L'Indonesia dice no al software pirata

Il Governo annuncia che spariranno dai computer delle istituzioni i programmi usati illecitamente, in omaggio ad una legge anti-pirateria approvata nei mesi scorsi. Nel paese 9 software su 10 sono illegali


Jakarta (Indonesia) – Il governo indonesiano non intende violare le leggi che ha voluto e ha introdotto alcuni mesi fa e per questo ha dichiarato pubblicamente di voler porre rimedio ad una situazione di sostanziale illegalità nell’uso del software sui computer delle istituzioni e della pubblica amministrazione.

Stando a quanto riportato da Agence France-Press , il ministro all’Informazione JB Kristiadi ha annunciato che verrà fatto un inventario dei software utilizzati sui sistemi governativi affinché sia possibile pagare le dovute licenze ai rivenditori commerciali legalmente autorizzati.

“Sarebbe un’ironia – ha dichiarato Kristiadi ai reporter – se violassimo la legge che abbiamo scritto noi stessi”. Kristiadi ha spiegato che il Governo sta lavorando anche sull’ipotesi di un passaggio a Linux ma ha sottolineato che in ogni caso i costi che si dovranno affrontare “saranno elevati”.

Le cifre diffuse dalla divisione locale di Business Software Alliance , l’associazione che raccoglie i maggiori produttori di software proprietario, evidenziano come il 90 per cento dei programmi utilizzati nel paese è illegale. Stime confermate dallo stesso Kristiadi, secondo cui è necessario continuare a rafforzare le misure repressive contro la pirateria, così come previsto dalle normative approvate lo scorso settembre.

Secondo i reporter tuttavia, dopo alcune settimane di grandi operazioni delle forze dell’ordine, sulle bancarelle e nei negozi indonesiani il software pirata venduto a basso prezzo è tornato a farla da padrone.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Re: solo per esigenze particolari
    Maurizio wrote:
    [...] parlare con l'auricolare non mi pare che mi abbia mai
    distolto l'attenzione dalla guida più che parlare con altre
    persone in macchina... Anzi, lì c'è il vantaggio di aver la
    certezza di parlare con una persona sola, in macchina
    possono anche esser 4 ;)Sono contesti totalmente differenti e non puoi metterli sullo stesso piano.In auto tutti hanno sempre ben presente (consci o meno poco importa) ke la loro vita dipende dal guidatore, quindi anke i dialoghi sono improntati in un determinato modo (periodi corti ed argomenti ke non creino forti reazioni almeno nel guidatore). Inoltre questa consapevolezza continua tende anke a far riportare i dialoghi alla forma migliore in caso d' errore.Dal punto di vista del guidatore, poi, egli e' consapevole ke se anke mettesse in secondo piano la discussione nessuno gli direbbe nulla perke' sanno tutti in ke situazione si trovano e quindi quale debba essere la priorita' di ki guida.Nelle comunicazioni remote, invece, l' interlocutore non ha costantemente presente in quale situazione si trovi il guidatore, pertanto e' portato ad intrattenere una conversazione "normale", senza porsi alcun limite.Dall' altra parte abbiamo un guidatore ke si e' infilato volontariamente in una situazione riskiosa e ke pertanto non e' totalmente conscio dei riki ke sta correndo (parafrasando, si puo' dire ke "abbiamo a ke fare con un incoscente").Cio' significa ke ki guida preferice non mettere in secondo piano la discussione perke', a differenza di prima, l' interlocutore non lo giustifikerebbe immediatamente.___Maurizio also wrote:
    Già, ma se ti chiamano che sei appena partito da casa [...]1- Il cellulare in auto si tiene spento e non lo si accende.2- Se uno lo dimentica acceso e poi viene kiamato basta ke lo spenga: e sicuramente meglio ke non rispondere e poi parlare.3- Se uno lo dimentica acceso, viene kiamato ed ha il cellure immerso nel buco nero di qualke cassetto/borsetta, non c' ho voglia di scrivere cosa dovrebbe fare perke' tanto questo problema l' avvrebbe pure se volesse rispondere.
  • Anonimo scrive:
    Re: solo per esigenze particolari
    Anonimo wrote:
    con l'auricolare e la composizione vocale non hai bisogno di
    guardare altro che la strada...Ke risposta scicca.Se stai parlando non rielabori cio' ke vedi in modo efficace, il ke e' molto peggio ke non tenere il cellulino fra spalla e guancia.
  • MaurizioB scrive:
    Re: solo per esigenze particolari
    - Scritto da: Anonimo
    Invece di parlare al cellulare, ti do un
    consiglio....quando sei in auto: GUIDA!!!
    Non fare come gli imbecilli che poi
    tamponano perchè stavano parlando con
    l'amichetto della partita del Milan!Al di là dei motivi delle discussioni, parlare con l'auricolare non mi pare che mi abbia mai distolto l'attenzione dalla guida più che parlare con altre persone in macchina... Anzi, lì c'è il vantaggio di aver la certezza di parlare con una persona sola, in macchina possono anche esser 4 ;)
    Fatemi/fatevi un favore: tenete gli occhi
    sulla strada e andate piano. Telefonerete
    quando arriverete a casa, alla fine e'
    quello che conta no? Già, ma se ti chiamano che sei appena partito da casa, che fai, torni indietro? :-PE non dirmi di accostarmi, che odio ancora di più quelli che accostano per telefonare (nel 90% dei casi rallentando il traffico in maniera nauseabonda prima di affiancarsi, per poi mettersi nella maniera più fastidiosa possibile)...Saluti
  • avvelenato scrive:
    Re: solo per esigenze particolari
    - Scritto da: Anonimo

    qualche anno fa andava di moda il
    cellulare

    con la "composizione vocale", adesso,

    sebbene molti cellulari dispongano di
    questa

    funzione, non è più

    propagandata con tanta enfasi.
    Sarà

    perché chi ne usufruisce
    è una

    ristretta nicchia d'utenza?

    In auto con l'auricolare è
    comodissima la composizione vocale...condivido, ma la ritengo sempre un esigenza di nicchia (seppure una nicchia abbastanza estesa)... vorresti dirmi che navigheresti in internet mentre guidi? io spero vivamente di no! :D
  • Anonimo scrive:
    Re: solo per esigenze particolari
    - Scritto da: Anonimo
    Invece di parlare al cellulare, ti do un
    consiglio....quando sei in auto: GUIDA!!!
    Non fare come gli imbecilli che poi
    tamponano perchè stavano parlando con
    l'amichetto della partita del Milan!

    Fatemi/fatevi un favore: tenete gli occhi
    sulla strada e andate piano. Telefonerete
    quando arriverete a casa, alla fine e'
    quello che conta no?

    Cordialmente ;)Appunto... con l'auricolare e la composizione vocale non hai bisogno di guardare altro che la strada...
  • Anonimo scrive:
    Re: solo per esigenze particolari
    Invece di parlare al cellulare, ti do un consiglio....quando sei in auto: GUIDA!!!Non fare come gli imbecilli che poi tamponano perchè stavano parlando con l'amichetto della partita del Milan!Fatemi/fatevi un favore: tenete gli occhi sulla strada e andate piano. Telefonerete quando arriverete a casa, alla fine e' quello che conta no? Cordialmente ;)
  • avvelenato scrive:
    solo per esigenze particolari
    capisco che ai disabili o a chi usa le mani per altro (e qua si potrebbe approfondire :$ )possa essere utile questa funzionalità, ma per un comune mortale non è cento volte più comodo il sistema tradizionale, che oltretutto mi pare che su opera sia avvantaggiato dalla presenza di tabbed browsing e mouse gestures?qualche anno fa andava di moda il cellulare con la "composizione vocale", adesso, sebbene molti cellulari dispongano di questa funzione, non è più propagandata con tanta enfasi. Sarà perché chi ne usufruisce è una ristretta nicchia d'utenza?
    • Anonimo scrive:
      Re: solo per esigenze particolari

      qualche anno fa andava di moda il cellulare
      con la "composizione vocale", adesso,
      sebbene molti cellulari dispongano di questa
      funzione, non è più
      propagandata con tanta enfasi. Sarà
      perché chi ne usufruisce è una
      ristretta nicchia d'utenza?In auto con l'auricolare è comodissima la composizione vocale...
Chiudi i commenti