Lombardia, l'informatica fa latte?

Comunicato dei Verdi

Roma – Riceviamo e pubblichiamo un comunicato stampa diffuso dal Gruppo Consiliare dei Verdi in Lombardia:
“L’informatica in Lombardia fa latte da tutte le parti. E non ce ne vogliano i produttori indipendenti e i professionisti che con competenza lavorano nel settore informatico, ma è evidente che nell’approvvigionamento di software da parte della Pubblica Amministrazione lombarda qualcosa non funzioni.

Speravamo che con il 2006 si fosse chiuso l’annus horribilis dell’informatica in Regione Lombardia. Ricordiamo il caso Kamasutra, il virus che l’anno scorso bloccò per alcuni giorni l’intero sistema informatico del comune di Milano, e il blocco dei server, sempre a causa di un virus, della Regione Lombardia lo scorso agosto e per l’intero mese.

Apprendiamo invece che il 2007 comincia sotto i peggiori presagi. Per un errore informatico, dice l’Assessore Beccalossi, sono stati erogati contributi anche a coloro che non ne avevano diritto, a compensazione delle “multe latte” non pagate: un evidente danno per i produttori di latte in regola e per tutti i cittadini. Sempre l’Assessore dice che l’errore è stato nell’incrociare due banali data base. Ci domandiamo quale sia il grado di standardizzazione nell’utilizzo del software tra gli enti della Pubblica Amministrazione, dal momento che se due data base non si parlano la stessa lingua, siamo di fronte a una difficoltà grave.

Ben venga quindi l’iniziativa del Presidente della IV commissione Saffioti che su proposta mia e del Tavolo Regionale “Politica del Software” avvierà un percorso di audizioni al fine di arrivare a un progetto di legge per l’utilizzo dei formati aperti e la promozione del software libero. In Lombardia e, soprattutto, nella pubblica amministrazione lombarda c’è tanto bisogno di aprirsi al mercato e smantellare i monopoli. Forse e finalmente i cittadini potranno avere qualche garanzia in più sulla gestione informatica della cosa pubblica.

Una nota a margine che a questo punto diventa importante: speriamo che la gestione dei dati sensibili contenuti nella carta sanitaria questi errori non avvengano mai. In quel caso non si tratterebbe di denaro ma della privacy di tutti i cittadini.

Marcello Saponaro
consigliere regionale dei Verdi”

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Neanche i rifiuti normali
    smaltiscono laggiù figuriamoci quelli hi-tech.
    • Anonimo scrive:
      Re: Neanche i rifiuti normali
      :@ che razza di gente.. ma come ti permetti di rispondere in questo modo?
      • longinous scrive:
        Re: Neanche i rifiuti normali
        - Scritto da:
        :@ che razza di gente.. ma come ti permetti di
        rispondere in questo
        modo?Vuoi negare che abbia ragione a dire che non smaltiscono i rifiuti normali?
        • ryoga scrive:
          Re: Neanche i rifiuti normali
          - Scritto da: longinous

          - Scritto da:

          :@ che razza di gente.. ma come ti permetti di

          rispondere in questo

          modo?
          Vuoi negare che abbia ragione a dire che non
          smaltiscono i rifiuti
          normali?Non gli abitanti di Napoli.Ma la società appaltatrice preposta che non provvede alla raccolta e allo smaltimento.Tutto cio' con il menefreghismo delle autorità competenti ( Bassolino in primis ) [magari in accordi con la malavita organizzata?].
          • Anonimo scrive:
            Re: Neanche i rifiuti normali

            Non gli abitanti di Napoli.AHAHAHAHAHAHAHAAHlasciamo perdere il senso civico degli abitanti di Napoliun napoletanoche prima è espatriato da Napolie ora sta per espatriare dall'italia
      • Anonimo scrive:
        Re: Neanche i rifiuti normali
        Ma dove vivi ???Su Marte ??Concordo in pieno, pensassero a smaltire prima i rifiuti normali, invece di scricarli per strada...Altro che rifiuti hi-tech............Le scene che ho visto di persona a Napoli sono da paese del terzo mondo.
        • ryoga scrive:
          Re: Neanche i rifiuti normali
          - Scritto da:
          Ma dove vivi ???
          Su Marte ??
          Concordo in pieno, pensassero a smaltire prima i
          rifiuti normali, invece di scricarli per
          strada...
          Altro che rifiuti hi-tech............
          Le scene che ho visto di persona a Napoli sono da
          paese del terzo
          mondo.Ringrazia le autorità locali ed il governo attuale se Napoli e' divenuto tale.La colpa non e' dei Napoletani che "purtroppo" come ogni altro essere vivente genera rifiuti, ma di un sistema politico regionale e nazionale CORROTTO che invece di utilizzare gli impianti esistenti pensa di trovare nuove zone di smaltimento.Tutto cio' per non andare contro la malavita organizzata presente sul territorio.Grazie Bassolino e Grazie Iervolino
          • Anonimo scrive:
            Re: Neanche i rifiuti normali
            - Scritto da: ryoga

            - Scritto da:

            Ma dove vivi ???

            Su Marte ??

            Concordo in pieno, pensassero a smaltire prima i

            rifiuti normali, invece di scricarli per

            strada...

            Altro che rifiuti hi-tech............

            Le scene che ho visto di persona a Napoli sono
            da

            paese del terzo

            mondo.

            Ringrazia le autorità locali ed il governo
            attuale se Napoli e' divenuto
            tale.

            La colpa non e' dei Napoletani che "purtroppo"
            come ogni altro essere vivente genera rifiuti, non di tutti i napoletani ovviamente ma di molti sì, non si può dare la colpa solo ai politici localiperchè i politici sono l'espressione della gente e del territorio in cui vivono. Finchè la gente scende in piazza solo per la squadra di calcio e non per questione più serie, non cambierà mai niente a napoli a roma a milano in italia tutta. Basta vedere la storia dell'ospedale romano fatta vedere ieri sera.
          • Anonimo scrive:
            Re: Neanche i rifiuti normali

            sì, non si può dare la colpa solo ai politici
            localiperchè i politici sono l'espressione della
            gente e del territorio in cui vivono. PAROLE SANTE...
          • Alucard scrive:
            Re: Neanche i rifiuti normali
            - Scritto da: ryoga

            - Scritto da:

            Ma dove vivi ???

            Su Marte ??

            Concordo in pieno, pensassero a smaltire prima i

            rifiuti normali, invece di scricarli per

            strada...

            Altro che rifiuti hi-tech............

            Le scene che ho visto di persona a Napoli sono
            da

            paese del terzo

            mondo.

            Ringrazia le autorità locali ed il governo
            attuale se Napoli e' divenuto
            tale.

            La colpa non e' dei Napoletani che "purtroppo"
            come ogni altro essere vivente genera rifiuti, ma
            di un sistema politico regionale e nazionale
            CORROTTO che invece di utilizzare gli impianti
            esistenti pensa di trovare nuove zone di
            smaltimento.

            Tutto cio' per non andare contro la malavita
            organizzata presente sul
            territorio.

            Grazie Bassolino e Grazie Iervolino

            Peccato che questi errori (anzi, orrori) dell'amministrazione ricadano poi sul senso civico dei napoletani. Non nascondiamolo, molti napoletani non se ne fottono proprio di che finire farà la loro spazzatura, della raccolta differenziata, di come produrre meno rifiuti e di come si muove l'amministrazione. Per molti l'importante è non ritrovarsi cataste di spazzatura sotto casa, se poi la camorra la mette giusto dietro l'angolo tutti contenti.Un po' come Fioroni che per nascondere il bullismo censurerebbe google. Secondo me si dovrebbero riformare da zero sia il senso civico dei napoletani che l'amministrazione locale.E tutto questo lo dico da "torrese" :(
Chiudi i commenti