L'evoluzione dei supporti mediatici

I CD-ROM possono ambire a soppiantare le pubblicazioni stampate su carta od i relativi supporti e dispositivi di riproduzione sono ancora inadeguati? Alcuni dati per capire


Roma – Da un articolo apparso nel 1999 su Linea Grafica, dal quale
leggiamo queste poche righe: “?viene da chiedersi se il supporto
digitale, cioè il CD-ROM, non sia da ritenersi ancora insoddisfacente per la
consultazione e per il “piacere” della fruizione delle immagini;
insomma, se una buona pubblicazione stampata su carta non la si debba
considerare insuperabile per la diffusione?” prendo spunto per analizzare
i tre media più importanti che ci circondano quotidianamente (audio, video e
testo) e l?evoluzione tecnologica dei loro supporti e dispositivi di
riproduzione. L?obiettivo, forse un pò troppo ambizioso, per questo articolo,
è quello di comprendere se l?opinione espressa dall?autore dell?articolo
citato sia ragionevole oppure se la difficoltà di diffusione dei CD-ROM
interattivi e multimediali si possa addebitare più ai dispositivi di
riproduzione che ai nuovi supporti utilizzati.

Lo schema che segue sintetizza, per i vari media, la loro
evoluzione da una prima fase “primitiva” caratterizzata da supporti
ingombranti e a volte difficili da sviluppare e diffondere, ad una fase
intermedia denominata “magnetica”, più compatta, trasportabile ma
soprattutto caratterizzata dalla possibilità di riutilizzazione del supporto
(registrazione). La terza fase, l?era digitale, poco si discosta da quella
intermedia in termini di funzionalità (a parte naturalmente le migliorie dovute
alla conversione digitale).

 

fase primitiva

fase intermedia

fase digitale

audio

vinile

musicassetta

CD audio

video

pellicola

videocassetta

DV e DVD

testo

carta stampata

?

CD-ROM

Mentre la spinta evolutiva dei supporti per l?audio e il
video appare lineare e continua nel tempo e direttamente proporzionale alla loro
diffusione, per il media testo vi è un anello mancante, una spaccatura netta!
Certamente il punto interrogativo poteva essere sostituito dal microfilm, ma la
sua limitata diffusione al pubblico non è tale da considerarlo un supporto
significativo ai fini di quest?analisi.

La mancanza di un anello di congiunzione può aver
disorientato il pubblico che si è trovato probabilmente di fronte ad un
supporto molto differente dall?originale e, vuoi per conservatorismo, vuoi per
tradizione, non si è fidato delle nuove attrattive del CD-ROM ipertestuale,
interattivo e multimediale, forse troppo “inconsistente” rispetto ad
un vero, pesante e polveroso libro.

Questa prima analisi sembra concordare con l?opinione dell?autore
dell?articolo, ma vanno considerate e approfondite altre questioni: la prima
è che si è partiti dall?assunto che il CD-ROM sia, o voglia essere, in
qualche modo “discendente” della carta stampata (tante erano le attese
a riguardo). Questa premessa può avere il suo fondamento se si tiene conto, che
la primitiva composizione degli ipertesti eredita l?impostazione strutturale
della carta e solo successivamente la supera con l?introduzione degli
hyperlink prima e l?inglobamento di audio e video poi (ipertesti
multimediali).

Mentre la diffusione del CD-ROM, nel suo utilizzo per l?audio
e video sta soppiantando gli altri supporti tradizionali, questa tendenza non
coinvolge la carta stampata e neanche la preoccupa. Vediamo perché.
Il prossimo schema elenca, per ogni tipo di media e per i
loro supporti attraverso le tre fasi, i dispositivi consumer necessari per la
lettura e la registrazione. Appare evidente che per l?audio, il video e per i
contenuti di un CD-ROM c?è una netta distinzione tra supporto e dispositivo.
Questa distinzione invece non esiste per il testo, esso è autonomo. Il suo
supporto, la carta stampata, ingloba in sé anche il dispositivo di lettura. A
questo si deve la sua vera, singolare, unica forza e differenza soprattutto
rispetto al CD-ROM, suo “probabile” successore.

 

dispositivi

supporto

dispositivi

audio

vinile

lettore

audiocassetta

lettore/
registratore

 

CD audio

masterizzatore/
lettore

 

video

Hi8/super8

videocassetta

DV

telecamera

proiettore

videoregistratore

DVD

lettore DVD

testo/
immagini

 

carta stampata

NESSUNO

CD-ROM

masterizzatore/ computer

L?attenzione si sposta quindi sul fatto che il supporto
CD-ROM, per essere veramente competitivo con la carta stampata ha bisogno di un
dispositivo diverso dal computer, ma creato ad hoc e portabile come lo è
appunto un libro e che ricalchi le caratteristiche della carta stampata. Un
dispositivo forse, ma qui si sconfina con il fantastico e l?utopico,
concentrato soprattutto sul visore, un pulsante ON/OFF e poco più, un PDA un po’ più grande, più performante e, naturalmente con il lettore per il CD-ROM.

Luca Serasini

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Galileo costerà 3.6 miliardi di euro
    3,6 milioni mi pare un po' pochetto altrimenti faccio una società e lo costruisco io!
  • Anonimo scrive:
    peccato che...
    gli americani hanno shuttle sateliti e chissa che altro...se vogliono tagliare le comunicazioni lo fanno lo stesso...
    • Anonimo scrive:
      Re: peccato che...
      - Scritto da: blah
      gli americani hanno shuttle sateliti e
      chissa che altro...
      se vogliono tagliare le comunicazioni lo
      fanno lo stesso...Basta un qualsiasi missile intercontinentale (che vanno nello spazio per risparmiare energia) per buttar giù i satelliti come piccioni! Oppure bastano i missili di Russia e Cina, come vedi tutti possono tirar giù tutti!
      • Anonimo scrive:
        Re: peccato che...
        Avete entrambi ragione, solo che buttare giù un satellite di un'altra nazione è un atto di guerra, mentre limitare l'accesso ad un servizio militare per motivi di sicurezza nazionale è una cosa legittima.- Scritto da: Sandro


        - Scritto da: blah

        gli americani hanno shuttle sateliti e

        chissa che altro...

        se vogliono tagliare le comunicazioni lo

        fanno lo stesso...

        Basta un qualsiasi missile intercontinentale
        (che vanno nello spazio per risparmiare
        energia) per buttar giù i satelliti come
        piccioni! Oppure bastano i missili di Russia
        e Cina, come vedi tutti possono tirar giù
        tutti!
      • Anonimo scrive:
        Re: peccato che...
        - Scritto da: Sandro


        - Scritto da: blah

        gli americani hanno shuttle sateliti e

        chissa che altro...

        se vogliono tagliare le comunicazioni lo

        fanno lo stesso...

        Basta un qualsiasi missile intercontinentale
        (che vanno nello spazio per risparmiare
        energia) per buttar giù i satelliti come
        piccioni! Oppure bastano i missili di Russia
        e Cina, come vedi tutti possono tirar giù
        tutti! Al di la del fatto che sospendere un proprio servizio (cosa magari spiacevole ma del tutto legittima) e abbattere un satellite straniero (in pratica un atto di guerra) sono due cose ben diverse, ma buttar giù un satellite è un pelino complicato. Continuando il paragone con i volatili è come prendere un piccione che vola a circa 25000 km/h !!!! Di fatto oggi penso che solo gli americani siano (forse) in grado di tirar giù un satellite. I russi ci stavano studiando, ma poi è andata come sappiamo ....
  • Anonimo scrive:
    Molti membri della UE sostengono che gli USA hanno
    Sacrosanta verita'.Finalmente l'europa inizia a emettere i primi vagiti!!!
Chiudi i commenti