L'India inciampa sulla censura web

Il Governo indiano protagonista di un grave episodio repressivo che, per ragioni tecniche, si estende fino ad impedire agli utenti di quel paese di accedere a tutti i gruppi di discussione di Yahoo!


New Delhi (India) – Suscita non poco scalpore la decisione delle autorità dell’India democratica di perseguire con molta insistenza, fino ad arrivare ad una censura generalizzata, un gruppo di discussione ospitato dai server americani di Yahoo!

Eppure questo è quanto accaduto, visto che nelle ultime settimane le autorità del paese hanno imposto ai provider locali di impedire l’accesso dei propri utenti alle pagine web del gruppo di discussione “Kynhun”, accusato di diffondere le idee sovversive e antigovernative del Consiglio di liberazione internazionale “Hynniewtrep”.

I provider hanno eseguito quanto richiesto ma, per ragioni tecniche, non sono riusciti ad evitare che anche tutti gli altri gruppi di discussione di Yahoo! risultassero irraggiungibili, mentre il resto del sito del portalone americano rimane invece accessibile.

Da parte sua la divisione americana di Yahoo! ha spiegato che nessuna richiesta di censura è giunta negli Stati Uniti dalle autorità indiane e che, anche se giungesse, quel gruppo non viola le leggi statunitensi e dunque non potrebbe in ogni caso essere rimosso. Diverso sarebbe il caso, hanno spiegato i portavoce del portale made in USA, se il divieto riguardasse quanto pubblicato da Yahoo! India. Yahoo! ha già chiesto alle autorità indiane di rimuovere il blocco.

A quanto pare, ora i provider indiani stanno cercando un modo per filtrare esclusivamente solo quel gruppo….

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Evviva!!!
    ... Allora DIO esiste!!!
  • Anonimo scrive:
    Almeno una giusta...
    ...anche gli americani l'hanno fatta.Che qualcosa stia cambiando anche lì?ciaoRenton78
  • Crazy scrive:
    Meno Male
    Ciao a Tutti,In questo caso, almeno in parte, la Nostra Privacy si e` salvata, anche se, parlando di Pentagono, sono convinto che in qualche modo, il progetto andra` avanti, ma in modo ben piu` limitato.Io resto dell'idea che Computer & Telefoni devono rimanere Privati al 100% in quanto, per me, sapere che il mio Computer puo` essere visto ed esplorato da terzi la ritengo una cosa pari alla violazione di domicilio!DISTINTI SALUTI
    • Anonimo scrive:
      Re: Meno Male
      anche se, parlando di
      Pentagono, sono convinto che in qualche
      modo, il progetto andra` avanti, ma in modo
      ben piu` limitato.oppure in maniera più vasta ma segreta e con più fondi (neri ovviamente)
    • Anonimo scrive:
      Re: Meno Male
      Scritto da: Crazy
      Ciao a Tutti,
      In questo caso, almeno in parte, la Nostra
      Privacy si e` salvata, anche se, parlando di
      Pentagono, sono convinto che in qualche
      modo, il progetto andra` avanti, ma in modo
      ben piu` limitato.
      Io resto dell'idea che Computer & Telefoni
      devono rimanere Privati al 100% in quanto,
      per me, sapere che il mio Computer puo`
      essere visto ed esplorato da terzi la
      ritengo una cosa pari alla violazione di
      domicilio!Ma Perché usi In Questo modo Sconsiderato le Maiuscole?DISTINTI SALUTI
      • Crazy scrive:
        Re: Meno Male
        so, e` strano, ma e` una mia mania metrtere le Maiuscole a tutti i Nomi, propri e non, io le Maiuscole ce le metto, ormai e` nel mio stile sia nelle E-MAIL che nei Post sui Forum e spesso anche sugli SMS, anche se negli SMS tendo a saltarle per motivi di tempo, ma con la Tastiera di un Computer non mi comporta nulla
  • Anonimo scrive:
    La differenza non e' poca!
    Per fortuna c'e' ancora qualche americano che non si e' rincoglionito e ogni tanto si rilegge la sua costituzione!Tutti nel forum dicono che tanto lo fanno comunque (di nascosto) invece che in modo ufficiale.E' vero, ma qui sta il punto, la differenza non e' poca! e' quella che passa tra una attivita' illegale e una legale!Fino a che l'attivita' e' illegale avranno comunque dei grossi limiti e la incapacita' di usare questi dati in tribunale! (oltre a essere loro stessi esposti legalmente).Non e' vero che e' la stessa cosa! (per fortuna) ;-)
  • Anonimo scrive:
    Non credo proprio...
    ..che il veto del Congresso impedira' a Bush e ai suoi "complici" di non attivare questo programma...Probabilmente il voto "ufficiale" da parte del Congresso serviva solo x avere una facciata di legalita'.... se il voto non passa...pazienza..andranno avanti in segreto come hanno sempre fatto. :(Gelz.
  • Anonimo scrive:
    chi ci dice
    che a livello di intelligence (CIA e altri) non lo si possa fare, non lo si faccia, non lo si stia già facendo.Ovvio che simili cose non possono venire allo scoperto.Non penso siano farneticazioni, basti guardare Echelon, che esiste da anni e nessuno pare abbia fatto nulla.Non dimentichiamoci che gli Stati Uniti sono il paese tecnologicamente più avanzato e di gran lunga più ricco, che ha la leadership nella maggior parte delle tecnologie, che ha inventato la maggior parte delle tecnologie (Internet e protocolli che la fanno funzionare compresi) e che molti dei server più importanti del mondo sono negli USA.I motivi d'altronde sarebbero molti:dall'ufficiale e sempre buona "scusa del terrorismo" (che è un grande problema ma ultimamente viene brandito a giustificazione di qualsiasi cosa), a meno giustificabili informazioni commerciali per favorire le aziende USA, ad altro.D'altra parte è un fatto storico che gli Stati Uniti sono si pronti a difendere contro paesi senz'altro pericolosi, ma è vero che hanno l'abitudine di mettere il naso dappertutto.Basterebbero accordi tra aziende per incrociare i propri database e potrebbero conoscere molto di moltissime persone (pensate a un accordo Amazon, Visa, Microsoft, Aol).La privacy oggi è un sogno.Il grande fratello anche se non è, POTREBBE essere tra di noi.Ci vorrebbe qualcuno che vigilasse.Ma sarebbe meglio che tutti noi, anche io, cominciassimo a d usare la crittografia per i dati importanti.La nuova libertà per questo millennio da conquistare sarà quella per la privacy, il diritto di avere segreti, oltre che la libertà dell'informazione (riservata) per tutti.st
  • Anonimo scrive:
    e quando ci saranno i soldi?
    sarà forse riproposto ?allora non è un problema di terrorismo ma solo di spionaggio globale
  • Cavallo GolOso scrive:
    Sarà da tenere d'occhio; aspettiamo.
    Voglio proprio vedere quanto dura.Dicono spesso ad alta voce quante belle cose fanno e tacciono quando un mese dopo le distruggono.Mi compiaccio, mi rallegro e mi complimento con loro, se sarà tutto vero.Ma lasciatemi essere un po' dubbioso.Dove è che si può tenere d'occhio la legge, l'approvazione ed eventuali smentite?
  • Anonimo scrive:
    riposi in pace
    che riposi in pace e non ci capiti più fra i OO.:D :D :D
Chiudi i commenti