L'Iraq scopre il WLL

L'ultimo miglio in salsa wireless viene visto dal ministero delle Comunicazioni iraqeno come la soluzione migliore per portare la telefonia là dove non è mai giunta prima


Bagdad (Iraq) – Il Governo iraqeno ha intenzione di spingere sulla telefonia, considerato uno strumento essenziale per lo sviluppo dell’economia e della società del martoriato paese mediorientale. Il ministero per le Comunicazioni ha infatti preannunciato che presto verrà formulato un bando per l’assegnazione di due nuove licenze ad operatori di telefonia.

L’idea è quella di consentire alle popolazioni anche delle zone più remote del paese di accedere entro una manciata di mesi a servizi di telefonia che comprendano anche Internet. Sebbene siano già attivi in diverse aree metropolitane i servizi di telefonia mobile, il loro costo, così come il costo dei dispositivi, viene ritenuto eccessivo per garantire in breve tempo una diffusione capillare dei servizi telefonici.

La posizione ufficiale del Ministero è assai ambiziosa e parla di un progetto che “mira a fornire linee telefoniche fisse, accesso ad Internet e servizi di fax alle case, alle aziende e agli enti governativi in tutto l’Iraq”. A pochi giorni dalle prime elezioni in Iraq c’è chi vede l’impulso verso la telefonia come un ulteriore segnale di “normalizzazione”.

In realtà, di normale ci sarà ben poco se si considera la particolarissima morfologia del territorio e il fatto che, per arrivare nelle zone già oggi poco servite dalle pubbliche utilità, si intende utilizzare anche il Wireless Local Loop , ovvero le tecnologie Wi-Fi che permettono di attivare il “doppino wireless” per collegare l’utente finale alla rete infrastrutturale telefonica.

Che ce ne sia bisogno è evidente. Lo stesso ministero spiega che oggi la penetrazione della telefonia “è del 4,5 per cento e si intende portarla al 25 per cento entro 10 anni”. Il passo necessario, secondo il governo, è l’apertura agli investimenti privati nel settore.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Aldo Reggiani scrive:
    Tarifef della Telefonia Mobile
    Un tipo che si occupa dei diritti dei consumatori mi faceva notare anni addietro che a differenza della corrente elettrica e del gas, la cui produzione prevede il consumo di materie prime e quindi è giusto che si paghi in base alle quantità consumate, la telefonia in genere, compresa quella mobile, utilizzano linee telefoniche che non consumano niente. Se Tizio, Caio e Sempronio mettono su una Siocietà di telefonia mobile, affittano le linee e sia che la gente le usi o no, il costo delle linee è quello pattuito con un contratto. Questa è la ragione degli enormi profitti delle Compagnie telefoniche che fanno pagare a tempo. Potrebbero, chessò, farti pagare trenta euro al mese per parlare anche ventiquattro ore con fissi e cellulari non solo del tuo Paese, ma con tutto il mondo, che ciò non comporterebbe il consumo di alcuna "materia prima", oltre l'energia per mantenere accese le apparacchiature, ripeto, sia che la gente telefoni o no. Questo la dice lunga sull'enorme superprofitto che le Compagnie telefoniche, che rimbambiscono la gente con promozioni le più fantasiose, immancabilòmente fanno a spese dei nostri portafogli. Una vera cosca mafiosa internazionale.Questo spiega anche perché, in un Paese di ladri come l'Italia, quando ero ragazzo e andavo con gli amici a Lugano, dalla Svizzera potevo chiamare Milano stando a lungo al telefono con pochi centesimi, mentre se da Milano osavo chiamare un amico di Lugano, la mia famiglia doveva poi accendere un mutuo per pagare la bolletta telefonica dell'allora Sip.Aldo Reggiani, Roma.
  • Anonimo scrive:
    Chi non cambia tariffa
    Secondo me se in italia c'è un alta percentuale di famiglie che non mette una tariffa + appropriata al suo utilizzo è solo segno di ignoranza,visto che ( almeno con tim) il primo cambio è gratuito non costa niente chiamare il 119 e farsi consigliare una tariffa x spendere poco in base alle proprie esigenze,il problema non sono gli operatori,cioè.... saranno anche furbi.... ma lo sono diventati perchè trattano con un popolo di ignoranti.Con il passare degli anni mi sono accorto che la popolazione italiana avrebbe tanto TANTO bisogno di una GRANDE istruzione.
  • AnyFile scrive:
    Nazioni
    Nell'articolo si dice che l'indagini e' stata fatta in diverse nazioni.Come mai poi compaiono solo operatori Italiani?E come sono calcolate le percentuali sugli operatori italiani?Dubito che uno del belgio sappia qualcosa delle tariffe della TIMCOme al solito nei sondaggi non si capisce nulla se non si dice esattamente che domande sono state fatte e che risposte sono state date (prima di elaborare i dati)Barzelletta (o forse verita'?)Il nostro lavoro, spiega il presidente di una societa' di sondaggi al nuovo assunto, e' capire come dobbiamo porre le domande in modo che ci venga risposto come vuole chi ha commissionato il sondaggio.
  • AnyFile scrive:
    Re: P2P con la telefonia "cellulare"
    - Scritto da: Anonimo
    Mi ricordoche quandoero ragazzo e non
    esistevano i cellulari, e i PC se c'erano
    avevano ancora monitor a fosfori verdi, vi
    erano molti radioamatori appassionati con il
    baracchino, il cosidetti CB.Mi risulta che nei CB ci sono delle forti limitazioni imposte per legge.In particolare si impedisce che se ne posa fare un uso diverso da quello amatoriale.Ad esempio le antenee trasmittenti (e probabilmente anche quelle riceventi, chissa' perche') non possono essere direttive. Tutte le antenne trasmittenti delle societa' che gestiscono la telefonia mobile (e anche quella fissa nelle tratte interurbane) che ho visto io oggi le ho viste altamente direttrici.Due pesi ... due misure
  • maciste scrive:
    Re: P2P con la telefonia "cellulare"

    No, perchè forse si potrebbe
    pensare a questa come una valida alternativa
    a costo zero (si paga solo il modestissimo
    consumo di energia elettrica) alla telefonia
    cellulare.Oggi lo usano 1 persona su 100 e costa molto poco, se domani cominceranno ad usarlo 50 persone su 100 il modo per farti pagare di più lo troveranno, con tasse sull'installazione dell'antenna, tasse sul possesso dell'apparecchio e così via...pensa a ciò che è successo con il gasolio per le automobili e capirai cosa intendo dire...quanto alle morse non capisco di cosa parli, oggi è possibile acquistare un buon cellulare anche a meno di 100? e ti trovi a poter comunicare più o meno in ogni dove e per ciò che riguarda le tariffe...nessuno ti obbliga a spendere 50? a settimana per le telefonate, basta darsi una regolata e fare solo quelle che sono veramente necessarie, pensa che io sono 3 settimane che ho solo 20 cents di credito eppure ancora nn ricarico...
  • Anonimo scrive:
    P2P con la telefonia "cellulare"
    Mi ricordoche quandoero ragazzo e non esistevano i cellulari, e i PC se c'erano avevano ancora monitor a fosfori verdi, vi erano molti radioamatori appassionati con il baracchino, il cosidetti CB. Pagavano solo una modesta tasa annuale di concessione governativa dopodichè poi potevano passare le nottate a farsi delle chat ante litteram... Qualche camionista per rendere meno lunghe le notti passate in autostrada se li montava anche sul camion... orbene, ora che sono passati ormai più di un paio di decenni mi chiedo: che evoluzione hanno avuto i "baracchini" in termini di prestazioni , di dimensioni proprie e delle antenne? No, perchè forse si potrebbe pensare a questa come una valida alternativa a costo zero (si paga solo il modestissimo consumo di energia elettrica) alla telefonia cellulare. Magari non possiamo averli così miniaturizzati da portarceli nella 24 ore o nello zainetto, però se già 30anni fa andavano tranquillamente su un camion oggi li possiamo mettere su un'utilitaria. Magari li possiamo usare anche come ponte, un apparecchio con l'altro, per coprire distanza molto lunghe.. Certo, non andranno bene per conversazioni intime e/oriservate, ma per brevi comunicazioni per amici/familiari colleghi, per eventuali appuntamenti, spostamenti, ritardi etc dovrebbe andare benissimo.. Nessuno sa dire di più sulla fattibilità tecnica della cosa' Conoscete qualche "esperimento" funzionate in merito?... potrebbe essere veramente l'occasione per salvarci una volta per tutte da Tin-Wind Vodafone e compagnia brutta. :D. Se è un Dragasaccocce il ragazzotto occhialuto e stagionato di Seattle, questi qui invece quanto ci hanno dissanguato? Quante N licenze di windows ci è costato sinora l'uso del cellulare? :s
  • Anonimo scrive:
    passa a X che ti regalo 200euri
    Sono tra quelli che non sta a controllare i piani tariffari degli operatori telefonici. Dovrei farlo ogni 15 giorni, ma usando veramente poco il cellulare, praticamente sarebbe tempo perso.Ierisera alle Iene hanno fatto vedere come passare da un contratto 3, ad uno wind, poi vodafone. Ad ogni passaggio venivano regalati centinaia di euro di telefonate.Alla fine con 149 euro (diventati 49 perche' la Iena si e' rienduta telefono e ricariche regalo a 100 euro) ha fatto telefonate per oltre 500 euro !!!Ma dico, il mio fornitore di servizio non potrebbe stabilire pochi piani tariffari, chiari, stabili nel tempo senza stare a regalare telefonate che poi deve pagare chi come (e piu' di) me usa normalmente il telefonino ?Invece no: si "regalano" ore di conversazione, decoder satellitari ecc.Ma di regalato non c'e' proprio NULLA. Qualcuno le deve pagare 'ste cose.L'utente non viene rispettato, ma trattato da fesso, costretto a "furbificarsi" per sopravvivere.E se c'e' una cosa che in italia proprio non manca sono i furbi.
    • Ics-pi scrive:
      Re: passa a X che ti regalo 200euri
      Si ma non hanno segnato nelle "spese" quanto costa la modifica, perchè immagino non l'avranno fatta gratis, o no?E la carta di Omnitel? (la seconda) Non hanno pagato niente per attivarla, tra l'altro aveva 200 euro di "bonus"?Non mi sono chiari questi passi...
      • Anonimo scrive:
        Re: passa a X che ti regalo 200euri
        Io sono passato da wind a tim non ho spesso nulla ma il sito della tim non funziona tanto bene ... ossia fa un pò cagare e non funziona bene...e il bonus secondo me dura un mese o non due o tre come dice la tim...- Scritto da: Ics-pi
        Si ma non hanno segnato nelle "spese" quanto
        costa la modifica, perchè immagino
        non l'avranno fatta gratis, o no?
        E la carta di Omnitel? (la seconda) Non
        hanno pagato niente per attivarla, tra
        l'altro aveva 200 euro di "bonus"?
        Non mi sono chiari questi passi...
  • Anonimo scrive:
    La gente è tonta e abbocca al GRATIS
    e rimane fregato.
    • Anonimo scrive:
      Re: La gente è tonta e abbocca al GRATIS
      La cosa che mi fa incazz. è che nella pubblicità di Wind, ti dicono: parli GRATIS e PER SEMPRE. Ora, a meno che l'italiano abbia perso di significato, dire GRATIS e PER SEMPRE significa che posso usufruire di un servizio gratuitamente ed a tempo indeterminato. Ma in realtà, quando si vanno a leggere le condizioni contrattuali ecco che compaiono COSTI e LIMITAZIONI. Quindi la pubblicità di WIND è una vera e propria TRUFFA e mi sembra scandaloso che questo genere di pubblicità possa continuare ad infestare la tv e la stampa.CHE SCHIFO!!!!!!
  • ufo1 scrive:
    Diagnosi medica?
    Sinceramente a volte, non capisco l'uomo. (me compreso)Ma adoperare cellulari, internet, etc., sono ricette ordinate dopo profonde indagini mediche, che se non si adoperano si va incontro ad infausti destini?Possibile che se una cosa non va bene o non è all'altezza del prezzo pagato, non sappiamo rinunciarvici?Deve essere sempre vero che chi disprezza compra?
    • AnyFile scrive:
      Re: Diagnosi medica?
      - Scritto da: ufo1
      Sinceramente a volte, non capisco l'uomo.
      (me compreso)

      Ma adoperare cellulari, internet, etc., sono
      ricette ordinate dopo profonde indagini
      mediche, che se non si adoperano si va
      incontro ad infausti destini?
      Possibile che se una cosa non va bene o non
      è all'altezza del prezzo pagato, non
      sappiamo rinunciarvici?

      Deve essere sempre vero che chi disprezza
      compra?Sottoscrivo in pieno.Pero' perche' leggendo certi contratti, anzi condiziioni perche' di contratti neanche l'ombra, per capire quanto spendo devo fare conti difficilissimi.Per non parlare se oso confrontare due tariffe. In una il prezzo dello scato alla risposta mi comprende 5 secondi, nell'altra solo 3 ma la cosa non e' scritta nello stesso punto bensi' in una nota a pie' di pagina quasi invisibile, nell'altra pero' non ho che ....In qalcune ho i prezzi va inclusa in altre iva esclusa ecc.. (da una mia indagine di un bel po' di tempo fa, da allora non guardo piu')Insomma ci sono delle complicazioni enormi nelle tariffe sembrano piu' fatte per rendere complicato lal oro comprensione che dare una tariffa conviente. Daltra parte sarebbe irragionevole che loro ci proponessero una tariffa conveniente.
  • Anonimo scrive:
    gli operatori in italia sono quattro
    non tre, il quarto è tre
    • Anonimo scrive:
      Re: gli operatori in italia sono quattro
      no, il terzo è quattro, il quarto è due...:Dcome sono stupido...:D
    • Anonimo scrive:
      Re: gli operatori in italia sono quattro
      Si ma GSM sono tre, umts è un'altra cosa....- Scritto da: Anonimo
      non tre, il quarto è tre
      • Anonimo scrive:
        Re: gli operatori in italia sono quattro
        E perché mai? Forse che le telefonate, gli SMS e gli MMS su UMTS sono cosa diversa da quelli fatti su GSM e si pagano non con euro ma con "un'altra cosa"?
        • Anonimo scrive:
          Re: gli operatori in italia sono quattro
          con l'UMTS è possibile servire più utenti per cella rispetto al GSM...ecco perchè le chiamate con UMTS dovrebbero costare meno...ed in effetti 3 ha le tariffe migliori del mercato (10 cent al minuto tutto il giorno verso chiunque...non so se mi spiego...)
          • chef scrive:
            Re: gli operatori in italia sono quattro
            - Scritto da: Anonimo
            con l'UMTS è possibile servire
            più utenti per cella rispetto al
            GSM...ecco perchè le chiamate con
            UMTS dovrebbero costare meno...non credo sia cosi' semplice.ad esempio se non erro le celle umts sono piu' piccole, quindi servono piu' ripetitori e il servizio dovrebbe costare di piu'.poi magari i ripetitori sono piu' economici e di nuovo dovrebbe costare di meno telefonare.ci sono molte variabili da considerare.cmq sia, un sms impegna il sistema per cosi' poco (direi praticamente nulla, visto che cmq viene mantenuto un dialogo tra telefono e sistema anche senza fare nulla piu' che tenere il telefono acceso) che le attuali tariffe sono un vero furto
  • Anonimo scrive:
    E' giusto che si paghi di più
    Il cellulare è un bene di lusso che hanno pochi italiani straricchi, quindi è giusto che le tariffe siano più care. In economia si sa che vanno tartassati i più ricchi per poter dare serenità e benessere alle fasce economiche più fragili.Quindi viva i tariffoni per i cellulari!
    • scorpioprise scrive:
      Re: E' giusto che si paghi di più
      Spero che si trattasse di una trollata, perchè altrimenti potresti trovarti qualche falange in meno al prossimo mex...:@Chairamente il mio stato è irony mode off.Non posso credere che possano continuare a far pagare 12?cent un messaggio di 160 caratteri, quando si trattengono (è stato detto ALLA RADIO, Babboleo nella fattispecie, in occasione della una raccolta fondi per il maremoto, poi fortunatamente non più) l'iva sull'euro di donazione: il messaggio dell'operatore telefonico diramato diceva "donando un euro iva inclusa l'operatore devolverà un euro iva esclusa". :@spero che quei soldi siano stati devoluti completamente!
      • Anonimo scrive:
        Re: E' giusto che si paghi di più
        Salve, per le donazioni con SMS per il maremoto in parlamento hanno fatto un decreto per permettere la donazione di tutto l'euro compresa iva.Non so se l'abbiano fatto gia' da prima o durante a causa delle lamentele o stupore generale, ma per una volta hanno fatto cosa buona e giusta.Marco- Scritto da: scorpioprise
        Spero che si trattasse di una trollata,
        perchè altrimenti potresti trovarti
        qualche falange in meno al prossimo mex...
        :@

        Chairamente il mio stato è irony mode
        off.

        Non posso credere che possano continuare a
        far pagare 12?cent un messaggio di 160
        caratteri, quando si trattengono (è
        stato detto ALLA RADIO, Babboleo nella
        fattispecie, in occasione della una raccolta
        fondi per il maremoto, poi fortunatamente
        non più) l'iva sull'euro di
        donazione: il messaggio dell'operatore
        telefonico diramato diceva "donando un euro
        iva inclusa l'operatore devolverà un
        euro iva esclusa". :@

        spero che quei soldi siano stati devoluti
        completamente!
    • Anonimo scrive:
      Re: E' giusto che si paghi di più
      quoto. Oggi a 10 anni già col cellulare. Una volta si viveva senza, non è una necessità. Il cellulare va usato per le emergenze, mi si ferma l'auto, faccio tardi, compra quello per cena. La maggior parte dei ragazzi si manda 10 messaggi per decidere cosa fare la sera quando magari a 2 passi hanno il telefono fisso, magari con contratto a telefonate illimitate
      • maciste scrive:
        Re: E' giusto che si paghi di più
        - Scritto da: Anonimo
        quoto. Oggi a 10 anni già col
        cellulare. Una volta si viveva senza, non
        è una necessità.
        Il cellulare va usato per le emergenze, mi
        si ferma l'auto, faccio tardi, compra quello
        per cena. La maggior parte dei ragazzi si
        manda 10 messaggi per decidere cosa fare la
        sera quando magari a 2 passi hanno il
        telefono fisso, magari con contratto a
        telefonate illimitatetemo che tu non abbia afferrato l'ironia del primo post, in ogni caso il cellulare lo uso come mi pare piace (perché solo per le emergenze? dov'è che sta scritto?), se poi ci sono genitori che mettono in mano ai bambini il cellulare non vedo perché io debba pagare di più solo perché questo a te da fastidio...
    • contegio scrive:
      Re: E' giusto che si paghi di più
      - Scritto da: Anonimo
      Il cellulare è un bene di lusso che
      hanno pochi italiani straricchi, quindi
      è giusto che le tariffe siano
      più care.
      In economia si sa che vanno tartassati i
      più ricchi per poter dare
      serenità e benessere alle fasce
      economiche più fragili.
      Quindi viva i tariffoni per i cellulari!... e' un bene di lusso per pochi italiani straricchi???Beh, se è così non dobbiamo lamentarci più di niente perchè mi pare che il 90% degli italiani abbiano il cellulare e quindi siamo praticamente tutti straricchi!!!
      • AnyFile scrive:
        Re: E' giusto che si paghi di più
        - Scritto da: contegio

        - Scritto da: Anonimo

        Il cellulare è un bene di lusso
        che

        hanno pochi italiani straricchi, quindi

        è giusto che le tariffe siano

        più care.

        In economia si sa che vanno tartassati i

        più ricchi per poter dare

        serenità e benessere alle fasce

        economiche più fragili.

        Quindi viva i tariffoni per i cellulari!
        ... e' un bene di lusso per pochi italiani
        straricchi???
        Beh, se è così non dobbiamo
        lamentarci più di niente
        perchè mi pare che il 90% degli
        italiani abbiano il cellulare e quindi siamo
        praticamente tutti straricchi!!!Se tu fossi veramente povero non solo non spenderesti soldi in telefonate con il cellulare, ma il cellulare nanche ce lo avresit!!!!Forse ti stai diemnticando in che condizioni vive certa gente sulla faccia della terra!!!Poi e' un altro discorso il fatto che (cito per quanto mi ricord un discorso fatto da non mi ricordo chi su Radio Rai 3 un paio di giorni fa su perche' in Italia siamo pessimisti)Fino ad un po' di anni fa se uno aveva una cosa (un frigorifero, un televisore) era contento di averlo, se non lo aveva era normale.Oggi se uno ha un cellulare (o anche due) e' normale [e aggiunta mia non sempre e' contento], se uno non ha il cellulare e' considerato un parianota paria e' l'utlima casta della societa' indian: quella degli intoccabili.
        • contegio scrive:
          Re: E' giusto che si paghi di più
          ... bene, stiamo allora contenti di pagare tariffe esorbitanti che tanto poi ci pensano i gestori di telefonia a redistribuire le risorse, da loro accumulate, ai paesi del terzo mondo.
    • chef scrive:
      Re: E' giusto che si paghi di più
      Anche l'automobile all'inizio del secolo era un bene per straricchi.Se vuoi possiamo tornare al medioevo, cosi' ci guadagnano in salute anche i nostri polmoni, finalmente liberi dalle polveri sottili.ma che scrivo a fare ... probabilmente hai una paccata di azioni di qualche gestore telefonico.
    • Anonimo scrive:
      Re: E' giusto che si paghi di più
      Ti suggerisco di guardare il calendario... un discorso del genere lo potevi fare nel lontano 1985, non adesso. È qualche annetto che il cellulare non lo hanno solo pochi italiani straricchi, ma anche i figli dei cassaintegrati FIAT. (Solo per fare un esempio di una categoria di persone non particolarmente abbiente)- Scritto da: Anonimo
      Il cellulare è un bene di lusso che
      hanno pochi italiani straricchi, quindi
      è giusto che le tariffe siano
      più care.
      In economia si sa che vanno tartassati i
      più ricchi per poter dare
      serenità e benessere alle fasce
      economiche più fragili.
      Quindi viva i tariffoni per i cellulari!
  • JackMauro scrive:
    Le tariffe WAP GPRS...
    Siccome in italia c'è vera concorrenza, WAP via GPRS costa poco, solo 3 cent al kilobyte scambiato, qualsiasi operatore si prenda in considerazione.Peccato che 3 cent al kb faccia 30? al mega !!!...Ma la gente non sa fare i conti?voglio dire...30 euronon noccioline1 mbquasi il contenuto di un floppy...è un prezzo FOLLE!!!!--Jackhttp://jack.logicalsystems.it/homepage
    • TPK scrive:
      Re: Le tariffe WAP GPRS...
      - Scritto da: JackMauro
      Siccome in italia c'è vera
      concorrenza, WAP via GPRS costa poco, solo 3
      cent al kilobyte scambiato, qualsiasi
      operatore si prenda in considerazione.

      Peccato che 3 cent al kb faccia 30? al
      mega !!!

      ...Ma la gente non sa fare i conti?
      voglio dire...
      30 euro
      non noccioline
      1 mb
      quasi il contenuto di un floppy...
      è un prezzo FOLLE!!!!

      --
      Jack
      jack.logicalsystems.it/homepage L'anno scorso, appena comprato il cellulare, ho fatto un test:ho cercato su Google Wind.it, e da li sono andato al sito Wind.Costi:GSM: 30 centGPRS: 3 euro
      • fasibia scrive:
        Re: Le tariffe WAP GPRS...

        L'anno scorso, appena comprato il cellulare,
        ho fatto un test:
        ho cercato su Google Wind.it, e da li sono
        andato al sito Wind.
        Costi:
        GSM: 30 cent
        GPRS: 3 euroQuoto.Ricoverato in ospedale dopo un incidente, senza giornali né tv, decido di scaricare un gioco sul cell. Vodafone.Clicco giochi, in un paio di menu WAp lo scelgo. Mi dice che sto per spendere 5 euro. annullo e chiamo google. Non cerco niente. E chiudo. meno di un minuto, nessuna immagine scaricata.2.90 euro.Spero che muoiano, carogne...
Chiudi i commenti