L'ICT schiaccia i piccoli

I grandi della net economy crescono e i piccoli stentano. Si crea un divario che ricalca il digital divide nord-sud. I numeri del Rapporto Assinform 2003 non lasciano spazio a dubbi


Roma – Le grandi imprese italiane della net economy stanno riuscendo a rafforzarsi mentre sono sempre di più le piccole che non riescono a stare al passo con l’innovazione. Un divario netto tanto quanto quello che divide nord e sud del paese quando si va agli investimenti in tecnologie.

Questo in estrema sintesi il profilo del mercato italiano dell’IT tracciato dal Rapporto Assinform 2003, appuntamento annuale con i numeri di un settore che non riesce più a dare e ottenere come in passato.

Il Rapporto evidenzia come non solo si sia concluso un ciclo espansivo ma anche che si è andati verso una flessione del mercato ICT (- 0,5 per cento) tanto contenuta quanto significativa. Va infatti paragonata alla crescita dell’8,3 per cento del 2001 e del 12,8 per cento del 2000.

A soffrire di più sono appunto i piccoli. Basti pensare che la piccola impresa ha investito in informatica 3.805 milioni (-5,2 per cento sull’anno prima), la media impresa 4650 milioni (-1,3 per cento) e la grande 10.761 (-0,8 per cento). Secondo Assinform si è dunque dinanzi ad un “digital divide oramai abnorme tra grandi e piccole imprese, che minaccia di precludere a queste ultime le più solide prospettive di crescita. Le imprese italiane con oltre 250 addetti sono 2651, ma assorbono il 56 per cento della domanda complessiva di IT, contro il 20 per cento degli oltre 4 milioni di imprese sino a 50 addetti”.

Secondo Assinform, le telecomunicazioni hanno generato nel 2002 un volume d’affari pari a 40.170 milioni di euro, in crescita di un modesto 0,4 per cento (contro l’8,5 del 2001 e il 12,9 del 2000). L’informatica si è invece attestata a quota 20.036 milioni, con una regressione del -2,2 per cento (contro una crescita dell’8 per cento nel 2001 e del 12,6 nel 2000).

“Anche l’andamento del primo trimestre del 2003 conferma l’arresto di un’espansione che ha caratterizzato l’ultimo decennio in Italia, cambiando gli stili di vita delle persone e il modo di lavorare delle aziende, grazie alla diffusione di decine di milioni di cellulari e di milioni di connessioni Internet – ha dichiarato ieri alla presentazione del Rapporto il presidente Assinform Giulio Koch – I vantaggi conseguiti dalle imprese che hanno investito e che continuano ad investire in ICT sono evidenti, così come è noto che nel settore operano oltre il 5 per cento degli occupati in Italia. Per il rilancio degli investimenti, a vantaggio della competitività del Sistema, servono nuove capacità di analisi e di proposta. Serve un nuovo Patto per l’Innovazione, che coinvolga imprese, autorità di Governo e i sistemi del credito e della formazione.”

Assinform non ha risparmiato critiche alle scelte di Governo che da un lato premiano l’e-government e dall’altro, con la Finanziaria, rischiano di rallentare la modernizzazione della pubblica amministrazione e del paese. “Una Finanziaria – spiega l’Associazione delle imprese del settore – che lascia molto a desiderare quanto alla selettività delle spese da tagliare e che penalizza gli investimenti ICT a scapito dell’efficienza del sistema”.


Più nel dettaglio, nel settore delle telecomunicazioni (apparati, terminali e servizi per reti fisse e mobili) si è registrato un volume d’affari per il 2002 di 40.170 milioni di Euro. Rispetto al 2001, quando le vendite si erano attestate a quota 40.025 milioni (+8,5 per cento), la crescita è stata del tutto trascurabile, pari allo 0,4 per cento.

Nella telefonia e internet, i servizi su rete fissa nel 2002 hanno superato quota 16.125 milioni, (+1,6 per cento) grazie alla spinta del traffico generato da Internet oramai vicino ai 3000 milioni, in crescita del 30 per cento sull’anno prima e oramai pari al 18,5 per cento dei servizi su rete fissa. Su rete mobile la crescita è del 9 per cento, a quota 14.240 milioni di euro.

Nell’IT, invece, la contrazione italiana ricorda quella di altri paesi europei: Francia – 1,4 per cento, Regno Unito -0,9 per cento, Spagna -1,7 per cento e Germania -5,3 per cento.

Nel 2002, le vendite di hardware, pari a 5375 milioni di euro, sono scese del 13,5 per cento (contro una crescita del 2,6 per cento nel 2001). Quelle dei servizi di assistenza tecnica, pari a 975 milioni sono risultate ancora in calo (- 4,2 per cento), mentre quelle di software e servizi, pari a 13.686 milioni sono cresciute del 3,3 per cento (ma contro l’11,8 per cento dell’anno prima).

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Gardner...
    ... ma vai a gardaland e contati quante aziende sfruttano vecchie release di windows senza pagare una licenza!Perche' mai un'azienda dovrebbe preoccuparsi degli intrippi di SCO.Il comportamento di SCO indica che e' proprio con l'acqua alla gola e presto sparira'.
    • Anonimo scrive:
      Re: Gardner...
      - Scritto da: Anonimo
      Il comportamento di SCO indica che e'
      proprio con l'acqua alla gola e presto
      sparira'.Probabilmente è vero che sparirà. Siccome, però, per il momento linux ha fatto più ferite a vendor tradizionalmente legati a Unix di quanto non ne abbia fatte a Microsoft, credo che di vendor Unix morenti che cercano di dare l'ultima zampata ne vedremo altre (uno potrebbe chiamarsi Sun?)
      • Anonimo scrive:
        Re: Gardner...
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Il comportamento di SCO indica che e'

        proprio con l'acqua alla gola e presto

        sparira'.

        Probabilmente è vero che sparirà. Siccome,
        però, per il momento linux ha fatto più
        ferite a vendor tradizionalmente legati a
        Unix di quanto non ne abbia fatte a
        Microsoft, credo che di vendor Unix morenti
        che cercano di dare l'ultima zampata ne
        vedremo altre (uno potrebbe chiamarsi Sun?)una canzone recitava: addiooooooo sogni di gloria addiooooooooooooooooooooooooo"Tu sogni, la peperonata la sera fa maleeeeeeeeeeeee
  • Anonimo scrive:
    Zio Bill ritratta
    RRRTO che ritratto!!!!Ci pensera' SCO a fare giustizia...In quanto a me non mi costa niente ritrattare!!!!ZioBill***RITRATTO, RITRATTO, RITRATTO, RITRATTO!!!!***- Scritto da: Anonimo
    rispondo alla
    punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=365102
    dell'anonimo ZioBill


    Perche' ti senti diffamato?

    perché io con Linux e gli altri strumenti ci
    lavoro.

    le tue accuse, leggibili su

    punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=364880

    sono infamanti.

    O le giustifichi o le ritratti


    io uso sia Microsoft sia (anche se meno)
    Linux.

    queste affermazioni riguardano te e me non
    interessano.

    Le tue affermazioni che mi riguardano in
    qualità di operatore informatico, invece,
    sono sottoponibiloi a giudizio come
    diffamatorie



    Se ho urtato la tua sensibilita', "scusa
    davvero",

    è una ritrattazione ?


    pero' ti ricordo che molti qui hanno
    urtato la mia,

    sono problemi tuoi. Non hai il diritto di
    coinvolgermi spalandomi addosso fango


    E non me la prendo, perche' e' nella
    natura di questi forum dileggiarsi a
    vicenda.

    i partecipanti di questo forum non sono al
    di sopra della legge


    Per il resto, credimi, e' veramente
    incredibile e fuori luogo
    che tu te la sia
    presa per quell'affermazione (che non posso

    ritrattare ne' smentire

    quindi non ritratti le tue affermazioni ?

    qui

    punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=364880

    hai affermato che una verita sta venendo a
    galla

    "Ora emerge che hanno scopiazzato a destra e
    a manca."

    _dove_ "emerge"?

    dove sono le prove che ti fanno dire una
    cosa come questa?

    Hai dato questa tua interpretazione come
    "verità in emersione",.

    Le accuse sono tue.
    La responsabilità pure


    Senza rancore,

    e senza smentita


    Scritto da: Anonimo



    - Scritto da: Ekleptical



    ottimo, così abbiamo tutti quello che



    vogliamo





    Che dire? Divertiti!



    ognuno lo fa, a suo modo

  • Anonimo scrive:
    ma a reloaded che programma usano?
    ... per disattivare il generatore di riserva di 27isolati cosa succede?La co-protagonista da una shell fa..# ssh 10.2.2.2 -l rootaho ma vuoi vedere?Matrixamente vostroElwood
  • Anonimo scrive:
    Windows denuncia OBLò
    microsoft fa una causacontro il notissimo e ormai desueto sistema operativo, nato dalla fervida mente di un italiano. la Microsoft dice: poichè per costruire tale sistema si ritiene che tra una finestra e un Oblò, non è che ci sia così tanta differenza!Ma a favore del vecchio sistema operativo scende in campo l'associazione proprietari di barche che risponde: l'oblò è un oblò mica una finestra.Chi la spunterà?corrispondente per PI: Guaz! il troll (troll)
  • Anonimo scrive:
    FACILE PRENDERSELA CON L'OPEN SOURCE
    VORREI SOLAMENTE APPLAUDIRE CHI CREDE DI ESSERE DIVERTENTE, MA PRIMA DI SCRIVERE OPINIONI DETTATE DA PAROLE AVETE MAI PROVATO A CONSTATARLE CON I FATTI? IO LAVORO CON LINUX DA QUANDO ERA POCO PIU' DI UN IDEA CONOSCO I SISTEMI UNIX E BUONA PARTE DEL CODICE CHE LI COMPONGONO TUTTI E DUE E FINO AD OGGI NON AVEVO MAI E DICO MAI RILEVATO NESSUNA "COPIA"VORREI AGGIUNGERE UNA COSA PER COLORO CHE SCRIVONO FAVOLETTE CHE L'INFORMATICA E' IN CONTINUA EVOLUZIONE E SE NON SI E' IN GRADO DI AGGIORNARSI PERCHE' EVIDENTEMENTE "TARATI" FORSE E' IL CASO DI CAMBIARE MESTIERE....DA PROGRAMMATORE E DA SVILUPPATORE DI SISTEMI BASATI SUL KERNEL SOTTO ACCUSA POSSO SOLO AGGIUNGERE DEI DATI.25 AZIENDE 79 SISTEMI OPERATIVI LINUX INSTALLATI TUTTI I CLIENTI SODDISFATTIE NON MI FERMERO QUI..... (LINUX) (LINUX)
  • Anonimo scrive:
    una favoletta piena di morale....
    Qualcuno si chiede come mai la strenua difesa dei sistemi closed source, da parte di "neutrali" oppositori, che non hanno interessi, come ad esempio avrebbe Redmond, o l'azienduccia di Steve Jobs. Quello che a molti sfugge, che probabilmente qualcuno è neutrale fino ad un certo punto, anche se economicamente, dalla questione (w il closed source) non ci guadagna niente. Da dove questa considerazione? Facciamo un esempio: C'era una volta in un Ced Perso in un boschetto fatato, c'era un responsabile C.E.D, questo responsabile, viveva felice e beato nel suo piccolo regno, fatto di windows 2000 server e di molti client aziendali, 98 se o Me, una mattina, in un Ced, che si trovata lì vicino, presso la collina delle margherite, l'amministratore delegato dell'azienda del principe azzurro, decide di ricapitallizare, e di tagliare i rami, morti... chiama un consulente informatico, che gli dice: "amico mio tu spedi troppo in licenze d'uso, spendi troppo per servizi, che trovi gratis ormai, perchè spendere fior di milioni tra licenze, mainframe miliardari, e cluster, pagati a peso d'oro? Metti linux? L'amministratore, delegato gli rispnde: ma il mio sistemista, non ne sa niente, e niente ne vuole sapere di linux, e il consulente informatico gli risponde, o si adegua o lo licenzi. In questo caso, alla fine il Responsabile C.E.D della collina delle Margherite, non volendosi adattare, perchè l'altro sistema closed source, era taaanto agevole, e non volendo cominciare a lavorare sodo, per il C.E.D. viene licenziato. Il responsabile C.E.D, del boschetto fatato pensa: " e se succedesse a me? che non so nemmeno come funziona? Finirei come il collega della collina delle margerite? No! Abbasso il sistema Opensource, abbasso linux, abbasso i sistemi gratis, Rivoglio il mio felice angolettooooooooo! Morale: quando va a fuoco la casa del vicino, porta l'acqua a casa tua. HanseleGretelmente Vostro Elwood
  • Anonimo scrive:
    Gartner group ha detto di andarci piano
    Visto come NON si sono avverate TUTTE le loro previsioni relativa a quella che loro chiamavano NEW ECONOMY io, fossi in Red Hat, IBM ecc dormirei sonni trnquilli.Alle previsioni del Gartner Group credono solo quelli della Bocconi :-DCla
  • Anonimo scrive:
    [OT] Ho provato linux2 x un troll
    OT] Re: [OT] Ho provato linux.... di Utente non registrato del 27/05/03 (10:16)

    Cosa devo dire, ho pontificato molto qui

    contro Linux,
    e bravo coglione, criticavi senza conoscere?
    mah... Sei una testa di cazzo...C'e' poco da dire...I cretini come te mi fan passare la voglia, non voglio manco perdere il tempo a risponderti....Ti dico solo che si vede proprio che nella tua vita sei sempre stato e resterai un nullo sfigato.Sono le persone come te, con l'approccio "liberale" e "intelligente" come il tuo che allontanano quelli come me che fanno VERO business da Linux.Quelli come te sono cosi stupidi da non capire neanvhe quando gli si fanno dei complimenti.Me li riprendo e ti mando cordialmente a quel paese.

    E' arrivato il momento che "attacco" PHP...
    congiuntivi? Scusa, laureato alla Crusca...Traduco per sua intelligenza.E' arrivato il momento che inizio a lavorare su PHP, mi diverte.Se anche gente sfigata come te ci riesce a fare qualche cosa puo' essere che io ci riesco a fare cose abbastanza remunerative e fighe....
  • Anonimo scrive:
    Dove sono i Linuxari?
    Mi ricordo, qualche anno fa, quando J.Penfold Jackson dava del filo da torcere a Gates e soci con la causa antitrust.Tutti a godere che "dividessero Microsoft" e a godere che Gartner suggeriva di esssere prudente ad utilizzare i prodotti WIndows.Oggi i guai possono averceli coloro che useranno Leenooz in azienda, e guarda caso Gartner sconsiglia di mettere servizi importanti su Open Source. E sono solo, la stessa Gartner in un altro bollettino constestuale, consiglia tutti coloro che vogliono rispariamare a usare Win2003.Che debbo dire, a vedere 'sti linuxari religiosi, ora godo io. Sto in finestra e rido.. :-)(win)
    • Anonimo scrive:
      Re: Dove sono i Linuxari?
      - Scritto da: Anonimo
      Mi ricordo, qualche anno fa, quando
      J.Penfold Jackson dava del filo da torcere a
      Gates e soci con la causa antitrust.
      Tutti a godere che "dividessero Microsoft" e
      a godere che Gartner suggeriva di esssere
      prudente ad utilizzare i prodotti WIndows.

      Oggi i guai possono averceli coloro che
      useranno Leenooz in azienda, e guarda caso
      Gartner sconsiglia di mettere servizi
      importanti su Open Source. E sono solo, la
      stessa Gartner in un altro bollettino
      constestuale, consiglia tutti coloro che
      vogliono rispariamare a usare Win2003.

      Che debbo dire, a vedere 'sti linuxari
      religiosi, ora godo io. Sto in finestra e
      rido.. :-)


      (win)Bè che hai da ridere?Se qualche parte di codice, ed è tutto da dimostrare, è coperta da copyright verrà riscritta ex novo.Certo bisognerà dimostrare il plagio e sarà un processo lungo ma forse proprio chi vede in Linux un pericolo reale spera che questa storia vada avanti il più a lungo possibile.Personalmente lo uso e continuerò ad usarlo.Grunch
    • Anonimo scrive:
      Re: Dove sono i Linuxari?
      - Scritto da: Anonimo
      Mi ricordo, qualche anno fa, quando
      J.Penfold Jackson dava del filo da torcere a
      Gates e soci con la causa antitrust.
      Tutti a godere che "dividessero Microsoft" e
      a godere che Gartner suggeriva di esssere
      prudente ad utilizzare i prodotti WIndows.Nessuno divide linux. Torvalds continua il suo lavoro, e i brevetti di SCO in europa valgono come l'aria che respiri (un po' meno, se abiti in montagna, un po' di più, se abiti a Milano).

      Oggi i guai possono averceli coloro che
      useranno Leenooz in azienda, e guarda caso
      Gartner sconsiglia di mettere servizi
      importanti su Open Source.Sei un ignorante. Open Source è una cosa molto più enorme del singolo progetto linux. Freebsd non è molto diversa, per esempio.
      Che debbo dire, a vedere 'sti linuxari
      religiosi, ora godo io. Sto in finestra e
      rido.. :-)
      E sei un utontarello ignorante.
  • Anonimo scrive:
    ancora sulla DENUNCIA. Ritratti?
    spondo alla http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=365102dell'anonimo ZioBill
    Perche' ti senti diffamato? perché io con Linux e gli altri strumenti ci lavoro. le tue accuse, leggibili suhttp://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=364880sono infamanti.O le giustifichi o le ritratti
    io uso sia Microsoft sia (anche se meno) Linux. queste affermazioni riguardano te e me non interessano.Le tue affermazioni che mi riguardano in qualità di operatore informatico, invece, sono sottoponibiloi a giudizio come diffamatorie
    Se ho urtato la tua sensibilita', "scusa davvero", è una ritrattazione ?
    pero' ti ricordo che molti qui hanno urtato la mia, sono problemi tuoi. Non hai il diritto di coinvolgermi spalandomi addosso fango
    E non me la prendo, perche' e' nella natura di questi forum dileggiarsi a vicenda.i partecipanti di questo forum non sono al di sopra della legge
    Per il resto, credimi, e' veramente incredibile e fuori luogo
    che tu te la sia presa per quell'affermazione (che non posso
    ritrattare ne' smentirequindi non ritratti le tue affermazioni ?quihttp://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=364880hai affermato che una verita sta venendo a galla"Ora emerge che hanno scopiazzato a destra e a manca."_dove_ "emerge"?dove sono le prove che ti fanno dire una cosa come questa?Hai dato questa tua interpretazione come "verità in emersione",.Le accuse sono tue. La responsabilità pure
    Senza rancore,e senza smentitaScritto da: Anonimo

    - Scritto da: Ekleptical


    ottimo, così abbiamo tutti quello che


    vogliamo



    Che dire? Divertiti!

    ognuno lo fa, a suo modo
  • Anonimo scrive:
    SCO -
    Closed Source Org.?
    Che strano, semplicemente permutando le prime due lettere guardate un po' che viene fuori... : :PClosed Source Org.ROFL ROFL ROFL
  • Anonimo scrive:
    Italian Linux Society contro SCO italia?
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo

    "LinuxTag minaccia azioni legali contro
    SCO

    Germania"




    http://www.linuxdesktop.it/article.php?sid=47



    annamo bene :-)

    in effetti è questa la risposta che deve
    essere fornita al bluff di SCO

    SCO inquina un mercato con le sue manovre
    sporche?

    Facciamogliela pagare cara, subito.
    Concordo, perchè non fare la stessa cosa in italia:L'organizzazione ILS (Italian Linux Society) http://www.linux.it/ILS/ con l'aiuto di qualche azienda pro linux potrebbe fare una cosa analoga ?The SCO Group Italia SrlCentro Direzionale LombardoVia Roma, 10820060 Cassina de' Pecchi (MI)Tel. +39 02 9510231Fax +39 02 9516394
    • nop scrive:
      Re: Italian Linux Society contro SCO italia?

      L'organizzazione ILS (Italian Linux Society)
      http://www.linux.it/ILS/ con l'aiuto di
      qualche azienda pro linux potrebbe fare una
      cosa analoga ?Giusto per sapere ... quale sarebbe l'accusa mossa a SCO Italia?
    • FDG scrive:
      Re: Italian Linux Society contro SCO italia?
      - Scritto da: Anonimo
      L'organizzazione ILS (Italian Linux Society)
      http://www.linux.it/ILS/ con l'aiuto di
      qualche azienda pro linux potrebbe fare una
      cosa analoga ?Aziende che offrono soluzioni basate su linux potrebbero valutare la cosa se SCO inviasse le famigerate lettere anche ad aziende italiane. Qualcuno ha notizia di ciò?
  • FDG scrive:
    SCO fa concorenza sleale?
    La tedesca LinuxTag ha minacciato SCO di portarla in tribunale per concorrenza sleale se non chiarisce le sue accuse in merito a linux.http://www.linuxdesktop.it/article.php?sid=476Beh, spedire lettere in giro sostenendo che linux è illegale e poi non dire perché, ha tutta l'aria di essere solo una tattica commerciale basata su una campagna denigratoria.Ricordo sempre l'importante documento di OSI in merito alle pretese di SCO:http://www.opensource.org/sco-vs-ibm.html
    • Anonimo scrive:
      Re: SCO fa concorenza sleale?
      - Scritto da: FDG
      La tedesca LinuxTag ha minacciato SCO di
      portarla in tribunale per concorrenza sleale
      se non chiarisce le sue accuse in merito a
      linux.

      http://www.linuxdesktop.it/article.php?sid=47

      Beh, spedire lettere in giro sostenendo che
      linux è illegale e poi non dire perché, ha
      tutta l'aria di essere solo una tattica
      commerciale basata su una campagna
      denigratoria.

      Ricordo sempre l'importante documento di OSI
      in merito alle pretese di SCO:

      http://www.opensource.org/sco-vs-ibm.htmlMah...!!! Mi sembra strano...pensavo che l'articolo di PI fosse loquacemente chiaro in merito alle accuse mosse da SCO...Forse sarebbe bene rileggere l'articolo...
    • Ekleptical scrive:
      Re: SCO fa concorenza sleale?
      - Scritto da: FDG
      La tedesca LinuxTag ha minacciato SCO di
      portarla in tribunale per concorrenza sleale
      se non chiarisce le sue accuse in merito a
      linux.

      http://www.linuxdesktop.it/article.php?sid=47SCO non è obbligata da nessuno a tirar fuori i suoi motivi, coperti da segreti industriali, al di fuori delle aule giudiziarie.E' una causa persa in partenza, quella di LinuxTag.C'è così tanta gente pronta a buttare soldi arricchendo gli avvocati, ultimamente?
      • Anonimo scrive:
        Re: SCO fa concorenza sleale?
        - Scritto da: Ekleptical
        - Scritto da: FDG

        La tedesca LinuxTag ha minacciato SCO di

        portarla in tribunale per concorrenza
        sleale

        se non chiarisce le sue accuse in merito a

        linux.




        http://www.linuxdesktop.it/article.php?sid=47

        SCO non è obbligata da nessuno a tirar fuori
        i suoi motivi, coperti da segreti
        industriali, al di fuori delle aule
        giudiziarie.
        E' una causa persa in partenza, quella di
        LinuxTag.questa è una tua valutazioneInvece credo che si stiano preparando a riscuotere la propria parte quando verrà il momento di frazionare sco qualora sia perdente contro IBM o quando decideranno di rilevarlaE il fatto che si sia fatta già avanti una firm tedesca è indicativo.
        C'è così tanta gente pronta a buttare soldi
        arricchendo gli avvocati, ultimamente?tipo quando si vuol conto delle affermazioni dei diffamatori?
    • Anonimo scrive:
      Re: SCO fa concorenza sleale?
      Dalle voci che ci sono in giro e sono quasi portato a crederlo sembra che Sco sia economicamente in pessime acque e questo sia solo un estremo tentativo di farsi comprare da IBM
  • Anonimo scrive:
    Grande Raymond
    Questa sua raccolta di "fortune cookies" sulla liberta` e` semplicementemagnifica. Uno schiaffo morale a tutti i sepolcri imbiancati falsi democraticie liberali, di cui i media e le istituzioni, per nostra disgrazia, sono pieni.http://catb.org/~esr/fortunes/rkba.htmlMeditate, gente, meditate...
  • Anonimo scrive:
    [OT] Windows o Linux?
    Ma perchè non si mette in piedi un bel forum che parli di pregi e difetti dei due OS. Bastano quattro sezioni:1. Windows: pro2. Windows: contro3. Linux: pro4. Linux: contro così tutti se ne possono fare un'idea.Però, se ci penso, me lo vedo come un forum pieno di gente che si insulta, con quattro gatti che cercano il dialogo equilibrato.Che tristezza.ps. se mi volete denunciare il mio IP è 127.0.0.1
    • Anonimo scrive:
      Re: [OT] Windows o Linux?

      ps. se mi volete denunciare il mio IP è
      127.0.0.1a!!!!! anke il mio!!!!!! speriamo ke non denuncino ancke me.... ce uso linuz.... :-)
  • Anonimo scrive:
    Monaco ha scelto Linux
    Anche la SPD dopo i Verdi hanno dato il loro appoggio alla mozione che causera' l'upgrade di decine di migliaia di desktop / notebook e servers da NT4 a Linux.http://www.heise.de/newsticker/data/anw-26.05.03-004/Domani l'ufficializzazione nel consiglio comunale - e tuttocio' nonostante la visita di Balmmer (Microsoft ) al sindaco con sconti - da buon venditore di tappeti - fino al 90%......
    • Anonimo scrive:
      Re: Monaco ha scelto Linux
      se avessi letto i titoli dei commenti ti saresti accorto che lo sappiamo già
    • Anonimo scrive:
      Re: Monaco ha scelto Linux
      - Scritto da: Anonimo
      Anche la SPD dopo i Verdi hanno dato il loro
      appoggio alla mozione che causera' l'upgrade
      di decine di migliaia di desktop / notebook
      e servers da NT4 a Linux.

      http://www.heise.de/newsticker/data/anw-26.05

      Domani l'ufficializzazione nel consiglio
      comunale - e tuttocio' nonostante la visita
      di Balmmer (Microsoft ) al sindaco con
      sconti - da buon venditore di tappeti - fino
      al 90%......Chissà adesso quanto spenderanno in formazione e supporto tecnico...hmm... il 90% in più?Ehehe...nOra
      • Anonimo scrive:
        Re: Monaco ha scelto Linux

        Chissà adesso quanto spenderanno in
        formazione e supporto tecnico...hmm... il
        90% in più?Ma tu l'hai mai REALMENTE provato Linux?
        • Anonimo scrive:
          Re: Monaco ha scelto Linux
          - Scritto da: Anonimo

          Chissà adesso quanto spenderanno in

          formazione e supporto tecnico...hmm... il

          90% in più?

          Ma tu l'hai mai REALMENTE provato Linux?... anche se cosi' fosse, i soldi spesi resterebberoin loco e non prenderebbero il volo verso Redmond.Un'amministrazione pubblica seria deve prendere inconsiderazione anche questo aspetto.E poi, la formazione per far funzionare i server Microsofte' gratis? C'e' mica chi sostiene che un server Microsoftstia in piedi senza bisogno di gente con le palle che li configurino come si deve?
          • Anonimo scrive:
            Re: Monaco ha scelto Linux
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo


            Chissà adesso quanto spenderanno in


            formazione e supporto tecnico...hmm...
            il


            90% in più?



            Ma tu l'hai mai REALMENTE provato Linux?

            ... anche se cosi' fosse, i soldi spesi
            resterebbero
            in loco e non prenderebbero il volo verso
            Redmond.
            Un'amministrazione pubblica seria deve
            prendere in
            considerazione anche questo aspetto.

            E poi, la formazione per far funzionare i
            server Microsoft
            e' gratis? C'e' mica chi sostiene che un
            server Microsoft
            stia in piedi senza bisogno di gente con le
            palle che li configurino come si deve?Certo che c'è.... Qualcuno pensa che per gestire un server MS basti una scimmietta capace di cliccare in giro.... Salvo poi dare la colpa agli 'amministratori incompetenti' quando saltano fuori i vari SQL Slammer....
          • Anonimo scrive:
            Re: Monaco ha scelto Linux
            vaglielo a spiegare gentilmente pure tu al ministro stancacaro sindaco di MonacoBirrescamente tuoElwood
      • Anonimo scrive:
        Re: Monaco ha scelto Linux
        - Scritto da: Anonimo

        e servers da NT4 a Linux.

        ...

        di Balmmer (Microsoft ) al sindaco con

        sconti - da buon venditore di tappeti -

        fino al 90%......

        Chissà adesso quanto spenderanno in
        formazione e supporto tecnico...hmm... il
        90% in più?
        Ehehe...Non e' importante secondo me.Il nocciolo della questione si riduce all'essersi liberati di un monopolio.La Germania potra' anche sependere molto piu' di quanto avrebbe risparmiato adottando Windows, resta comunque il fatto che:Si e' liberata da un monopolio, come dicevo. In futuro tutti i suoi documenti saranno registrati in formati aperti e accessibili a tutti e non solo agli utenti Findus. Non saranno piu' obbligati ad upgradare forzatamente alle nuove versioni di Office e altri programmi del backoffice. Avranno i sorgenti e si potranno fare qualsiasi modifica e personalizzazione pagando programmatori e tecnici locali creando posti di lavoro locali.Tutti gli investimenti futuri intorno a Linux anche se potranno essere superiori a cio' che avrebbero fatto con Windows, saranno comunque fatti all'interno della Germania, tra l'altro adotteranno la SUSE Linux che e' una delle migliori distribuzioni al mondo di un'azienda tedesca. Non un dico un ?cent andra' fuori dalla Germania (e dall'Europa) ad ingrassare una multinazionale americana, incidendo sul deficit e aumentando il debito per improtazioni di prodotti IT.Non e' essere anti-americani, non e' essere nazionalisti, non e' neppure essere tirchi.E' essere intelligenti!!!--Ciao. Mr. Mechano
        • Anonimo scrive:
          Re: ahia ahia il monopolio

          Non e' importante secondo me.
          Il nocciolo della questione si riduce
          all'essersi liberati di un monopolio.onestamente più del monopolio di un so mi preoccuperei di ben altri monopoli, la gente si ferma a queste pagliuzze enon vede il trave su cui si sono seduti (e grazie non hanno gli occhi li), sono anni ormai che a parte qualche ridimensionamento i costi delle tariffe dei cellulari non si abbassano come mai e di concorrenza ce ne a iosa, vogliamo parlare della liberalizzazione dei carburanti, avete mai assistito, data la grande quantita di società petrolifere, ha repentini abbasamenti di prezzo, vogliamo parlare del costo delle assicurazioni, gli abbasamenti li ottieni solo se ti fai la solita assicurazione telefonica o via internet, ma in genere ogni società assicurativa a la sua controparte online, e invece di discutere di queste attivita di cartello parliamo di un so, si a monaco adotteranno linuzzo, risparmieranno sulle licenze di winno, ma finiranno nelle ben più avide mani di sviluppatori e societa di consulenza linara che sara un so open ma le consulenze son dolori.
          • Anonimo scrive:
            Re: ahia ahia il monopolio. davvero!
            - Scritto da: Anonimo


            Non e' importante secondo me.

            Il nocciolo della questione si riduce

            all'essersi liberati di un monopolio.

            onestamente più del monopolio di un so mi
            preoccuperei di ben altri monopoli,forse sei malato di "benaltrismo"?quando c'è un problema va affrontato, non ignorato
            la gente
            si ferma a queste pagliuzze per te saranno pagliuzzema microsoft ci ha perso un processo da cui ne è uscita con la "fedina" sporca
          • Anonimo scrive:
            Re: ahia ahia il monopolio
            - Scritto da: Anonimo
            ...
            hanno gli occhi li), sono anni ormai che a
            parte qualche ridimensionamento i costi
            delle tariffe dei cellulari non si abbassano
            come mai e di concorrenza ce ne a iosa,
            vogliamo parlare della liberalizzazione dei
            carburanti, avete mai assistito, data la
            grande quantita di società petrolifere, ha
            repentini abbasamenti di prezzo, vogliamo
            parlare del costo delle assicurazioni, gli
            abbasamenti li ottieni solo se ti fai la
            solita assicurazione telefonica o via
            internet, ma in genere ogni società
            assicurativa a la sua controparte online, eSono tutti argomenti interessanti che trattano di problemi importanti. Ma sinceramente nominarli qui e adesso mi pare un po' OT e fuorviante. Io mi focalizzerei solo sul problema della P.A. bavarese e di questa scelta.
            invece di discutere di queste attivita di
            cartello parliamo di un so, si a monaco
            adotteranno linuzzo, risparmieranno sulle
            licenze di winno, ma finiranno nelle ben più
            avide mani di sviluppatori e societa di
            consulenza linara che sara un so open ma le
            consulenze son dolori.La consulenza e' una cosa, l'aggiornamento del software e la modificabilita' e' un'altra.La consulenza Linux o Win la ottieni da qualsiasi azienda della tua citta'/provincia. La consulenza Linux o Win non ha differenza di prezzo, perche' si paga comunque in ore-uomo o con contratti di assistenza all-inclusive annuali, semestrali o altro.La velocita' di aggiornamento di bachi e aggiunta di nuove funzioni e' piu' rapida e trasparente con l'open source.La disponibilita' dei sorgenti e' una cosa assolutamente senza prezzo, cosa che con Win non avrai mai.E anche per bug o nuove feature con Win aspetti Microsoft e paghi la nuova versione o installi la patch (e preghi), con Linux la soluzione ai bug e' rapida e le nuove feature se non puoi aspettarne una implementazione da parte del team che sviluppa quel software, ne chiedi un preventivo a ditte locali per fartelo ritagliare su misura. --Ciao. Mr. Mechano
    • Anonimo scrive:
      Re: Monaco ha scelto Linux
      - Scritto da: Anonimo
      Anche la SPD dopo i Verdi hanno dato il loro
      appoggio alla mozione che causera' l'upgrade
      di decine di migliaia di desktop / notebook
      e servers da NT4 a Linux.

      http://www.heise.de/newsticker/data/anw-26.05

      Domani l'ufficializzazione nel consiglio
      comunale - e tuttocio' nonostante la visita
      di Balmmer (Microsoft ) al sindaco con
      sconti - da buon venditore di tappeti - fino
      al 90%......tra dire ed il fare ce di mezzo un mare di soldi da spendere ehhehehhehhhehehehhehehhehehehhehche dire vedremo il primo fallimento di un principato ad opera di linazozzo
      • Anonimo scrive:
        Re: Monaco ha scelto Linux
        - Scritto da: Anonimo
        tra dire ed il fare ce di mezzo un mare di
        soldi da spendere
        ehhehehhehhhehehehhehehhehehehheh
        che dire vedremo il primo fallimento di un
        principato ad opera di linazozzo ^^^^^^^^^Monaco di Baviera e non Principato di Monaco
        • Anonimo scrive:
          Re: Monaco ha scelto Linux
          - Scritto da: Anonimo
          - Scritto da: Anonimo


          tra dire ed il fare ce di mezzo un mare di

          soldi da spendere

          ehhehehhehhhehehehhehehhehehehheh

          che dire vedremo il primo fallimento di un

          principato ad opera di linazozzo
          ^^^^^^^^^

          Monaco di Baviera e non Principato di
          Monaco
          infatti come vedi usare sistemi linuzzo mi caggiona ogni sorta di problemi anche di scrittura ma tanto domani torno a winxp.
          • Anonimo scrive:
            Re: Monaco ha scelto Linux

            infatti come vedi usare sistemi linuzzo mi
            caggiona ogni sorta di problemi anche di
            scrittura ma tanto domani torno a winxp.Uno che non distingue da Monaco di Baviera al Pincipato di Monaco deve proprio usare WinXP...... di più un gliela fa.
          • Anonimo scrive:
            Re: Monaco ha scelto Linux
            - Scritto da: Anonimo

            infatti come vedi usare sistemi linuzzo mi

            caggiona ogni sorta di problemi anche di

            scrittura ma tanto domani torno a winxp.

            Uno che non distingue da Monaco di Baviera
            al Pincipato di Monaco deve proprio usare
            WinXP...... di più un gliela fa.e no sono gli influssi maligni di linuz a generare questi errori, su winxp a voglia di realizza la fusione fredda.
      • Anonimo scrive:
        Re: Monaco ha scelto Linux
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Anche la SPD dopo i Verdi hanno dato il
        loro

        appoggio alla mozione che causera'
        l'upgrade

        di decine di migliaia di desktop /
        notebook

        e servers da NT4 a Linux.




        http://www.heise.de/newsticker/data/anw-26.05


        tra dire ed il fare ce di mezzo un mare di
        soldi da spendere
        ehhehehhehhhehehehhehehhehehehheh
        che dire vedremo il primo fallimento di un
        principato ad opera di linazozzo ^^^^^^^^^Non hai neanche provato a visitare il sito .Non sai che l'estensione .de si riferisce a siti tedeschi.Sei un TROLL
        • Anonimo scrive:
          Re: Monaco ha scelto Linux
          - Scritto da: Anonimo
          - Scritto da: Anonimo



          - Scritto da: Anonimo


          Anche la SPD dopo i Verdi hanno dato il

          loro


          appoggio alla mozione che causera'

          l'upgrade


          di decine di migliaia di desktop /

          notebook


          e servers da NT4 a Linux.








          http://www.heise.de/newsticker/data/anw-26.05





          tra dire ed il fare ce di mezzo un mare di

          soldi da spendere

          ehhehehhehhhehehehhehehhehehehheh

          che dire vedremo il primo fallimento di un

          principato ad opera di linazozzo
          ^^^^^^^^^

          Non hai neanche provato a visitare il sito .
          Non sai che l'estensione .de si riferisce a
          siti tedeschi.
          Sei un TROLLpeggio invece di fallire il principato fallisce direttamente un intera citta linuzozzo e veramente deleterio, poveracci, ma aìcomunque quando avranno bisogno BILL si commuovera e con un ampio gesto della mano trasformera l'acqua malsana linuzozzo, in del buon vino win.
      • Anonimo scrive:
        Re: Monaco ha scelto Linux
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Anche la SPD dopo i Verdi hanno dato il
        loro

        appoggio alla mozione che causera'
        l'upgrade

        di decine di migliaia di desktop /
        notebook

        e servers da NT4 a Linux.




        http://www.heise.de/newsticker/data/anw-26.05



        Domani l'ufficializzazione nel consiglio

        comunale - e tuttocio' nonostante la
        visita

        di Balmmer (Microsoft ) al sindaco con

        sconti - da buon venditore di tappeti -
        fino

        al 90%......
        tra dire ed il fare ce di mezzo un mare di
        soldi da spenderecosì sarebbe se avesse prevalso la soluzione di Microsoft
        ehhehehhehhhehehehhehehhehehehheh
        che dire vedremo il primo fallimento di un
        principato ad opera di linazozzonon si tratta del Principato di Monaco.Sembra che tu non abbia neanche capito ciò di cui si parla
  • Anonimo scrive:
    Boh?
    Ma a parte le guerre di religione Linux vs. W*****s, a me sembra impossibile mettere codice sorgente sotto copyright. Dato un problema, esiste una soluzione ottimale a quel problema: e chi ci arriva per primo la "brevetta"? Anzi, diciamola tutta, a me sembra impossibile che esista una cosa come il copyright: è un insulto all'umanità, un'ammissione di inciviltà senza paragoni ... bah .. che amarezza :O(depressione = 0xffffffff;while (depressione){ printf("BLAAAAAAHn");}
    • Ekleptical scrive:
      Re: Boh?

      Anzi, diciamola tutta, a me
      sembra impossibile che esista una cosa come
      il copyright: è un insulto all'umanità,
      un'ammissione di inciviltà senza paragoniTi sfugge che il pease più ricco del mondo è quello che il copyright l'ha praticametne inventato, scrivendolo direttamente nel codice genetico della nazione, alla sua fondazione?Credi che sia un caso che i paesi che il copyright non lo rispettano manco per niente e che hanno fatto della conoscenza diffusa espropriata parte integrante del sistema economico, siano rigorosametne morti di fame?Forse che ci sia un'interrelazione fra queste due cose? Umm....
      • Anonimo scrive:
        Re: Boh?
        si, è vero, e credimi, non lasciarti ingannare da questi open sorciari, la terra è piatta, e fatta come un enorme frittata, e se vai oltre il bordo cadi e ti fai male!Ma il mondo va avanti ugualmente, io ho già i miei sogni premonitori, e sono certo che in un futuro l'uomo costruirà cose sempre più grandi e alte, anzi, un giorno costruirà persino una torre così alta che riuscirà ad arrivare fino alla luna!L'unico guaio è che la luna e il sole non stanno fermi, ma continuano a girare... (si, sono loro che girano!).Anzi, sai cosa ti dico? Quasi quasi brevetto le miei idee!
        • Anonimo scrive:
          Re: Boh?
          - Scritto da: Anonimo
          si, è vero, e credimi, non lasciarti
          ingannare da questi open sorciari, la terra
          ...
          Ma il mondo va avanti ugualmente, io ho già
          i miei sogni premonitori, e sono certo che
          in un futuro l'uomo costruirà cose sempre
          più grandi e alte, anzi, un giorno costruiràChi detiene copyright non si difende dalla copia, ma semplicemente deruba chi non ne ha e/o gli impedisce di crescere.Immagina un abitante di un paese povero che deve costruire una casa e oltre ai materiali e la manodopera deve anche pagare le idee di muri e finestre.Oltre al costo del cemento, degli attrezzi, e del lavoro dell'uomo, una fantomatica azienda potra' chiedermi soldi perche' ha brevettato il concetto di muro perimetrale, o di finestra rettangola o di infisso. Cosi' oltre al gia' alto costo di materiali e manodopera mi ritrovo a pagare anche cose che dovrebbero far parte della conoscenza dell'umanita' ossia il concetto di muro e finestra (tonda o quadrata che sia).Se sostituisci gli elementi impastatrice, picozza ecc. con PC, compilatori e tool di sviluppo, e la manodopera dei muratori con quella degli operai, ti accorgerai come ti ritroverai davanti al dover pagare anche gli algoritmi piu' semplici come il bubble sort, e tante altre tecniche di programmazione che dovrebbero invece essere di pubblico dominio, conoscenza acquisita dall'umanita come parte insita nel suo progresso.E invece l'USA e altri stati occidentali hanno brevettato e fanno pagare anche solo per questi concetti.Il software libero non solo vuole donare a tutti ricchi e poveri questi concetti, ma anche se possibile molti strumenti, i compilatori e tutti i tools per creare cose nuove che a loro volta sotto la GPL sono a disposizione di tutti e che si sommano al bagaglio culturale delle societa' di tutto il mondo. E' difficile come concetto spiegato cosi'?I programmatori il profitto lo faranno lo stesso ma non deve essere il solo scopo della loro vita.--Ciao. Mr. Mechano
          • Houdini scrive:
            Re: Boh?
            Secondo te perche IMB ha dato 10 Miliardi di dollari a Linux?Per far fruttare i suoi brevetti HardwarePerchè siamo così avanzati in medicina?Perchè migliaia di giovani valenti sperano di arricchirsi e diventare famosi con una idea geniale di cui sfrutteranno il brevetto e diventano ricercatoriPerchè le giovani menti fuggono dall'italiaPerchè qui non diventano ricche perchè non sappiamo sfruttare i nostri brevettiCos'è che muove il mondo?I brevetti e la speranza che tramite le proprie scoperte un uomo si arrichisca, o la speranza di chi gli dà dei soldi, perchè faccia una scoperta (E arrichisca la sua azienda).Togli i brevetti, togli i soldi, togli il progresso... ottieni un paese dell'Est (la storia non vi insegna niente?)Meglio dei brevetti per far progredire la tecnologia c'è solo una bella guerra mondiale... ma ha un costo effettivamente troppo alto (l'aereonautica è un dono della prima guerra, Il computer è un dono della seconda guerra mondiale, i viaggi spaziali della guerra fredda). La cultura in generale e la storia in particolare dovranno pur insegnare qualcosa.I soldi (o il desiderio di possesso che i soldi appagano) sono il motore del mondo, e chi pensa il contrario vive in un Utopia.Il futuro potrà essere forse diverso... ma sinceramente secondo me è tutto da dimostrare... cmq il presente è sicuramente questo.
          • Anonimo scrive:
            Re: Boh?
            - Scritto da: Houdini
            Secondo te perche IBM ha dato 10 Miliardi di
            dollari a Linux?

            Per far fruttare i suoi brevetti HardwareChe IBM non sia un santo ne sono consapevole.Ma e' un venditore di attrezzi (hardware) e agli attrezzi non e' applicabile la GPL perche' non possono essere trasformati in bit. Ci vogliono risorse ed energie per produrre l'hardware, non la sola energia dell'intelletto come col software e le informazioni.
            Perchè siamo così avanzati in medicina?
            Perchè migliaia di giovani valenti sperano
            di arricchirsi e diventare famosi con una
            idea geniale di cui sfrutteranno il brevetto
            e diventano ricercatoriPerche' il presupposto e' sempre e soltanto l'arricchimento e non il fare cio' che piace?Mio nonno diceva "se ti piace il tuo lavoro non lavorerai un giorno in vita tua". Capisci cosa vuol dire? Che non lo considererai uno sfacchinaggio ma un divertimento e quindi non lo prenderai come uno scopo per l'arricchimento.E una volta che ti sarai arricchito? Potrai smettere di lavorare? E potrai fare cio' che ti piace? Ma cosa ti piace fare? Non amavi inventare cose geniali? Perche' non continui a farlo anche dopo esserti arricchito? E' l'arricchimento lo scopo per cui inventi cose geniali o perche' ti piace fare cio'?
            Perchè le giovani menti fuggono dall'italia
            Perchè qui non diventano ricche perchè non
            sappiamo sfruttare i nostri brevettiE' un discorso diverso... Mettilo cosi':Non lo fanno perche' non trovano un'attivita' che gi permetta di vivere ed anche lasciargli fare cio' che gli piace fare?
            Cos'è che muove il mondo?
            I brevetti e la speranza che tramite le
            proprie scoperte un uomo si arrichisca, o la
            speranza di chi gli dà dei soldi, perchè
            faccia una scoperta (E arrichisca la sua
            azienda).Io pensavo che fosse una cosa umida e pelosa... :-))Il mondo secondo me e' mosso dai desideri. I desideri sono di sopravvivere a questa vita e anche oltre attraverso i nostri figli. A questo si unisce il fare cio' che ci piace e cio' che ci piace e ci fa godere e' creare come scrivo piu' giu'...Il mondo capitalista sta trasformando il mondo in maniera da dover pagare tutto cio' che ci serve o per cio' che ci piace fare. E tende a crearci finti desideri per idoli inutili.Arricchirsi non ha senso se poi non hai altri interessi nella vita.Arricchirsi serve solo per acquistare idoli, il desiderio di avere idoli e' costruito dal mondo capitalista che fa leva sull'invidia, l'avarizia, l'accidia e altri difetti del genere umano.Il mio desiderio potrebbe non essere arricchirmi ma solo avere una bella famiglia, una casetta con tutti i comfort, un mezzo di trasporto ed altri oggetti utili solo alla mia vita, e fare cio' che mi piace, che potrebbe essere anche insegnare, riparare oggetti, coltivare la terra, allevare animali, programmare computer ecc.Potrebbe non essere necessario per me avere suonerie fighe nel mio cellulare, abiti firmati e altre cazzate superflue, succede pero' che la necessita' di cio' venga creata artificialmente nella mia mente da chi vuole vendermeli.Potrebbe diventare, e questo e' gia' cosi', roba da ricchi anche il permettersi le poche cose necessarie a sopravvivere o fare una vita decente ossia anche le sole cose che ho elencato.
            Togli i brevetti, togli i soldi, togli il
            progresso... ottieni un paese dell'Est (la
            storia non vi insegna niente?)Non sono assolutamente daccordo. E' il togliere il libero accesso alla conoscenza che blocca il progresso.Il brevetto e' solo un cavillo per dare grande ricchezza a pochi. Il brevetto e' una trasposizione del concetto di egoismo insito nella natura umana.
            Meglio dei brevetti per far progredire la
            tecnologia c'è solo una bella guerra
            mondiale... ma ha un costo effettivamente
            troppo alto (l'aereonautica è un dono della
            prima guerra, Il computer è un dono della
            seconda guerra mondiale, i viaggi spaziali
            della guerra fredda). La cultura in generale
            e la storia in particolare dovranno pur
            insegnare qualcosa.Non e' vero. La guerra e' uno strumento di potere. Il desiderio di avere potere spinge ad arricchirsi. Fanno parte sempre dei sentimenti egositici e di sopraffazione.Un altro motore e' l'invidia, il non dover provare invidia provoca desiderio di avere potere e arricchirsi (per poi averne). Anche se il concetto suona quasi comunista, il mondo va cosi'.Le guerre ci sono quando questi sentimenti crescono al punto che una nazione provi interamente questo desiderio, la guerra viene promossa nel momento in cui si vede un pericolo di sopraffazione, o anche per la sola brama di potere.
            I soldi (o il desiderio di possesso che i
            soldi appagano) sono il motore del mondo, eTi ripeto che il motore del mondo ha sempre e' comunque origini sessuali, ma non nel semplice concetto del rapporto sessuale. Il denaro e' solo un mezzo per arrivare alle manifestazioni legate alla sfera sessuale. Freud non ti ha mai insegnato nulla sulla natura umana?
            chi pensa il contrario vive in un Utopia.
            Il futuro potrà essere forse diverso... ma
            sinceramente secondo me è tutto da
            dimostrare... cmq il presente è sicuramente
            questo.Il futuro vuole provare ad essere diverso imparando dagli sbagli del passato. I nuovi concetti di pluralismo vogliono provare a focalizzare le necessita' dell'uomo nel godere della sua natura creativa. Creare e' bello, fa sentire piu' simili a Dio. Dio non creo' il mondo per far soldi, non ha bisogno di soldi.L'uomo non crea per far soldi, ma viene obbligato dalla struttura sociale che si e' evoluta secondo i sentimenti di origine sessuale, a farglieli desiderare.Creare e' bello, fa sentire bene, creare un figlio come anche un programma per calcolatore e' bello ed e' bello mostrarlo agli altri e lasciarlo ai posteri. E' bello anche condividere la propria creazione facendola diventare una creazione collettiva. Se diventa una creazione collettiva come per il software libero, c'e' progresso dell'umanita'.Deve diventare collettivo il piacere di creare e progredire con creazioni sempre piu' belle.Non deve diventare collettivo il desiderio di sopraffazione e il sentimento egoistico. Questo genera solo guerre e distruzione o sopraffazione e quindi non progresso.Il desiderio di potere e' una manifestazione della sfera sessuale e non creativa dell'individuo. Il denaro e' un mezzo per ottenere potere e quindi saziare la manifestazione sessuale. (Sempre non intesa dal punto di vista del solo atto riproduttivo).Anche gli oggetti piu' semplici possono essere visti in quest'ottica. Un'automobile puo' avere uno scopo creativo quando assolve allo scopo per cui e' stata concepita. Diventa un simbolo fallico e di potere quando viene accessoriata e trasformata in un oggetto che sazia il nostro desiderio di potere nei confronti degli altri.E' un concetto chiaro il mio? Se vuoi parlarne nei particolari posso post
          • Ekleptical scrive:
            Re: Boh?

            Che IBM non sia un santo ne sono consapevole.Infatti. E' la ditta al mondo col maggior numero di brevetti. E' l'incarnazione di Satana, per il tuo punto di vista!
            Perche' il presupposto e' sempre e soltanto
            l'arricchimento e non il fare cio' che
            piace?Perchè:a) Il 95% della popolazione finisce per fare cose che NON gli piacciono, ma bisogna pur tirare a campare. Ora, visto che cmq faccio qualcosa che non mi piace, quantomeno cerco di recuperarne il massimo ricavo possibile, in modo che nel tempo rimanente possa godere al massimo dei benefici che il mio lavoro mi permette.b) Se anche una cosa piace e non rende, se non c'è una passione forte e vera dietra, ad un certo punto ci si scassa le balle di sopravvivere e si reintra nel caso a.Dura realtà, ma realtà!

            Togli i brevetti, togli i soldi, togli il

            progresso... ottieni un paese dell'Est (la

            storia non vi insegna niente?)

            Non sono assolutamente daccordo. E' il
            togliere il libero accesso alla conoscenza
            che blocca il progresso.Te vivi nel mondo dei sogni!Stai dicendo che negli ultimi 100-200 anni (dall'introduzione dei brevetti) non c'è stato progresso, qua in occidente?Stai dicendo che in 50 anni di comunismo, privo di copyright e con conoscenza libera e diffusa per definizione, c'è stato progresso in URSS e nei paesi comunisti?Non è questione di essere d'accordo o meno! E' questione di analizzare la realtà!
            Il brevetto e' solo un cavillo per dare
            grande ricchezza a pochi.La storia dimostra il contrario. Ma credo che a te la storia non piaccia. Preferisci il mondo immaginario...
            E' un concetto chiaro il mio?Sì, si chiama Utopia, avulsa dal reale.
          • Anonimo scrive:
            Brevetto si.Ma come sui farmaci
            Innanzitutto appoggio in pieno Mr. Mechano. Poi aggiungo che a mio parere il brevetto in campo informatico dovrebbe essere quanto meno simile a quello che esiste in campo farmaceutico: 10 anni.Quando un'azienda realizza un nuovo farmaco può brevettarlo ma dopo 10 anni chiunque può produrlo. Hai sentito parlare di farmaci "generici"? Sono le copie di farmaci i cui brevetti sono scaduti.Inoltre un farmaco brevettato è ben noto nella sua composizione e si conoscono le sue indicazioni terapeutiche. Questo consente ad altre aziende di modificare la struttura per ottenere nuovi derivati che siano più efficaci e/o dotati di minori eventi indesiderati (i cosiddetti effetti collaterali).Il software closed, ma questo è stato detto da molti, è come se un'azienda automobilistica ti vendesse un'auto con cofano sigillato. Per qualunque problema devi rivolgerti in fabbrica (a Redmond) dove risolveranno il tuo problema quando fa loro comodo.Ed allora che si brevetti il software proprietario ma accanto al brevetto devono essere consegnati alla comunità i sorgenti affinchè possano essere studiati ed eventualmente migliorati.Restate calmi se poteterosco44
          • Anonimo scrive:
            Re: Brevetto si.Ma come sui farmaci
            - Scritto da: Anonimo
            Innanzitutto appoggio in pieno Mr. Mechano.
            Poi aggiungo che a mio parere il brevetto in
            campo informatico dovrebbe essere quanto
            meno simile a quello che esiste in campo
            farmaceutico: 10 anni. Ti ringrazio per la fiducia accordatami anche se non penso di meritarla.Riguardo ai 10 anni, penso che sia un periodo troppo lungo per il software. Il sistema GPL cosi' come e' adesso funziona egregiamente, non vedo anzi perche' non esportarlo ad altri campi del business e del capitalismo.Innanzitutto passarlo ai farmaci dando la possibilita' di risolvere nell'immediato i gravi problemi dei paesi del terzo mondo e di malattie come l'AIDS. E poi continuare insieme nella ricerca a livello statale, tutti i paesi nel mondo contro le malattie, non le sole industrie farmaceutiche.Nel campo della salute l'obiettivo dovrebbe essere il debellare le malattie non il profitto di aziende capitaliste.Allora c'e' sempre lo stesso dubbio, i ricercatori chi li paga? Ma e' qua che gli Stati e i loro rapresentanti devono mostrare di fare il bene di coloro che rappresentano, finanziando le persone che partecipano alla ricerca in campi delicati come la medicina. I soldi provengono dalle tasse che tutti pagheranno per poi giovare dei risultati. Eppure fin dalle scuole elementari mi hanno insegnato che funziona cosi', ma nonostante mio papa' si vedesse togliere oltre il 30% dallo stipendio io la pomatina per l'irritazione al culetto gliela vedevo pagare comunque. :-)Ci pensi come fino all'inizio del secolo nostro la figura del farmacista era una persona che si basava su conoscenze e tradizioni tramandate nei secoli e tra colleghi?Il progresso nella medicina moderna sarebbe stato piu' grande di quanto lo e' stato adesso se avesse avuto una struttura collaborativa come quella del software libero. E i finanziamenti provenienti dai paesi di tutto il mondo e dai ricercatori di tutto il mondo, che poi tutti insieme ne godono dei risultati raggiunti.In tutte le guerre e le colonizzazioni gti Stati occidentali in generale e quelli anglosassoni in particolare hanno sempre preferito esportare o imporre le loro idee in fatto di business e strutture politiche, e gli USA non fanno mai una guerra senza dei mirati interessi economici.
            Quando un'azienda realizza un nuovo farmaco
            può brevettarlo ma dopo 10 anni chiunque può
            produrlo. Hai sentito parlare di farmaci
            "generici"? Sono le copie di farmaci i cui
            brevetti sono scaduti.
            Inoltre un farmaco brevettato è ben noto
            nella sua composizione e si conoscono le sue
            indicazioni terapeutiche. Questo consente ad
            altre aziende di modificare la struttura per
            ottenere nuovi derivati che siano più
            efficaci e/o dotati di minori eventi
            indesiderati (i cosiddetti effetti
            collaterali).A parte i dettagli sul come funzionerebbero i farmaci, se si tiene una struttura capitalista tradizionale, tutti gli Stati devono dotarsi di istituzioni antitrust efficaci. Il sistema USA di finanziamento delle campagne elettorali, cosi' come quello di molti altri paesi porta all'assoggettamento del politico che vince un'elezione ai "desideri" dei suoi finanziatori. Quante questioni abbiamo visto stranamente aggiustarsi ad ogni nuovo presidente USA? Quanti processi sono stati conclusi con poche conseguenze per grossi monopolisti quando sono saliti al potere politici che guarda caso avevano avuto da quelli grossi finanziamenti?E le conseguenze delle pratiche di quelle aziende ricadono su tutti i cittadini di tutti gli Stati interessati dai prodotti di cui quelle aziende detengono i brevetti e che quindi altre aziende non possono produrre neppure quando i cittadini schifati dal comportamento monopolista del detentore di quei brevetti, vogliono rivolgersi ad un'azienda ritenuta eticamente piu' corretta. E questo grazie al politico corrotto di turno....
            Il software closed, ma questo è stato detto
            da molti, è come se un'azienda
            automobilistica ti vendesse un'auto con
            cofano sigillato. Per qualunque problema
            devi rivolgerti in fabbrica (a Redmond) dove
            risolveranno il tuo problema quando fa loro
            comodo.Il motivo per cui la Germania e altri Stati hanno detto no a Microsoft. Ho il codice, mi serve una funzione particolare, pago ragazzi e aziende del mio paese che me la creino, senza dover aspettare MS e senza dover pagare la solita azienda monopolista americana per la nuova versione che la integri.
            Ed allora che si brevetti il software
            proprietario ma accanto al brevetto devono
            essere consegnati alla comunità i sorgenti
            affinchè possano essere studiati ed
            eventualmente migliorati.E' l'unico modo.Penso ti sarai reso conto che il mondo dei brevetti e' in grado di opprimere gli Stati e le economie in via di sviluppo. E i brevetti sugli "alfabeti" (algoritmi e processi) tra cui quelli informatici insieme a quelli chimici e quelli genetici sono i piu' importanti e bisogna impedirne la brevettabilita' e lo sfruttamento.E la diffusione di Linux va promossa e aiutata non tanto perche' fa figo o e' piu' stabile e piu' economico, ma perche' si porta dietro tutta quella "filosofia" che impedira' la brevettabilita' e lo sfruttamento di uno dei piu' importanti di tali alfabeti, quello degli algoritmi informatici e del mondo digitale dell'informazione.--Ciao. Mr. Mechano
          • Anonimo scrive:
            Re: Boh?
            - Scritto da: Ekleptical
            Infatti. E' la ditta al mondo col maggior
            numero di brevetti. E' l'incarnazione di
            Satana, per il tuo punto di vista!Ma a me di IBM non importa molto finche' non mi costringera' ad acquistare per forza i suoi oggetti.Il fatto che stia dando tanto alla comunita' dell'open source e' quello che interessa a tale comunita', e prenderne non ha nulla di male finche' IBM non ne chiedera' nulla in cambio. E non ne sta chiedendo nulla dal lato software. Cio' che non c'e' nell'open source se lo dovrebbe fabbricare in casa, e cosi' sta facendo.IBM dal lato del software si sta comportanto secondo l'etica del software libero ossia condividendo le sue conoscenze e questo e' bene e utile per le comunita' che praticano la condivisione delle conoscenze come appunto quelle dell'open source. Poi che IBM abbia grossi brevetti nell'hardware e' un discorso che ancora non tocca la comunita' open source.Pero' guardare con un occhio attento non guasta mai.
            Perchè:
            a) Il 95% della popolazione finisce per fare
            cose che NON gli piacciono, ma bisogna purE chi le obbliga a fare cio'?Io ho cercato a lungo un lavoro dove potessi avere a che fare coi computer e anche con l'insegnamento e dopo vari mestieri alla fine l'ho trovato. Ma prima ho dovuto studiare e per fortuna qualche nozione l'ho trovata a poco prezzo come per esempio alcuni documenti sulle reti e grazie anche ad Appunti di informatica libera che guarda caso e' un testo libero con licenza tipo LGPL. Chi vuole un mestiere migliore di quello che fa deve solo rimboccarsi le maniche, studiare e imparare in modo da poter fare cio' che puo' dargli soddisfazioni non necessariamente solo economiche. Studiare = imparare, studiare dai libri disponibili o da scritti di vario tipo di altri che prima di noi hanno studiato quegli argomenti e hanno prodotto altre conoscenze sperimentando quelle nozioni. Ma questi scritti devono essere accessibili e disponibili per tutti, altrimenti non possiamo studiare e quindi non possiamo imparare a fare un mestiere piu' bello e consono ai nostri gusti.Se tale conoscenza non e' libera e accessibile ma si presentera' sempre a caro prezzo come gli e-books, oppure non sara' accessibile perche' brevettata, noi non potremo imparare e quindi non potremo fare cio' che ci piace.Solo pochi potranno permetterselo, chi prima di noi ha accumulato ricchezze.Questi potranno andare all'universita' pagare per studiare solo le poche basi teoriche accessibili li ed essere assunti dalle multinazionali monopolistiche, solo allora avranno visione di alcune altre conoscenze brevettate e studieranno per far arricchire ancora di piu' la multinazionale sempre dietro contratti di non divulgazione delle conoscenze.La multinazionale fara' soldi per arricchirsi solo lei e i pochi che ci vivono/lavorano. I soldi che fara' non li fara' necessariamente innovando e facendo progredire, perche' se i brevetti la proteggeranno tanto bene da farle assumere una situazione di monopolio, non avra' manco bisogno di innovare, vendendo sempre il solo risultato dei suoi brevetti. Anzi non avrebbe neppure un grande bisogno di assumere facendo arricchire sempre piu' il "piccolo" gruppo da cui e' composta.Il resto del mondo? Chi potra' permetterselo paghera' la multinazionale, chi no andra' sempre indietro, senza possibilita' di sviluppo perche' i brevetti gli impediranno di plagiare un oggetto utile ma troppo caro. Ci saranno poverta' di molti ceti e quindi fenomeni di violenza e ghettizzazione.Proviamo a rigirarla secondo l'etica libera?La conoscenza e' libera e abbondantemente disponibile, tutti potranno disporre di idee e strumenti teorici per poter produrre qualcosa.Nel mondo del software ci saranno non grosse aziende come Microsoft, Adobe ecc. che fagocitano miliardi soprattutto in macchine legali o di marketing ma tante piccole software house che vivono di servizi e personalizzazioni. Non ci saranno manager da milioni di dollari al mese ma tante piu' persone che vivono comunque bene facendo cio' che gli piace. Non pochi dipendenti molto ricchi ma una moltitudine di persone in giro per il mondo che riusciranno ad avere una casa una famiglia e un lavoro o altre attivita' che gli piacciono.Nel mondo delle infrastrutture costera' meno produrre beni mobili e immobili e ci sarebbe la possibilita' di tante piccole aziende specializzate ognuna nella propria nicchia, e non eonormi colossi come General Motors o altri gruppi di questo genere. E tutte queste aziende saranno in qualsiasi parte del mondo e non solo concentrate nel mondo occidentale che ha saputo approfittare dei brevetti per derubare i paesi piu' poveri.Col comunismo non centra nulla. Anche se devo confessare che alcuni concetti di uguaglianza sono presi dal comunismo e che per alcune ideologie non e' totalmente da buttare, cosi' come con le varie religioni, ognuna ha delle ottime basi e alcuni concetti validi per la vita degli essere umani.Anche quella musulmana.
            di recuperarne il massimo ricavo possibile,Se ti sara' sempre piu' difficile recuperarne il massimo ricavo possibile se non fai parte di quell'elite che possiede i brevetti, cercherai di entrarne a far parte immagino... A discapito di coloro che non fanno parte di questa elite.
            b) Se anche una cosa piace e non rende, se
            non c'è una passione forte e vera dietra, ad Se quella cosa che non ti piace fare non ti permette di vivere puoi sempre cercare qualcos'altro di interessante in base alle tue attitudini (la meccanica, l'informatica, l'economia) studiare, accedendo a conoscenze e imparare cose nuove per poter fare quel mestiere. Imparare da chi quella cosa la fa gia' magari anche in un altra parte del mondo. Purche' tali conoscenze siano liberamente accessibili perche' se sono brevettate tu continuerai a non riuscire a sopravvivere perche' qualcuno fa gia' parte di quell'elite che sta sfruttando tali idee e a te ne e' negato l'accesso.... CONTINUA
          • Anonimo scrive:
            Re: Boh?
            ... SEGUITO


            Togli i brevetti, togli i soldi, togliIl comunismo ha disfatto i paesi che lo praticavano per motivi diversi. Lo ha disfatto sempre per l'avarizia. Ma per l'avarizia della piccola elite della classe politica. Come l'avarizia della piccola elite del mondo occidentale sta opprimendo i paesi piu' poveri del mondo coi brevetti e i monopoli. Le multinazionali stanno distruggendo il mondo come il comunismo ha disfatto i suoi paesi. Il comunismo ha disfatto i paesi che lo avevano come Istituto piu' rapidamente perche' erano piu' piccoli e gli individui avai piu' liberi di agire all'interno del loro paese. Le multinazionali stanno disfacendo il mondo intero, ci vorra' qualche decennio in piu' ma il processo e' gia iniziato ed a buon punto e i segnali sono visibili a tutti nella fame e le malattie del terzo mondo, nel clima e nell'inquinamento, nella condizione sociale dei ceti piu' poveri delle stesse nazioni industrializzate. E credimi tutto cio' ha pertinenza con questo discorso sulla liberta' o non liberta' dei codici sorgenti e della conoscenza che questi rappresetano.
            Stai dicendo che negli ultimi 100-200 anni
            (dall'introduzione dei brevetti) non c'è
            stato progresso, qua in occidente?C'e' stato progresso in tutto il mondo fino al periodo in cui i brevetti non hanno cominciato ad essere difesi con maggior forza politica, economica e legale. Anche l'India aveva la sua fabbrica di motociclette, la Enfield, e anche l'Italia che era un paese non tanto ricco aveva le sue grandi glorie, finche' la ricchezza e la protezione di brevetti sulle tecniche costruttive ha dovuto dar ragione a chi piu' ricco poteva sfruttarli per soppiantare gli altri. Se l'India e l'Italia avessero avuto sistemi di prototipazione e fossero riusciti a standardizzare la qualita' come i giapponesi non sarebbero stati soppiantanti da quei modelli. Solo adesso che anche l'Italia si sta risollevando grazie al benessere di tutta l'Europa e ai suoi manufatti di altro tipo sta cominciando a far evolvere la sua industria motociclistica come quella giapponese.I paesi ricchi i brevetti e l'uso di idee li vendono e i paesi che non possono pagare in denaro pagheranno in oro come il paese della mia fidanzata il Ghana che ha un presidente che garba agli USA, oppure in petrolio come i paesi del medio-oriente. O ancora con lo sfruttamento della manodopera di tutte le eta' per paesi come la Malesia e la Corea. Nessuno di questi paesi puo' prodursi in proprio molte cose perche' protette da brevetti e quindi le deve pagare. Il far pagare oltre ai manufatti anche le idee e' la piu' grande beffa che i paesi occidentali stanno facendo al resto del mondo.
            Stai dicendo che in 50 anni di comunismo,Guarda che nell'epoca d'oro del comunismo, in cui molti politici di quel paese erano degli idealisti non intossicati dall'avarizia e dalla brama di potere, l'URSS era una superpotenza che faceva paura al resto del mondo. Stava per arrivare sulla luna prima degli USA. L'URSS e' stato fottuto dal concetto centralista dello stato che mette troppo potere in mano a pochi ed e' inefficiente nella gestione di qualsiasi questione sia economica che poilitica.Su Internet invece (che non esisteva ai tempi del comunismo) qualsiasi attivita' e' decentralizzata. Lo sviluppo del software libero va avanti grazie a piccoli gruppi ed esperti distribuiti in ogni parte del globo che danno il loro contributo. E sono centralizzate solo alcune decisioni di minore improtanza, come avviene nelle scelte sul kernel di Linux. Ognuno e' indipendente.
            La storia dimostra il contrario. Ma credoI greci hanno portato l'accademia e la loro cultura.I romani hanno esportato tutte le loro tecnologie ai paesi che hanno conquistato anche sotto forma di conoscenze, acquedotti, armi, tecniche di costruzione ancora oggi utilizzate. Guarda caso i paesi che oggi sono ricchi e molti degli altri sono rimasti al treno a vapore proprio da quando i paesi che avevano fatto delle invenzioni importanti hanno cominciato a proteggerle e rivenderle anche nelle idee.Chi ha potuto permettersele ha progredito pure, chi no ha potuto e' diventato piu' povero e continua ad aumentare il divario.E stranamente il WTO e' un organismo che promuove e anzi consiglia comportamenti commerciali ed economici di questo genere. Compreso il rispetto dei brevetti e soprattutto quelli sulle semplici idee.

            E' un concetto chiaro il mio?
            Sì, si chiama Utopia, avulsa dal reale.Linux dovrebbe essere un'utopia dato che si basa su tali concetti di pluralismo, eppure sta facendo far puzza alle mutande di Microsoft. Com'e' sto fatto me lo spieghi? :-)--Ciao. Mr. Mechano
          • Anonimo scrive:
            Complimenti...
            Vorrei solo fare i complimenti a Mr. Mechano, mi capita spesso di leggere i forum di p.i. ma poche volte ho letto interventi di un un livello così alto.Se hai un blog non mancare di pubblicarne l'indirizzo, avrai un affezionato lettore in più :)Cristoforo
      • Anonimo scrive:
        Re: Boh?
        - Scritto da: Ekleptical
        Ti sfugge che il pease più ricco del mondo è
        quello che il copyright l'ha praticametne
        inventato, scrivendolo direttamente nel
        codice genetico della nazione, alla sua
        fondazione?
        Credi che sia un caso che i paesi che il
        copyright non lo rispettano manco per niente
        e che hanno fatto della conoscenza diffusa
        espropriata parte integrante del sistema
        economico, siano rigorosametne morti di
        fame?
        Forse che ci sia un'interrelazione fra
        queste due cose? Umm....L'interrelazione c'e' ma il modo come la presenti e' sbagliata facendo credere che anche i paesi poveri debbano dotarsi di leggi sul copyright per diventare ricchi. Dietro c'e' la grande bugia che paesi ricchi e poveri possano fare accordi di compravendita di brevetti per poter coprire i propri fabbisogni interni in fatto di medicina, informatica, ingegneria.L'esempio che fai invece dimostra come si possa usare il copyright in maniera egoistica per derubare il resto del mondo.Dai farmaci e le loro singole molecole e principi attivi, il copyright e' uno strumento che non permette a tutti di crescere e progredire in egual misura, ma solo a pochi di vivere bene sfruttando le risorse economiche degli altri.I paesi che non sono ricchi non lo diventeranno mai se devono pagare qualsiasi piccola cosa anche la piu' idiota, che solo i paesi ricchi hanno e proteggono tramite il copyright per spremerne fino all'ultimo centesimo al resto del mondo.Il copyright non fa ricchi, permette a pochi di derubarne molti.E la cosa piu' bastarda che possano fare i paesi ricchi al resto del mondo e' obbligargli il copyright anche sugli "alfabeti", ossia sui semplici algoritmi per quanto riguarda la programmazione o anche sui piu' semplici processi per la creazione di molecole e principi attivi per quanto riguarda la medicina o il campo genetico della ricerca.--Ciao. Mr. Mechano
    • Anonimo scrive:
      Re: Boh?

      il copyright: è un insulto all'umanità,
      un'ammissione di inciviltà senza paragoni
      ... bah .. che amarezza :O(l'insulto all'umanita' e' confondere copyright, diritto d'autore e brevettisolo gli ultimi sono stati mal utilizzati e quindi sono diventati un'arma impropriama i primi due sono sacrosanticome autore ho diritto di esigere cio' che voglio dalla mia opera o dalle copie della mia operanon tovo giusto, invece, impedire ad altri di trovare soluzioni alternative o simili alle mie solo perche' ho un brevetto su qualcosa
  • Anonimo scrive:
    Ricerca
    Io sono ricercatore all'Universita' di Parma. L'unico sistema operativo effettivamente utilizzabile nel nostro ambito e' Linux/Unix. A me non frega nulla di chi ha copiato o no, so solo che Windows non funziona e Linux si. Per cui non vedo il motivo per cui si debba pagare per una cosa che non funziona.Bye bye
    • Anonimo scrive:
      Re: Ricerca
      - Scritto da: Anonimo
      Io sono ricercatore all'Universita' di
      Parma. L'unico sistema operativo
      effettivamente utilizzabile nel nostro
      ambito e' Linux/Unix. A me non frega nulla
      di chi ha copiato o no, so solo che Windows
      non funziona e Linux si. Per cui non vedo il
      motivo per cui si debba pagare per una cosa
      che non funziona.

      Bye byeRiformula: Windows non riesci a farlo funzionare e Linux sì. C'è differenza, sai?Ma se riesci a far funzionare Linux e non Windows, fammi fare una domanda: hai mai letto qualche manuale / pubblicazione su Windows? E su Linux?
    • Anonimo scrive:
      Re: Ricerca
      Secondo la logica di altri tizi del forum, stai 'diffamando' l'immagine di un prodotto industriale e quindi il tuo IP verra' tracciato e finirai di fronte ad un tribunale...Che assurdita' questo modo di ragionare...ZioBill***ognuno si usi quello che vuole: io ho fatto la mia scelta...***- Scritto da: Anonimo
      Io sono ricercatore all'Universita' di
      Parma. L'unico sistema operativo
      effettivamente utilizzabile nel nostro
      ambito e' Linux/Unix. A me non frega nulla
      di chi ha copiato o no, so solo che Windows
      non funziona e Linux si. Per cui non vedo il
      motivo per cui si debba pagare per una cosa
      che non funziona.

      Bye bye
      • Anonimo scrive:
        Re: Ricerca
        CASTRIAMOLO ! - Scritto da: Anonimo
        Secondo la logica di altri tizi del forum,
        stai 'diffamando' l'immagine di un prodotto
        industriale e quindi il tuo IP verra'
        tracciato e finirai di fronte ad un
        tribunale...

        Che assurdita' questo modo di ragionare...

        ZioBill
        ***ognuno si usi quello che vuole: io ho
        fatto la mia scelta...***

        - Scritto da: Anonimo

        Io sono ricercatore all'Universita' di

        Parma. L'unico sistema operativo

        effettivamente utilizzabile nel nostro

        ambito e' Linux/Unix. A me non frega nulla

        di chi ha copiato o no, so solo che
        Windows

        non funziona e Linux si. Per cui non vedo
        il

        motivo per cui si debba pagare per una
        cosa

        che non funziona.



        Bye bye
        • Anonimo scrive:
          Re: Ricerca
          Ok, ora ti segnalo alle Autorita' giudiziarie... ZioBill- Scritto da: Anonimo
          CASTRIAMOLO !


          - Scritto da: Anonimo

          Secondo la logica di altri tizi del forum,

          stai 'diffamando' l'immagine di un
          prodotto

          industriale e quindi il tuo IP verra'

          tracciato e finirai di fronte ad un

          tribunale...



          Che assurdita' questo modo di ragionare...



          ZioBill

          ***ognuno si usi quello che vuole: io ho

          fatto la mia scelta...***



          - Scritto da: Anonimo


          Io sono ricercatore all'Universita' di


          Parma. L'unico sistema operativo


          effettivamente utilizzabile nel nostro


          ambito e' Linux/Unix. A me non frega
          nulla


          di chi ha copiato o no, so solo che

          Windows


          non funziona e Linux si. Per cui non
          vedo

          il


          motivo per cui si debba pagare per una

          cosa


          che non funziona.





          Bye bye
          • Anonimo scrive:
            Re: Ricerca
            ;-)))))))ZioBill***questi forum sono pazzeschi: altro che politica e religione....***- Scritto da: Anonimo
            Ok, ora ti segnalo alle Autorita'
            giudiziarie...

            ZioBill

            - Scritto da: Anonimo

            CASTRIAMOLO !





            - Scritto da: Anonimo


            Secondo la logica di altri tizi del
            forum,


            stai 'diffamando' l'immagine di un

            prodotto


            industriale e quindi il tuo IP verra'


            tracciato e finirai di fronte ad un


            tribunale...





            Che assurdita' questo modo di
            ragionare...





            ZioBill


            ***ognuno si usi quello che vuole: io
            ho


            fatto la mia scelta...***





            - Scritto da: Anonimo



            Io sono ricercatore all'Universita'
            di



            Parma. L'unico sistema operativo



            effettivamente utilizzabile nel
            nostro



            ambito e' Linux/Unix. A me non frega

            nulla



            di chi ha copiato o no, so solo che


            Windows



            non funziona e Linux si. Per cui non

            vedo


            il



            motivo per cui si debba pagare per
            una


            cosa



            che non funziona.







            Bye bye
          • Anonimo scrive:
            Re: Ricerca
            - Scritto da: Anonimo
            ;-)))))))

            ZioBill
            ***questi forum sono pazzeschi: altro che
            politica e religione....***la penserari così anche all'udienza?
          • Anonimo scrive:
            Re: Ricerca
            http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=365102- Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            ;-)))))))



            ZioBill

            ***questi forum sono pazzeschi: altro che

            politica e religione....***

            la penserari così anche all'udienza?
          • Anonimo scrive:
            Re: Ricerca
            - Scritto da: Anonimo
            http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?midDai Zio Bill, coraggio, qui è pieno di trolletti frustrati che non sono in grado di scherzare su nulla, anche perchè non capendo la materia non comprendono dove si sta scherzando e dove dicendo sul serio, quindi confusione e frustrazione li hanno già portati a pesanti rappresaglie legali contro il tuo IP, che ormai è stato identificato come 127.0.0.1Rassegnati, ormai sanno tutto di te!PS, W (linux)
      • Anonimo scrive:
        Re: Ricerca

        ZioBill
        ***ognuno si usi quello che vuole: io ho
        fatto la mia scelta...***rileggi i tuoi vecchi post (tipo linux deve morire, mi inchino a microsoft, microsoft dominera` il monso e c***te del genere) e cerca una connessione con quello che hai appena scritto: se la trovi sei un genio!raist
        • Anonimo scrive:
          Re: Ricerca
          Non ho mai detto che Microsoft (inchino reverenziale) dominera' il monSo, ma che Microsoft (altro inchino) lo sta gia' dominando...Lunga vita a Bill Gates.Lunga vita a Steve Ballmer.Lunga vita a Microsoft!ZioBill- Scritto da: Anonimo

          ZioBill

          ***ognuno si usi quello che vuole: io ho

          fatto la mia scelta...***

          rileggi i tuoi vecchi post (tipo linux deve
          morire, mi inchino a microsoft, microsoft
          dominera` il monso e c***te del genere) e
          cerca una connessione con quello che hai
          appena scritto: se la trovi sei un genio!

          raist
          • Anonimo scrive:
            Re: Ricerca
            - Scritto da: Anonimo
            Non ho mai detto che Microsoft (inchino
            reverenziale) dominera' il monSo, ma che
            Microsoft (altro inchino) lo sta gia'
            dominando...

            Lunga vita a Bill Gates.
            Lunga vita a Steve Ballmer.
            Lunga vita a Microsoft!

            ZioBill
            non riesco neanche ad insultarti: sia che tu sia serio sia che tu stia scherzando mi fai pena. mi da` solo rabbia essere tuo "collega" e probabilmente iscritto allo stesso albo.raist
          • Anonimo scrive:
            Re: Ricerca
            Un po' di ironia, no eh?ZioBill- Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            Non ho mai detto che Microsoft (inchino

            reverenziale) dominera' il monSo, ma che

            Microsoft (altro inchino) lo sta gia'

            dominando...



            Lunga vita a Bill Gates.

            Lunga vita a Steve Ballmer.

            Lunga vita a Microsoft!



            ZioBill


            non riesco neanche ad insultarti: sia che tu
            sia serio sia che tu stia scherzando mi fai
            pena. mi da` solo rabbia essere tuo
            "collega" e probabilmente iscritto allo
            stesso albo.

            raist
          • Anonimo scrive:
            Re: Ricerca
            - Scritto da: Anonimo
            Un po' di ironia, no eh?

            ZioBillmi dispiace, visto quanto hai rotto le palle la mia dose diironia e` gia` finita.usa quello che vuoi: __io__ non voglio imporre niente a nessuno, voglio solo che l'informatica sia _libera_ e, per chi lo vuole, gratis o a basso costo; chi vuole pagare continui pure a farlo.raist
          • Anonimo scrive:
            Re: Ricerca

            l'informatica sia _libera_Mi spiace ma la GPL è tutto fuorchè liberta'......
          • stevie scrive:
            Re: Ricerca
            - Scritto da: Anonimo


            l'informatica sia _libera_

            Mi spiace ma la GPL è tutto fuorchè
            liberta'......Eh, già... vedere i sorgenti, ad esempio NON è libertà. Hai ragione, la trovo una cosa disgustosa!Evviva il closed source! Quella sì che è libertà! Io VOGLIO sistemi operativi che ogni 15 minuti inviino il mio estrattoconto direttamente a BG! Ricordati che anche mamma microsoft prende spunto da software scritti sotto licenze libere (tipo la BSD che purtroppo è fin troppo permissiva). E se ad esempio mi va ad usare un qualche pezzo di programma sotto GPL e poi non me la rispetta (e non lo saprai mai perché il suo software è chiuso e nessuno può accedervi)?Mah, mi ricorda tanto una causa in corso in questi tempi... ;-) Regards to all,Stevie
          • Anonimo scrive:
            Re: Ricerca



            ZioBill


            ***ognuno si usi quello che vuole: io ho fatto la mia scelta...***Le persone intelligenti rimettono costantemente in discussione le proprie scelte, da cio' si deduce che tu...
          • Anonimo scrive:
            Re: Ricerca
            Le persone INCONCLUDENTI rimettono costantemente in discussione le proprie scelte ...
          • Anonimo scrive:
            Re: Ricerca

            Le persone INCONCLUDENTI rimettono
            costantemente in discussione le proprie
            scelte ...Questa me la devi spiegare
          • Anonimo scrive:
            Re: Ricerca
            - Scritto da: Anonimo



            ZioBill



            ***ognuno si usi quello che vuole:
            io ho fatto la mia scelta...***

            Le persone intelligenti rimettono
            costantemente in discussione le proprie
            scelte, da cio' si deduce che tu...A: Solo un idiota ("idiota" per puro dovere di citazione, non parlo dei presenti :-) ) è sicuro al 100% di quello che dice.B: Ne è certo ?A: Certissimo!
    • Houdini scrive:
      Re: Ricerca
      - Scritto da: Anonimo
      Io sono ricercatore all'Universita' di
      Parma. L'unico sistema operativo
      effettivamente utilizzabile nel nostro
      ambito e' Linux/Unix. A me non frega nulla
      di chi ha copiato o no, so solo che Windows
      non funziona e Linux si. Per cui non vedo il
      motivo per cui si debba pagare per una cosa
      che non funziona.Le scoperte che fate lì a Pisa le date sotto GPL?NO?Ipocriti...
    • Anonimo scrive:
      Re: Ricerca
      - Scritto da: Anonimo
      Io sono ricercatore all'Universita' di
      Parma. L'unico sistema operativo
      effettivamente utilizzabile nel nostro
      ambito e' Linux/Unix. A me non frega nulla
      di chi ha copiato o no, so solo che Windows
      non funziona e Linux si. Per cui non vedo il
      motivo per cui si debba pagare per una cosa
      che non funziona.

      Bye byemi e hai anche studiato mi chiedo cosa il cachileo.ecco perchè l'università non funziona a forza di usare sistemi antiquati come *nix.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ricercatori = falliti
      considerando che in italia i ricercatori veramente bravi emigrano in altri paesi, si può tranquillamente affermare che sei il solito ricercatore raccomandato, ed anche un po fallito, mi ricordi quello che mi seguiva durante la tesi:allora mi devi fare la media dei valori cioè (valore1+valore2+valore3 +......)/ 2ahahahhahhahahhahhahahahhahahah- Scritto da: Anonimo
      Io sono ricercatore all'Universita' di
      Parma. L'unico sistema operativo
      effettivamente utilizzabile nel nostro
      ambito e' Linux/Unix. A me non frega nulla
      di chi ha copiato o no, so solo che Windows
      non funziona e Linux si. Per cui non vedo il
      motivo per cui si debba pagare per una cosa
      che non funziona.

      Bye bye
  • Anonimo scrive:
    Brava gente, questi openari
    Gartner dice qualcosa contro Linux e alcune ore dopo il loro sito è irraggiungibile.Esattamente come era successo al sito SCO qualche settimana fa.Niente da dire, veramente democratici questi openari...
    • Anonimo scrive:
      Re: Brava gente, questi openari
      - Scritto da: Anonimo
      Gartner dice qualcosa contro Linux e alcune
      ore dopo il loro sito è irraggiungibile.

      Esattamente come era successo al sito SCO
      qualche settimana fa.

      Niente da dire, veramente democratici questi
      openari...Ecco il messaggio sul sito Gartner alle ore 12.05gartner.com is currently experiencing intermittent technical issues, causing a delay in accessing the site. We are aware of the problem and will resolve it as quickly as possible. We apologize for any inconvenience. If you are using europe.gartner.com or italia.gartner.com, please try again in 5 minutes. For all other users, click here to try again now, or refresh your page in 30-60 seconds.Thank you for your patience.
    • Anonimo scrive:
      Re: Brava gente, questi openari
      - Scritto da: Anonimo
      Gartner dice qualcosa contro Linux e alcune
      ore dopo il loro sito è irraggiungibile.

      Esattamente come era successo al sito SCO
      qualche settimana fa.

      Niente da dire, veramente democratici questi
      openari...non so chi tu sia, però il tuo indirizzo IP è tracciabile, per cui se non ritratti ti ritroverai a doverti difendere in tribunale per diffamazione a mezzo telematico.
    • Anonimo scrive:
      Re: Brava gente, questi openari
      Chissa' come mai il sito mi microstroz non e' ancora caduto. mah...
      • Anonimo scrive:
        Re: Brava gente, questi openari
        form microsoft:perché fino a poco tempo fa c'erano server unix a tenerlo su.ora la major parte dei server sono NT ma il core è ancora unix.ciao- Scritto da: Anonimo
        Chissa' come mai il sito mi microstroz non
        e' ancora caduto. mah...
        • Anonimo scrive:
          Re: Brava gente, questi openari
          - Scritto da: Anonimo
          form microsoft:
          perché fino a poco tempo fa c'erano server
          unix a tenerlo su.
          ora la major parte dei server sono NT ma il
          core è ancora unix.
          Hahahahahma chi ti ha detto 'sta fregnaccia?Il sito MS è sempre stato su piattaforma Windows. Forse ti confondi con Hotmail che è stata acquisita all'esterno ed era su Solaris e BSD ed è stata portata solo in parte su Windows.
          • Anonimo scrive:
            Re: Brava gente, questi openari
            ho seguito diversi upgrade - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            form microsoft:

            perché fino a poco tempo fa c'erano server

            unix a tenerlo su.

            ora la major parte dei server sono NT ma
            il

            core è ancora unix.



            Hahahahah

            ma chi ti ha detto 'sta fregnaccia?

            Il sito MS è sempre stato su piattaforma
            Windows. Forse ti confondi con Hotmail che è
            stata acquisita all'esterno ed era su
            Solaris e BSD ed è stata portata solo in
            parte su Windows.
          • Anonimo scrive:
            Re: Brava gente, questi openari
            E quindi saresti un dipendente Microsoft?Non dire cretinate. Io sono VERAMENTE un dipendente Microsoft e tu stai sparando cazzate.- Scritto da: Anonimo
            ho seguito diversi upgrade

            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: Anonimo


            form microsoft:


            perché fino a poco tempo fa c'erano
            server


            unix a tenerlo su.


            ora la major parte dei server sono NT
            ma

            il


            core è ancora unix.






            Hahahahah



            ma chi ti ha detto 'sta fregnaccia?



            Il sito MS è sempre stato su piattaforma

            Windows. Forse ti confondi con Hotmail
            che è

            stata acquisita all'esterno ed era su

            Solaris e BSD ed è stata portata solo in

            parte su Windows.
          • Anonimo scrive:
            Re: Brava gente, questi openari
            io se fossi in te non mi sputtanerei così ùgratuitamente :-)(guarda ce il tuoi IP è tracciabile e ti potrei denunciare.ù)- Scritto da: Anonimo
            E quindi saresti un dipendente Microsoft?

            Non dire cretinate. Io sono VERAMENTE un
            dipendente Microsoft e tu stai sparando
            cazzate.
          • HackerProf scrive:
            Re: Brava gente, questi openari
            - Scritto da: Anonimo
            io se fossi in te non mi sputtanerei così
            ùgratuitamente :-)

            (guarda ce il tuoi IP è tracciabile e ti
            potrei denunciare.ù)

            - Scritto da: Anonimo

            E quindi saresti un dipendente Microsoft?



            Non dire cretinate. Io sono VERAMENTE un

            dipendente Microsoft e tu stai sparando

            cazzate.

            Io non sono dipendente M$ (dio me ne scampi) e comunque non me ne vanterei fossi in voi ...come quando sento dei consulenti come me sbandierare la loro certifcazione M$, come dico sempre guarda che non è un pregio... ognuno ha i propri difetti .... :-)Ciao ragazzi
          • Anonimo scrive:
            Re: Brava gente, questi openari
            - Scritto da: HackerProf
            Io non sono dipendente M$ (dio me ne scampi)
            e comunque non me ne vanterei fossi in voi
            ...come quando sento dei consulenti come me
            sbandierare la loro certifcazione M$, come
            dico sempre guarda che non è un pregio...
            ognuno ha i propri difetti .... :-)
            Ciao ragazzi E invece ti sbagli. Sono fiero di essere in Microsoft e di fare ogni giorno il mio lavoro al meglio delle mie capacità e possibilità. Se forse tu cercassi di guardare le cose con un minimo di obietività scopriresti che i tuoi sono solo pregiudizi. Non è mai bello creare etichette sulle persone.
          • Anonimo scrive:
            Re: Brava gente, questi openari
            Ti invidio un po': come posso fare per venire a lavorare da voi?ZioBill- Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: HackerProf


            Io non sono dipendente M$ (dio me ne
            scampi)

            e comunque non me ne vanterei fossi in voi

            ...come quando sento dei consulenti come
            me

            sbandierare la loro certifcazione M$, come

            dico sempre guarda che non è un pregio...

            ognuno ha i propri difetti .... :-)

            Ciao ragazzi

            E invece ti sbagli. Sono fiero di essere in
            Microsoft e di fare ogni giorno il mio
            lavoro al meglio delle mie capacità e
            possibilità. Se forse tu cercassi di
            guardare le cose con un minimo di obietività
            scopriresti che i tuoi sono solo pregiudizi.
            Non è mai bello creare etichette sulle
            persone.
          • Anonimo scrive:
            Re: Brava gente, questi openari
            - Scritto da: Anonimo
            Ti invidio un po': come posso fare per
            venire a lavorare da voi?

            ZioBill

            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: HackerProf




            Io non sono dipendente M$ (dio me ne

            scampi)


            e comunque non me ne vanterei fossi in
            voi


            ...come quando sento dei consulenti
            come

            me


            sbandierare la loro certifcazione M$,
            come


            dico sempre guarda che non è un
            pregio...


            ognuno ha i propri difetti .... :-)


            Ciao ragazzi



            E invece ti sbagli. Sono fiero di essere
            in

            Microsoft e di fare ogni giorno il mio

            lavoro al meglio delle mie capacità e

            possibilità. Se forse tu cercassi di

            guardare le cose con un minimo di
            obietività

            scopriresti che i tuoi sono solo
            pregiudizi.

            Non è mai bello creare etichette sulle

            persone.http://www.microsoft.com/italy/jobs/
          • Anonimo scrive:
            Re: Brava gente, questi openari
            - Scritto da: Anonimo
            Ti invidio un po': come posso fare per
            venire a lavorare da voi?

            ZioBillAl monumentale cercano gente
          • Anonimo scrive:
            Re: Brava gente, questi openari

            Ti invidio un po': come posso fare per
            venire a lavorare da voi?

            ZioBill Beh, la lobotomia l'hai già fatta, ti manca giusto il naso rosso e il cappellino con l'elica ...
          • Anonimo scrive:
            Re: Brava gente, questi openari
            - Scritto da: Anonimo
            Ti invidio un po': come posso fare per
            venire a lavorare da voi?

            ZioBillContinua a fare il bidet alla M$ e a tutti i suoi dipendenti e nel giro di 15453 anni ti assumeranno di sicuro.....
          • Anonimo scrive:
            Re: Brava gente, questi openari
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: HackerProf


            Io non sono dipendente M$ (dio me ne
            scampi)

            e comunque non me ne vanterei fossi in voi

            ...come quando sento dei consulenti come
            me

            sbandierare la loro certifcazione M$, come

            dico sempre guarda che non è un pregio...

            ognuno ha i propri difetti .... :-)

            Ciao ragazzi

            E invece ti sbagli. Sono fiero di essere in
            Microsoft e di fare ogni giorno il mio
            lavoro al meglio delle mie capacità e
            possibilità. Se forse tu cercassi di
            guardare le cose con un minimo di obietività
            scopriresti che i tuoi sono solo pregiudizi.
            Non è mai bello creare etichette sulle
            persone.amico della MS lasciali perdere questi openari falliti e dimmi come poter entrare a far parte della grande famiglia MS?(win)forever
  • Anonimo scrive:
    e se fosse il contrario?
    In un codice chiuso nessuno sa cosa c'è dentroin un codice aperto molti possono leggere il codiceQuindi in un codice chiuso pochissimi possono sapere *quando* è stata inserita una parte di codice.La domanda è quindi: chi può dire di aver copiato per primo?Quale tribunale può dire ad esempio "linux ha copiato..."?Nessuno lo può dire, visto che pochissimi sanno come era il codice di SCO prima della presunta copia....spero non sia troppo contorto, ma non posso essere più esplicito...non vorrei che denunciassero anche me....
    • Anonimo scrive:
      Re: e se fosse il contrario?
      - Scritto da: Anonimo
      In un codice chiuso nessuno sa cosa c'è
      dentro in un codice aperto molti possono leggere il
      codice.
      Quindi in un codice chiuso pochissimi
      possono sapere *quando* è stata inserita una
      parte di codice.
      ...
      Nessuno lo può dire, visto che pochissimi
      sanno come era il codice di SCO prima della
      presunta copia....Che io sappia si puo' prendendo il codice macchina generato per quella porzione di sorgente da un pacchetto venduto da SCO anni orsono e confrontarlo con cio' che genera quella porzione di codice. SCO deve dimostrare che quel codice era gia' un programma commerciale anni orsono l'apparizione in Linux di quelle righe.Non chiedetemi le tecniche di confronto pero' effettivamente ci sono tante differenze di compilazione in base a ottimizzazione per particolari CPU, tipo di compilatore usato ecc. ecc.Un bel lavoro...--Ciao. Mr. Mechano
  • Anonimo scrive:
    Come me la godo....
    Alla fine la verita' sta venendo a galla: prima questi open-sozzari che si riempivano la bocca di scemenze. Ora emerge che hanno scopiazzato a destra e a manca...Bella roba.ZioBill***absolutely no linux and open source software were used to write this post***
    • Anonimo scrive:
      Re: Come me la godo....

      Alla fine la verita' sta venendo a galla:
      prima questi open-sozzari che si riempivano
      la bocca di scemenze. Ora emerge che hanno
      scopiazzato a destra e a manca...

      Bella roba.ehehehehe allora sai che ti dico? se ragioni così appena vinciamo la causa veniamo a casa tua a festeggiare...poi vediamo chi gode ? :D pereppepepè pereppepepè pereppepepè pereppepepèby Linus T
    • Anonimo scrive:
      Re: Come me la godo....
      - Scritto da: Anonimo
      Alla fine la verita' sta venendo a galla:quale verità?
      Ora emerge che hanno
      scopiazzato a destra e a manca...hai delle prove o preferisci essere denunciato così, a piede libero?
    • Anonimo scrive:
      Re: Come me la godo....
      - Scritto da: Anonimo
      Alla fine la verita' sta venendo a galla:quale? che sei un alieno appartenente ad un popolo che ha un solo cervello condiviso? :P
      prima questi open-sozzari che si riempivano
      la bocca di scemenze. Ora emerge che hanno
      scopiazzato a destra e a manca...a dire il vero non e` emerso proprio un bel niente: non basta un'accusa per fare una sentenza, sai?

      Bella roba.cosa? forse il primo baco di windows2003? "il sistema operativo piu` sicuro del mondo, ecc. ecc..." buahahahahahridicoli

      ZioBill
      ***absolutely no linux and open source
      software were used to write this post***seriamente: vuoi che ti regali una grammatica inglese, cosi` magari impari qualcosa?raist
    • Anonimo scrive:
      Re: Come me la godo....
      - Scritto da: Anonimopropongo di denunciare per diffamazione il soggetto autore di questa missiva:
      Alla fine la verita' sta venendo a galla:
      prima questi open-sozzari che si riempivano
      la bocca di scemenze. Ora emerge che hanno
      scopiazzato a destra e a manca...

      Bella roba.

      ZioBill
      ***absolutely no linux and open source
      software were used to write this post***
    • Anonimo scrive:
      Re: Come me la godo....
      - Scritto da: Anonimo
      Alla fine la verita' sta venendo a galla:
      prima questi open-sozzari che si riempivano
      la bocca di scemenze. Ora emerge che hanno
      scopiazzato a destra e a manca...

      Bella roba.

      ZioBill
      ***absolutely no linux and open source
      software were used to write this post***Il solito poveraccio che si fa spillare i soldi da bill ed e' pure contentoo e' masochista o lavora per m$
      • Anonimo scrive:
        Re: Come me la godo....
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Alla fine la verita' sta venendo a galla:

        prima questi open-sozzari che si
        riempivano

        la bocca di scemenze. Ora emerge che hanno

        scopiazzato a destra e a manca...



        Bella roba.



        ZioBill

        ***absolutely no linux and open source

        software were used to write this post***

        Il solito poveraccio che si fa spillare i
        soldi da bill ed e' pure contento
        o e' masochista o lavora per m$in ogni caso non ha il diritto di diffamareCome si regola con la sua vita è affar suo, ma credo sia ora di far pagare ai diffamatori quanto hanno fatto e stanno facendo.Sfido l'estensore dell'articolo originale a presentare le prove di quanto afferma o a vedercela in tribunaleE se crede che stia scherzando sarà interessante vedere la sua faccia e portare anche queste sue parole in sede dibattimentale, per chiudere anche questo conto
        • Anonimo scrive:
          Re: Come me la godo....
          Denunciare?huahahaha..poveri estremisti linuxiani .. siete proprio nervosetti eh? (Provocazione Gratuita)Ma che caxxo dici? ... e finitela con questa guerra Linuxiani-Windowsiani.. e andate a lavorare...
    • Anonimo scrive:
      Re: Come me la godo....
      - Scritto da: Anonimo
      Alla fine la verita' sta venendo a galla:
      prima questi open-sozzari che si riempivano
      la bocca di scemenze. Ora emerge che hanno
      scopiazzato a destra e a manca...

      Bella roba.

      ZioBill
      ***absolutely no linux and open source
      software were used to write this post***anonimo ziobill, è ora che paghi per le tue diffamazioni.O ritratti quanto hai affermato o sei pronto per un bel giro di waltzer in un'aula di tribunale, denunciato per diffamazione a mezzo telematicoQualcuno dovrebbe ricordarsi che c'è gente che con Linux e l'Open Source ci lavora. La diffamazione non colpisce solo l'orgoglio personale, ma anche interessi veri e propri.
    • Anonimo scrive:
      Re: Come me la godo....

      ZioBill
      ***absolutely no linux and open source
      software were used to write this post***ma sei sicuro, proprio niente di open source?allora non hai usato windows!perchè se hai usato windows hai usato notevoli porzioni di codice prese da diversi sistemi open source, primi tra tutti i bsd (che come licenza lo consentono, quindi nulla di male, ma certo non ci si può più vantare che non ci sia o.src. in win).E poi senza vedere il codice come fai a sapere cosa c'è dentro? Magari stai usando una slackware che ti hanno venduto per xp... come puoi dimostrare il contrario?(linux)***bsd è per chi ama unix, linux è per chi odia M$... W linux!***
      • Anonimo scrive:
        Re: Come me la godo....
        Non tornero' ancora su questa questione di lana caprina. Rileggiti i miei post passati.ZioBill***linux? e' la peggior disgrazia che sia capitata al genere umano...***- Scritto da: Anonimo

        ZioBill

        ***absolutely no linux and open source

        software were used to write this post***

        ma sei sicuro, proprio niente di open source?
        allora non hai usato windows!
        perchè se hai usato windows hai usato
        notevoli porzioni di codice prese da diversi
        sistemi open source, primi tra tutti i bsd
        (che come licenza lo consentono, quindi
        nulla di male, ma certo non ci si può più
        vantare che non ci sia o.src. in win).
        E poi senza vedere il codice come fai a
        sapere cosa c'è dentro? Magari stai usando
        una slackware che ti hanno venduto per xp...
        come puoi dimostrare il contrario?
        (linux)
        ***bsd è per chi ama unix, linux è per chi
        odia M$... W linux!***
      • Anonimo scrive:
        Re: Come me la godo....
        - Scritto da: Anonimo

        ZioBill

        ***absolutely no linux and open source

        software were used to write this post***

        ma sei sicuro, proprio niente di open source?
        allora non hai usato windows!
        perchè se hai usato windows hai usato
        notevoli porzioni di codice prese da diversi
        sistemi open source,impossibile win non fa schifo come i sistemi open sorcio quindi discorso chiuso openaro del tuboabsolutely no money with open source
    • Anonimo scrive:
      Re: Come me la godo....
      - Scritto da: Anonimo
      Alla fine la verita' sta venendo a galla:
      prima questi open-sozzari che si riempivano
      la bocca di scemenze. Ora emerge che hanno
      scopiazzato a destra e a manca...

      Bella roba.

      ZioBill
      ***absolutely no linux and open source
      software were used to write this post***poi, Zio Bill ritratta tutto:CERRRTO che ritratto!!!!Ci pensera' SCO a fare giustizia...In quanto a me non mi costa niente ritrattare!!!!ZioBill***RITRATTO, RITRATTO, RITRATTO, RITRATTO!!!!***- Scritto da: Anonimo
      rispondo alla
      punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=365102
      dell'anonimo ZioBill


      Perche' ti senti diffamato?

      perché io con Linux e gli altri strumenti ci
      lavoro.

      le tue accuse, leggibili su

      punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=364880

      sono infamanti.

      O le giustifichi o le ritratti


      io uso sia Microsoft sia (anche se meno)
      Linux.

      queste affermazioni riguardano te e me non
      interessano.

      Le tue affermazioni che mi riguardano in
      qualità di operatore informatico, invece,
      sono sottoponibiloi a giudizio come
      diffamatorie



      Se ho urtato la tua sensibilita', "scusa
      davvero",

      è una ritrattazione ?


      pero' ti ricordo che molti qui hanno
      urtato la mia,

      sono problemi tuoi. Non hai il diritto di
      coinvolgermi spalandomi addosso fango


      E non me la prendo, perche' e' nella
      natura di questi forum dileggiarsi a
      vicenda.

      i partecipanti di questo forum non sono al
      di sopra della legge


      Per il resto, credimi, e' veramente
      incredibile e fuori luogo
      che tu te la sia
      presa per quell'affermazione (che non posso

      ritrattare ne' smentire

      quindi non ritratti le tue affermazioni ?

      qui

      punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=364880

      hai affermato che una verita sta venendo a
      galla

      "Ora emerge che hanno scopiazzato a destra e
      a manca."

      _dove_ "emerge"?

      dove sono le prove che ti fanno dire una
      cosa come questa?

      Hai dato questa tua interpretazione come
      "verità in emersione",.

      Le accuse sono tue.
      La responsabilità pure


      Senza rancore,

      e senza smentita


      Scritto da: Anonimo



      - Scritto da: Ekleptical



      ottimo, così abbiamo tutti quello che



      vogliamo





      Che dire? Divertiti!



      ognuno lo fa, a suo modo

  • Anonimo scrive:
    LinuxTag:azion.legale contr.SCO germania
    "LinuxTag minaccia azioni legali contro SCO Germania"http://www.linuxdesktop.it/article.php?sid=476annamo bene :-)
    • Anonimo scrive:
      Re: LinuxTag:azion.legale contr.SCO germ
      - Scritto da: Anonimo
      "LinuxTag minaccia azioni legali contro SCO
      Germania"

      http://www.linuxdesktop.it/article.php?sid=47

      annamo bene :-)in effetti è questa la risposta che deve essere fornita al bluff di SCOSCO inquina un mercato con le sue manovre sporche? Facciamogliela pagare cara, subito.
  • Anonimo scrive:
    il punto della situazione
    Sco fa causa legale pechè dice che Linuz è copiato. Significa tribunali, processi incertezza. Allo stesso tempo annuncia accordo con Microsoft. La quale poverina non potrà mai essere imputata di aver portato Linux in tribunale visto che sul piano tecnico non riesce a contrastarlo. Soprattutto ora che linux sta facendo progressi sul mercato desktop in modo incredibile rispetto a soli 3 anni fa (lo so bene perchè tutto il mio ufficio gira in linuz). Creare incertezza e ansie legali per bloccarne la diffusione. Mi sembra così evidente..... giorgio
    • nop scrive:
      Re: il punto della situazione

      Soprattutto ora che linux sta facendo
      progressi sul mercato desktop in modo
      incredibile rispetto a soli 3 anni fa (lo so
      bene perchè tutto il mio ufficio gira in
      linuz)Mi spiace ma mancano sempre fonti concrete...Il tuo ufficio per quanto caruccio non conta nulla!Chissa quando comincierete a parlare con dati certi....Ciao
      • Anonimo scrive:
        Re: il punto della situazione
        - Scritto da: nop

        Mi spiace ma mancano sempre fonti concrete...
        Il tuo ufficio per quanto caruccio non conta
        nulla!Anche io ho cominciato ad usare Open Office.Un'altra pietruzza e' stata lanciata...
        Chissa quando comincierete a parlare con
        dati certi....Questi sono dati di tendenza... tante pietruzze fanno la frana. 8)
        • Anonimo scrive:
          Re: il punto della situazione
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: nop




          Mi spiace ma mancano sempre fonti
          concrete...

          Il tuo ufficio per quanto caruccio non
          conta

          nulla!

          Anche io ho cominciato ad usare Open Office.
          Un'altra pietruzza e' stata lanciata...


          Chissa quando comincierete a parlare con

          dati certi....

          Questi sono dati di tendenza... tante
          pietruzze fanno la frana. 8)idem nel mio ufficio, pian piano ci porto tutti i pc...
          • nop scrive:
            Re: il punto della situazione

            idem nel mio ufficio, pian piano ci porto
            tutti i pc... Non capisco cosa non avete capito della frase "dati concreti"....Mio padre dopo aver provato Linux è ritornato a Windows ... secondo il vostro ragionamento Linux fa schifo.... ma sappiamo che non è vero :-))
          • Anonimo scrive:
            Re: il punto della situazione

            Mio padre dopo aver provato Linux è
            ritornato a Windows ... condoglianze per tuo padre ...ti sono vicino (linux)
          • nop scrive:
            Re: il punto della situazione
            - Scritto da: Anonimo


            Mio padre dopo aver provato Linux è

            ritornato a Windows ...

            condoglianze per tuo padre ...ti sono vicino
            (linux)Sta bene grazie, probabilmente lui bada alla sostanza non alla forma( in parole povere per quel che usa il computer Windows lo soddisfa.....) Ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: il punto della situazione



            Mio padre dopo aver provato Linux è


            ritornato a Windows ...
            Sta bene grazie, probabilmente lui bada alla
            sostanza non alla formain parole povere non ha la totale capacità mentale e fisica.....continuo ad esserti vicinociaop.s.: trovami la sostanza in winzoz :D
          • nop scrive:
            Re: il punto della situazione


            p.s.: trovami la sostanza in winzoz :DSe ti limiti a navigare su internet, leggere la posta e il newsgroups vedrai che Windows ha sostanza(in altre parole funziona...)
          • Anonimo scrive:
            Re: il punto della situazione

            Se ti limiti a navigare su internet, leggere
            la posta e il newsgroups vedrai che Windows
            ha sostanza(in altre parole funziona...)certo ...e funziona anche troppo, infatti sai quanto rischi a prenderti un virus? o che qualcuno entri nel tuo sistema?tu la macchina non la chiudi quando la parcheggi? :Dciao
          • nop scrive:
            Re: il punto della situazione

            certo ...e funziona anche troppo, infatti
            sai quanto rischi a prenderti un virus? o
            che qualcuno entri nel tuo sistema?Nel primo caso un buon antivirus e un filo(neanche molta) di intelligenza bastano ed avanzano.Nel secondo una buona difesa è costituita dal firewall e anche in questo caso da un pizzico di intelligenza...
            tu la macchina non la chiudi quando la
            parcheggi? :DCerto e visto che la sicurezza non è totale è anche assicurata.Pensare che basta chiudere la macchina per tutelarsi da tutti gli eventi è stupido... e lo sai anche tu....
          • Anonimo scrive:
            Re: il punto della situazione

            Nel primo caso un buon antivirus e un
            filo(neanche molta) di intelligenza bastano
            ed avanzano.
            Nel secondo una buona difesa è costituita
            dal firewall e anche in questo caso da un
            pizzico di intelligenza...
            BRAVO hai ragione, solo che per fare questo con winzoz quanto spendi? perchè sicuramente le licenze le dovrai pur comprare giusto? mentre con linux è gratuito :) completamente.....:Dper quanto riguarda la macchina lo so pure io che non basta chiuderla, ma con winzoz non si fa neppure quello!!!
          • nop scrive:
            Re: il punto della situazione

            BRAVO hai ragione, solo che per fare questo
            con winzoz quanto spendi? perchè sicuramente
            le licenze le dovrai pur comprare giusto?
            mentre con linux è gratuito :)
            completamente.....:DTi informo che esistono antivirus gratuiti su piattaforma Windows.Ti informo che esistono firewall gratuiti su piattaforma Windows.
            per quanto riguarda la macchina lo so pure
            io che non basta chiuderla, ma con winzoz
            non si fa neppure quello!!!Bene ... ma non tutti sono coscienti del fatto che anche Linux può essere bucato...Ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: il punto della situazione
            - Scritto da: nop


            BRAVO hai ragione, solo che per fare
            questo

            con winzoz quanto spendi? perchè
            sicuramente

            le licenze le dovrai pur comprare giusto?

            mentre con linux è gratuito :)

            completamente.....:D

            Ti informo che esistono antivirus gratuiti
            su piattaforma Windows.per uso personale, ma per aziende?
            Ti informo che esistono firewall gratuiti su
            piattaforma Windows.per uso personale, ma per aziende?
          • nop scrive:
            Re: il punto della situazione


            per uso personale, ma per aziende?
            per uso personale, ma per aziende?
            si parlava mica del pc del mio papino?
          • nop scrive:
            Re: il punto della situazione


            per uso personale, ma per aziende?
            per uso personale, ma per aziende?
            si parlava mica del pc del mio papino?
          • Anonimo scrive:
            Re: il punto della situazione
            - Scritto da: nop


            BRAVO hai ragione, solo che per fare
            questo

            con winzoz quanto spendi? perchè
            sicuramente

            le licenze le dovrai pur comprare giusto?

            mentre con linux è gratuito :)

            completamente.....:D

            Ti informo che esistono antivirus gratuiti
            su piattaforma Windows.per uso personale, ma per aziende?
            Ti informo che esistono firewall gratuiti su
            piattaforma Windows.per uso personale, ma per aziende?
          • Anonimo scrive:
            Re: il punto della situazione

            Ti informo che esistono antivirus gratuiti
            su piattaforma Windows.
            Ti informo che esistono firewall gratuiti su
            piattaforma Windows.
            io invece ti informo che non conosco l'efficacia di questi prodotti (tu ne sei certo?) e comunque non ne capirei il motivo visto che paghi per avere un sistemo operativo
            Bene ... ma non tutti sono coscienti del
            fatto che anche Linux può essere bucato...
            certo,ma sicuramente è molto + difficile e poi sicuramente non da uno che usa winzoz
          • Anonimo scrive:
            Re: il punto della situazione

            Ti informo che esistono antivirus gratuiti
            su piattaforma Windows.
            Ti informo che esistono firewall gratuiti su
            piattaforma Windows.
            io invece ti informo che non conosco l'efficacia di questi prodotti (tu ne sei certo?) e comunque non ne capirei il motivo visto che paghi per avere un sistemo operativo
            Bene ... ma non tutti sono coscienti del
            fatto che anche Linux può essere bucato...
            certo,ma sicuramente è molto + difficile e poi sicuramente non da uno che usa winzoz
          • nop scrive:
            Re: il punto della situazione

            BRAVO hai ragione, solo che per fare questo
            con winzoz quanto spendi? perchè sicuramente
            le licenze le dovrai pur comprare giusto?
            mentre con linux è gratuito :)
            completamente.....:DTi informo che esistono antivirus gratuiti su piattaforma Windows.Ti informo che esistono firewall gratuiti su piattaforma Windows.
            per quanto riguarda la macchina lo so pure
            io che non basta chiuderla, ma con winzoz
            non si fa neppure quello!!!Bene ... ma non tutti sono coscienti del fatto che anche Linux può essere bucato...Ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: il punto della situazione

            Nel primo caso un buon antivirus e un
            filo(neanche molta) di intelligenza bastano
            ed avanzano.
            Nel secondo una buona difesa è costituita
            dal firewall e anche in questo caso da un
            pizzico di intelligenza...
            BRAVO hai ragione, solo che per fare questo con winzoz quanto spendi? perchè sicuramente le licenze le dovrai pur comprare giusto? mentre con linux è gratuito :) completamente.....:Dper quanto riguarda la macchina lo so pure io che non basta chiuderla, ma con winzoz non si fa neppure quello!!!
          • Anonimo scrive:
            Re: il punto della situazione
            - Scritto da: nop


            certo ...e funziona anche troppo, infatti

            sai quanto rischi a prenderti un virus? o

            che qualcuno entri nel tuo sistema?

            Nel primo caso un buon antivirus ecco un costo aggiuntivo che alza il prezzo di un SO già fuori mercato (ormai, visto l'utilizzabilità desktop di LINUX)
          • nop scrive:
            Re: il punto della situazione

            ecco un costo aggiuntivo che alza il prezzo
            di un SO già fuori mercato (ormai, visto
            l'utilizzabilità desktop di LINUX)
            Fuori mercato.....Ti sottolineo poi che utilizzo un software antivirus gratuito...
          • Anonimo scrive:
            Re: il punto della situazione
            - Scritto da: nop


            ecco un costo aggiuntivo che alza il
            prezzo

            di un SO già fuori mercato (ormai, visto

            l'utilizzabilità desktop di LINUX)



            Fuori mercato.....certo: Linux costa ZERO e con un software di Office Automation GRATISin breve, windowes è fuori mercato e solo una situazione di monopolio costringe un mercato drogato a comprarlo.Sei al corrente, vero, che microsoft è stato riconosciuto giuridicamente quale monopolio ed è tuttora sottoposto a limitazioni da parte dell'amministrazione USA, vero?
            Ti sottolineo poi che utilizzo un software
            antivirus gratuito...quale?Non è che si tratta invece di software trial?Oppure: sei in grado di utilizzare gratuitamente lo stesso software in azienda ?
          • nop scrive:
            Re: il punto della situazione

            Oppure: sei in grado di utilizzare
            gratuitamente lo stesso software in azienda
            ?Assolutamente no. Ma la cosa non mi interessa ... stavo parlando del mio pc domestico....
          • nop scrive:
            Re: il punto della situazione

            Oppure: sei in grado di utilizzare
            gratuitamente lo stesso software in azienda
            ?Assolutamente no. Ma la cosa non mi interessa ... stavo parlando del mio pc domestico....
          • Sarge scrive:
            Re: il punto della situazione
            - Scritto da: Anonimo
            certo: Linux costa ZERO e con un software di
            Office Automation GRATISLinux non costa zero se il tuo tempo non vale zero, e il software di office automation fa un terzo di quello che serve a me. Gli altri due terzi rimedio con WINE + Office ?
            in breve, windowes è fuori mercato e solo
            una situazione di monopolio costringe un
            mercato drogato a comprarlo.Windows come sistema operativo desktop non e' mai stato cosi' in mercato. La concorrenza linux ha fatto bene senz'altro, e ha fatto produrre qualcosa che va molto bene, mi spiace per te. Il livello di integrazione shell non ha uguali per ora. E' proprio una questione di velocita'.


            Ti sottolineo poi che utilizzo un software

            antivirus gratuito...

            quale?

            Non è che si tratta invece di software trial?Qui probabilmente hai fatto un passo falso. Hai mostrato che non conosci molto bene il mondo windows, per cui passo e chiudo :)Saluti.
          • Anonimo scrive:
            Re: il punto della situazione
            - Scritto da: Sarge

            - Scritto da: Anonimo

            certo: Linux costa ZERO e con un software
            di

            Office Automation GRATIS

            Linux non costa zero se il tuo tempo non
            vale zero, è una valutazione soggettiva.Io ho visto persone avere altrettanta difficoltà con windows

            in breve, windowes è fuori mercato e solo

            una situazione di monopolio costringe un

            mercato drogato a comprarlo.

            Windows come sistema operativo desktop non
            e' mai stato cosi' in mercato. per essere un prodotto del monopolio, certo.


            Ti sottolineo poi che utilizzo un
            software


            antivirus gratuito...



            quale?



            Non è che si tratta invece di software
            trial?

            Qui probabilmente hai fatto un passo falso.ma non spieghi quale
          • Anonimo scrive:
            Re: il punto della situazione
            - Scritto da: Sarge

            - Scritto da: Anonimo

            certo: Linux costa ZERO e con un software
            di

            Office Automation GRATIS

            Linux non costa zero se il tuo tempo non
            vale zero, è una valutazione soggettiva.Io ho visto persone avere altrettanta difficoltà con windows

            in breve, windowes è fuori mercato e solo

            una situazione di monopolio costringe un

            mercato drogato a comprarlo.

            Windows come sistema operativo desktop non
            e' mai stato cosi' in mercato. per essere un prodotto del monopolio, certo.


            Ti sottolineo poi che utilizzo un
            software


            antivirus gratuito...



            quale?



            Non è che si tratta invece di software
            trial?

            Qui probabilmente hai fatto un passo falso.ma non spieghi quale
          • Sarge scrive:
            Re: il punto della situazione
            - Scritto da: Anonimo
            certo: Linux costa ZERO e con un software di
            Office Automation GRATISLinux non costa zero se il tuo tempo non vale zero, e il software di office automation fa un terzo di quello che serve a me. Gli altri due terzi rimedio con WINE + Office ?
            in breve, windowes è fuori mercato e solo
            una situazione di monopolio costringe un
            mercato drogato a comprarlo.Windows come sistema operativo desktop non e' mai stato cosi' in mercato. La concorrenza linux ha fatto bene senz'altro, e ha fatto produrre qualcosa che va molto bene, mi spiace per te. Il livello di integrazione shell non ha uguali per ora. E' proprio una questione di velocita'.


            Ti sottolineo poi che utilizzo un software

            antivirus gratuito...

            quale?

            Non è che si tratta invece di software trial?Qui probabilmente hai fatto un passo falso. Hai mostrato che non conosci molto bene il mondo windows, per cui passo e chiudo :)Saluti.
          • Anonimo scrive:
            Re: il punto della situazione
            - Scritto da: nop


            ecco un costo aggiuntivo che alza il
            prezzo

            di un SO già fuori mercato (ormai, visto

            l'utilizzabilità desktop di LINUX)



            Fuori mercato.....certo: Linux costa ZERO e con un software di Office Automation GRATISin breve, windowes è fuori mercato e solo una situazione di monopolio costringe un mercato drogato a comprarlo.Sei al corrente, vero, che microsoft è stato riconosciuto giuridicamente quale monopolio ed è tuttora sottoposto a limitazioni da parte dell'amministrazione USA, vero?
            Ti sottolineo poi che utilizzo un software
            antivirus gratuito...quale?Non è che si tratta invece di software trial?Oppure: sei in grado di utilizzare gratuitamente lo stesso software in azienda ?
          • nop scrive:
            Re: il punto della situazione

            ecco un costo aggiuntivo che alza il prezzo
            di un SO già fuori mercato (ormai, visto
            l'utilizzabilità desktop di LINUX)
            Fuori mercato.....Ti sottolineo poi che utilizzo un software antivirus gratuito...
          • Anonimo scrive:
            Re: il punto della situazione
            - Scritto da: nop


            certo ...e funziona anche troppo, infatti

            sai quanto rischi a prenderti un virus? o

            che qualcuno entri nel tuo sistema?

            Nel primo caso un buon antivirus ecco un costo aggiuntivo che alza il prezzo di un SO già fuori mercato (ormai, visto l'utilizzabilità desktop di LINUX)
          • Anonimo scrive:
            Re: [OT Re: il punto della situazione
            - Scritto da: Anonimo
            cmq non riesco ad usare linux perché non mi
            interessa usarlo.come al solito, spesso, è una questione di volontà
          • Anonimo scrive:
            Re: [OT Re: il punto della situazione
            - Scritto da: Anonimo
            cmq non riesco ad usare linux perché non mi
            interessa usarlo.come al solito, spesso, è una questione di volontà
          • nop scrive:
            Re: il punto della situazione

            certo ...e funziona anche troppo, infatti
            sai quanto rischi a prenderti un virus? o
            che qualcuno entri nel tuo sistema?Nel primo caso un buon antivirus e un filo(neanche molta) di intelligenza bastano ed avanzano.Nel secondo una buona difesa è costituita dal firewall e anche in questo caso da un pizzico di intelligenza...
            tu la macchina non la chiudi quando la
            parcheggi? :DCerto e visto che la sicurezza non è totale è anche assicurata.Pensare che basta chiudere la macchina per tutelarsi da tutti gli eventi è stupido... e lo sai anche tu....
          • Anonimo scrive:
            Re: il punto della situazione

            Se ti limiti a navigare su internet, leggere
            la posta e il newsgroups vedrai che Windows
            ha sostanza(in altre parole funziona...)certo ...e funziona anche troppo, infatti sai quanto rischi a prenderti un virus? o che qualcuno entri nel tuo sistema?tu la macchina non la chiudi quando la parcheggi? :Dciao
          • Anonimo scrive:
            Re: il punto della situazione



            Mio padre dopo aver provato Linux è


            ritornato a Windows ...
            Sta bene grazie, probabilmente lui bada alla
            sostanza non alla formain parole povere non ha la totale capacità mentale e fisica.....continuo ad esserti vicinociaop.s.: trovami la sostanza in winzoz :D
          • Anonimo scrive:
            Re: il punto della situazione


            Anche io ho cominciato ad usare Open
            Office.

            Un'altra pietruzza e' stata lanciata...




            Chissa quando comincierete a parlare
            con


            dati certi....



            Questi sono dati di tendenza... tante

            pietruzze fanno la frana. 8)

            idem nel mio ufficio, pian piano ci porto
            tutti i pc... io lavoro in proprio come libero professionista e ho 3 pc, prima erano 2 win98 + 1 win2k tutti con msoffice (tutte licenze regolarmente comprate) ora ho 2 linux mandrake 9.1 + 1 win2k con open office, (ho venduto le licenze win98 e office a meta' prezzo recuperando qualcosa) mi tengo il win2k perche' devo usare per forza dei software che non esistono per linux, come photoshop e illustrator, se esistessero anche per linux e' da un pezzo che l'avrei fatto fuori anche il w2k (gimp non e' all'altezza ancora, non gestisce cmyk ecc), ma sui linux ci faccio regolare produzione 3d con Blender (che e' open source, e che amo fisicamente proprio) facendo anche rendering distribuiti e quant'altro... Un passetto alla volta... ;) Anzi, come diceva l'amico sopra, tante pietre, o anche tanti granelli di sabbia, fanno delle montagne maestose.E chiudo riportando il testo (che e' un messaggio importante) dell'ultima canzone del grande Ben Harper!-----------------------------------------------I can change the worldWith my own two hands Make a better place With my own two hands Make a kinder place With my own two hands With my own With my own two hands I can make peace on earth With my own two hands I can clean up the earth With my own two hands I can reach out to you With my own two hands With my own With my own two hands I'm gonna make it a brighter place I'm gonna make it a safer place I'm gonna help the human race With my own With my own two hands I can hold you With my own two hands I can comfort you With my own two hands But you got to use Use your own two hands Use your own Use your own two hands With our own With our own two hands With my own With my own two hands-----------------------------------------------Ciao!
          • Anonimo scrive:
            Re: il punto della situazione


            Anche io ho cominciato ad usare Open
            Office.

            Un'altra pietruzza e' stata lanciata...




            Chissa quando comincierete a parlare
            con


            dati certi....



            Questi sono dati di tendenza... tante

            pietruzze fanno la frana. 8)

            idem nel mio ufficio, pian piano ci porto
            tutti i pc... io lavoro in proprio come libero professionista e ho 3 pc, prima erano 2 win98 + 1 win2k tutti con msoffice (tutte licenze regolarmente comprate) ora ho 2 linux mandrake 9.1 + 1 win2k con open office, (ho venduto le licenze win98 e office a meta' prezzo recuperando qualcosa) mi tengo il win2k perche' devo usare per forza dei software che non esistono per linux, come photoshop e illustrator, se esistessero anche per linux e' da un pezzo che l'avrei fatto fuori anche il w2k (gimp non e' all'altezza ancora, non gestisce cmyk ecc), ma sui linux ci faccio regolare produzione 3d con Blender (che e' open source, e che amo fisicamente proprio) facendo anche rendering distribuiti e quant'altro... Un passetto alla volta... ;) Anzi, come diceva l'amico sopra, tante pietre, o anche tanti granelli di sabbia, fanno delle montagne maestose.E chiudo riportando il testo (che e' un messaggio importante) dell'ultima canzone del grande Ben Harper!-----------------------------------------------I can change the worldWith my own two hands Make a better place With my own two hands Make a kinder place With my own two hands With my own With my own two hands I can make peace on earth With my own two hands I can clean up the earth With my own two hands I can reach out to you With my own two hands With my own With my own two hands I'm gonna make it a brighter place I'm gonna make it a safer place I'm gonna help the human race With my own With my own two hands I can hold you With my own two hands I can comfort you With my own two hands But you got to use Use your own two hands Use your own Use your own two hands With our own With our own two hands With my own With my own two hands-----------------------------------------------Ciao!
        • nop scrive:
          Re: il punto della situazione

          Questi sono dati di tendenza... tante
          pietruzze fanno la frana. 8)Il fatto che tu sia passato a OO non mi evidenzia nessuna linea di tendenza......non si tratta di un dato concreto...
          • vidock scrive:
            Re: il punto della situazione
            e che due palle con sti dati concreti..solo un cieco non vedrebbe l'avanzata di Linux su tutti i fronti..dati certi...
          • vidock scrive:
            Re: il punto della situazione
            e che due palle con sti dati concreti..solo un cieco non vedrebbe l'avanzata di Linux su tutti i fronti..dati certi...
        • nop scrive:
          Re: il punto della situazione

          Questi sono dati di tendenza... tante
          pietruzze fanno la frana. 8)Il fatto che tu sia passato a OO non mi evidenzia nessuna linea di tendenza......non si tratta di un dato concreto...
        • Anonimo scrive:
          Re: il punto della situazione
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: nop




          Mi spiace ma mancano sempre fonti
          concrete...

          Il tuo ufficio per quanto caruccio non
          conta

          nulla!

          Anche io ho cominciato ad usare Open Office.
          Un'altra pietruzza e' stata lanciata...


          Chissa quando comincierete a parlare con

          dati certi....

          Questi sono dati di tendenza... tante
          pietruzze fanno la frana. 8)infatti.nel mio ufficio, invece, abbiamo installato con successo un groupware OS molto efficiente e valido (http://www.phprojekt.com) che gira su una sola macchina server Linux (classica piattaforma LAMP) e che ci ha evitato un'installazione di exchange di microsoft.Lo consiglio a tutti. Si risparmia una barca di ????uri e si è serviti in modo eccelso percalendari, progetti, posta, chat, forum, e altri moduli aggiuntivi installabili
          • Anonimo scrive:
            Re: il punto della situazione
            Anche io l'ho installato in ufficio, al posto di Domino.
          • Anonimo scrive:
            Re: il punto della situazione
            - Scritto da: Anonimo
            Anche io l'ho installato in ufficio, al
            posto di Domino.ottimo!
          • Anonimo scrive:
            Re: il punto della situazione
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            Anche io l'ho installato in ufficio, al

            posto di Domino.

            ottimo!e in più te lo personalizzi come vuoi tu....io l'ho letteralmente rovesciato come un calzinoGira su un P333 con 256 Mega di Ram (con redhat 7.3) e regge benissimo una rete di 20 Macchine
          • Anonimo scrive:
            Re: il punto della situazione
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            Anche io l'ho installato in ufficio, al

            posto di Domino.

            ottimo!e in più te lo personalizzi come vuoi tu....io l'ho letteralmente rovesciato come un calzinoGira su un P333 con 256 Mega di Ram (con redhat 7.3) e regge benissimo una rete di 20 Macchine
          • Anonimo scrive:
            Re: il punto della situazione
            - Scritto da: Anonimo
            Anche io l'ho installato in ufficio, al
            posto di Domino.ottimo!
          • Anonimo scrive:
            Re: il punto della situazione
            Anche io l'ho installato in ufficio, al posto di Domino.
        • Anonimo scrive:
          Re: il punto della situazione
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: nop




          Mi spiace ma mancano sempre fonti
          concrete...

          Il tuo ufficio per quanto caruccio non
          conta

          nulla!

          Anche io ho cominciato ad usare Open Office.
          Un'altra pietruzza e' stata lanciata...


          Chissa quando comincierete a parlare con

          dati certi....

          Questi sono dati di tendenza... tante
          pietruzze fanno la frana. 8)infatti.nel mio ufficio, invece, abbiamo installato con successo un groupware OS molto efficiente e valido (http://www.phprojekt.com) che gira su una sola macchina server Linux (classica piattaforma LAMP) e che ci ha evitato un'installazione di exchange di microsoft.Lo consiglio a tutti. Si risparmia una barca di ????uri e si è serviti in modo eccelso percalendari, progetti, posta, chat, forum, e altri moduli aggiuntivi installabili
      • Anonimo scrive:
        Re: il punto della situazione
        - Scritto da: nop
        Chissa quando comincierete a parlare con dati certi.... ^^^^^^^^^^^^^Tu, invece, quando hai intenzione di imparare l'italiano?Vuoi dati certi? Pronti: http://www.netcraft.com
        • nop scrive:
          Re: il punto della situazione

          Tu, invece, quando hai intenzione di
          imparare l'italiano?
          Vuoi dati certi? Pronti:
          http://www.netcraft.comA parte l'errore di cui mi scuso(grazie per la tediosa precisazione) mi indichi un sito dove c'è evidenza dei server ma noi stiamo parlando di client....conosci la differenza?
        • nop scrive:
          Re: il punto della situazione

          Tu, invece, quando hai intenzione di
          imparare l'italiano?
          Vuoi dati certi? Pronti:
          http://www.netcraft.comA parte l'errore di cui mi scuso(grazie per la tediosa precisazione) mi indichi un sito dove c'è evidenza dei server ma noi stiamo parlando di client....conosci la differenza?
        • Ekleptical scrive:
          Re: il punto della situazione

          Vuoi dati certi? Pronti:
          http://www.netcraft.comDal grafico di NetCraft si vede un'espanisone di Apache (che gira sotto tutti gli OS, Windows compreso) nell'ambito server Web (che è cmq una nicchia di mercato dei server) a discapito di Sun e altri produttori. Microsoft è stabile tendenzialmente in ascesa.Dov'è esattamente che vedi questa corrosione di Microsoft da parte di Linux?Peraltro divertentissima questa notiziola da Netcraft:"Ironically, Richard Stallman best known for the creation and relentless advocacy of the General Public Licence, has for many years run his own site using software produced under the more generous BSD licence, switching to an operating system produced under the GPL during April" (2003)Per la serie, predica bene e razzola male (o viceversa, nel caso di RSM...)
          • Anonimo scrive:
            Apache su Windows

            che gira sotto tutti gli OS, Windows compresoUsare Apache su Windoze è esplicitamente sconsigliato dai suoi stessi creatori, secondo i quali, semplicemente, la piattaforma NT non è affidabile come web server.
          • Anonimo scrive:
            Apache su Windows

            che gira sotto tutti gli OS, Windows compresoUsare Apache su Windoze è esplicitamente sconsigliato dai suoi stessi creatori, secondo i quali, semplicemente, la piattaforma NT non è affidabile come web server.
        • Ekleptical scrive:
          Re: il punto della situazione

          Vuoi dati certi? Pronti:
          http://www.netcraft.comDal grafico di NetCraft si vede un'espanisone di Apache (che gira sotto tutti gli OS, Windows compreso) nell'ambito server Web (che è cmq una nicchia di mercato dei server) a discapito di Sun e altri produttori. Microsoft è stabile tendenzialmente in ascesa.Dov'è esattamente che vedi questa corrosione di Microsoft da parte di Linux?Peraltro divertentissima questa notiziola da Netcraft:"Ironically, Richard Stallman best known for the creation and relentless advocacy of the General Public Licence, has for many years run his own site using software produced under the more generous BSD licence, switching to an operating system produced under the GPL during April" (2003)Per la serie, predica bene e razzola male (o viceversa, nel caso di RSM...)
      • Anonimo scrive:
        Re: il punto della situazione
        - Scritto da: nop
        Chissa quando comincierete a parlare con dati certi.... ^^^^^^^^^^^^^Tu, invece, quando hai intenzione di imparare l'italiano?Vuoi dati certi? Pronti: http://www.netcraft.com
      • Anonimo scrive:
        .. a parlare con dati ceri ...

        Mi spiace ma mancano sempre fonti concrete...
        Il tuo ufficio per quanto caruccio non conta
        nulla!

        Chissa quando comincierete a parlare con
        dati certi....Appunto, dati certi non ce ne sono. SCO dice cheLinux viola il suo segreto industriale, ma non dicequale, dove, da quando.Inoltre, se questo fosse anche stato vero prima chedistribuisse SCO Linux, dal momento in cui ne hainiziato volontariamente la distribuzione non puo'piu' accampare alcun diritto, secondo la licenzache ha sottoscritto - oppure ha violato la licenzaGPL relativa a TUTTO IL CODICE LINUX e quindiin una causa i danni pagati da Linux a SCO sarebberonotevolmente minori di quelli pagati da SCO a Linux :-)
      • Anonimo scrive:
        .. a parlare con dati ceri ...

        Mi spiace ma mancano sempre fonti concrete...
        Il tuo ufficio per quanto caruccio non conta
        nulla!

        Chissa quando comincierete a parlare con
        dati certi....Appunto, dati certi non ce ne sono. SCO dice cheLinux viola il suo segreto industriale, ma non dicequale, dove, da quando.Inoltre, se questo fosse anche stato vero prima chedistribuisse SCO Linux, dal momento in cui ne hainiziato volontariamente la distribuzione non puo'piu' accampare alcun diritto, secondo la licenzache ha sottoscritto - oppure ha violato la licenzaGPL relativa a TUTTO IL CODICE LINUX e quindiin una causa i danni pagati da Linux a SCO sarebberonotevolmente minori di quelli pagati da SCO a Linux :-)
      • Anonimo scrive:
        Re: il punto della situazione
        - Scritto da: nop


        Soprattutto ora che linux sta facendo

        progressi sul mercato desktop in modo

        incredibile rispetto a soli 3 anni fa (lo
        so

        bene perchè tutto il mio ufficio gira in

        linuz)

        Mi spiace ma mancano sempre fonti concrete...
        Il tuo ufficio per quanto caruccio non conta
        nulla!

        Chissa quando comincierete a parlare con
        dati certi....

        CiaoQuesti dati ti piacciono?E' un ufficietto con 14.000 PC desktop!Microsoft loses big deal in MunichDespite Ballmer's 90% discounthttp://www.theinquirer.net/?article=9678Ciao
        • nop scrive:
          Re: il punto della situazione


          Questi dati ti piacciono?
          E' un ufficietto con 14.000 PC desktop!Adesso dimmi che lavori nella PA di Monaco!
          Microsoft loses big deal in Munich
          Despite Ballmer's 90% discount

          http://www.theinquirer.net/?article=9678
          CiaoHai letto con attenzione?" Munich seems set to select SuSE Linux and OpenOffice for all its 14,000 desktop systems, rather than continue to pay off the Vole."E cmq se fosse vero sarebbe una grande notizia...(la prima di questa portata)Ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: il punto della situazione
            - Scritto da: nop




            Questi dati ti piacciono?

            E' un ufficietto con 14.000 PC desktop!

            Adesso dimmi che lavori nella PA di Monaco!


            Microsoft loses big deal in Munich

            Despite Ballmer's 90% discount



            http://www.theinquirer.net/?article=9678

            Ciao

            Hai letto con attenzione?

            " Munich seems set to select SuSE Linux and
            OpenOffice for all its 14,000 desktop
            systems, rather than continue to pay off the
            Vole."

            E cmq se fosse vero sarebbe una grande
            notizia...(la prima di questa portata)

            Ciao
            ok, stando alle notizie date, la questione, definita nei termini detti, dovrebbe essere ufficializzata proprio domani 28/5
          • Anonimo scrive:
            Re: il punto della situazione
            - Scritto da: nop




            Questi dati ti piacciono?

            E' un ufficietto con 14.000 PC desktop!

            Adesso dimmi che lavori nella PA di Monaco!


            Microsoft loses big deal in Munich

            Despite Ballmer's 90% discount



            http://www.theinquirer.net/?article=9678

            Ciao

            Hai letto con attenzione?

            " Munich seems set to select SuSE Linux and
            OpenOffice for all its 14,000 desktop
            systems, rather than continue to pay off the
            Vole."

            E cmq se fosse vero sarebbe una grande
            notizia...(la prima di questa portata)

            Ciao
            ok, stando alle notizie date, la questione, definita nei termini detti, dovrebbe essere ufficializzata proprio domani 28/5
        • nop scrive:
          Re: il punto della situazione


          Questi dati ti piacciono?
          E' un ufficietto con 14.000 PC desktop!Adesso dimmi che lavori nella PA di Monaco!
          Microsoft loses big deal in Munich
          Despite Ballmer's 90% discount

          http://www.theinquirer.net/?article=9678
          CiaoHai letto con attenzione?" Munich seems set to select SuSE Linux and OpenOffice for all its 14,000 desktop systems, rather than continue to pay off the Vole."E cmq se fosse vero sarebbe una grande notizia...(la prima di questa portata)Ciao
      • Anonimo scrive:
        Re: il punto della situazione
        - Scritto da: nop


        Soprattutto ora che linux sta facendo

        progressi sul mercato desktop in modo

        incredibile rispetto a soli 3 anni fa (lo
        so

        bene perchè tutto il mio ufficio gira in

        linuz)

        Mi spiace ma mancano sempre fonti concrete...
        Il tuo ufficio per quanto caruccio non conta
        nulla!

        Chissa quando comincierete a parlare con
        dati certi....

        CiaoQuesti dati ti piacciono?E' un ufficietto con 14.000 PC desktop!Microsoft loses big deal in MunichDespite Ballmer's 90% discounthttp://www.theinquirer.net/?article=9678Ciao
  • Anonimo scrive:
    ahahahhahah comincia la paura
    prima la derisione poi insulti e oro la pauraaddio linuz
    • Anonimo scrive:
      Re: ahahahhahah comincia la paura
      Come è brutta l'ignoranza.... :(
    • Anonimo scrive:
      Re: ahahahhahah comincia la paura
      Come è brutta l'ignoranza.... :(
    • Anonimo scrive:
      Re: ahahahhahah comincia la paura
      - Scritto da: Anonimo
      prima la derisione poi insulti e oro la paura

      addio linuztrollone
    • Anonimo scrive:
      Re: ahahahhahah comincia la paura
      - Scritto da: Anonimo
      prima la derisione poi insulti e oro la paura

      addio linuztrollone
    • HackerProf scrive:
      Re: ahahahhahah comincia la paura
      - Scritto da: Anonimo
      prima la derisione poi insulti e oro la paura

      addio linuzTi piacerebbe ... ma mentre linux e un evento sociale e una comunity di milioni di persone .. winzozz e solo un prodotto commerciale .. :-(
    • HackerProf scrive:
      Re: ahahahhahah comincia la paura
      - Scritto da: Anonimo
      prima la derisione poi insulti e oro la paura

      addio linuzTi piacerebbe ... ma mentre linux e un evento sociale e una comunity di milioni di persone .. winzozz e solo un prodotto commerciale .. :-(
    • Anonimo scrive:
      Re: ahahahhahah comincia la paura
      cos'e' il pensiero che billy ti ha enunciato mentre era sulla tazza del cesso?
    • Anonimo scrive:
      Re: ahahahhahah comincia la paura
      cos'e' il pensiero che billy ti ha enunciato mentre era sulla tazza del cesso?
    • Anonimo scrive:
      Re: ahahahhahah comincia la paura

      prima la derisione poi insulti e oro la pauraUn perfetto riassunto della strategia commerciale M$
    • Anonimo scrive:
      Re: ahahahhahah comincia la paura

      prima la derisione poi insulti e oro la pauraUn perfetto riassunto della strategia commerciale M$
    • Anonimo scrive:
      Re: ahahahhahah comincia la paura
      RRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRR!!
    • Anonimo scrive:
      Re: ahahahhahah comincia la paura
      RRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRR!!
  • Anonimo scrive:
    Quando vedremo codice CLOSED source
    Avremo mai un giudice "illuminato" che chieda la visione di codice closed-source per eventuali violazioni del copyright, non solo nei sistemi operativi, ma più in generale dovunque ci sia del codice "embedded"? Ne vedremmo delle belle ...Ops, ho sbagliato pianeta. Scusate il post.
    • Anonimo scrive:
      Re: Quando vedremo codice CLOSED source
      - Scritto da: Anonimo
      Avremo mai un giudice "illuminato" che
      chieda la visione di codice closed-source
      per eventuali violazioni del copyright, non
      solo nei sistemi operativi, ma più in
      generale dovunque ci sia del codice
      "embedded"?

      Ne vedremmo delle belle ...

      Ops, ho sbagliato pianeta. Scusate il post.già esiste questa opportunita (troll)
    • Anonimo scrive:
      Re: Quando vedremo codice CLOSED source
      - Scritto da: Anonimo
      Avremo mai un giudice "illuminato" che
      chieda la visione di codice closed-source
      per eventuali violazioni del copyright, non
      solo nei sistemi operativi, ma più in
      generale dovunque ci sia del codice
      "embedded"?

      Ne vedremmo delle belle ...

      Ops, ho sbagliato pianeta. Scusate il post.già esiste questa opportunita (troll)
    • Ekleptical scrive:
      Re: Quando vedremo codice CLOSED source

      Avremo mai un giudice "illuminato" che
      chieda la visione di codice closed-source
      per eventuali violazioni del copyright, non
      solo nei sistemi operativi, ma più in
      generale dovunque ci sia del codice
      "embedded"? Visto che non siamo ai tempi dell'Inquisizione, è necessaria una denuncia da parte del soggetto che si ritiene danneggiato. Non si fanno controlli a tappeto, presuntivi!Nessun giudice può chiedere una cosa simile di sua iniziativa!
      • Anonimo scrive:
        Re: Quando vedremo codice CLOSED source

        Visto che non siamo ai tempi
        dell'Inquisizione, è necessaria una denuncia
        da parte del soggetto che si ritiene
        danneggiato. Non si fanno controlli a
        tappeto, presuntivi!
        Nessun giudice può chiedere una cosa simile
        di sua iniziativa!Sono d'accordo: serve una denuncia.Se il codice è open, non serve neanche quella: prima si "inquisisce" il codice sorgente, senza bisogno di autorizzazioni, poi si trovano i vizi e si procede alla denuncia.Vista la quantità di brevetti in circolazione (molti dei quali di proprietà IBM), sarebbe curioso assistere alla paralisi dell'informatica, se dovesse partire una richiesta per ognuno di questi.Personalmente sono contrario ai brevetti, almeno a come sono regolamentati oggi.Ricordo a tutti le infinite battaglie legali tra Apple e Microsoft, e la loro quasi completa inutilità.
      • Anonimo scrive:
        Re: Quando vedremo codice CLOSED source

        Visto che non siamo ai tempi
        dell'Inquisizione, è necessaria una denuncia
        da parte del soggetto che si ritiene
        danneggiato. Non si fanno controlli a
        tappeto, presuntivi!
        Nessun giudice può chiedere una cosa simile
        di sua iniziativa!Sono d'accordo: serve una denuncia.Se il codice è open, non serve neanche quella: prima si "inquisisce" il codice sorgente, senza bisogno di autorizzazioni, poi si trovano i vizi e si procede alla denuncia.Vista la quantità di brevetti in circolazione (molti dei quali di proprietà IBM), sarebbe curioso assistere alla paralisi dell'informatica, se dovesse partire una richiesta per ognuno di questi.Personalmente sono contrario ai brevetti, almeno a come sono regolamentati oggi.Ricordo a tutti le infinite battaglie legali tra Apple e Microsoft, e la loro quasi completa inutilità.
    • Ekleptical scrive:
      Re: Quando vedremo codice CLOSED source

      Avremo mai un giudice "illuminato" che
      chieda la visione di codice closed-source
      per eventuali violazioni del copyright, non
      solo nei sistemi operativi, ma più in
      generale dovunque ci sia del codice
      "embedded"? Visto che non siamo ai tempi dell'Inquisizione, è necessaria una denuncia da parte del soggetto che si ritiene danneggiato. Non si fanno controlli a tappeto, presuntivi!Nessun giudice può chiedere una cosa simile di sua iniziativa!
  • Anonimo scrive:
    Open Source
    Il CODICE di LINUX è Open Source, è aperto e disponibile a tutti con il suo codice sorgente. Chiunque ci può guardare dentro per vedere ciò che c'è dentro.Evidentemente la SCO vi ha visto tracce di codice visibili solo a lei (del resto non vuol dire quali).E' solo una tempesta in un bicchiere d' acqua, una tempesta fomentata da quinte colonne dietro la SCO che temono, da sempre e a ragione, LINUX.E' solo un piccolo intralcio provocato dalla SCO, che lo pagherà sparendo dal mercato.
    • HackerProf scrive:
      Re: Open Source
      - Scritto da: Anonimo
      Il CODICE di LINUX è Open Source, è aperto e
      disponibile a tutti con il suo codice
      sorgente. Chiunque ci può guardare dentro
      per vedere ciò che c'è dentro.
      Evidentemente la SCO vi ha visto tracce di
      codice visibili solo a lei (del resto non
      vuol dire quali).
      E' solo una tempesta in un bicchiere d'
      acqua, una tempesta fomentata da quinte
      colonne dietro la SCO che temono, da sempre
      e a ragione, LINUX.
      E' solo un piccolo intralcio provocato dalla
      SCO, che lo pagherà sparendo dal mercato.Pienamento in accordo ... SCO perdera il mercato e i suoi gia pochi users in una manciata di nible !!!:-)(linux)
      • Anonimo scrive:
        Re: Open Source

        Pienamento in accordo ... SCO perdera il
        mercato e i suoi gia pochi users in una
        manciata di nible !!!
        :-)
        (linux)
        e dovra' pagare anche i danni o no ?
    • HackerProf scrive:
      Re: Open Source
      - Scritto da: Anonimo
      Il CODICE di LINUX è Open Source, è aperto e
      disponibile a tutti con il suo codice
      sorgente. Chiunque ci può guardare dentro
      per vedere ciò che c'è dentro.
      Evidentemente la SCO vi ha visto tracce di
      codice visibili solo a lei (del resto non
      vuol dire quali).
      E' solo una tempesta in un bicchiere d'
      acqua, una tempesta fomentata da quinte
      colonne dietro la SCO che temono, da sempre
      e a ragione, LINUX.
      E' solo un piccolo intralcio provocato dalla
      SCO, che lo pagherà sparendo dal mercato.Pienamento in accordo ... SCO perdera il mercato e i suoi gia pochi users in una manciata di nible !!!:-)(linux)
      • Anonimo scrive:
        Re: Open Source

        Pienamento in accordo ... SCO perdera il
        mercato e i suoi gia pochi users in una
        manciata di nible !!!
        :-)
        (linux)
        e dovra' pagare anche i danni o no ?
    • Anonimo scrive:
      Re: Open Source
      - Scritto da: Anonimo
      Il CODICE di LINUX è Open Source, è aperto e
      disponibile a tutti con il suo codice
      sorgente. Chiunque ci può guardare dentro
      per vedere ciò che c'è dentro.
      Evidentemente la SCO vi ha visto tracce di
      codice visibili solo a lei (del resto non
      vuol dire quali).e grazie cosi le fate sparire.giudice dalla riga 1000 alla 2000 c'è codice unix copia e incolla (minix) ed et voila la
      E' solo una tempesta in un bicchiere d'
      acqua, una tempesta fomentata da quinte
      colonne dietro la SCO che temono, da sempre
      e a ragione, LINUX.ahahhahahahahahhahahha
      E' solo un piccolo intralcio provocato dalla
      SCO, che lo pagherà sparendo dal mercato.si linuz sparira dal mercato, figurati se un manager di una grande azienda da ora in poi gli verrà in mente di adottare l'so copiaciao illuso questa causa indifferentemente dal risultato decreterà la fine di linuz
      • Anonimo scrive:
        Re: Open Source
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Il CODICE di LINUX è Open Source, è
        aperto e

        disponibile a tutti con il suo codice

        sorgente. Chiunque ci può guardare dentro

        per vedere ciò che c'è dentro.

        Evidentemente la SCO vi ha visto tracce di

        codice visibili solo a lei (del resto non

        vuol dire quali).

        e grazie cosi le fate sparire.
        giudice dalla riga 1000 alla 2000 c'è codice
        unix copia e incolla (minix) ed et voila
        la
        A parte la frase non terminata, secondo te è possibile far sparire dai server di tutto il mondo in pochi giorni TUTTE le copie del kernel attuale di Linux ?Se ci credi, ne hai di fantasia !Ed inoltre, secondo te non sarebbe possibile per SCO scaricarsene una copia cinque minuti prima dell'annuncio e depositarla con tanto di testimoni presso un giudice ?Ciao TROLLONE !
        ciao illuso questa causa indifferentemente
        dal risultato decreterà la fine di linuzIo sarò illuso, ma tu sei un trollone !
        • Anonimo scrive:
          Re: Open Source
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo



          - Scritto da: Anonimo


          Il CODICE di LINUX è Open Source, è

          aperto e


          disponibile a tutti con il suo codice


          sorgente. Chiunque ci può guardare
          dentro


          per vedere ciò che c'è dentro.


          Evidentemente la SCO vi ha visto
          tracce di


          codice visibili solo a lei (del resto
          non


          vuol dire quali).



          e grazie cosi le fate sparire.

          giudice dalla riga 1000 alla 2000 c'è
          codice

          unix copia e incolla (minix) ed et voila

          la



          A parte la frase non terminata, secondo te è
          possibile far sparire dai server di tutto il
          mondo in pochi giorni TUTTE le copie del
          kernel attuale di Linux ?se non erro sui server c'è un kernel in binario non certo un sorgente, cose ogni volta che parte una system call c'è una compila ma....
          Se ci credi, ne hai di fantasia !
          Ed inoltre, secondo te non sarebbe possibile
          per SCO scaricarsene una copia cinque minuti
          prima dell'annuncio e depositarla con tanto
          di testimoni presso un giudice ?
          che valore legale ha una copia open tirata giù da un server qualunque spiegami...
          Ciao TROLLONE !


          ciao illuso questa causa indifferentemente

          dal risultato decreterà la fine di linuz

          Io sarò illuso, ma tu sei un trollone !sei illuso unica cosa esatta
          • Anonimo scrive:
            Re: Open Source
            - Scritto da: Anonimo
            se non erro sui server c'è un kernel in
            binario non certo un sorgente, cose ogni
            volta che parte una system call c'è una
            compila ma....Ovviamente non sto parlando dei sistemi di produzione ma delle centinaia di copie dei sorgenti del kernel presenti nei mirror da dove si possono scaricare (liberamente) le varie distribuzioni commerciali, senza contare i mirror ufficiali di kernel.orgSenza contare tutte le centinaia di migliaia delle copie dei CD delle distribuzioni commerciali (che per la GPL contengono anche i sorgenti) che sono sugli scaffali e nei magazzini dei negozi di software in tutto il mondo !Sai come sarebbe facile farle sparire tutte prima che un giudice ne ordini il sequestro !
            che valore legale ha una copia open tirata
            giù da un server qualunque spiegami...Se fatto in presenza di testimoni e certificato da un giudice sì, sennò che razza di valore probatorio avrebbero le copie fatte dalla GdF dei siti pirata, pedofili etc. ?Comunque come detto prima, SCO potrebbe anche richiedere il sequestro dei CD delle distribuzioni dagli scaffali dei negozi, magazzini, dei server aziendali di IBM etc. etc.

            Ciao TROLLONE !




            ciao illuso questa causa
            indifferentemente


            dal risultato decreterà la fine di
            linuz



            Io sarò illuso, ma tu sei un trollone !

            sei illuso unica cosa esattaSì, come no.....!!!
          • Anonimo scrive:
            Re: Open Source
            - Scritto da: Anonimo
            se non erro sui server c'è un kernel in
            binario non certo un sorgente, cose ogni
            volta che parte una system call c'è una
            compila ma....Ovviamente non sto parlando dei sistemi di produzione ma delle centinaia di copie dei sorgenti del kernel presenti nei mirror da dove si possono scaricare (liberamente) le varie distribuzioni commerciali, senza contare i mirror ufficiali di kernel.orgSenza contare tutte le centinaia di migliaia delle copie dei CD delle distribuzioni commerciali (che per la GPL contengono anche i sorgenti) che sono sugli scaffali e nei magazzini dei negozi di software in tutto il mondo !Sai come sarebbe facile farle sparire tutte prima che un giudice ne ordini il sequestro !
            che valore legale ha una copia open tirata
            giù da un server qualunque spiegami...Se fatto in presenza di testimoni e certificato da un giudice sì, sennò che razza di valore probatorio avrebbero le copie fatte dalla GdF dei siti pirata, pedofili etc. ?Comunque come detto prima, SCO potrebbe anche richiedere il sequestro dei CD delle distribuzioni dagli scaffali dei negozi, magazzini, dei server aziendali di IBM etc. etc.

            Ciao TROLLONE !




            ciao illuso questa causa
            indifferentemente


            dal risultato decreterà la fine di
            linuz



            Io sarò illuso, ma tu sei un trollone !

            sei illuso unica cosa esattaSì, come no.....!!!
        • Anonimo scrive:
          Re: Open Source
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo



          - Scritto da: Anonimo


          Il CODICE di LINUX è Open Source, è

          aperto e


          disponibile a tutti con il suo codice


          sorgente. Chiunque ci può guardare
          dentro


          per vedere ciò che c'è dentro.


          Evidentemente la SCO vi ha visto
          tracce di


          codice visibili solo a lei (del resto
          non


          vuol dire quali).



          e grazie cosi le fate sparire.

          giudice dalla riga 1000 alla 2000 c'è
          codice

          unix copia e incolla (minix) ed et voila

          la



          A parte la frase non terminata, secondo te è
          possibile far sparire dai server di tutto il
          mondo in pochi giorni TUTTE le copie del
          kernel attuale di Linux ?se non erro sui server c'è un kernel in binario non certo un sorgente, cose ogni volta che parte una system call c'è una compila ma....
          Se ci credi, ne hai di fantasia !
          Ed inoltre, secondo te non sarebbe possibile
          per SCO scaricarsene una copia cinque minuti
          prima dell'annuncio e depositarla con tanto
          di testimoni presso un giudice ?
          che valore legale ha una copia open tirata giù da un server qualunque spiegami...
          Ciao TROLLONE !


          ciao illuso questa causa indifferentemente

          dal risultato decreterà la fine di linuz

          Io sarò illuso, ma tu sei un trollone !sei illuso unica cosa esatta
      • Anonimo scrive:
        Re: Open Source
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Il CODICE di LINUX è Open Source, è
        aperto e

        disponibile a tutti con il suo codice

        sorgente. Chiunque ci può guardare dentro

        per vedere ciò che c'è dentro.

        Evidentemente la SCO vi ha visto tracce di

        codice visibili solo a lei (del resto non

        vuol dire quali).

        e grazie cosi le fate sparire.
        giudice dalla riga 1000 alla 2000 c'è codice
        unix copia e incolla (minix) ed et voila
        la
        A parte la frase non terminata, secondo te è possibile far sparire dai server di tutto il mondo in pochi giorni TUTTE le copie del kernel attuale di Linux ?Se ci credi, ne hai di fantasia !Ed inoltre, secondo te non sarebbe possibile per SCO scaricarsene una copia cinque minuti prima dell'annuncio e depositarla con tanto di testimoni presso un giudice ?Ciao TROLLONE !
        ciao illuso questa causa indifferentemente
        dal risultato decreterà la fine di linuzIo sarò illuso, ma tu sei un trollone !
      • Anonimo scrive:
        Re: Open Source

        si linuz sparira dal mercato, figurati se un
        manager di una grande azienda da ora in poi
        gli verrà in mente di adottare l'so copia

        ciao illuso questa causa indifferentemente
        dal risultato decreterà la fine di linuzForse volevi dire "se AD un manager verra' in mente", e "indipendentemente" al posto di "indifferentemente"...Ma come parli? Povera Montessori, si stara' rivoltando nella tomba...
        • Anonimo scrive:
          Re: Open Source


          Ma come parli? Povera Montessori, si stara'
          rivoltando nella tomba...Peggio tuo padre che ha un figlio come te!
        • Anonimo scrive:
          Re: Open Source


          Ma come parli? Povera Montessori, si stara'
          rivoltando nella tomba...Peggio tuo padre che ha un figlio come te!
      • Anonimo scrive:
        Re: Open Source

        si linuz sparira dal mercato, figurati se un
        manager di una grande azienda da ora in poi
        gli verrà in mente di adottare l'so copia

        ciao illuso questa causa indifferentemente
        dal risultato decreterà la fine di linuzForse volevi dire "se AD un manager verra' in mente", e "indipendentemente" al posto di "indifferentemente"...Ma come parli? Povera Montessori, si stara' rivoltando nella tomba...
    • Anonimo scrive:
      Re: Open Source
      - Scritto da: Anonimo
      Il CODICE di LINUX è Open Source, è aperto e
      disponibile a tutti con il suo codice
      sorgente. Chiunque ci può guardare dentro
      per vedere ciò che c'è dentro.
      Evidentemente la SCO vi ha visto tracce di
      codice visibili solo a lei (del resto non
      vuol dire quali).e grazie cosi le fate sparire.giudice dalla riga 1000 alla 2000 c'è codice unix copia e incolla (minix) ed et voila la
      E' solo una tempesta in un bicchiere d'
      acqua, una tempesta fomentata da quinte
      colonne dietro la SCO che temono, da sempre
      e a ragione, LINUX.ahahhahahahahahhahahha
      E' solo un piccolo intralcio provocato dalla
      SCO, che lo pagherà sparendo dal mercato.si linuz sparira dal mercato, figurati se un manager di una grande azienda da ora in poi gli verrà in mente di adottare l'so copiaciao illuso questa causa indifferentemente dal risultato decreterà la fine di linuz
  • Anonimo scrive:
    [OT] Ho provato linux....
    Vivo attaccato al PC x lavoro, campo sviluppando per Windows...Devo dire che quando in ufficio uno dei miei dipendenti mi ha detto che "x sfizio" installava Mandrake su un catorcio che avevamo fermo da un po ho riso e ho sperato che non ci perdesse la solita giornata (con tutto quello che c'e' da fare!!)Anche lui era dubbioso...Oh, faccio i miei complimenti alla comunita Linux.Primo approccio strabiliante, nulla di quello che ricordavo dai lontani anni di università...Cosa devo dire, ho pontificato molto qui contro Linux, continuerò a essere convinto di molte mie idee (piu mirate al business e ai veri costi) ma appena trovo 2 minuti lo installo sul portatile con l'intenzione di usarlo...Non mi frega di cosa dirà la solita gente che parla per dar fiato (e' dai tempi di Amiga / ST che sento certi discorsi...) io, ripeto, porto i miei massimi rispetti.E' arrivato il momento che "attacco" PHP... :-DDD
    • Anonimo scrive:
      Re: [OT] Ho provato linux....
      OT per OT ti porto la mia esperienza.Anni or sono ero un utente Windows e per hobby sviluppavo qualche programmino (shareware/freeware e roba simile), poi dal '98 sono stato preso dalla filosofia Open Source.Sinceramente devo dirti che per l'utente normale Linux non è e non sarà per molto tempo ancora (2/3 anni) pronto per un utilizzo prettamente desktop, ma per usi server è imho un'ottima alternativa agli altri Unix, figuriamoci poi a Windows!Da un anno a questa parte ho ripreso anche in mano il compilatore c++ e ho iniziato a studiare gli strumenti di sviluppo di cui disponevo sotto Linux, beh, inutile dirti che sono rimasto colpito dalla quantità di tool free di cui ero a disposizione.I risultati del mio primo progetto sono per me entusiasmanti , ogni giorno continuo a ricevere email da utilizzatori del mio programmino, di gente che mi ringrazia, e di altri che mi riportano storie a lieto fine (si, perché ho sviluppato un prodotto che fa qualcosa di molto delicato, e che se usato senza cognizione di causa e senza i doverosi backup può portare alla perdita massiva di informazioni sul filesystem).Tutto questo per dirti che imho che le aziende che vogliono aprirsi una nuova strada dove poter guadagnare (già ora dal lato server, fra 2/3 anni sul lato desktop) dovrebbero investire nella formazione nell'uso di Linux e dei suoi strumenti di sviluppo. Te lo dico perché imho la curva di apprendimento è molto rigida, e se non si vuole essere superati in un futuro dalla concorrenza è bene avvantaggiarsi ORA.Il tutto molto IMHO!p.s. non ho riportato volutamente il nome del programmino che ho sviluppato perché troppo OT
      • Anonimo scrive:
        Re: [OT] Ho provato linux....

        I risultati del mio primo progetto sono per
        me entusiasmanti , ogni giorno continuo a
        ricevere email da utilizzatori del mio
        programmino, di gente che mi ringrazia, e di
        altri che mi riportano storie a lieto fineSi ma ci hai guadagnato? Non che i soldi siano l'unica cosa al mondo ma chi lavora come sviluppatore deve pur campare sul lavoro che fa. E se il tuo è stato solo un hobby non pensi che un programma tanto utile avrebbe dato da mangiare magari ad altre 2-3 persone se fosse stato venduto?
        • paulatz scrive:
          Re: [OT] Ho provato linux....
          - Scritto da: Anonimo


          I risultati del mio primo progetto sono
          per

          me entusiasmanti , ogni giorno continuo a

          ricevere email da utilizzatori del mio

          programmino, di gente che mi ringrazia, e
          di

          altri che mi riportano storie a lieto fine

          Si ma ci hai guadagnato? Non che i soldi
          siano l'unica cosa al mondo ma chi lavora
          come sviluppatore deve pur campare sul
          lavoro che fa. E se il tuo è stato solo un
          hobby non pensi che un programma tanto utile
          avrebbe dato da mangiare magari ad altre 2-3
          persone se fosse stato venduto?Sei il solito p1rl@, se voleva lo vendeva, non vuole non lo vende. Ripeto per l'ennesima e ultima volta:-Sviluppare per Linux non significa sviluppare gratuitamente.-Open Source non significa gratuito-Tu significhi Troll
        • paulatz scrive:
          Re: [OT] Ho provato linux....
          - Scritto da: Anonimo


          I risultati del mio primo progetto sono
          per

          me entusiasmanti , ogni giorno continuo a

          ricevere email da utilizzatori del mio

          programmino, di gente che mi ringrazia, e
          di

          altri che mi riportano storie a lieto fine

          Si ma ci hai guadagnato? Non che i soldi
          siano l'unica cosa al mondo ma chi lavora
          come sviluppatore deve pur campare sul
          lavoro che fa. E se il tuo è stato solo un
          hobby non pensi che un programma tanto utile
          avrebbe dato da mangiare magari ad altre 2-3
          persone se fosse stato venduto?Sei il solito p1rl@, se voleva lo vendeva, non vuole non lo vende. Ripeto per l'ennesima e ultima volta:-Sviluppare per Linux non significa sviluppare gratuitamente.-Open Source non significa gratuito-Tu significhi Troll
        • Anonimo scrive:
          Re: [OT] Ho provato linux....

          Si ma ci hai guadagnato? Non che i soldi
          siano l'unica cosa al mondo ma chi lavora
          come sviluppatore deve pur campare sul
          lavoro che fa. E se il tuo è stato solo un
          hobby non pensi che un programma tanto utile
          avrebbe dato da mangiare magari ad altre 2-3
          persone se fosse stato venduto?guarda che un programma sotto GPL può anche essere venduto anche a carissimo prezzo, basta che, insieme all'eseguibile, ci siano anche i sorgenti...
          • Anonimo scrive:
            Re: [OT] Ho provato linux....
            - Scritto da: Anonimo


            Si ma ci hai guadagnato? Non che i soldi

            siano l'unica cosa al mondo ma chi lavora

            come sviluppatore deve pur campare sul

            lavoro che fa. E se il tuo è stato solo un

            hobby non pensi che un programma tanto
            utile

            avrebbe dato da mangiare magari ad altre
            2-3

            persone se fosse stato venduto?
            guarda che un programma sotto GPL può anche
            essere venduto anche a carissimo prezzo,
            basta che, insieme all'eseguibile, ci siano
            anche i sorgenti...
            Si... ma a quante persone? Ti rispondo io... UNA... gia', perche' non appena lo ai venduto, chi impedisce a quella persona di svenderlo e/o regalarlo?
          • Anonimo scrive:
            Re: [OT] Ho provato linux....

            Si... ma a quante persone? Ti rispondo io...
            UNA... gia', perche' non appena lo aihai, _hai_, HAIIIIIII!!!!!
            venduto, chi impedisce a quella persona di
            svenderlo e/o regalarlo?il fatto che lo ha pagato e non ha motivo per regalarlo, per esempio (a meno che non si facciano collette). e comunque i soldi si fanno sull'assistenza.raist
          • Anonimo scrive:
            Re: [OT] Ho provato linux....

            Si... ma a quante persone? Ti rispondo io...
            UNA... gia', perche' non appena lo aihai, _hai_, HAIIIIIII!!!!!
            venduto, chi impedisce a quella persona di
            svenderlo e/o regalarlo?il fatto che lo ha pagato e non ha motivo per regalarlo, per esempio (a meno che non si facciano collette). e comunque i soldi si fanno sull'assistenza.raist
          • Anonimo scrive:
            Re: [OT] Ho provato linux....
            - Scritto da: Anonimo


            Si ma ci hai guadagnato? Non che i soldi

            siano l'unica cosa al mondo ma chi lavora

            come sviluppatore deve pur campare sul

            lavoro che fa. E se il tuo è stato solo un

            hobby non pensi che un programma tanto
            utile

            avrebbe dato da mangiare magari ad altre
            2-3

            persone se fosse stato venduto?
            guarda che un programma sotto GPL può anche
            essere venduto anche a carissimo prezzo,
            basta che, insieme all'eseguibile, ci siano
            anche i sorgenti...
            Si... ma a quante persone? Ti rispondo io... UNA... gia', perche' non appena lo ai venduto, chi impedisce a quella persona di svenderlo e/o regalarlo?
        • Anonimo scrive:
          Re: [OT] Ho provato linux....

          Si ma ci hai guadagnato? Non che i soldi
          siano l'unica cosa al mondo ma chi lavora
          come sviluppatore deve pur campare sul
          lavoro che fa. E se il tuo è stato solo un
          hobby non pensi che un programma tanto utile
          avrebbe dato da mangiare magari ad altre 2-3
          persone se fosse stato venduto?guarda che un programma sotto GPL può anche essere venduto anche a carissimo prezzo, basta che, insieme all'eseguibile, ci siano anche i sorgenti...
        • Anonimo scrive:
          Re: [OT] Ho provato linux....

          Si ma ci hai guadagnato?Assolutamente no :)
          Non che i soldi siano l'unica cosa al mondo ma chi lavora
          come sviluppatore deve pur campare sul lavoro che fa.E infatti io campo sul lavoro che faccio, solo che purtroppo vedi io non lavoro come sviluppatore Linux, ma sviluppo su altre piattaforme (che, purtroppo, imho non sono così divertenti e geniali come Unix e i suoi derivati, compreso Linux che è un ottimo "clone" di Unix).Linux per me è un hobby, ma forse in futuro potrebbe diventare per me il mio lavoro, dipende da molti fattori...
          E se il tuo è stato solo un hobby non pensi che un
          programma tanto utile avrebbe dato da mangiare magari
          ad altre 2-3 persone se fosse stato venduto?In che senso scusa? Io mangio ugualmente, e mangiano ugualmente i miei utilizzatori... e pure chi i miei datori di lavoro mangiano, perché quando sono al lavoro io produco per loro del software, e afaik sono pure soddisfatti del mio lavoro.Quello che faccio a casa mia sono fatti miei, questo progetto è nato per me come un hobby.Ed ora ti dico un altro fatto curioso: più di 5 anni or sono sviluppai alcune applicazioncine carine che giravano sotto Windows... erano fatte veramente bene! All'epoca non conoscevo il movimento OSS (Open Source), e rilascia il tutto come freeware, chiedendo però a chi fosse interessato ad acquistare il codice sorgente di inviarmi 10$ oppure una t-shirt.Beh, con mio grandissimo stupore mi arrivarono una decina di T-Shirt (oddio, veramente in totale erano 8, ma facciamo conto tondo ;)) e ben due buste contenenti ciascuna un biglietto con 10 bei verdoni :))La maglietta che più mi è rimasta impresso è una arrivata da una ditta americana che si chiamava "DNA Technologi INC", chissà se oggi usano ancora la mia utility... probabilmente qualche pezzo di codice è ancora nei meandri delle loro applicazioni, chissà!Ad ogni modo a distanza di 5 anni quelle applicazioni che avevo rilasciato sono ormai MORTE E DEFUNTE.Con il senno di poi rimpiango di non averle rilasciate sotto GPL (ma all'epoca non sapevo manco cosa fosse), vedi, se le avessi rilasciate sotto GPL sicuramente anche quando io mi sono stancato di manutenerle qualcun altro le avrebbe preso in consegna, sarebbero sicuramente evolute più in fretta, e probabilmente oggi sarebbero ancora VIVE E VEGETE.Vedi, io all'epoca mi ero accontentato di T-Shirt, che non sfamano, sicuramente se avessi reso l'applicazione una trial a tempo invece che freeware, e avessi chiesto 20$ al posto di T-Shirt, avrei fatto un po' di soldi, ma non lo farei mai e poi mai!Se tutti facessero così il mercato si sposterebbe non più sul vendere un'applicazione, ma sul vendere costumizzazioni e assistenza! Credimi: non è così semplice come tutti vogliono farci credere "rubare il codice sorgente di un'applicazione", anche se rilascio il codice sorgente occorrono settimane (o adirittura mesi) per studiarlo, e molto spesso un concorrente farebbe prima a riscrivere tutto. Capita spesso. Capita molto spesso. E non perché i programmi siano scritti male, ma perché a volte è necessario tempo "x" per studiare il funzionamento di un programma, e è invece necessario un tempo x/2+x/2 per fare l'analisi e riscrivere il programma, certo, poi si aggiungerà un tempo y per fare il beta testing, e altro tempo ancora per continuare a debuggare e togliere errori... ma così si lavora solitamente.e mi fermo qui perché ho scritto troppo :)
          • Anonimo scrive:
            la fiera della piccolezza umana.........
            ma quanto ci hai guadagnato?ma hai sbagliato, dovevi rivendertelo!Potevi vendere tutto compreso i codici del binario e facevi una caterba di soldi!Attenzione! mi riferisco ai vari membri lug, sviluppatori sourceforge, kernel hackers, divulgatori etc Avete visto? perchè in Italia e la filosofia opensource è così dura da far digerire?Con queste teste, come fai a fargli capire il concetto di copyleft e di GPL?non c'e niente da fare.... e questi postano su punto informatico, amici e colleghi linuxisti...capite perchè facciamo I linuxday i Lime le conferenze pubbliche, scolastiche e siamo sempre noi a guardarci in faccia?Al ragazzo, che ha fatto il programma, rispondo: continua a distribuirlo gratis, affinchè i tool che tu stesso utilizzerai per altre, siano ancora gratis e per darti la possibilità di sviluppare altre cose gratuite e fruibili da tuttiNon ascoltare discorsi simili, sono discorsi che definiscono la profondità cognitiva dei personaggi in questione.FREEsoftwarmente tuoElwood
          • Anonimo scrive:
            la fiera della piccolezza umana.........
            ma quanto ci hai guadagnato?ma hai sbagliato, dovevi rivendertelo!Potevi vendere tutto compreso i codici del binario e facevi una caterba di soldi!Attenzione! mi riferisco ai vari membri lug, sviluppatori sourceforge, kernel hackers, divulgatori etc Avete visto? perchè in Italia e la filosofia opensource è così dura da far digerire?Con queste teste, come fai a fargli capire il concetto di copyleft e di GPL?non c'e niente da fare.... e questi postano su punto informatico, amici e colleghi linuxisti...capite perchè facciamo I linuxday i Lime le conferenze pubbliche, scolastiche e siamo sempre noi a guardarci in faccia?Al ragazzo, che ha fatto il programma, rispondo: continua a distribuirlo gratis, affinchè i tool che tu stesso utilizzerai per altre, siano ancora gratis e per darti la possibilità di sviluppare altre cose gratuite e fruibili da tuttiNon ascoltare discorsi simili, sono discorsi che definiscono la profondità cognitiva dei personaggi in questione.FREEsoftwarmente tuoElwood
        • Anonimo scrive:
          Re: [OT] Ho provato linux....

          Si ma ci hai guadagnato?Assolutamente no :)
          Non che i soldi siano l'unica cosa al mondo ma chi lavora
          come sviluppatore deve pur campare sul lavoro che fa.E infatti io campo sul lavoro che faccio, solo che purtroppo vedi io non lavoro come sviluppatore Linux, ma sviluppo su altre piattaforme (che, purtroppo, imho non sono così divertenti e geniali come Unix e i suoi derivati, compreso Linux che è un ottimo "clone" di Unix).Linux per me è un hobby, ma forse in futuro potrebbe diventare per me il mio lavoro, dipende da molti fattori...
          E se il tuo è stato solo un hobby non pensi che un
          programma tanto utile avrebbe dato da mangiare magari
          ad altre 2-3 persone se fosse stato venduto?In che senso scusa? Io mangio ugualmente, e mangiano ugualmente i miei utilizzatori... e pure chi i miei datori di lavoro mangiano, perché quando sono al lavoro io produco per loro del software, e afaik sono pure soddisfatti del mio lavoro.Quello che faccio a casa mia sono fatti miei, questo progetto è nato per me come un hobby.Ed ora ti dico un altro fatto curioso: più di 5 anni or sono sviluppai alcune applicazioncine carine che giravano sotto Windows... erano fatte veramente bene! All'epoca non conoscevo il movimento OSS (Open Source), e rilascia il tutto come freeware, chiedendo però a chi fosse interessato ad acquistare il codice sorgente di inviarmi 10$ oppure una t-shirt.Beh, con mio grandissimo stupore mi arrivarono una decina di T-Shirt (oddio, veramente in totale erano 8, ma facciamo conto tondo ;)) e ben due buste contenenti ciascuna un biglietto con 10 bei verdoni :))La maglietta che più mi è rimasta impresso è una arrivata da una ditta americana che si chiamava "DNA Technologi INC", chissà se oggi usano ancora la mia utility... probabilmente qualche pezzo di codice è ancora nei meandri delle loro applicazioni, chissà!Ad ogni modo a distanza di 5 anni quelle applicazioni che avevo rilasciato sono ormai MORTE E DEFUNTE.Con il senno di poi rimpiango di non averle rilasciate sotto GPL (ma all'epoca non sapevo manco cosa fosse), vedi, se le avessi rilasciate sotto GPL sicuramente anche quando io mi sono stancato di manutenerle qualcun altro le avrebbe preso in consegna, sarebbero sicuramente evolute più in fretta, e probabilmente oggi sarebbero ancora VIVE E VEGETE.Vedi, io all'epoca mi ero accontentato di T-Shirt, che non sfamano, sicuramente se avessi reso l'applicazione una trial a tempo invece che freeware, e avessi chiesto 20$ al posto di T-Shirt, avrei fatto un po' di soldi, ma non lo farei mai e poi mai!Se tutti facessero così il mercato si sposterebbe non più sul vendere un'applicazione, ma sul vendere costumizzazioni e assistenza! Credimi: non è così semplice come tutti vogliono farci credere "rubare il codice sorgente di un'applicazione", anche se rilascio il codice sorgente occorrono settimane (o adirittura mesi) per studiarlo, e molto spesso un concorrente farebbe prima a riscrivere tutto. Capita spesso. Capita molto spesso. E non perché i programmi siano scritti male, ma perché a volte è necessario tempo "x" per studiare il funzionamento di un programma, e è invece necessario un tempo x/2+x/2 per fare l'analisi e riscrivere il programma, certo, poi si aggiungerà un tempo y per fare il beta testing, e altro tempo ancora per continuare a debuggare e togliere errori... ma così si lavora solitamente.e mi fermo qui perché ho scritto troppo :)
      • Anonimo scrive:
        Re: [OT] Ho provato linux....

        I risultati del mio primo progetto sono per
        me entusiasmanti , ogni giorno continuo a
        ricevere email da utilizzatori del mio
        programmino, di gente che mi ringrazia, e di
        altri che mi riportano storie a lieto fineSi ma ci hai guadagnato? Non che i soldi siano l'unica cosa al mondo ma chi lavora come sviluppatore deve pur campare sul lavoro che fa. E se il tuo è stato solo un hobby non pensi che un programma tanto utile avrebbe dato da mangiare magari ad altre 2-3 persone se fosse stato venduto?
      • Alessandrox scrive:
        Re: [OT] Ho provato linux....
        - Scritto da: Anonimo
        p.s. non ho riportato volutamente il nome
        del programmino che ho sviluppato perché
        troppo OTMi puoi inviare in mail da dove posso prelevarlo?Grazie
      • Alessandrox scrive:
        Re: [OT] Ho provato linux....
        - Scritto da: Anonimo
        p.s. non ho riportato volutamente il nome
        del programmino che ho sviluppato perché
        troppo OTMi puoi inviare in mail da dove posso prelevarlo?Grazie
      • Anonimo scrive:
        Re: [OT] Ho provato linux....

        I risultati del mio primo progetto sono per
        me entusiasmanti , ogni giorno continuo a
        ricevere email da utilizzatori del mio
        programmino, di gente che mi ringrazia, e di
        altri che mi riportano storie a lieto fine
        (si, perché ho sviluppato un prodotto che fa
        qualcosa di molto delicato, e che se usato
        senza cognizione di causa e senza i doverosi
        backup può portare alla perdita massiva di
        informazioni sul filesystem).Cakkio hai sviluppato un virus :D sai che lettere di rigraziamento :D
      • Anonimo scrive:
        Re: [OT] Ho provato linux....

        I risultati del mio primo progetto sono per
        me entusiasmanti , ogni giorno continuo a
        ricevere email da utilizzatori del mio
        programmino, di gente che mi ringrazia, e di
        altri che mi riportano storie a lieto fine
        (si, perché ho sviluppato un prodotto che fa
        qualcosa di molto delicato, e che se usato
        senza cognizione di causa e senza i doverosi
        backup può portare alla perdita massiva di
        informazioni sul filesystem).Cakkio hai sviluppato un virus :D sai che lettere di rigraziamento :D
    • Anonimo scrive:
      Re: [OT] Ho provato linux....
      OT per OT ti porto la mia esperienza.Anni or sono ero un utente Windows e per hobby sviluppavo qualche programmino (shareware/freeware e roba simile), poi dal '98 sono stato preso dalla filosofia Open Source.Sinceramente devo dirti che per l'utente normale Linux non è e non sarà per molto tempo ancora (2/3 anni) pronto per un utilizzo prettamente desktop, ma per usi server è imho un'ottima alternativa agli altri Unix, figuriamoci poi a Windows!Da un anno a questa parte ho ripreso anche in mano il compilatore c++ e ho iniziato a studiare gli strumenti di sviluppo di cui disponevo sotto Linux, beh, inutile dirti che sono rimasto colpito dalla quantità di tool free di cui ero a disposizione.I risultati del mio primo progetto sono per me entusiasmanti , ogni giorno continuo a ricevere email da utilizzatori del mio programmino, di gente che mi ringrazia, e di altri che mi riportano storie a lieto fine (si, perché ho sviluppato un prodotto che fa qualcosa di molto delicato, e che se usato senza cognizione di causa e senza i doverosi backup può portare alla perdita massiva di informazioni sul filesystem).Tutto questo per dirti che imho che le aziende che vogliono aprirsi una nuova strada dove poter guadagnare (già ora dal lato server, fra 2/3 anni sul lato desktop) dovrebbero investire nella formazione nell'uso di Linux e dei suoi strumenti di sviluppo. Te lo dico perché imho la curva di apprendimento è molto rigida, e se non si vuole essere superati in un futuro dalla concorrenza è bene avvantaggiarsi ORA.Il tutto molto IMHO!p.s. non ho riportato volutamente il nome del programmino che ho sviluppato perché troppo OT
    • Anonimo scrive:
      Re: [OT] Ho provato linux....
      E hai provato solo una distribuzione (linux), ora potresti vederne qualche altra e fare dei confronti; adesso la semplicità di installazione è disarmante, ma anche muovere i primi passi è più semplice di quanto uno immagini.
    • Anonimo scrive:
      Re: [OT] Ho provato linux....
      E hai provato solo una distribuzione (linux), ora potresti vederne qualche altra e fare dei confronti; adesso la semplicità di installazione è disarmante, ma anche muovere i primi passi è più semplice di quanto uno immagini.
    • Akiro scrive:
      Re: [OT] Ho provato linux....

      Cosa devo dire, ho pontificato molto qui
      contro Linux, continuerò a essere convinto
      di molte mie idee (piu mirate al business e
      ai veri costi) ecco il vero problema di questa società... si pensa sempre e solo al business... ma siamo uomini e non cifre!cmq W la concorrenza.
    • Akiro scrive:
      Re: [OT] Ho provato linux....

      Cosa devo dire, ho pontificato molto qui
      contro Linux, continuerò a essere convinto
      di molte mie idee (piu mirate al business e
      ai veri costi) ecco il vero problema di questa società... si pensa sempre e solo al business... ma siamo uomini e non cifre!cmq W la concorrenza.
    • Anonimo scrive:
      Re: [OT] Ho provato linux....

      Cosa devo dire, ho pontificato molto qui
      contro Linux,
      e bravo coglione, criticavi senza conoscere?mah...
      E' arrivato il momento che "attacco" PHP...congiuntivi?
    • Anonimo scrive:
      Re: [OT] Ho provato linux....

      Cosa devo dire, ho pontificato molto qui
      contro Linux,
      e bravo coglione, criticavi senza conoscere?mah...
      E' arrivato il momento che "attacco" PHP...congiuntivi?
  • Anonimo scrive:
    signor Ekeplikal ma lei ce l'ha con tutt
    AlloraricapitoliamoE' contro la Gpl, ovvero critica la licenza libera, e contro la libertà di share dei files mp3Mi dica che è ballmer così almeno avrò le idee chiarenon trova:-DContrariamentesuoElwood
    • Ekleptical scrive:
      Re: signor Ekeplikal ma lei ce l'ha con tutt

      E' contro la Gpl, ovvero critica la licenza
      libera, e contro la libertà di share dei
      files mp3
      Mi dica che è ballmer così almeno avrò le
      idee chiare
      non trovaNo, non sono Ballmer, non lavoro per Microsoft, nè per case discografiche.Semplicemente adoro e rispetto al musica più di qualunque altra cosa.Per quanto riguarda il software, ritengo demenziali le idee di Stallman e soci. Se Linux avesse altre licenze non avrei poi tante critiche, purchè se ne riconoscano i limiti e gli ambiti d'uso preferenziali.
      • Anonimo scrive:
        Re: signor Ekeplikal ma lei ce l'ha con tutt

        Semplicemente adoro e rispetto al musica più
        di qualunque altra cosa.scusa non ti offendere ma se amassi la musica (che è patrimonio di tutti e di tutta la nazione!) dovresti essere contro le major che soffocano gli artisti, dovresti batterti per le piccole case indipendenti, dovresti esporti per la libera concorrenza e non per questo monopolio guidato da un manipolo di persone che hanno troppa influenza anche in politica con le loro lobby....sempre se ami veramente la musicaper quanto rifuarda le tue opinioni sul gpl...senza offesa non insteressano a nessuno!
        • Ekleptical scrive:
          Re: signor Ekeplikal ma lei ce l'ha con tutt

          scusa non ti offendere ma se amassi la
          musica (che è patrimonio di tutti e di tutta
          la nazione!) dovresti essere contro le major
          che soffocano gli artisti, dovresti batterti
          per le piccole case indipendentiInfatti ascolto al 90% musica di case indipendenti. Non mi risulta che questa si siano mai dette a favore della pirateria online e del p2p! A te sì?
          per quanto rifuarda le tue opinioni sul
          gpl...senza offesa non insteressano a
          nessuno!Sono mie opinioni personali, che valgono quanto le tue.
        • Ekleptical scrive:
          Re: signor Ekeplikal ma lei ce l'ha con tutt

          scusa non ti offendere ma se amassi la
          musica (che è patrimonio di tutti e di tutta
          la nazione!) dovresti essere contro le major
          che soffocano gli artisti, dovresti batterti
          per le piccole case indipendentiInfatti ascolto al 90% musica di case indipendenti. Non mi risulta che questa si siano mai dette a favore della pirateria online e del p2p! A te sì?
          per quanto rifuarda le tue opinioni sul
          gpl...senza offesa non insteressano a
          nessuno!Sono mie opinioni personali, che valgono quanto le tue.
      • Anonimo scrive:
        Re: signor Ekeplikal ma lei ce l'ha con tutt

        Semplicemente adoro e rispetto al musica più
        di qualunque altra cosa.scusa non ti offendere ma se amassi la musica (che è patrimonio di tutti e di tutta la nazione!) dovresti essere contro le major che soffocano gli artisti, dovresti batterti per le piccole case indipendenti, dovresti esporti per la libera concorrenza e non per questo monopolio guidato da un manipolo di persone che hanno troppa influenza anche in politica con le loro lobby....sempre se ami veramente la musicaper quanto rifuarda le tue opinioni sul gpl...senza offesa non insteressano a nessuno!
      • Anonimo scrive:
        Re: signor Ekeplikal ma lei ce l'ha con tutt
        - Scritto da: Ekleptical
        Per quanto riguarda il software, ritengo
        demenziali le idee di Stallman e soci. Scusa, perchè le idee di Stallman sarebbero demenziali ?Allora sono dementi anche i dirigenti di IBM, HP, Sun etc che hanno "sposato" la GPL e le altre licenze ad essa collegate.Cavolo quanto dementi ci sono al mondo !E tutti guidano multinazionali megamiliardarie !
        Se Linux avesse altre licenze non avrei poi
        tante critiche, purchè se ne riconoscano i
        limiti e gli ambiti d'uso preferenziali.Non ho difficoltà ad ammettere che qualsiasi OS abbia un ambito di utilizzo preferenziale rispetto agli altri, così come sarebbe idiota comprarsi la Ferrari solo per andare a fare la spesa al negozietto a 500 metri da casa...Questo non toglie che pur essendo uno spreco la Ferrari non mi permetta di fare la spesa in modo decente.
        • Ekleptical scrive:
          Re: signor Ekeplikal ma lei ce l'ha con tutt

          Scusa, perchè le idee di Stallman sarebbero
          demenziali ?
          Allora sono dementi anche i dirigenti di
          IBM, HP, Sun etc che hanno "sposato" la GPL
          e le altre licenze ad essa collegate.A queste aziende del software del SO e della GPL non frega niente. Sono solo tutte spese in meno. Possono sfruttare il lavoro gratis di babbei che sono anche contenti di lavorare per meno di un tozzo di pane, che dovrebbero fare? Rifiutarli?E' come se ad un imprenditore si presentassero masse di operai che lavorano solo "per la causa", senza richiedere ulteriori compensi! Chi non li accetterebbe più che volentieri, scusa?La demenza di Stallman è che sta creano le potenzialità per un esercito di servetti sfruttati e sotto pagati. E il bello è che ne sono pure felici!O è un demente o è un genio...dell'imprenditoria, non certo dei lavoratori.
          • Anonimo scrive:
            Re: signor Ekeplikal ma lei ce l'ha con

            A queste aziende del software del SO e della
            GPL non frega niente. Sono solo tutte spese
            in meno. Possono sfruttare il lavoro gratis
            di babbei che sono anche contenti di
            lavorare per meno di un tozzo di pane, che
            dovrebbero fare? Rifiutarli?
            perche` a seconda di cosa faccia comodo si tira fuori o che ibm paga suoi programmatori per sviluppare il kernel, kde, etc. o che sfrutta i poveri programmatori di mezzo mondo?
            E' come se ad un imprenditore si
            presentassero masse di operai che lavorano
            solo "per la causa", senza richiedere
            ulteriori compensi! Chi non li accetterebbe
            più che volentieri, scusa?
            ti sfugge che questi __operai__ non lavorano solo per l'imprenditore, ma anche per tutti gli altri __operai__
            La demenza di Stallman è che sta creano le
            potenzialità per un esercito di servetti
            sfruttati e sotto pagati. E il bello è che
            ne sono pure felici!sai che con codice gpl si possono anche fare soldi?sai che esiste la lgpl?sai anche cos'e`?sai che esiste qualcuno con idee diverse dalle tue?sai che questo non implica la demenza?modestia, ragazzi miei, modestia
            O è un demente o è un
            genio...dell'imprenditoria, non certo dei
            lavoratori.vedremoraist
          • Ekleptical scrive:
            Re: signor Ekeplikal ma lei ce l'ha con

            perche` a seconda di cosa faccia comodo si
            tira fuori o che ibm paga suoi programmatori
            per sviluppare il kernel, kde, etc. o che
            sfrutta i poveri programmatori di mezzo
            mondo?IBM paga i SUOI programmatori, che sono un numero esiguo, e che gli servono per portare avanti alcune parti di Linux che nessun programmatore free si sognerebbe di portare avanti, perchè pallosissime da programmare e utili solo per le grandi imprese. Sono parti che però danno vendibilità a Linux, in settori altrimenti irraggiungibili.Per la restante parte (la stragrande maggioranza) è ben lieta di sfruttare. Dov'è l'incongruenza di questo modus operandi?
            ti sfugge che questi __operai__ non lavorano
            solo per l'imprenditore, ma anche per tutti
            gli altri __operai__Che non guadagnano un becco neanche loro.E' un po' una ONLUS, ho capito...
            sai che con codice gpl si possono anche fare
            soldi?umm...no, direi di no. Mi dici chi ci ha fatto i soldi?Dammi dei nomi e poi li compariamo ai redditi degli altri concorrenti closed. Proviamo?
            sai che esiste qualcuno con idee diverse
            dalle tue?Certo. Non tutte le idee sono giuste, però, sai com'è. Indipendentemente dalla loro diffusione, alcune si rivelano fallimentari nel lungo termine.
            sai che questo non implica la demenza?No. Può implicare scarsa visione del lungo termine.
          • Anonimo scrive:
            Re: signor Ekeplikal ma lei ce l'ha con
            - Scritto da: Ekleptical
            IBM paga i SUOI programmatori, che sono un
            numero esiguo, e che gli servono per portare
            avanti alcune parti di Linux che nessun
            programmatore free si sognerebbe di portare
            avanti, perchè pallosissime da programmare e
            utili solo per le grandi imprese. Sono parti
            che però danno vendibilità a Linux, in
            settori altrimenti irraggiungibili.
            se per te kde e` utile solo per le grandi imprese...
            Per la restante parte (la stragrande
            maggioranza) è ben lieta di sfruttare. Dov'è
            l'incongruenza di questo modus operandi?
            non parlavo del modus operandi di ibm, ma di quelli che una volta tirano fuori il fatto che ibm paga i programmatori per scrivere codice os, e la volta dopo il fatto che molti programmano gratis
            Che non guadagnano un becco neanche loro.
            E' un po' una ONLUS, ho capito...
            ci guadagnano un sistema libero, gratis, stabile e performante, dimmi se ti pare poco
            umm...no, direi di no. Mi dici chi ci ha
            fatto i soldi?
            Dammi dei nomi e poi li compariamo ai
            redditi degli altri concorrenti closed.
            Proviamo?
            mi trattengo dal dire quello che vorrei: prima di tutto hai clamorosamente glissato sulla lgpl, secondo ne fai solo un problema di fatturato. esistono anche le piccole aziende: http://www.ascensit.com/ per dirne una. e non e` l'unica.ma se per te contano solo i miliardi di dollari/euro...
            Certo. Non tutte le idee sono giuste, però,
            sai com'è. Indipendentemente dalla loro
            diffusione, alcune si rivelano fallimentari
            nel lungo termine.
            cosa intendi per lungo termine? la gpl c'e` gia` da un bel po'
            No. Può implicare scarsa visione del lungo
            termine.hai tu forse la sfera di cristallo? oltre ad averci fatto due sfere cosi` a noi, intendo :Praist
          • Ekleptical scrive:
            Re: signor Ekeplikal ma lei ce l'ha con

            non parlavo del modus operandi di ibm, ma di
            quelli che una volta tirano fuori il fatto
            che ibm paga i programmatori per scrivere
            codice os, e la volta dopo il fatto che
            molti programmano gratisNon vedo l'incongruenza, ribadisco. IBM paga per quello che non può avere gratis. Il resto lo prende free.Sono 2 strategie complementari. Dov'è il porblema?
            ci guadagnano un sistema libero, gratis,
            stabile e performante, dimmi se ti pare pocoSì, se non ci ricavano soldi. Si lavora per quello, in genere. Se no si fa ONLUS, appunto.
            mi trattengo dal dire quello che vorrei:
            prima di tutto hai clamorosamente glissato
            sulla lgplPerchè devo glissare? Come già detto mille volte la mia critica è sulla GPL. E' quello il "male".
            , secondo ne fai solo un problema
            di fatturatoDirei di sì! "Fare i soldi"= guadaganare tanto, fino a prova contraria! Se mi assumono come cameriere serale nel week-end non vado in giro a dire che "ho fatto i soldi", sai com'è!Linux è l'economia del "tirare a campare" e tutti i professionisti Linux che conosco rientrano in questo paradigma. Non è una bella economia...(tant'è che alcuni si iniziano a rompere le balle e stanno cercando di cambiare lavoro, dopo anni di imprenditoria con risultati di sopravvivenza)
            ma se per te contano solo i miliardi di
            dollari/euro...Un'economia sana si misura dalla capacità di produrre ricchezza e un certo grado di benessere e sicurezza.L'economia del tirare a campare non è un'economia sana!
            cosa intendi per lungo termine? la gpl c'e`
            gia` da un bel po'Il closed da un po' prima, ho idea...E la GPL esiste "veramente" a livello di riscontro da un 5 anni, circa.
            hai tu forse la sfera di cristallo? oltre ad
            averci fatto due sfere cosi` a noi, intendo
            :PIo dico la mia. E vauta la possibilità che potrei avere ragione.
          • Anonimo scrive:
            Re: signor Ekeplikal ma lei ce l'ha con
            - Scritto da: Ekleptical
            Non vedo l'incongruenza, ribadisco. IBM paga
            per quello che non può avere gratis. Il
            resto lo prende free.
            Sono 2 strategie complementari. Dov'è il
            porblema?
            nel fatto che non mi ascolti, cerchero` di essere piu` chiaro:questi forum sono pieni di gente che un giorno sparano a zero su linux deridendo quelli che programmano gratis e il giorno dopo sparano ancora a zero su linux perche` ibm paga i suoi programmatori per scrivere codice os. sono stato chiaro?
            Sì, se non ci ricavano soldi. Si lavora per
            quello, in genere. Se no si fa ONLUS,
            appunto.
            allora non vuoi capire: per molti non e` un lavoro, ma un modo per passare il tempo. non hai mai scritto un programmino che poi hai dato a qualche amico? e non ti sei fatto pagare? allora sei proprio un cialtrone. :P
            Perchè devo glissare? Come già detto mille
            volte la mia critica è sulla GPL. E' quello
            il "male".
            la lgpl deriva dalla gpl: come fa il bene a derivare dal male?
            Direi di sì! "Fare i soldi"= guadaganare
            tanto, fino a prova contraria! Se mi
            assumono come cameriere serale nel week-end
            non vado in giro a dire che "ho fatto i
            soldi", sai com'è!

            Linux è l'economia del "tirare a campare" e
            tutti i professionisti Linux che conosco
            rientrano in questo paradigma. Non è una
            bella economia...(tant'è che alcuni si
            iniziano a rompere le balle e stanno
            cercando di cambiare lavoro, dopo anni di
            imprenditoria con risultati di
            sopravvivenza)
            capisci sempre quello che vuoi: intendevo che le aziende che fanno soldi con codice gpl per adesso sono piccole (a parte red-hat e suse) e non hanno un grande fatturato, quindi non puoi paragonarle a ms, autodesk o chi vuoi tu.e` un mercato nuovo. e poi non e` detto che poche grandi aziende siano meglio di molte piccole.
            Il closed da un po' prima, ho idea...
            E la GPL esiste "veramente" a livello di
            riscontro da un 5 anni, circa.
            veramente l'informatica e` nata "open"
            Io dico la mia. E vauta la possibilità che
            potrei avere ragione.e tu prova per un attimo a considerare l'ipotesi che potresti anche (non sia mai) essere in tortoraist
          • Anonimo scrive:
            Re: signor Ekeplikal ma lei ce l'ha con
            - Scritto da: Ekleptical
            Non vedo l'incongruenza, ribadisco. IBM paga
            per quello che non può avere gratis. Il
            resto lo prende free.
            Sono 2 strategie complementari. Dov'è il
            porblema?
            nel fatto che non mi ascolti, cerchero` di essere piu` chiaro:questi forum sono pieni di gente che un giorno sparano a zero su linux deridendo quelli che programmano gratis e il giorno dopo sparano ancora a zero su linux perche` ibm paga i suoi programmatori per scrivere codice os. sono stato chiaro?
            Sì, se non ci ricavano soldi. Si lavora per
            quello, in genere. Se no si fa ONLUS,
            appunto.
            allora non vuoi capire: per molti non e` un lavoro, ma un modo per passare il tempo. non hai mai scritto un programmino che poi hai dato a qualche amico? e non ti sei fatto pagare? allora sei proprio un cialtrone. :P
            Perchè devo glissare? Come già detto mille
            volte la mia critica è sulla GPL. E' quello
            il "male".
            la lgpl deriva dalla gpl: come fa il bene a derivare dal male?
            Direi di sì! "Fare i soldi"= guadaganare
            tanto, fino a prova contraria! Se mi
            assumono come cameriere serale nel week-end
            non vado in giro a dire che "ho fatto i
            soldi", sai com'è!

            Linux è l'economia del "tirare a campare" e
            tutti i professionisti Linux che conosco
            rientrano in questo paradigma. Non è una
            bella economia...(tant'è che alcuni si
            iniziano a rompere le balle e stanno
            cercando di cambiare lavoro, dopo anni di
            imprenditoria con risultati di
            sopravvivenza)
            capisci sempre quello che vuoi: intendevo che le aziende che fanno soldi con codice gpl per adesso sono piccole (a parte red-hat e suse) e non hanno un grande fatturato, quindi non puoi paragonarle a ms, autodesk o chi vuoi tu.e` un mercato nuovo. e poi non e` detto che poche grandi aziende siano meglio di molte piccole.
            Il closed da un po' prima, ho idea...
            E la GPL esiste "veramente" a livello di
            riscontro da un 5 anni, circa.
            veramente l'informatica e` nata "open"
            Io dico la mia. E vauta la possibilità che
            potrei avere ragione.e tu prova per un attimo a considerare l'ipotesi che potresti anche (non sia mai) essere in tortoraist
          • Nic scrive:
            Re: signor Ekeplikal ma lei ce l'ha con
            - Scritto da: Ekleptical
            Il closed da un po' prima, ho idea...
            E la GPL esiste "veramente" a livello di
            riscontro da un 5 anni, circa.Scusa se ti correggo solo su questo... ho poco tempo...Ma il software open esiste da quando esistono gli elaboratori... anche se probabilmente non si chiamava GPL.Il closed da quando esiste Microsoft o poco prima.I primissimi elaboratori venivano venduti in bundle con tutto ciò che serviva per farli andare tra cui le librerie di software già fatto con tanto sorgenti e mi risulta ci fosse pure un fervido scambio tra le 4 o 5 università al mondo che potevano permettersi un elaboratore.Da quegli esperimenti, tra l'altro, derivano quasi tutti gli esempi di codice ad uso didattico che ci troviamo, oggi, sui libri di informatica privi di qualsiasi copyright.A quanto ne so (qualche libro di storia dell'informatica che ho letto tempo fa) l'idea che il software potesse essere una parte separata dall'hardware nel servizio di fornitura degli elaboratori fu proprio di Bill Gates.Prima di lui pensare al software era quasi come pensare al motore dell'automobile. Insomma era "tutt'uno" con l'hardware!
          • Nic scrive:
            Re: signor Ekeplikal ma lei ce l'ha con
            - Scritto da: Ekleptical
            Il closed da un po' prima, ho idea...
            E la GPL esiste "veramente" a livello di
            riscontro da un 5 anni, circa.Scusa se ti correggo solo su questo... ho poco tempo...Ma il software open esiste da quando esistono gli elaboratori... anche se probabilmente non si chiamava GPL.Il closed da quando esiste Microsoft o poco prima.I primissimi elaboratori venivano venduti in bundle con tutto ciò che serviva per farli andare tra cui le librerie di software già fatto con tanto sorgenti e mi risulta ci fosse pure un fervido scambio tra le 4 o 5 università al mondo che potevano permettersi un elaboratore.Da quegli esperimenti, tra l'altro, derivano quasi tutti gli esempi di codice ad uso didattico che ci troviamo, oggi, sui libri di informatica privi di qualsiasi copyright.A quanto ne so (qualche libro di storia dell'informatica che ho letto tempo fa) l'idea che il software potesse essere una parte separata dall'hardware nel servizio di fornitura degli elaboratori fu proprio di Bill Gates.Prima di lui pensare al software era quasi come pensare al motore dell'automobile. Insomma era "tutt'uno" con l'hardware!
          • Anonimo scrive:
            Re: signor Ekeplikal ma lei ce l'ha con
            - Scritto da: Ekleptical
            Non vedo l'incongruenza, ribadisco. IBM paga
            per quello che non può avere gratis. Il
            resto lo prende free.
            Sono 2 strategie complementari. Dov'è il
            porblema?IBM e' un caso a parte. Del software gli interessa poco dato che e' un grosso venditore di hardware. Linux e' un oggetto che gli interessa comunque perche' non avendo costi elevati permette di spendere in hardware quello che si risparmia in software. E poi gli investimenti di IBM in Linux sembrano alti ma sono infinitesimi in relazione alle possibilita' di "Big Blue".
            Sì, se non ci ricavano soldi. Si lavora per
            quello, in genere. Se no si fa ONLUS,
            appunto.La programmazione per molti coder e' un'arte, o un divertimento. Spesso si programma anche per il solo piacere di farlo, o anche per un pizzico di desiderio di gloria, ossia avere il proprio programma diffuso e il proprio nome anche su progetti importanti scritto per sempre.Ma casi come questi non sono importanti.In fondo i soldi vengono anche da altre cose.
            Linux è l'economia del "tirare a campare" e
            tutti i professionisti Linux che conosco
            rientrano in questo paradigma. Non è una
            bella economia...(tant'è che alcuni si
            iniziano a rompere le balle e stanno
            cercando di cambiare lavoro, dopo anni di
            imprenditoria con risultati di
            sopravvivenza)Inverto 2 parti quotate (vedi il capoverso sotto).Rispondo per quanto sopra. Non hai mai pensato che la causa del fatto di avere avuto ancora "risultati di sopravvivenza" non sia causato dalla GPL ma dal mondo delle aziende closed source che si contrappone all'avanzata del mondo open source con formati proprietari, intrallazzi ecc. Per far diffondere il suo al posto dell'altro?Non credi che e' solo una questione di diffusione e se il 90% delle installazioni avesse GNU/Linux e open source allora invece che sopravvivenza sarebbe una situazione piu' florida?Ma poi anche la parola sopravvivenza la usi in maniera negativa, io intenderei il riuscire a vivere in questo mondo, tu lo intendi come vivacchiare, e... (vedi parte quotata dopo)
            Perchè devo glissare? Come già detto mille
            volte la mia critica è sulla GPL. E' quello
            il "male".
            ...
            Direi di sì! "Fare i soldi"= guadaganare
            tanto, fino a prova contraria! Se mi
            assumono come cameriere serale nel week-end
            non vado in giro a dire che "ho fatto i
            soldi", sai com'è!... Metti solo il fare denaro l'unico modo per prosperare. Anzi guardi al denaro come all'unica cosa che puo' dare prosperita'.E' sempre il nocciolo dell'etica capitalistica o di quella pluralista. Ci sono persone che fanno delle cose perche' gli piace farle, programmare, andare in moto tra mille tornanti, lavorare la terra e allevare animali o altro. Tu prendi solo il fare denaro come obiettivo della tua vita? E hai scelto la programmazione per raggiungere questo scopo?A me per esempio piace insegnare e Linux l'ho spesso installato e insegnato ad usare. Io alle aziende non chiedo soldi per GNU/Linux, sarei solo un venditore. Invece mi faccio pagare per tutti i servizi accessori. Per le attivita' pratiche d'insegnamento e di assistenza di varia natura.Anche se spesso insegno gratuitamente nei Linux User Group. Ma il mio caso non fa testo in questo confronto.
            Un'economia sana si misura dalla capacità di
            produrre ricchezza e un certo grado di
            benessere e sicurezza.
            L'economia del tirare a campare non è
            un'economia sana!
            ...
            Il closed da un po' prima, ho idea...
            E la GPL esiste "veramente" a livello di
            riscontro da un 5 anni, circa.
            Io dico la mia. E vauta la possibilità che
            potrei avere ragione.Un'economica non e' sana se per produrre ricchezza fa pagare anche cose superflue o che dovrebbero essere patrimonio di tutti.Non usa inganni e trucchi protezionistici. L'economia dovrebbe essere assoggettata all'etica.La GPL permette di rendere di dominio pubblico delle idee ma anche degli strumenti utili a tutti per ottenere degli scopi.Se idee e alcuni strumenti sono gratuiti o anche non gratuiti ma comunque liberamente disponibili e facilmente accessibili queste sono di aiuto alla crescita economica di tutti e con tutti intendo tutte le societa' e le nazioni.Il mondo moderno tende a voler far soldi da tutto, anche dalla sola aria che si respira. Per un attimo si dovrebbe provare a immaginare il mondo in modo diverso dove non si vende un'opera dell'ingegno ma solo i derivati da queste.Il tempo macchina per fare conti degli stipendi e relativi cedolini vanno fatti pagare, chi ha fatto il programma che fa gli stipendi si fara' pagare assistenza, installazione e competenze che chi lo usa non ha. A sua volta chi ha fatto il programma avendolo rilasciato open source ne potra' a sua volta riprendere le migliorie fatte da altri e tutti insieme vendiamo assistenza su questo programma ma non esso stesso come idea in toto che continuera' ad evolvere con l'aiuto di tutti.Vengono soldi anche da personalizzazioni che pero' vengono una sola volta poiche' le personalizzazioni saranno rilasciate anch'esse nell'open source.La differenza tra open e closed e' che a fronte di una rinuncia al completo sfruttamento dell'opera se ne ha un ritorno in benefici apportati da altri oltre che al piacere etico di aver dato un contributo al progresso della societa'. Se tu avessi sfruttato un copyright la societa' non l'avresti aiutata ma solo imbrigliata.Il solo motivo perche' tu sembri vedere migliori introiti dal mondo closed source e' perche' l'open source e' ancora meno diffuso, ma se in giro fosse tutto 100% open allora non ti porresti tale dubbio e staresti guadagnando dai servizi e personalizazioni come tutti gli altri e guadagnerebbe chi da il miglior servizio non chi riesce a rubare di piu' nascondendosi dietro la protezione del copyright e dei formati chiusi.--Ciao. Mr. Mechano
          • Ekleptical scrive:
            Re: signor Ekeplikal ma lei ce l'ha con

            Rispondo per quanto sopra. Non hai mai
            pensato che la causa del fatto di avere
            avuto ancora "risultati di sopravvivenza"
            non sia causato dalla GPL ma dal mondo delle
            aziende closed source che si contrappone
            all'avanzata del mondo open source con
            formati proprietari, intrallazzi ecc. Per
            far diffondere il suo al posto dell'altro?Difendono i loro interessi, mi pare leggittimo e perfettamente lecito.Mica sono ONLUS, loro!!!
            E' sempre il nocciolo dell'etica
            capitalistica o di quella pluralista. Ci
            sono persone che fanno delle cose perche'
            gli piace farle, programmare, andare in moto
            tra mille tornanti, lavorare la terra e
            allevare animali o altro. Tu prendi solo il
            fare denaro come obiettivo della tua vita? E
            hai scelto la programmazione per raggiungere
            questo scopo?Non è il mio obiettivo nella vita e non faccio il programmatore, quindi sei proprio fuori strada.Peraltro parlando di Linux si va sempre a parare su discorsi da new-global!! Non si sfugge! E' una certezza matematica.Ora, i new-global su varie cose possono anche avere ragione, ma finchè non vi liberate da questa retorica utopista rimarrete sempre nicchia, perchè alla stragrande maggioranza della gente, di questa visione non frega niente!E' il limite di Linux, che lo tarperà ora e sempre.
            Un'economica non e' sana se per produrre
            ricchezza fa pagare anche cose superflue o
            che dovrebbero essere patrimonio di tutti.Il dovrebbero è relativo. La sicurezza e il benessere economico molto meno!
            Non usa inganni e trucchi protezionistici.
            L'economia dovrebbe essere assoggettata
            all'etica.Seee, va beh..sottofondo di John Lennon "Imagine", vai!(gran bel pezzo, non c'è dubbio, però...)
            La GPL permette di rendere di dominio
            pubblico delle idee ma anche degli strumenti
            utili a tutti per ottenere degli scopi.Forse t'è sfuggito che negli ultimi anni il pubblico in economia si è rivelato essere il male, tenuto lontano come la peste?Ma votate tutti Rifondazione (che è l'unico partito che aderisce alla perfezione a tutte le idee espresse) o come si conciliano 'sti discorsi col voto in cabina? Boh!
            La differenza tra open e closed e' che a
            fronte di una rinuncia al completo
            sfruttamento dell'opera se ne ha un ritorno
            in benefici apportati da altri oltre che al
            piacere etico di aver dato un contributo al
            progresso della societa'.Ok e se io, autore di tale invenzione, non voglio?Se voglio sfruttare la cosa per arricchirmi, visto che è lavoro mio e vorrei essere premiato per ciò?Gli USA funzionano in questo modo e sono la prima economia al mondo da una vita. L'URSS funzionava nel modo precedentemente espresso (zero copyright, cultura diffusa). E' crollata economicamente in condizioni disastrose! (E no, l'aspetto democratico c'entra poco! Il crollo del comunismo e la glasnost sono derivate dai problemi economici. L'assenza di democrazia ha pesato poco nel cambio di regime. Si è fatta vedere solo in un secondo tempo)
            Se tu avessi
            sfruttato un copyright la societa' non
            l'avresti aiutata ma solo imbrigliata.Gli USA la pensano in modo diametralmente opposto e sono la prima nazione al mondo, economicamente.Girala come vuoi, ma è un dato di fatto che la difesa del copyright accresce le economie. E non solo quelle dei ricchi, come la storia recente di tutto l'occidente dimostra!
            allora non ti porresti tale dubbio e
            staresti guadagnando dai servizi e
            personalizazioni come tutti gli altri eDai servizi e dalle personalizzazioni si guadagna POCO!E' questo che continuate a non capire!Quella dei servizi è una favola che vi cantano. Un mantra che le sirene della GPL propinano, per abbindolare (in buona fede, per carità) milioni di poveri programmatori sprovveduti.Di soli servizi non campa nessuno!!! O magari campi, come fanno le aziende Linux, tirando avanti la carretta col rischio di finire a gambe all'aria, casmoai, dio ce ne scampi, ci fosse una crisi...
          • Anonimo scrive:
            Re: signor Ekeplikal ma lei ce l'ha con
            - Scritto da: Ekleptical
            Peraltro parlando di Linux si va sempre a
            parare su discorsi da new-global!! Non si
            sfugge!è falsoCome molte altre persone con cui ho avuto modo di parlare, tu stai limitando il campo d'azione dell'economia open source solo a una parte del mondo. Linux e l'open source sono "liberi", non "comunisti"
          • Anonimo scrive:
            Re: signor Ekeplikal ma lei ce l'ha con
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Ekleptical


            Peraltro parlando di Linux si va sempre a

            parare su discorsi da new-global!! Non si

            sfugge!

            è falso

            Come molte altre persone con cui ho avuto
            modo di parlare, tu stai limitando il campo
            d'azione dell'economia open source solo a
            una parte del mondo.

            Linux e l'open source sono "liberi", non
            "comunisti"
            infatti! te l'immagini all'IBM quando parlano di linux quanto gliene frega dei movimenti no-global?Ekleplikal sembra un po' stereotipato
          • Ekleptical scrive:
            Re: signor Ekeplikal ma lei ce l'ha con

            infatti! te l'immagini all'IBM quando
            parlano di linux quanto gliene frega dei
            movimenti no-global?Te l'immagini in IBM quanto gliene frega di Linux, quando parlano di Linux.IBM VENDE SERVER...che fanno girare Linux. (l'uso diverso delle maiuscolo non è casuale).Se domani arriva Ciccio OS più figo di Linux e conveniente, IBM prende Linux e lo butta nel monnezzaio.Cmq non capisco una cosa...mi state dicendo che l'intero movimento Open Source che gira attorno a Linux è lanciato in una missione di benieficenza per far arricchire IBM?
          • Ekleptical scrive:
            Re: signor Ekeplikal ma lei ce l'ha con

            infatti! te l'immagini all'IBM quando
            parlano di linux quanto gliene frega dei
            movimenti no-global?Te l'immagini in IBM quanto gliene frega di Linux, quando parlano di Linux.IBM VENDE SERVER...che fanno girare Linux. (l'uso diverso delle maiuscolo non è casuale).Se domani arriva Ciccio OS più figo di Linux e conveniente, IBM prende Linux e lo butta nel monnezzaio.Cmq non capisco una cosa...mi state dicendo che l'intero movimento Open Source che gira attorno a Linux è lanciato in una missione di benieficenza per far arricchire IBM?
          • Anonimo scrive:
            Re: signor Ekeplikal ma lei ce l'ha con
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Ekleptical


            Peraltro parlando di Linux si va sempre a

            parare su discorsi da new-global!! Non si

            sfugge!

            è falso

            Come molte altre persone con cui ho avuto
            modo di parlare, tu stai limitando il campo
            d'azione dell'economia open source solo a
            una parte del mondo.

            Linux e l'open source sono "liberi", non
            "comunisti"
            infatti! te l'immagini all'IBM quando parlano di linux quanto gliene frega dei movimenti no-global?Ekleplikal sembra un po' stereotipato
          • Anonimo scrive:
            Re: signor Ekeplikal ma lei ce l'ha con
            - Scritto da: Ekleptical
            Peraltro parlando di Linux si va sempre a
            parare su discorsi da new-global!! Non si
            sfugge!è falsoCome molte altre persone con cui ho avuto modo di parlare, tu stai limitando il campo d'azione dell'economia open source solo a una parte del mondo. Linux e l'open source sono "liberi", non "comunisti"
          • astroboy scrive:
            Re: signor Ekeplikal ma lei ce l'ha con

            Ma votate tutti Rifondazione (che è l'unico
            partito che aderisce alla perfezione a tutte
            le idee espresse) o come si conciliano 'sti
            discorsi col voto in cabina? Boh!ed ecco che hai scoperto le carte...a te nn ti frega niente di linux , p2p ecc eccper te è soltanto una questione politicai soliti comunisti che si installano linux e si scaricano i brani da internet a sbaffo... !terrore! se si continuerà così faremo la fine dell'URSS.per nn far avanzare i comunisti:propongo un computer con windows preinstallato e nn rimovibile... e che verifichi che il contenuto installato sia tutto legalmente acquistato!e per sviluppare software occorre richiedere un'autorizzazione!cosa ne dici una bella idea?
          • Anonimo scrive:
            Re: signor Ekeplikal ma lei ce l'ha con
            - Scritto da: astroboy


            Ma votate tutti Rifondazione (che è
            l'unico

            partito che aderisce alla perfezione a
            tutte

            le idee espresse) o come si conciliano
            'sti

            discorsi col voto in cabina? Boh!

            ed ecco che hai scoperto le carte...
            a te nn ti frega niente di linux , p2p ecc
            ecc
            per te è soltanto una questione politica

            i soliti comunisti che si installano linux e
            si scaricano i brani da internet a sbaffo...
            !
            terrore! se si continuerà così faremo la
            fine dell'URSS.
            per nn far avanzare i comunisti:
            propongo un computer con windows
            preinstallato e nn rimovibile... e che
            verifichi che il contenuto installato sia
            tutto legalmente acquistato!
            e per sviluppare software occorre richiedere
            un'autorizzazione!

            cosa ne dici una bella idea?
            AGGIUNGO MAGARI CHE CONTROLLICHE NON CI SIA NIENTE DI COMMUNISTA!Wallpaper? una ridente villetta ad Arcore
          • Anonimo scrive:
            Re: signor Ekeplikal ma lei ce l'ha con
            - Scritto da: astroboy


            Ma votate tutti Rifondazione (che è
            l'unico

            partito che aderisce alla perfezione a
            tutte

            le idee espresse) o come si conciliano
            'sti

            discorsi col voto in cabina? Boh!

            ed ecco che hai scoperto le carte...
            a te nn ti frega niente di linux , p2p ecc
            ecc
            per te è soltanto una questione politica

            i soliti comunisti che si installano linux e
            si scaricano i brani da internet a sbaffo...
            !
            terrore! se si continuerà così faremo la
            fine dell'URSS.
            per nn far avanzare i comunisti:
            propongo un computer con windows
            preinstallato e nn rimovibile... e che
            verifichi che il contenuto installato sia
            tutto legalmente acquistato!
            e per sviluppare software occorre richiedere
            un'autorizzazione!

            cosa ne dici una bella idea?
            AGGIUNGO MAGARI CHE CONTROLLICHE NON CI SIA NIENTE DI COMMUNISTA!Wallpaper? una ridente villetta ad Arcore
          • astroboy scrive:
            Re: signor Ekeplikal ma lei ce l'ha con

            Ma votate tutti Rifondazione (che è l'unico
            partito che aderisce alla perfezione a tutte
            le idee espresse) o come si conciliano 'sti
            discorsi col voto in cabina? Boh!ed ecco che hai scoperto le carte...a te nn ti frega niente di linux , p2p ecc eccper te è soltanto una questione politicai soliti comunisti che si installano linux e si scaricano i brani da internet a sbaffo... !terrore! se si continuerà così faremo la fine dell'URSS.per nn far avanzare i comunisti:propongo un computer con windows preinstallato e nn rimovibile... e che verifichi che il contenuto installato sia tutto legalmente acquistato!e per sviluppare software occorre richiedere un'autorizzazione!cosa ne dici una bella idea?
          • Anonimo scrive:
            Re: signor Ekeplikal ma lei ce l'ha con
            ... SEGUITO
            Gli USA funzionano in questo modo e sono la
            prima economia al mondo da una vita. L'URSS
            funzionava nel modo precedentemente espresso
            (zero copyright, cultura diffusa). E'
            crollata economicamente in condizioni
            disastrose! (E no, l'aspetto democratico
            c'entra poco! Il crollo del comunismo e la
            glasnost sono derivate dai problemi
            economici. L'assenza di democrazia ha pesato
            poco nel cambio di regime. Si è fatta vedere
            solo in un secondo tempo)No, l'ho detto e lo ripeto. Il comunismo non e' crollato per i motivi che ripetete in tanti. Il comunismo e' crollato per l'eccessiva centralizzazione nelle mani di pochi avari (classe politica) di troppi poteri.Non si puo' centralizzare un immenso potere politico ed economico e pretendere di riuscire a mantenerlo. Specie se coloro che hanno tale presunzione sono umani e inclini all'avarizia e la brama di potere.Tanto e' vero che nell'epoca d'oro del comunismo con ancora alcuni capi idealisti l'URSS era una tra le piu' grandi superpotenze e aveva raggiunto posizioni politiche, economiche e militari rilevanti prima del tracollo.Le grosse multinazionali capitaliste stanno facendo lo stesso di cio' che hanno fatto le classi politiche comuniste. L'accentramento di poteri economici e la dimensione dell'azienda necessitano di ingenti capitali e per garantire un continuo afflusso si usano pratiche protezionistiche e monopolistiche opprimenti nei confronti del consumatore dei beni prodotti da tali aziende. Se ci fai caso e' una struttura identica a quella accentratrice e fagocitante di grosse risorse dei mostri burocratici delle nazioni comuniste.Il mondo del software libero non e' comunista ma in maniera involontaria ne fa propri alcuni concetti, ma in modo nuovo. L'open source e' vincente perche' a differenza del comunismo non ci sono poteri centrali o accentratori, ma lo sviluppo e distribuito e coordinato grazie a Internet. Solo poche decisione vengono prese da gruppi ristretti che di solito sono i capi o iniziatori dei progetti originari. E se non ci sono accordi tra alcuni sviluppatori puo' avvenire il forking, una cosa triste ma che comunque non arresta il processo di sviluppo, anche se in parte disperde le risorse ma che alla fine decreta comunque la vittoria dell'idea migliore.

            Se tu avessi

            sfruttato un copyright la societa' non

            l'avresti aiutata ma solo imbrigliata.

            Gli USA la pensano in modo diametralmente
            opposto e sono la prima nazione al mondo,
            economicamente.Allora non hai capito quello che ho scritto.Gli USA stanno imbrigliando la societa' sfruttando i brevetti. Ma non solo la loro. Gli USA con le loro aziende fagocitano il 60% delle risorse economiche del resto del mondo. La sola citta' di New York ha piu cablaggi dati di tutta l'Africa. Tra i 300 uomini piu' ricchi che detengono il 70% della ricchezza del pianeta l' 80% sono americani. E in questo risultato non ci sono riusciti perche' sono dei maghi del marketing ma perche' sono dei sporchi monopolisti che sfruttano anche il piu' stupido brevetto.Se tutto il mondo adottasse filosofie come quelle che stanno alla base dell'open source, oggi quelle ricchezze in mano a cosi' pochi sarebbero piu' distribuite tra tutti i paesi che hanno avuto menti e persone in grado di inventare cose nuove e nuovi modi di lavorare e rendere servizi alle societa' in cui vivono.
            Girala come vuoi, ma è un dato di fatto che
            la difesa del copyright accresce le
            economie. E non solo quelle dei ricchi, come
            la storia recente di tutto l'occidente
            dimostra!E fa morire di fame o di malattie il restante 75% del mondo.E' una bella cosa non c'e' che dire... Di cui esserne fieri.
            Dai servizi e dalle personalizzazioni si
            guadagna POCO!
            E' questo che continuate a non capire!Si guadagna quanto basta per vivere, sempre che non intervengano fattori che rendano la vita sempre piu' cara ogni giorno che passa.
            Di soli servizi non campa nessuno!!! O
            magari campi, come fanno le aziende Linux,
            tirando avanti la carretta col rischio di
            finire a gambe all'aria, casmoai, dio ce ne
            scampi, ci fosse una crisi...Paura di un'instabilita'?Sei la chiara conseguenza di un'etica capitalista moderna. Paura di una crisi e come obiettivo solo il presente e tanti soldi subito.Nessun compromesso nessuna condivisione. Egoismo e protezionismo, brama di potere tramite l'arricchimento. L'unione dei tipici sentimenti umani provenienti dagli istinti sessuali.--Ciao. Mr. Mechano
          • Anonimo scrive:
            Re: signor Ekeplikal ma lei ce l'ha con
            ... SEGUITO
            Gli USA funzionano in questo modo e sono la
            prima economia al mondo da una vita. L'URSS
            funzionava nel modo precedentemente espresso
            (zero copyright, cultura diffusa). E'
            crollata economicamente in condizioni
            disastrose! (E no, l'aspetto democratico
            c'entra poco! Il crollo del comunismo e la
            glasnost sono derivate dai problemi
            economici. L'assenza di democrazia ha pesato
            poco nel cambio di regime. Si è fatta vedere
            solo in un secondo tempo)No, l'ho detto e lo ripeto. Il comunismo non e' crollato per i motivi che ripetete in tanti. Il comunismo e' crollato per l'eccessiva centralizzazione nelle mani di pochi avari (classe politica) di troppi poteri.Non si puo' centralizzare un immenso potere politico ed economico e pretendere di riuscire a mantenerlo. Specie se coloro che hanno tale presunzione sono umani e inclini all'avarizia e la brama di potere.Tanto e' vero che nell'epoca d'oro del comunismo con ancora alcuni capi idealisti l'URSS era una tra le piu' grandi superpotenze e aveva raggiunto posizioni politiche, economiche e militari rilevanti prima del tracollo.Le grosse multinazionali capitaliste stanno facendo lo stesso di cio' che hanno fatto le classi politiche comuniste. L'accentramento di poteri economici e la dimensione dell'azienda necessitano di ingenti capitali e per garantire un continuo afflusso si usano pratiche protezionistiche e monopolistiche opprimenti nei confronti del consumatore dei beni prodotti da tali aziende. Se ci fai caso e' una struttura identica a quella accentratrice e fagocitante di grosse risorse dei mostri burocratici delle nazioni comuniste.Il mondo del software libero non e' comunista ma in maniera involontaria ne fa propri alcuni concetti, ma in modo nuovo. L'open source e' vincente perche' a differenza del comunismo non ci sono poteri centrali o accentratori, ma lo sviluppo e distribuito e coordinato grazie a Internet. Solo poche decisione vengono prese da gruppi ristretti che di solito sono i capi o iniziatori dei progetti originari. E se non ci sono accordi tra alcuni sviluppatori puo' avvenire il forking, una cosa triste ma che comunque non arresta il processo di sviluppo, anche se in parte disperde le risorse ma che alla fine decreta comunque la vittoria dell'idea migliore.

            Se tu avessi

            sfruttato un copyright la societa' non

            l'avresti aiutata ma solo imbrigliata.

            Gli USA la pensano in modo diametralmente
            opposto e sono la prima nazione al mondo,
            economicamente.Allora non hai capito quello che ho scritto.Gli USA stanno imbrigliando la societa' sfruttando i brevetti. Ma non solo la loro. Gli USA con le loro aziende fagocitano il 60% delle risorse economiche del resto del mondo. La sola citta' di New York ha piu cablaggi dati di tutta l'Africa. Tra i 300 uomini piu' ricchi che detengono il 70% della ricchezza del pianeta l' 80% sono americani. E in questo risultato non ci sono riusciti perche' sono dei maghi del marketing ma perche' sono dei sporchi monopolisti che sfruttano anche il piu' stupido brevetto.Se tutto il mondo adottasse filosofie come quelle che stanno alla base dell'open source, oggi quelle ricchezze in mano a cosi' pochi sarebbero piu' distribuite tra tutti i paesi che hanno avuto menti e persone in grado di inventare cose nuove e nuovi modi di lavorare e rendere servizi alle societa' in cui vivono.
            Girala come vuoi, ma è un dato di fatto che
            la difesa del copyright accresce le
            economie. E non solo quelle dei ricchi, come
            la storia recente di tutto l'occidente
            dimostra!E fa morire di fame o di malattie il restante 75% del mondo.E' una bella cosa non c'e' che dire... Di cui esserne fieri.
            Dai servizi e dalle personalizzazioni si
            guadagna POCO!
            E' questo che continuate a non capire!Si guadagna quanto basta per vivere, sempre che non intervengano fattori che rendano la vita sempre piu' cara ogni giorno che passa.
            Di soli servizi non campa nessuno!!! O
            magari campi, come fanno le aziende Linux,
            tirando avanti la carretta col rischio di
            finire a gambe all'aria, casmoai, dio ce ne
            scampi, ci fosse una crisi...Paura di un'instabilita'?Sei la chiara conseguenza di un'etica capitalista moderna. Paura di una crisi e come obiettivo solo il presente e tanti soldi subito.Nessun compromesso nessuna condivisione. Egoismo e protezionismo, brama di potere tramite l'arricchimento. L'unione dei tipici sentimenti umani provenienti dagli istinti sessuali.--Ciao. Mr. Mechano
          • Ekleptical scrive:
            Re: signor Ekeplikal ma lei ce l'ha con

            Rispondo per quanto sopra. Non hai mai
            pensato che la causa del fatto di avere
            avuto ancora "risultati di sopravvivenza"
            non sia causato dalla GPL ma dal mondo delle
            aziende closed source che si contrappone
            all'avanzata del mondo open source con
            formati proprietari, intrallazzi ecc. Per
            far diffondere il suo al posto dell'altro?Difendono i loro interessi, mi pare leggittimo e perfettamente lecito.Mica sono ONLUS, loro!!!
            E' sempre il nocciolo dell'etica
            capitalistica o di quella pluralista. Ci
            sono persone che fanno delle cose perche'
            gli piace farle, programmare, andare in moto
            tra mille tornanti, lavorare la terra e
            allevare animali o altro. Tu prendi solo il
            fare denaro come obiettivo della tua vita? E
            hai scelto la programmazione per raggiungere
            questo scopo?Non è il mio obiettivo nella vita e non faccio il programmatore, quindi sei proprio fuori strada.Peraltro parlando di Linux si va sempre a parare su discorsi da new-global!! Non si sfugge! E' una certezza matematica.Ora, i new-global su varie cose possono anche avere ragione, ma finchè non vi liberate da questa retorica utopista rimarrete sempre nicchia, perchè alla stragrande maggioranza della gente, di questa visione non frega niente!E' il limite di Linux, che lo tarperà ora e sempre.
            Un'economica non e' sana se per produrre
            ricchezza fa pagare anche cose superflue o
            che dovrebbero essere patrimonio di tutti.Il dovrebbero è relativo. La sicurezza e il benessere economico molto meno!
            Non usa inganni e trucchi protezionistici.
            L'economia dovrebbe essere assoggettata
            all'etica.Seee, va beh..sottofondo di John Lennon "Imagine", vai!(gran bel pezzo, non c'è dubbio, però...)
            La GPL permette di rendere di dominio
            pubblico delle idee ma anche degli strumenti
            utili a tutti per ottenere degli scopi.Forse t'è sfuggito che negli ultimi anni il pubblico in economia si è rivelato essere il male, tenuto lontano come la peste?Ma votate tutti Rifondazione (che è l'unico partito che aderisce alla perfezione a tutte le idee espresse) o come si conciliano 'sti discorsi col voto in cabina? Boh!
            La differenza tra open e closed e' che a
            fronte di una rinuncia al completo
            sfruttamento dell'opera se ne ha un ritorno
            in benefici apportati da altri oltre che al
            piacere etico di aver dato un contributo al
            progresso della societa'.Ok e se io, autore di tale invenzione, non voglio?Se voglio sfruttare la cosa per arricchirmi, visto che è lavoro mio e vorrei essere premiato per ciò?Gli USA funzionano in questo modo e sono la prima economia al mondo da una vita. L'URSS funzionava nel modo precedentemente espresso (zero copyright, cultura diffusa). E' crollata economicamente in condizioni disastrose! (E no, l'aspetto democratico c'entra poco! Il crollo del comunismo e la glasnost sono derivate dai problemi economici. L'assenza di democrazia ha pesato poco nel cambio di regime. Si è fatta vedere solo in un secondo tempo)
            Se tu avessi
            sfruttato un copyright la societa' non
            l'avresti aiutata ma solo imbrigliata.Gli USA la pensano in modo diametralmente opposto e sono la prima nazione al mondo, economicamente.Girala come vuoi, ma è un dato di fatto che la difesa del copyright accresce le economie. E non solo quelle dei ricchi, come la storia recente di tutto l'occidente dimostra!
            allora non ti porresti tale dubbio e
            staresti guadagnando dai servizi e
            personalizazioni come tutti gli altri eDai servizi e dalle personalizzazioni si guadagna POCO!E' questo che continuate a non capire!Quella dei servizi è una favola che vi cantano. Un mantra che le sirene della GPL propinano, per abbindolare (in buona fede, per carità) milioni di poveri programmatori sprovveduti.Di soli servizi non campa nessuno!!! O magari campi, come fanno le aziende Linux, tirando avanti la carretta col rischio di finire a gambe all'aria, casmoai, dio ce ne scampi, ci fosse una crisi...
          • Anonimo scrive:
            Re: signor Ekeplikal ma lei ce l'ha con
            - Scritto da: Ekleptical
            Non vedo l'incongruenza, ribadisco. IBM paga
            per quello che non può avere gratis. Il
            resto lo prende free.
            Sono 2 strategie complementari. Dov'è il
            porblema?IBM e' un caso a parte. Del software gli interessa poco dato che e' un grosso venditore di hardware. Linux e' un oggetto che gli interessa comunque perche' non avendo costi elevati permette di spendere in hardware quello che si risparmia in software. E poi gli investimenti di IBM in Linux sembrano alti ma sono infinitesimi in relazione alle possibilita' di "Big Blue".
            Sì, se non ci ricavano soldi. Si lavora per
            quello, in genere. Se no si fa ONLUS,
            appunto.La programmazione per molti coder e' un'arte, o un divertimento. Spesso si programma anche per il solo piacere di farlo, o anche per un pizzico di desiderio di gloria, ossia avere il proprio programma diffuso e il proprio nome anche su progetti importanti scritto per sempre.Ma casi come questi non sono importanti.In fondo i soldi vengono anche da altre cose.
            Linux è l'economia del "tirare a campare" e
            tutti i professionisti Linux che conosco
            rientrano in questo paradigma. Non è una
            bella economia...(tant'è che alcuni si
            iniziano a rompere le balle e stanno
            cercando di cambiare lavoro, dopo anni di
            imprenditoria con risultati di
            sopravvivenza)Inverto 2 parti quotate (vedi il capoverso sotto).Rispondo per quanto sopra. Non hai mai pensato che la causa del fatto di avere avuto ancora "risultati di sopravvivenza" non sia causato dalla GPL ma dal mondo delle aziende closed source che si contrappone all'avanzata del mondo open source con formati proprietari, intrallazzi ecc. Per far diffondere il suo al posto dell'altro?Non credi che e' solo una questione di diffusione e se il 90% delle installazioni avesse GNU/Linux e open source allora invece che sopravvivenza sarebbe una situazione piu' florida?Ma poi anche la parola sopravvivenza la usi in maniera negativa, io intenderei il riuscire a vivere in questo mondo, tu lo intendi come vivacchiare, e... (vedi parte quotata dopo)
            Perchè devo glissare? Come già detto mille
            volte la mia critica è sulla GPL. E' quello
            il "male".
            ...
            Direi di sì! "Fare i soldi"= guadaganare
            tanto, fino a prova contraria! Se mi
            assumono come cameriere serale nel week-end
            non vado in giro a dire che "ho fatto i
            soldi", sai com'è!... Metti solo il fare denaro l'unico modo per prosperare. Anzi guardi al denaro come all'unica cosa che puo' dare prosperita'.E' sempre il nocciolo dell'etica capitalistica o di quella pluralista. Ci sono persone che fanno delle cose perche' gli piace farle, programmare, andare in moto tra mille tornanti, lavorare la terra e allevare animali o altro. Tu prendi solo il fare denaro come obiettivo della tua vita? E hai scelto la programmazione per raggiungere questo scopo?A me per esempio piace insegnare e Linux l'ho spesso installato e insegnato ad usare. Io alle aziende non chiedo soldi per GNU/Linux, sarei solo un venditore. Invece mi faccio pagare per tutti i servizi accessori. Per le attivita' pratiche d'insegnamento e di assistenza di varia natura.Anche se spesso insegno gratuitamente nei Linux User Group. Ma il mio caso non fa testo in questo confronto.
            Un'economia sana si misura dalla capacità di
            produrre ricchezza e un certo grado di
            benessere e sicurezza.
            L'economia del tirare a campare non è
            un'economia sana!
            ...
            Il closed da un po' prima, ho idea...
            E la GPL esiste "veramente" a livello di
            riscontro da un 5 anni, circa.
            Io dico la mia. E vauta la possibilità che
            potrei avere ragione.Un'economica non e' sana se per produrre ricchezza fa pagare anche cose superflue o che dovrebbero essere patrimonio di tutti.Non usa inganni e trucchi protezionistici. L'economia dovrebbe essere assoggettata all'etica.La GPL permette di rendere di dominio pubblico delle idee ma anche degli strumenti utili a tutti per ottenere degli scopi.Se idee e alcuni strumenti sono gratuiti o anche non gratuiti ma comunque liberamente disponibili e facilmente accessibili queste sono di aiuto alla crescita economica di tutti e con tutti intendo tutte le societa' e le nazioni.Il mondo moderno tende a voler far soldi da tutto, anche dalla sola aria che si respira. Per un attimo si dovrebbe provare a immaginare il mondo in modo diverso dove non si vende un'opera dell'ingegno ma solo i derivati da queste.Il tempo macchina per fare conti degli stipendi e relativi cedolini vanno fatti pagare, chi ha fatto il programma che fa gli stipendi si fara' pagare assistenza, installazione e competenze che chi lo usa non ha. A sua volta chi ha fatto il programma avendolo rilasciato open source ne potra' a sua volta riprendere le migliorie fatte da altri e tutti insieme vendiamo assistenza su questo programma ma non esso stesso come idea in toto che continuera' ad evolvere con l'aiuto di tutti.Vengono soldi anche da personalizzazioni che pero' vengono una sola volta poiche' le personalizzazioni saranno rilasciate anch'esse nell'open source.La differenza tra open e closed e' che a fronte di una rinuncia al completo sfruttamento dell'opera se ne ha un ritorno in benefici apportati da altri oltre che al piacere etico di aver dato un contributo al progresso della societa'. Se tu avessi sfruttato un copyright la societa' non l'avresti aiutata ma solo imbrigliata.Il solo motivo perche' tu sembri vedere migliori introiti dal mondo closed source e' perche' l'open source e' ancora meno diffuso, ma se in giro fosse tutto 100% open allora non ti porresti tale dubbio e staresti guadagnando dai servizi e personalizazioni come tutti gli altri e guadagnerebbe chi da il miglior servizio non chi riesce a rubare di piu' nascondendosi dietro la protezione del copyright e dei formati chiusi.--Ciao. Mr. Mechano
          • Ekleptical scrive:
            Re: signor Ekeplikal ma lei ce l'ha con

            non parlavo del modus operandi di ibm, ma di
            quelli che una volta tirano fuori il fatto
            che ibm paga i programmatori per scrivere
            codice os, e la volta dopo il fatto che
            molti programmano gratisNon vedo l'incongruenza, ribadisco. IBM paga per quello che non può avere gratis. Il resto lo prende free.Sono 2 strategie complementari. Dov'è il porblema?
            ci guadagnano un sistema libero, gratis,
            stabile e performante, dimmi se ti pare pocoSì, se non ci ricavano soldi. Si lavora per quello, in genere. Se no si fa ONLUS, appunto.
            mi trattengo dal dire quello che vorrei:
            prima di tutto hai clamorosamente glissato
            sulla lgplPerchè devo glissare? Come già detto mille volte la mia critica è sulla GPL. E' quello il "male".
            , secondo ne fai solo un problema
            di fatturatoDirei di sì! "Fare i soldi"= guadaganare tanto, fino a prova contraria! Se mi assumono come cameriere serale nel week-end non vado in giro a dire che "ho fatto i soldi", sai com'è!Linux è l'economia del "tirare a campare" e tutti i professionisti Linux che conosco rientrano in questo paradigma. Non è una bella economia...(tant'è che alcuni si iniziano a rompere le balle e stanno cercando di cambiare lavoro, dopo anni di imprenditoria con risultati di sopravvivenza)
            ma se per te contano solo i miliardi di
            dollari/euro...Un'economia sana si misura dalla capacità di produrre ricchezza e un certo grado di benessere e sicurezza.L'economia del tirare a campare non è un'economia sana!
            cosa intendi per lungo termine? la gpl c'e`
            gia` da un bel po'Il closed da un po' prima, ho idea...E la GPL esiste "veramente" a livello di riscontro da un 5 anni, circa.
            hai tu forse la sfera di cristallo? oltre ad
            averci fatto due sfere cosi` a noi, intendo
            :PIo dico la mia. E vauta la possibilità che potrei avere ragione.
          • Anonimo scrive:
            Re: signor Ekeplikal ma lei ce l'ha con
            - Scritto da: Ekleptical
            IBM paga i SUOI programmatori, che sono un
            numero esiguo, e che gli servono per portare
            avanti alcune parti di Linux che nessun
            programmatore free si sognerebbe di portare
            avanti, perchè pallosissime da programmare e
            utili solo per le grandi imprese. Sono parti
            che però danno vendibilità a Linux, in
            settori altrimenti irraggiungibili.
            se per te kde e` utile solo per le grandi imprese...
            Per la restante parte (la stragrande
            maggioranza) è ben lieta di sfruttare. Dov'è
            l'incongruenza di questo modus operandi?
            non parlavo del modus operandi di ibm, ma di quelli che una volta tirano fuori il fatto che ibm paga i programmatori per scrivere codice os, e la volta dopo il fatto che molti programmano gratis
            Che non guadagnano un becco neanche loro.
            E' un po' una ONLUS, ho capito...
            ci guadagnano un sistema libero, gratis, stabile e performante, dimmi se ti pare poco
            umm...no, direi di no. Mi dici chi ci ha
            fatto i soldi?
            Dammi dei nomi e poi li compariamo ai
            redditi degli altri concorrenti closed.
            Proviamo?
            mi trattengo dal dire quello che vorrei: prima di tutto hai clamorosamente glissato sulla lgpl, secondo ne fai solo un problema di fatturato. esistono anche le piccole aziende: http://www.ascensit.com/ per dirne una. e non e` l'unica.ma se per te contano solo i miliardi di dollari/euro...
            Certo. Non tutte le idee sono giuste, però,
            sai com'è. Indipendentemente dalla loro
            diffusione, alcune si rivelano fallimentari
            nel lungo termine.
            cosa intendi per lungo termine? la gpl c'e` gia` da un bel po'
            No. Può implicare scarsa visione del lungo
            termine.hai tu forse la sfera di cristallo? oltre ad averci fatto due sfere cosi` a noi, intendo :Praist
          • Ekleptical scrive:
            Re: signor Ekeplikal ma lei ce l'ha con

            perche` a seconda di cosa faccia comodo si
            tira fuori o che ibm paga suoi programmatori
            per sviluppare il kernel, kde, etc. o che
            sfrutta i poveri programmatori di mezzo
            mondo?IBM paga i SUOI programmatori, che sono un numero esiguo, e che gli servono per portare avanti alcune parti di Linux che nessun programmatore free si sognerebbe di portare avanti, perchè pallosissime da programmare e utili solo per le grandi imprese. Sono parti che però danno vendibilità a Linux, in settori altrimenti irraggiungibili.Per la restante parte (la stragrande maggioranza) è ben lieta di sfruttare. Dov'è l'incongruenza di questo modus operandi?
            ti sfugge che questi __operai__ non lavorano
            solo per l'imprenditore, ma anche per tutti
            gli altri __operai__Che non guadagnano un becco neanche loro.E' un po' una ONLUS, ho capito...
            sai che con codice gpl si possono anche fare
            soldi?umm...no, direi di no. Mi dici chi ci ha fatto i soldi?Dammi dei nomi e poi li compariamo ai redditi degli altri concorrenti closed. Proviamo?
            sai che esiste qualcuno con idee diverse
            dalle tue?Certo. Non tutte le idee sono giuste, però, sai com'è. Indipendentemente dalla loro diffusione, alcune si rivelano fallimentari nel lungo termine.
            sai che questo non implica la demenza?No. Può implicare scarsa visione del lungo termine.
          • Anonimo scrive:
            Re: signor Ekeplikal ma lei ce l'ha con
            - Scritto da: Anonimo
            ti sfugge che questi __operai__ non lavorano
            solo per l'imprenditore, ma anche per tutti
            gli altri __operai__A mia figlia che do da mangiare, questa sera? Un paio di librerie del kde? Gustosissime arrosto, ma anche bollite non sono male!
          • Anonimo scrive:
            Re: signor Ekeplikal ma lei ce l'ha con
            - Scritto da: Anonimo
            ti sfugge che questi __operai__ non lavorano
            solo per l'imprenditore, ma anche per tutti
            gli altri __operai__A mia figlia che do da mangiare, questa sera? Un paio di librerie del kde? Gustosissime arrosto, ma anche bollite non sono male!
          • Anonimo scrive:
            Re: signor Ekeplikal ma lei ce l'ha con

            A queste aziende del software del SO e della
            GPL non frega niente. Sono solo tutte spese
            in meno. Possono sfruttare il lavoro gratis
            di babbei che sono anche contenti di
            lavorare per meno di un tozzo di pane, che
            dovrebbero fare? Rifiutarli?
            perche` a seconda di cosa faccia comodo si tira fuori o che ibm paga suoi programmatori per sviluppare il kernel, kde, etc. o che sfrutta i poveri programmatori di mezzo mondo?
            E' come se ad un imprenditore si
            presentassero masse di operai che lavorano
            solo "per la causa", senza richiedere
            ulteriori compensi! Chi non li accetterebbe
            più che volentieri, scusa?
            ti sfugge che questi __operai__ non lavorano solo per l'imprenditore, ma anche per tutti gli altri __operai__
            La demenza di Stallman è che sta creano le
            potenzialità per un esercito di servetti
            sfruttati e sotto pagati. E il bello è che
            ne sono pure felici!sai che con codice gpl si possono anche fare soldi?sai che esiste la lgpl?sai anche cos'e`?sai che esiste qualcuno con idee diverse dalle tue?sai che questo non implica la demenza?modestia, ragazzi miei, modestia
            O è un demente o è un
            genio...dell'imprenditoria, non certo dei
            lavoratori.vedremoraist
          • stevie scrive:
            Re: signor Ekeplikal ma lei ce l'ha con tutt
            - Scritto da: Ekleptical
            La demenza di Stallman è che sta creano le
            potenzialità per un esercito di servetti
            sfruttati e sotto pagati. E il bello è che
            ne sono pure felici!
            O è un demente o è un
            genio...dell'imprenditoria, non certo dei
            lavoratori.Sai cosa c'è scritto sulla copertina della biografia di Torvalds? Just For Funrifletti...Regards,Stevie
          • stevie scrive:
            Re: signor Ekeplikal ma lei ce l'ha con tutt
            - Scritto da: Ekleptical
            La demenza di Stallman è che sta creano le
            potenzialità per un esercito di servetti
            sfruttati e sotto pagati. E il bello è che
            ne sono pure felici!
            O è un demente o è un
            genio...dell'imprenditoria, non certo dei
            lavoratori.Sai cosa c'è scritto sulla copertina della biografia di Torvalds? Just For Funrifletti...Regards,Stevie
      • Anonimo scrive:
        Re: signor Ekeplikal ma lei ce l'ha con tutt
        - Scritto da: Ekleptical
        Per quanto riguarda il software, ritengo
        demenziali le idee di Stallman e soci. Scusa, perchè le idee di Stallman sarebbero demenziali ?Allora sono dementi anche i dirigenti di IBM, HP, Sun etc che hanno "sposato" la GPL e le altre licenze ad essa collegate.Cavolo quanto dementi ci sono al mondo !E tutti guidano multinazionali megamiliardarie !
        Se Linux avesse altre licenze non avrei poi
        tante critiche, purchè se ne riconoscano i
        limiti e gli ambiti d'uso preferenziali.Non ho difficoltà ad ammettere che qualsiasi OS abbia un ambito di utilizzo preferenziale rispetto agli altri, così come sarebbe idiota comprarsi la Ferrari solo per andare a fare la spesa al negozietto a 500 metri da casa...Questo non toglie che pur essendo uno spreco la Ferrari non mi permetta di fare la spesa in modo decente.
    • Ekleptical scrive:
      Re: signor Ekeplikal ma lei ce l'ha con tutt

      E' contro la Gpl, ovvero critica la licenza
      libera, e contro la libertà di share dei
      files mp3
      Mi dica che è ballmer così almeno avrò le
      idee chiare
      non trovaNo, non sono Ballmer, non lavoro per Microsoft, nè per case discografiche.Semplicemente adoro e rispetto al musica più di qualunque altra cosa.Per quanto riguarda il software, ritengo demenziali le idee di Stallman e soci. Se Linux avesse altre licenze non avrei poi tante critiche, purchè se ne riconoscano i limiti e gli ambiti d'uso preferenziali.
    • Anonimo scrive:
      Re: signor Ekeplikal ma lei ce l'ha con tutt
      - Scritto da: Anonimo
      Allora
      ricapitoliamo

      E' contro la Gpl, ovvero critica la licenza
      libera, e contro la libertà di share dei
      files mp3
      Mi dica che è ballmer così almeno avrò le
      idee chiare
      non trovaNon e' Ballmer, e' solo uno dei tanti servi che popolano il nostro paese.Alla gente come lui la liberta' fa schifo sotto qualsiasi forma si presenti.
    • Anonimo scrive:
      Re: signor Ekeplikal ma lei ce l'ha con tutt
      - Scritto da: Anonimo
      Allora
      ricapitoliamo

      E' contro la Gpl, ovvero critica la licenza
      libera, e contro la libertà di share dei
      files mp3
      Mi dica che è ballmer così almeno avrò le
      idee chiare
      non trovaNon e' Ballmer, e' solo uno dei tanti servi che popolano il nostro paese.Alla gente come lui la liberta' fa schifo sotto qualsiasi forma si presenti.
  • Anonimo scrive:
    Intanto a Monaco...
    Munich Spurns Steve Ballmer's Software Rebateshttp://slashdot.org/articles/03/05/26/1855225.shtml?tid=109&tid=187"Steve Ballmer's recent trip to Munich to offer up to 90% rebates for the Microsoft Software Assurance and Licenses was in vain. The ruling party of Germans biggest city and self-proclaimed 'technology capital' now decided to migrate 14.000 workstations to Linux and an OSS office suite. A study comparing the alternatives had assigned 6218 (out of 10.000) points to Linux/OSS, while the MS Windows platform only scored 5293."
    • Anonimo scrive:
      Re: Intanto a Monaco...
      - Scritto da: Anonimo
      Munich Spurns Steve Ballmer's Software
      Rebates

      http://slashdot.org/articles/03/05/26/1855225

      "Steve Ballmer's recent trip to Munich to
      offer up to 90% rebates for the Microsoft
      Software Assurance and Licenses was in vain.
      The ruling party of Germans biggest city and
      self-proclaimed 'technology capital' now
      decided to migrate 14.000 workstations to
      Linux and an OSS office suite. A study
      comparing the alternatives had assigned 6218
      (out of 10.000) points to Linux/OSS, while
      the MS Windows platform only scored 5293."E con questo spero che abbia capito che la partita con Linux non si gioca solo sul piano del costo delle licenze.A parte l'evidente figura barbina, dopo la menata su "il nostro software è superiore qualitativamente, quindi non abbiamo bisogno di abbassarne il prezzo", penso sia la dimostrazione chiara del fatto che qualcuno comincia a capire gli altri vantaggi dell'opensource, quelli veri.E' questo che fa paura ai soliti noti, è questo che stanno tentando di fermare.
      • nop scrive:
        Re: Intanto a Monaco...

        A parte l'evidente figura barbina, dopo la
        menata su "il nostro software è superiore
        qualitativamente, quindi non abbiamo bisogno
        di abbassarne il prezzo", penso sia la
        dimostrazione chiara del fatto che qualcuno
        comincia a capire gli altri vantaggi
        dell'opensource, quelli veri.
        E' questo che fa paura ai soliti noti, è
        questo che stanno tentando di fermare.No, il caso di Monaco è emblematico del fatto che, i benefici dell'open source(modificabilità del codice e sicurezza) sono posti in secondo piano rispetto al costo della soluzione proposta.Se non interessano questi valori del OS non vedo come l'os stessa possa risultare vincente considerando che nessuno è mai riuscito a dimostrare che una infrastruttura WIndows costa di più di una Linux(naturlamente non parlo del semplice costo delle licenze)
        • Anonimo scrive:
          Re: Intanto a Monaco...
          - Scritto da: nop


          A parte l'evidente figura barbina, dopo la

          menata su "il nostro software è superiore

          qualitativamente, quindi non abbiamo
          bisogno

          di abbassarne il prezzo", penso sia la

          dimostrazione chiara del fatto che
          qualcuno

          comincia a capire gli altri vantaggi

          dell'opensource, quelli veri.

          E' questo che fa paura ai soliti noti, è

          questo che stanno tentando di fermare.

          No, il caso di Monaco è emblematico del
          fatto che, i benefici dell'open
          source(modificabilità del codice e
          sicurezza) sono posti in secondo piano
          rispetto al costo della soluzione proposta.se fai quest'affermazione riguardo ai costi dovresti essere in grado anche di dirci quantitativamente le offerte di Microsoft e di IBM, altrimenti risulta una valutazione personale (e magari faziosa)
          • nop scrive:
            Re: Intanto a Monaco...
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: nop




            A parte l'evidente figura barbina,
            dopo la


            menata su "il nostro software è
            superiore


            qualitativamente, quindi non abbiamo

            bisogno


            di abbassarne il prezzo", penso sia la


            dimostrazione chiara del fatto che

            qualcuno


            comincia a capire gli altri vantaggi


            dell'opensource, quelli veri.


            E' questo che fa paura ai soliti noti,
            è


            questo che stanno tentando di fermare.



            No, il caso di Monaco è emblematico del

            fatto che, i benefici dell'open

            source(modificabilità del codice e

            sicurezza) sono posti in secondo piano

            rispetto al costo della soluzione
            proposta.

            se fai quest'affermazione riguardo ai costi
            dovresti essere in grado anche di dirci
            quantitativamente le offerte di Microsoft e
            di IBM, altrimenti risulta una valutazione
            personale (e magari faziosa)
            Nella notizia ripresa in Internet il responsabile informatico ha chiarito che Ballmer gli ha fatto un offerta che non poteva rifiutare...(cerca il link su www.programmazione.it)Aggiungo che tutto quello che scrivo è sicuramente una mia valutazione(più obbiettiva possibile... spero)Ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: Intanto a Monaco...
            - Scritto da: nop
            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: nop






            A parte l'evidente figura barbina,

            dopo la



            menata su "il nostro software è

            superiore



            qualitativamente, quindi non abbiamo


            bisogno



            di abbassarne il prezzo", penso sia
            la



            dimostrazione chiara del fatto che


            qualcuno



            comincia a capire gli altri vantaggi



            dell'opensource, quelli veri.



            E' questo che fa paura ai soliti
            noti,

            è



            questo che stanno tentando di
            fermare.





            No, il caso di Monaco è emblematico del


            fatto che, i benefici dell'open


            source(modificabilità del codice e


            sicurezza) sono posti in secondo piano


            rispetto al costo della soluzione

            proposta.



            se fai quest'affermazione riguardo ai
            costi

            dovresti essere in grado anche di dirci

            quantitativamente le offerte di Microsoft
            e

            di IBM, altrimenti risulta una valutazione

            personale (e magari faziosa)



            Nella notizia ripresa in Internet il
            responsabile informatico ha chiarito che
            Ballmer gli ha fatto un offerta che non
            poteva rifiutare...(cerca il link su
            www.programmazione.it)no, scusa , cercalo tu, perché sei tu a fare l'affermazione non dimostrata.ma guarda un po' ?! ... TU fai un'affermazione che TI obbliga a citare la fonte e sarebbero gli altri a dover cercare per te tale fonte.!inoltre anche se fosse vera, quest'affermazione "Ballmer gli ha fatto un offerta che nonpoteva rifiutare"non dimostra nulla, in quanto non riporta alcuna CIFRA, e le cifre sono necessarie in un confronto di tipo quantitativo
            Aggiungo che tutto quello che scrivo è
            sicuramente una mia valutazione(più
            obbiettiva possibile... spero)non ci può essere obiettività nella discussione di NUMERI senza la presenza degli stessi NUMERI.La tua è una tipica contraddizione autolillusoria di chi vorrebbe che una cosa fosse vera senza averne realmente in mano alcuna prova
          • nop scrive:
            Re: Intanto a Monaco...

            no, scusa , cercalo tu, perché sei tu a fare
            l'affermazione non dimostrata.

            ma guarda un po' ?! ...
            TU fai un'affermazione che TI obbliga a
            citare la fonte e sarebbero gli altri a
            dover cercare per te tale fonte.!Allora per essere preciso sono risalito alla fonte principale:http://www.spiegel.de/netzwelt/technologie/0,1518,249649,00.html
            non dimostra nulla, in quanto non riporta
            alcuna CIFRA, e le cifre sono necessarie in
            un confronto di tipo quantitativo Infatti nessuno ha parlato di cifre...Il ragionamento era per evidenziare che lo scopo di chi vuole adottare Linux è il risparmio .... la libertà che ne consegue è marginale...Certo sei libero poi di interpretare il comportamento della amministrazione come meglio credi ma il fatto che MS con una offerta di una entità sconosciuta è riuscita a riabilitarsi vuol dire che il soldo conta e molto... gli ideali in questo caso sono stati fumati...Ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: Intanto a Monaco...
            - Scritto da: nop


            no, scusa , cercalo tu, perché sei tu a
            fare

            l'affermazione non dimostrata.




            ma guarda un po' ?! ...

            TU fai un'affermazione che TI obbliga a

            citare la fonte e sarebbero gli altri a

            dover cercare per te tale fonte.!

            Allora per essere preciso sono risalito alla
            fonte principale:
            http://www.spiegel.de/netzwelt/technologie/0,


            non dimostra nulla, in quanto non riporta

            alcuna CIFRA, e le cifre sono necessarie
            in

            un confronto di tipo quantitativo

            Infatti nessuno ha parlato di cifre...esatto, tu nonn ne hai parlato, ma la tua affermazione originaria(http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=364819) :"i benefici dell'open source(modificabilità del codice e sicurezza) sono posti in secondo piano rispetto al costo della soluzione proposta. "sono (spero) basati sulla conoscenza dei costi della soluzione proposta. Altrimenti perché fai affermazioni riguardo ai costi senza conoscerli ?
            Il ragionamento era per evidenziare che lo
            scopo di chi vuole adottare Linux è il
            risparmio .... la libertà che ne consegue è
            marginale...A parte il fatto che ancora non sei in grado di darci alcu8na prova (=cifra) certa per poter avvalortara la tua premessa, queste tue sono valutazioni personali di una singola persona che non necessariamente coincidono con "chi vuole adottare Linux"Puoi dire legittimamente che questo potrebbe essere lo scopo TUO, non di tutti
            Certo sei libero poi di interpretare il
            comportamento della amministrazione come
            meglio credi http://www.linuxdesktop.it/article.php?sid=475"Stando alle dichiarazioni degli esponenti politici responsabili per l'infrastruttura informatica, la scelta è ricaduta su Linux in quanto "Linux è un investimento a lungo termine, favorirà la libera concorrenza e l'economia locale creando nuovi posti di lavoro." .... "Siamo consapevoli che questa nostra decisione di passare all'opensource lanciare un chiaro segnale e rappresenta l'inizio di un cambio di rotta"
            ma il fatto che MS con una
            offerta di una entità sconosciuta è riuscita
            a riabilitarsi vuol dire che il soldo conta
            e molto...
            gli ideali in questo caso sono
            stati fumati...che l'Open Source possa essere un buon affare non ne inficia il valore, anzi ne esalta le qualità perché ne rafforzano l'ovvietà dei vantaggi oltre quelli prettamente economici.É un investimento per il futuro per le sue libertà intrinseche, oltre che per l'ora attuale
          • Anonimo scrive:
            Re: Intanto a Monaco...
            - Scritto da: nop


            no, scusa , cercalo tu, perché sei tu a
            fare

            l'affermazione non dimostrata.




            ma guarda un po' ?! ...

            TU fai un'affermazione che TI obbliga a

            citare la fonte e sarebbero gli altri a

            dover cercare per te tale fonte.!

            Allora per essere preciso sono risalito alla
            fonte principale:
            http://www.spiegel.de/netzwelt/technologie/0,


            non dimostra nulla, in quanto non riporta

            alcuna CIFRA, e le cifre sono necessarie
            in

            un confronto di tipo quantitativo

            Infatti nessuno ha parlato di cifre...esatto, tu nonn ne hai parlato, ma la tua affermazione originaria(http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=364819) :"i benefici dell'open source(modificabilità del codice e sicurezza) sono posti in secondo piano rispetto al costo della soluzione proposta. "sono (spero) basati sulla conoscenza dei costi della soluzione proposta. Altrimenti perché fai affermazioni riguardo ai costi senza conoscerli ?
            Il ragionamento era per evidenziare che lo
            scopo di chi vuole adottare Linux è il
            risparmio .... la libertà che ne consegue è
            marginale...A parte il fatto che ancora non sei in grado di darci alcu8na prova (=cifra) certa per poter avvalortara la tua premessa, queste tue sono valutazioni personali di una singola persona che non necessariamente coincidono con "chi vuole adottare Linux"Puoi dire legittimamente che questo potrebbe essere lo scopo TUO, non di tutti
            Certo sei libero poi di interpretare il
            comportamento della amministrazione come
            meglio credi http://www.linuxdesktop.it/article.php?sid=475"Stando alle dichiarazioni degli esponenti politici responsabili per l'infrastruttura informatica, la scelta è ricaduta su Linux in quanto "Linux è un investimento a lungo termine, favorirà la libera concorrenza e l'economia locale creando nuovi posti di lavoro." .... "Siamo consapevoli che questa nostra decisione di passare all'opensource lanciare un chiaro segnale e rappresenta l'inizio di un cambio di rotta"
            ma il fatto che MS con una
            offerta di una entità sconosciuta è riuscita
            a riabilitarsi vuol dire che il soldo conta
            e molto...
            gli ideali in questo caso sono
            stati fumati...che l'Open Source possa essere un buon affare non ne inficia il valore, anzi ne esalta le qualità perché ne rafforzano l'ovvietà dei vantaggi oltre quelli prettamente economici.É un investimento per il futuro per le sue libertà intrinseche, oltre che per l'ora attuale
          • nop scrive:
            Re: Intanto a Monaco...

            no, scusa , cercalo tu, perché sei tu a fare
            l'affermazione non dimostrata.

            ma guarda un po' ?! ...
            TU fai un'affermazione che TI obbliga a
            citare la fonte e sarebbero gli altri a
            dover cercare per te tale fonte.!Allora per essere preciso sono risalito alla fonte principale:http://www.spiegel.de/netzwelt/technologie/0,1518,249649,00.html
            non dimostra nulla, in quanto non riporta
            alcuna CIFRA, e le cifre sono necessarie in
            un confronto di tipo quantitativo Infatti nessuno ha parlato di cifre...Il ragionamento era per evidenziare che lo scopo di chi vuole adottare Linux è il risparmio .... la libertà che ne consegue è marginale...Certo sei libero poi di interpretare il comportamento della amministrazione come meglio credi ma il fatto che MS con una offerta di una entità sconosciuta è riuscita a riabilitarsi vuol dire che il soldo conta e molto... gli ideali in questo caso sono stati fumati...Ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: Intanto a Monaco...
            - Scritto da: nop
            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: nop






            A parte l'evidente figura barbina,

            dopo la



            menata su "il nostro software è

            superiore



            qualitativamente, quindi non abbiamo


            bisogno



            di abbassarne il prezzo", penso sia
            la



            dimostrazione chiara del fatto che


            qualcuno



            comincia a capire gli altri vantaggi



            dell'opensource, quelli veri.



            E' questo che fa paura ai soliti
            noti,

            è



            questo che stanno tentando di
            fermare.





            No, il caso di Monaco è emblematico del


            fatto che, i benefici dell'open


            source(modificabilità del codice e


            sicurezza) sono posti in secondo piano


            rispetto al costo della soluzione

            proposta.



            se fai quest'affermazione riguardo ai
            costi

            dovresti essere in grado anche di dirci

            quantitativamente le offerte di Microsoft
            e

            di IBM, altrimenti risulta una valutazione

            personale (e magari faziosa)



            Nella notizia ripresa in Internet il
            responsabile informatico ha chiarito che
            Ballmer gli ha fatto un offerta che non
            poteva rifiutare...(cerca il link su
            www.programmazione.it)no, scusa , cercalo tu, perché sei tu a fare l'affermazione non dimostrata.ma guarda un po' ?! ... TU fai un'affermazione che TI obbliga a citare la fonte e sarebbero gli altri a dover cercare per te tale fonte.!inoltre anche se fosse vera, quest'affermazione "Ballmer gli ha fatto un offerta che nonpoteva rifiutare"non dimostra nulla, in quanto non riporta alcuna CIFRA, e le cifre sono necessarie in un confronto di tipo quantitativo
            Aggiungo che tutto quello che scrivo è
            sicuramente una mia valutazione(più
            obbiettiva possibile... spero)non ci può essere obiettività nella discussione di NUMERI senza la presenza degli stessi NUMERI.La tua è una tipica contraddizione autolillusoria di chi vorrebbe che una cosa fosse vera senza averne realmente in mano alcuna prova
          • nop scrive:
            Re: Intanto a Monaco...
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: nop




            A parte l'evidente figura barbina,
            dopo la


            menata su "il nostro software è
            superiore


            qualitativamente, quindi non abbiamo

            bisogno


            di abbassarne il prezzo", penso sia la


            dimostrazione chiara del fatto che

            qualcuno


            comincia a capire gli altri vantaggi


            dell'opensource, quelli veri.


            E' questo che fa paura ai soliti noti,
            è


            questo che stanno tentando di fermare.



            No, il caso di Monaco è emblematico del

            fatto che, i benefici dell'open

            source(modificabilità del codice e

            sicurezza) sono posti in secondo piano

            rispetto al costo della soluzione
            proposta.

            se fai quest'affermazione riguardo ai costi
            dovresti essere in grado anche di dirci
            quantitativamente le offerte di Microsoft e
            di IBM, altrimenti risulta una valutazione
            personale (e magari faziosa)
            Nella notizia ripresa in Internet il responsabile informatico ha chiarito che Ballmer gli ha fatto un offerta che non poteva rifiutare...(cerca il link su www.programmazione.it)Aggiungo che tutto quello che scrivo è sicuramente una mia valutazione(più obbiettiva possibile... spero)Ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: Intanto a Monaco...
            - Scritto da: Anonimo
            se fai quest'affermazione riguardo ai costi
            dovresti essere in grado anche di dirci
            quantitativamente le offerte di Microsoft e
            di IBM, altrimenti risulta una valutazione
            personale (e magari faziosa)E' stata la stessa IBM (fai una ricerca su PI) a dire che Linux non e' proprio 'sto paradiso dei costi.
          • Anonimo scrive:
            Re: Intanto a Monaco...
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo


            se fai quest'affermazione riguardo ai
            costi

            dovresti essere in grado anche di dirci

            quantitativamente le offerte di Microsoft
            e

            di IBM, altrimenti risulta una valutazione

            personale (e magari faziosa)

            E' stata la stessa IBM (fai una ricerca su
            PI) a dire che Linux non e' proprio 'sto
            paradiso dei costi.(la "ricerca" la fai TU) IBM non l'unico operatore che installa e mantiene soluzioni Linux. Se vuol mantenere alti i costi sono cavoli loro e dei clienti di IBM. Inoltre IBM non è il portavoce di Linux e i suoi studi di settore sono finanziati da IBM stessi.Per intanto Linux lo ottieni sempre gratuitamente presso:www.linuxiso.orgsenza che IBM intervenga in alcun modoPer contro, è stata proprio la controproposta al ribasso di IBM a convincere, in ultimo, l'amministrazione di Monaco a passare a Linux.E ha battuto Microsoft. Se ci si dovesse basare su queste premesse si potrebbe dire che:se Linux di IBM non è tutto questo paradiso, è pur sempre meglio di microsoft.
          • Anonimo scrive:
            Re: Intanto a Monaco...
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo


            se fai quest'affermazione riguardo ai
            costi

            dovresti essere in grado anche di dirci

            quantitativamente le offerte di Microsoft
            e

            di IBM, altrimenti risulta una valutazione

            personale (e magari faziosa)

            E' stata la stessa IBM (fai una ricerca su
            PI) a dire che Linux non e' proprio 'sto
            paradiso dei costi.(la "ricerca" la fai TU) IBM non l'unico operatore che installa e mantiene soluzioni Linux. Se vuol mantenere alti i costi sono cavoli loro e dei clienti di IBM. Inoltre IBM non è il portavoce di Linux e i suoi studi di settore sono finanziati da IBM stessi.Per intanto Linux lo ottieni sempre gratuitamente presso:www.linuxiso.orgsenza che IBM intervenga in alcun modoPer contro, è stata proprio la controproposta al ribasso di IBM a convincere, in ultimo, l'amministrazione di Monaco a passare a Linux.E ha battuto Microsoft. Se ci si dovesse basare su queste premesse si potrebbe dire che:se Linux di IBM non è tutto questo paradiso, è pur sempre meglio di microsoft.
          • Anonimo scrive:
            Re: Intanto a Monaco...
            - Scritto da: Anonimo
            se fai quest'affermazione riguardo ai costi
            dovresti essere in grado anche di dirci
            quantitativamente le offerte di Microsoft e
            di IBM, altrimenti risulta una valutazione
            personale (e magari faziosa)E' stata la stessa IBM (fai una ricerca su PI) a dire che Linux non e' proprio 'sto paradiso dei costi.
        • Anonimo scrive:
          Re: Intanto a Monaco...
          - Scritto da: nop


          A parte l'evidente figura barbina, dopo la

          menata su "il nostro software è superiore

          qualitativamente, quindi non abbiamo
          bisogno

          di abbassarne il prezzo", penso sia la

          dimostrazione chiara del fatto che
          qualcuno

          comincia a capire gli altri vantaggi

          dell'opensource, quelli veri.

          E' questo che fa paura ai soliti noti, è

          questo che stanno tentando di fermare.

          No, il caso di Monaco è emblematico del
          fatto che, i benefici dell'open
          source(modificabilità del codice e
          sicurezza) sono posti in secondo piano
          rispetto al costo della soluzione proposta.se fai quest'affermazione riguardo ai costi dovresti essere in grado anche di dirci quantitativamente le offerte di Microsoft e di IBM, altrimenti risulta una valutazione personale (e magari faziosa)
        • Anonimo scrive:
          Re: Intanto a Monaco...
          - Scritto da: nop
          nessuno è mai
          riuscito a dimostrare che una infrastruttura
          WIndows costa di più di una
          Linux(naturlamente non parlo del semplice
          costo delle licenze)per intanto IBM ha fatto un'offerta più bassa di quella di Microsoft. Almeno in questo caso Linux e L'Open Source Office èstato valutato più conveniente
          • nop scrive:
            Re: Intanto a Monaco...

            per intanto IBM ha fatto un'offerta più
            bassa di quella di Microsoft. Almeno in
            questo caso Linux e L'Open Source Office
            èstato valutato più convenienteL'offerta di IBM è riferimenta anche all'amministrazione e manutenzione dei sistemi?(è una domanda seria ....)
          • Anonimo scrive:
            Re: Intanto a Monaco...
            - Scritto da: nop


            per intanto IBM ha fatto un'offerta più

            bassa di quella di Microsoft. Almeno in

            questo caso Linux e L'Open Source Office

            èstato valutato più conveniente

            L'offerta di IBM è riferimenta anche
            all'amministrazione e manutenzione dei
            sistemi?

            (è una domanda seria ....)amministrazione?Vuoi dire che IBM dovrebbe anche amministrare i 14'000 desktop in questione ?Occhio che qui si parla di desktop, non di server
          • Anonimo scrive:
            Re: Intanto a Monaco...
            - Scritto da: nop


            per intanto IBM ha fatto un'offerta più

            bassa di quella di Microsoft. Almeno in

            questo caso Linux e L'Open Source Office

            èstato valutato più conveniente

            L'offerta di IBM è riferimenta anche
            all'amministrazione e manutenzione dei
            sistemi?

            (è una domanda seria ....)amministrazione?Vuoi dire che IBM dovrebbe anche amministrare i 14'000 desktop in questione ?Occhio che qui si parla di desktop, non di server
          • nop scrive:
            Re: Intanto a Monaco...

            per intanto IBM ha fatto un'offerta più
            bassa di quella di Microsoft. Almeno in
            questo caso Linux e L'Open Source Office
            èstato valutato più convenienteL'offerta di IBM è riferimenta anche all'amministrazione e manutenzione dei sistemi?(è una domanda seria ....)
        • Anonimo scrive:
          Re: Intanto a Monaco...
          - Scritto da: nop
          nessuno è mai
          riuscito a dimostrare che una infrastruttura
          WIndows costa di più di una
          Linux(naturlamente non parlo del semplice
          costo delle licenze)per intanto IBM ha fatto un'offerta più bassa di quella di Microsoft. Almeno in questo caso Linux e L'Open Source Office èstato valutato più conveniente
      • nop scrive:
        Re: Intanto a Monaco...

        A parte l'evidente figura barbina, dopo la
        menata su "il nostro software è superiore
        qualitativamente, quindi non abbiamo bisogno
        di abbassarne il prezzo", penso sia la
        dimostrazione chiara del fatto che qualcuno
        comincia a capire gli altri vantaggi
        dell'opensource, quelli veri.
        E' questo che fa paura ai soliti noti, è
        questo che stanno tentando di fermare.No, il caso di Monaco è emblematico del fatto che, i benefici dell'open source(modificabilità del codice e sicurezza) sono posti in secondo piano rispetto al costo della soluzione proposta.Se non interessano questi valori del OS non vedo come l'os stessa possa risultare vincente considerando che nessuno è mai riuscito a dimostrare che una infrastruttura WIndows costa di più di una Linux(naturlamente non parlo del semplice costo delle licenze)
    • Anonimo scrive:
      Re: Intanto a Monaco...
      - Scritto da: Anonimo
      Munich Spurns Steve Ballmer's Software
      Rebates

      http://slashdot.org/articles/03/05/26/1855225

      "Steve Ballmer's recent trip to Munich to
      offer up to 90% rebates for the Microsoft
      Software Assurance and Licenses was in vain.
      The ruling party of Germans biggest city and
      self-proclaimed 'technology capital' now
      decided to migrate 14.000 workstations to
      Linux and an OSS office suite. A study
      comparing the alternatives had assigned 6218
      (out of 10.000) points to Linux/OSS, while
      the MS Windows platform only scored 5293."E con questo spero che abbia capito che la partita con Linux non si gioca solo sul piano del costo delle licenze.A parte l'evidente figura barbina, dopo la menata su "il nostro software è superiore qualitativamente, quindi non abbiamo bisogno di abbassarne il prezzo", penso sia la dimostrazione chiara del fatto che qualcuno comincia a capire gli altri vantaggi dell'opensource, quelli veri.E' questo che fa paura ai soliti noti, è questo che stanno tentando di fermare.
  • Anonimo scrive:
    DUBBIO......
    Ma se sta storia non fosse altro che un'accordo sottobanco tra IBM, SCO e M$...Pensate: SCO accusa IBM di aver immesso codice proprietario nel sorgente di un Kernel OPen...Per IBM Linux e' un business come un'altro, ora tira questo, domani chissa'... ma per IBM conta relativamente (non basatevi mai sui proclami pubblicitari). Ha sempre AIX, sviluppato acquisendo diritti sul codice di UNIX da SCO.... chi glie lo fa fare di affossarlo per linux?Puo' darsi che IBM abbia DELIBERATAMENTE mescolato del codice UNIX a del codice Open.Se Linux venisse affossato aumenterebbe il business per AIX.A pensar male si fa peccato ma....
  • Africano scrive:
    Meglio una briscola
    Sco quindi chiederebbe o soldi per i suoi diritti o la rimozione dei linux (tranni gli sco)? Per del codice che ancora non ha indicato? Che ha già rilasciato come gpl senza accorgersene? E importanti società consigliano di non usarlo a grosse società che dovrebbero saper spulciare il codice a caccia di unix sco meglio della stessa sco e senza avere lo unix di sco?? Quindi questi buontemponi della gartner che consigliano? di pubblcare il codice unix sco per poter lasciare controllare?Ma la sco vale abbastanza da poter risarcire tutto il danno che può ingiustamente arrecare a linux distogliendo le aziende timorose? In caso con cosa pagherebbe, col suo vecchio unix? Imho al massimo avrebbe da subito dovuto indicare il codice incriminato, visto che a differenza di quello proprietario è pubblico, ed eventualmente aprire un contenzioso con i presunti responsabili. Che succederebbe se domani una sconosciuta software house dichiarasse che alcune parti di windows 2000 violano i suoi brevetti? Qualche società di consulenza potrebbe indicare alle aziende di non usare quel software visto che poi non lo possono nemmeno spulciare? Ah già nessuno può rivendicare niente su un codice proprietario segreto, non sarebbe legale guardarlo, e non è detto, se chi lo guarda non è lo stesso che ha violato il segreto può anche legalmente farlo, l'ho visto in un film :-). Ma la gartner non consiglia alle aziende di non usare i mezzi di trasporto che fanno uso di ruote dopo che uno l'ha brevettata in australia?
  • Anonimo scrive:
    Sco farà solo un piacere ad Intel
    Sco non calcola l'avanzamento tecnologico, il codice non è utile in eterno, entro pochi anni Intel tirerà fuori nuovi processori, con istruzioni più avanzate per semplificare lo sviluppo di sistemi operativi, a quel punto sarà veramente ridicolo voler continuare ad utilizzare codice vecchio.Per questo, anche ammesso che in Linux sia finito codice vecchio, Linux non è solo Linux, Linux è solo un pezzettino di Linux, pezzettino che comunque entro 3 anni dovrà essere rinnovato, e quindi indubbiamente SCO si troverà con un palmo di mosche in mano, indipendentemente da se vince o perde.SCO è ormai morta, e si sta affossando con le sue stesse mani.Comunque a mio avviso sia il codice di Windows, sia quello di Linux e sia anche quello di Unix è obsoleto, non è possibile che si utilizzi lo stesso codice dopo 20 anni, l'hardware è profondamente cambiato e i sistemi operativi lavorano molto sull'Hardware.
    • Anonimo scrive:
      Re: Sco farà solo un piacere ad Intel
      - Scritto da: Anonimo

      Sco non calcola l'avanzamento tecnologico,
      il codice non è utile in eterno, entro pochi
      anni Intel tirerà fuori nuovi processori,
      con istruzioni più avanzate per semplificare
      lo sviluppo di sistemi operativi, a quel
      punto sarà veramente ridicolo voler
      continuare ad utilizzare codice vecchio.

      Per questo, anche ammesso che in Linux sia
      finito codice vecchio, Linux non è solo
      Linux, Linux è solo un pezzettino di Linux,
      pezzettino che comunque entro 3 anni dovrà
      essere rinnovato, e quindi indubbiamente SCO
      si troverà con un palmo di mosche in mano,
      indipendentemente da se vince o perde.

      SCO è ormai morta, e si sta affossando con
      le sue stesse mani.

      Comunque a mio avviso sia il codice di
      Windows, sia quello di Linux e sia anche
      quello di Unix è obsoleto, non è possibile
      che si utilizzi lo stesso codice dopo 20
      anni, l'hardware è profondamente cambiato e
      i sistemi operativi lavorano molto
      sull'Hardware.Hai mai sentito parlare di Compilatori?
    • Anonimo scrive:
      Re: Sco farà solo un piacere ad Intel
      - Scritto da: Anonimo

      Sco non calcola l'avanzamento tecnologico,
      il codice non è utile in eterno, entro pochi
      anni Intel tirerà fuori nuovi processori,
      con istruzioni più avanzate per semplificare
      lo sviluppo di sistemi operativi, a quel
      punto sarà veramente ridicolo voler
      continuare ad utilizzare codice vecchio.

      Per questo, anche ammesso che in Linux sia
      finito codice vecchio, Linux non è solo
      Linux, Linux è solo un pezzettino di Linux,
      pezzettino che comunque entro 3 anni dovrà
      essere rinnovato, e quindi indubbiamente SCO
      si troverà con un palmo di mosche in mano,
      indipendentemente da se vince o perde.

      SCO è ormai morta, e si sta affossando con
      le sue stesse mani.

      Comunque a mio avviso sia il codice di
      Windows, sia quello di Linux e sia anche
      quello di Unix è obsoleto, non è possibile
      che si utilizzi lo stesso codice dopo 20
      anni, l'hardware è profondamente cambiato e
      i sistemi operativi lavorano molto
      sull'Hardware.Hai mai sentito parlare di Compilatori?
  • Anonimo scrive:
    Siete alla frutta!!
    He si,ormai le masse imparano ad utilizzare linux, ed allora giustamente sco che è una marchettara insieme ad altre , si allea contro una minaccia che prende piede, ormai linux sta per entrare nelle aziende , ma stavolta veramente...Sco ed altri vi conviene fermare adesso tutto il movimento opensource, perchè se non lo fermate adesso fra un pò di tempo vi verra adosso come un treno.Ciò dimostra che siete dei vigliacchi, cercate di fermare l'opensource con beghe legali , vi potete attacare solo a quello per altro non vedo l'ora di vederle queste porzioni di codice abilmente camuffate da chi ha scritto il kernel linux, non siete capaci di combattere linux sul campo , lo combattete con la paura, intimorite le persone dicendo che il codice è copiato solo per fermare un pò questa onda di piena.Dimostrate di essere anche molto ignoranti :rilasciate i programmi con una licenza ( GPL ) nella quale sottoscrivete che il codice è liberamente modificabile e che perderete ogni diritto futuro su di esso, salvo poi rimangiarvi la parola.Peggio per voi , vi devono aver pagato molto bene , per fare una figura del genere.................Non so se siano peggio i linuxisti o sco......
    • Ekleptical scrive:
      Re: Siete alla frutta!!

      Dimostrate di essere anche molto ignoranti :
      rilasciate i programmi con una licenza ( GPL
      ) nella quale sottoscrivete che il codice è
      liberamente modificabile e che perderete
      ogni diritto futuro su di esso, salvo poi
      rimangiarvi la parola.umm...Posso chiedere un chiarimento su questa leggenda urbana?Qual'è il punto della GPL che dice che se io distribuisco un software altrui (senza modifiche) che sia GPL, nego ogni copyright su eventuali porzioni coperte da diritti?Mi citi esattamente dove la GPL dice una cosa simile?La GPL si trova qua:http://www.gnu.org/licenses/gpl.htmlL'unica cosa che leggo qua è:(Art. 7) For example, if a patent license would not permit royalty-free redistribution of the Program by all those who receive copies directly or indirectly through you, then the only way you could satisfy both it and this License would be to refrain entirely from distribution of the Program. ..che esattamente quello che SCO ha fatto, quando si è resa conto che il suo Linux violava i suoi brevetti.A termini di GPL TUTTE le distribuzioni stanno violando la GPL, se SCO ha ragione! Le può denunciare 2 volte, per aver violato la loro stessa licenza!
      • Anonimo scrive:
        Re: Siete alla frutta!!

        L'unica cosa che leggo qua è:

        (Art. 7) For example, if a patent license
        would not permit royalty-free redistribution
        of the Program by all those who receive
        copies directly or indirectly through you,
        then the only way you could satisfy both it
        and this License would be to refrain
        entirely from distribution of the Program.
        E' esattamente questo punto che rende debolissima la tesi di SCO, visto che hanno distribuito per anni una versione di Linux sotto licenza GNU/GPL: chi glielo ha fatto fare se pensavano che distribuire il loro codice costituisse una violazione di segreti commerciali di loro proprieta' ???Si sono fregati da soli (nella migliore delle ipotesi per loro, escludendo per ipotesi truffe raggiri ecc. a cui non sono nuovi) e anche il fatto di aver frettolosamente terminato di distribuire la loro versione Linux su consiglio degli avvocati non cancellera' questo fatto ...
        • Ekleptical scrive:
          Re: Siete alla frutta!!

          E' esattamente questo punto che rende
          debolissima la tesi di SCO, visto che hanno
          distribuito per anni una versione di Linux
          sotto licenza GNU/GPL: chi glielo ha fatto
          fare se pensavano che distribuire il loro
          codice costituisse una violazione di segreti
          commerciali di loro proprieta' ???Che io sappia, Caldera ha acquisito SCO e solo con quell'acquisizione ha avuto i diritti su Unix.Quindi solo una volta valutati gli assets che ha messo nel portafogli, ha potuto valutare che Linux violava il copyright che adesso avevano (prima no).Non c'è nessuan violazione della GPL.
          nuovi) e anche il fatto di aver
          frettolosamente terminato di distribuire la
          loro versione Linux su consiglio degli
          avvocati non cancellera' questo fatto ...Hanno semplicemnte seguito la GPL...
          • Anonimo scrive:
            Re: Siete alla frutta!!

            Quindi solo una volta valutati gli assets
            che ha messo nel portafogli, ha potuto
            valutare che Linux violava il copyright che
            adesso avevano (prima no).Cazzarola, tre anni per la valutazione degli "assets" ...http://www.practical-tech.com/business/b08022000.htmTra l' altro dopo la fusione SCO e' entrata a far parte di comitati tipo Linux_verband etc. etc. - che ora vorrebbe far passare per movimenti carbonari ;)))Sta storia puzza di squali, e un po' comincia a stufare soprattutto perche' manca l'oggetto del contendere: per pieta' dicano che pezzettino del loro preziossimo codice santo ha raggiunto il kernel di Linux con un diabolico cut & paste (fa ridere solo a pensarci: io non riesco a fare un cut&paste dai programmi del mio collega di scrivania - sara' perche' usiamo .NET ??). Amen ....
          • Ekleptical scrive:
            Re: Siete alla frutta!!

            Sta storia puzza di squali, e un po'
            comincia a stufare soprattutto perche' manca
            l'oggetto del contendere: per pieta' dicano
            che pezzettino del loro preziossimo codice
            santo ha raggiunto il kernel di Linux con un
            diabolico cut & paste (fa ridere solo a
            pensarci: io non riesco a fare un cut&paste
            dai programmi del mio collega di scrivania -
            sara' perche' usiamo .NET ??). Amen ....Chi vivrà vedrà.A me sembra alquanto idiota che una società che dichiara nell'ultimo bilancio un attivo per miliardi (8, se non sbaglio), 10 volte superiore a quello della più grande software house del pianeta per Linux (RedHat), si imbarchi in un'avventura fallimentare a cuor leggero.Può darsi che Lniux vada ad attaccare la base clienti, ma il mercato SCO rimarrà cmq più redditizio di quello Linux per anni e anni!Potevano campare di rendita per un pezzo. Non avrebbe nessuna logica un comportamento simile.
          • Ekleptical scrive:
            Re: Siete alla frutta!!

            Sta storia puzza di squali, e un po'
            comincia a stufare soprattutto perche' manca
            l'oggetto del contendere: per pieta' dicano
            che pezzettino del loro preziossimo codice
            santo ha raggiunto il kernel di Linux con un
            diabolico cut & paste (fa ridere solo a
            pensarci: io non riesco a fare un cut&paste
            dai programmi del mio collega di scrivania -
            sara' perche' usiamo .NET ??). Amen ....Chi vivrà vedrà.A me sembra alquanto idiota che una società che dichiara nell'ultimo bilancio un attivo per miliardi (8, se non sbaglio), 10 volte superiore a quello della più grande software house del pianeta per Linux (RedHat), si imbarchi in un'avventura fallimentare a cuor leggero.Può darsi che Lniux vada ad attaccare la base clienti, ma il mercato SCO rimarrà cmq più redditizio di quello Linux per anni e anni!Potevano campare di rendita per un pezzo. Non avrebbe nessuna logica un comportamento simile.
          • Anonimo scrive:
            Re: Siete alla frutta!!

            Quindi solo una volta valutati gli assets
            che ha messo nel portafogli, ha potuto
            valutare che Linux violava il copyright che
            adesso avevano (prima no).Cazzarola, tre anni per la valutazione degli "assets" ...http://www.practical-tech.com/business/b08022000.htmTra l' altro dopo la fusione SCO e' entrata a far parte di comitati tipo Linux_verband etc. etc. - che ora vorrebbe far passare per movimenti carbonari ;)))Sta storia puzza di squali, e un po' comincia a stufare soprattutto perche' manca l'oggetto del contendere: per pieta' dicano che pezzettino del loro preziossimo codice santo ha raggiunto il kernel di Linux con un diabolico cut & paste (fa ridere solo a pensarci: io non riesco a fare un cut&paste dai programmi del mio collega di scrivania - sara' perche' usiamo .NET ??). Amen ....
          • Anonimo scrive:
            Re: Siete alla frutta!!
            - Scritto da: Ekleptical
            Che io sappia, Caldera ha acquisito SCO e
            solo con quell'acquisizione ha avuto i
            diritti su Unix.
            Quindi solo una volta valutati gli assets
            che ha messo nel portafogli, ha potuto
            valutare che Linux violava il copyright che
            adesso avevano (prima no).
            Non c'è nessuan violazione della GPL.
            Putroppo (per loro) uno degli effetti della GPL è che una volta che hai distribuito il tuo codice proprietario sotto GPL non si può tornare indietro, quel codice è e rimarrà sempre GPL.Questo vale anche nel caso di "errori" , del tipo "oppps, ho distribuito il mio codice sotto GPL per sbaglio !" oppure nel caso di acquisizioni di altre società, infatti, salvo accordi strani e del tutto inusuali, queste operazioni portano all'acquisizione da parte dell'acquirente anche degli obblighi contrattuali stipulati in precedenza dall'acquisita: in parole povere, SCO è obbligata a far fronte agli impegni di Caldera e quindi anche a continuare a distribuire quel codice come libero. SCO ha sicuramente pagato fior di avvocati (come è prassi in questi casi) per "spulciare" gli asset di Caldera prima dell'acquisizione e se avevano questi dubbi sulla "provenienza" illecita degli asset di Caldera stessa (il codice Linux appunto) non avrebbero dovuto procedere all'acquisizione.Inoltre non si capisce perchè SCO ha citato solo IBM e non le altre grandi distribuzioni e distributori di Linux.IMHO è perchè IBM può essere spolpata di qualche centinaio di milioni di dollari in un accordo extragiudiziale (senza nemmeno arrivare al tribunale), soldi che IBM può permettersi dispendere per levarsi il "gatto" SCO dai c....ni e mettere a tacere tutte queste voci che altro non fanno che intimorire i suoi clienti presenti e futuri ed hanno il potenziale per far abbassare il valore delle sue azioni in borsa.Tutte le altre distribuzioni non hanno i soldi di IBM ed andrebbero fino in fondo per vedere i loro diritti riconosciuti in un tribunale e quindi far condannare SCO condannata a risarcire i loro danni con un sacco di soldi.
          • JosaFat scrive:
            Re: Siete alla frutta!!
            Solo una precisazione: anche se ora si chiama SCO Group, non è SCO ad aver comprato Caldera, ma viceversa.Dunque è Caldera, che distribuiva Linux, ad aver comprato SCO e le sue presunte proprietà intellettuali.Non so che problemi può dare a chi combatte contro SCO(glionati), anche se comunque c'è da dire che dopo l'acquisizione e anche dopo il cambio di nome, SCO ha continuato a vendere e promuovere il suo Linux (io stesso ho partecipato ad una loro presentazione commerciale... pensate che ci stavano spingendo per acquistare da loro il loro linux "Server Edition" fino al giorno prima in cui ho letto di questa follia degli SCOglionati).
          • Anonimo scrive:
            Re: Siete alla frutta!!
            - Scritto da: JosaFat
            Solo una precisazione: anche se ora si
            chiama SCO Group, non è SCO ad aver comprato
            Caldera, ma viceversa.
            Dunque è Caldera, che distribuiva Linux, ad
            aver comprato SCO e le sue presunte
            proprietà intellettuali.Scusate, è vero ho confuso i due nomi ma la sostanza non cambia.....
          • Anonimo scrive:
            Re: Siete alla frutta!!
            - Scritto da: JosaFat
            Solo una precisazione: anche se ora si
            chiama SCO Group, non è SCO ad aver comprato
            Caldera, ma viceversa.
            Dunque è Caldera, che distribuiva Linux, ad
            aver comprato SCO e le sue presunte
            proprietà intellettuali.Scusate, è vero ho confuso i due nomi ma la sostanza non cambia.....
          • JosaFat scrive:
            Re: Siete alla frutta!!
            Solo una precisazione: anche se ora si chiama SCO Group, non è SCO ad aver comprato Caldera, ma viceversa.Dunque è Caldera, che distribuiva Linux, ad aver comprato SCO e le sue presunte proprietà intellettuali.Non so che problemi può dare a chi combatte contro SCO(glionati), anche se comunque c'è da dire che dopo l'acquisizione e anche dopo il cambio di nome, SCO ha continuato a vendere e promuovere il suo Linux (io stesso ho partecipato ad una loro presentazione commerciale... pensate che ci stavano spingendo per acquistare da loro il loro linux "Server Edition" fino al giorno prima in cui ho letto di questa follia degli SCOglionati).
          • Ekleptical scrive:
            Re: Siete alla frutta!!

            Putroppo (per loro) uno degli effetti della
            GPL è che una volta che hai distribuito il
            tuo codice proprietario sotto GPL non si può
            tornare indietro, quel codice è e rimarrà
            sempre GPL.Ripeto la domanda: dov'è che la GPL dice una cosa simile?Mi citi il passaggio della GPL in questione?
          • illegalinstruct scrive:
            Re: Siete alla frutta!!
            http://www.gnu.org/licenses/gpl-faq.it.html#CanDeveloperThirdPartye'una faq !
          • illegalinstruct scrive:
            Re: Siete alla frutta!!
            http://www.gnu.org/licenses/gpl-faq.it.html#CanDeveloperThirdPartye'una faq !
          • Ekleptical scrive:
            Re: Siete alla frutta!!

            Putroppo (per loro) uno degli effetti della
            GPL è che una volta che hai distribuito il
            tuo codice proprietario sotto GPL non si può
            tornare indietro, quel codice è e rimarrà
            sempre GPL.Ripeto la domanda: dov'è che la GPL dice una cosa simile?Mi citi il passaggio della GPL in questione?
          • Anonimo scrive:
            Re: Siete alla frutta!!
            - Scritto da: Ekleptical
            Che io sappia, Caldera ha acquisito SCO e
            solo con quell'acquisizione ha avuto i
            diritti su Unix.
            Quindi solo una volta valutati gli assets
            che ha messo nel portafogli, ha potuto
            valutare che Linux violava il copyright che
            adesso avevano (prima no).
            Non c'è nessuan violazione della GPL.
            Putroppo (per loro) uno degli effetti della GPL è che una volta che hai distribuito il tuo codice proprietario sotto GPL non si può tornare indietro, quel codice è e rimarrà sempre GPL.Questo vale anche nel caso di "errori" , del tipo "oppps, ho distribuito il mio codice sotto GPL per sbaglio !" oppure nel caso di acquisizioni di altre società, infatti, salvo accordi strani e del tutto inusuali, queste operazioni portano all'acquisizione da parte dell'acquirente anche degli obblighi contrattuali stipulati in precedenza dall'acquisita: in parole povere, SCO è obbligata a far fronte agli impegni di Caldera e quindi anche a continuare a distribuire quel codice come libero. SCO ha sicuramente pagato fior di avvocati (come è prassi in questi casi) per "spulciare" gli asset di Caldera prima dell'acquisizione e se avevano questi dubbi sulla "provenienza" illecita degli asset di Caldera stessa (il codice Linux appunto) non avrebbero dovuto procedere all'acquisizione.Inoltre non si capisce perchè SCO ha citato solo IBM e non le altre grandi distribuzioni e distributori di Linux.IMHO è perchè IBM può essere spolpata di qualche centinaio di milioni di dollari in un accordo extragiudiziale (senza nemmeno arrivare al tribunale), soldi che IBM può permettersi dispendere per levarsi il "gatto" SCO dai c....ni e mettere a tacere tutte queste voci che altro non fanno che intimorire i suoi clienti presenti e futuri ed hanno il potenziale per far abbassare il valore delle sue azioni in borsa.Tutte le altre distribuzioni non hanno i soldi di IBM ed andrebbero fino in fondo per vedere i loro diritti riconosciuti in un tribunale e quindi far condannare SCO condannata a risarcire i loro danni con un sacco di soldi.
        • Ekleptical scrive:
          Re: Siete alla frutta!!

          E' esattamente questo punto che rende
          debolissima la tesi di SCO, visto che hanno
          distribuito per anni una versione di Linux
          sotto licenza GNU/GPL: chi glielo ha fatto
          fare se pensavano che distribuire il loro
          codice costituisse una violazione di segreti
          commerciali di loro proprieta' ???Che io sappia, Caldera ha acquisito SCO e solo con quell'acquisizione ha avuto i diritti su Unix.Quindi solo una volta valutati gli assets che ha messo nel portafogli, ha potuto valutare che Linux violava il copyright che adesso avevano (prima no).Non c'è nessuan violazione della GPL.
          nuovi) e anche il fatto di aver
          frettolosamente terminato di distribuire la
          loro versione Linux su consiglio degli
          avvocati non cancellera' questo fatto ...Hanno semplicemnte seguito la GPL...
      • Anonimo scrive:
        Re: Siete alla frutta!!

        L'unica cosa che leggo qua è:

        (Art. 7) For example, if a patent license
        would not permit royalty-free redistribution
        of the Program by all those who receive
        copies directly or indirectly through you,
        then the only way you could satisfy both it
        and this License would be to refrain
        entirely from distribution of the Program.
        E' esattamente questo punto che rende debolissima la tesi di SCO, visto che hanno distribuito per anni una versione di Linux sotto licenza GNU/GPL: chi glielo ha fatto fare se pensavano che distribuire il loro codice costituisse una violazione di segreti commerciali di loro proprieta' ???Si sono fregati da soli (nella migliore delle ipotesi per loro, escludendo per ipotesi truffe raggiri ecc. a cui non sono nuovi) e anche il fatto di aver frettolosamente terminato di distribuire la loro versione Linux su consiglio degli avvocati non cancellera' questo fatto ...
    • Ekleptical scrive:
      Re: Siete alla frutta!!

      Dimostrate di essere anche molto ignoranti :
      rilasciate i programmi con una licenza ( GPL
      ) nella quale sottoscrivete che il codice è
      liberamente modificabile e che perderete
      ogni diritto futuro su di esso, salvo poi
      rimangiarvi la parola.umm...Posso chiedere un chiarimento su questa leggenda urbana?Qual'è il punto della GPL che dice che se io distribuisco un software altrui (senza modifiche) che sia GPL, nego ogni copyright su eventuali porzioni coperte da diritti?Mi citi esattamente dove la GPL dice una cosa simile?La GPL si trova qua:http://www.gnu.org/licenses/gpl.htmlL'unica cosa che leggo qua è:(Art. 7) For example, if a patent license would not permit royalty-free redistribution of the Program by all those who receive copies directly or indirectly through you, then the only way you could satisfy both it and this License would be to refrain entirely from distribution of the Program. ..che esattamente quello che SCO ha fatto, quando si è resa conto che il suo Linux violava i suoi brevetti.A termini di GPL TUTTE le distribuzioni stanno violando la GPL, se SCO ha ragione! Le può denunciare 2 volte, per aver violato la loro stessa licenza!
    • Akiro scrive:
      Re: Siete alla frutta!!
      un domani quando saremo tutti marchiati e useremo tutti le stesse cose e lavoreremo per 12h al giorno si penserà a quanto siamo stati cojon a non bloccare l'ascesa di microzoft
      • HackerProf scrive:
        Re: Siete alla frutta!!
        - Scritto da: Akiro
        un domani quando saremo tutti marchiati e
        useremo tutti le stesse cose e lavoreremo
        per 12h al giorno si penserà a quanto siamo
        stati cojon a non bloccare l'ascesa di
        microzoftHai ragione vallo a dire ai nostri amici !!!:-) (linux)
      • HackerProf scrive:
        Re: Siete alla frutta!!
        - Scritto da: Akiro
        un domani quando saremo tutti marchiati e
        useremo tutti le stesse cose e lavoreremo
        per 12h al giorno si penserà a quanto siamo
        stati cojon a non bloccare l'ascesa di
        microzoftHai ragione vallo a dire ai nostri amici !!!:-) (linux)
    • Akiro scrive:
      Re: Siete alla frutta!!
      un domani quando saremo tutti marchiati e useremo tutti le stesse cose e lavoreremo per 12h al giorno si penserà a quanto siamo stati cojon a non bloccare l'ascesa di microzoft
  • Anonimo scrive:
    L'attacco finale
    Se non gli riesce stavolta di convincere le aziende a lasciar perdere Linux, non gli riesce piu'. Evidentemente non gli e' sufficente riuscire a controllare le grandi societa' di consulenza (che propongono sempre software proprietario alle aziende), e cosi' si giocano l'ultima carta.E che sia l'ultima, perche' la cosa comincia ad essere francamente stancante.holacrack
  • Anonimo scrive:
    Ma FreeBsd, OpenBsd & co...
    Sono anche loro a rischio?Senza filosofie sull'open source ... non me ne frega nulla...La causa di Sco avrà ripercussioni anche su questi altri OS? o è tutto limitato a linuzz?
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma FreeBsd, OpenBsd & co...
      - Scritto da: Anonimo


      Sono anche loro a rischio?

      Senza filosofie sull'open source ... non me
      ne frega nulla...

      La causa di Sco avrà ripercussioni anche su
      questi altri OS? o è tutto limitato a
      linuzz?Da quel che so, almeno su FreeBSD e OpenBSD, non comporterà ripercussioni legali.Ma la cosa cambia se invece i massmedia "confondessero" (con complicità ?) Linux con altri software sotto licenza "software libero" e di conseguenza spaventassero quel mercato che sta puntando sull'open source (e sta puntando sempre più, ammettiamolo senza arrampicarsi sugli specchi), a prescindere che si tratti di distribuzioni Gnu/Linux che altri prodotti non GPL.Ciao
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma FreeBsd, OpenBsd & co...
        Spero non accada...sinceramente non amo linux in particolare...in realtà non amo nemmeno windows...riesco semplicemente a scegliere ogni volta l'OS più adatto a quello che serve.. senza religioni opensource o closed...Ultimamente, quando non è strettamente necesssario.. risparmio ai miei clienti l'acquisto di MS Office in favore di OpenOffice, sempre sotto windows... e nessuno si è lamentato finora :-)
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma FreeBsd, OpenBsd & co...
        Spero non accada...sinceramente non amo linux in particolare...in realtà non amo nemmeno windows...riesco semplicemente a scegliere ogni volta l'OS più adatto a quello che serve.. senza religioni opensource o closed...Ultimamente, quando non è strettamente necesssario.. risparmio ai miei clienti l'acquisto di MS Office in favore di OpenOffice, sempre sotto windows... e nessuno si è lamentato finora :-)
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma FreeBsd, OpenBsd & co...
      - Scritto da: Anonimo


      Sono anche loro a rischio?

      Senza filosofie sull'open source ... non me
      ne frega nulla...

      La causa di Sco avrà ripercussioni anche su
      questi altri OS? o è tutto limitato a
      linuzz?Da quel che so, almeno su FreeBSD e OpenBSD, non comporterà ripercussioni legali.Ma la cosa cambia se invece i massmedia "confondessero" (con complicità ?) Linux con altri software sotto licenza "software libero" e di conseguenza spaventassero quel mercato che sta puntando sull'open source (e sta puntando sempre più, ammettiamolo senza arrampicarsi sugli specchi), a prescindere che si tratti di distribuzioni Gnu/Linux che altri prodotti non GPL.Ciao
  • Anonimo scrive:
    Il boomerang sulla testa di SCO
    Da come si mettono le cose, SCO rischia di essere citata per danni in tutto il mondo, a partire dall Germania :http://www.linuxdevices.com/news/NS5727598800.htmlSe hanno qualcosa di serio e' ora che lo facciano vedere - altrimenti la loro fine potrebbere avvicinarsi piu' rapidamente del previsto. Come diceva mio nonno, ma vai a SCOpare il mare ....
    • Anonimo scrive:
      Re: Il boomerang sulla testa di SCO

      Da come si mettono le cose, SCO rischia di
      essere citata per danni in tutto il mondo, a
      partire dall Germania :

      http://www.linuxdevices.com/news/NS5727598800AH certo e tu ste notizie le prendi da www.linuxdevices.comSe mi concedi il paragone è come chiedere a Emilio Fede quale è il miglior partito in italia !E' logico che sti siti cerchino notizie di questo tipo magari gonfiandole un pò... suvvia cerchiamo un po tutti di trovare fonti attendibili e di non prendere per buone tutte le cose che leggiamo !!!!
      • Anonimo scrive:
        Re: Il boomerang sulla testa di SCO
        Qui c'e' la press release di LinuxTag sulla loro azione legale:http://www.linuxtag.org/2003/de/press/releases.xsp?id=3Se vuoi divertirti col tedesco (ok scherzo, in fondo c'e' la traduzione ...)PressemitteilungLinuxTag e.V. mahnt SCO Group GmbH abDer LinuxTag e.V. hat am Freitag, den 23. Mai 2003 die Firma SCO Group GmbH wegen wettbewerbswidrigem Verhalten anwaltlich abgemahnt. Ziel der Abmahnung ist es, der Verunsicherung der GNU/Linux-Anwender und der Community entgegenzuwirken. "SCO muss entweder aufhören zu behaupten, dass der Standard-Linux-Kern ihre Rechte verletzt, oder die Beweise auf den Tisch legen", so Michael Kleinhenz, Sprecher des LinuxTag e.V.Die Firma SCO wurde aufgefordert, bis diese Woche Freitag, den 30. Mai 2003 ihre Behauptungen bezgl. Ansprüchen an den Linux-Kern zurückzunehmen oder ihre Beweise offenzulegen. "Es darf nicht angehen, dass mit unbewiesenen Behauptungen versucht wird, Mitbewerbern von SCO einen wirtschaftlichen Schaden durch Einschüchterung ihrer Kunden zuzufügen und GNU/Linux als offene Plattform nachhaltig im Ansehen zu schädigen.", so Kleinhenz weiter.SCO hat bis vor wenigen Wochen als Mitglied der UnitedLinux-Allianz selbst den Linux-Kern unter der GNU General Public License verteilt. Dadurch wären auch die von SCO beanstandeten Teile im Kern automatisch Freie Software, da SCO sie selbst zu Freier Software gemacht hat."Gerade in dieser Situation zeigt sich die überlegenheit des Lizensierungsmodells Freier Software: Wenn sich ein Softwarehersteller aus der Entwicklung GPL-lizensierter Software zurückzieht, bleibt deren entwickelte und unter der GPL verbreitete Software für den Kunden weiterhin verfügbar", so sind sich Jürgen Siepmann, Rechtsanwalt und Gründungsmitglied des LinuxTag e.V. und Till Jaeger, Leiter des Institut für Rechtsfragen der Freien und Open Source Software, einig. "Dies ist ein wichtiger Beitrag zur Investitionssicherheit in Unternehmen", so Jaeger weiter.English Version: LinuxTag has given notice to SCO Group GmbH to desist from unfair competitive practicesLawyers representing the LinuxTag association have given notice to SCO Group GmbH to desist from unfair competitive practiices. The notice, dated Friday, May 23, maintains that SCO Group is sowing uncertainty among the community of GNU/Linux users, developers and suppliers. "SCO needs to stop claiming that the standard Linux kernel violates its copyrights, or they need to lay the evidence for their claim on the table," said LinuxTag's Michael Kleinhenz.The association demanded that the German SCO subsidiary retract its claims regarding ownership of Linux kernel code by this Friday, May 30, or make its evidence public. "SCO must not be allowed to damage its competitors by unsubstantiated claims, to intimidate their customers, and to inflict lasting damage on the reputation of GNU/Linux as an open platform," Kleinhenz added.Until a few weeks ago, SCO itself distributed the Linux kernel GNU General Public License (GPL) as a member of the UnitedLinux alliance. Thus even if SCO owns parts of the Linux kernel, it has made them into Free Software by distributing them under the GPL."This situation illustrates the superiority of the Free Software licensing model: If a software manufacturer withdraws from the development of GPL software, its contributions that were published under the the GPL up to that time remain available to users," said Jürgen Siepmann, attorney and founding member of LinuxTag. Till Jaeger, Director of the Institute for Legal Aspects of Free and Open Source Software, agrees: "Companies see this as an important pillar of investment security."Daniele Scritto da: Anonimo

        Da come si mettono le cose, SCO rischia di

        essere citata per danni in tutto il
        mondo, a

        partire dall Germania :




        http://www.linuxdevices.com/news/NS5727598800

        AH certo e tu ste notizie le prendi da
        www.linuxdevices.com
        Se mi concedi il paragone è come chiedere a
        Emilio Fede quale è il miglior partito in
        italia !
        E' logico che sti siti cerchino notizie di
        questo tipo magari gonfiandole un pò...
        suvvia cerchiamo un po tutti di trovare
        fonti attendibili e di non prendere per
        buone tutte le cose che leggiamo !!!!
      • Anonimo scrive:
        Re: Il boomerang sulla testa di SCO
        Qui c'e' la press release di LinuxTag sulla loro azione legale:http://www.linuxtag.org/2003/de/press/releases.xsp?id=3Se vuoi divertirti col tedesco (ok scherzo, in fondo c'e' la traduzione ...)PressemitteilungLinuxTag e.V. mahnt SCO Group GmbH abDer LinuxTag e.V. hat am Freitag, den 23. Mai 2003 die Firma SCO Group GmbH wegen wettbewerbswidrigem Verhalten anwaltlich abgemahnt. Ziel der Abmahnung ist es, der Verunsicherung der GNU/Linux-Anwender und der Community entgegenzuwirken. "SCO muss entweder aufhören zu behaupten, dass der Standard-Linux-Kern ihre Rechte verletzt, oder die Beweise auf den Tisch legen", so Michael Kleinhenz, Sprecher des LinuxTag e.V.Die Firma SCO wurde aufgefordert, bis diese Woche Freitag, den 30. Mai 2003 ihre Behauptungen bezgl. Ansprüchen an den Linux-Kern zurückzunehmen oder ihre Beweise offenzulegen. "Es darf nicht angehen, dass mit unbewiesenen Behauptungen versucht wird, Mitbewerbern von SCO einen wirtschaftlichen Schaden durch Einschüchterung ihrer Kunden zuzufügen und GNU/Linux als offene Plattform nachhaltig im Ansehen zu schädigen.", so Kleinhenz weiter.SCO hat bis vor wenigen Wochen als Mitglied der UnitedLinux-Allianz selbst den Linux-Kern unter der GNU General Public License verteilt. Dadurch wären auch die von SCO beanstandeten Teile im Kern automatisch Freie Software, da SCO sie selbst zu Freier Software gemacht hat."Gerade in dieser Situation zeigt sich die überlegenheit des Lizensierungsmodells Freier Software: Wenn sich ein Softwarehersteller aus der Entwicklung GPL-lizensierter Software zurückzieht, bleibt deren entwickelte und unter der GPL verbreitete Software für den Kunden weiterhin verfügbar", so sind sich Jürgen Siepmann, Rechtsanwalt und Gründungsmitglied des LinuxTag e.V. und Till Jaeger, Leiter des Institut für Rechtsfragen der Freien und Open Source Software, einig. "Dies ist ein wichtiger Beitrag zur Investitionssicherheit in Unternehmen", so Jaeger weiter.English Version: LinuxTag has given notice to SCO Group GmbH to desist from unfair competitive practicesLawyers representing the LinuxTag association have given notice to SCO Group GmbH to desist from unfair competitive practiices. The notice, dated Friday, May 23, maintains that SCO Group is sowing uncertainty among the community of GNU/Linux users, developers and suppliers. "SCO needs to stop claiming that the standard Linux kernel violates its copyrights, or they need to lay the evidence for their claim on the table," said LinuxTag's Michael Kleinhenz.The association demanded that the German SCO subsidiary retract its claims regarding ownership of Linux kernel code by this Friday, May 30, or make its evidence public. "SCO must not be allowed to damage its competitors by unsubstantiated claims, to intimidate their customers, and to inflict lasting damage on the reputation of GNU/Linux as an open platform," Kleinhenz added.Until a few weeks ago, SCO itself distributed the Linux kernel GNU General Public License (GPL) as a member of the UnitedLinux alliance. Thus even if SCO owns parts of the Linux kernel, it has made them into Free Software by distributing them under the GPL."This situation illustrates the superiority of the Free Software licensing model: If a software manufacturer withdraws from the development of GPL software, its contributions that were published under the the GPL up to that time remain available to users," said Jürgen Siepmann, attorney and founding member of LinuxTag. Till Jaeger, Director of the Institute for Legal Aspects of Free and Open Source Software, agrees: "Companies see this as an important pillar of investment security."Daniele Scritto da: Anonimo

        Da come si mettono le cose, SCO rischia di

        essere citata per danni in tutto il
        mondo, a

        partire dall Germania :




        http://www.linuxdevices.com/news/NS5727598800

        AH certo e tu ste notizie le prendi da
        www.linuxdevices.com
        Se mi concedi il paragone è come chiedere a
        Emilio Fede quale è il miglior partito in
        italia !
        E' logico che sti siti cerchino notizie di
        questo tipo magari gonfiandole un pò...
        suvvia cerchiamo un po tutti di trovare
        fonti attendibili e di non prendere per
        buone tutte le cose che leggiamo !!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Il boomerang sulla testa di SCO

      Da come si mettono le cose, SCO rischia di
      essere citata per danni in tutto il mondo, a
      partire dall Germania :

      http://www.linuxdevices.com/news/NS5727598800AH certo e tu ste notizie le prendi da www.linuxdevices.comSe mi concedi il paragone è come chiedere a Emilio Fede quale è il miglior partito in italia !E' logico che sti siti cerchino notizie di questo tipo magari gonfiandole un pò... suvvia cerchiamo un po tutti di trovare fonti attendibili e di non prendere per buone tutte le cose che leggiamo !!!!
  • Anonimo scrive:
    L'open source non ha futuro !
    Diciamoci la verità, l'open source nn può avere futuro.... come non può esistere il software gratis per tutti... finchè il potere di sarà strettamente nelle mani delle grandi aziende, non ci può essere nessun futuro per linux.... lo tartasseranno a tal punto che prima o poi dovrà cedere e a quel punto esisteranno solo Microsoft e SCO.Diciamolo chiaramente ragazzi... L'OPEN SOURCE E' UN UTOPIA che prima o poi finirà, statene certi.... questo non sarà un bene però sono sicuro che finirà così.
    • Anonimo scrive:
      Re: L'open source non ha futuro !
      - Scritto da: Anonimo
      Diciamoci la verità, l'open source nn può
      avere futuro.... come non può esistere il
      software gratis per tutti... finchè il
      potere di sarà strettamente nelle mani delle
      grandi aziende, non ci può essere nessun
      futuro per linux.... lo tartasseranno a tal
      punto che prima o poi dovrà cedere e a quel
      punto esisteranno solo Microsoft e SCO.
      Diciamolo chiaramente ragazzi... L'OPEN
      SOURCE E' UN UTOPIA che prima o poi finirà,
      statene certi.... questo non sarà un bene
      però sono sicuro che finirà così.Può darsi che tu abbia ragione, ma togli SCO dalla lista.
    • Anonimo scrive:
      Re: L'open source non ha futuro !
      - Scritto da: Anonimo
      Diciamoci la verità, l'open source nn può
      avere futuro.... come non può esistere il
      software gratis per tutti... finchè il
      potere di sarà strettamente nelle mani delle
      grandi aziende, non ci può essere nessun
      futuro per linux.... lo tartasseranno a tal
      punto che prima o poi dovrà cedere e a quel
      punto esisteranno solo Microsoft e SCO.
      Diciamolo chiaramente ragazzi... L'OPEN
      SOURCE E' UN UTOPIA che prima o poi finirà,
      statene certi.... questo non sarà un bene
      però sono sicuro che finirà così.Può darsi che tu abbia ragione, ma togli SCO dalla lista.
    • Anonimo scrive:
      Re: L'open source non ha futuro !
      - Scritto da: Anonimo
      Diciamoci la verità, l'open source nn può
      avere futuro.... come non può esistere il
      software gratis per tutti... Benche' non vedo cosa ci sia di male nel software gratis per tutti quando questo sia il frutto della generosita' di tante (splendide IMHO) persone, non riesco proprio a cogliere l'equazione open source=gratis. Detto cio' non vedo neppure come a questo punto possa morire la tecnologia open, che oramai ha creato un mercato stabile al quale cominciano a partecipare anche grandi gruppi, ne vedo come potrebbero tutte quelle persone che ci credono cambiare idea al riguardo e votarisi al close source.holacrack
    • Anonimo scrive:
      Re: L'open source non ha futuro !
      - Scritto da: Anonimo
      Diciamoci la verità, l'open source nn può
      avere futuro.... come non può esistere il
      software gratis per tutti... Benche' non vedo cosa ci sia di male nel software gratis per tutti quando questo sia il frutto della generosita' di tante (splendide IMHO) persone, non riesco proprio a cogliere l'equazione open source=gratis. Detto cio' non vedo neppure come a questo punto possa morire la tecnologia open, che oramai ha creato un mercato stabile al quale cominciano a partecipare anche grandi gruppi, ne vedo come potrebbero tutte quelle persone che ci credono cambiare idea al riguardo e votarisi al close source.holacrack
    • Anonimo scrive:
      Re: L'open source non ha futuro !
      Io posso scrivere SW e "regalarlo" sotto GPL?Allora non e` un utopia. Quando diventera` legge che "scrivere SW e pubblicarlo e` reato (in tutto il mondo)" allora avrai ragione. Fino ad allora le migliaia di programmatori che scrivono SW open source continueranno a farlo. Per molti e` un divertimento scrivere SW (me compreso). - Scritto da: Anonimo
      Diciamoci la verità, l'open source nn può
      avere futuro.... come non può esistere il
      software gratis per tutti... finchè il
      potere di sarà strettamente nelle mani delle
      grandi aziende, non ci può essere nessun
      futuro per linux.... lo tartasseranno a tal
      punto che prima o poi dovrà cedere e a quel
      punto esisteranno solo Microsoft e SCO.
      Diciamolo chiaramente ragazzi... L'OPEN
      SOURCE E' UN UTOPIA che prima o poi finirà,
      statene certi.... questo non sarà un bene
      però sono sicuro che finirà così.
    • Anonimo scrive:
      Re: L'open source non ha futuro !
      Io posso scrivere SW e "regalarlo" sotto GPL?Allora non e` un utopia. Quando diventera` legge che "scrivere SW e pubblicarlo e` reato (in tutto il mondo)" allora avrai ragione. Fino ad allora le migliaia di programmatori che scrivono SW open source continueranno a farlo. Per molti e` un divertimento scrivere SW (me compreso). - Scritto da: Anonimo
      Diciamoci la verità, l'open source nn può
      avere futuro.... come non può esistere il
      software gratis per tutti... finchè il
      potere di sarà strettamente nelle mani delle
      grandi aziende, non ci può essere nessun
      futuro per linux.... lo tartasseranno a tal
      punto che prima o poi dovrà cedere e a quel
      punto esisteranno solo Microsoft e SCO.
      Diciamolo chiaramente ragazzi... L'OPEN
      SOURCE E' UN UTOPIA che prima o poi finirà,
      statene certi.... questo non sarà un bene
      però sono sicuro che finirà così.
    • Africano scrive:
      Re: L'open source non ha futuro !
      - Scritto da: Anonimo
      Diciamoci la verità, l'open source nn può
      avere futuro.... come non può esistere il
      software gratis per tutti... finchè il
      potere di sarà strettamente nelle mani delle
      grandi aziende, non ci può essere nessun
      futuro per linux.... lo tartasseranno a tal
      punto che prima o poi dovrà cedere e a quel
      punto esisteranno solo Microsoft e SCO.
      Diciamolo chiaramente ragazzi... L'OPEN
      SOURCE E' UN UTOPIA che prima o poi finirà,
      statene certi.... questo non sarà un bene
      però sono sicuro che finirà così.L'open source più che un futuro ha già un presente, in certi campi si lascia molto indietro ogni concorrente proprietario, mettici poi l'aspetto del costo delle licenze e tira due conti. é utopia come è utopia l'informatica che consente di replicare un numero illimitato di volte lo stesso codice che può essere un qualsiasi oggetto digitale, non informaticamente non è mai esistito un oggetto con queste caratteristiche se non di beni di larghissima disponibilità perché già stra abbondanti in natura e quindi mai commercializzati, come l'acqua di mare tra i pescatori. Del resto la stessa microsoft se avesse potuto diffondere solo le copie effettivamente vendute ai suoi prezzi oggi forse sarebbe solo un'altra sco.
    • Africano scrive:
      Re: L'open source non ha futuro !
      - Scritto da: Anonimo
      Diciamoci la verità, l'open source nn può
      avere futuro.... come non può esistere il
      software gratis per tutti... finchè il
      potere di sarà strettamente nelle mani delle
      grandi aziende, non ci può essere nessun
      futuro per linux.... lo tartasseranno a tal
      punto che prima o poi dovrà cedere e a quel
      punto esisteranno solo Microsoft e SCO.
      Diciamolo chiaramente ragazzi... L'OPEN
      SOURCE E' UN UTOPIA che prima o poi finirà,
      statene certi.... questo non sarà un bene
      però sono sicuro che finirà così.L'open source più che un futuro ha già un presente, in certi campi si lascia molto indietro ogni concorrente proprietario, mettici poi l'aspetto del costo delle licenze e tira due conti. é utopia come è utopia l'informatica che consente di replicare un numero illimitato di volte lo stesso codice che può essere un qualsiasi oggetto digitale, non informaticamente non è mai esistito un oggetto con queste caratteristiche se non di beni di larghissima disponibilità perché già stra abbondanti in natura e quindi mai commercializzati, come l'acqua di mare tra i pescatori. Del resto la stessa microsoft se avesse potuto diffondere solo le copie effettivamente vendute ai suoi prezzi oggi forse sarebbe solo un'altra sco.
    • avvelenato scrive:
      Re: ehi poverino che cosa hai??
      secondo me la vita ti ha trattato male...........che pessimismo......su con l'umore! :D :D :D :Pl'open source non morirà. te lo dice avvelenato .good luck! :)
    • avvelenato scrive:
      Re: ehi poverino che cosa hai??
      secondo me la vita ti ha trattato male...........che pessimismo......su con l'umore! :D :D :D :Pl'open source non morirà. te lo dice avvelenato .good luck! :)
    • HackerProf scrive:
      L'OPEN SOURCE E' IL FUTURO !!!!
      - Scritto da: Anonimo
      Diciamoci la verità, l'open source nn può
      avere futuro.... come non può esistere il
      software gratis per tutti... finchè il
      potere di sarà strettamente nelle mani delle
      grandi aziende, non ci può essere nessun
      futuro per linux.... lo tartasseranno a tal
      punto che prima o poi dovrà cedere e a quel
      punto esisteranno solo Microsoft e SCO.
      Diciamolo chiaramente ragazzi... L'OPEN
      SOURCE E' UN UTOPIA che prima o poi finirà,
      statene certi.... questo non sarà un bene
      però sono sicuro che finirà così.Non ha futuro ste p...le, perche vi ostinate a pensare a credere che il sapere le conoscenze appartengono a quattro aziende sfigate .... "... il sapere appartiene all'uomo ..." una frase IMHO bellissima che rispecchia a pieno la filosofia dell'opensource... sarebbe come se lo scopritore della penicillina avesse messo o posto un breveto su un "farmaco" che ha salvato migliaia di persone ... non fermatevi a quei quattro tasti che premete ... provate ad astrarre ... provate a pensare che i Vostri sforzi uniti a quelli di migliaia di altri potranno dare un contributo vero e reale alla comunity ....L'OPEN SOURCE E' IL FUTURO !!!!
      • Anonimo scrive:
        Re: L'OPEN SOURCE E' IL FUTURO !!!!
        - Scritto da: HackerProf[cut]
        ... sarebbe come se lo
        scopritore della penicillina avesse messo o
        posto un breveto su un "farmaco" che ha
        salvato migliaia di persone ... [cut]Occorre mettere i puntini sulle "i". Anche se adesso non mi ricordo se esiste (oppure è esistito) un brevetto sulla penicillina, la questione è leggermente differente, infatti anche se la molecola fosse brevettata, il paragone con il software closedopen non funziona.Perche anche se la molecola è brevettata, nessun brevetto di questo genere impedisce ad altri scienziati di "lavorare" sulla molecola originaria per migliorarla.Ed è il caso infatti della penicillina; altri infatti hanno lavorato sulla chimica dell'anello a 5 atomi (tipico delle penicilline) per generare altre molecole sempre più efficaci, prima "attaccandoci" altri gruppi funzionali, poi addirittura espandendo l'anello. Il tutto senza infrangere il brevetto (se vi fosse stato).Attualmente le licenze del sw "closed" impediscono di innovare a partire da un prodotto esistente, limitando fortemente l'innovazione ed il progresso.
        • Anonimo scrive:
          Re: L'OPEN SOURCE E' IL FUTURO !!!!

          Attualmente le licenze del sw "closed"
          impediscono di innovare a partire da un
          prodotto esistente, limitando fortemente
          l'innovazione ed il progresso.Naturalmente... non dimentichiamo chi ha portato l'interfaccia grafica sui nostri pc..chi ha portato il DOS ...da chi KDE copia lo stile del'interfaccia...Ricordate che se abbiamo tutti un pc oggi... è anche perchè un certo Bill Gates realizzo per IBM un sistema operativo semplice per personal computer....non cancelliamo la storia... per favore!
          • HackerProf scrive:
            Re: L'OPEN SOURCE E' IL FUTURO !!!!
            - Scritto da: Anonimo

            Attualmente le licenze del sw "closed"

            impediscono di innovare a partire da un

            prodotto esistente, limitando fortemente

            l'innovazione ed il progresso.


            Naturalmente... non dimentichiamo chi ha
            portato l'interfaccia grafica sui nostri
            pc..
            chi ha portato il DOS ...
            da chi KDE copia lo stile del'interfaccia...

            Ricordate che se abbiamo tutti un pc oggi...
            è anche perchè un certo Bill Gates realizzo
            per IBM un sistema operativo semplice per
            personal computer....
            non cancelliamo la storia... per favore!Ma perchè siete inchiodati alle vostre tastiere ... cercatedi astrarvi un attimo .. non sarebbe bello se il sapere dell'uomo venisse condiviso da tutti .. a partire dal sw, io mi ritengo un pro open source e un Linuxiano di conseguenza e non solo . .. mi ritengo pro Hurd, pro FreeBSD etc ....Perche dobbiamo imporre e porre dei brevetti o leggi o diavolerie simili per impedire alla gente, all'umanita di progredire ...se il mondo invece di avere tanti piccoli laboratori di informatica closed ne avesse uno enorme grande, dislocato sull'intero globo ... questo e il concetto che ho di Open Source e di Software libero (non gratuito attenzione)La penicillina fu scoperta da Alexander Fleming nel 1928 e non la brevetto mai ne tanto mese gli impose dei copyright e questo fu il piu grande dono che fece all'umanita ... perche dobbiamo nascondere il nostro sapere ... e barricarci dietro avvocati o altro ... P.S.Penso che se Windows diventasse Open Source lo comincerei ad usare pure io :-)per ora ... (linux)
          • HackerProf scrive:
            Re: L'OPEN SOURCE E' IL FUTURO !!!!
            - Scritto da: Anonimo

            Attualmente le licenze del sw "closed"

            impediscono di innovare a partire da un

            prodotto esistente, limitando fortemente

            l'innovazione ed il progresso.


            Naturalmente... non dimentichiamo chi ha
            portato l'interfaccia grafica sui nostri
            pc..
            chi ha portato il DOS ...
            da chi KDE copia lo stile del'interfaccia...

            Ricordate che se abbiamo tutti un pc oggi...
            è anche perchè un certo Bill Gates realizzo
            per IBM un sistema operativo semplice per
            personal computer....
            non cancelliamo la storia... per favore!Ma perchè siete inchiodati alle vostre tastiere ... cercatedi astrarvi un attimo .. non sarebbe bello se il sapere dell'uomo venisse condiviso da tutti .. a partire dal sw, io mi ritengo un pro open source e un Linuxiano di conseguenza e non solo . .. mi ritengo pro Hurd, pro FreeBSD etc ....Perche dobbiamo imporre e porre dei brevetti o leggi o diavolerie simili per impedire alla gente, all'umanita di progredire ...se il mondo invece di avere tanti piccoli laboratori di informatica closed ne avesse uno enorme grande, dislocato sull'intero globo ... questo e il concetto che ho di Open Source e di Software libero (non gratuito attenzione)La penicillina fu scoperta da Alexander Fleming nel 1928 e non la brevetto mai ne tanto mese gli impose dei copyright e questo fu il piu grande dono che fece all'umanita ... perche dobbiamo nascondere il nostro sapere ... e barricarci dietro avvocati o altro ... P.S.Penso che se Windows diventasse Open Source lo comincerei ad usare pure io :-)per ora ... (linux)
          • Anonimo scrive:
            Re: L'OPEN SOURCE E' IL FUTURO !!!!

            Naturalmente... non dimentichiamo chi ha
            portato l'interfaccia grafica sui nostri
            pc..
            chi ha portato il DOS ...
            da chi KDE copia lo stile del'interfaccia...

            Ricordate che se abbiamo tutti un pc oggi...
            è anche perchè un certo Bill Gates realizzo
            per IBM un sistema operativo semplice per
            personal computer....
            non cancelliamo la storia... per favore!Hai dimenticato di dire che Bill Gates ha inventato Internet... :-)Che brutta cosa l'ignoranza...
          • Anonimo scrive:
            Re: L'OPEN SOURCE E' IL FUTURO !!!!

            Naturalmente... non dimentichiamo chi ha
            portato l'interfaccia grafica sui nostri
            pc..
            chi ha portato il DOS ...
            da chi KDE copia lo stile del'interfaccia...

            Ricordate che se abbiamo tutti un pc oggi...
            è anche perchè un certo Bill Gates realizzo
            per IBM un sistema operativo semplice per
            personal computer....
            non cancelliamo la storia... per favore!Hai dimenticato di dire che Bill Gates ha inventato Internet... :-)Che brutta cosa l'ignoranza...
          • Anonimo scrive:
            Re: L'OPEN SOURCE E' IL FUTURO !!!!
            - Scritto da: Anonimo

            Attualmente le licenze del sw "closed"

            impediscono di innovare a partire da un

            prodotto esistente, limitando fortemente

            l'innovazione ed il progresso.


            Naturalmente... non dimentichiamo chi ha
            portato l'interfaccia grafica sui nostri
            pc..Apple ?

            Ricordate che se abbiamo tutti un pc oggi...
            è anche perchè un certo Bill Gates realizzo
            per IBM un sistema operativo semplice per
            personal computer....Evidentemente falso
            non cancelliamo la storia... per favore!E nemmeno stravolgiamola, possibilmente.
          • Anonimo scrive:
            Re: L'OPEN SOURCE E' IL FUTURO !!!!
            - Scritto da: Anonimo

            Attualmente le licenze del sw "closed"

            impediscono di innovare a partire da un

            prodotto esistente, limitando fortemente

            l'innovazione ed il progresso.


            Naturalmente... non dimentichiamo chi ha
            portato l'interfaccia grafica sui nostri
            pc..Apple ?

            Ricordate che se abbiamo tutti un pc oggi...
            è anche perchè un certo Bill Gates realizzo
            per IBM un sistema operativo semplice per
            personal computer....Evidentemente falso
            non cancelliamo la storia... per favore!E nemmeno stravolgiamola, possibilmente.
        • Anonimo scrive:
          Re: L'OPEN SOURCE E' IL FUTURO !!!!

          Attualmente le licenze del sw "closed"
          impediscono di innovare a partire da un
          prodotto esistente, limitando fortemente
          l'innovazione ed il progresso.Naturalmente... non dimentichiamo chi ha portato l'interfaccia grafica sui nostri pc..chi ha portato il DOS ...da chi KDE copia lo stile del'interfaccia...Ricordate che se abbiamo tutti un pc oggi... è anche perchè un certo Bill Gates realizzo per IBM un sistema operativo semplice per personal computer....non cancelliamo la storia... per favore!
      • Anonimo scrive:
        Re: L'OPEN SOURCE E' IL FUTURO !!!!
        - Scritto da: HackerProf[cut]
        ... sarebbe come se lo
        scopritore della penicillina avesse messo o
        posto un breveto su un "farmaco" che ha
        salvato migliaia di persone ... [cut]Occorre mettere i puntini sulle "i". Anche se adesso non mi ricordo se esiste (oppure è esistito) un brevetto sulla penicillina, la questione è leggermente differente, infatti anche se la molecola fosse brevettata, il paragone con il software closedopen non funziona.Perche anche se la molecola è brevettata, nessun brevetto di questo genere impedisce ad altri scienziati di "lavorare" sulla molecola originaria per migliorarla.Ed è il caso infatti della penicillina; altri infatti hanno lavorato sulla chimica dell'anello a 5 atomi (tipico delle penicilline) per generare altre molecole sempre più efficaci, prima "attaccandoci" altri gruppi funzionali, poi addirittura espandendo l'anello. Il tutto senza infrangere il brevetto (se vi fosse stato).Attualmente le licenze del sw "closed" impediscono di innovare a partire da un prodotto esistente, limitando fortemente l'innovazione ed il progresso.
    • HackerProf scrive:
      L'OPEN SOURCE E' IL FUTURO !!!!
      - Scritto da: Anonimo
      Diciamoci la verità, l'open source nn può
      avere futuro.... come non può esistere il
      software gratis per tutti... finchè il
      potere di sarà strettamente nelle mani delle
      grandi aziende, non ci può essere nessun
      futuro per linux.... lo tartasseranno a tal
      punto che prima o poi dovrà cedere e a quel
      punto esisteranno solo Microsoft e SCO.
      Diciamolo chiaramente ragazzi... L'OPEN
      SOURCE E' UN UTOPIA che prima o poi finirà,
      statene certi.... questo non sarà un bene
      però sono sicuro che finirà così.Non ha futuro ste p...le, perche vi ostinate a pensare a credere che il sapere le conoscenze appartengono a quattro aziende sfigate .... "... il sapere appartiene all'uomo ..." una frase IMHO bellissima che rispecchia a pieno la filosofia dell'opensource... sarebbe come se lo scopritore della penicillina avesse messo o posto un breveto su un "farmaco" che ha salvato migliaia di persone ... non fermatevi a quei quattro tasti che premete ... provate ad astrarre ... provate a pensare che i Vostri sforzi uniti a quelli di migliaia di altri potranno dare un contributo vero e reale alla comunity ....L'OPEN SOURCE E' IL FUTURO !!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: L'open source non ha futuro !
      - Scritto da: Anonimo
      Diciamoci la verità, l'open source nn può
      avere futuro.... come non può esistere il
      software gratis per tutti... finchè il
      potere di sarà strettamente nelle mani delle
      grandi aziende, non ci può essere nessun
      futuro per linux.... lo tartasseranno a tal
      punto che prima o poi dovrà cedere e a quel
      punto esisteranno solo Microsoft e SCO.
      Diciamolo chiaramente ragazzi... L'OPEN
      SOURCE E' UN UTOPIA che prima o poi finirà,
      statene certi.... questo non sarà un bene
      però sono sicuro che finirà così.I casi sono due, o ti sei alzato male stamani oppure sei un troll.Pensa un attimo alle scoperte scientifiche:per esempio, se gli scopritori del DNA non avessero divulgato la loro scoperta ma l'avessero tenuta segreta, che beneficio ne avrebbe avuto l'umanità ?Se Gutemberg non avesse permesso il libero utilizzo della tecnica di stampa a caratteri mobili (a quei tempi per fortuna i brevetti non esistevano !) che razza di processo avremmo avuto ?Non solo il modello open source permette il progresso e l'innovazione, ma riconosce all'ideatore di un software il diritto di ricavarne profitti, è il massimo e migliore compromesso raggiungibile tra "giusto compenso" per l'autore e per "gli altri".Un esempio rimarchevole di LIBERTA'.
    • Anonimo scrive:
      Re: L'open source non ha futuro !
      - Scritto da: Anonimo
      Diciamoci la verità, l'open source nn può
      avere futuro.... come non può esistere il
      software gratis per tutti... finchè il
      potere di sarà strettamente nelle mani delle
      grandi aziende, non ci può essere nessun
      futuro per linux.... lo tartasseranno a tal
      punto che prima o poi dovrà cedere e a quel
      punto esisteranno solo Microsoft e SCO.
      Diciamolo chiaramente ragazzi... L'OPEN
      SOURCE E' UN UTOPIA che prima o poi finirà,
      statene certi.... questo non sarà un bene
      però sono sicuro che finirà così.I casi sono due, o ti sei alzato male stamani oppure sei un troll.Pensa un attimo alle scoperte scientifiche:per esempio, se gli scopritori del DNA non avessero divulgato la loro scoperta ma l'avessero tenuta segreta, che beneficio ne avrebbe avuto l'umanità ?Se Gutemberg non avesse permesso il libero utilizzo della tecnica di stampa a caratteri mobili (a quei tempi per fortuna i brevetti non esistevano !) che razza di processo avremmo avuto ?Non solo il modello open source permette il progresso e l'innovazione, ma riconosce all'ideatore di un software il diritto di ricavarne profitti, è il massimo e migliore compromesso raggiungibile tra "giusto compenso" per l'autore e per "gli altri".Un esempio rimarchevole di LIBERTA'.
    • Anonimo scrive:
      Re: L'open source non ha futuro !
      - Scritto da: Anonimo
      Diciamoci la verità, l'open source nn può
      avere futuro.... come non può esistere il
      software gratis per tutti... finchè il
      potere di sarà strettamente nelle mani delle
      grandi aziende, non ci può essere nessun
      futuro per linux.... lo tartasseranno a tal
      punto che prima o poi dovrà cedere e a quel
      punto esisteranno solo Microsoft e SCO.
      Diciamolo chiaramente ragazzi... L'OPEN
      SOURCE E' UN UTOPIA che prima o poi finirà,
      statene certi.... questo non sarà un bene
      però sono sicuro che finirà così.a parte l'emblema di troll che e' oramai scontato ma dimostri di essere una persona:- quadrata- senza stimoli di nessun tipo- privo di moralita'e sopratutto: chiusa nel tuo mondocavolo svegliati assaggia altri sapori, vivi esperienze diverse e poi, quando avrai provato altro, potrai dirmi cosa e' meglio, un discorso come il tuo e' indice di infantilita' e ristrettezza mentale, IL MONDO passa a linux e al free software, la gente ci crede e cresce grazie ai suoi strumenti e tu ancora pensi(spero di no) a ste cose....
    • Anonimo scrive:
      Re: L'open source non ha futuro !
      - Scritto da: Anonimo
      Diciamoci la verità, l'open source nn può
      avere futuro.... come non può esistere il
      software gratis per tutti... finchè il
      potere di sarà strettamente nelle mani delle
      grandi aziende, non ci può essere nessun
      futuro per linux.... lo tartasseranno a tal
      punto che prima o poi dovrà cedere e a quel
      punto esisteranno solo Microsoft e SCO.
      Diciamolo chiaramente ragazzi... L'OPEN
      SOURCE E' UN UTOPIA che prima o poi finirà,
      statene certi.... questo non sarà un bene
      però sono sicuro che finirà così.a parte l'emblema di troll che e' oramai scontato ma dimostri di essere una persona:- quadrata- senza stimoli di nessun tipo- privo di moralita'e sopratutto: chiusa nel tuo mondocavolo svegliati assaggia altri sapori, vivi esperienze diverse e poi, quando avrai provato altro, potrai dirmi cosa e' meglio, un discorso come il tuo e' indice di infantilita' e ristrettezza mentale, IL MONDO passa a linux e al free software, la gente ci crede e cresce grazie ai suoi strumenti e tu ancora pensi(spero di no) a ste cose....
    • Anonimo scrive:
      Re: L'open source non ha futuro !

      punto che prima o poi dovrà cedere e a quel
      punto esisteranno solo Microsoft e SCO.AHAHAHA, Microsoft e SCO? Bella questa.Ma se fino al mese scorso il 99% non avevi mai sentito nominare SCO... Adesso che è diventata nota per le sue pseudo-cause a destra a manca e diventa una potenza?Ma fammi il piacere...Andrea
    • Anonimo scrive:
      Re: L'open source non ha futuro !

      punto che prima o poi dovrà cedere e a quel
      punto esisteranno solo Microsoft e SCO.AHAHAHA, Microsoft e SCO? Bella questa.Ma se fino al mese scorso il 99% non avevi mai sentito nominare SCO... Adesso che è diventata nota per le sue pseudo-cause a destra a manca e diventa una potenza?Ma fammi il piacere...Andrea
    • Anonimo scrive:
      Re: L'open source non ha futuro !
      - Scritto da: Anonimo
      Diciamoci la verità, l'open source nn può
      avere futuro.... come non può esistere il
      software gratis per tutti... finchè il
      potere di sarà strettamente nelle mani delle
      grandi aziende, non ci può essere nessun
      futuro per linux.... lo tartasseranno a tal
      punto che prima o poi dovrà cedere e a quel
      punto esisteranno solo Microsoft e SCO.
      Diciamolo chiaramente ragazzi... L'OPEN
      SOURCE E' UN UTOPIA che prima o poi finirà,
      statene certi.... questo non sarà un bene
      però sono sicuro che finirà così.Ne riparleremo tra qualche anno, quando windows non ci sara' piu'!
      • Anonimo scrive:
        Re: L'open source non ha futuro !


        Diciamoci la verità, l'open source nn può

        avere futuro.... come non può esistere il

        software gratis per tutti... finchè il

        potere di sarà strettamente nelle mani
        delle

        grandi aziende,


        Ne riparleremo tra qualche anno, quando
        windows non ci sara' piu'!Cazzate entrambe, forse un domani il software windows non esisterà più perchè nessuna azienda vive per sempre e ciò che oggi è il prodotto più usato può sempre in poco tempo scomparire, e nemmeno il software open source sparirà ci saranno sempre entrambi, almeno in una società uguale a quella attuale. il discorso qui è un altro, il software open suorce esiste solo perchè esiste il software proprietario. Chi crede non sia così dimostra quanto poco è preparato sull'argomento o la sua ignoranza in materia. chi scrive software open suorce è gente che lavora (pagata) in grandi e meno grandi aziende, lo fa a volte in orari d'ufficio altre volte a casa, lo fa sfruttando le consocenze e le competenze acquisite grazie al proprio lavoro, lo fa perchè ha uno stipendio fisso tutti i mesi con cui vivere e questo grazie al software proprietario che nel mondo è fatto da migliaia di aziende e imegna migliaia di dipendenti. Le software house che vendono software investono in studi e progetti e le scoperte e i migliormante vengono poi ripresi dai dipendenti di questi per scrivere software open source, poi ci sono el eccezioni, ragazzini geni che riescono a scrivere dei programmi o come il papà di linux un kernel ma la massa ha acquisito le sue conoscenze lavorando nel software proprietario. Questo quindi indica come entrambi i sistemi siano complementari e abbiano bisogno l'uno dell'altro, il software proprietario, per avere una spinta a crescere, migliorare e ad investire per questo e il software open source che sfrutta queste consocenze acquisite per svilupparsi e crescere. Basta pensare che si possa fare a meno uno dell'altro, servono entrambi a migliorare entrambi.
        • Anonimo scrive:
          Re: L'open source non ha futuro !
          Ma che io sappia il software libero e' nato prima di quello closed source. In base alla mia bibliografia si comincio' dai programmi di controllo di apparati di varia natura.Le aziende che fino a meta' anni '70 rilasciavano insieme alla macchina i sorgenti del software di gestione, cominciarono a rendere closed quei codici che avrebbero aiutato altre aziende a costruire apparecchi simili anche come funzioni, studiandone il software di controllo.Furono alcuni programmatori dei vari centri di ricerca ad essere corteggiati da aziende produttrici di hardware, per andare a lavorare per loro e stipulare contratti di non divulgazione.Erano persone che condividevano coi colleghi di altri enti governativi e universita', il loro lavoro a prenderne e renderlo proprietario o riscriverlo ma dandone lo sfruttamento dei diritti all'azienda che lo commissionava.Il software libero esiste da quando ha cominciato ad esistere quello brevettato per contrastare la sua avanzata.All'inizio non fu capito, e tutti pensavano come voi, ossia che quello proprietario avrebbe significato progresso.Ma la lungimiranza di alcuni individui come Stallman hanno capito che invece le aziende che ne detenevano i diritti li avrebbero usati per creare stati di monopolio e controllo.--Ciao. Mr. Mechano
        • Anonimo scrive:
          Re: L'open source non ha futuro !
          Ma che io sappia il software libero e' nato prima di quello closed source. In base alla mia bibliografia si comincio' dai programmi di controllo di apparati di varia natura.Le aziende che fino a meta' anni '70 rilasciavano insieme alla macchina i sorgenti del software di gestione, cominciarono a rendere closed quei codici che avrebbero aiutato altre aziende a costruire apparecchi simili anche come funzioni, studiandone il software di controllo.Furono alcuni programmatori dei vari centri di ricerca ad essere corteggiati da aziende produttrici di hardware, per andare a lavorare per loro e stipulare contratti di non divulgazione.Erano persone che condividevano coi colleghi di altri enti governativi e universita', il loro lavoro a prenderne e renderlo proprietario o riscriverlo ma dandone lo sfruttamento dei diritti all'azienda che lo commissionava.Il software libero esiste da quando ha cominciato ad esistere quello brevettato per contrastare la sua avanzata.All'inizio non fu capito, e tutti pensavano come voi, ossia che quello proprietario avrebbe significato progresso.Ma la lungimiranza di alcuni individui come Stallman hanno capito che invece le aziende che ne detenevano i diritti li avrebbero usati per creare stati di monopolio e controllo.--Ciao. Mr. Mechano
      • Anonimo scrive:
        Re: L'open source non ha futuro !


        Diciamoci la verità, l'open source nn può

        avere futuro.... come non può esistere il

        software gratis per tutti... finchè il

        potere di sarà strettamente nelle mani
        delle

        grandi aziende,


        Ne riparleremo tra qualche anno, quando
        windows non ci sara' piu'!Cazzate entrambe, forse un domani il software windows non esisterà più perchè nessuna azienda vive per sempre e ciò che oggi è il prodotto più usato può sempre in poco tempo scomparire, e nemmeno il software open source sparirà ci saranno sempre entrambi, almeno in una società uguale a quella attuale. il discorso qui è un altro, il software open suorce esiste solo perchè esiste il software proprietario. Chi crede non sia così dimostra quanto poco è preparato sull'argomento o la sua ignoranza in materia. chi scrive software open suorce è gente che lavora (pagata) in grandi e meno grandi aziende, lo fa a volte in orari d'ufficio altre volte a casa, lo fa sfruttando le consocenze e le competenze acquisite grazie al proprio lavoro, lo fa perchè ha uno stipendio fisso tutti i mesi con cui vivere e questo grazie al software proprietario che nel mondo è fatto da migliaia di aziende e imegna migliaia di dipendenti. Le software house che vendono software investono in studi e progetti e le scoperte e i migliormante vengono poi ripresi dai dipendenti di questi per scrivere software open source, poi ci sono el eccezioni, ragazzini geni che riescono a scrivere dei programmi o come il papà di linux un kernel ma la massa ha acquisito le sue conoscenze lavorando nel software proprietario. Questo quindi indica come entrambi i sistemi siano complementari e abbiano bisogno l'uno dell'altro, il software proprietario, per avere una spinta a crescere, migliorare e ad investire per questo e il software open source che sfrutta queste consocenze acquisite per svilupparsi e crescere. Basta pensare che si possa fare a meno uno dell'altro, servono entrambi a migliorare entrambi.
    • Anonimo scrive:
      Re: L'open source non ha futuro !
      - Scritto da: Anonimo
      Diciamoci la verità, l'open source nn può
      avere futuro.... come non può esistere il
      software gratis per tutti... finchè il
      potere di sarà strettamente nelle mani delle
      grandi aziende, non ci può essere nessun
      futuro per linux.... lo tartasseranno a tal
      punto che prima o poi dovrà cedere e a quel
      punto esisteranno solo Microsoft e SCO.
      Diciamolo chiaramente ragazzi... L'OPEN
      SOURCE E' UN UTOPIA che prima o poi finirà,
      statene certi.... questo non sarà un bene
      però sono sicuro che finirà così.Ne riparleremo tra qualche anno, quando windows non ci sara' piu'!
    • Anonimo scrive:
      Re: L'open source non ha futuro !
      - Scritto da: Anonimo
      Diciamoci la verità, l'open source nn può
      avere futuro.... come non può esistere ilNella maggior parte dei casi io vedo ancora confondere Linux il kernel con GNU/Linux e tutto il contorno di programmi, tools e filosofie che ci girano intorno.Quella vincente nel mondo del software libero e' la filosofia di base e il suo polimorfismo e il kernel ha su tutto cio' un'importanza infinitesimale.Linux e' un kernel e se ha un po' di sorgente proprietario e' subito sostituibile. Male che vada e tutto il kernel potrebbe essere messo in discussione, non ci vuole nulla (adattamenti minori e ricompilazione) a prendere tutta l'infrastruttura GNU e open source che ci gira e inserirla su FreeBSD che pare non abbia nessuno di questi problemi e ripartire alla "conquista del mondo".Anche su Windows si potrebbe creare tutta una serie di tools, programmi e compilatori GPL. Ma non e' assolutamente conveniente (dal punto di vista filosofico e liberale) farlo poiche' Windows essendo proprietario puo' essere modificato e strumentalizzato dal suo ideatore che e' una azienda capitalistica tradizionale che con la filosofia free ci andrebbe daccordo come il diavolo con l'acqua santa. Nel momento in cui un OpenOffice cominciasse a diffondersi piu' di MSOffice il proprietario dell'infrastruttura su cui funzionano tali software agirebbe in maniera sporca per non farti funzionare altro al di fuori del proprio. Ho un deja vu con i primi Basic per PC 8088, vinse quello che poteva girare anche su hardware non originale IBM.Quello che stanno provando a fare MS e SCO (perche' anche io ho il sospetto che i vertici di quelle aziende siano in combutta) e' una cosa inutile ma soprattutto patetica che potra' solo rallentare leggermente il processo globale di adozione della filosofia, prima ancora dei vantaggi puramente pratici che si porta con se il mondo del software libero.--Ciao. Mr. Mechano
    • Anonimo scrive:
      Re: L'open source non ha futuro !
      - Scritto da: Anonimo
      Diciamoci la verità, l'open source nn può
      avere futuro.... come non può esistere ilNella maggior parte dei casi io vedo ancora confondere Linux il kernel con GNU/Linux e tutto il contorno di programmi, tools e filosofie che ci girano intorno.Quella vincente nel mondo del software libero e' la filosofia di base e il suo polimorfismo e il kernel ha su tutto cio' un'importanza infinitesimale.Linux e' un kernel e se ha un po' di sorgente proprietario e' subito sostituibile. Male che vada e tutto il kernel potrebbe essere messo in discussione, non ci vuole nulla (adattamenti minori e ricompilazione) a prendere tutta l'infrastruttura GNU e open source che ci gira e inserirla su FreeBSD che pare non abbia nessuno di questi problemi e ripartire alla "conquista del mondo".Anche su Windows si potrebbe creare tutta una serie di tools, programmi e compilatori GPL. Ma non e' assolutamente conveniente (dal punto di vista filosofico e liberale) farlo poiche' Windows essendo proprietario puo' essere modificato e strumentalizzato dal suo ideatore che e' una azienda capitalistica tradizionale che con la filosofia free ci andrebbe daccordo come il diavolo con l'acqua santa. Nel momento in cui un OpenOffice cominciasse a diffondersi piu' di MSOffice il proprietario dell'infrastruttura su cui funzionano tali software agirebbe in maniera sporca per non farti funzionare altro al di fuori del proprio. Ho un deja vu con i primi Basic per PC 8088, vinse quello che poteva girare anche su hardware non originale IBM.Quello che stanno provando a fare MS e SCO (perche' anche io ho il sospetto che i vertici di quelle aziende siano in combutta) e' una cosa inutile ma soprattutto patetica che potra' solo rallentare leggermente il processo globale di adozione della filosofia, prima ancora dei vantaggi puramente pratici che si porta con se il mondo del software libero.--Ciao. Mr. Mechano
  • Anonimo scrive:
    Gartner da sempre difensore dei ladri
    E anche questa volta non si smentisce. Unici analisti al mondo che ritengono il TCO di linux superiore a quello di windows in azienda. LOL... soli contro il mondo, forse ce la faranno... quali gonzi riusciranno a convincere?
    • Anonimo scrive:
      Re: Gartner da sempre difensore dei ladri
      ... o forse gli unici che hanno ragione..... chi lo sa... tra qualche anno vedremo se hanno ragione....
      • Anonimo scrive:
        Re: Gartner da sempre difensore dei ladr
        - Scritto da: Anonimo
        ... o forse gli unici che hanno ragione...

        .. chi lo sa...

        tra qualche anno vedremo se hanno ragione....Mi sono sempre domandato come un' osservatore "neutrale" (nel senso di non coinvolto economicamente) potesse difendere le posizioni pro close source, e tutto quello che gli gira intorno.Puoi spiegarmelo tu che credo sia uno di questi? Intendo cosa li spinge da un punto di vista etico, eo tecnico.holacrack
        • avvelenato scrive:
          Re: Gartner da sempre difensore dei ladr
          bah il problema è che considerate l'intervento di gartner una difesa al closed source, mentre è evidente che fintantoché la causa non viene chiarita (per la buffonata che è, aggiungo come commento personale), accettare contratti di fornitura linux può essere rischioso (e bisogna valutare l'entità del rischio - imho molto bassa).a me nn sembra un commento di parte. come tra l'altro nn mi sentirei di definire di parte quello dove si affermava per le aziende una spesa complessiva maggiore utilizzando un sistema equipaggiato con linux, in alternativa a windows...tutti gli informatici dovrebbero sapere che entrambi non sono altro che strumenti , entrambi adatti in certi contesti e inadatti in altri. aborrisco gli estremismi.quindi (win) e (linux) ... e anche (apple) (sennò larry mi picchia poi :D ), l'importante è aborrire gli estremisti e i (troll) troll avvelenato contro il talebanismo informatico
          • Anonimo scrive:
            Re: Gartner da sempre difensore dei ladr
            io credo che l'europa deba trovare un suo sistema operativo antitetico a microdoft per innumerevoli motivi linux penso possa essere la partenza certo che andrebbe sostenuto di piu' anche a livello politico
          • Anonimo scrive:
            Re: Gartner da sempre difensore dei ladr
            - Scritto da: Anonimo
            io credo che l'europa deba trovare un suo
            sistema operativo antitetico a microdoft per
            innumerevoli motivi
            linux penso possa essere la partenza certo
            che andrebbe sostenuto di piu' anche a
            livello politicoConcordo, si potrebbe seguire l'esempio della Germania
          • Ekleptical scrive:
            Re: Gartner da sempre difensore dei ladr


            linux penso possa essere la partenza certo

            che andrebbe sostenuto di piu' anche a

            livello politico

            Concordo, si potrebbe seguire l'esempio
            della GermaniaE' una strategia demenziale, a livello nazionale!Linux è automaticametne di tutto il mondo, proprio perchè GPL. Non vedo il vantaggio di posizione che si può ottenere da Linux!!Peraltro la casa software Linux più grande è americana, quindi non si capisce proprio il senso di simili affermazioni...
          • Anonimo scrive:
            Re: Gartner da sempre difensore dei ladr
            - Scritto da: Ekleptical


            linux penso possa essere la partenza
            certo


            che andrebbe sostenuto di piu' anche a


            livello politico



            Concordo, si potrebbe seguire l'esempio

            della Germania

            E' una strategia demenziale, a livello
            nazionale!
            Linux è automaticametne di tutto il mondo,
            proprio perchè GPL. Non vedo il vantaggio di
            posizione che si può ottenere da Linux!!Non vedi il vantaggio per l'amministrazione statale di un ipotetico governo europeo??!!Sono enormi: strategicamente (non dipendere da infrastrutture e tecnologie di cui non si ha il pieno controllo), politicamente ( la trasparenza), economicamente ( I costi di linux gestiti da una grande impresa o da uno stato sono inferiori, e non mi convincerai mai del contrario).Basterebbe comunque il primo punto per rendere inutile questa discussione.holacrack
          • Anonimo scrive:
            Re: Gartner da sempre difensore dei ladr
            - Scritto da: Anonimo
            Non vedi il vantaggio per l'amministrazione
            statale di un ipotetico governo europeo??!!
            Sono enormi: strategicamente (non dipendere
            da infrastrutture e tecnologie di cui non si
            ha il pieno controllo), Bello mio, poi usiamo router di aziende americane? E ci fidiamo? Oppure non ci fidiamo? Allora meglio non fidarsi neppure del grano che importiamo dall'america. Anzi... sai che ti dico? Innalziamo un bel muro in mezzo all'Atlantico. Voi di la', noi di qua'.
            politicamente ( la
            trasparenza), Ridaje. Mi fido di piu' di una grossa azienda (che ci mette in gioco faccia e fatturato) o di qualche scantinaro sconosciuto? E non venite a dirmi "facciamo l'audit del codice", che fate solo ridere.
            economicamente ( I costi di
            linux gestiti da una grande impresa o da uno
            stato sono inferiori, e non mi convincerai
            mai del contrario).Si, buona notte.
          • Anonimo scrive:
            Re: Gartner da sempre difensore dei ladr
            - Scritto da: Anonimo

            Bello mio, poi usiamo router di aziende
            americane? E ci fidiamo? Oppure non ci
            fidiamo? Allora meglio non fidarsi neppure
            del grano che importiamo dall'america.
            Anzi... sai che ti dico? Innalziamo un bel
            muro in mezzo all'Atlantico. Voi di la', noi
            di qua'.Che stupidaggine. Linux rappresenta un opportunita' strategica incontestabile, se poi non esistono soluzioni equiparabili in altri settori non e' certo una cosa di cui rallegrarsi(comunque l'EU qualche problema ad importare prodotti alimentari dagli USA se li fa, e giustamente)

            politicamente ( la

            trasparenza),

            Ridaje. Mi fido di piu' di una grossa
            azienda (che ci mette in gioco faccia e
            fatturato) o di qualche scantinaro
            sconosciuto? E non venite a dirmi "facciamo
            l'audit del codice", che fate solo ridere.Infatti non saro' io a farlo ma , al limite lo potra' fare il governo tedesco, solo che per trasparenza si intendono piu' cose.Ad esempio quella economica del bilancio statale, visto che almeno in un settore ci si libera di forti elementi di pressione lobbystica.

            economicamente ( I costi di

            linux gestiti da una grande impresa o da
            uno

            stato sono inferiori, e non mi convincerai

            mai del contrario).

            Si, buona notte.Mi pare tu stia negando l'evidenza. Una grande azienda od uno stato hanno al loro interno le professionalita' che possono gestire il sistema, quindi la competizione economica si riduce al costo nominale del prodotto, che mi pare imparagonabile. holacrack
          • Anonimo scrive:
            Re: Gartner da sempre difensore dei ladr
            - Scritto da: Anonimo

            Bello mio, poi usiamo router di aziende
            americane? E ci fidiamo? Oppure non ci
            fidiamo? Allora meglio non fidarsi neppure
            del grano che importiamo dall'america.
            Anzi... sai che ti dico? Innalziamo un bel
            muro in mezzo all'Atlantico. Voi di la', noi
            di qua'.Che stupidaggine. Linux rappresenta un opportunita' strategica incontestabile, se poi non esistono soluzioni equiparabili in altri settori non e' certo una cosa di cui rallegrarsi(comunque l'EU qualche problema ad importare prodotti alimentari dagli USA se li fa, e giustamente)

            politicamente ( la

            trasparenza),

            Ridaje. Mi fido di piu' di una grossa
            azienda (che ci mette in gioco faccia e
            fatturato) o di qualche scantinaro
            sconosciuto? E non venite a dirmi "facciamo
            l'audit del codice", che fate solo ridere.Infatti non saro' io a farlo ma , al limite lo potra' fare il governo tedesco, solo che per trasparenza si intendono piu' cose.Ad esempio quella economica del bilancio statale, visto che almeno in un settore ci si libera di forti elementi di pressione lobbystica.

            economicamente ( I costi di

            linux gestiti da una grande impresa o da
            uno

            stato sono inferiori, e non mi convincerai

            mai del contrario).

            Si, buona notte.Mi pare tu stia negando l'evidenza. Una grande azienda od uno stato hanno al loro interno le professionalita' che possono gestire il sistema, quindi la competizione economica si riduce al costo nominale del prodotto, che mi pare imparagonabile. holacrack
          • Anonimo scrive:
            Re: Gartner da sempre difensore dei ladr
            - Scritto da: Anonimo
            Non vedi il vantaggio per l'amministrazione
            statale di un ipotetico governo europeo??!!
            Sono enormi: strategicamente (non dipendere
            da infrastrutture e tecnologie di cui non si
            ha il pieno controllo), Bello mio, poi usiamo router di aziende americane? E ci fidiamo? Oppure non ci fidiamo? Allora meglio non fidarsi neppure del grano che importiamo dall'america. Anzi... sai che ti dico? Innalziamo un bel muro in mezzo all'Atlantico. Voi di la', noi di qua'.
            politicamente ( la
            trasparenza), Ridaje. Mi fido di piu' di una grossa azienda (che ci mette in gioco faccia e fatturato) o di qualche scantinaro sconosciuto? E non venite a dirmi "facciamo l'audit del codice", che fate solo ridere.
            economicamente ( I costi di
            linux gestiti da una grande impresa o da uno
            stato sono inferiori, e non mi convincerai
            mai del contrario).Si, buona notte.
          • Anonimo scrive:
            Re: Gartner da sempre difensore dei ladr
            - Scritto da: Ekleptical


            linux penso possa essere la partenza
            certo


            che andrebbe sostenuto di piu' anche a


            livello politico



            Concordo, si potrebbe seguire l'esempio

            della Germania

            E' una strategia demenziale, a livello
            nazionale!
            Linux è automaticametne di tutto il mondo,
            proprio perchè GPL. Non vedo il vantaggio di
            posizione che si può ottenere da Linux!!Non vedi il vantaggio per l'amministrazione statale di un ipotetico governo europeo??!!Sono enormi: strategicamente (non dipendere da infrastrutture e tecnologie di cui non si ha il pieno controllo), politicamente ( la trasparenza), economicamente ( I costi di linux gestiti da una grande impresa o da uno stato sono inferiori, e non mi convincerai mai del contrario).Basterebbe comunque il primo punto per rendere inutile questa discussione.holacrack
          • Ekleptical scrive:
            Re: Gartner da sempre difensore dei ladr


            linux penso possa essere la partenza certo

            che andrebbe sostenuto di piu' anche a

            livello politico

            Concordo, si potrebbe seguire l'esempio
            della GermaniaE' una strategia demenziale, a livello nazionale!Linux è automaticametne di tutto il mondo, proprio perchè GPL. Non vedo il vantaggio di posizione che si può ottenere da Linux!!Peraltro la casa software Linux più grande è americana, quindi non si capisce proprio il senso di simili affermazioni...
          • Anonimo scrive:
            una favoletta piena di morale....
            Qualcuno si chiede come mai la strenua difesa dei sistemi closed source, da parte di "neutrali" oppositori, che non hanno interessi, come ad esempio avrebbe Redmond, o l'azienduccia di Steve Jobs.Quello che a molti sfugge, che probabilmente qualcuno è neutrale fino ad un certo punto, anche se economicamente, dalla questione (w il closed source) non ci guadagna niente.Da dove questa considerazione?Facciamo un esempio:C'era una volta in un Ced Perso in un boschetto fatato, c'era un responsabile C.E.D, questo responsabile, viveva felice e beato nel suo piccolo regno, fatto di windows 2000 servere di molti client aziendali, 98 se o Me, una mattina, in un Ced, che si trovata lì vicino, presso la collina delle margherite, l'amministratore delegato dell'azienda del principe azzurro, decide di ricapitallizare, e di tagliare i rami, morti...chiama un consulente informatico, che gli dice: "amico mio tu spedi troppo in licenze d'uso, spendi troppo per servizi, che trovi gratis ormai, perchè spendere fior di milioni tra licenze, mainframe miliardari, e cluster, pagati a peso d'oro?Metti linux? L'amministratore, delegato gli rispnde: ma il mio sistemista, non ne sa niente, e niente ne vuole sapere di linux, e il consulente informatico gli risponde, o si adegua o lo licenzi.In questo caso, alla fine il Responsabile C.E.D della collina delle Margherite, non volendosi adattare, perchè l'altro sistema closed source, era taaanto agevole, e non volendo cominciare a lavorare sodo, per il C.E.D. viene licenziato.Il responsabile C.E.D, del boschetto fatato pensa: " e se succedesse a me? che non so nemmeno come funziona? Finirei come il collega della collina delle margerite? No! Abbasso il sistema Opensource, abbasso linux, abbasso i sistemi gratis, Rivoglio il mio felice angolettooooooooo!Morale: quando va a fuoco la casa del vicino, porta l'acqua a casa tua.HanseleGretelmente VostroElwood
          • Anonimo scrive:
            Re: una favoletta piena di morale....
            E mentre tu ci fai sorridere con queste storielline, HP dichiara che vende solo il 15% dei server con linux. Per la serie "non oltre la collina, ma a 10000000 km di distanza.".
          • Anonimo scrive:
            Re: una favoletta piena di morale....
            E mentre tu ci fai sorridere con queste storielline, HP dichiara che vende solo il 15% dei server con linux. Per la serie "non oltre la collina, ma a 10000000 km di distanza.".
          • Anonimo scrive:
            una favoletta piena di morale....
            Qualcuno si chiede come mai la strenua difesa dei sistemi closed source, da parte di "neutrali" oppositori, che non hanno interessi, come ad esempio avrebbe Redmond, o l'azienduccia di Steve Jobs.Quello che a molti sfugge, che probabilmente qualcuno è neutrale fino ad un certo punto, anche se economicamente, dalla questione (w il closed source) non ci guadagna niente.Da dove questa considerazione?Facciamo un esempio:C'era una volta in un Ced Perso in un boschetto fatato, c'era un responsabile C.E.D, questo responsabile, viveva felice e beato nel suo piccolo regno, fatto di windows 2000 servere di molti client aziendali, 98 se o Me, una mattina, in un Ced, che si trovata lì vicino, presso la collina delle margherite, l'amministratore delegato dell'azienda del principe azzurro, decide di ricapitallizare, e di tagliare i rami, morti...chiama un consulente informatico, che gli dice: "amico mio tu spedi troppo in licenze d'uso, spendi troppo per servizi, che trovi gratis ormai, perchè spendere fior di milioni tra licenze, mainframe miliardari, e cluster, pagati a peso d'oro?Metti linux? L'amministratore, delegato gli rispnde: ma il mio sistemista, non ne sa niente, e niente ne vuole sapere di linux, e il consulente informatico gli risponde, o si adegua o lo licenzi.In questo caso, alla fine il Responsabile C.E.D della collina delle Margherite, non volendosi adattare, perchè l'altro sistema closed source, era taaanto agevole, e non volendo cominciare a lavorare sodo, per il C.E.D. viene licenziato.Il responsabile C.E.D, del boschetto fatato pensa: " e se succedesse a me? che non so nemmeno come funziona? Finirei come il collega della collina delle margerite? No! Abbasso il sistema Opensource, abbasso linux, abbasso i sistemi gratis, Rivoglio il mio felice angolettooooooooo!Morale: quando va a fuoco la casa del vicino, porta l'acqua a casa tua.HanseleGretelmente VostroElwood
          • Anonimo scrive:
            Re: Gartner da sempre difensore dei ladr
            - Scritto da: Anonimo
            io credo che l'europa deba trovare un suo
            sistema operativo antitetico a microdoft per
            innumerevoli motivi
            linux penso possa essere la partenza certo
            che andrebbe sostenuto di piu' anche a
            livello politicoConcordo, si potrebbe seguire l'esempio della Germania
          • Anonimo scrive:
            Re: Gartner da sempre difensore dei ladr
            - Scritto da: Anonimo
            io credo che l'europa deba trovare un suo
            sistema operativo antitetico a microdoft per
            innumerevoli motivi
            linux penso possa essere la partenza certo
            che andrebbe sostenuto di piu' anche a
            livello politicoCosa c'entra questo con il suggerimento di Gartner? L'alternativa a Linux potrebbe anche essere Solaris o HP-UX.Siete veramente monotematici voi pinguini.
          • Anonimo scrive:
            Re: Gartner da sempre difensore dei ladr
            - Scritto da: Anonimo
            io credo che l'europa deba trovare un suo
            sistema operativo antitetico a microdoft per
            innumerevoli motivi
            linux penso possa essere la partenza certo
            che andrebbe sostenuto di piu' anche a
            livello politicoCosa c'entra questo con il suggerimento di Gartner? L'alternativa a Linux potrebbe anche essere Solaris o HP-UX.Siete veramente monotematici voi pinguini.
          • Houdini scrive:
            Re: Gartner da sempre difensore dei ladr
            - Scritto da: Anonimo
            io credo che l'europa deba trovare un suo
            sistema operativo antitetico a microdoft per
            innumerevoli motivi Sì, e dovrebbe anche esistere un esercito europeo, ma prima di queste logiche di espansione occorrerebbe anche una VERA politica interna, ma per fare una vera politica interna manca una cosa...gli EUROPEI...pertanto atteniamoci hai fatti e parliamo delle dichiarazioni di GartnerIn realtà per quel che riguarda Gartner ha detto qualche emerita boiata, o meglio:io premesso che posso leggere il sorgente di un programma Open, come faccio a sapere che è rubato?La richiesta di danni di SCO a IBM e non per esempio al capello rosso non è casuale!Sco aveva fatto "leggere" i sorgenti a IBM (vedi AIX) e quindi l'ha accusata di averli passati a Linux...Ovvero aver aggiunto volontariamente pezzi di software proprietario in open software... ma diventa molto più difficile dimostrare che Red hat ne fosse a conoscenza! (E quindi citarla per danni)Al massimo una volta dimostrato che alcuni pezzi di codice sono miei posso pretendere siano tolti!Tornando quindi alle dichiarazioni di Gartner (leggetevi il codice voi e i vostri legali) e' VERAMENTE un consiglio del menga che non abbindolerà gli esperti del campo (sarei curioso di sapere cosa ne pensa un avvocato), ma spaventa sicuramento la massa di piccole e medie imprese, che non conoscono, non capiscono e fanno MOLTO fatturato per l'IT!!!
          • Africano scrive:
            Re: Gartner da sempre difensore dei ladr
            E soprattutto per spulciare il sorgente a caccia di codice irregolare bisognerebbe confrontarlo con quello proprietario quindi gartner che vorrebbe che sco pubblicasse il suo sorgente?
          • Africano scrive:
            Re: Gartner da sempre difensore dei ladr
            E soprattutto per spulciare il sorgente a caccia di codice irregolare bisognerebbe confrontarlo con quello proprietario quindi gartner che vorrebbe che sco pubblicasse il suo sorgente?
          • Houdini scrive:
            Re: Gartner da sempre difensore dei ladr
            - Scritto da: Anonimo
            io credo che l'europa deba trovare un suo
            sistema operativo antitetico a microdoft per
            innumerevoli motivi Sì, e dovrebbe anche esistere un esercito europeo, ma prima di queste logiche di espansione occorrerebbe anche una VERA politica interna, ma per fare una vera politica interna manca una cosa...gli EUROPEI...pertanto atteniamoci hai fatti e parliamo delle dichiarazioni di GartnerIn realtà per quel che riguarda Gartner ha detto qualche emerita boiata, o meglio:io premesso che posso leggere il sorgente di un programma Open, come faccio a sapere che è rubato?La richiesta di danni di SCO a IBM e non per esempio al capello rosso non è casuale!Sco aveva fatto "leggere" i sorgenti a IBM (vedi AIX) e quindi l'ha accusata di averli passati a Linux...Ovvero aver aggiunto volontariamente pezzi di software proprietario in open software... ma diventa molto più difficile dimostrare che Red hat ne fosse a conoscenza! (E quindi citarla per danni)Al massimo una volta dimostrato che alcuni pezzi di codice sono miei posso pretendere siano tolti!Tornando quindi alle dichiarazioni di Gartner (leggetevi il codice voi e i vostri legali) e' VERAMENTE un consiglio del menga che non abbindolerà gli esperti del campo (sarei curioso di sapere cosa ne pensa un avvocato), ma spaventa sicuramento la massa di piccole e medie imprese, che non conoscono, non capiscono e fanno MOLTO fatturato per l'IT!!!
          • Anonimo scrive:
            Re: Gartner da sempre difensore dei ladr
            io credo che l'europa deba trovare un suo sistema operativo antitetico a microdoft per innumerevoli motivi linux penso possa essere la partenza certo che andrebbe sostenuto di piu' anche a livello politico
          • Anonimo scrive:
            Complimenti a "forse gli unici che..."
            - Scritto da: avvelenato
            bah il problema è che considerate
            l'intervento di gartner una difesa al closed
            source, mentre è evidente che fintantoché la
            causa non viene chiarita (per la buffonata
            che è, aggiungo come commento personale),
            accettare contratti di fornitura linux può
            essere rischioso (e bisogna valutare
            l'entità del rischio - imho molto bassa).


            a me nn sembra un commento di parte. Ma invece lo è, perchè crea FUD su FUD riguardo a linux, e questo è molto male.Colgo l'occasione per fare i complimenti a chi ha detto, riguardo al TCO, che forse uno contro tutti significa gli unici che hanno ragione :-) Con questa argomentazione si è portato avanti il progetto GNU all'inizio, però non era Gartner ma quel pazzo di Stallman :-) (linux)
          • Anonimo scrive:
            Re: Complimenti a "forse gli unici che..."
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: avvelenato

            bah il problema è che considerate

            l'intervento di gartner una difesa al
            closed

            source, mentre è evidente che fintantoché
            la

            causa non viene chiarita (per la buffonata

            che è, aggiungo come commento personale),

            accettare contratti di fornitura linux può

            essere rischioso (e bisogna valutare

            l'entità del rischio - imho molto bassa).





            a me nn sembra un commento di parte.

            Ma invece lo è, perchè crea FUD su FUD
            riguardo a linux, e questo è molto male.

            Colgo l'occasione per fare i complimenti a
            chi ha detto, riguardo al TCO, che forse uno
            contro tutti significa gli unici che hanno
            ragione :-) Con questa argomentazione si è
            portato avanti il progetto GNU all'inizio,
            però non era Gartner ma quel pazzo di
            Stallman :-) (linux)C'è anche IDC dello stesso parere di Gartner.
          • Anonimo scrive:
            Re: Complimenti a "forse gli unici che..."
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: avvelenato

            bah il problema è che considerate

            l'intervento di gartner una difesa al
            closed

            source, mentre è evidente che fintantoché
            la

            causa non viene chiarita (per la buffonata

            che è, aggiungo come commento personale),

            accettare contratti di fornitura linux può

            essere rischioso (e bisogna valutare

            l'entità del rischio - imho molto bassa).





            a me nn sembra un commento di parte.

            Ma invece lo è, perchè crea FUD su FUD
            riguardo a linux, e questo è molto male.

            Colgo l'occasione per fare i complimenti a
            chi ha detto, riguardo al TCO, che forse uno
            contro tutti significa gli unici che hanno
            ragione :-) Con questa argomentazione si è
            portato avanti il progetto GNU all'inizio,
            però non era Gartner ma quel pazzo di
            Stallman :-) (linux)C'è anche IDC dello stesso parere di Gartner.
          • Anonimo scrive:
            Complimenti a "forse gli unici che..."
            - Scritto da: avvelenato
            bah il problema è che considerate
            l'intervento di gartner una difesa al closed
            source, mentre è evidente che fintantoché la
            causa non viene chiarita (per la buffonata
            che è, aggiungo come commento personale),
            accettare contratti di fornitura linux può
            essere rischioso (e bisogna valutare
            l'entità del rischio - imho molto bassa).


            a me nn sembra un commento di parte. Ma invece lo è, perchè crea FUD su FUD riguardo a linux, e questo è molto male.Colgo l'occasione per fare i complimenti a chi ha detto, riguardo al TCO, che forse uno contro tutti significa gli unici che hanno ragione :-) Con questa argomentazione si è portato avanti il progetto GNU all'inizio, però non era Gartner ma quel pazzo di Stallman :-) (linux)
        • avvelenato scrive:
          Re: Gartner da sempre difensore dei ladr
          bah il problema è che considerate l'intervento di gartner una difesa al closed source, mentre è evidente che fintantoché la causa non viene chiarita (per la buffonata che è, aggiungo come commento personale), accettare contratti di fornitura linux può essere rischioso (e bisogna valutare l'entità del rischio - imho molto bassa).a me nn sembra un commento di parte. come tra l'altro nn mi sentirei di definire di parte quello dove si affermava per le aziende una spesa complessiva maggiore utilizzando un sistema equipaggiato con linux, in alternativa a windows...tutti gli informatici dovrebbero sapere che entrambi non sono altro che strumenti , entrambi adatti in certi contesti e inadatti in altri. aborrisco gli estremismi.quindi (win) e (linux) ... e anche (apple) (sennò larry mi picchia poi :D ), l'importante è aborrire gli estremisti e i (troll) troll avvelenato contro il talebanismo informatico
        • Anonimo scrive:
          Re: Gartner da sempre difensore dei ladr
          - Scritto da: Anonimo
          Mi sono sempre domandato come un'
          osservatore "neutrale" (nel senso di non
          coinvolto economicamente) potesse difendere
          le posizioni pro close source, e tutto
          quello che gli gira intorno.
          Puoi spiegarmelo tu che credo sia uno di
          questi? Intendo cosa li spinge da un punto
          di vista etico, eo tecnico.
          Hai mai preso in considerazione che tutto ciò che è closed source non è aprioristicamentte negativo, così come tutto ciò che è open source non è aprioristicamente positivo?Se non parti da questi assiomi, forse ti è più facile capire ciò che dice Gartner. Si chiama obiettività (o almeno un tentativo di obiettività).
          • Anonimo scrive:
            Re: Gartner da sempre difensore dei ladr
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            Mi sono sempre domandato come un'

            osservatore "neutrale" (nel senso di non

            coinvolto economicamente) potesse
            difendere

            le posizioni pro close source, e tutto

            quello che gli gira intorno.

            Puoi spiegarmelo tu che credo sia uno di

            questi? Intendo cosa li spinge da un punto

            di vista etico, eo tecnico.



            Hai mai preso in considerazione che tutto
            ciò che è closed source non è
            aprioristicamentte negativo, Forse non mi sono spiegato: e' il concetto in se di closed source che e' indifendibile da un punto di vista etico e tecnico. Fa eccezione chi lo difende per motivi economici, cosa che comprendo ci mancherebbe, ma che non mi aspetto sia la posizione di una persona che tali coinvolgimenti non ha.Non sto certo dicendo che una soluzione tecnica sia meglio di un altra perche' open. Sto dicendo che e' l'approccio in generale ad essere migliore sotto tutti gli aspetti. E che una persona imparziele non vedo come possa non riconoscerlo.holacrack
          • Anonimo scrive:
            Re: Gartner da sempre difensore dei ladr
            - Scritto da: Anonimo
            Forse non mi sono spiegato: e' il concetto
            in se di closed source che e' indifendibile
            da un punto di vista etico e tecnico. Cioe? Allora perche' non te la prendi anche con Intel e AMD che non ti danno i disegni delle loro cpu? Perche' non te la prendi con la Fiat che non ti da' i calcoli sulla Punto? Perche' non te la prendi con l'agricoltore che non ti da' il grano gratis? Perche' non te la prendi con tutta l'economia che fa girare questo mondo?Ormai e' sempre piu' chiaro che per certa gente "no economia"=="stiamocene in un campo a fumare la maria ed a fare l'amore". Ti riporto alla realta': "niente moneta, niente cammello".
            Non sto certo dicendo che una soluzione
            tecnica sia meglio di un altra perche' open.Ti contraddici con quanto dici sopra.
            Sto dicendo che e' l'approccio in generale
            ad essere migliore sotto tutti gli aspetti.Vedi che ti contraddici?
            E che una persona imparziele non vedo come
            possa non riconoscerlo.Tu non riesci a vedere la differenza tra "utente" e "sviluppatore" (sviluppatore hobbista, aggiungo io).
          • Africano scrive:
            Re: Gartner da sempre difensore dei ladr
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            Forse non mi sono spiegato: e' il concetto

            in se di closed source che e'
            indifendibile

            da un punto di vista etico e tecnico.

            Cioe? Allora perche' non te la prendi anche
            con Intel e AMD che non ti danno i disegni
            delle loro cpu? Perche' non te la prendi con
            la Fiat che non ti da' i calcoli sulla
            Punto? Perche' non te la prendi con
            l'agricoltore che non ti da' il grano
            gratis? Perche' non te la prendi con tutta
            l'economia che fa girare questo mondo?
            Ormai e' sempre piu' chiaro che per certa
            gente "no economia"=="stiamocene in un campo
            a fumare la maria ed a fare l'amore". Ti
            riporto alla realta': "niente moneta, niente
            cammello".Forse c'entra la differenza che passa tra bit e atomi? Forse potrebbe esistere un linux processore da scaricare a gratis o da comprare allegato alle riviste a meno di 5 ?? E ancora forse tu da una punto sapresti con un masterizzatore farne una vagonata? Forse conoscendo i disegni di intel dentro un'officina sapresti farne un altro anche solo somigliante? O anche soltanto modificarlo perchè ti serve quella modifica?
          • Africano scrive:
            Re: Gartner da sempre difensore dei ladr
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            Forse non mi sono spiegato: e' il concetto

            in se di closed source che e'
            indifendibile

            da un punto di vista etico e tecnico.

            Cioe? Allora perche' non te la prendi anche
            con Intel e AMD che non ti danno i disegni
            delle loro cpu? Perche' non te la prendi con
            la Fiat che non ti da' i calcoli sulla
            Punto? Perche' non te la prendi con
            l'agricoltore che non ti da' il grano
            gratis? Perche' non te la prendi con tutta
            l'economia che fa girare questo mondo?
            Ormai e' sempre piu' chiaro che per certa
            gente "no economia"=="stiamocene in un campo
            a fumare la maria ed a fare l'amore". Ti
            riporto alla realta': "niente moneta, niente
            cammello".Forse c'entra la differenza che passa tra bit e atomi? Forse potrebbe esistere un linux processore da scaricare a gratis o da comprare allegato alle riviste a meno di 5 ?? E ancora forse tu da una punto sapresti con un masterizzatore farne una vagonata? Forse conoscendo i disegni di intel dentro un'officina sapresti farne un altro anche solo somigliante? O anche soltanto modificarlo perchè ti serve quella modifica?
          • Anonimo scrive:
            Re: Gartner da sempre difensore dei ladr
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            Forse non mi sono spiegato: e' il concetto

            in se di closed source che e'
            indifendibile

            da un punto di vista etico e tecnico.

            Cioe? Allora perche' non te la prendi anche
            con Intel e AMD che non ti danno i disegni
            delle loro cpu?Perquanto l'impatto sia socialmente e tecnicamente diverso, e' un problema anche quello. Certo e' difficile che qualcuno che non sia una grande azienda possa mettere a frutto una tale evenienza Perche' non te la prendi con
            la Fiat che non ti da' i calcoli sulla
            Punto? La punto e' open, la puoi smontare e rimontare come ti pare per vedere come funziona. Perche' non te la prendi con
            l'agricoltore che non ti da' il grano
            gratis?cosa c'entra gratis con l'open source? Al limite posso pretendere che non mi dia del grano OGM. Non credi che sia un tuo diritto sapere cosa ti stanno dando da mangiare?. Hai proprio fatto il paragone sbagliato per difendere la tua posizione Perche' non te la prendi con tutta
            l'economia che fa girare questo mondo?
            Ormai e' sempre piu' chiaro che per certa
            gente "no economia"=="stiamocene in un campo
            a fumare la maria ed a fare l'amore". Ti
            riporto alla realta': "niente moneta, niente
            cammello".Fai discorsi che ben poco hanno a che fare con quello di cui si stava parlando. Da quando in qua un sistema open source e' antieconomico?

            Non sto certo dicendo che una soluzione

            tecnica sia meglio di un altra perche'
            open.

            Ti contraddici con quanto dici sopra.A me il discorso sembra invece chiaro. Un applicazione closed che fa meglio un compito di una open equivalente e' tecnicamente superiore, questo e' mortalmente banale. Ma l'approccio generale dell'open source e' superiore perche' prescinde dalle singole soluzioni tecniche che dipendono dallo sviluppatore. Per lo sviluppatore ad esempio l'opportunita' di studiare le soluzioni adottate da altri prima di lui gli consente di progredire e migliorare.Il closed source cio' te lo impedisce. La scienza progredisce perche' ha un impianto open, al contrario saremo ancora qua a scheggiare bastoncini di legno con i sassi.
            Tu non riesci a vedere la differenza tra
            "utente" e "sviluppatore" (sviluppatore
            hobbista, aggiungo io).Non ho capito. Chi sarebbe l'utente e chi lo sviluppatore (hobbysta)? Il discorso che ho fatto vale per lo sviluppatore, mentre per l'utente i vantaggi sono tali che non mi sto neanche a dilungare.holacrack
          • Anonimo scrive:
            Re: Gartner da sempre difensore dei ladr
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            Forse non mi sono spiegato: e' il concetto

            in se di closed source che e'
            indifendibile

            da un punto di vista etico e tecnico.

            Cioe? Allora perche' non te la prendi anche
            con Intel e AMD che non ti danno i disegni
            delle loro cpu?Perquanto l'impatto sia socialmente e tecnicamente diverso, e' un problema anche quello. Certo e' difficile che qualcuno che non sia una grande azienda possa mettere a frutto una tale evenienza Perche' non te la prendi con
            la Fiat che non ti da' i calcoli sulla
            Punto? La punto e' open, la puoi smontare e rimontare come ti pare per vedere come funziona. Perche' non te la prendi con
            l'agricoltore che non ti da' il grano
            gratis?cosa c'entra gratis con l'open source? Al limite posso pretendere che non mi dia del grano OGM. Non credi che sia un tuo diritto sapere cosa ti stanno dando da mangiare?. Hai proprio fatto il paragone sbagliato per difendere la tua posizione Perche' non te la prendi con tutta
            l'economia che fa girare questo mondo?
            Ormai e' sempre piu' chiaro che per certa
            gente "no economia"=="stiamocene in un campo
            a fumare la maria ed a fare l'amore". Ti
            riporto alla realta': "niente moneta, niente
            cammello".Fai discorsi che ben poco hanno a che fare con quello di cui si stava parlando. Da quando in qua un sistema open source e' antieconomico?

            Non sto certo dicendo che una soluzione

            tecnica sia meglio di un altra perche'
            open.

            Ti contraddici con quanto dici sopra.A me il discorso sembra invece chiaro. Un applicazione closed che fa meglio un compito di una open equivalente e' tecnicamente superiore, questo e' mortalmente banale. Ma l'approccio generale dell'open source e' superiore perche' prescinde dalle singole soluzioni tecniche che dipendono dallo sviluppatore. Per lo sviluppatore ad esempio l'opportunita' di studiare le soluzioni adottate da altri prima di lui gli consente di progredire e migliorare.Il closed source cio' te lo impedisce. La scienza progredisce perche' ha un impianto open, al contrario saremo ancora qua a scheggiare bastoncini di legno con i sassi.
            Tu non riesci a vedere la differenza tra
            "utente" e "sviluppatore" (sviluppatore
            hobbista, aggiungo io).Non ho capito. Chi sarebbe l'utente e chi lo sviluppatore (hobbysta)? Il discorso che ho fatto vale per lo sviluppatore, mentre per l'utente i vantaggi sono tali che non mi sto neanche a dilungare.holacrack
          • Anonimo scrive:
            Re: Gartner da sempre difensore dei ladr
            - Scritto da: Anonimo
            Forse non mi sono spiegato: e' il concetto
            in se di closed source che e' indifendibile
            da un punto di vista etico e tecnico. Cioe? Allora perche' non te la prendi anche con Intel e AMD che non ti danno i disegni delle loro cpu? Perche' non te la prendi con la Fiat che non ti da' i calcoli sulla Punto? Perche' non te la prendi con l'agricoltore che non ti da' il grano gratis? Perche' non te la prendi con tutta l'economia che fa girare questo mondo?Ormai e' sempre piu' chiaro che per certa gente "no economia"=="stiamocene in un campo a fumare la maria ed a fare l'amore". Ti riporto alla realta': "niente moneta, niente cammello".
            Non sto certo dicendo che una soluzione
            tecnica sia meglio di un altra perche' open.Ti contraddici con quanto dici sopra.
            Sto dicendo che e' l'approccio in generale
            ad essere migliore sotto tutti gli aspetti.Vedi che ti contraddici?
            E che una persona imparziele non vedo come
            possa non riconoscerlo.Tu non riesci a vedere la differenza tra "utente" e "sviluppatore" (sviluppatore hobbista, aggiungo io).
          • Anonimo scrive:
            Re: Gartner da sempre difensore dei ladr
            - Scritto da: Anonimo

            Hai mai preso in considerazione che tutto

            ciò che è closed source non è

            aprioristicamentte negativo,

            Forse non mi sono spiegato: e' il concetto
            in se di closed source che e' indifendibile
            da un punto di vista etico e tecnico. Fa
            eccezione chi lo difende per motivi
            economici, cosa che comprendo ci
            mancherebbe, ma che non mi aspetto sia la
            posizione di una persona che tali
            coinvolgimenti non ha.
            Non sto certo dicendo che una soluzione
            tecnica sia meglio di un altra perche' open.
            Sto dicendo che e' l'approccio in generale
            ad essere migliore sotto tutti gli aspetti.
            E che una persona imparziele non vedo come
            possa non riconoscerlo.Mi fai un favore? Ti togli quel paio di occhiali no-global che hai e provi ad essere un po' obiettivo?Quando si parla di "etica" applicata ai sistemi operativi mi viene lo stesso brivido per la schiena di quando leggo i discorsi sulla "purezza della razza" di talune persone.
          • Anonimo scrive:
            Re: Gartner da sempre difensore dei ladr
            - Scritto da: Anonimo
            Mi fai un favore? Ti togli quel paio di
            occhiali no-global che hai e provi ad essere
            un po' obiettivo?Gli occhiali no global a che servono?Io gli occhiali li porto per vederci meglio. E' questo il caso?
            Quando si parla di "etica" applicata ai
            sistemi operativi mi viene lo stesso brivido
            per la schiena di quando leggo i discorsi
            sulla "purezza della razza" di talune
            persone.Il tuo e' un giochino un po sporco, non trovi?Si parla di etica per un concetto che forse si estende oltre l'orticello dell'informatica. Ed infatti l'idea che sottende il modello open source in informatica e' riconducibile alla gran parte degli altri sistemi, da cui il significato etico che io gli ho voluto dare. Se vuoi puoi trovare un altro termine, ma il senso del discorso non cambia.holacrack
          • Anonimo scrive:
            Re: Gartner da sempre difensore dei ladr
            - Scritto da: Anonimo
            Mi fai un favore? Ti togli quel paio di
            occhiali no-global che hai e provi ad essere
            un po' obiettivo?Gli occhiali no global a che servono?Io gli occhiali li porto per vederci meglio. E' questo il caso?
            Quando si parla di "etica" applicata ai
            sistemi operativi mi viene lo stesso brivido
            per la schiena di quando leggo i discorsi
            sulla "purezza della razza" di talune
            persone.Il tuo e' un giochino un po sporco, non trovi?Si parla di etica per un concetto che forse si estende oltre l'orticello dell'informatica. Ed infatti l'idea che sottende il modello open source in informatica e' riconducibile alla gran parte degli altri sistemi, da cui il significato etico che io gli ho voluto dare. Se vuoi puoi trovare un altro termine, ma il senso del discorso non cambia.holacrack
          • Anonimo scrive:
            Re: Gartner da sempre difensore dei ladr
            - Scritto da: Anonimo

            Hai mai preso in considerazione che tutto

            ciò che è closed source non è

            aprioristicamentte negativo,

            Forse non mi sono spiegato: e' il concetto
            in se di closed source che e' indifendibile
            da un punto di vista etico e tecnico. Fa
            eccezione chi lo difende per motivi
            economici, cosa che comprendo ci
            mancherebbe, ma che non mi aspetto sia la
            posizione di una persona che tali
            coinvolgimenti non ha.
            Non sto certo dicendo che una soluzione
            tecnica sia meglio di un altra perche' open.
            Sto dicendo che e' l'approccio in generale
            ad essere migliore sotto tutti gli aspetti.
            E che una persona imparziele non vedo come
            possa non riconoscerlo.Mi fai un favore? Ti togli quel paio di occhiali no-global che hai e provi ad essere un po' obiettivo?Quando si parla di "etica" applicata ai sistemi operativi mi viene lo stesso brivido per la schiena di quando leggo i discorsi sulla "purezza della razza" di talune persone.
          • Anonimo scrive:
            Re: Gartner da sempre difensore dei ladr
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            Mi sono sempre domandato come un'

            osservatore "neutrale" (nel senso di non

            coinvolto economicamente) potesse
            difendere

            le posizioni pro close source, e tutto

            quello che gli gira intorno.

            Puoi spiegarmelo tu che credo sia uno di

            questi? Intendo cosa li spinge da un punto

            di vista etico, eo tecnico.



            Hai mai preso in considerazione che tutto
            ciò che è closed source non è
            aprioristicamentte negativo, Forse non mi sono spiegato: e' il concetto in se di closed source che e' indifendibile da un punto di vista etico e tecnico. Fa eccezione chi lo difende per motivi economici, cosa che comprendo ci mancherebbe, ma che non mi aspetto sia la posizione di una persona che tali coinvolgimenti non ha.Non sto certo dicendo che una soluzione tecnica sia meglio di un altra perche' open. Sto dicendo che e' l'approccio in generale ad essere migliore sotto tutti gli aspetti. E che una persona imparziele non vedo come possa non riconoscerlo.holacrack
        • Anonimo scrive:
          Re: Gartner da sempre difensore dei ladr
          - Scritto da: Anonimo
          Mi sono sempre domandato come un'
          osservatore "neutrale" (nel senso di non
          coinvolto economicamente) potesse difendere
          le posizioni pro close source, e tutto
          quello che gli gira intorno.
          Puoi spiegarmelo tu che credo sia uno di
          questi? Intendo cosa li spinge da un punto
          di vista etico, eo tecnico.
          Hai mai preso in considerazione che tutto ciò che è closed source non è aprioristicamentte negativo, così come tutto ciò che è open source non è aprioristicamente positivo?Se non parti da questi assiomi, forse ti è più facile capire ciò che dice Gartner. Si chiama obiettività (o almeno un tentativo di obiettività).
      • Anonimo scrive:
        Re: Gartner da sempre difensore dei ladr
        - Scritto da: Anonimo
        ... o forse gli unici che hanno ragione...

        .. chi lo sa...

        tra qualche anno vedremo se hanno ragione....Mi sono sempre domandato come un' osservatore "neutrale" (nel senso di non coinvolto economicamente) potesse difendere le posizioni pro close source, e tutto quello che gli gira intorno.Puoi spiegarmelo tu che credo sia uno di questi? Intendo cosa li spinge da un punto di vista etico, eo tecnico.holacrack
    • Anonimo scrive:
      Re: Gartner da sempre difensore dei ladri
      ... o forse gli unici che hanno ragione..... chi lo sa... tra qualche anno vedremo se hanno ragione....
    • Africano scrive:
      Re: Gartner da sempre difensore dei ladri
      - Scritto da: Anonimo
      E anche questa volta non si smentisce. Unici
      analisti al mondo che ritengono il TCO di
      linux superiore a quello di windows in
      azienda. LOL... soli contro il mondo, forse
      ce la faranno... quali gonzi riusciranno a
      convincere?Scusa, allergia agli acronomi o ignoranza, fai tu, ma Che è?
      • Anonimo scrive:
        Re: Gartner da sempre difensore dei ladr
        - Scritto da: Africano
        - Scritto da: Anonimo

        E anche questa volta non si smentisce.
        Unici

        analisti al mondo che ritengono il TCO di

        linux superiore a quello di windows in

        azienda. LOL... soli contro il mondo,
        forse

        ce la faranno... quali gonzi riusciranno a

        convincere?
        Scusa, allergia agli acronomi o ignoranza,
        fai tu, ma
        Che è?TCO=total cost of ownership. Una proiezione del costo di gestione di un sistema nel corso degli anni, a seconda dello scopo per cui il sistema è progettato.E' facile intuire che, dato che il costo di un sistemista valido è alto sia che la macchina sia win, che se la macchina è linux, al TCO una azienda media se usa linux sottrae i costi delle licenze, i downtime dovuti ai riavvi per gli aggiornamenti (una debian box non si riavvia :)), i downtime dovuti a worm e relativi ripristini dei backup (e worm per linux non se ne vedono da anni, bug si, ma worm no).Infatti tutte le analisi di TCO trovate in rete, TRANNE quelle di Gartner, sono favorevoli all'adozione di linux, guarda caso.
        • Anonimo scrive:
          Re: Gartner da sempre difensore dei ladr

          E' facile intuire che, dato che il costo di
          un sistemista valido è alto sia che la
          macchina sia win, che se la macchina è
          linux, al TCO una azienda media se usa linux
          sottrae i costi delle licenze, i downtime
          dovuti ai riavvi per gli aggiornamenti (una
          debian box non si riavvia :)), i downtime
          dovuti a worm e relativi ripristini dei
          backup (e worm per linux non se ne vedono da
          anni, bug si, ma worm no).
          Bene, vedo che non ci vuole un grande analista per calcolare i TCO di tutte le aziende al mondo, come dici tu "è facile intuire".Forse però non intuisci due cose: non sempre si trova su Linux il software che serve (sia lato client che server), ed in secondo luogo tu forse parli di aziende nuove, calcola il TCO per chi deve fare migrazioni, naturalmente è una mia idea di fronte a chi "intuisce facilmente".
          • Anonimo scrive:
            Re: Gartner da sempre difensore dei ladr
            - Scritto da: Anonimo
            Forse però non intuisci due cose: non sempre
            si trova su Linux il software che serve (sia
            lato client che server), ed in secondo luogo
            tu forse parli di aziende nuove, calcola il
            TCO per chi deve fare migrazioni,
            naturalmente è una mia idea di fronte a chi
            "intuisce facilmente".Vero. Ma stranamente ho notato che almeno in alcune analisi di TCO non si considera il fatto che a scadenze regolari gli aficionados di un certo SO closed source sono praticamente costretti ad aggiornare, volenti o meno.
          • Anonimo scrive:
            Re: Gartner da sempre difensore dei ladr
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo


            Forse però non intuisci due cose: non
            sempre

            si trova su Linux il software che serve
            (sia

            lato client che server), ed in secondo
            luogo

            tu forse parli di aziende nuove, calcola
            il

            TCO per chi deve fare migrazioni,

            naturalmente è una mia idea di fronte a
            chi

            "intuisce facilmente".

            Vero. Ma stranamente ho notato che almeno in
            alcune analisi di TCO non si considera il
            fatto che a scadenze regolari gli
            aficionados di un certo SO closed source
            sono praticamente costretti ad aggiornare,
            volenti o meno.ma perche quando il tuo amico torvino ti sputa fuori un nuovo kernel tu lo installi stile imposizione delle mani senza fare test conversioni ecc.....
          • stevie scrive:
            Re: Gartner da sempre difensore dei ladr
            - Scritto da: Anonimo
            ma perche quando il tuo amico torvino ti
            sputa fuori un nuovo kernel tu lo installi
            stile imposizione delle mani senza fare test
            conversioni ecc.....Non sei MAI obbligato a passare al kernel nuovo (tanto meno ad upgradare l'hardware ;-)) ogni volta che ne viene fuori uno. I kernel della serie 2.2 vanno ancora più che bene, e c'è ancora gente che li usa (altrimenti AC non si sforzerebbe di mantenerli ancora).Regards,Stevie
          • stevie scrive:
            Re: Gartner da sempre difensore dei ladr
            - Scritto da: Anonimo
            ma perche quando il tuo amico torvino ti
            sputa fuori un nuovo kernel tu lo installi
            stile imposizione delle mani senza fare test
            conversioni ecc.....Non sei MAI obbligato a passare al kernel nuovo (tanto meno ad upgradare l'hardware ;-)) ogni volta che ne viene fuori uno. I kernel della serie 2.2 vanno ancora più che bene, e c'è ancora gente che li usa (altrimenti AC non si sforzerebbe di mantenerli ancora).Regards,Stevie
          • Anonimo scrive:
            Re: Gartner da sempre difensore dei ladr
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo


            Forse però non intuisci due cose: non
            sempre

            si trova su Linux il software che serve
            (sia

            lato client che server), ed in secondo
            luogo

            tu forse parli di aziende nuove, calcola
            il

            TCO per chi deve fare migrazioni,

            naturalmente è una mia idea di fronte a
            chi

            "intuisce facilmente".

            Vero. Ma stranamente ho notato che almeno in
            alcune analisi di TCO non si considera il
            fatto che a scadenze regolari gli
            aficionados di un certo SO closed source
            sono praticamente costretti ad aggiornare,
            volenti o meno.ma perche quando il tuo amico torvino ti sputa fuori un nuovo kernel tu lo installi stile imposizione delle mani senza fare test conversioni ecc.....
          • Anonimo scrive:
            Re: Gartner da sempre difensore dei ladr
            - Scritto da: Anonimo
            Forse però non intuisci due cose: non sempre
            si trova su Linux il software che serve (sia
            lato client che server), ed in secondo luogo
            tu forse parli di aziende nuove, calcola il
            TCO per chi deve fare migrazioni,
            naturalmente è una mia idea di fronte a chi
            "intuisce facilmente".Vero. Ma stranamente ho notato che almeno in alcune analisi di TCO non si considera il fatto che a scadenze regolari gli aficionados di un certo SO closed source sono praticamente costretti ad aggiornare, volenti o meno.
          • Anonimo scrive:
            Re: Gartner da sempre difensore dei ladr
            - Scritto da: Anonimo


            E' facile intuire che, dato che il costo
            di

            un sistemista valido è alto sia che la

            macchina sia win, che se la macchina è

            linux, al TCO una azienda media se usa
            linux

            sottrae i costi delle licenze, i downtime

            dovuti ai riavvi per gli aggiornamenti
            (una

            debian box non si riavvia :)), i downtime

            dovuti a worm e relativi ripristini dei

            backup (e worm per linux non se ne vedono
            da

            anni, bug si, ma worm no).



            Bene, vedo che non ci vuole un grande
            analista per calcolare i TCO di tutte le
            aziende al mondo, come dici tu "è facile
            intuire".
            Forse però non intuisci due cose: non sempre
            si trova su Linux il software che serve (sia
            lato client che server), ed in secondo luogo
            tu forse parli di aziende nuove, calcola il
            TCO per chi deve fare migrazioni,
            naturalmente è una mia idea di fronte a chi
            "intuisce facilmente".tutto cio' che e' serio gira anche sotto *nix se non SOLO sotto *nixcYa
          • Africano scrive:
            Re: Gartner da sempre difensore dei ladr
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo




            E' facile intuire che, dato che il
            costo

            di


            un sistemista valido è alto sia che la


            macchina sia win, che se la macchina è


            linux, al TCO una azienda media se usa

            linux


            sottrae i costi delle licenze, i
            downtime


            dovuti ai riavvi per gli aggiornamenti

            (una


            debian box non si riavvia :)), i
            downtime


            dovuti a worm e relativi ripristini dei


            backup (e worm per linux non se ne
            vedono

            da


            anni, bug si, ma worm no).






            Bene, vedo che non ci vuole un grande

            analista per calcolare i TCO di tutte le

            aziende al mondo, come dici tu "è facile

            intuire".

            Forse però non intuisci due cose: non
            sempre

            si trova su Linux il software che serve
            (sia

            lato client che server), ed in secondo
            luogo

            tu forse parli di aziende nuove, calcola
            il

            TCO per chi deve fare migrazioni,

            naturalmente è una mia idea di fronte a
            chi

            "intuisce facilmente".

            tutto cio' che e' serio gira anche sotto
            *nix se non SOLO sotto *nix

            cYaè vero pure che l'industria dei videogiochi fattura più di tutta hollywood, e la serietà è data dalle cifre che girano. Ma a parte i giochi, che c'entrano meno che niente, in certi ambiti più seri giocano un ruolo non trascurabile i formati proprietari e le competenze del personale che deve usare le macchine. Alla fine credo che il vantaggio del monopolio, oltre che nella tradizione, risieda nella semplicità d'uso per i più che mai potrebbero digerire kernel e riga di comando.
          • Africano scrive:
            Re: Gartner da sempre difensore dei ladr
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo




            E' facile intuire che, dato che il
            costo

            di


            un sistemista valido è alto sia che la


            macchina sia win, che se la macchina è


            linux, al TCO una azienda media se usa

            linux


            sottrae i costi delle licenze, i
            downtime


            dovuti ai riavvi per gli aggiornamenti

            (una


            debian box non si riavvia :)), i
            downtime


            dovuti a worm e relativi ripristini dei


            backup (e worm per linux non se ne
            vedono

            da


            anni, bug si, ma worm no).






            Bene, vedo che non ci vuole un grande

            analista per calcolare i TCO di tutte le

            aziende al mondo, come dici tu "è facile

            intuire".

            Forse però non intuisci due cose: non
            sempre

            si trova su Linux il software che serve
            (sia

            lato client che server), ed in secondo
            luogo

            tu forse parli di aziende nuove, calcola
            il

            TCO per chi deve fare migrazioni,

            naturalmente è una mia idea di fronte a
            chi

            "intuisce facilmente".

            tutto cio' che e' serio gira anche sotto
            *nix se non SOLO sotto *nix

            cYaè vero pure che l'industria dei videogiochi fattura più di tutta hollywood, e la serietà è data dalle cifre che girano. Ma a parte i giochi, che c'entrano meno che niente, in certi ambiti più seri giocano un ruolo non trascurabile i formati proprietari e le competenze del personale che deve usare le macchine. Alla fine credo che il vantaggio del monopolio, oltre che nella tradizione, risieda nella semplicità d'uso per i più che mai potrebbero digerire kernel e riga di comando.
          • Anonimo scrive:
            Re: Gartner da sempre difensore dei ladr
            - Scritto da: Anonimo


            E' facile intuire che, dato che il costo
            di

            un sistemista valido è alto sia che la

            macchina sia win, che se la macchina è

            linux, al TCO una azienda media se usa
            linux

            sottrae i costi delle licenze, i downtime

            dovuti ai riavvi per gli aggiornamenti
            (una

            debian box non si riavvia :)), i downtime

            dovuti a worm e relativi ripristini dei

            backup (e worm per linux non se ne vedono
            da

            anni, bug si, ma worm no).



            Bene, vedo che non ci vuole un grande
            analista per calcolare i TCO di tutte le
            aziende al mondo, come dici tu "è facile
            intuire".
            Forse però non intuisci due cose: non sempre
            si trova su Linux il software che serve (sia
            lato client che server), ed in secondo luogo
            tu forse parli di aziende nuove, calcola il
            TCO per chi deve fare migrazioni,
            naturalmente è una mia idea di fronte a chi
            "intuisce facilmente".tutto cio' che e' serio gira anche sotto *nix se non SOLO sotto *nixcYa
        • Anonimo scrive:
          Re: Gartner da sempre difensore dei ladr

          E' facile intuire che, dato che il costo di
          un sistemista valido è alto sia che la
          macchina sia win, che se la macchina è
          linux, al TCO una azienda media se usa linux
          sottrae i costi delle licenze, i downtime
          dovuti ai riavvi per gli aggiornamenti (una
          debian box non si riavvia :)), i downtime
          dovuti a worm e relativi ripristini dei
          backup (e worm per linux non se ne vedono da
          anni, bug si, ma worm no).
          Bene, vedo che non ci vuole un grande analista per calcolare i TCO di tutte le aziende al mondo, come dici tu "è facile intuire".Forse però non intuisci due cose: non sempre si trova su Linux il software che serve (sia lato client che server), ed in secondo luogo tu forse parli di aziende nuove, calcola il TCO per chi deve fare migrazioni, naturalmente è una mia idea di fronte a chi "intuisce facilmente".
        • Anonimo scrive:
          Re: Gartner da sempre difensore dei ladr

          Infatti tutte le analisi di TCO trovate in
          rete, TRANNE quelle di Gartner, sono
          favorevoli all'adozione di linux, guarda
          caso.Non è vero: anche quella di IDC dice che Windows ha un TCO più basso.
        • Anonimo scrive:
          Re: Gartner da sempre difensore dei ladr

          Infatti tutte le analisi di TCO trovate in
          rete, TRANNE quelle di Gartner, sono
          favorevoli all'adozione di linux, guarda
          caso.Non è vero: anche quella di IDC dice che Windows ha un TCO più basso.
      • Anonimo scrive:
        Re: Gartner da sempre difensore dei ladr
        - Scritto da: Africano
        - Scritto da: Anonimo

        E anche questa volta non si smentisce.
        Unici

        analisti al mondo che ritengono il TCO di

        linux superiore a quello di windows in

        azienda. LOL... soli contro il mondo,
        forse

        ce la faranno... quali gonzi riusciranno a

        convincere?
        Scusa, allergia agli acronomi o ignoranza,
        fai tu, ma
        Che è?TCO=total cost of ownership. Una proiezione del costo di gestione di un sistema nel corso degli anni, a seconda dello scopo per cui il sistema è progettato.E' facile intuire che, dato che il costo di un sistemista valido è alto sia che la macchina sia win, che se la macchina è linux, al TCO una azienda media se usa linux sottrae i costi delle licenze, i downtime dovuti ai riavvi per gli aggiornamenti (una debian box non si riavvia :)), i downtime dovuti a worm e relativi ripristini dei backup (e worm per linux non se ne vedono da anni, bug si, ma worm no).Infatti tutte le analisi di TCO trovate in rete, TRANNE quelle di Gartner, sono favorevoli all'adozione di linux, guarda caso.
    • Africano scrive:
      Re: Gartner da sempre difensore dei ladri
      - Scritto da: Anonimo
      E anche questa volta non si smentisce. Unici
      analisti al mondo che ritengono il TCO di
      linux superiore a quello di windows in
      azienda. LOL... soli contro il mondo, forse
      ce la faranno... quali gonzi riusciranno a
      convincere?Scusa, allergia agli acronomi o ignoranza, fai tu, ma Che è?
    • Anonimo scrive:
      Re: Gartner da sempre difensore dei ladri
      - Scritto da: Anonimo
      E anche questa volta non si smentisce. Unici
      analisti al mondo che ritengono il TCO di
      linux superiore a quello di windows in
      azienda. LOL... soli contro il mondo, forse
      ce la faranno... quali gonzi riusciranno a
      convincere?Salve Sig. Anonimo, sono il legale del Gartner Group.Vorrei conoscere il suo indirizzo per poterle recapitarela nostra citazione in tribunale per diffamazione a mezzostampa....
      • Anonimo scrive:
        Re: Gartner da sempre difensore dei ladri

        Salve Sig. Anonimo, sono il legale del
        Gartner Group.
        Vorrei conoscere il suo indirizzo per
        poterle recapitare
        la nostra citazione in tribunale per
        diffamazione a mezzo
        stampa....NA... loro denunciano solo se c'è da prendere su una bella fetta di torta da parte di mamma M$...
      • Anonimo scrive:
        Re: Gartner da sempre difensore dei ladri

        Salve Sig. Anonimo, sono il legale del
        Gartner Group.
        Vorrei conoscere il suo indirizzo per
        poterle recapitare
        la nostra citazione in tribunale per
        diffamazione a mezzo
        stampa....NA... loro denunciano solo se c'è da prendere su una bella fetta di torta da parte di mamma M$...
      • Africano scrive:
        Re: Gartner da sempre difensore dei ladri
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        E anche questa volta non si smentisce.
        Unici

        analisti al mondo che ritengono il TCO di

        linux superiore a quello di windows in

        azienda. LOL... soli contro il mondo,
        forse

        ce la faranno... quali gonzi riusciranno a

        convincere?

        Salve Sig. Anonimo, sono il legale del
        Gartner Group.
        Vorrei conoscere il suo indirizzo per
        poterle recapitare
        la nostra citazione in tribunale per
        diffamazione a mezzo
        stampa....

        Colpire uno per educarne 100? Se una società di analisi cita in giudizio pure gli anonimi che le contestano a parte le analisi i legali fanno ridere. E non credo di diffamare, almeno è consentito di ridere di ciò che ci pare, o avete un ufficio pure per citare i sorridenti? :-p e quello per le faccine? Ah ho capito, è della serie buffone fatti processare prendetegli le generalità. Anzi nemmeno, e della serie badate a quello che scrivete che in qualunque momento possiamo venire a scovarvi e lasciarvi in mutande. Allora facci conoscere il tuo indirizzo, quello tuo non del gruppo, così quando qualcuno ti vorrà citare per indebita intimidazione aggravata dallo squilibrio di mezzi tra gli attori in violazione della sacralità della libertà di opinione ed espressione si sappia a chi mandare le carte. Per conto mio non ti preoccupare, questa è la mia carta :-p, anche se io mi preoccuperei più di queste che di qualche comma. Ma non sono un legale, per fortuna.Ciauz
      • Africano scrive:
        Re: Gartner da sempre difensore dei ladri
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        E anche questa volta non si smentisce.
        Unici

        analisti al mondo che ritengono il TCO di

        linux superiore a quello di windows in

        azienda. LOL... soli contro il mondo,
        forse

        ce la faranno... quali gonzi riusciranno a

        convincere?

        Salve Sig. Anonimo, sono il legale del
        Gartner Group.
        Vorrei conoscere il suo indirizzo per
        poterle recapitare
        la nostra citazione in tribunale per
        diffamazione a mezzo
        stampa....

        Colpire uno per educarne 100? Se una società di analisi cita in giudizio pure gli anonimi che le contestano a parte le analisi i legali fanno ridere. E non credo di diffamare, almeno è consentito di ridere di ciò che ci pare, o avete un ufficio pure per citare i sorridenti? :-p e quello per le faccine? Ah ho capito, è della serie buffone fatti processare prendetegli le generalità. Anzi nemmeno, e della serie badate a quello che scrivete che in qualunque momento possiamo venire a scovarvi e lasciarvi in mutande. Allora facci conoscere il tuo indirizzo, quello tuo non del gruppo, così quando qualcuno ti vorrà citare per indebita intimidazione aggravata dallo squilibrio di mezzi tra gli attori in violazione della sacralità della libertà di opinione ed espressione si sappia a chi mandare le carte. Per conto mio non ti preoccupare, questa è la mia carta :-p, anche se io mi preoccuperei più di queste che di qualche comma. Ma non sono un legale, per fortuna.Ciauz
    • Anonimo scrive:
      Re: Gartner da sempre difensore dei ladri
      - Scritto da: Anonimo
      E anche questa volta non si smentisce. Unici
      analisti al mondo che ritengono il TCO di
      linux superiore a quello di windows in
      azienda. LOL... soli contro il mondo, forse
      ce la faranno... quali gonzi riusciranno a
      convincere?Salve Sig. Anonimo, sono il legale del Gartner Group.Vorrei conoscere il suo indirizzo per poterle recapitarela nostra citazione in tribunale per diffamazione a mezzostampa....
    • JosaFat scrive:
      Re: Gartner da sempre difensore dei ladri
      Sinceramente da quando ho iniziato a sfogliare le riviste di informatica tipo "Week.it", "Linea EDP", "Network News" e simili, mi sono sempre trovato a scontrarmi con le teorie di questi fantomatici "analisti".E devo dire che fin dalle prime volte, il Garnergrup mi è parso più interessato al sensazionalismo e alla sparata piuttosto che alla verità. E ultimamente, mi è parso più volte appoggiare Microsoft.L'unica speranza è che la gente smetta di dargli ascolto.
      • Anonimo scrive:
        Re: Gartner da sempre difensore dei ladri
        - Scritto da: JosaFat
        Sinceramente da quando ho iniziato a
        sfogliare le riviste di informatica tipo
        "Week.it", "Linea EDP", "Network News" e
        simili, mi sono sempre trovato a scontrarmi
        con le teorie di questi fantomatici
        "analisti".
        E devo dire che fin dalle prime volte, il
        Garnergrup mi è parso più interessato al
        sensazionalismo e alla sparata piuttosto che
        alla verità. E ultimamente, mi è parso più
        volte appoggiare Microsoft.
        L'unica speranza è che la gente smetta di
        dargli ascolto.Non la pensavate così quando un anno e mezzo fa la stessa Gartner disse di cercare delle alternative a IIS, subito dopo le crisi Nimda e Code Red. Quella volta Gartner era un autorevolissimo analista (http://punto-informatico.it/p.asp?i=37403)Ma fatemi il piacere... La coerenza costa così cara, oggigiorno?
        • Anonimo scrive:
          Re: Gartner da sempre difensore dei ladri
          Ooooopsss... c'è una parentesi di troppo.Il link giusto è:http://punto-informatico.it/p.asp?i=37403- Scritto da: Anonimo
          (http://punto-informatico.it/p.asp?i=37403)

          Ma fatemi il piacere... La coerenza costa
          così cara, oggigiorno?
          • JosaFat scrive:
            Re: Gartner da sempre difensore dei ladri
            Ma che c'entra quello che dice un articolo di PI con quanto detto da me? Se credi che mi contraddisca, mostrami un post dove ho applaudito a Gartner per quello che ha detto.
          • JosaFat scrive:
            Re: Gartner da sempre difensore dei ladri
            Ma che c'entra quello che dice un articolo di PI con quanto detto da me? Se credi che mi contraddisca, mostrami un post dove ho applaudito a Gartner per quello che ha detto.
        • Anonimo scrive:
          Re: Gartner da sempre difensore dei ladri
          Ooooopsss... c'è una parentesi di troppo.Il link giusto è:http://punto-informatico.it/p.asp?i=37403- Scritto da: Anonimo
          (http://punto-informatico.it/p.asp?i=37403)

          Ma fatemi il piacere... La coerenza costa
          così cara, oggigiorno?
      • Anonimo scrive:
        Re: Gartner da sempre difensore dei ladri
        - Scritto da: JosaFat
        Sinceramente da quando ho iniziato a
        sfogliare le riviste di informatica tipo
        "Week.it", "Linea EDP", "Network News" e
        simili, mi sono sempre trovato a scontrarmi
        con le teorie di questi fantomatici
        "analisti".
        E devo dire che fin dalle prime volte, il
        Garnergrup mi è parso più interessato al
        sensazionalismo e alla sparata piuttosto che
        alla verità. E ultimamente, mi è parso più
        volte appoggiare Microsoft.
        L'unica speranza è che la gente smetta di
        dargli ascolto.Non la pensavate così quando un anno e mezzo fa la stessa Gartner disse di cercare delle alternative a IIS, subito dopo le crisi Nimda e Code Red. Quella volta Gartner era un autorevolissimo analista (http://punto-informatico.it/p.asp?i=37403)Ma fatemi il piacere... La coerenza costa così cara, oggigiorno?
    • JosaFat scrive:
      Re: Gartner da sempre difensore dei ladri
      Sinceramente da quando ho iniziato a sfogliare le riviste di informatica tipo "Week.it", "Linea EDP", "Network News" e simili, mi sono sempre trovato a scontrarmi con le teorie di questi fantomatici "analisti".E devo dire che fin dalle prime volte, il Garnergrup mi è parso più interessato al sensazionalismo e alla sparata piuttosto che alla verità. E ultimamente, mi è parso più volte appoggiare Microsoft.L'unica speranza è che la gente smetta di dargli ascolto.
    • Anonimo scrive:
      Re: Gartner da sempre difensore dei ladri
      Quando diceva che Linux era buona cosa tutti ad osannare il Gartner Group... adesso invece... che tristezza.- Scritto da: Anonimo
      E anche questa volta non si smentisce. Unici
      analisti al mondo che ritengono il TCO di
      linux superiore a quello di windows in
      azienda. LOL... soli contro il mondo, forse
      ce la faranno... quali gonzi riusciranno a
      convincere?
    • Anonimo scrive:
      Re: Gartner da sempre difensore dei ladri
      Quando diceva che Linux era buona cosa tutti ad osannare il Gartner Group... adesso invece... che tristezza.- Scritto da: Anonimo
      E anche questa volta non si smentisce. Unici
      analisti al mondo che ritengono il TCO di
      linux superiore a quello di windows in
      azienda. LOL... soli contro il mondo, forse
      ce la faranno... quali gonzi riusciranno a
      convincere?
    • Anonimo scrive:
      Re: Gartner da sempre difensore dei ladri
      - Scritto da: Anonimo
      E anche questa volta non si smentisce. Unici
      analisti al mondo che ritengono il TCO di
      linux superiore a quello di windows in
      azienda. LOL... soli contro il mondo, forse
      ce la faranno... quali gonzi riusciranno a
      convincere?Ma quelli di Gartner sono gli stessi di questa notizia:http://punto-informatico.it/p.asp?i=43057?Allora hai proprio ragione: non capiscono nulla.
      • Anonimo scrive:
        Re: Gartner da sempre difensore dei ladri
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        E anche questa volta non si smentisce.
        Unici

        analisti al mondo che ritengono il TCO di

        linux superiore a quello di windows in

        azienda. LOL... soli contro il mondo,
        forse

        ce la faranno... quali gonzi riusciranno a

        convincere?

        Ma quelli di Gartner sono gli stessi di
        questa notizia:

        http://punto-informatico.it/p.asp?i=43057

        ?

        Allora hai proprio ragione: non capiscono
        nulla.No. Credo che Gartner sia la stessa di questo articolo:http://punto-informatico.it/p.asp?i=37521Caspita! Proprio dei filo-microsoft questi qui di Gartner. Come si fa a credergli? :P
      • Anonimo scrive:
        Re: Gartner da sempre difensore dei ladri
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        E anche questa volta non si smentisce.
        Unici

        analisti al mondo che ritengono il TCO di

        linux superiore a quello di windows in

        azienda. LOL... soli contro il mondo,
        forse

        ce la faranno... quali gonzi riusciranno a

        convincere?

        Ma quelli di Gartner sono gli stessi di
        questa notizia:

        http://punto-informatico.it/p.asp?i=43057

        ?

        Allora hai proprio ragione: non capiscono
        nulla.No. Credo che Gartner sia la stessa di questo articolo:http://punto-informatico.it/p.asp?i=37521Caspita! Proprio dei filo-microsoft questi qui di Gartner. Come si fa a credergli? :P
    • Anonimo scrive:
      Re: Gartner da sempre difensore dei ladri
      - Scritto da: Anonimo
      E anche questa volta non si smentisce. Unici
      analisti al mondo che ritengono il TCO di
      linux superiore a quello di windows in
      azienda. LOL... soli contro il mondo, forse
      ce la faranno... quali gonzi riusciranno a
      convincere?Ma quelli di Gartner sono gli stessi di questa notizia:http://punto-informatico.it/p.asp?i=43057?Allora hai proprio ragione: non capiscono nulla.
Chiudi i commenti