tipo di store, quello della apple per intenderci, difficilmente sarebbe arrivata in rete quell'app.La differenza sta li. C'è chi previene e c'è chi delega alla competenza dell'utente la gestione della sicurezza o del rischio.
          • Whishper scrive:
            Re: Mentre in AppStore ...
            Scusa l'ignoranza, ma le app per iPhone devono per forza essere open source?
          • stivy scrive:
            Re: Mentre in AppStore ...
            - Scritto da: Whishper
            Scusa l'ignoranza, ma le app per iPhone devono
            per forza essere open
            source?Assolutamente no. Ad Apple lo sviluppatore, per quanto ne so, non consegna il codice sorgente che rimane di sua proprietà. Apple effettua delle verifiche sul funzionamento dell'app lato utente (es. coerenza grafica, presenza di copyright, chiamate nascoste ad internet, ecc) e sull'utilizzo di framework diversi da xcode
          • ruppolo scrive:
            Re: Mentre in AppStore ...
            E anche uso della CPU, della RAM, eventuali fenomeni di memory leaking, eccetera.In sostanza fa si che ai clienti non arrivino applicazioni che mandano a puttane il telefono o la batteria.
          • stivy scrive:
            Re: Mentre in AppStore ...
            - Scritto da: ruppolo
            In sostanza fa si che ai clienti non arrivino
            applicazioni che mandano a puttane il telefono o
            la batteria.o i dati degli stessi ;-) ;-)
          • Grande Roberto scrive:
            Re: Mentre in AppStore ...
            Anche perché quella è già una feature di iPhone
          • Whishper scrive:
            Re: Mentre in AppStore ...
            Qua ti volevo: come fa di grazia a sapere che non ci sono chiamate nascoste ad internet, senza avere il codice sorgente?
          • stivy scrive:
            Re: Mentre in AppStore ...
            - Scritto da: Whishper
            Qua ti volevo: come fa di grazia a sapere che non
            ci sono chiamate nascoste ad internet, senza
            avere il codice
            sorgente?ehm... qualsiasi software ipspoofer o firewall lo fa... su mac ad esempio c'è littlesnitch lato client. Su linux Ipcop lo fa tranquillamente. Immagino che anche su win ci sia qualcosa di simile.
          • Whishper scrive:
            Re: Mentre in AppStore ...
            e allora torniamo all'articolo: basta fare una app che registri tutte le chiavi di autenticazione alle banche ed inneschi una timebomb (che so 1,2,3 mesi.) A quel punto invii i dati al creatore della applicazione. Gli arriveranno TUTTI di botto, per il discorso time bomb. Quelli di Apple non si sono ancora accorti di nulla, per come la vedo. Mettiamo che si accorgano ora. E' troppo tardi i dati sono stati rubati e togliere l'app dallo store è del tutto inutile.Il creatore probabilmente si è già comprato un'isola tropicale e se la sta già godendo...Io sono di quelli che ribadiscono la intrinseca superiorità dell'open source. Ma non di quello dell'OS (anche), quello delle applicazioni installate, perché la sicurezza degli stores non open (Apple or Google) è una balla colossale.
          • stivy scrive:
            Re: Mentre in AppStore ...
            Nessuno sostiene che il sistema di censura preventiva di apple sia perfetto. Nessuno l'ha mai detto ne, mi auguro lo dirà mai, essendo questo un sistema umano e quindi fallace.Sicuramente è comunque migliore di TUTTI gli altri application store che lo stanno o almeno cercano di imitare. Fino a prova contraria su oltre 110000 applicazioni e tre miliardi di download, al momento malware non ce n'è stato. Su android store su 30mila app e non so quanti download (ma sicuramente molti meno) si.Questi sono i fatti.L'Open source va bene per gli smanettoni. Android e iPhone sono per utenti comuni. Ovvero quelli che sostanzialmente PAGANO un'azienda (Apple o Google) perchè sviluppi un prodotto (in questo caso smartphone) che generi volumi di vendita. Ti assicuro che non avresti un mano andorid, iphone, blackberry se le suddette aziende avessero avuto come target di vendita gli smanettoni. - Scritto da: Whishper
            e allora torniamo all'articolo: basta fare una
            app che registri tutte le chiavi di
            autenticazione alle banche ed inneschi una
            timebomb (che so 1,2,3 mesi.) A quel punto invii
            i dati al creatore della applicazione. Gli
            arriveranno TUTTI di botto, per il discorso time
            bomb. Quelli di Apple non si sono ancora accorti
            di nulla, per come la vedo. Mettiamo che si
            accorgano ora. E' troppo tardi i dati sono stati
            rubati e togliere l'app dallo store è del tutto
            inutile.

            Il creatore probabilmente si è già comprato
            un'isola tropicale e se la sta già
            godendo...


            Io sono di quelli che ribadiscono la intrinseca
            superiorità dell'open source. Ma non di quello
            dell'OS (anche), quello delle applicazioni
            installate, perché la sicurezza degli stores non
            open (Apple or Google) è una balla
            colossale.
          • ruppolo scrive:
            Re: Mentre in AppStore ...
            Una parziale risposta la trovi qui:http://punto-informatico.it/b.aspx?i=2785508&m=2787072#p2787072Per il resto, mi pare tu stia esagerando. La sicurezza assoluta non esiste, domani il direttore della tua banca potrebbe prendere i tuoi soldi e sparire. Anzi, tutto il gruppo potrebbe sparire, trovi la filiale vuota senza neppure i mobili.
          • Whishper scrive:
            Re: Mentre in AppStore ...
            - Scritto da: stivy
            - Scritto da: Whishper

            Qua ti volevo: come fa di grazia a sapere che
            non

            ci sono chiamate nascoste ad internet, senza

            avere il codice

            sorgente?

            ehm... qualsiasi software ipspoofer o firewall lo
            fa... su mac ad esempio c'è littlesnitch lato
            client. Su linux Ipcop lo fa tranquillamente.
            Immagino che anche su win ci sia qualcosa di
            simile.1)Si beh me ne frego che su win ci sia (c'è). Qui stiamo parlando di iPhone e Android, l'IPCOP devi installarlo la... (magari IPCOP su Android va pure...)2)I firewall non ti dicono se c'è una chiamata remota nel codice, ma che VIENE ESEGUITA una chiamata nel codice. Se fai una time bomb (vedi l'altro mio post) un controllo simile è del tutto inutile
          • stivy scrive:
            Re: Mentre in AppStore ...
            ok. allora lo dico in due parole:1. basta un analizzatore di traffico per vedere le chiamate lato server2. basta un analizzatore empirico di codice per vedere le chiamate lato clientpenso che apple abbia le competenze per mettere in gioco questi giochetti...
        • stivy scrive:
          Re: Mentre in AppStore ...
          - Scritto da: Alvaro Vitali
          Se un fesso si autoinstalla un malware, che
          c'entra
          Android.Due considerazioni in merito: 1. malware è per sua definizione un software che cerca in qualche modo di mascherarsi.2. un prodotto consumer gira soprattutto per le mani di utenti poco esperti. Non puoi pretendere che tutti sappiano difendersi preventivamente. Altrimenti malware phishing e compagnia bella non esisterebbero, ma non esisterebbero nemmeno prodotti avanzati la cui ricerca è pagata dalla larga diffusione degli stessi
      • stivy scrive:
        Re: Mentre in AppStore ...
        - Scritto da: 1977
        Gran commento. Molto tecnico.Poco tecnico ma veritiero... o sbaglio?? :-D
        • 1977 scrive:
          Re: Mentre in AppStore ...
          - Scritto da: stivy
          - Scritto da: 1977

          Gran commento. Molto tecnico.

          Poco tecnico ma veritiero... o sbaglio?? :-Dsi, finche' non uscira' che non e' cosi' (io ho iphone, capiamoci).
Chiudi i commenti