Libertà online, maxirisarcimento negli USA

Un giovanissimo studente è stato risarcito per oltre 100mila euro: la scuola lo aveva sospeso e censurato per alcune critiche pubblicate sul guestbook online dell'istituto
Un giovanissimo studente è stato risarcito per oltre 100mila euro: la scuola lo aveva sospeso e censurato per alcune critiche pubblicate sul guestbook online dell'istituto


Oceanport (USA) – “Mi auguro che questo episodio serva da lezione per chiunque pensi di intralciare la libertà di parola delle future generazioni”: è questo il commento, lapidario, rilasciato da Ryan Dwyer, studente di una scuola media nei pressi di New York, inconsapevolmente diventato un piccolo eroe del diritto d’espressione su Internet.

Nel 2003, la direzione della Maple Place School sospese dalle lezioni l’alunno Dwyer per punirlo di un insolita violazione alle regole scolastiche: il giovane aveva pubblicato alcune critiche rivolte agli insegnanti utilizzando il guestbook offerto dal sito web dell’istituto pubblico.

La mossa della Maple Place School scatenò immediatamente l’intervento di avvocati ed attivisti per le libertà civili . “La scuola dovrebbe incoraggiare la partecipazione democratica, il confronto ed il dialogo”, commenta il rappresentante legale del giovane Ryan, “invece in questo caso ha punito e censurato uno studente che intendeva semplicemente intervenire sulla cosa pubblica attraverso le proprie idee”.

Dopo due anni dall’inizio della diatriba in tribunale, un giudice federale della corte del New Jersey ha costretto la scuola a riconoscere a Dwyer un maxirisarcimento equivalente ad oltre 100mila euro: Dwyer, utilizzando i nuovi mezzi di comunicazione, aveva semplicemente esercitato il proprio diritto d’opinione e di pensiero.

Un diritto inalienabile, secondo la Costituzione degli Stati Uniti. Un diritto calpestato dall’amministrazione scolastica del New Jersey, che in tribunale si è difesa proiettando lo spettro dell’antisemitismo sui commenti scritti da Ryan Dwyer. “Accuse del tutto infondate che non sono state dimostrate”, dichiara il legale dello studente.

“E’ giusto che l’istituto colpevole di questa eclatante violazione dei diritti debba pagare una penale di queste dimensioni”, sostengono i portavoce di American Civil Liberties Union . Il governo degli Stati Uniti ha tardivamente espresso il proprio rammarico per lo spiacevole episodio, augurandosi che “il raggiungimento di questa intesa” possa sottolineare la “profonda amarezza per quanto accaduto”.

“Siamo felici che tutta questa storia sia finita”, dichiarano i genitori di Dwyer in un intervento pubblicato su USA Today . La cosa più inquietante, secondo quanto raccontato dal padre del giovane studente imbavagliato , è che “la scuola non ha mai fornito motivazioni ufficiali per quanto avvenuto”.

La Maple Place School è la seconda scuola del New Jersey a rimanere coinvolta nella censura online : il lato oscuro della censura è concentrata in una sola, piccola regione?

Tommaso Lombardi

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

08 11 2005
Link copiato negli appunti