L'informatica arretra in Italia

Stanca lancia l'allarme ma già si sapeva
Stanca lancia l'allarme ma già si sapeva


Roma – Presentato al Senato dal ministro dell’Innovazione Lucio Stanca, il rapporto “Innovazione e tecnologie digitali in Italia” fotografa la carente situazione italiana sulla materia informatica.

Due italiani su tre sarebbero pressoché completamente digiuni di informatica, un dato che non solo pone l’Italia come fanalino di coda in Europa in quanto ad alfabetizzazione informatica ma che rende anche difficile pensare ad uno sviluppo economico pari a quello degli altri paesi industrializzati.

Il dato più sconcertante arriva dal mercato: nel 2002 si è registrata una contrazione dello 0,5 per cento, contro la crescita del 2000 e del 2001, rispettivamente del 12,8 e dell’8,3 per cento.

In particolare nel 2002 sono crollate le vendite di hardware che hanno segnato un saldo negativo del 13,5 per cento rispetto all’anno precedente, sono cresciute invece anche se di poco le vendite di software e di servizi del 3,3 per cento.

In termini di spesa, gli italiani hanno speso il 2,2 per cento in meno nel 2002 di quanto non avessero fatto nel 2001.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

09 10 2003
Link copiato negli appunti