LinuxNews/ Sviluppare giochi per PS2 sotto Linux

Una società americana del gruppo Motorola annuncia la disponibilità della piattaforma di sviluppo per Playstation 2 per Linux


Il compilatore CodeWarrior è multipiattaforma e supporta diversi linguaggi di Programmazione (C, C++, Java e Assembler) ed è utilizzato da più di 200.000 sviluppatori in tutto il mondo. Su ogni piattaforma permette di avere un unico Ambiente di sviluppo integrato.

La Metrowerks , la società che ha sviluppato CodeWarrior, è conosciuta soprattutto per i suoi strumenti per lo sviluppo di videogiochi: gli ultimi sono stati gli Analysis Tools Construction Kit (AttaCK). Tali strumenti hanno un costo di circa 15.000$ per team di sviluppo.

Alla Game Developers Conference (GDC), la Metrowerks ha annunciato la disponibilità dei tool CodeWarrior per Playstation 2 anche per il sistema operativo Linux. Al GDC verrà presentatata la versione alpha, mentre il rilascio della versione definitiva avverrà all’incirca verso metà anno.
In questo modo viene data un ulteriore piattaforma di sviluppo agli sviluppatori di videogiochi.

La Metrowerk ha anche annunciato un progetto insieme Motorola, Ericsson e Siemens per definire una piattaforma universale basata su CodeWarrior per i giochi wireless. Lo scopo è quello di creare una tecnologia per rendere più facile creare giochi, e più in generale applicazioni, per il mercato della telefonia mobile.

A cura di
Soluzioni Open-Source

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Re: PRIVACY? SICUREZZA?
    Sono assolutamente d'accordo al 100%. Non era Battiato che cantava "l'evoluzione sociale non serve al popolo se non è preceduta da un'evoluzione di pensiero"? :-))Andrea
    Per queste ragioni ritengo si stia
    assistendo, in realtà, ad una "crisi di
    rigetto" delle novità che si accavallano
    tumultuosamente nel nostro orizzonte, senza
    dare a ciascuno la possibilità di
    rifletterci sopra, per decidere se gli
    stanno bene o no, e se gli stanno bene come
    sono, o se invece le vorrebbe un pò
    diverse... che so, più "umane", per
    esempio...
    Diamoci quindi un pò di tempo, miglioriamo
    le strutture ed i mezzi, ma lasciamoci anche
    il tempo di respirare a fondo tutta
    quest'aria nuova.
Chiudi i commenti