LG scrive Blu-ray a 4x

Il colosso coreano sta per lanciare sul mercato un masterizzatore Blu-ray capace di raddoppiare la velocità di scrittura dei dischi BD registrabili. Vistosa l'assenza del supporto ai dischi dual-layer

Seoul (Corea del Sud) – Dopo aver mostrato il drive in varie occasioni, come al Consumer Electronics Show di Las Vegas, LG si è detta pronta a commercializzare quello che definisce il primo masterizzatore Blu-ray 4x.

Il GBW-H10N è un’unità interna, basata sull’interfaccia ATAPI, in grado di dimezzare il tempo di scrittura dei dischi Blu-ray registrabili, i BD-R, e di incrementarne lievemente la velocità di lettura, portandola da 4x a 4,8x. Per i supporti riscrivibili, i BD-RE, la massima velocità di registrazione rimane invece di 2x.

Da sottolineare come il drive, benché descritto da LG come “di nuova generazione”, non supporti i dischi dual-layer da 50 GB. È invece in grado di scrivere quasi tutti i tipi di CD e di DVD, inclusi i DVD-RAM e i DVD±R/RW.

Sebbene LG non abbia ancora comunicato il prezzo ufficiale del GBW-H10N, CDRinfo ne ha stimato il costo intorno agli 800 euro.

LG Italia ha peraltro specificato a Punto Informatico di non potersi esprimere sulla possibile commercializzazione del prodotto né sull’eventuale prezzo del masterizzatore “che al momento – ha spiegato l’azienda – non è quindi destinato al mercato italiano”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    chi dice che le digitali sono buone
    Quanti soldi vi danno: la Canon e, la Nikon etc per dire ste bestemmie ?????Siamo a Natale, cazzo dai !
  • Anonimo scrive:
    Una Kodachrome 25 proiettata sul telo...
    ... e non dico altro. Chi non ha provato quella emozione può ritenersi inadeguato a qualsiasi commento emozionale/qualitativo nel confronto digitale/analogico.Videoproiettori... Quanta complicazione e soldi buttati, prima di avere qualcosa di solamente paragonabile? Tutto quanto a favore del mercato, non certo della libertà espressiva.Aggiungo: nel campo delle reflex stiamo delegando la qualità all'intera fotocamera anziché al semplice rullino. Prima un incremento qualitativo era uno step di 5 euro. Ora di 1500.Personalmente avrei preferito un orientamento della ricerca verso un supporto magnetico in grado di essere impressionato dalla luce. Niente Dia, ma sempre meglio che buttare corpi macchina, pagati migliaia e invendibili dopo tre anni.
    • Anonimo scrive:
      Re: Una Kodachrome 25 proiettata sul tel
      - Scritto da:
      ... e non dico altro. Chi non ha provato quella
      emozione può ritenersi inadeguato a qualsiasi
      commento emozionale/qualitativo nel confronto
      digitale/analogico.Io ho qualche migliaio di diapositive, nonostante questo non le vedo da anni, è troppo palloso mettere su tutto quanto, fare buio, e poi la gente scappa quando sente parlare di diapositive. Però hai ragione su questo, uno che è appassionato di diapositive ha un limite col digitale, però sicuramente usciranno soluzioni di qualità ed economiche per i proiettori.Niente
      Dia, ma sempre meglio che buttare corpi macchina,
      pagati migliaia e invendibili dopo tre
      anni.
      Io ho una Nikon analogica e un set di obiettivi, buona attrezzatura, roba da 1500 euro per tutto, eppure al momento non ci rifarei nemmeno 100 euro.
    • Anonimo scrive:
      Re: Una Kodachrome 25 proiettata sul telo...
      - Scritto da:
      Dia, ma sempre meglio che buttare corpi macchina,
      pagati migliaia e invendibili dopo tre
      anni.
      Se fai una scelta attenta, spendi per obiettivi che funzionano anche su macchine che escono fra 3 anni
    • Anonimo scrive:
      Re: Una Kodachrome 25 proiettata sul tel
      - Scritto da:
      ... e non dico altro. Chi non ha provato quella
      emozione può ritenersi inadeguato a qualsiasi
      commento emozionale/qualitativo nel confronto
      digitale/analogico.
      Videoproiettori... Quanta complicazione e soldi
      buttati, prima di avere qualcosa di solamente
      paragonabile? Tutto quanto a favore del mercato,
      non certo della libertà
      espressiva.

      Aggiungo: nel campo delle reflex stiamo delegando
      la qualità all'intera fotocamera anziché al
      semplice rullino. Prima un incremento qualitativo
      era uno step di 5 euro. Ora di
      1500.

      Personalmente avrei preferito un orientamento
      della ricerca verso un supporto magnetico in
      grado di essere impressionato dalla luce. Niente
      Dia, ma sempre meglio che buttare corpi macchina,
      pagati migliaia e invendibili dopo tre
      anni.
      ti do ragione !molti films al giorno d'oggi li fanno con le videocamere digitali !e fanno schifo !puntano sul digitale perchè la stra-grande maggioranza della gente fa stampare le foto nei formati 10x15 o 11x15 e così via !provate a proiettare una immagine da 3264x2448 sul telo...che bello schifo che ci salta fuori!!!per non parlare delle macchine fotografiche reflex da 1400 e passa euri....e che ce le spacciano da signore !!! la mia praktica con un obiettivo zenit si mette a ridere !le reflex digitali...ora come ora...adios, piuttosto mi piglio una hasselblad e fanculo alla vostra tecnologia ad occhi a mandorla !!!nel 2001, presi una fotocamera digitale da 2 megapixel, perfino schifosa (canon).oggi si trovano solo fotocamere da 12 megapixel ?mi sa che la vostra idea di abbandonare le pellicole sia stata un pò frettolosa !eh già perchè secondo una mia teoria, per avere una immagine di qualità simile alla pellicola, la fotocamera digitale dovrebbe avere un sensore da 100 megapixel o + !!! ce ne vorrà di tempo !!e voi vi riempite le tasche con dei soldi, che provengono da dei poveri cristi che non hanno capito una mazza !!gli fate vedere una macchina simile alle reflex e sti bacucchi la comprano perchè non sanno un cazzo di niente !sveglia gente ... boicottate il mondo delle digitali !!le pellicole non devono morire !!
  • Anonimo scrive:
    Ci vediamo tra 30 anni
    Non ho nulla contro il digitale anche se ritengo che ad oggi non sia ancora all'altezza della migliore fotografia chimica. Comunque quello e' il futuro, deciso anche seguendo strategie commerciali piu' che di qualita' (in una decina di anni sono state interotte tutte le ricerche di sviluppo sulla pellicola, anche alcune verramente rivoluzionarie), ed e' solo questione di tempo affinche' la fotografia digitale colmi il gap residuo. Bisogna prenderne atto. Quello che mi lascia perplesso pero' e' un'altra cosa. Son un fotoamatore, la mia macchina e' stata costruita 26 anni fa, funziona ancora egregiamente. Ho una certa quantita' di obiettivi, alcuni piu' vecchi del corpo macchina, alcuni nuovi. Tra negativi e diapositive conservo circa 4000 immagini. Ho anche foto e negativi di quando ero bambino e di quando erano bambini i miei genitori e nonni. Riuscira' il digitale a garantire una cosa simile? Quante volte dovro' cambiare corpo macchina, perche' l'obsolescenza nel mondo digitale galoppa veloce? I nuovi corpi saranno sempre compatibili con i vecchi obiettivi ed accessori? Quanto dureranno le stampe fatte con stampanti digitali(e non pretendo neanche la garanzia di 400 anni che si aveva con le Cibachrome)? Sara' semplice mantenenere gli originali attraverso cambi di pc, supporti magnetici ed ottici, guasti dell'hardware, cambi di formato dei file, semplici distrazioni (perdere un file e' facilissimo)? Qual e' la garanzia che tra 30 anni, come dico nel titolo, potro' guardare ancora le immagini che ho fatto con la digitalina che ho sempre con me?
    • Anonimo scrive:
      Re: Ci vediamo tra 30 anni
      Inizialmente avevo i tuoi stessi dubbi quando sono passato al digitale.Ma ora la vedo in modo un po' più ottimistico.Dici di avere una macchina di 26 anni fa, che funziona egregiamente. Certo, funziona, ma anche lei se confrontata con una analogica moderna tipo la F6 risulterebbe obsoleta.Nel mondo digitale invece che in qualche lustro le macchine diventano obsolete in un paio d'anni, anche meno, ma facciamoci la solita vecchia domanda: Sono io che faccio le foto o è la mia macchina?andro' avanti con la mia d70 finchè non smetterà di funzionare, come tu hai fatto con la tua "26enne".Per quanto riguarda la conservazione... le foto digitali le puoi stampare, e avere lo stesso supporto che hai per le foto di quando eri bambino. I negativi si deteriorano...sono chimici, non teniamone troppo conto in quanto a durata nel tempo. Sicuramente una buona abitudine nel salvare il proprio lavoro digitale ti mette al riparo da brutte sorprese per anni e anni.Per quanto riguarda gli obiettivi, da sempre innovazioni particolarmente importanti e irrinunciabili hanno portato a cambiare le baionette e rendere inutilizzabili vecchi corredi. Inutile fare esempi, sappiamo tutti cosa fare di un obiettivo nikon AI vero?Detto questo... non nascondo che un po' di nostalgia ce l'ho anche io. :)
      • Anonimo scrive:
        Re: Ci vediamo tra 30 anni
        - Scritto da:
        Inizialmente avevo i tuoi stessi dubbi quando
        sono passato al
        digitale.
        Ma ora la vedo in modo un po' più ottimistico.
        Dici di avere una macchina di 26 anni fa, che
        funziona egregiamente. Certo, funziona, ma anche
        lei se confrontata con una analogica moderna tipo
        la F6 risulterebbe
        obsoleta.Vedi, una macchina della fine degli anni 70 non e' e solo "poco" obsoleta rispetto ad una F6, ha meno funzionalita' e la qualita' costruttiva e' diversa, ma l'architettura e' la stessa. Nella borsa di un professionista puoi vedere una F6 e come secondo corpo una FM2 meccanica e manuale, le "interfacce" sono le stesse: stessa pellicola, stessi obiettivi. Ed anche gli accessori sono piu' o meno gli stessi. Eppure sono macchine separate da un paio di decenni. Sei sicuro che connessioni, formati, protocolli, interfacce nel digitale rimarranno a lungo gli stessi? E' a questo tipo di obsolescenza cui mi riferivo.
        Nel mondo digitale invece che in qualche lustro
        le macchine diventano obsolete in un paio d'anni,
        anche meno, ma facciamoci la solita vecchia
        domanda: Sono io che faccio le foto o è la mia
        macchina?Sono perfettamente d'accordo con te: le foto le fa il fotografo, la macchina e' uno strumento. MA questo strumento al momento non mi e' del tutto convincente. Intendiamoci, non sono contrario al digitale e credo che presto avro' una reflex con la D nella sigla del modello; i miei dubbi sono piu' per come la tecnologia e' portata avanti da un punto di vista "filosofico"
        andro' avanti con la mia d70 finchè non smetterà
        di funzionare, come tu hai fatto con la tua
        "26enne".
        Per quanto riguarda la conservazione... le foto
        digitali le puoi stampare, e avere lo stesso
        supporto che hai per le foto di quando eri
        bambino. I negativi si deteriorano...sono
        chimici, non teniamone troppo conto in quanto a
        durata nel tempo. Sicuramente una buona abitudine
        nel salvare il proprio lavoro digitale ti mette
        al riparo da brutte sorprese per anni e
        anni.Beh, faccio il sistemista di sistemi high end, ed ho visto sorprese bruttissime anche in situazioni che sembravano sicurissime...
        Per quanto riguarda gli obiettivi, da sempre
        innovazioni particolarmente importanti e
        irrinunciabili hanno portato a cambiare le
        baionette e rendere inutilizzabili vecchi
        corredi. Inutile fare esempi, sappiamo tutti cosa
        fare di un obiettivo nikon AI
        vero?
        Detto questo... non nascondo che un po' di
        nostalgia ce l'ho anche io.
        :)avevo tralasciato la parte affettiva verso la fotografia chimica, che in effetti e' tanta...Ciao
    • Anonimo scrive:
      OT: Domanda [ERA] Ci vediamo tra 30 anni

      Tra negativi e
      diapositive conservo circa 4000 immagini. Ho
      anche foto e negativi di quando ero bambino e di
      quando erano bambini i miei genitori e nonni.Io pure... ma quando le ho passate tutte allo scanner ho scoperto che moltissimi negativi sono tutti rovinati (graffi...)Come puó essere successo (considera che non ho fatto ristampe, i negativi sono rimasti per anni nelle buste di carta che davano i fotografi), ma soprattutto che posso farci, e come posso evitare che succeda per i rullini nuovi??grazie in anticipoGiulio
    • Anonimo scrive:
      Re: Ci vediamo tra 30 anni
      Fai i backup. Fai i backup spesso. Fai i backup sui nastri. Fai più copie dello stesso backup.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ci vediamo tra 30 anni
      - Scritto da:
      Non ho nulla contro il digitale anche se ritengo
      che ad oggi non sia ancora all'altezza della
      migliore fotografia chimica. "Ritengo" in base a cosa?
      Comunque quello e'
      il futuro, deciso anche seguendo strategie
      commerciali piu' che di qualita' (in una decina
      di anni sono state interotte tutte le ricerche di
      sviluppo sulla pellicola, anche alcune verramente
      rivoluzionarie), ed e' solo questione di tempo
      affinche' la fotografia digitale colmi il gap
      residuo. Per molte cose la digitale è già più avanti
      Bisogna prenderne atto. Quello che mi
      lascia perplesso pero' e' un'altra cosa. Son un
      fotoamatore, la mia macchina e' stata costruita
      26 anni fa, funziona ancora egregiamente. Ho una
      certa quantita' di obiettivi, alcuni piu' vecchi
      del corpo macchina, alcuni nuovi. idem, anche se da meno anni
      Tra negativi e
      diapositive conservo circa 4000 immagini. Ho
      anche foto e negativi di quando ero bambino e di
      quando erano bambini i miei genitori e nonni.Beh, 4000 no, ma ne ho parecchie anch'io
      Riuscira' il digitale a garantire una cosa
      simile?Riuscirà ancora meglio, perché non c'è invecchiamento del dato digitale, basta farsi i dovuti backup
      Quante volte dovro' cambiare corpo
      macchina, perche' l'obsolescenza nel mondo
      digitale galoppa veloce?L'obsolescenza la fa l'utilizzatore: la tua macchina di 26 anni fa non è certo all'altezza delle attuali macchine a pellicola, ma se a te va bene continua pure ad usarla. Lo stesso discorso vale per le digitali: se 6Mpixel sono sufficienti per stampare un A4, saranno sufficienti anche tra 10 o 20 anni.
      I nuovi corpi saranno
      sempre compatibili con i vecchi obiettivi ed
      accessori?I corpi dele reflex attuali sono compatibili anche con gli obiettivi delle vecchie reflex, con l'unica differenza che se non hai un full frame devi moltiplicare la focale per 1,5
      Quanto dureranno le stampe fatte con
      stampanti digitali(e non pretendo neanche la
      garanzia di 400 anni che si aveva con le
      Cibachrome)?PEr quanto poco possono durare (e comunque durano parecchio, basta che chiedi ad un qualsiasi laboratorio), le potrai sempre ristampare con la stessa fedeltà, a differenza del negativo che invecchia...
      Sara' semplice mantenenere gli
      originali attraverso cambi di pc, supporti
      magnetici ed ottici, guasti dell'hardware, cambi
      di formato dei file, semplici distrazioni
      (perdere un file e' facilissimo)?Se ci tieni e ne hai cura non vedo il problema: basta stare alla larga da virus e farsi i dovuti backup...
      Qual e' la
      garanzia che tra 30 anni, come dico nel titolo,
      potro' guardare ancora le immagini che ho fatto
      con la digitalina che ho sempre con me?IMHO la garanzia è assoluta al 100%
  • Anonimo scrive:
    basta con ste filippiche nostalgiche
    Ho letto un sacco di messaggi di persone che elogiano la pellicola contro il formato digitale. Vorrei ricordare a tutti questi che ci sono fior di fotografi (per esempio molti di quelli del National Geographic, non so se mi spiego!) che fanno dei capolavori di foto usando le digitali, che risultano in servizi eccezionali. Per fare un'ottima foto non occorre andarsene in giro con il banco ottico, il cavalletto e le laste 10x12, basta una digitale reflex decente ma soprattutto esperienza e buon gusto.Senza considerare il fatto che il digitale ha un sacco di vantaggi, per esempio non bisogna comprare rullini a peso d'oro e spendere una barca di soldi in sviluppo, che la maggior parte delle volte fa schifo di suo. Vi siete mai trovati in un viaggio, scattare 25-30 rullini e poi farseli sviluppare decentemente? Ci comprate una reflex Nikon nuova! Oppure il fatto di poter scaricare le immagini e fare una selezione prima della stampa, stamparsele a casa, inviarle per email mentre si è in viaggio, prima i giornalisti in giro per il mondo spedivano i rullini che impiegavano giorni ad arrivare, ora nel giro di un'ora dallo scatto la foto è già a destinazione. Oppure poter ritoccare una foto fatta in condizioni particolari. Poter vedere immediatamente il risultato. ecc eccInsomma, mi sembra di sentire tutti quelli che si lamentavano dei cd ed elogiavano il vinile, poi magari li ritrovi al giorno d'oggi che comprano musica on line in mp3 e la ascoltano sull'ipod!
    • Anonimo scrive:
      Re: basta con ste filippiche nostalgiche
      - Scritto da:
      Ho letto un sacco di messaggi di persone che
      elogiano la pellicola contro il formato digitale.


      Vorrei ricordare a tutti questi che ci sono fior
      di fotografi (per esempio molti di quelli del
      National Geographic, non so se mi spiego!) che
      fanno dei capolavori di foto usando le digitali,
      che risultano in servizi eccezionali.


      Per fare un'ottima foto non occorre andarsene in
      giro con il banco ottico, il cavalletto e le
      laste 10x12, basta una digitale reflex decente ma
      soprattutto esperienza e buon
      gusto.

      Senza considerare il fatto che il digitale ha un
      sacco di vantaggi, per esempio non bisogna
      comprare rullini a peso d'oro e spendere una
      barca di soldi in sviluppo, che la maggior parte
      delle volte fa schifo di suo. Vi siete mai
      trovati in un viaggio, scattare 25-30 rullini e
      poi farseli sviluppare decentemente? Ci comprate
      una reflex Nikon nuova! Oppure il fatto di poter
      scaricare le immagini e fare una selezione prima
      della stampa, stamparsele a casa, inviarle per
      email mentre si è in viaggio, prima i giornalisti
      in giro per il mondo spedivano i rullini che
      impiegavano giorni ad arrivare, ora nel giro di
      un'ora dallo scatto la foto è già a destinazione.
      Oppure poter ritoccare una foto fatta in
      condizioni particolari. Poter vedere
      immediatamente il risultato. ecc
      ecc

      Insomma, mi sembra di sentire tutti quelli che si
      lamentavano dei cd ed elogiavano il vinile, poi
      magari li ritrovi al giorno d'oggi che comprano
      musica on line in mp3 e la ascoltano
      sull'ipod!
      con le digitali:mi spieghi come cazzo fai, se fai delle buone foto a fare deggli ingrandimenti che al massimo ci fai degli a3, o se ti va di culo: 30x20 ?se fai degli ingrandimenti, e ti saltano fuori dei pixel a me viene sinceramente il mal di stomaco !
    • maestrale scrive:
      Re: basta con ste filippiche nostalgiche
      basta con quelli come te che con la fotografia hanno a che vedere quanto il digitale ha a che fare con la fotografia stessa!mi paragoni un banco ottico (e lo denigri..)con una reflex digitale!magari la tua,bellissima!!,quella che tu stesso definirai uno schifo tra un paio d'anni e correrai dietro ad una delle tante chimere che i furboni del mercato,confezioneranno su misura per te..divertici pure ,noi facciamo le foto.
  • Anonimo scrive:
    Re: Fotocamere, Canon lascia la pellicol
    Si chiama "progresso", un po' come quando abbattono una villa dell'800 per costruire un parcheggio.
    • norman900 scrive:
      Re: Fotocamere, Canon lascia la pellicol
      - Scritto da:
      Si chiama "progresso", un po' come quando
      abbattono una villa dell'800 per costruire un
      parcheggio.(ghost)Esatto. E la sua arroganza è pari alla sua insensibilità (anzi è del tutto asensoriale).
      • Anonimo scrive:
        Re: Fotocamere, Canon lascia la pellicol
        Non prendertela con me. Detesto queste cose quanto chiunque abbia un minimo di sensibilità.Spero sempre che un grande crac finanziario rovini per sempre le vite di coloro che decidono questi scempi e che siano costretti a tagliarsi le vene con un rasoio elettrico (perché quelli tradizionali non ci saranno più).
        • Anonimo scrive:
          Re: Fotocamere, Canon lascia la pellicol
          - Scritto da:
          Non prendertela con me. Detesto queste cose
          quanto chiunque abbia un minimo di
          sensibilità.

          Spero sempre che un grande crac finanziario
          rovini per sempre le vite di coloro che decidono
          questi scempi e che siano costretti a tagliarsi
          le vene con un rasoio elettrico (perché quelli
          tradizionali non ci saranno
          più).
          dai torna nella camera oscura a sviluppare il b/n che il mondo deve andare avanti
  • Anonimo scrive:
    Re: Fotocamere, Canon lascia la pellicol
    La notizia è riportata male (errore comune nel panorama giornalistico italiano, dove conta più il 'botto' dell'informazione vera).Guardate qua:http://www.dpreview.com/news/0605/06052501canonfilmcameras.aspIn sintesi, il succo della questione è che Canon 'potrebbe' cessare la produzione di fotocamere a pellicola.Cosa ben diversa dallo strillo iniziale dell'articolo, non trovate?Un salutoFJF
    • cico scrive:
      Re: Fotocamere, Canon lascia la pellicol
      - Scritto da:
      La notizia è riportata male (errore comune nel
      panorama giornalistico italiano, dove conta più
      il 'botto' dell'informazione
      vera).

      Guardate qua:

      http://www.dpreview.com/news/0605/06052501canonfil

      In sintesi, il succo della questione è che Canon
      'potrebbe' cessare la produzione di fotocamere a
      pellicola.

      Cosa ben diversa dallo strillo iniziale
      dell'articolo, non
      trovate?Per essere precisi la notizia dice che inizialmente il messaggio di Canon era più incisivo, poi hanno dovuto rettificare dicendo che potrebbe...
      • Anonimo scrive:
        Re: Fotocamere, Canon lascia la pellicol

        Per essere precisi la notizia dice che
        inizialmente il messaggio di Canon era più
        incisivo, poi hanno dovuto rettificare dicendo
        che potrebbe...Maddeche? E' stato proprio riportato male.CiaoFJF
        • cico scrive:
          Re: Fotocamere, Canon lascia la pellicol
          - Scritto da:


          Per essere precisi la notizia dice che

          inizialmente il messaggio di Canon era più

          incisivo, poi hanno dovuto rettificare dicendo

          che potrebbe...

          Maddeche? E' stato proprio riportato male.

          Ciao

          FJFSi era stato riportato male già da Reuters"What a difference a word can make, in this case it's the word "considers". An earlier Reuters UK news article stated "Canon to halt film camera development", shortly afterwards Reuters were forced to correct this and replace the word 'to' with 'considers' , hence "Canon considers halt to film camera development". With this subtle change (and some edits in the article itself) the news is, well, nothing definite. A Canon spokesman has essentially stated that they are currently trying to decide if there is a need to keep developing compact and SLR film cameras because of the shrinking market."
          • Anonimo scrive:
            Re: Fotocamere, Canon lascia la pellicol
            Non ti viene in mente che *forse forse* la Reuters ha proprio riportato male la notizia e che la rettifica richiesta da Canon è servita a far aderire meglio il flash d'agenzia alla realtà dei fatti, piuttosto che costituire un passo indietro da parte della casa nipponica?CiaoFJF
  • Anonimo scrive:
    Chi prima chi dopo
    "Nikon è riuscita a rispondere a Canon sfornando modelli come la D70 "Ma che si scrive qua? La D70 e' uscita un anno e mezzo prima della 350d.mah...
    • pippo75 scrive:
      Re: Chi prima chi dopo
      - Scritto da:
      "Nikon è riuscita a rispondere a Canon sfornando
      modelli come la D70
      "

      Ma che si scrive qua? La D70 e' uscita un anno e
      mezzo prima della
      350d.
      mah...Ma e' uscita 5 mesi dopo la 300, credo che si riferisse a quella nel paragone temporale.ciao
      • cico scrive:
        Re: Chi prima chi dopo
        - Scritto da: pippo75
        - Scritto da:

        "Nikon è riuscita a rispondere a Canon sfornando

        modelli come la D70

        "



        Ma che si scrive qua? La D70 e' uscita un anno e

        mezzo prima della

        350d.

        mah...

        Ma e' uscita 5 mesi dopo la 300, credo che si
        riferisse a quella nel paragone
        temporale.Secondo me si riferisce invece alla D50 (rileggete la frase) che compete nella stessa fascia di mercato.
        • Anonimo scrive:
          Re: Chi prima chi dopo
          - Scritto da: cico
          Secondo me si riferisce invece alla D50
          (rileggete la frase) che compete nella stessa
          fascia di mercato.Veramente la 350D è più nella fascia della D70 che della D50 (anche se, a conti fatti, la D50 con un processore e degli algoritmi più nuovi, si comporta spesso meglio della D70, anche se ha qualche funzione in meno)ciao
          • cico scrive:
            Re: Chi prima chi dopo
            - Scritto da:

            - Scritto da: cico


            Secondo me si riferisce invece alla D50

            (rileggete la frase) che compete nella

            stessa fascia di mercato.

            Veramente la 350D è più nella fascia della D70
            che della D50 (anche se, a conti fatti, la D50
            con un processore e degli algoritmi più nuovi,
            si comporta spesso meglio della D70, anche se
            ha qualche funzione in
            meno)

            ciaohttp://www.dpreview.com/reviews/nikond50/"Clearly the D50 is designed to compete with other affordable digital SLR's such as the Canon EOS 350D (Digital Rebel XT), Pentax *ist DS and Olympus E-300."Quando uscì la 350D la misero a confronto con la D70 solo perché erano le più simili come caratteristiche:http://www.dpreview.com/reviews/canoneos350d/page21.aspma adesso è la D50 che viene messa a confronto con la 350D:http://www.dpreview.com/reviews/nikond50/page19.aspTanto per dirne una: sia la 350D che D50 hanno un penta-specchio mentre la D70 ha un penta-prisma.
    • Anonimo scrive:
      Re: Chi prima chi dopo
      - Scritto da:
      "Nikon è riuscita a rispondere a Canon sfornando
      modelli come la D70
      "

      Ma che si scrive qua? La D70 e' uscita un anno e
      mezzo prima della
      350d.
      mah...mah che?la 300D è uscita prima ;)e c'è scritto.
  • Anonimo scrive:
    Pornazzi!
    Visto che i pornazzi sono la cosa più scaricata, qualcuno si prenderà il disturbo di compensare gli autori dei suddetti film? :$
    • Davz scrive:
      Re: Pornazzi!
      non la Canon, se è questo che vuoi sapere... o hai solo sbagliato forum? :)
    • Anonimo scrive:
      Re: Pornazzi!
      - Scritto da:
      Visto che i pornazzi sono la cosa più scaricata,
      qualcuno si prenderà il disturbo di compensare
      gli autori dei suddetti film?
      :$hai i cookies che saltano da una padella all'altra
    • Anonimo scrive:
      Re: Pornazzi!
      OopS! Si avete ragione, ho sbagliato forum! :$
  • Anonimo scrive:
    Prepariamoci alle vedove
    Dopo quelli che ascoltano ancora la musica in vinile perchè ha un suono più fedele del cd, tra qualche anno troveremo i siti pieni di pseudoespertoni piagnoni che ci mostreranno come le foto al digitale sembrano tutte figurine.
    • Anonimo scrive:
      Re: Prepariamoci alle vedove
      - Scritto da:
      Dopo quelli che ascoltano ancora la musica in
      vinile perchè ha un suono più fedele del cd, tra
      qualche anno troveremo i siti pieni di
      pseudoespertoni piagnoni che ci mostreranno come
      le foto al digitale sembrano tutte
      figurine.prima di sentirti fare questi confronti voglio vedere quanto sai far mangiare la polvere, digitalmente, ad uno che sa usare davvero la macchina fotografica analogica.si può, ma io voglio vedere te che ne parli, riuscirci.sarai uno con la compatta a rullino che prendeva il rullino per le ferie e lo sviluppava appena dopo natale... se sei uno di quelli puoi anche usare la fotocamera del cellulare, non noterai differenze :-)
    • Anonimo scrive:
      Re: Prepariamoci alle vedove
      - Scritto da:
      Dopo quelli che ascoltano ancora la musica in
      vinile perchè ha un suono più fedele del cd, tra
      qualche anno troveremo i siti pieni di
      pseudoespertoni piagnoni che ci mostreranno come
      le foto al digitale sembrano tutte
      figurine.Beh, sulla qualità delle foto digitali è facile avere critiche. Basti vedere come gestiscono male le situazioni di luce critiche il 90% delle macchine in commercio.Le digitali uno le usa perché sono pratiche e comode, non certo perché ha la fissa della qualità.
      • Anonimo scrive:
        Re: Prepariamoci alle vedove
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        Dopo quelli che ascoltano ancora la musica in

        vinile perchè ha un suono più fedele del cd, tra

        qualche anno troveremo i siti pieni di

        pseudoespertoni piagnoni che ci mostreranno come

        le foto al digitale sembrano tutte

        figurine.

        Beh, sulla qualità delle foto digitali è facile
        avere critiche. Basti vedere come gestiscono male
        le situazioni di luce critiche il 90% delle
        macchine in
        commercio.
        Le digitali uno le usa perché sono pratiche e
        comode, non certo perché ha la fissa della
        qualità.ti assicuro che la 5D gestisce parecchio bene anche situazioni di luce problematiche.se parli delle compatte ti do ragione.
        • Anonimo scrive:
          Re: Prepariamoci alle vedove
          non sai usare photoshop con il diglitale puoi fotografare al buio ...senza flash !!correggi un pelo il gamma ...e miracolo hai le foto come se fatte con un faro da 5000 Watt
          • Anonimo scrive:
            Re: Prepariamoci alle vedove
            - Scritto da:
            non sai usare photoshop

            con il diglitale puoi fotografare al buio ...
            senza flash !!


            correggi un pelo il gamma ...
            e miracolo hai le foto come se fatte con un faro
            da 5000
            Watt
            Solo che con il faro da 5000 W il rumore non lo vedi (troll)
          • Anonimo scrive:
            Re: Prepariamoci alle vedove
            Ma che scherzi?Il rumore e tutto in quelle foto, se gli togli il rumore mica sono foto ehehehheMi sa che quello che ha scritto il messaggio di poco fa è abituato a fare foto con il cellulare eheheh
          • Anonimo scrive:
            Re: Prepariamoci alle vedove
            - Scritto da:
            Ma che scherzi?
            Il rumore e tutto in quelle foto, se gli togli il
            rumore mica sono foto
            ehehehhe

            Mi sa che quello che ha scritto il messaggio di
            poco fa è abituato a fare foto con il cellulare
            ehehehsolo quando cerca la qualità ;)
          • Anonimo scrive:
            Orrore!!
            - Scritto da:
            non sai usare photoshop

            con il diglitale puoi fotografare al buio ...
            senza flash !!


            correggi un pelo il gamma ...
            e miracolo hai le foto come se fatte con un faro
            da 5000
            Watt
            Come da titolo: Orrore!!! Se non c'è abbastanza luce il sensore cmos comincia a sfarfallare! Il rumore aumenta al diminuire dell'intensità luminosa. Al buio....
          • Anonimo scrive:
            Re: Prepariamoci alle vedove
            - Scritto da:
            non sai usare photoshop

            con il diglitale puoi fotografare al buio ...
            senza flash !!


            correggi un pelo il gamma ...
            e miracolo hai le foto come se fatte con un faro
            da 5000
            Watt
            seee bonanotte! :)
          • Anonimo scrive:
            Re: Prepariamoci alle vedove
            - Scritto da:
            non sai usare photoshop

            con il diglitale puoi fotografare al buio ...
            senza flash !!


            correggi un pelo il gamma ...
            e miracolo hai le foto come se fatte con un faro
            da 5000
            Watt
            ORRIPILO.non rispondo altro.
          • Anonimo scrive:
            Re: Prepariamoci alle vedove
            Si, come no.... io invece uso il led del telecomando come illuminazione x i ritratti di modelle...Ma smettiamola di dare aria alla bocca!
      • Anonimo scrive:
        Re: Prepariamoci alle vedove
        - Scritto da:
        Beh, sulla qualità delle foto digitali è facile
        avere critiche. così facile che non riesci ad argomentarne neanche una?
        Basti vedere come gestiscono male
        le situazioni di luce critiche il 90% delle
        macchine in
        commercio.se parliamo di compatte sicuramente... ma vale anche per le compatte a pellicola (forse in maniera meno evidente)se parliamo di reflex non vedo alcun problema
        Le digitali uno le usa perché sono pratiche e
        comode, non certo perché ha la fissa della
        qualità.la qualità non è certo data dal fatto di usare una pellicola o un sensore CCD... certo, una volta poteva essere vero, ma oggi com oggi ti sfido a riconoscere una stampa fatta da pellicola e una fatta da digitale
    • Anonimo scrive:
      Re: Prepariamoci alle vedove
      - Scritto da:
      Dopo quelli che ascoltano ancora la musica in
      vinile perchè ha un suono più fedele del cd, tra
      qualche anno troveremo i siti pieni di
      pseudoespertoni piagnoni non basta aggiungere "pseudo" e "piagnoni"per rendere meno esperto uno che lo èservono i fatti.l'interesse per la verità in ciò che si afferma e non la superficialità dello sparatore di corbellerie che da aria alla bocca
      • Anonimo scrive:
        Re: Prepariamoci alle vedove
        - Scritto da:

        non basta aggiungere "pseudo" e "piagnoni"
        per rendere meno esperto uno che lo è

        servono i fatti.

        l'interesse per la verità in ciò che si afferma e
        non la superficialità dello sparatore di
        corbellerie che da aria alla
        boccaLa parola "troll" ti dice niente? E la gente abbocca, abbocca e ancora abbocca :D
        • Anonimo scrive:
          Re: Prepariamoci alle vedove
          - Scritto da:

          - Scritto da:



          non basta aggiungere "pseudo" e "piagnoni"

          per rendere meno esperto uno che lo è



          servono i fatti.



          l'interesse per la verità in ciò che si afferma
          e

          non la superficialità dello sparatore di

          corbellerie che da aria alla

          bocca

          La parola "troll" ti dice niente? E la gente
          abbocca, abbocca e ancora abbocca
          :D:(si, io abbocco, effettivamente ...
    • Anonimo scrive:
      mi preparo a comprare usato :)
      io invece mi preparo a comprare ottimo usato a buon mercato :)con quel che costano i buoni obiettivi...certo, se sparisce tutto sono fottuto ... non posso stampare a pellicola se non la fanno più
      • Anonimo scrive:
        Re: mi preparo a comprare usato :)
        Nell'800 si salutò (eufemismo) l'avvento della fotografia dicendo che 1) non era vera arte 2) avrebbe presto fatto sparire la pittura tradizionale.Invece: 1) alcune foto sono quotate come quadri d'autore 2) solo sotto casa mia ci sono due negozi di belle arti che vendono ancora tele, colori, pennelli, etc.Il super8, pur non producendosi più da anni cineprese adatte al format, lo puoi ancora trovare e sviluppare con qualche modesto sbattimento.La pellicola sopravviverà, con volumi molto ridotti ma sopravviverà.CiaoFJF
        • Anonimo scrive:
          Re: mi preparo a comprare usato :)
          - Scritto da:
          Nell'800 si salutò (eufemismo) l'avvento della
          fotografia dicendo che [...] 2)
          avrebbe presto fatto sparire la pittura
          tradizionale.non dipendeva dall'industria :)nikon e canon dettano gli standard ALTI di qualità per il fotoamatore.non puoi costruirti da solo la robaper dipingere, una persona sufficientemente esperta, un artigiano, con le proprie MANI può ancora ottenere quel che si otteneva nel 1100 e che oggi possiamo ammirare.non è invece possibile, per un comune mortale, ottenere qualsiasi cosa con un alto standard qualitativo che si sia prodotto anche per il mercato consumer tra il 1970 ed oggi.
          Invece: 1) alcune foto sono quotate come quadri
          d'autore 2) solo sotto casa mia ci sono due
          negozi di belle arti che vendono ancora tele,
          colori, pennelli,
          etc.non credo che tra 40 anni troverai qualcuno che costruisca un pezzo di ricambio per una HOLGA ;)nè che un appassionato saprà rifarsi in cantina la famosa Velvia :)sono certo che tutta la "scienza" che sta dietro al materiale dei colori non è più in mano alla maggior parte degli artisti... e nel 1500 qualsiasi imbrattatele ne sapeva di più del migliore di oggi. E' più una scommessa che una affermazione basata su una prova, la mia.
          Il super8, pur non producendosi più da anni
          cineprese adatte al format, lo puoi ancora
          trovare e sviluppare con qualche modesto
          sbattimento.

          La pellicola sopravviverà, con volumi molto
          ridotti ma
          sopravviverà.e ovviamente costi alti :)si sa, si dice da tempo.
    • The Raptus scrive:
      Sono cose diverse!
      .. Ho una F70, una F80, una D70, acquistata ancor prima che in Italia venisse importata (20 marzo 2004).Mi spiace deludere i più, ma per adesso, anche se ho "solo" 6M pixel, la fotografia anaologica la trovo molto meglio.Un po' come per il bianconero insomma: trovo molta differenza tra il digitale e la cara vecchia pellicla, con i rullini nel frigo, con il sacchetto anti X-ray (usato per un viaggio in Russia). Se mi dovessi mai risposare, non credo che affiderò il mio album a chi usa solo il digitale (ma non pretenderei neppure una 6x6!).Insomma la mia macchina ha "solo" 2 anni, è già superata e non posso usare il megaflash da 600 euro delle altre due macchine, ma ancora non ho trovato una foto che mi tenga il paragone alla buona vecchia Velvia 50 (leggermente sottoesposta poi, satura i colori che è un incanto!).Senz'altro le cose cambieranno, ma a mio avviso Nikon (ed ora Canon) dopo un paio di anni dalla prima reflex digitale abbandonano completamente il mercato analogico e questo non lo trovo corretto (E non mi serve a nulla sapere che c'è ancora la F6!).Sono mosse commerciali per un settore dove semplici appassionati (e magari poco esperti, tra cui il sottoscritto!) erano disposti a spendere milioni per una lente con uno stop in meno!Eccoperchè sono un po' deluso!
      • Anonimo scrive:
        Re: Sono cose diverse!
        Non ti preoccupare, erano anni che lo dicevano, ma il loro abbandono della pellicola riguarda solo le pellicole comuni, quelle per le compatte tanto per intenderci, come hai detto tu per ora c'è ancora troppa differenza tra una pellicola professionale e il digitale, quindi per almeno altri 10 anni stai tranquillo che le tue macchine non andranno in cantina ;-)
        • Anonimo scrive:
          Re: Sono cose diverse!
          - Scritto da:
          Non ti preoccupare, erano anni che lo dicevano,
          ma il loro abbandono della pellicola riguarda
          solo le pellicole comuni, quelle per le compatte
          tanto per intenderci, come hai detto tu per ora
          c'è ancora troppa differenza tra una pellicola
          professionale e il digitale, quindi per almeno
          altri 10 anni stai tranquillo che le tue macchine
          non andranno in cantina
          ;-)perchè questo distacco, in questo forum, con la realtà?andate in un laboratorio e ditemi se non avete difficoltà a reperire materiali che una volta erano normalianelli adattatorifiltri uv / neutripolarizzatori di vari diametripompette per pulizia ...per non parlare delle carte e delle chimiche per la propria camera oscura... sono i rappresentanti stessi che se ne sono andati per primi... figurarsi cosa è rimasto...quanti rullini per BN trovate da un fotografo qualsiasi?ma anche rullini per colore... quanti ne trovate già li in negozio? 5 tipi? fantastico!!! avete un rivenditore SUPER-RIFORNITO!
      • Davz scrive:
        Re: Sono cose diverse!

        Un po' come per il bianconero insomma: trovo
        molta differenza tra il digitale e la cara
        vecchia pellicla, con i rullini nel frigo, con il
        sacchetto anti X-ray (usato per un viaggio in
        Russia).Dai, questi sono discorsi da nostalgici, i vari trucchi e le idee che si conoscono fra chi usa la pellicola sono semplicemente degli espedienti per ovviare a difetti ed inevitabili usure delle tecnologie. Si sà che mettere la pellicola nel frigo la conservi meglio ma questo è dato semplicemnte dal fatto che la pellicola ha il difetto di "invecchiare" più rapidamente a temperature superiori. E' ovvio che con lo sviluppo della ricerca l'industria cerchi di eliminare questi difetti ed è inevitabile e naturale che le cose che non sono comode spariscano dal mercato di massa per esere conservate solo fra gli appassionati. Anche col digitale la gente si ingegna e scova trucchetti e ideuzze per ovviare ai difetti di questa tecnologia, tipo sottrarre da una foto in posa lunga un fotogramma scattato alle stesse condizioni ma col tappo sull'obiettivo per ridurre l'effetto del rumore, oppure gente che metteva a contatto il sensore della macchina con qualcosa di ghiacciato per la stessa ragione, dato che il rumore è prodotto dal surriscaldamento.E comunque se si va in qualsiasi sito di fotografia, Canon ha più precisamente detto che "sta CONSIDERANDO l'eventualità di interrompere lo sviluppo delle macchine legate alla pellicola".
        • Anonimo scrive:
          Re: Sono cose diverse!
          - Scritto da: Davz
          Anche col
          digitale la gente si ingegna e scova trucchetti e
          ideuzze per ovviare ai difetti di questa
          tecnologia, tipo sottrarre da una foto in posa
          lunga un fotogramma scattato alle stesse
          condizioni ma col tappo sull'obiettivo per
          ridurre l'effetto del rumore, oppure gente che
          metteva a contatto il sensore della macchina con
          qualcosa di ghiacciato per la stessa ragione,
          dato che il rumore è prodotto dal
          surriscaldamento.:-Onon ne sapevo nulla!!! interessante! :Dcomunque la 5D non mi pare avere rumore ... e neat image (recensito su PI-Download) dove lo mettiamo? ;) (...)
      • Anonimo scrive:
        Re: Sono cose diverse!
        - Scritto da: The Raptus
        .. Ho una F70, una F80, una D70, acquistata ancor
        prima che in Italia venisse importata (20 marzo
        2004).
        Mi spiace deludere i più, ma per adesso, anche se
        ho "solo" 6M pixel, la fotografia anaologica la
        trovo molto
        meglio.per ora non ho mai visto fare il confronto "ad armi pari" :)quando lo si fa, l'entusiasmo per il nuovo che avanza ha sempre la meglio. tranne per dia e proiettori.ormai anche BN riesce a vedere eccellenti risultati ... ho visto parecchi veterani letteralmente AMMUTOLIRE di fronte a stampe prodotte con una D70 + phsp + laboratorio (70 cm) ... non gli abbiamo detto con cosa erano state fatte.applausi, complimentoni.e poi la rivelazione.tutti muti.(...)
        Se mi dovessi mai risposare, non credo che
        affiderò il mio album a chi usa solo il digitale
        (ma non pretenderei neppure una
        6x6!).io invece ormai ho sentito parecchi professionisti dire "ormai l'analogico lo lascio agli artisti e ai fissati perchè per i matrimoni e il servizio classico fino ad ora ho fatto 1000 prove e nessuno si accorge della differenza, anche quelli che se la tirano e dicono di riconoscere il pregio dell'analogico"i costi e i tempi di produzione, la comodità e la qualità media sono a loro dire *superiori* , specie se ci metti le schifezze di album con tutte le pacchianate che la gente vuole...(bellissimi , si si ... ok)
        Insomma la mia macchina ha "solo" 2 anni, è già
        superata e non posso usare il megaflash da 600
        euro delle altre due macchine, ma ancora non ho
        trovato una foto che mi tenga il paragone alla
        buona vecchia Velvia 50 (leggermente sottoesposta
        poi, satura i colori che è un
        incanto!).mi viene da pensare che tu non abbia toccato un solo cursore i postproduzione con i raw e photoshop... ma sicuramente mi sbaglio.potrebbe però darsi che la tua perizia con l'analogico (il chimico, sarebbe più corretto dire) non sia eguagliata da quella col digitale? possibile?io non lo escludo mai a priori.
        Sono mosse commerciali per un settore dove
        semplici appassionati (e magari poco esperti, tra
        cui il sottoscritto!) erano disposti a spendere
        milioni per una lente con uno stop in
        meno!questo continua ad essere :)
        Eccoperchè sono un po' deluso!se le argomentazioni che ti portano alla delusione sono queste, ti esorto a tornare a rallegrarti... se mi parli del proiettore... a rassegnarti (sigh!) ;-)
    • Anonimo scrive:
      Re: Prepariamoci alle vedove
      E le diapositive dove le metti?Guarda le digitali sono comodissime per le foto ricordo, anche più economiche (ne fai quante ne vuoi, cancelli quelle venute male, etc...).Però se vuoi fare diapositive di qualità il discorso cambia...Non so se hai mai provato una Velvia e un proiettore decente...sono uno spettacolo per gli occhi.Per ora le digitali sono ancora lontane da un simile risultato, ma poi a parte il discorso qualitativo c'è il discorso, che almeno per me non è trascurabile, dei *COSTI*.Velvia da 6euro + macchina analogica usata da 100euro (sto esagerando di proposito, ma per farti capire che il pregio delle analogiche è che anche la macchina più economica ti può tirare fuori foto da professionisti, tanto quello che conta è l'obiettivo. E se hai la stessa reflex da 20anni, i "Megapixel" continuano ad aumentare cambiando il rullino, perché i progressi ci sono stati...invece sulla digitale se vuoi aumentare i Megapixel devi buttarla e comprarne un altra...ti pare poco?) + proiettore de 200euroSPESA TOTALE: 306euroPer ottenere una resa simile con una digitale (ma cmq inferiore):Digitale da 3000euro + proiettore...già proiettore...hai idea di quanto costi un video proiettore digitale UXGA (e già siamo su una resa da schifo in confronto ad una dia...)? Almeno 10.000 (!!) euro.SPESA TOTALE: 13.000euro(abbiamo omesso l'obiettivo per entrambe le soluzioni ma non influisce sulla differenza di costo presupponendolo analogo)Ora io non sono una vedova piagnona, il digitale mi piace molto. Però prima di buttare via l'analogico aspetterei di poter fare le stesse cose con il digitale CON LO STESSO PREZZO. O poco di +, se proprio vogliamo dar beneficio al consumismo. Ma per ora con 13.000euro preferisco comprarmi un'automobile.Il problema è che non credo che in un solo anno i prezzi di cui sopra scenderanno da 13.000euro a 300 sai? Se così fosse, ben venga il digitale, ma io credo che di anni ce ne vorranno almeno 5 se non di più. E se nel frattempo si estinguesse l'analogico, chi ama la qualità avrebbe solo due scelte: o farsi il mutuo per il video proiettore...o fare a meno della qualità e seguire la massa.E parliamoci chiaro è successo lo stesso con il Super8: con la diffusione delle videocamere VHS si è estinto (anche se già possedevi la cinepresa, non trovavi + né bobine né chi te le sviluppava), perché meno pratico. Ma la qualità del VHS faceva pena! Grande, grandissimo passo avanti in praticità, durata nel tempo, montaggio ma qualità penosa.Poi le cose si sono risolte, con SVHS dopo e digitali oggi, la qualità delle videocamerine moderne è sicuramente nettamente migliore di una cinepresa.Tuttavia per tutto il PERIODO DI TRANSIZIONE (e mica tanto breve, si parla di molti anni) l'appassionato ha fatto un passo indietro.E' questo procedere come i gamberi fastidioso per l'appassionato, credo che prima di sostituire una tecnologia, bisogna aspettare che quella nuova sia superiore su tutti i tre punti chiave: QUALITA', PRATICITA', COSTI.Se in almeno uno di questi punti la vecchia tecnologia ha ancora un vantaggio, non è il caso di mandarla in pensione!Ciao
      • Anonimo scrive:
        Re: Prepariamoci alle vedove
        Quoto!
      • Anonimo scrive:
        Re: Costi
        - Scritto da:
        E le diapositive dove le metti?

        Guarda le digitali sono comodissime per le foto
        ricordo, anche più economiche (ne fai quante ne
        vuoi, cancelli quelle venute male,
        etc...).
        Però se vuoi fare diapositive di qualità il
        discorso
        cambia...

        Non so se hai mai provato una Velvia e un
        proiettore decente...sono uno spettacolo per gli
        occhi.

        Per ora le digitali sono ancora lontane da un
        simile risultato, ma poi a parte il discorso
        qualitativo c'è il discorso, che almeno per me
        non è trascurabile, dei
        *COSTI*.

        Velvia da 6euro + macchina analogica usata da
        100euro (sto esagerando di proposito, ma per
        farti capire che il pregio delle analogiche è che
        anche la macchina più economica ti può tirare
        fuori foto da professionisti, tanto quello che
        conta è l'obiettivo. E se hai la stessa reflex da
        20anni, i "Megapixel" continuano ad aumentare
        cambiando il rullino, perché i progressi ci sono
        stati...invece sulla digitale se vuoi aumentare i
        Megapixel devi buttarla e comprarne un altra...ti
        pare poco?) + proiettore de
        200euro

        SPESA TOTALE: 306euro

        Per ottenere una resa simile con una digitale (ma
        cmq
        inferiore):

        Digitale da 3000euro + proiettore...già
        proiettore...hai idea di quanto costi un video
        proiettore digitale UXGA (e già siamo su una resa
        da schifo in confronto ad una dia...)? Almeno
        10.000 (!!)
        euro.

        SPESA TOTALE: 13.000euro

        (abbiamo omesso l'obiettivo per entrambe le
        soluzioni ma non influisce sulla differenza di
        costo presupponendolo
        analogo)

        Ora io non sono una vedova piagnona, il digitale
        mi piace molto. Però prima di buttare via
        l'analogico aspetterei di poter fare le stesse
        cose con il digitale CON LO STESSO PREZZO. O poco
        di +, se proprio vogliamo dar beneficio al
        consumismo. Ma per ora con 13.000euro preferisco
        comprarmi
        un'automobile.

        Il problema è che non credo che in un solo anno i
        prezzi di cui sopra scenderanno da 13.000euro a
        300 sai? Se così fosse, ben venga il digitale, ma
        io credo che di anni ce ne vorranno almeno 5 se
        non di più. E se nel frattempo si estinguesse
        l'analogico, chi ama la qualità avrebbe solo due
        scelte: o farsi il mutuo per il video
        proiettore...o fare a meno della qualità e
        seguire la
        massa.

        E parliamoci chiaro è successo lo stesso con il
        Super8: con la diffusione delle videocamere VHS
        si è estinto (anche se già possedevi la
        cinepresa, non trovavi + né bobine né chi te le
        sviluppava), perché meno pratico. Ma la qualità
        del VHS faceva pena! Grande, grandissimo passo
        avanti in praticità, durata nel tempo, montaggio
        ma qualità
        penosa.
        Poi le cose si sono risolte, con SVHS dopo e
        digitali oggi, la qualità delle videocamerine
        moderne è sicuramente nettamente migliore di una
        cinepresa.
        Tuttavia per tutto il PERIODO DI TRANSIZIONE (e
        mica tanto breve, si parla di molti anni)
        l'appassionato ha fatto un passo
        indietro.

        E' questo procedere come i gamberi fastidioso per
        l'appassionato, credo che prima di sostituire una
        tecnologia, bisogna aspettare che quella nuova
        sia superiore su tutti i tre punti chiave:
        QUALITA', PRATICITA',
        COSTI.
        Se in almeno uno di questi punti la vecchia
        tecnologia ha ancora un vantaggio, non è il caso
        di mandarla in
        pensione!

        CiaoScattavo con pellicole Velvia, una macchina Minolta di fascia media e questo obiettivo http://photodo.com/prod/lens/detail/SiAF28-70_28EXAspe-779.shtml. Ho un proiettore Leica.Non avevo speso pochissimo (intorno al milione qualcosa solo macchina e quell'obiettivo) e facendo il paragone di prezzo considerando linflazione, spendendo lo stesso prezzo per macchina e obiettivo, adesso ho una Canon 350D con ottiche fisse.È vero, non ho il proiettore, ma molto meglio un buon monitor che comunque uso per lavoro.Ora posso permettermi di scattare quanto voglio e scattando in RAW (magari scatti multipli) ottengo una gamma di colori impensabili anche per le buone Velvia.
      • Anonimo scrive:
        Re: Prepariamoci alle vedove
        - Scritto da:
        E le diapositive dove le metti?mai fatte :)né prima né dopo.e nei circoli fotografici ormai vedo i "vecchi" (quelli di 60 anni, che mi mostrano roba incredibile e davvero interessante) che faticano ma comunque si interessano al digitale... e ti dicono "si si, belle le proiezioni... ma alla fine anche se sei appassionato finisci per non farle mai"tutti criticano la "freddezza" della vita virtuale ma ho visto più foto in forum, cd, chiavette in questi ultimi 2 anni (con MIO comodo) che negli altri 30e senza fastidio; anche delle "gite di qualcuno" :)
        Guarda le digitali sono comodissime per le foto
        ricordo, anche più economiche (ne fai quante ne
        vuoi, cancelli quelle venute male,
        etc...).
        Però se vuoi fare diapositive di qualità il
        discorso
        cambia...io credo che stia tutto in questo.chi non ha mai avuto interesse per le DIA non perde nullamentre invece in stampa non-gigante ormai il digitale è stra-conveniente.soprattutto per l'amatore evoluto. Scatti quanto vuoi, pensi, smanetti... finalmente vai in stampa con una trentina di 30x40... a costo imbattibile sui siti che se lo possono permettere o anche su alti volumi nei negozi (gli stessi di prima!)
        E' questo procedere come i gamberi fastidioso per
        l'appassionato, credo che prima di sostituire una
        tecnologia, bisogna aspettare che quella nuova
        sia superiore su tutti i tre punti chiave:
        QUALITA', PRATICITA',
        COSTI.sarà comunque la massa a far abbassare i prezzi, mai gli appassionati :)
        Se in almeno uno di questi punti la vecchia
        tecnologia ha ancora un vantaggio, non è il caso
        di mandarla in
        pensione!lo capisco, ma se non trovi la roba... che fai?un rivenditore ilford col quale ho parlato, ferratissimo, dopo 15 anni di attività ed esperienza, adesso vende... Sandisk :)
    • Anonimo scrive:
      Re: Prepariamoci alle vedove
      Evidentemente non hai mai usato una reflex, non sai cos'è un filtro polarizzatore, non hai mai usato un cavalletto per fare una foto e non hai mai aspettato parecchi minuti prima di cogliere l'espressione di un ritratto.La pellicola e la diapositiva nel dimenticatoio? Si regredisce, ecco cosa!!!La verità è che, oggi, i costi della pellicola sono notevolmente inferiori rispetto alla foto digitale.Esempio?Costo negativo (pellicola per i neofiti):Nikon F 55 (mod.base) con ob 28/80:220 euroOb. 70/300: 150 euroE questo può essere un corredo fotografico completo per un principiante.400 asa superia 36 pose: 3 euroVelvia 100 asa diapositiva: 4 euroCosto sviluppo negativo 36 pose: 8 euroCosto sviluppo diapositiva: 5 euroCosto digitale:Nikon reflex D 50 mod. base (4 megapixel) con ob. 28/80: 800 euroScheda di memoria 512 mb: 40 euroCosto sviluppo digitale 36 pose: 24 euroVa aggiunto ovviamente il possesso di un pc, di un masterizzatore per conservare le foto più belle e..un upgrade periodico di Photoshop.La resa qualitativa è comunque inferiore.Per una qualità paragonabile di una pellicola c'è l'acquisto di una reflex da almeno 10 megapixel, che però tra qualche anno sarà sicuramente obsoleta. I prezzi al momento sono in caduta libera non appena esce un modello superiore (come avviene per le auto ed i pc).Se poi vuoi usare una macchinetta di cartone per i tuoi ricordi, o ti limiti a prendere il tuo telefonino che fa video (di m...) fotografa (di m....) e diffonde nell'aere mp3 con qualità sonora di m....e scatti...che bei ricordi che avrai fra 10 anni!!!!!- Scritto da:
      Dopo quelli che ascoltano ancora la musica in
      vinile perchè ha un suono più fedele del cd, tra
      qualche anno troveremo i siti pieni di
      pseudoespertoni piagnoni che ci mostreranno come
      le foto al digitale sembrano tutte
      figurine.
      • Anonimo scrive:
        Re: Prepariamoci alle vedove
        - Scritto da:
        Esempio?
        Costo negativo (pellicola per i neofiti):
        400 asa superia 36 pose: 3 euro
        Costo sviluppo negativo 36 pose: 8 euro

        Costo digitale:
        Costo sviluppo digitale 36 pose: 24 euroNon hai calcato un po' la mano?
      • Anonimo scrive:
        Re: Prepariamoci alle vedove
        - Scritto da:
        Evidentemente non hai mai usato una reflex, non
        sai cos'è un filtro polarizzatore, non hai mai
        usato un cavalletto per fare una foto e non hai
        mai aspettato parecchi minuti prima di cogliere
        l'espressione di un
        ritratto.ehm... che c'entra?Il filtro polarizzatore lo monti anche sulla reflex digitale...Qui non si parla di cessare la produzione di fotocamere reflex, ma di fotocamere reflex a pellicola!
        La verità è che, oggi, i costi della pellicola
        sono notevolmente inferiori rispetto alla foto
        digitale.Senza offesa... ma per sostenere questo bisogna avere veramente gli occhi foderati di prosciutto.Intanto tu parti dal presupposto che uno faccia dia, il che non vale per tutti, anzi. Le dia sono bellissime ma così scomode che non le riguardi mai, quindi il 90% della gente fa le stampe.In ogni caso, se fotografi abbastanza dopo poco hai già recuperato tutti i costi.P.S.: photoshop non è obbligatorio, basta Picasa (in fondo la pellicola non permette il fotoritocco...)
        La resa qualitativa è comunque inferiore.
        Per una qualità paragonabile di una pellicola c'è
        l'acquisto di una reflex da almeno 10 megapixelcerto, se vuoi fare ingrandimenti sopra i 30x40 magari hai anche ragione, ma per le dimensioni alle quali il 90% delle persone guarda le foto non c'è certo bisogno né di 10 megapixel né tantomento dell'intera risoluzione della diapositiva!
        che però tra qualche anno sarà sicuramente
        obsoleta. I prezzi al momento sono in caduta
        libera non appena esce un modello superiore (come
        avviene per le auto ed i
        pc).non è vero, se dici questo significa che non segui il mercato e parli per preconcetto o per sentito dire (sempre senza offesa!). In particolare, il numero di megapixel è legato alla dimensione alla quale vuoi stampare e non vi è ragione né per aumentarlo all'infinito (infatti la corsa ai megapixel si è già fermata) né per considerare obsoleta una macchina, e infatti i prezzi non sono affatto in caduta libera.
        • Anonimo scrive:
          Re: Prepariamoci alle vedove
          - Scritto da:
          Qui non si parla di cessare la produzione di
          fotocamere reflex, ma di fotocamere reflex a
          pellicola!Esatto, altra storia il medio e pieno formato che continueranno ad avere un mercato finché la tecnologia digitale rimane proibitiva in quel settore.
        • Anonimo scrive:
          Re: Prepariamoci alle vedove
          - Scritto da: ( ecc ecc, giusto)
          P.S.: photoshop non è obbligatorio, basta Picasa
          (in fondo la pellicola non permette il
          fotoritocco...)eh no, allora qui salta tutto.parte della fotografia digitale non-marmaglia termina necessariamente con l'elaborazione (anche minima ... taglio, maschere di contrasto, ritocco sui colori... mica lo vorrai far fare al laboratorio al posto tuo!!!?) quello che fai in camera oscura con BN e *raramente* col colore, con il digitale lo fai SEMPRE, sia colore che BN!

          La resa qualitativa è comunque inferiore.

          Per una qualità paragonabile di una pellicola
          c'è

          l'acquisto di una reflex da almeno 10 megapixel

          certo, se vuoi fare ingrandimenti sopra i 30x40
          magari hai anche ragione, mi pare che ne si parla tanto, ma quasi nessuno LI FA ... provate e poi riparliamone.l'ingrandimento lasciatelo fare al laboratorio, non serve mica che vi ci mettiate voifate tutta la vostra parte e portategli il TIF finale.
          ma per le dimensioni
          alle quali il 90% delle persone guarda le foto
          non c'è certo bisogno né di 10 megapixel né
          tantomento dell'intera risoluzione della
          diapositiva!anche perchè hai dettaglio ma non nitidezza.
          non è vero, se dici questo significa che non
          segui il mercato e parli per preconcetto o per
          sentito dire (sempre senza offesa!). In
          particolare, il numero di megapixel è legato alla
          dimensione alla quale vuoi stampare e non vi è
          ragione né per aumentarlo all'infinito (infatti
          la corsa ai megapixel si è già fermata) né per
          considerare obsoleta una macchina, e infatti i
          prezzi non sono affatto in caduta
          libera.SOB!!!!!! :(
      • Anonimo scrive:
        Re: Prepariamoci alle vedove
        La D50 è a 6 megapixel ed hai qualità fotografica fino al formato A4 per le stampe....L'ottica di riferimento è la 17-55 perchè equivale ad una 27 - 82 per le 35 mm.la 70-300 la puoi usare anche sulla digitale ma ti diventa una 135 - 450 (trova una 450 per la tua pellicola a tale prezzo!!!)il costo delle stampe dipende molto da quanto ci lucra sopra il mercato. In poco tempo, non avendo bisogno di acidi e camera oscura, il costo delle stampe digitali dovrebbe scendere drasticamente.
        • Anonimo scrive:
          Re: Prepariamoci alle vedove

          lucra sopra il mercato. In poco tempo, non avendo
          bisogno di acidi e camera oscura, il costo delle
          stampe digitali dovrebbe scendere
          drasticamente.ed è già bassissimo in giro, moltissimi stampano via internet
      • Anonimo scrive:
        Re: Prepariamoci alle vedove
        - Scritto da:
        Evidentemente non hai mai usato una reflex, non
        sai cos'è un filtro polarizzatore, non hai mai
        usato un cavalletto per fare una foto e non hai
        mai aspettato parecchi minuti prima di cogliere
        l'espressione di un
        ritratto.Non sono la persona alla quale ti stai rivolgendo, ma io uso reflex a pellicola da sempre, e recentemente ho acquistato una reflex digitale con grandi soddisfazioni
        La pellicola e la diapositiva nel dimenticatoio?
        Si regredisce, ecco
        cosa!!!

        La verità è che, oggi, i costi della pellicola
        sono notevolmente inferiori rispetto alla foto
        digitale.non necessariamente
        Esempio?
        Costo negativo (pellicola per i neofiti):
        Nikon F 55 (mod.base) con ob 28/80:220 euro
        Ob. 70/300: 150 euro
        E questo può essere un corredo fotografico
        completo per un
        principiante.
        400 asa superia 36 pose: 3 euro
        Velvia 100 asa diapositiva: 4 euro
        Costo sviluppo negativo 36 pose: 8 euro
        Costo sviluppo diapositiva: 5 euroPeccato che non hai messo i costi della stampa, ma solo dello sviluppo... Eppoi voglio sperare che di foto uno ne faccia un po' di più, e più foto scatti più aumentano i costi di sviluppo, che invece nella digitale sono pari a zero.
        Costo digitale:
        Nikon reflex D 50 mod. base (4 megapixel) con ob.
        28/80: 800
        euro
        Scheda di memoria 512 mb: 40 eurola D50 è da 6 Megapixel, non 4; per quella cifra la trovi in vendita con due obiettivi, il 28/80 e l'80-200, ed è inclusa anche una scheda da 256MB.
        Costo sviluppo digitale 36 pose: 24 euroQuesto casomai è il costo delle stampe, e non dello sviluppo, che nelle digitali non ha costo. A parte questo, le stampe le trovi facilmente a 40 centesimi, che significa meno di 15 Euro. A parte questo, con la digitale posso scattare 150 foto e stampare solo le 36 che sono venute meglio... fai la stessa cosa con la pellicola, e poi dimmi quale delle due alternative costa di più
        Va aggiunto ovviamente il possesso di un pc, di
        un masterizzatore per conservare le foto più
        belle e..un upgrade periodico di
        Photoshop.Ovviamente un corno: io posso andare dal fotografo con la mia scheda di memoria e stampare direttamente da lì, senza computer e senza nient'altro.Ma se anche ho il computer, ce lo posso avere anche per altri motivi, non è che lo compro per usare la macchina digitale, e Photoshop non è certo una necessità: ci sono decine di freeware/shareware (Picasa?) o programmi dati in dotazione col computer (iPhoto?) o con le stampanti...
        La resa qualitativa è comunque inferiore.
        Per una qualità paragonabile di una pellicola c'è
        l'acquisto di una reflex da almeno 10 megapixel,
        che però tra qualche anno sarà sicuramente
        obsoleta. La resa è data da molti fattori, prima di tutto dalla qualità del corpo macchina e dall'abilità del fotografo. Comunque con 6 Megapixel scommetto quello che vuoi che una stampa digitale non la distingui minimamente da una fatta dalla pellicola, neanche in A4.
        I prezzi al momento sono in caduta
        libera non appena esce un modello superiore (come
        avviene per le auto ed i
        pc).Considerando che la mia prima refelx è stata una Nikon AF401x, che all'epoca (12-15 anni fa) pagai quasi un milione di lire, direi che anche le macchine a pellicola non scherzano in quanto a caduta di prezzi... in ogni caso non vedo dove stia il problema: se il prezzo scende, tanto meglio Concludo considerando altri vantaggi della digitale, come la possibilità di vedere subito lo scatto (ed eventualmente riscattare), di fare prove a diverse esposizioni senza preoccuparsi di sprecare scatti, di avere le proprie foto conservate inalterate per sempre (a differenza del negativo e delle stampe che inevitabilmente di deteriorano), ecc... ecc...ciao
        • Anonimo scrive:
          Re: Prepariamoci alle vedove
          - Scritto da:
          Ovviamente un corno: io posso andare dal
          fotografo con la mia scheda di memoria e stampare
          direttamente da lì, senza computer e senza
          nient'altro.è abbastanza vero, ma ha poco senso.il vero amatore che paragona la camera oscura a photoshop lo sa.mezza parte del lavoro sta nella postproduzione.
          Ma se anche ho il computer, ce lo posso avere
          anche per altri motivi, non è che lo compro per
          usare la macchina digitalequesto è il motivo per il quale io ho fatto quella scelta :-)
          , e Photoshop non è
          certo una necessità: ci sono decine di
          freeware/shareware (Picasa?)si vabbé... per visualizzare e fare 4 sciocchezze.ma allora non paragoniamo analogico e digitale di qualità... :)
          o programmi dati in
          dotazione col computer (iPhoto?) o con le
          stampanti...beh, con la 300D ti davano elements... e tempo fa con una epson stylus photo ti davano photoshop 4LE (tempo fa!) ...
          La resa è data da molti fattori, prima di tutto
          dalla qualità del corpo macchina e dall'abilità
          del fotografo. AMEN!
          Comunque con 6 Megapixel scommetto
          quello che vuoi che una stampa digitale non la
          distingui minimamente da una fatta dalla
          pellicola, neanche in
          A4.neanche in A3, tranquillo.ho iniziato a vedere i pixel su un 2 metri per 2 stampato con un plotteraccio.ovviamente ingrandimento fatto in laboratorio.non si capisce perchè ignorare l'esistenza dei laboratori fotografici :)
          Considerando che la mia prima refelx è stata una
          Nikon AF401x, che all'epoca (12-15 anni fa) pagai
          quasi un milione di lire, direi che anche le
          macchine a pellicola non scherzano in quanto a
          caduta di prezzi... in ogni caso non vedo dove
          stia il problema: se il prezzo scende, tanto
          meglio:)sto aspettando che la 5D costi 200 euro :)invece il 70-200 che volevo non scende mai di prezzo :( sob sob
          Concludo considerando altri vantaggi della
          digitale, come la possibilità di vedere subito lo
          scatto (ed eventualmente riscattare), di fare
          prove a diverse esposizioni senza preoccuparsi di
          sprecare scatti, fatto non indifferente anche per la fotografia all'infrarosso!!!!
          di avere le proprie foto
          conservate inalterate per sempre (a differenza
          del negativo e delle stampe che inevitabilmente
          di deteriorano), ecc...qui non saprei proprio.l'hai letto questo : http://punto-informatico.it/p.asp?i=57166 ?però poi c'è questo: http://punto-informatico.it/p.aspx?id=1461368 ... ma quanto costano? :) e allora vediamo cosa costa di più ;)
          ecc...:)
          • Anonimo scrive:
            Re: Prepariamoci alle vedove
            - Scritto da:

            Ovviamente un corno: io posso andare dal

            fotografo con la mia scheda di memoria e

            stampare

            direttamente da lì, senza computer e senza

            nient'altro.

            è abbastanza vero, ma ha poco senso.Beh quando scatti con la pellicola fai esattamente la stessa cosa, quindi se lo scopo è quello di paragonare i costi puri (non so sei sei tu quello del messaggio al quale rispondevo, ma non credo), questa è una possibilità più che valida. Anzi, se ti rivolgi ad un laboratorio serio, portando la scheda puoi visualizzare le foto "al volo" e decidere cosa far stampare
            il vero amatore che paragona la camera oscura a
            photoshop lo sa.

            mezza parte del lavoro sta nella postproduzione.Ni... nel senso che di "veri amatori" ce ne sono pochi, quindi (sempre tornando al discorso dei paragoni dei prezzi) se si considera il costo di Photoshop, perché non considerare quello di una camera oscura? (e comunque, perché considerare Photoshop, e non Elements che costa infinitamente meno e spesso è dato in omaggio, oppure Gimp che è gratis?).

            , e Photoshop non è

            certo una necessità: ci sono decine di

            freeware/shareware (Picasa?)

            si vabbé... per visualizzare e fare 4 sciocchezze.
            ma allora non paragoniamo analogico e digitale di
            qualità... :)La qualità si fa principalmente durante lo scatto, non sugli interventi successivi. Che poi il digitale permetta anche di intervenire facilmente è un altro discorso (in realtà se non sai cosa fare rischi di fare più danni che altro...)Non voglio certo paragonare Picasa a Photoshop, sto solo dicendo che Photoshop non è per niente indispensabile, così come non è indispensabile avere una camera oscura per chi scatta con la pellicola. E se proprio vogliamo un software di fotoritocco, prima di spendere 1000 euro per Photoshop, ci sono altri programmi meno costosi e altrettando validi, se non più specifici. Photoshop non è nato con lo scopo di fare postproduzione per le fotografie digitali, e pur offrendo tutto il necessario, ha anche un sacco di funzioni inutili e alcune lacune; non per niente Adobe sta preparando (o è già uscito?) un software studiato ad hoc per questo tipo di lavoro, probabilmente sulla falsa riga del poco fortunato Aperture o altri prodotti simili che già esistevano.

            o programmi dati in

            dotazione col computer (iPhoto?) o con le

            stampanti...

            beh, con la 300D ti davano elements... e tempo fa
            con una epson stylus photo ti davano photoshop
            4LE (tempo fa!)Appunto!!!e non è che Elements faccia così schifo, anzi, la maggior parte delle persone ne sfrutterebbe si e no il 10% delle potenzialità... figurarsi Photoshop...

            La resa è data da molti fattori, prima di tutto

            dalla qualità del corpo macchina e dall'abilità

            del fotografo.

            AMEN!;)

            Comunque con 6 Megapixel scommetto

            quello che vuoi che una stampa digitale non la

            distingui minimamente da una fatta dalla

            pellicola, neanche in A4.

            neanche in A3, tranquillo.
            ho iniziato a vedere i pixel su un 2 metri per 2
            stampato con un plotteraccio.Io, con mia grande sorpresa, ho visto foto stampate in 13x19 a partire da digitali a 1.3 Megapixel, e non erano affatto male: il digitale era riconoscibile solo solo da un'occhio attento (stampata su carta opaca ed incorniciata è un bijoux). Di contro ho visto foto da 2 Megapixel stampate in 10x15 di qualità scadente... molto dipende anche da chi te le stampa.

            Considerando che la mia prima refelx è stata una

            Nikon AF401x, che all'epoca (12-15 anni fa)

            pagai

            quasi un milione di lire, direi che anche le

            macchine a pellicola non scherzano in quanto a

            caduta di prezzi... in ogni caso non vedo dove

            stia il problema: se il prezzo scende, tanto

            meglio

            :)
            sto aspettando che la 5D costi 200 euro :)Eh eh eh... ;)
            invece il 70-200 che volevo non scende mai di
            prezzo :( sob sobUn buon obiettivo vale spesso quanto il corpo macchina, alla faccia di quelli che pensano di poter far ottime foto con i telefonini da 2 o 3 megapixel

            Concludo considerando altri vantaggi della

            digitale, come la possibilità di vedere subito
            lo

            scatto (ed eventualmente riscattare), di fare

            prove a diverse esposizioni senza preoccuparsi
            di

            sprecare scatti,

            fatto non indifferente anche per la fotografia
            all'infrarosso!!!!Non so... è un settore al quale non mi sono mai dedicato.

            di avere le proprie foto

            conservate inalterate per sempre (a differenza

            del negativo e delle stampe che inevitabilmente

            di deteriorano), ecc...

            qui non saprei proprio.
            l'hai letto questo :
            http://punto-informatico.it/p.asp?i=57166
            ?Beh, ma questo è un problema di backup... personalmente tengo le mie foto su due computer, mentre una copia extra viene backuppata sullo stesso DVD dove realizzo le presentazioni o gli slide show. Dei vari DVD ho "immagini disco" pronte a essere rimasterizzate nel caso in cui ci siano problemi sulla copia in uso. Semmai dovessi incrementare a dismisura il mio archivio, posso pensare ad un HD esterno.Insomma, salvo guasti multipli incorciati (sgrat-sgrat) tra 100 anni le mie foto digitali avranno la stessa qualità attuale (e chissà con che computer verranno viste tra 100 anni ;), mentre per i miei negativi non potrò dire la stessa cosa.ciao
      • Davz scrive:
        Re: Prepariamoci alle vedove

        Costo sviluppo digitale 36 pose: 24 euro...certo, se fai 36 stampe a4... se vai in qualsiasi negozio online 36 stampe 13x19 ti costano se va bene 8-9 euro...
      • Anonimo scrive:
        Re: Prepariamoci alle vedove
        io sono abbastanza d'accordo con te, ma se pensi a tutti quelli che hanno una compatta vrrrrrrrrrrrrrrrrrrr click vrrrrrrrrrrrrrrrr ... che comprano il rullino nel 2000 e lo sviluppano nel 2002 ... quei costi non sono realistici.mentre invece queste stesse persone ora scattano a manetta... e talvolta questo produce stampe e giro di soldini :)sui raffronti qualitativi non sono d'accordo e ormai sono stradimostrati al contrario (non parliamo di ingrandimenti eccessivi: chi li fa? qui parliamo di consumer, che sia basso, medio o avanzato, non farà mai un 2x3 metri) dove lo hai trovato il 70/300 a quel prezzo????????????? di che marca? Hyazakudo? :Dposso prenderlo per la meccanica di mia morosa!!! le ho già preso il cinquantino a 30 euro :)))))hai ragione, però, la qualità di dispositivi multimediali spesso fa un po' schifo in tutto.però fa tutto.e soprattutto non pesa 10 Kg e sta in tasca.le occasioni in cui scattare sono molte e ... lo sai :)
        • Davz scrive:
          Re: Prepariamoci alle vedove

          dove lo hai trovato il 70/300 a quel
          prezzo????????????? di che marca? Hyazakudo?è il 70-300 G f4-5.6 di nikon.
          • Anonimo scrive:
            Re: Prepariamoci alle vedove
            - Scritto da: Davz



            dove lo hai trovato il 70/300 a quel

            prezzo????????????? di che marca? Hyazakudo?

            è il 70-300 G f4-5.6 di nikon.dove diavolazzo hai trovato quel prezzo?ARF ARF, SBAV SBAV:)ebay? devo guardare?
          • Anonimo scrive:
            Re: Prepariamoci alle vedove
            Prova a guardare su ilfotoamatore.it , se non sbaglio lo vendono a circa quel prezzo e ti risparmi la menata delle aste ebay
          • Davz scrive:
            Re: Prepariamoci alle vedove
            - Scritto da:

            - Scritto da: Davz






            dove lo hai trovato il 70/300 a quel


            prezzo????????????? di che marca? Hyazakudo?



            è il 70-300 G f4-5.6 di nikon.

            dove diavolazzo hai trovato quel prezzo?

            ARF ARF, SBAV SBAV

            :)

            ebay? devo guardare?Mah, io ho guardato su sanmarinophoto e lì lo vendono a 112 euro, la spedizione mi pare sia 15 euro.
          • Anonimo scrive:
            Re: Prepariamoci alle vedove
            - Scritto da: Davz

            - Scritto da:



            - Scritto da: Davz









            dove lo hai trovato il 70/300 a quel



            prezzo????????????? di che marca? Hyazakudo?





            è il 70-300 G f4-5.6 di nikon.



            dove diavolazzo hai trovato quel prezzo?



            ARF ARF, SBAV SBAV



            :)



            ebay? devo guardare?

            Mah, io ho guardato su sanmarinophoto e lì lo
            vendono a 112 euro, la spedizione mi pare sia 15
            euro.caro come il fuoco quel sito :|
  • Anonimo scrive:
    Re: Fotocamere, Canon lascia la pellicol
    mi compro chili di film e una camera oscura!
    • Anonimo scrive:
      Re: Fotocamere, Canon lascia la pellicol
      - Scritto da:
      mi compro chili di film e una camera oscura!ma qualcuno degli amanti del digitale ha mai provato a confrontare realmente la fotografia digitale con quella tradizionale.per me la fotocamera tradizionale non si tocca.se riesco faccio come te.
      • Anonimo scrive:
        Re: Fotocamere, Canon lascia la pellicol
        io mi sa sto un po' più avanti di voi... mi faccio da me carta fotografica e recentemente ho provato a fabbricare anche negativi in vetro (non è uno scherzo e non sono un troll)ciao
        • Anonimo scrive:
          Re: Fotocamere, Canon lascia la pellicol
          - Scritto da:

          io mi sa sto un po' più avanti di voi... mi
          faccio da me carta fotografica e recentemente ho
          provato a fabbricare anche negativi in vetro (non
          è uno scherzo e non sono un
          troll)

          ciaoLa cianotipia e le vecchie tecniche di stampa sono una gran ficata.. sono un fotografo e mi ci diverto un sacco, ma per quel che riguarda il lavoro il digitale ha sorpassato la pellicola da parecchio tempo, sia per la produttività, sia perchè ormai i laboratori in grado di sviluppare un negativo decentemente sono sempre più rari. Per i fanatici della pellicola.. sappiate che ormai quando andate a sviluppare un negativo, questo viene comunque acquisito con uno scanner (del lab o minilab) e viene stampato in digitale! ;)
          • Anonimo scrive:
            Re: Fotocamere, Canon lascia la pellicol
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            io mi sa sto un po' più avanti di voi... mi

            faccio da me carta fotografica e recentemente ho

            provato a fabbricare anche negativi in vetro
            (non

            è uno scherzo e non sono un

            troll)



            ciao

            La cianotipia e le vecchie tecniche di stampa
            sono una gran ficata.. sono un fotografo e mi ci
            diverto un sacco, ma per quel che riguarda il
            lavoro il digitale ha sorpassato la pellicola da
            parecchio tempo, sia per la produttività, sia
            perchè ormai i laboratori in grado di sviluppare
            un negativo decentemente sono sempre più rari.
            Per i fanatici della pellicola.. sappiate che
            ormai quando andate a sviluppare un negativo,
            questo viene comunque acquisito con uno scanner
            (del lab o minilab) e viene stampato in digitale!

            ;)il negativo te lo puoi anche sviluppare tu.......va be hai ragione se lo fai nello scantinato dubito che la qualità possa essere sto granchè
          • Anonimo scrive:
            Re: Fotocamere, Canon lascia la pellicol
            - Scritto da:
            il negativo te lo puoi anche sviluppare tu....
            ...va be hai ragione se lo fai nello scantinato
            dubito che la qualità possa essere sto
            granchèSono il fotografo di prima. Se per il fai da te intendi lo sviluppo del negativo in bianco e nero e relativa stampa, l'unica scelta praticabile e lo sviluppo e la stampa in casa, sviluppare il colore invece è più complicato, perchè è necessaria qualche precauzione in più, visto che la temperatura dei begni deve essere precisa e costante inoltre i bagni stessi sono più tossici di quelli necessari al B/W. Non parliamo poi della stampa, l'esposizione della carta deve essere fatta al buio assoluto, poichè la carta colore e sensibile anche alla lampada gialloverde (o rossa), che si usa in camera oscura. Poi occorre un ingranditore per il colore, bisogna smanettare con i filtri.. c'è da perderci un sacco di tempo e i costi per l'allestimento di una camera oscura adatta per il colore sono alti.
          • Davz scrive:
            Re: Fotocamere, Canon lascia la pellicol
            anche io quando stampo le foto seguo un iter decisamente complesso: 1) accendere pc2) premere tasto "on" sulla stampante3) Mandare in stampa con i settaggi automatici del driver della stampante senza aver manco controllato lo spazio colore dell' immagine originale, magari caricandola su publisher, word o ancor meglio con paint.4)non spengo nè la stampante nè il pc perchè si spengono poi da solivengono su delle stampe veramente d'autore!...se proprio voglio entrare in estasi mistica mando in stampa su carta da fotocopiatrice ma da 100g/mq(rotfl) mi sto divertendo, ma è interessante pensare a come un certo campo si apra, con la tecnologia, ad un parco molto più vasto di utenti che passono "fare" anche mancando certe conoscenze. Poi, ovviamente per "fare bene" sarebbe il caso di saperle certe cose: non so, tipo che paint è il programma preferito dal fotografo professionista! p)
          • Anonimo scrive:
            Re: Fotocamere, Canon lascia la pellicol
            - Scritto da: Davz
            anche io quando stampo le foto seguo un iter
            decisamente complesso:


            1) accendere pc
            2) premere tasto "on" sulla stampante
            3) Mandare in stampa con i settaggi automatici
            del driver della stampante senza aver manco
            controllato lo spazio colore dell' immagine
            originale, magari caricandola su publisher, word
            o ancor meglio con
            paint.
            4)non spengo nè la stampante nè il pc perchè si
            spengono poi da
            soli

            vengono su delle stampe veramente d'autore!

            ...se proprio voglio entrare in estasi mistica
            mando in stampa su carta da fotocopiatrice ma da
            100g/mq


            (rotfl) mi sto divertendo, ma è interessante
            pensare a come un certo campo si apra, con la
            tecnologia, ad un parco molto più vasto di utenti
            che passono "fare" anche mancando certe
            conoscenze. Poi, ovviamente per "fare bene"
            sarebbe il caso di saperle certe cose: non so,
            tipo che paint è il programma preferito dal
            fotografo professionista!
            p)non so bene dove tu voglia arrivareio comunque dal fotografo (laboratorio fotografico, il classico negozietto) ho visto arrivare un tipo con la chiavetta USB, un file di WORD con una immagine dentro a qualità che lassaperde e richiedere una stampa.il fotografo non ha fatto una piega.e meno maleio stavo assistendo alla cosa e sono diventato idrofobo, stavo per rispondere come i commessi su "alta fedeltà" ... lui invece ha fatto il suo bravo copiaincolla, ingrandito decenntemetne su photoshop e mandato alla stampatrice.stampa decente, se consideriamo l'originale.Quello che invece ci sta per invadere è una mediocrità infernale. Le belle cose torneranno davvero solo all'elite... e la marmaglia non si renderà nemmeno conto di essere tale.Che tristezza aver avuto, in questi ultimi 60 anni, la possibilità di elevare il genere umano ... e vedere che invece si rituffa nella melma da solo nonappena scorge il marroncino.
          • Anonimo scrive:
            Re: Fotocamere, Canon lascia la pellicol

            ho visto
            arrivare un tipo con la chiavetta USB, un file di
            WORD con una immagine dentro a qualità che
            lassaperde e richiedere una
            stampa.
            Quello che invece ci sta per invadere è una
            mediocrità infernale.C'e' gia'. E anche in te proabilmente che non sei esperto in ogni campo e per tante cose ti accontenti e non lo sai.
            Le belle cose torneranno
            davvero solo all'elite...Eh, i bei tempi andati dove tutti erano esperti di foto e mangiavano ambrosia saltellando e fotografandosi a vicenda...
            e la marmaglia non si
            renderà nemmeno conto di essere
            tale.Appunto, che ne sai ad esempio di pietre dure?Scommetto che hai comprato almeno due prodotti falsi nella vita e non sapendolo ne sei fiero.La marmaglia a tuo modo sei anche tu.
            Che tristezza aver avuto, in questi ultimi 60
            anni, la possibilità di elevare il genere umanoDi chi parli di te?
            ... e vedere che invece si rituffa nella melma da
            solo nonappena scorge il
            marroncino.E' questione di mete. Forse al tipo con la chiave USB non interessa l'alta qualita' dell'immagine ma transige in nessun modo sulla buona musica e si fabbrica pure gli strumenti. E magari parla di te con lo stesso disprezzo se ti vede comprare un disco.Capisco che ciascuno ha una visione egocentrica, ma se sei circondato da cose belle, vuol dire che non le hai fatte tutte tu, il bello non e' morto, anzi nuove tecnologie aprono nuove porte a nuovi talenti. Infine non scordare che anche tu hai iniziato dalla melma.
          • Anonimo scrive:
            Re: Fotocamere, Canon lascia la pellicol
            - Scritto da:
            E' questione di mete. Forse al tipo con la chiave
            USB non interessa l'alta qualita' dell'immagine
            ma transige in nessun modo sulla buona musica e
            si fabbrica pure gli strumenti. E magari parla di
            te con lo stesso disprezzo se ti vede comprare un
            disco.considerando la media nazionale italiana, dubito fortemente.
          • Anonimo scrive:
            Re: Fotocamere, Canon lascia la pellicol

            E' questione di mete. Forse al tipo con la chiave
            USB non interessa l'alta qualita' dell'immagine
            ma transige in nessun modo sulla buona musica e
            si fabbrica pure gli strumenti. E magari parla di
            te con lo stesso disprezzo se ti vede comprare un
            disco.eh eh, ben detto, l'hai fatto secco :)
          • Anonimo scrive:
            Re: Fotocamere, Canon lascia la pellicol
            - Scritto da: Davz
            tipo che paint è il programma preferito dal
            fotografo professionista!
            p)Ovviamente no, il programma preferito e' PhotoPaint.
          • Anonimo scrive:
            Re: Fotocamere, Canon lascia la pellicol
            - Scritto da:

            - Scritto da:


            il negativo te lo puoi anche sviluppare tu....

            ...va be hai ragione se lo fai nello scantinato

            dubito che la qualità possa essere sto

            granchè

            Sono il fotografo di prima. Se per il fai da te
            intendi lo sviluppo del negativo in bianco e nero
            e relativa stampa, l'unica scelta praticabile e
            lo sviluppo e la stampa in casa,e quindi chiariamo al pivello che "lo scantinato" è la MIGLIOR soluzione ;)
            sviluppare il
            colore invece è più complicato, perchè è
            necessaria qualche precauzione in più, visto che
            la temperatura dei bagni deve essere precisa e
            costante inoltre i bagni stessi sono più tossici
            di quelli necessari al B/W. Non parliamo poi
            della stampa, l'esposizione della carta deve
            essere fatta al buio assoluto, poichè la carta
            colore e sensibile anche alla lampada gialloverde
            (o rossa),e poi lo smanettamento possibile è ben inferiore rispetto a quello che puoi fare col digitale, mentre col bianco e nero il divertimento e il risultato sono parificabili se non superiori (col tradizionale, per ora)[cut]
          • Anonimo scrive:
            Re: Fotocamere, Canon lascia la pellicol
            - Scritto da:
            il negativo te lo puoi anche sviluppare tu....
            ...va be hai ragione se lo fai nello scantinato
            dubito che la qualità possa essere sto
            granchèScusa, ma qual e' la tua esperienza in campo fotografico? Guarda che per il bianco e nero, quando ti sei fatto un po' di pratica, lo sviluppo casalingo ti da foto di qualita' molto migliore rispetto ai laboratori.
          • Anonimo scrive:
            Re: Fotocamere, Canon lascia la pellicol

            La cianotipia e le vecchie tecniche di stampa
            sono una gran ficata.. sono un fotografo e mi ci
            diverto un sacco, ma per quel che riguarda il
            lavoro il digitale ha sorpassato la pellicola da
            parecchio tempo, sia per la produttività, sia
            perchè ormai i laboratori in grado di sviluppare
            un negativo decentemente sono sempre più rari.vero
            Per i fanatici della pellicola.. sappiate che
            ormai quando andate a sviluppare un negativo,
            questo viene comunque acquisito con uno scanner
            (del lab o minilab) e viene stampato in digitale!questo i "fanatici della pellicola" lo sannoe infatti sono fanatici della pellicola PER IL BIANCO E NERO e si ARRANGIANO ;-)e tu lo sai, furbetto ^___^
          • Anonimo scrive:
            Re: Fotocamere, Canon lascia la pellicol

            , sia
            perchè ormai i laboratori in grado di sviluppare
            un negativo decentemente sono sempre più rari.infatti io mi faccio da me anche lo sviluppo, colore incluso, non mi fido di nessun altro... Ho provato a farmi da me anche i bagni di sviluppo e fissaggio (per bn), funzionano.La settimana scorsa ho sviluppato un rullo in "caffenol" (ca. 20g di caffé in polvere, 40 g soda, 1 litro d'acqua... dai 15' ai 30' dipende dalla pellicola). Funziona benissimo, provare per credere. Tra poco credo che comincerò a farmi da me anche le cornici, economicamente conviene considerati i risultati.Non ho una pagina web online con le mie foto. Mi considero un principiante e sono un po' timido. Il tempo che perderei a mettere un sito web preferisco passarlo a far foto e a stamparle. Se qualcuno vuol venirmi a trovare ora sto in Danimarca, a breve tornerò a Lucca.
        • Anonimo scrive:
          Re: Fotocamere, Canon lascia la pellicol
          - Scritto da:

          io mi sa sto un po' più avanti di voi... mi
          faccio da me carta fotografica e recentemente ho
          provato a fabbricare anche negativi in vetro (non
          è uno scherzo e non sono un
          troll)dacci qualche linkse non ce l'hai metti su un blogqui: www.splinder.com è gratis e magari metti su qualcosa di interessante da appassionatosu su, non ti perdere e aiuta!
          • Anonimo scrive:
            Re: Fotocamere, Canon lascia la pellicol


            dacci qualche linkmmm www.alternativephotography.org ? o .comwww.apug.orgsono i miei posti preferitipersonalmente non ho un sito web, vedi mia risposta al fotografo due righe più sotto la tuaciao
      • Anonimo scrive:
        Re: Fotocamere, Canon lascia la pellicol
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        mi compro chili di film e una camera oscura!

        ma qualcuno degli amanti del digitale ha mai
        provato a confrontare realmente la fotografia
        digitale con quella
        tradizionale.qui forse volevi metterci un punto di domanda
        per me la fotocamera tradizionale non si tocca.
        se riesco faccio come te.i confronti si fanno e si sono fattie si continua, anche in ricerca su stampa.e i risultati si raggiungono.
    • Anonimo scrive:
      Re: Fotocamere, Canon lascia la pellicol
      - Scritto da:
      mi compro chili di film e ...bravo, non scade mica eh? ;-)
      • Anonimo scrive:
        Re: Fotocamere, Canon lascia la pellicol

        bravo, non scade mica eh? ;-)Certo, ma c'è una ampia tolleranza che dipende dalle condizioni di conservazione. La prima pellicola BN che ho sviluppato per prova nel 2001 era una Efke scaduta nel '73 e conservata all'aria aperta. A parte la curvatura del negativo dovuta ai tanti anni passati nel rocchetto, nessun problema di sorta.CiaoFJF
Chiudi i commenti