LG svela l'N-Gage killer

Quando è chiuso ha tutto l'aspetto di un comune cellulare ma, quando viene aperto, si trasforma in una console da gioco capace di macinare 1 milione di poligoni al secondo. Si tratta di 3D Game-Phone, il nuovo cellulare/console di LG

Seoul (Corea del Sud) – “Il più veloce telefono cellulare 3D del pianeta”. Così LG descrive 3D Game-Phone, un nuovo super telefonino con cui il colosso coreano sembra intenzionato a sfidare l’N-Gage di Nokia.

LG afferma che 3D Game-Phone è il primo cellulare ad integrare un acceleratore grafico capace di macinare 1 milione di poligoni al secondo, una potenza definita “cinque volte superiore” a quella dei più diretti concorrenti. Per confronto, la PlayStation di prima generazione non supera i 360.000 poligoni al secondo e la nuova console portatile Nintendo DS si attesta intorno ai 120.000.

3D Game-Phone chiuso Tra i telefoni cellulari attualmente sul mercato, i più veloci non superano i 200.000 poligoni per secondo”, ha affermato LG in un comunicato. “Il nostro chip permette agli utenti di far girare giochi con una grafica 3D nettamente più realistica e dettagliata”.

Se è vero che sono ormai diversi i modelli di cellulare che integrano funzionalità 3D in hardware, è altrettanto vero che, ad oggi, sono pochissimi i produttori che hanno seguito le orme di Nokia lanciando dispositivi ibridi simili a N-Gage. Con 3D Game-Phone LG ha deciso di rompere gli indugi e sviluppare un gadget che, pur conservando tutte le caratteristiche di un comune telefono cellulare, non fa mistero della sua seconda anima: quella di console da gioco portatile.

3D Game-Phone aperto
Quando il suo guscio è chiuso, 3D Game-Phone assomiglia ad un tipico cellulare monoblocco; una volta aperto, però, il gadget si trasforma in una vera e propria console da gioco handheld che permette di giocare con due mani.

In aggiunta al joypad e ai tasti direzionali, il gingillo hi-tech di LG cela al proprio interno dei sensori di accelerazione che permettono di controllare un gioco inclinando il dispositivo avanti e indietro o a destra e sinistra.

3D Game-Phone ha due display LCD, entrambi a colori: quello interno, utilizzato anche per giocare, ha una risoluzione di 320 x 240 pixel e una dimensione di 2,2 pollici. Sul retro del cellulare è presente anche una fotocamera con sensore da 1,3 milioni di pixel.

Il dispositivo verrà commercializzato in Corea entro l’estate e, più avanti, dovrebbe raggiungere anche i mercati occidentali. Il prezzo a cui LG venderà il proprio cellulare, seppure ancora non rivelato, sarà piuttosto salato, e rifletterà la sua natura di prodotto di nicchia.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Re: Bollini? No grazie!
    amen fratello :|
  • Anonimo scrive:
    Bollini? No grazie!
    Ancora bollini? Non se ne puo piu'!Vivamo nell'era del bollino.Perche' c'e' gente che si ostina a NON capire che l'ccessibilita' non e' una questione di macchine e di bollini ma e' una questione di problemi e persone?Vanno bene le linee guida... a patto che siano abbastanza generiche da poter essere applicate usando il CERVELLO.Ma non venitemi a proporre anche il bollino della UE, quello del governo italiano e quelli dei supermercati: non li metto!Da anni sviluppo pagine accessibili prevalentemente a livello tripla A e mi rifiuto di riempire le mie pagine di bollini che le rendono inusabili e, a volte, perfino inaccessibili.Vogliamo fare qualcosa di serio per l'accessibilita'? Imponiamo ai produttori di software per disabili degli STANDARD, altrimenti e' solo un bel parlare e basta.Imponiamo, ad esempio, ai browser per non vedenti di rispettare i css per aural e di rilasciare delle versioni low-cost o free per sviluppatori, in modo che sia possibile testare le proprie pagine con tutti i prodotti.Impniamo a tutti i browser di rispettare gli standard del w3c, cosi' almeno ne guadagneremo in sicurezza, stabilita' e chiarezza.Formiamo persone che formino i futuri sviluppatori web e che discutano seriamente di accessibilita', senza storcere il naso e dire "ah beh si'... pero' e' inutile dai: la maggioranza dei miei visitatori sono persone NORMALI, le altre pazienza".Vivamo in un tempo in cui un cieco puo' alzarsi la mattina e leggere il giornale, consultare l'enciclopedia e fare la spesa.Un tempo in cui un uomo paralizzato puo' lavorare da casa ed essere indipendente.Un tempo che permette a tutti di essere davvero uguali e di non avere barriere.... a patto che alcuni (pochi in verita') rispettino una manciata di regole ed abbiano un po' di buon senso.Eppure stiamo a discutere di bollini.CoD
Chiudi i commenti