L'iPhone britannico con una super-batteria

Un'azienda d'Oltremanica mette insieme un prototipo interessante. Sfrutta una cella a combustibile per garantire autonomia da 1 settimana

Roma – Intelligent Energy , azienda con sede a Loughborough nel Leicestershire, ha mostrato al pubblico un prototipo di smartphone equipaggiato con una cella a combustibile: si tratta di un iPhone 6, opportunamente modificato per contenere sia la batteria originale che un pacchetto basato sulla tecnologia proprietaria in questione , capace di restare acceso per circa 7 giorni. Numeri da vecchi telefonini con tastiera numerica, più che da smartphone.

Una cella a combustibile è un dispositivo che produce elettricità tramite una reazione chimica che avviene tra idrogeno e ossigeno: nella reazione vengono prodotti come scarti anche acqua e calore, ma in misura evidentemente gestibile anche per un dispositivo mobile in questo caso. Bastano delle feritoie per far sfogare il vapore acqueo per eliminarli. Per ricaricare la cella, Intelligent Energy ha modificato la porta che di solito ospita il jack audio da 3,5mm.

La particolarità del prototipo britannico è senza dubbio la capacità di integrare tutto quanto necessario all’interno di un design già in commercio : mantenersi all’interno delle forme di un iPhone 6 vuol dire, di fatto, essere in grado di adattare la cella a combustibile di questo tipo a praticamente qualsiasi altro smartphone in circolazione, stante lo spessore del Melafonino tra i più sottili tra tutti quelli in commercio.

Non è chiaro se il lavoro portato avanti da Intelligent Energy sia esclusivamente una dimostrazione delle proprie capacità, o se invece ci sia una collaborazione in corso con un partner ( si fa addirittura il nome di Apple ) per l’introduzione di questa tecnologia in un prodotto di prossima uscita. L’azienda parla comunque di almeno due anni di tempo, prima che un pacchetto completo possa arrivare sul mercato: sia all’interno di un telefono che, in alternativa, in una cover da applicare allo smartphone analogamente a quanto già si fa oggi con comuni batterie esterne agli ioni di litio.

Luca Annunziata

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ... scrive:
    pensa se...
    pensa se fosse reato fare publiredazionali: l'80/85% dei siti chiuderebbe, per carcerazione dei suoi pennivendoli :-)no no luca non dicevo a te!
  • amedeo scrive:
    ancora lui ?!
    Sono 15 anni che questo animale tritura gli zebedei al prossimo con lo spam, possibile che non possano vietargli completamente di utilizzare un computer ?
    • ... scrive:
      Re: ancora lui ?!
      - Scritto da: amedeo
      Sono 15 anni che questo animale tritura gli
      zebedei al prossimo con lo spam, possibile che
      non possano vietargli completamente di utilizzare
      un computer
      ?Davvero, che palle. Almeno il nostrano Alessandro Saitta (oltre a essersi levato di torno molto prima) era folkloristico, questo invece è solo uno scassaXXXXXXXX che lo fa per soldi...
  • Lauro Boldrino scrive:
    sono pochi
    3 anni sono pochi, non per lo spam, per questo bastava una multa, ma per il cracking degli account. 10 anni ci stavano per sto schifoso.
    • ... scrive:
      Re: sono pochi
      - Scritto da: Lauro Boldrino
      3 anni sono pochi, non per lo spam, per questo
      bastava una multa, ma per il cracking degli
      account. 10 anni ci stavano per sto
      schifoso.fiche gli XXXXXXXXX usano come password "12345"....
      • Num Letter scrive:
        Re: sono pochi
        - Scritto da: ...
        - Scritto da: Lauro Boldrino

        3 anni sono pochi, non per lo spam, per questo

        bastava una multa, ma per il cracking degli

        account. 10 anni ci stavano per sto

        schifoso.

        fiche gli XXXXXXXXX usano come password
        "12345"....i furbi invece "prova123" :D
        • ... scrive:
          Re: sono pochi
          - Scritto da: Num Letter
          - Scritto da: ...

          - Scritto da: Lauro Boldrino


          3 anni sono pochi, non per lo spam, per questo


          bastava una multa, ma per il cracking degli


          account. 10 anni ci stavano per sto


          schifoso.



          fiche gli XXXXXXXXX usano come password

          "12345"....
          i furbi invece "prova123"
          :D :D(idea)(idea)(idea)(idea)(idea)(idea)(idea) :D(idea) :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@(idea)(idea) :@(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl) :@(idea)(idea) :@(rotfl)(nolove)(nolove)(nolove)(rotfl) :@(idea)(idea) :@(rotfl)(nolove)(newbie)(nolove)(rotfl) :@(idea)(idea) :@(rotfl)(nolove)(nolove)(nolove)(rotfl) :@(idea)(idea) :@(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl) :@(idea)(idea) :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@(idea) :D(idea)(idea)(idea)(idea)(idea)(idea)(idea) :D
        • prova123 scrive:
          Re: sono pochi
          Sei stato rapito dagli ufo sei o sette anni fa e ti hanno riportato sulla terra di recente ? :D
    • prova123 scrive:
      Re: sono pochi
      Bisogna valutare attentamente se può fare più danno a stare dentro che a stare fuori ... non è una cosa così scontata.
Chiudi i commenti