Linux oltre il PC (by Sony e Matsushita)

Linux oltre il PC (by Sony e Matsushita)

Due giganti insieme per sviluppare una versione embedded di Linux che possa competere con Windows CE sui dispositivi elettronici di consumo, come le set-top box. Interessati anche altri big
Due giganti insieme per sviluppare una versione embedded di Linux che possa competere con Windows CE sui dispositivi elettronici di consumo, come le set-top box. Interessati anche altri big


Tokyo (Giappone) – I due giganti dell’elettronica di consumo Sony e Matsushita vedono in Linux un candidato ideale per entrare nelle home appliance dell’era post-PC, come le set-top box e gli altri dispositivi di consumo in grado di elaborare dati e connettersi ad Internet senza l’intermediazione di un computer da tavolo.

Grazie alla possibilità di accedere al suo codice sorgente, e alla grande modularità del suo kernel, sono già diversi i produttori che hanno scelto Linux come sistema operativo embedded per le loro appliance: fra queste c’è la stessa Sony che, lo scorso mese, ha introdotto sul mercato giapponese un videoregistratore digitale controllato da una versione ai minimi termini di Linux.

Le due multinazionali giapponesi vogliono ora far compiere a Linux un ulteriore passo in avanti e renderlo maggiormente adatto a gestire le tipiche funzionalità dei dispositivi elettronici consumer, quali video, audio e piccoli display LCD. In definitiva, quello che Sony e Matsushita stanno tentando di fare, è dare a Linux gli strumenti necessari per rivaleggiare ad armi pari con Windows CE anche sul mercato delle home appliance.

Un progetto che sembra già piacere ad altri colossi del settore visto che, secondo quanto ha dichiarato Sony, la costituzione di un forum industriale per lo sviluppo di strumenti per Linux avrebbe già attratto l’interesse di nomi del calibro di Hitachi, NEC, Philips, Samsung, Sharp (pioniera nei PDA basati su Linux) e l’immancabile paladina del Pinguino, IBM.

Sony e Matsushita sostengono di non avere ancora in progetto dispositivi particolari su cui far girare questa futura versione di Linux embedded, ma si potrebbe spaziare dalle TV-box alle console da gioco, dai videoregistratori digitali ai lettori DVD multifunzione.

Un portavoce Sony ha assicurato che tutto il codice sviluppato per Linux sarà rilasciato sotto licenza GPL e, pertanto, utilizzabile da tutta la comunità open source.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

18 12 2002
Link copiato negli appunti