Linux e hardware, un rapporto difficile

Prende corpo la petizione di Free Software Free Society con cui si chiede ai produttori hardware di aprire l'occhio che tengono chiuso sulle necessità degli utenti di software libero

Roma – “GNU/Linux, il sistema operativo libero più diffuso al mondo, in troppi casi viene ignorato dalle aziende produttrici di hardware, le cui politiche produttive non prevedono in alcun modo lo sviluppo di drivers compatibili per i loro prodotti. Questo stato di cose generalizzato è gravemente lesivo per la libertà di qualsiasi utente Gnu/Linux, poiché in questo modo non è possibile arricchire il proprio PC con le periferiche in circolazione sul mercato, compromettendo così l’usabilità di questo innovativo sistema operativo”.

Non usano mezzi termini quelli di Free Software Free Society , un gruppo di utenti italiani determinato a richiedere ai produttori di computer “un trattamento degno” che si sostanzia in due punti fondamentali: il rilascio dei sorgenti dei driver (“In questo modo – spiega F2F2 – sarà la comunità stessa a rendersi partecipe dello sviluppo e del porting dei drivers per GNU/Linux, incrementandone l’affidabilità e soprattutto rendendoli software liberi”) e un adeguato livello di assistenza (“help desk e documentazione adeguata”).

Queste le ragioni che qualche settimana fa hanno spinto i promotori del gruppo a lanciare una petizione che, mentre scriviamo, ha quasi raggiunto 400 iscritti.

Nella petizione si legge: “Esprimiamo il nostro dissenso riguardo alla frequente scelta di non supportare il sistema operativo GNU/Linux con driver compatibili e assistenza tecnica. Chiediamo pertanto un impegno concreto da parte Vostra in direzione di un maggiore e costante supporto. Siamo quotidianamente afflitti da problemi di incompatibilità hardware e frustrati per la scarsa assistenza offerta, fintanto da essere impossibilitati ad acquistare e utilizzare i vostri prodotti e i vostri servizi. Riteniamo che una comunità in forte crescita come quella degli utenti GNU/Linux non meriti di essere ignorata”.

La petizione e il form per contribuire sono disponibili a questo indirizzo

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ruafruafrua f scrive:
    Romania
    romanians are the best hackers and internet pirates...
  • teodorescu cristian scrive:
    cracker
    non e il primo che fa questa cosa.In Romania ci sono tanti che hanno riuscito entrare negli computer che hanno una certa sicurezza.Un ragazzino di 16 anni e entrato anche negli computer delle banche svizzere ed e riuscito di prelevare 7 milioni di euro.SONO CONTENTO!!!
  • Gatto Selvaggio scrive:
    TROLL - Ma non usano TOR?
    Ma gli hacker per fare queste cose non usano TOR?(newbie)
    • Wakko Warner scrive:
      Re: TROLL - Ma non usano TOR?
      - Scritto da: Gatto Selvaggio
      Ma gli hacker per fare queste cose non usano TOR?

      (newbie)No, quello lo usano solo i terroristi, i pedoni e qualche anonimo che posta qui :D
      • Gatto Selvaggio scrive:
        Re: TROLL - Ma non usano TOR?
        La mia domanda significava: ma come mai se esistono metodi sicuri per far perdere le proprie tracce, "quelli" le ritrovano?Per quanto riguarda TOR da profano direi che mette al riparo le comunicazioni HTTP, mentre i cracker useranno qualcosa tipo Telnet o SSH, ma...Come li beccano? Questa gente non si collega da sperduti Internet point malesi?Soprattutto, EFF e altri servizi di anonimizzazione come fanno con il Patriot Act? Vuotano immediatamente il sacco mettendo tutto a disposizione delle autorità?
        • Wakko Warner scrive:
          Re: TROLL - Ma non usano TOR?
          - Scritto da: Gatto Selvaggio
          La mia domanda significava: ma come mai se
          esistono metodi sicuri per far perdere le proprie
          tracce, "quelli" le
          ritrovano?Ragazzini che giocano. Stai pur sicuro che chi lo fa per mestiere o che comunque ha un sacco di esperienza alle spalle non li beccano... specie se usano internet point o una delle tante connessioni wireless aperte a mezzo mondo che trovi in giro.
          Per quanto riguarda TOR da profano direi che
          mette al riparo le comunicazioni HTTP, mentre i
          cracker useranno qualcosa tipo Telnet o SSH,
          ma...Tor non serve solo per HTTP, ma ci puoi far passare virtualmente qualunque protocollo a patto che si possa reindirizzare attraverso proxy Socks. Puoi per esempio far passare IRC attraverso TOR, puoi far passare un programma di chat qualunque attraverso TOR... insomma... tutte le applicazioni che ti permettono di specificare un proxy socks. Immagino si possa in qualche modo farci passare attraverso anche ssh, ma non ci ho mai provato quindi non so se è o meno possibile (dipende da quali opzioni puoi dare a ssh).
          Come li beccano? Questa gente non si collega da
          sperduti Internet point
          malesi?No, quelli sono quelli che non beccano :D Non ti aspetterai che una azienda salti fuori dicendo "siamo stati craccati ma non sappiamo da chi"...
          Soprattutto, EFF e altri servizi di
          anonimizzazione come fanno con il Patriot Act?
          Vuotano immediatamente il sacco mettendo tutto a
          disposizione delle
          autorità?Non c'è modo di risalire all'utente che ha effettivamente usato la connessione se ha usato Tor, nemmeno l'exit-node lo sa. C'è poco da "vuotare". Tant'è vero che qualche mese fa mi leggevo il commento di un "investigatore" che diceva appunto che una volta che si scopre che chi ha tentato l'accesso non autorizzato è un exit-point Tor tanto vale interrompere la ricerca lì e si lamentava per il fatto che i giudici questo non riescono a capirlo.
    • Anonimo scrive:
      Re: TROLL - Ma non usano TOR?
      forse gli usa hanno chiesto il log all'ISP, e questo gli ha forniti
      • Anonimo scrive:
        Re: TROLL - Ma non usano TOR?
        - Scritto da:
        forse gli usa hanno chiesto il log all'ISP, e
        questo gli ha fornitiQuindi non usava Tor.
  • pierob scrive:
    licenziare e processare
    ma provvedono contemporaneamente a processare:chi ha prodotto software così scadente;chi ho provveduto a compralo egli amministratori dei sistemi interessati?Altrimenti non vale.Saluti Piero BorelliEvviva i colabrodi spacciati per sistemi sicuri
  • Anonimo scrive:
    Gli USA vogliono l'estradizione?
    Mi meraviglio che loro chiedono l'estradizione per un reato informatico, vogliono processarlo loro per incriminarlo e dargli la pena da loro ritenuta giusta.MA e dico ma, se un loro militare che gioca a fare il pilota d'aereo tira giu' una funivia ammazzando le persone, un pluri omicida (una strage) loro semplicemente dicono e'un nostro militare lo giudichiamo noi! In quel caso l'ipotesi di estradizione o semplicemente di farlo giudicare alle nostre autorita' non la prendono proprio in cosiderazione come ipotesi!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Gli USA vogliono l'estradizione?
      - Scritto da:
      Mi meraviglio che loro chiedono l'estradizione
      per un reato informatico, vogliono processarlo
      loro per incriminarlo e dargli la pena da loro
      ritenuta
      giusta.
      MA e dico ma, se un loro militare che gioca a
      fare il pilota d'aereo tira giu' una funivia
      ammazzando le persone, un pluri omicida (una
      strage) loro semplicemente dicono e'un nostro
      militare lo giudichiamo noi! In quel caso
      l'ipotesi di estradizione o semplicemente di
      farlo giudicare alle nostre autorita' non la
      prendono proprio in cosiderazione come
      ipotesi!!non solo, in questo caso magari possono invocare le regole della giustizia militare, ma anche diversi civili usa pirati della strada o bulli che hanno ucciso ubriachi in auto a velocità folli dei ragazzi o hanno picchiato in gruppo ragazzi isolati vengono misteriosamente rimessi in possesso del loro passaporto e fuggono finchè il reato non si prescrive o il processo in contumacia li assolve con motivazioni risibili
    • MandarX scrive:
      Re: Gli USA vogliono l'estradizione?

      Mi meraviglio che loro chiedono l'estradizione
      per un reato informatico, vogliono processarlo
      loro per incriminarlo e dargli la pena da loro
      ritenuta
      giusta.forse hanno in programma di attaccare la romania e usano questo cracker come scusa
  • Anonimo scrive:
    Ma come si chiama??
    Potreste essere precisi?Un pò lo chiamate Faur e un pò Frau ...
  • Anonimo scrive:
    giurisdizione
    dopo che hanno ampliato la giurisdizione sullo spazio (che per ipotesi non e di nessuno e sicuramente non loro) adesso su che base di che cosa un cittadino di un'altro stato puo essere estradato negli states se nemmeno c'e la reciprocita ?????
  • Anonimo scrive:
    Sempre a ingozzarsi!
    Patatine, hamburger, doughnuts, snack vari, gelati e frappé rinforzati con grassi idrogenati, ora anche i CRACKERS RUMENI, non gli bastavano quelli americani, hanno sempre le mandibole in movimento, ti credo che sono obesi!
  • Anonimo scrive:
    ma come si può?
    [A causare i danni alla NASA, spiegano le autorità americane, è il fatto che i computer compromessi "erano utilizzati per raccogliere ed elaborare dati da navette nell'orbita terrestre e nello spazio profondo, per valutare nuove tecnologie scientifiche e per raccogliere, archiviare e analizzare altri dati scientifici."]Ed erano connessi ad internet?Io manderei in galera i responsabili della sicurezza....In che mani...in che mani....:(
    • Alucard scrive:
      Re: ma come si può?
      - Scritto da:
      [A causare i danni alla NASA, spiegano le
      autorità americane, è il fatto che i computer
      compromessi "erano utilizzati per raccogliere ed
      elaborare dati da navette nell'orbita terrestre e
      nello spazio profondo, per valutare nuove
      tecnologie scientifiche e per raccogliere,
      archiviare e analizzare altri dati
      scientifici."]

      Ed erano connessi ad internet?
      Io manderei in galera i responsabili della
      sicurezza....
      In che mani...in che mani....:(Avranno anche loro il diritto di farsi una partitina ad UT tra una missione e l'altra. no?-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 04 dicembre 2006 05.37-----------------------------------------------------------
      • Anonimo scrive:
        Re: ma come si può?

        Avranno anche loro il diritto di farsi una
        partitina ad UT tra una missione e l'altra.
        no?minchia, se usano i cicciomegaclusteroni di simulazione, sai che FPS paurrrrroooossssssoooo ottengono? :D
  • Wakko Warner scrive:
    Quante stupidaggini
    Se i computer craccati erano così critici per la NASA, per quale ragione erano accessibili da Internet?Se io lascio 1 milione di dollari in una cassetta per la merenda chiusa in un parco e qualcuno passa e se li porta via assieme alla cassetta per la merenda di chi è la colpa? Certamente mia che ho fatto una razzata simile. Allo stesso modo se la NASA si è causata problemi da sola lasciando sistemi tanto importanti collegati ad Internet dovrebbe anziché cercare di far estradare qualcuno riflettere sull'incompetenza dei suoi tecnici e sulle cattive scelte fatte.
    • avvelenato scrive:
      Re: Quante stupidaggini
      - Scritto da: Wakko Warner
      Se i computer craccati erano così critici per la
      NASA, per quale ragione erano accessibili da
      Internet?
      Se io lascio 1 milione di dollari in una cassetta
      per la merenda chiusa in un parco e qualcuno
      passa e se li porta via assieme alla cassetta per
      la merenda di chi è la colpa? Certamente mia che
      ho fatto una razzata simile. Allo stesso modo se
      la NASA si è causata problemi da sola lasciando
      sistemi tanto importanti collegati ad Internet
      dovrebbe anziché cercare di far estradare
      qualcuno riflettere sull'incompetenza dei suoi
      tecnici e sulle cattive scelte
      fatte.Per lo stesso motivo per cui, nonostante che la tua casa contiene cose importanti, soldi, documenti, altro, è lo stesso collegata in qualche modo alla strada.Magari ci sarà un portiere, magari no, una recinzione e un cortile privato oppure solo una porta blindata, però è sempre sulla strada.Wakko non andiamo bene, oggi ti stai mettendo in lizza per l'olimpiade delle boiate :
      • Wakko Warner scrive:
        Re: Quante stupidaggini
        - Scritto da: avvelenato

        - Scritto da: Wakko Warner

        Se i computer craccati erano così critici per la

        NASA, per quale ragione erano accessibili da

        Internet?

        Se io lascio 1 milione di dollari in una
        cassetta

        per la merenda chiusa in un parco e qualcuno

        passa e se li porta via assieme alla cassetta
        per

        la merenda di chi è la colpa? Certamente mia che

        ho fatto una razzata simile. Allo stesso modo se

        la NASA si è causata problemi da sola lasciando

        sistemi tanto importanti collegati ad Internet

        dovrebbe anziché cercare di far estradare

        qualcuno riflettere sull'incompetenza dei suoi

        tecnici e sulle cattive scelte

        fatte.


        Per lo stesso motivo per cui, nonostante che la
        tua casa contiene cose importanti, soldi,
        documenti, altro, è lo stesso collegata in
        qualche modo alla
        strada.
        Magari ci sarà un portiere, magari no, una
        recinzione e un cortile privato oppure solo una
        porta blindata, però è sempre sulla
        strada.

        Wakko non andiamo bene, oggi ti stai mettendo in
        lizza per l'olimpiade delle boiate
        :Ma non diciamo sciocchezze. Se un computer contiene dati importanti, anzi, vitali e potenziale causa di milioni di dollari di danni che fai... lo piazzi su Internet? Mica sei obbligato a farlo. Mica c'è una legge che ti obbliga a piazzare quel computer online.Non vuoi rischiare attacchi di questo tipo? Non colleghi il PC ad Internet. Fine della discussione. Se lo fai e poi un ragazzino entra e ti causa danni, bé, razzi tuoi. È colpa tua e della tua incoscenza.
        • avvelenato scrive:
          Re: Quante stupidaggini
          - Scritto da: Wakko Warner

          - Scritto da: avvelenato



          - Scritto da: Wakko Warner


          Se i computer craccati erano così critici per
          la


          NASA, per quale ragione erano accessibili da


          Internet?


          Se io lascio 1 milione di dollari in una

          cassetta


          per la merenda chiusa in un parco e qualcuno


          passa e se li porta via assieme alla cassetta

          per


          la merenda di chi è la colpa? Certamente mia
          che


          ho fatto una razzata simile. Allo stesso modo
          se


          la NASA si è causata problemi da sola
          lasciando


          sistemi tanto importanti collegati ad Internet


          dovrebbe anziché cercare di far estradare


          qualcuno riflettere sull'incompetenza dei suoi


          tecnici e sulle cattive scelte


          fatte.





          Per lo stesso motivo per cui, nonostante che la

          tua casa contiene cose importanti, soldi,

          documenti, altro, è lo stesso collegata in

          qualche modo alla

          strada.

          Magari ci sarà un portiere, magari no, una

          recinzione e un cortile privato oppure solo una

          porta blindata, però è sempre sulla

          strada.



          Wakko non andiamo bene, oggi ti stai mettendo in

          lizza per l'olimpiade delle boiate

          :

          Ma non diciamo sciocchezze. Se un computer
          contiene dati importanti, anzi, vitali e
          potenziale causa di milioni di dollari di danni
          che fai... lo piazzi su Internet? Mica sei
          obbligato a farlo. Mica c'è una legge che ti
          obbliga a piazzare quel computer
          online.

          Non vuoi rischiare attacchi di questo tipo? Non
          colleghi il PC ad Internet. Fine della
          discussione. Se lo fai e poi un ragazzino entra e
          ti causa danni, bé, razzi tuoi. È colpa tua e
          della tua
          incoscenza.Ma ti faccio solo un esempio: un'azienda usa internet come una vpn per trasmettere dati tra edifici geograficamente distanti. A volte è l'unica strada economicamente sostenibile.La vpn sarà stata sicuramente protetta (sicuramente i dati NASA erano protetti), ma accessibile. Scusa, secondo il tuo ragionamento uno che compra una fiat ha meno diritto degli altri automobilisti di lamentarsi se gli aprono la macchina, ma che cazzata è?
          • Wakko Warner scrive:
            Re: Quante stupidaggini
            - Scritto da: avvelenato
            Ma ti faccio solo un esempio: un'azienda usa
            internet come una vpn per trasmettere dati tra
            edifici geograficamente distanti. A volte è
            l'unica strada economicamente
            sostenibile.
            La vpn sarà stata sicuramente protetta
            (sicuramente i dati NASA erano protetti), ma
            accessibile. Scusa, secondo il tuo ragionamento
            uno che compra una fiat ha meno diritto degli
            altri automobilisti di lamentarsi se gli aprono
            la macchina, ma che cazzata
            è?Non metti certo un computer contenente dati vitali in una posizione tale da poter essere vittima di attacchi esterni. Al limite ci metti una _copia_ dei dati.Tantomeno quando questi computer devono comandare navicelle o robot di valore inestimabile.Metteresti un polmone artificiale a cui vi è collegata una persona online affinché i suoi famigliari possano controllare se sta respirando pur sapendo che qualcuno potrebbe decidere di spegnerla a distanza?Sarebbe sciocco non credi?E se tu lo facessi, cosa diresti al giudice quando ti chiederà perché diavolo quella macchina era online? "Si ma io avevo messo la password"?Hai dati importanti? C'è il potenziale di milioni di dollari di danni? C'è a rischio un robot di valore inestimabile? C'è una vita umana a repentaglio? Allora non metti online tale computer. È così semplice. Se lo fai, bé, cazzi tuoi, conoscevi i rischi e li hai accettati... e ora ti prendi la responsabilità... non la scarichi su qualcun altro... perché avrà sbagliato il tipo... ma prima di tutto hai sbagliato tu.
          • avvelenato scrive:
            Re: Quante stupidaggini
            - Scritto da: Wakko Warner

            - Scritto da: avvelenato

            Ma ti faccio solo un esempio: un'azienda usa

            internet come una vpn per trasmettere dati tra

            edifici geograficamente distanti. A volte è

            l'unica strada economicamente

            sostenibile.

            La vpn sarà stata sicuramente protetta

            (sicuramente i dati NASA erano protetti), ma

            accessibile. Scusa, secondo il tuo ragionamento

            uno che compra una fiat ha meno diritto degli

            altri automobilisti di lamentarsi se gli aprono

            la macchina, ma che cazzata

            è?

            Non metti certo un computer contenente dati
            vitali in una posizione tale da poter essere
            vittima di attacchi esterni. Al limite ci metti
            una _copia_ dei
            dati.
            Tantomeno quando questi computer devono comandare
            navicelle o robot di valore
            inestimabile.

            Metteresti un polmone artificiale a cui vi è
            collegata una persona online affinché i suoi
            famigliari possano controllare se sta respirando
            pur sapendo che qualcuno potrebbe decidere di
            spegnerla a
            distanza?

            Sarebbe sciocco non credi?
            E se tu lo facessi, cosa diresti al giudice
            quando ti chiederà perché diavolo quella macchina
            era online? "Si ma io avevo messo la
            password"?

            Hai dati importanti? C'è il potenziale di milioni
            di dollari di danni? C'è a rischio un robot di
            valore inestimabile? C'è una vita umana a
            repentaglio? Allora non metti online tale
            computer. È così semplice. Se lo fai, bé, cazzi
            tuoi, conoscevi i rischi e li hai accettati... e
            ora ti prendi la responsabilità... non la
            scarichi su qualcun altro... perché avrà
            sbagliato il tipo... ma prima di tutto hai
            sbagliato
            tu.Scarichi le responsabilità un beato cazzo, l'inculata quelli della Nasa se la sono presa e mò se la tengono, su questo sono d'accordo con te, ma ciò non ha nulla a che vedere con il fatto che la pena per quel criminale, che ha commesso un crimine perché ha infranto serrature che non doveva e al solo scopo di creare danni, ci stia tutta.
          • Anonimo scrive:
            Re: Quante stupidaggini
            - Scritto da: avvelenato

            - Scritto da: Wakko Warner



            - Scritto da: avvelenato


            Ma ti faccio solo un esempio: un'azienda usa


            internet come una vpn per trasmettere dati tra


            edifici geograficamente distanti. A volte è


            l'unica strada economicamente


            sostenibile.


            La vpn sarà stata sicuramente protetta


            (sicuramente i dati NASA erano protetti), ma


            accessibile. Scusa, secondo il tuo
            ragionamento


            uno che compra una fiat ha meno diritto degli


            altri automobilisti di lamentarsi se gli
            aprono


            la macchina, ma che cazzata


            è?



            Non metti certo un computer contenente dati

            vitali in una posizione tale da poter essere

            vittima di attacchi esterni. Al limite ci metti

            una _copia_ dei

            dati.

            Tantomeno quando questi computer devono
            comandare

            navicelle o robot di valore

            inestimabile.



            Metteresti un polmone artificiale a cui vi è

            collegata una persona online affinché i suoi

            famigliari possano controllare se sta respirando

            pur sapendo che qualcuno potrebbe decidere di

            spegnerla a

            distanza?



            Sarebbe sciocco non credi?

            E se tu lo facessi, cosa diresti al giudice

            quando ti chiederà perché diavolo quella
            macchina

            era online? "Si ma io avevo messo la

            password"?



            Hai dati importanti? C'è il potenziale di
            milioni

            di dollari di danni? C'è a rischio un robot di

            valore inestimabile? C'è una vita umana a

            repentaglio? Allora non metti online tale

            computer. È così semplice. Se lo fai, bé, cazzi

            tuoi, conoscevi i rischi e li hai accettati... e

            ora ti prendi la responsabilità... non la

            scarichi su qualcun altro... perché avrà

            sbagliato il tipo... ma prima di tutto hai

            sbagliato

            tu.

            Scarichi le responsabilità un beato cazzo,
            l'inculata quelli della Nasa se la sono presa e
            mò se la tengono, su questo sono d'accordo con
            te, ma ciò non ha nulla a che vedere con il fatto
            che la pena per quel criminale, che ha commesso
            un crimine perché ha infranto serrature che non
            doveva e al solo scopo di creare danni, ci stia
            tutta.uhm.. l'ammistrazione bush secondo me i danni li sta facendo anche in altre parti, la corruzione mi ricorda quella italiana.in effetti almeno un mirror potevano farlo (che polli)
          • Anonimo scrive:
            Re: Quante stupidaggini
            Sono pienamente daccordo con Wakko.
          • medioman scrive:
            Re: Quante stupidaggini


            Scarichi le responsabilità un beato cazzo,
            l'inculata quelli della Nasa se la sono presa e
            mò se la tengono, su questo sono d'accordo con
            te, ma ciò non ha nulla a che vedere con il fatto
            che la pena per quel criminale, che ha commesso
            un crimine perché ha infranto serrature che non
            doveva e al solo scopo di creare danni, ci stia
            tutta.Il rumeno avra' anche commesso un reato, ma di danni non ne ha fatti in realta'. La perdita calcaolata in 1.3 milioni di dollari e' dovuta alla necessita' di reinstallare le macchine compromesse e i conseguenti rallentamenti nello sviluppo dei progetti che dipendevano dai dati a cui faur ha avuto accesso. Al di la' delle responsabilita', trovo che farebbe bene il governo rumeno a respingere la richiesta di estradizione, vista la follia della legislazione usa che in caso come questo arriva a prevedere nei fatti una sostanziale condanna a vita.Non metto in discussione che un comportamento del genere vada punito, ma la punizione deve essere equa. Senza considerare poi che la NASA ha potuto accorgersi della vulnerabilita' dei propri sistemi prima che ne approfittasse qualcuno con intenzioni ben meno amichevoli...
          • avvelenato scrive:
            Re: Quante stupidaggini
            - Scritto da: medioman




            Scarichi le responsabilità un beato cazzo,

            l'inculata quelli della Nasa se la sono presa e

            mò se la tengono, su questo sono d'accordo con

            te, ma ciò non ha nulla a che vedere con il
            fatto

            che la pena per quel criminale, che ha commesso

            un crimine perché ha infranto serrature che non

            doveva e al solo scopo di creare danni, ci stia

            tutta.

            Il rumeno avra' anche commesso un reato, ma di
            danni non ne ha fatti in realta'. La perdita
            calcaolata in 1.3 milioni di dollari e' dovuta
            alla necessita' di reinstallare le macchine
            compromesse e i conseguenti rallentamenti nello
            sviluppo dei progetti che dipendevano dai dati a
            cui faur ha avuto accesso. Al di la' delle
            responsabilita', trovo che farebbe bene il
            governo rumeno a respingere la richiesta di
            estradizione, vista la follia della legislazione
            usa che in caso come questo arriva a prevedere
            nei fatti una sostanziale condanna a
            vita.
            Non metto in discussione che un comportamento del
            genere vada punito, ma la punizione deve essere
            equa. Senza considerare poi che la NASA ha potuto
            accorgersi della vulnerabilita' dei propri
            sistemi prima che ne approfittasse qualcuno con
            intenzioni ben meno
            amichevoli...Sono d'accordo con te, è ciò che voglio dire, non deve esserci impunità.Sulla perdita da 1,3mld. mi sono basato sui dati offerti dalla notizia, d'altronde non ho alternative, e quindi certamente se fosse come dici te questi soldi non sarebbero di sicuro imputabili all'intervento del cracker, ma un inevitabile aggiornamento alla sicurezza del sistema che sarebbe stato necessario anche qualora il buco fosse stato scoperto dai tecnici nasa in persona.
          • Anonimo scrive:
            Re: Quante stupidaggini
            - Scritto da: avvelenato

            - Scritto da: medioman







            Scarichi le responsabilità un beato cazzo,


            l'inculata quelli della Nasa se la sono presa
            e


            mò se la tengono, su questo sono d'accordo con


            te, ma ciò non ha nulla a che vedere con il

            fatto


            che la pena per quel criminale, che ha
            commesso


            un crimine perché ha infranto serrature che
            non


            doveva e al solo scopo di creare danni, ci
            stia


            tutta.



            Il rumeno avra' anche commesso un reato, ma di

            danni non ne ha fatti in realta'. La perdita

            calcaolata in 1.3 milioni di dollari e' dovuta

            alla necessita' di reinstallare le macchine

            compromesse e i conseguenti rallentamenti nello

            sviluppo dei progetti che dipendevano dai dati a

            cui faur ha avuto accesso. Al di la' delle

            responsabilita', trovo che farebbe bene il

            governo rumeno a respingere la richiesta di

            estradizione, vista la follia della legislazione

            usa che in caso come questo arriva a prevedere

            nei fatti una sostanziale condanna a

            vita.

            Non metto in discussione che un comportamento
            del

            genere vada punito, ma la punizione deve essere

            equa. Senza considerare poi che la NASA ha
            potuto

            accorgersi della vulnerabilita' dei propri

            sistemi prima che ne approfittasse qualcuno con

            intenzioni ben meno

            amichevoli...


            Sono d'accordo con te, è ciò che voglio dire, non
            deve esserci
            impunità.

            Sulla perdita da 1,3mld. mi sono basato sui dati
            offerti dalla notizia, d'altronde non ho
            alternative, e quindi certamente se fosse come
            dici te questi soldi non sarebbero di sicuro
            imputabili all'intervento del cracker, ma un
            inevitabile aggiornamento alla sicurezza del
            sistema che sarebbe stato necessario anche
            qualora il buco fosse stato scoperto dai tecnici
            nasa in
            persona.E' giusto che ognuno sia processato secondo le leggi del proprio paese, a meno che queste non violino dei diritti umani. Gli stati uniti hanno leggi che violano i diritti umani e sono gli ultimi nella lista a poter chiedere una estradizione e lo fanno perché sono forti dei loro sporchi soldi
        • Anonimo scrive:
          Re: Quante stupidaggini
          - Scritto da: Wakko Warner

          - Scritto da: avvelenato



          - Scritto da: Wakko Warner


          Se i computer craccati erano così critici per
          la


          NASA, per quale ragione erano accessibili da


          Internet?


          Se io lascio 1 milione di dollari in una

          cassetta


          per la merenda chiusa in un parco e qualcuno


          passa e se li porta via assieme alla cassetta

          per


          la merenda di chi è la colpa? Certamente mia
          che


          ho fatto una razzata simile. Allo stesso modo
          se


          la NASA si è causata problemi da sola
          lasciando


          sistemi tanto importanti collegati ad Internet


          dovrebbe anziché cercare di far estradare


          qualcuno riflettere sull'incompetenza dei suoi


          tecnici e sulle cattive scelte


          fatte.





          Per lo stesso motivo per cui, nonostante che la

          tua casa contiene cose importanti, soldi,

          documenti, altro, è lo stesso collegata in

          qualche modo alla

          strada.

          Magari ci sarà un portiere, magari no, una

          recinzione e un cortile privato oppure solo una

          porta blindata, però è sempre sulla

          strada.



          Wakko non andiamo bene, oggi ti stai mettendo in

          lizza per l'olimpiade delle boiate

          :

          Ma non diciamo sciocchezze. Se un computer
          contiene dati importanti, anzi, vitali e
          potenziale causa di milioni di dollari di danni
          che fai... lo piazzi su Internet? Mica sei
          obbligato a farlo. Mica c'è una legge che ti
          obbliga a piazzare quel computer
          online.

          Non vuoi rischiare attacchi di questo tipo? Non
          colleghi il PC ad Internet. Fine della
          discussione. Se lo fai e poi un ragazzino entra e
          ti causa danni, bé, razzi tuoi. È colpa tua e
          della tua
          incoscenza.Il tuo è un discorso molto CdP
          • Wakko Warner scrive:
            Re: Quante stupidaggini
            - Scritto da:

            - Scritto da: Wakko Warner



            - Scritto da: avvelenato





            - Scritto da: Wakko Warner



            Se i computer craccati erano così critici
            per

            la



            NASA, per quale ragione erano accessibili da



            Internet?



            Se io lascio 1 milione di dollari in una


            cassetta



            per la merenda chiusa in un parco e qualcuno



            passa e se li porta via assieme alla
            cassetta


            per



            la merenda di chi è la colpa? Certamente mia

            che



            ho fatto una razzata simile. Allo stesso
            modo

            se



            la NASA si è causata problemi da sola

            lasciando



            sistemi tanto importanti collegati ad
            Internet



            dovrebbe anziché cercare di far estradare



            qualcuno riflettere sull'incompetenza dei
            suoi



            tecnici e sulle cattive scelte



            fatte.








            Per lo stesso motivo per cui, nonostante che
            la


            tua casa contiene cose importanti, soldi,


            documenti, altro, è lo stesso collegata in


            qualche modo alla


            strada.


            Magari ci sarà un portiere, magari no, una


            recinzione e un cortile privato oppure solo
            una


            porta blindata, però è sempre sulla


            strada.





            Wakko non andiamo bene, oggi ti stai mettendo
            in


            lizza per l'olimpiade delle boiate


            :



            Ma non diciamo sciocchezze. Se un computer

            contiene dati importanti, anzi, vitali e

            potenziale causa di milioni di dollari di danni

            che fai... lo piazzi su Internet? Mica sei

            obbligato a farlo. Mica c'è una legge che ti

            obbliga a piazzare quel computer

            online.



            Non vuoi rischiare attacchi di questo tipo? Non

            colleghi il PC ad Internet. Fine della

            discussione. Se lo fai e poi un ragazzino entra
            e

            ti causa danni, bé, razzi tuoi. È colpa tua e

            della tua

            incoscenza.

            Il tuo è un discorso molto CdPHo imparato dalla maestra Suor Blatta. :D
Chiudi i commenti