Linux/ Da Helix una Gnome all'ennesima potenza

Dopo Eazel, un altro gruppo di sviluppatori open source promette di rivoluzionare Gnome e renderlo un ambiente grafico ancora più bello, potente e funzionale


“Helix Code è una compagnia software open-source votata a migliorare GNOME, il principale desktop environment per GNU/Linux. Vogliamo rendere GNOME il miglior desktop del pianeta e renderlo disponibile per tutti.
Noi crediamo che il software debba essere più umano.
Noi crediamo che l’uso del computer debba essere come vuoi tu, non come il computer decide.
Noi crediamo che GNOME può rendere il desktop libero.
Helix Code è qui per rendere tutto questo possibile.
Solo il 4% della popolazione mondiale ha scelto un desktop environment. Questo lascia un sacco di spazio per GNOME.”

Così si presenta il gruppo di lavoro Helix Code [http://www.helixcode.com], che dichiara di aver rilasciato in marzo la loro distribuzione di Helix Gnome, basata, appunto, sul ben noto ambiente grafico per Linux. Il CD di anteprima comprende circa 80 pacchetti, incluso un programma di aggiornamento on-line che vuole rendere il tutto “facile come fare un doppio click”. In più, ci sono dei codici per sviluppatori per la loro prossima uscita, la Evolution Groupware Suite, di cui vedremo più avanti.
Prossimamente verrà aperto anche un negozio online per ordinare CD e manuali.

“Caspita! Certo che qui gli sviluppatori e pacchetti Linux spuntano come funghi!!!” ha affermato un mio amico quando abbiamo dato un’occhiata alla quantità di distribuzioni attualmente esistenti di Linux, già, ma sembra che “quelli” di Helix abbiano le idee molto chiare e siano alquanto determinati a sviluppare un software alla portata di tutti, finalmente facile da usare o, come si dice spesso nella comunità Mac, “user-friendly”.

Helix ha sede a Cambridge, nel Massachussetts, composto da un gruppo di persone che lavora a tempo pieno nello sviluppo, assestamento e test dei loro prodotti, ma che si appoggia, nella migliore tradizione Linux, a vari sviluppatori sparsi in tutto il pianeta. Ma non solo questo, infatti la società di Cambridge è in team con Eazel (di cui abbiamo già parlato su Plug-In) e lavora con la “sorella” scambiandosi vicendevolmente tecnici, esperienze, bug-fix, correzioni varie, migliorie. C’è anche un programma di partnership per chi volesse partecipare al progetto.

I due traguardi principali della società sono il pacchetto Evolution e Gnumeric.
Evolution è (anzi, sarà, data la versione anteprima e non definitiva) un pacchetto “groupware” dove gestire la corrispondenza, un calendario e una rubrica degli indirizzi/telefonica. A loro detta il pacchetto sarà migliore degli altri per l’utilizzo delle tecnologie più moderne ed una politica di programmazione/utilizzo basata sulla interoperabilità delle applicazioni esistenti così da garantire la massima funzionalità quando scarichiamo le nostre e-mails.

Tanto per fare qualche esempio, se ci arriva una mail con un attachment che include un foglio elettronico, potrà essere avviato in automatico il processore di fogli elettronici così da essere subito operativo, così come per le immagini contenute nel foglio elettronico e/o la mail.

Gnumeric è il loro processore di fogli elettronici Excel compatibile e “fully-features”, ovvero… non sentirete la mancanza di Excel! Di questo, come di altre applicazioni contenute nella distribuzione, potrete averne uno scorcio nella pagina dedicata agli screenshot, proprio nel loro sito Web.


“La tecnologia è utile solo quando le persone sanno come applicarla. Questo risulta vero specialmente nel software open-source, dove la sola vera barriera è la complessità del linguaggio. Qui ad Helix Code stiamo lavorando per far diventare i nostri prodotti accessibili a tutti nel miglior modo possibile, sia esso programmatore che utente.”

Così si apre la sezione dedicata alla tecnologia usata su Helix Gnome e, leggendo i 7 punti di descrizione della tecnologia inclusa, ad un primo impatto ci sembra che sia molto povera in sè, ma se consideriamo che il progetto è allo stato embrionale e che la tecnologia insita nel motore è quella di GNOME e di pacchetti inclusi ne abbiamo circa una ottantina, tutto sommato la povertà del prodotto non è poi così reale!

Alcune applicazioni che andremo ad elencare sono già incluse in molte applicazioni GNOME, mentre le restanti sono state sviluppate esclusivamente per Gnumeric e Evolution.

Bonobo
Bonobo è un componente della struttura di GNOME. Gnumeric e Evolution ne fanno largo uso, anche per la sua possibilità di poter essere riutilizzato in un secondo tempo, o comunque nel futuro, per fissare e risolvere nuovi problemi o bugs.

Glade
Glade è un’applicazione conosciuta dagli sviluppatori (a maggior ragione!) poichè viene utilizzato per progettare, sviluppare e creare delle applicazioni di interfacciamento con l’utente, basandosi su Gtk+/GNOME.

GNOME VFS
GNOME VFS è una libreria di filesystem virtuale (Virtual FileSystem) che permette l’I/O asincrono dei files ed un supporto trasparente per l’accesso remoto ai files.

Camel
Camel è una libreria di messaggistica generica che viene utilizzata come back end per la componente di posta elettronica in Evolution.

Calendaring Framework
L’Evolution Calendar è strutturato come un’applicazione grafica ad utilizzo calendaristico, ma anche come applicazione ad interfaccia non grafica allo scopo di essere utilizzato come server.

Ibex
Ibex è una libreria di indicizzazione. Camel si serve di Ibex per indicizzare la posta elettronica locale per poterne poi svolgere una ricerca più veloce.

E-Table
E-Table è un potente componente di Gtk+ Table che permette di raggruppare e ordinare gli elementi delle tabelle di un database con poche, semplice operazioni del mouse. Verrà utilizzato da tutte le componenti di Evolution per gestire e visualizzare tutte le cartelle nel client di posta elettronica, nella lista dei contatti nella rubrica e gli appuntamenti nel calendario.

Gnome Basic
Gnome Basic è un progetto per realizzare un perfetto clone di Visual Basic per essere utilizzato in Gnumeric e altre applicazioni di office su GNOME.


Stiamo assistendo alla disfatta del più grande impero di tutti i tempi nel panorama software, una disfatta che se portata a termine creerà non pochi scompensi al nostro intero pianeta (certo che questo fa pensare!!!), di una potenza che fino ad oggi, nel bene e nel male, ha dettato legge sul nostro modo di operare nella vita di tutti i giorni privati o professionali, per far di conto, per giocare, per progettare e sviluppare altrettanto software o per creare siti web.

Ebbene, se solo a ieri Microsoft sembrava irraggiungibile e che nulla potesse scalfirla, oggi, tra un evento e l’altro, a partire dal lunghissimo processo antitrust fino all’inarrestabile corsa dell’open-source di Linux, sembra proprio che il mondo dei PC (ma non solo) sia destinato a veder sorgere un nuovo eden “cybernetico” con il fiorire di prodotti che portano insita la volontà di farle funzionare le cose, non solo di venderle.

Lungi da me muovere una critica verso il colosso di Redmond (a cui dobbiamo comunque e sicuramente riconoscere dei meriti), ma sembra proprio che GNOME, REDHAT, HELIX, TURBOLINUX e gli altri siano solo i semi per un nuovo futuro del mondo elettronico e binario il cui pensiero è governato da una umiltà un po’ più vicina all’essere umano quale noi siamo dove ognuno può partecipare e contribuire a realizzare qualcosa di grandioso o, forse, più semplicemente realizzare qualcosa di utile ed importante.

Per questo, se le promesse di Helix Code sono fondate e resteranno tali, c’è proprio da pensare che finalmente sui nostri schermi apparirà un vero insieme di funzionalità, praticità, intuitività, personalizzazione e potenza in cui batterà il cuore di Linux.

Forse il sogno di Linus Torvald è davvero vicino? Sembra proprio di sì.

Marco Trevisan

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti