L'ombra di FTC su Warner Bros Home Entertainment

Il produttore di videogame chiamato a rispondere del marketing per la promozione di Shadow of Mordor. Si è trattato, a torto o ragione, di pubblicità occulta

Roma – Warner Bros Home Entertainment ha pagato il noto youtuber “PewDiePie” (al secolo Felix Arvid Ulf Kjellberg), e altri cosiddetti influencer , nell’ambito di una campagna di marketing da centinaia di migliaia di dollari per promuovere il videogame “Middle Earth: Shadow of Mordor” senza che ciò fosse chiaro ai visitatori che hanno visualizzato i video sponsorizzati. Lo ha annunciato la Federal Trade Commission (FTC), l’autorità statunitense che si occupa della correttezza delle pratiche commerciali, criticando fortemente l’operato della società di videogame.

La campagna prevedeva la creazione di video sponsorizzati che hanno generato oltre 5,5 milioni di view: secondo gli accordi, gli influencer dovevano promuovere il gioco in modo positivo, senza svelare l’esistenza di “bachi” o difetti eventualmente rilevati giocando. Secondo l’autorità USA, solo i video di Kjellberg – giovane comico svedese divenuto famoso grazie alla sua attività su YouTube, il suo canale ha raggiunto 1 milione di iscritti nel 2012 – sono stati visti 3,7 milioni di volte.

Felix Arvid Ulf Kjellberg, in arte PewDiePie

FTC sostiene che Warner non abbia dato agli influencer istruzioni di rivelare chiaramente l’accordo nelle loro attività sul web. Dal canto suo, la società editrice di videogame sostiene di aver detto ai partecipanti di mettere l’avviso nel box di descrizione collocato sotto al video: ma per poterlo vedere spesso il visitatore deve cliccare il tasto “Show More”. L’avviso, inoltre, sarebbe del tutto nascosto quando inserito nei post di Facebook o Twitter.

Secondo il rapporto FTC, nell’intento di creare interesse nella comunità di giocatori per il suo videogame fantasy del 2014 basato sui film “The Hobbit” e “Il Signore degli Anelli”, l’agenzia di pubblicità della Warner Bors, Plaid Social Labs, ha pagato gli influencer per creare video sponsorizzati che promuovessero il titolo, postarli su YouTube, Twitter e Facebook. Agli influencer sono stati concessi accessi privilegiati al gioco e pagate somme che vanno dalle decine alle centinaia di migliaia di dollari per favorire il titolo. “I consumatori hanno il diritto di sapere se i recensori stanno fornendo le proprie personali opinioni o commenti pagati”, è stata la dichiarazione del direttore dell’Ufficio Protezione Consumatori della FTC riportata da CNET : “Società come Warner Bros devono essere trasparenti con i consumatori circa le loro campagne pubblicitarie online”.

Questo genere di contenuti sponsorizzati inizia a essere alquanto diffuso sul web. Da circa un anno FTC sta tenendo sotto osservazione la pubblicità nativa e le promozioni online: nella primavera scorsa ha accusato Lord&Taylor, la più antica catena di grandi magazzini di lusso degli Stati Uniti, di uso ingannevole della pubblicità nativa; in questo caso, a cinquanta influencer erano state pagate cifre dai 1.000 ai 4.000 dollari per ogni foto di sé postata su Instagram nella quale indossavano lo stesso vestito di cachemire nello stesso fine settimana con l’hashtag “#designLab”.

Con la sua risoluzione FTC ha ordinato alla Warner Bros di seguire linee guida che prevedano di istruire gli influencer su come rivelare gli accordi, monitorare i video perché siano compatibili e se necessario, di bloccare gli accordi di pagamento se queste misure non vengono adottate. FTC ha inoltre diffidato l’editore di videogame dall’intraprendere in futuro simili pratiche di marketing, pena il rischio di sanzioni civili e di essere rinviata davanti alla corte federale. Per il momento il colosso dell’intrattenimento non ha commentato né risposto.

Pierluigi Sandonnini

fonte immagine

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • socialobserv scrive:
    Una sceneggiata per gonzi
    Facebook campa vendendo dati ed è un sistema di schedatura formidabilea disposizione delle agenzie di sicurezza.Finirà come al solito in un nulla di fatto.
  • ... scrive:
    se fa fare soldi, non si oscura
    questa e' la politica di facebook: mi porta soldi? ok, si tiene.anche i terroristi cliccano i banner, che vi credete?
  • uzza scrive:
    invece
    FB ha oscurato la pagina del sindaco di rovigo colpevole di aver affermato che non celebrerà matrimoni gay.
  • lemmon scrive:
    basta ismi
    Israele è una vera e propria peste che imperversa nel mondo da millenni.Un popolo sadomasochista all'ultimo stadio, che ha trovato frenquentemente i suoi carnefici, che attira puntualmente.Il primo principio di questo popolo è l'intolleranza, la quale richiama altrettanto dagli altri popoli, con le conseguenze storiche che conosciamo.L'ultima religione importante nel mondo risale a 1500 anni fa, e sarebbe ora di dire basta a tutti questi fuori di testa che impestano il mondo con le loro storielle da bambini dell'asilo, la loro fissità, intolleranza e aggressività impositrice.La spiritualità è un'altra cosa, e non nessun bisogno di una sovrastruttura infantile come la religione.Basta "ismi" di ogni genere, compresi gli infantilismi.Bisognerebbe cantare più spesso Imagine di Lennon, per farla diventare realtà.
    • panda rossa scrive:
      Re: basta ismi
      - Scritto da: lemmon
      L'ultima religione importante nel mondo risale a
      1500 anni fa, e sarebbe ora di dire basta a tutti
      questi fuori di testa che impestano il mondo con
      le loro storielle da bambini dell'asilo, la loro
      fissità, intolleranza e aggressività
      impositrice.L'ultima religione importante nel mondo e' molto piu' recente.Si tratta del Pastafarianesimo: l'unica vera assoluta religione dell'unica vera assoluta divinita'.Ramen!
      • ... scrive:
        Re: basta ismi
        - Scritto da: panda rossa
        - Scritto da: lemmon


        L'ultima religione importante nel mondo
        risale
        a

        1500 anni fa, e sarebbe ora di dire basta a
        tutti

        questi fuori di testa che impestano il mondo
        con

        le loro storielle da bambini dell'asilo, la
        loro

        fissità, intolleranza e aggressività

        impositrice.

        L'ultima religione importante nel mondo e' molto
        piu'
        recente.
        Si tratta del Pastafarianesimo: l'unica vera
        assoluta religione dell'unica vera assoluta
        divinita'.

        Ramen!non sarai mica uno degli eretici "panna prosciutto e piselli", eh? il Sacro Spaghetto va condito solo con pomodoro, al massimo, ragu'!
    • fanfan scrive:
      Re: basta ismi
      Imagine dovrebbe diventare il nuovo inno nazionale dell'Europa.Ma la vedo grigia, disse la vecchia baronessa specchiandosi nel lucido pavimento di marmo.
  • Nome e cognome scrive:
    ...
    Denuncia sacrosanta, e la richiesta di un miliardo é ancora troppo bassa.Facebook deve cominciare a prendersi le proprie responsabilitá come dobbiamo fare noi comuni mortali!
  • Mao99 scrive:
    Info
    Penso che Loro non siano gli unici a pensare che FB sia un mostro per quello che può fare e le informazioni personali che possiede e può rivendere e darle a chi vuole, ma siamo stati noi a darglieli, quindi colpa nostra.Per quanto riguarda il bloccare gli inni alla violenza, reclutamento persone, pubblictà e tutto il resto pensavo fosse ovvio ed automatico che avrebbero dovuto bloccare tutto questo... il mondo è pieno di utonti e babbi che se leggono ste cose poi le fanno... Non ci credo che non hanno mai fatto nulla a riguardo... costringeteli a farlo per carità...
    • panda rossa scrive:
      Re: Info
      - Scritto da: Mao99
      Penso che Loro non siano gli unici a pensare che
      FB sia un mostro per quello che può fare e le
      informazioni personali che possiede e può
      rivendere e darle a chi vuole, ma siamo stati noi
      a darglieli, quindi colpa
      nostra.Ma chi sei? Il papa?Evita il plurale maiestatis che non e' proprio il caso.
      • Mao99 scrive:
        Re: Info
        - Scritto da: panda rossa
        Ma chi sei? Il papa?
        Evita il plurale maiestatis che non e' proprio il
        caso.No, per fortuna non lo sono, starò più attento ok.
      • ... scrive:
        Re: Info
        - Scritto da: panda rossa
        - Scritto da: Mao99

        Penso che Loro non siano gli unici a pensare
        che

        FB sia un mostro per quello che può fare e le

        informazioni personali che possiede e può

        rivendere e darle a chi vuole, ma siamo
        stati
        noi

        a darglieli, quindi colpa

        nostra.

        Ma chi sei? Il papa?
        Evita il plurale maiestatis che non e' proprio il
        caso.il papa si e' democratizzato passando all'"io", e' la vecchia babbiona oltremanica e pochi altri ad essere rimasti al "noi".
Chiudi i commenti