L'India licenzia il MIT

La collaborazione con il prestigioso Institute è stata chiusa perché tutti i denari andavano in royalty e seminari. Accuse dal ministro della tecnologia indiano


Nuova Delhi (India) – Se non ci fossero fondamentali relazioni commerciali tra Stati Uniti e India proprio in materia tecnologica ci sarebbero tutti gli ingredienti per un incidente diplomatico nella vicenda che ha portato al “licenziamento” da parte delle autorità indiane del Massachussets Institute of Technology americano.

La vicenda l’ha ricostruita il neoministro dell’Information Technology indiano, Arun Shourie, che ha contestato pubblicamente l’affermazione del MIT secondo cui la collaborazione attivata con il governo indiano sarebbe stata troncata da quest’ultimo per una diversa visione dei metodi di lavoro.

Shourie ha invece sostenuto che la realizzazione congiunta di un istituto di ricerca in India, Media Lab Asia, è parzialmente fallita perché fino a questo momento quasi tutti i fondi sarebbero andati nel pagare gli esperti intervenuti ai molti seminari o le royalty sulle tecnologie.

L’idea originale del Media Lab Asia era quella di dare un centro di eccellenza alla ricerca tecnologica indiana che fosse anche emblema della collaborazione scientifica da tempo avviata tra USA e India. Un’operazione che si doveva rinnovare ad aprile con investimenti per altri due anni e che ora, ha spiegato Shourie, le autorità indiane non hanno alcuna intenzione di continuare a portare avanti insieme agli americani.

Shourie ha anche girato il coltello nella piaga sostenendo che “dal MIT è arrivato ben poco valore aggiunto anche perché il livello di interazione con i direttori di progetto indiani è stato minimo”. Addirittura vi sarebbero scienziati che hanno ricevuto solo un paio di email nel corso di un anno. Il ministro ha comunque assicurato che i progetti del MIT indiano, tra cui quello per portare accesso ad internet in 400 villaggi dell’India meridionale, proseguiranno anche senza gli americani.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti