Libri digitali con l'aspirapolvere

Da Google, uno scanner capace di voltare le pagine automaticamente

Quando i dipendenti di una azienda sono ben stimolati la loro produttività aumenta notevolmente. A tal proposito Google sembra aver scoperto la chiave del successo. Il colosso di Mountain View, infatti, ha deciso di “regalare” ai dipendenti il 20 per cento del proprio tempo lavorativo allo scopo di perseguire progetti personali direttamente in azienda. Ed è proprio durante questi momenti che l’ingegnere Dany Qumsiyeh, impiegato del dipartimento Google Books, ha progettato un scanner per libri in grado di funzionare in piena autonomia.

GoogleBookScanner

Il dispositivo è costituito da un corpo in metallo, sul cui piano alloggerà il libro, da una circuiteria interna e da un semplicissimo aspirapolvere impiegato allo scopo di isolare le singole pagine del libro. Uno scanner interno effettuerà la scansione fronte-retro di tutte le pagine. I tempi, al contrario di quanto si possa pensare, sono piuttosto contenuti: un libro da circa 1000 pagine richiede un tempo di 90 minuti e sono richiesti solo 40 secondi iniziali di preparazione.

Book Scanner è un progetto completamente open source. Pertanto, chiunque voglia cimentarsi nella costruzione può farlo seguendo istruzioni e video pubblicati dall’ideatore. Bisogna però tener presente che l’implementazione richiede un budget da 1500 dollari.

Il sistema attualmente è solo un prototipo, ma essendo open source, gli utilizzatori interessati potranno apportare ben presto dei miglioramenti sia dal punto di vista funzionale sia dal punto di vista del design.

(via The Verge )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Aniello Caputo scrive:
    ...
    ma che me ne frega a me di amd
  • Flipper scrive:
    Ragione
    Ragiona, ragiona bene e ha ragione: l'antirust negli States funziona.Ma è sparita la Cyrix da tempo, assorbita da altre aziende, e se adesso sparisce AMD, Intel rimane quasi monopolista sul mercato.E sappiamo che Intel non è certo un'azienda etica, a giudicare dai guai giudiziari negli anni, ultimo proprio a danno di AMD.Siamo paralizzati sul silicio da decenni ormai, con problemi di velocità e di inefficienza che portano a surriscaldamenti e necessità di dissipatori, talvolta più costosi della stessa cpu.Alla faccia dell'ecologia, dello sfruttamento delle risorse, del surriscaldamento globale e della crisi energetica.E naturalmente alla faccia nostra...
    • bancai scrive:
      Re: Ragione
      - Scritto da: Flipper
      Ragiona, ragiona bene e ha ragione: l'antirust
      negli States
      funziona.
      Ma è sparita la Cyrix da tempo, assorbita da
      altre aziende, e se adesso sparisce AMD, Intel
      rimane quasi monopolista sul
      mercato.
      E sappiamo che Intel non è certo un'azienda
      etica, a giudicare dai guai giudiziari negli
      anni, ultimo proprio a danno di
      AMD.
      Siamo paralizzati sul silicio da decenni ormai,
      con problemi di velocità e di inefficienza che
      portano a surriscaldamenti e necessità di
      dissipatori, talvolta più costosi della stessa
      cpu.
      Alla faccia dell'ecologia, dello sfruttamento
      delle risorse, del surriscaldamento globale e
      della crisi
      energetica.
      E naturalmente alla faccia nostra...in parte hai ragione però ora ci sono anche i chip arm che stanno andando alal grande grazie ad android e a linux, sia il costo di produzione che di licenza di questi ultimi è inferiore a quello di un x86 e quindi intel non può "lanciarsi" più di tanto...ps. l'acquisione di arm da parte di intel sarebbe piuttosto grave..
  • Ruttolo scrive:
    Samsung
    per me se mai se la compra qcuno è samsung. Se Intel restasse il solo produttore di CPU per gli utanti sarebbe un grosso problema... Intel contrinuerebbe a spremerci per bene, finché magari le CPU ARM saranno veloci piu o meno come Intel (e consumeranno meno).
  • Bancai scrive:
    Atom
    Perché non sono riusciti a vendere una cpu a basso consumo come l'atom a un prezzo concorrenziale e con prestazioni superiori? le cpu c50 c60 e c70 non mi hanno mai convinto (anche se la scheda video era superiore)
  • Enjoy with Us scrive:
    Amd paga anni di ritardi...
    Cavolo sono dall'epoca del pentium IV che non ci sono proXXXXXri AMD all'altezza, ora con il mercato PC in crisi visto l'aumento esponenziale di tablet e smartphone i nodi vengono al pettine, avesse fatto come nVidia ora la situazione sarebbe nettamente migliore, doveva buttarsi sul mobile...e Intel ha commesso lo stesso errore!
    • Ruttolo scrive:
      Re: Amd paga anni di ritardi...
      AMD forse si, Intel non credo, visto che è quasi monopolista delle CPU PC, ed e chiaro che da due tre anni le prestazioni non migliorano piu di tanto e i prezzi non scendono piu di tanto...
      • Enjoy with Us scrive:
        Re: Amd paga anni di ritardi...
        - Scritto da: Ruttolo
        AMD forse si, Intel non credo, visto che è quasi
        monopolista delle CPU PC, ed e chiaro che da due
        tre anni le prestazioni non migliorano piu di
        tanto e i prezzi non scendono piu di
        tanto...Intel rischia tantissimo con il non avere proXXXXXri mobili degni della concorrenza Risc, come numeri il mercato degli smartphone/tablet rischia di diventare 10 volte quello dei pc!
  • ottomano scrive:
    Non ho capito...
    ... se vendono o no a Facebook ;)Nicola
    • Ragiona scrive:
      Re: Non ho capito...
      A parte il titolo riciclato, non credo proprio che amd possa vendere ad Intel per via di una autorità detta antitrust. Questa non è una notizia, e questo non è un articolo giornalistico.
      • ... scrive:
        Re: Non ho capito...
        - Scritto da: Ragiona
        A parte il titolo riciclato, non credo proprio
        che amd possa vendere ad Intel per via di una
        autorità detta antitrust. Questa non è una
        notizia, e questo non è un articolo
        giornalistico.e il tuo sara' presto un non-commento. qui dentro la verita' non e' ben vista dal censore.
Chiudi i commenti