LindowsOS alla conquista delle scuole

Lindows cerca di farsi strada fra i banchi di scuola introducendo una nuova licenza dedicata al mercato education che prevede un prezzo fisso per l'installazione di LindowsOS su di un numero illimitato di computer


San Diego (USA) – Cinquecento dollari l’anno e le istituzioni educative, come scuole e università, potranno togliersi la voglia di Linux. È questa l’offertona appena lanciata dall’ormai celebre start-up californiana Lindows.com nel tentativo di espandere la portata del proprio sistema operativo basato su Linux, LindowsOS, verso l’ampio mercato educational.

L’ offerta , definita dall’azienda di San Diego “la prima nel suo genere”, prevede la possibilità, per qualsiasi istituto scolastico e accademico, di pagare 500$ l’anno e installare LindowsOS su di un numero illimitato di computer.

Come noto, esistono decine di distribuzioni Linux completamente gratuite, tuttavia Lindows fa parte di quella famiglia di “pinguini addomesticati” che si propongono di facilitare al massimo l’installazione, la configurazione e l’uso del sistema, ponendo particolare attenzione alla selezione degli applicativi, all’integrazione dei vari strumenti e al look and feel dell’interfaccia utente; senza poi contare il supporto tecnico, compreso nella licenza d’acquisto del prodotto.

“C’è una grande domanda da parte delle scuole per una soluzione Linux economica e facile da usare”, ha affermato Michael Robertson, CEO di Lindows.com. “Molte scuole ricevono computer in donazione ma non possono permettersi di equipaggiarli con sistemi operativi e software moderni”.

Che possiedano 10 o 1.000 computer la tariffa flat di Lindows.com permetterà alle scuole di pagare, per l’acquisto della licenza del sistema operativo, una somma fissa comprensiva dell’abbonamento alla Click-N-Run Warehouse, un servizio attraverso cui gli utenti registrati di LindowsOS possono scaricare ed installare tutti quei pacchetti, come OpenOffice, che non sono compresi nella distribuzione standard.

Con questa mossa Lindows.com tenta di guadagnare spazi in un mercato, quello education, che secondo IDC crescerà al ritmo di 9,5 miliardi di dollari l’anno entro il 2005. Fra i maggiori sfidanti, in questo segmento, vi sono Apple e Microsoft, l’ultima delle quali ha recentemente varato molte agevolazioni per l’acquisto dei suoi software da parte di studenti, docenti e istituti.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti