Linux entrerà nelle Internet TV

Cinque giganti giapponesi dell'elettonica collaboreranno allo sviluppo di uno standard per set-top box di nuova generazione che sposeranno TV digitale e accesso ad Internet. Al cuore dei nuovi dispositivi ci sarà Linux
Cinque giganti giapponesi dell'elettonica collaboreranno allo sviluppo di uno standard per set-top box di nuova generazione che sposeranno TV digitale e accesso ad Internet. Al cuore dei nuovi dispositivi ci sarà Linux


Tokyo (Giappone) – Cinque fra i più grandi produttori giapponesi di televisori – Hitachi, Matsushita, Sharp, Sony e Toshiba – hanno formato un gruppo di lavoro che avrà il compito di sviluppare, entro il prossimo ottobre, un insieme di specifiche tecniche per le cosiddette “Internet TV”, set-top box integranti un decoder per la TV digitale e un modem per l’accesso ad Internet.

Le cinque partner sperano che la definizione di una piattaforma comune per le Internet TV faccia sì che questa nuova generazione di elettrodomestici possa incontrare maggiore successo rispetto a dispositivi analoghi già introdotti sul mercato negli anni recenti. L’alleanza sostiene che la TV digitale, se unita ad Internet, può divenire per gli utenti domestici il punto d’accesso primario alle informazioni.

I cinque colossi, a cui presto potrebbero affiancarsi anche Mitsubishi, Pioneer, Sanyo e JVC, prevedono di adottare Linux come sistema operativo standard per le Internet TV. E’ assai probabile che la versione di Linux che verrà adottata sarà quella a cui stanno lavorando due membri del gruppo di lavoro, Matsushita e Sony, che proprio lo scorso dicembre hanno annunciato un accordo per lo sviluppo di una speciale versione embedded di Linux adatta ai dispositivi elettronici di consumo, fra i quali set-top box TV e videoregistratori digitali. I due produttori hanno assicurato che il codice sorgente verrà rilasciato sotto licenza GPL.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

31 03 2003
Link copiato negli appunti