Lo shoescanner evita i piedi nudi

Servirà negli aeroporti per incrementare la sicurezza ed evitare ai passeggeri di doversi togliere le scarpe per i controlli. L'idea viene da Israele


Gerusalemme – Al Ben Gurion Airport verrà collaudato nelle prossime settimane un singolare nuovo sistema di analisi per la sicurezza dei voli aerei messo a punto da una ditta israeliana. Un apparato che dovrebbe sostituire l’analisi manuale delle scarpe dei passeggeri, un’analisi che oggi costringe migliaia di persone a togliersi le calzature in aeroporto per consentire alle autorità di compiere le dovute ispezioni.

Il sistema l’ha tirato fuori la semisconosciuta Ido Security, azienda che fa capo ad Avi Kostalitz, ex direttore generale degli aeroporti israeliani.

L’apparato si chiama SafeShoe e secondo l’ Haretz Daily è in grado di sapere in pochi secondi se nelle scarpe sono nascosti degli esplosivi. Basato su una tecnologia brevettata dall’azienda e già autorizzata dalla Israel Standards Association, SafeShoe è un device portatile che costa oggi attorno ai 10mila dollari.

Sulla tecnologia utilizzata si sa poco ma viene dichiarato che non usa raggi x né altri sistemi che potrebbero mettere a rischio la salute dei passeggeri. L’idea evidentemente è quella di aumentare la sicurezza riducendo il disagio di chi viaggia.

SafeShoe sarà sul mercato internazionale entro pochi mesi.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    fantastico...
    fa piacere sapere che qualcuno usa lo strumento informatico per applicazioni come queste.Mi domando a che livello di complessità potranno arrivare le simulazioni di dinamica molecolare da qui a dieci anni...
    • Anonimo scrive:
      Re: fantastico...
      - Scritto da: Anonimo
      fa piacere sapere che qualcuno usa lo
      strumento informatico per applicazioni come
      queste.
      Mi domando a che livello di complessità
      potranno arrivare le simulazioni di dinamica
      molecolare da qui a dieci anni...30 anni si simulavano pochi atomi sui migliori computer, oggi si simulano milioni di particelle onc potenziali classici o decine-centinaia con descrizione quantistica. Penso che fra dieci anni si fara la modellazione della deformazione plastica macriscopica con descrizione classica e sistemi con migliaia di atomi in modellazione quantistica.In questo caso la modellazione è resa complessa dalle code 1/r che in gravitazione non si possono eliminare
  • Anonimo scrive:
    Articolo penoso
    .Frullatore (molto)meglio dello scarpone(dx) da sci
  • ldsandon scrive:
    Telescopio e computer complementari
    Telescopio e computer sono complementari, non "concorrenti".Ad esempio"Ma poi ci si rese conto che le cose non erano così semplici e che l'Universo era pieno di dischi in cui gas e numerosissime stelle coesistono da lunghissimo tempo, altre galassie che oggi sappiamo avere un'età di parecchi miliardi di anni"possono averlo solo confermato osservazioni telescopiche, non un computerPoi il computer permette di simulare l'evoluzione dinamica di un sistema su tempi scala di milioni di anni.E deve produrre risultati che siano compatibili con le osservazioni...
Chiudi i commenti