Londra, meno biometria nelle card ID

Nuova rotta per le future carte d'identità britanniche: annullato il progetto di un unico database nazionale, cancellato lo scanning dell'iride. Rimangono impronte e riconoscimento del volto

Londra – Il Governo britannico ha trasformato quella che doveva essere una brusca virata dei progetti di carte di identità biometriche in un dolce “passo di valzer”. Dopo un anno di dibattito sulle nuove card , Londra ha deciso di affossare il progetto di creazione del mega-database che avrebbe dovuto archiviare e proteggere tutte le informazioni personali dei cittadini.

Non solo. Ha anche cancellato il tanto chiacchierato scanning dell’iride mantenendo “solo” impronte digitali e scansione del volto. Tutto questo, si dice ora, perché il Governo ha dato ascolto ai tecnici.

L’idea iniziale, avversata da più parti, prevedeva di rendere il National Identity Register (NIR) una sorta di SantaBarbara della biometria nazionale, con un archivio monumentale che contenesse tutti i dati dei britannici. Una soluzione che agli esperti non era proprio piaciuta . “Sono preoccupato per questo tipo di architettura e per come aggregherà così tante informazioni sensibili, comprese quelle biometriche, in un unico luogo. Ci sono modi migliori per implementare questo sistema. Come sostiene l’industria biometrica, sarebbe preferibile un’archiviazione settoriale”, aveva dichiarato Jerry Fishenden, technology advisor Microsoft per il Regno Unito.

Ebbene, il consiglio è stato ascoltato. “Questo genere di informazioni – biometriche, biografiche e amministrative – non hanno bisogno di essere archiviate da un singolo sistema. Per motivi di sicurezza, e sfruttare al meglio le peculiarità dei sistemi già esistenti, saranno stivate separatamente”, si legge nel documento del rinnovato progetto.

“Una delle questioni di fondo è che stavamo cercando di individuare una soluzione che permettesse di utilizzare gli asset governativi già esistenti. Il Department for Work and Pensions ( DWP ) dispone di un grande Customer Information System (CIS), e crediamo quindi che possa essere riutilizzato per archiviare anche i dati biometrici del National Identity Registry”, ha spiegato James Hall, CEO dell’ Identity and Passport Service .

La piattaforma CIS è già usata per l’archiviazione dei dati di tutte le persone che dispongono di un codice della Sanità nazionale; queste informazioni però non verranno semplicemente condivise con il nuovo network, ma rese accessibili solo quando le persone si doteranno della carta d’identità di nuova generazione. Per quanto riguarda i dati biometrici delle persone che desiderano asilo politico, invece, è certo che a breve termine saranno trasferiti al NIR. La decisione di escludere lo scanning dell’iride è una diretta conseguenza dei non soddisfacenti risultati dei primi test estivi.

Le prime card verranno distribuite nel 2009, ma solo nel 2010 i volumi cresceranno vistosamente. “La roadmap che abbiamo presentato rappresenta il meglio che possiamo fare, a livello di tempistica. Non è un campo totalmente inesplorato, quindi siamo certi di poter rispettare le scadenze”, ha concluso Hall.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • A. Monopoli scrive:
    sito www.roboetica.it
    Chi fosse interessato ad approfondire i temi correlati al contenuto di questo articolo è invitato a visitare il sito www.roboetica.it
  • Anonimo scrive:
    SINDACATI AL TAPPETO!!!
    Grazie a Operaio 2.0. :D :D :D :D :D (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
  • Kirisuto scrive:
    Assumere Bender?
    Come amico sarebbe uno spasso, ma come dipendente, un incubo! :| :)
  • Anonimo scrive:
    Andare a lavorare
    ed eliminare la fame nel mondo, altro che diritti dei robot!
    • Anonimo scrive:
      Re: Andare a lavorare
      - Scritto da:
      ed eliminare la fame nel mondo, altro che diritti
      dei
      robot!Scopare meno per avere meno bocche da sfamare.
  • Solvalou scrive:
    io ho paura dei robot stupidi
    Intanto perche' sono quelli che ci sono gia', poi perche' grazie al terrorismo, che proprio come negli anni di piombo sembra servire gli interessi dei poteri costituiti, i nostri cari governi ne possono costruire tranquillamente per il controllo del territorio.Se poi, danno anche a questi robot dei diritti per equiparare il luddismo a un omicidio o maltrattamento di animali, siamo fottuti.Su eventuali robot intelligenti, o successivamente vivi, si possono fare discorsi ovviamente diversi.
    • Anonimo scrive:
      Re: io ho paura dei robot stupidi
      - Scritto da: Solvalou
      Intanto perche' sono quelli che ci sono gia', poi
      perche' grazie al terrorismo, che proprio come
      negli anni di piombo sembra servire gli interessi
      dei poteri costituiti, i nostri cari governi ne
      possono costruire tranquillamente per il
      controllo del
      territorio.

      Se poi, danno anche a questi robot dei diritti
      per equiparare il luddismo a un omicidio o
      maltrattamento di animali, siamo
      fottuti.

      Su eventuali robot intelligenti, o
      successivamente vivi, si possono fare discorsi
      ovviamente
      diversi.Sono sicuro che i robot hanno paura di un minorato come te.
  • Alucard scrive:
    E gli animali?
    Questi si preoccupano dei diritti dei robot nel fantascientifico caso che diventino pari agli esseri umani (ovviamente sarei favorevole anche io) ma prima penso si debbano rivedere i diritti degli animali. E' bello comportarsi in puro stile nazista e sentirsi superiori alle altre razze ma è meno bello ammetterlo nascondendosi dietro la frasetta "sono soltanto animali", frase in puro stile nazista "sono soltanto ebrei".Spero che per il momento in cui i robot saranno considerati pari a noi gli animali godranno esattamente dei nostri stessi diritti.(probabilmente mi sono incasinato coi verbi, non fateci caso, ho Dvorak nelle orecchie e la mia attenzione è divisa in due :'( )
    • Lich scrive:
      Re: E gli animali?
      - Scritto da: Alucard
      Questi si preoccupano dei diritti dei robot nel
      fantascientifico caso che diventino pari agli
      esseri umani (ovviamente sarei favorevole anche
      io) ma prima penso si debbano rivedere i diritti
      degli animali. E' bello comportarsi in puro stile
      nazista e sentirsi superiori alle altre razze ma
      è meno bello ammetterlo nascondendosi dietro la
      frasetta "sono soltanto animali", frase in puro
      stile nazista "sono soltanto
      ebrei".
      Spero che per il momento in cui i robot saranno
      considerati pari a noi gli animali godranno
      esattamente dei nostri stessi
      diritti.

      (probabilmente mi sono incasinato coi verbi, non
      fateci caso, ho Dvorak nelle orecchie e la mia
      attenzione è divisa in due :'(
      )Beh ma è molto più semplice perdersi nelle spaculazioni idiote e fantascientifiche che affrontare problemi veri che coinvolgono esseri viventi qui e adesso, siano essi umani o animali.(cylon)
      • Anonimo scrive:
        Re: E gli animali?
        - Scritto da: Lich
        Beh ma è molto più semplice perdersi nelle
        spaculazioni idiote e fantascientifiche che
        affrontare problemi veri che coinvolgono esseri
        viventi qui e adesso, siano essi umani o
        animali.
        (cylon)Infatti... :@
  • Anonimo scrive:
    Finalmente ci si chiederà dove risiede..
    Finalmente ci si chiederà dove risiede la coscienza.. finalmente non potremo darci una risposta.. e finalmente la DISTOPIA.Qualcuno si è già accorto di ciò, è andato in alto e sta facendo del suo peggio.
    • Masque scrive:
      Re: Finalmente ci si chiederà dove risie
      - Scritto da:
      Finalmente ci si chiederà dove risiede la
      coscienza..in filosofia della mente, è da un pezzo che lo si fa. a tal proposito, ti consiglio la lettura del racconto/esprimento ideale di Daniel Dennett, "Dove Sono?" Cercando in rete troverai facilmente la versione inglese. Quella italiana la trovi nei libri "Brainstorms" e "L'io della mente".
  • Anonimo scrive:
    Azzardo una traduzione
    "Uno studio commissionato dal governo britannico [leggi: la cupola massonica mondiale] analizza [leggi: auspica e si batte per] uno scenario in cui i robot potrebbero affrancarsi dall'uomo [leggi: i robot, non essendo dotati di coscienza e sentimenti sarebbero l'ideale per funzioni di controllo del genere umano] e condurre una vita da ordinari cittadini [leggi: sarà lo strumento ideale per schiavizzare l'umanità]. Per riflettere sul domani tecnologico. [leggi: stiamo preparando il nuovo ordine mondiale]"
    • Anonimo scrive:
      Re: Azzardo una traduzione
      Quoto in pieno. Da tempo cominciavo a teorizzare che dovrebbe esistere una legge internazionale in cui un nucleo famigliare (e solo quello, non imprenditori o altri soggetti) può avere solo un robot e che questo può essere impiegato come tale nucleo crede meglio: cioé se può essere di utilità a casa o essere mandato a lavoro, e quindi essere anche di utilità economica. Questo perché altrimenti sostituendo i robot agli operai non lavora e non guadagna più nessuno. Tutti disoccupati senza soldi. Un automa propietario di una famiglia invece per essere impiegato deve essere assunto- e quindi costituire una rendita per la famiglia stessa. Cosa ne pensate?- Scritto da:
      "Uno studio commissionato dal governo britannico
      [leggi: la cupola massonica mondiale] analizza
      [leggi: auspica e si batte per] uno scenario in
      cui i robot potrebbero affrancarsi dall'uomo
      [leggi: i robot, non essendo dotati di coscienza
      e sentimenti sarebbero l'ideale per funzioni di
      controllo del genere umano] e condurre una vita
      da ordinari cittadini [leggi: sarà lo strumento
      ideale per schiavizzare l'umanità]. Per
      riflettere sul domani tecnologico. [leggi: stiamo
      preparando il nuovo ordine
      mondiale]"
      • Fiamel scrive:
        Re: Azzardo una traduzione
        [CUT]
        perché altrimenti sostituendo i robot agli operai
        non lavora e non guadagna più nessuno.Ti sfugge "solo" che ogni ditta (grossa o piccola che sia) avrà sempre bisogno di consumatori che comprino, perciò troveranno sempre il modo di farti avere un lavoro sufficiente a farti comprare i loro prodotti/servizi.L'unico vero pericolo sarà che gli umani diventino "obsoleti" rispetto ai robots e questi ultimi li sostituiscano nel ruolo di consumatori. Questo metterebbe in pericolo anche gli alti managers, il cui posto di lavoro potrebbe essere minacciato da robots più capaci di loro. Stai sicuro che quegli stessi managers faranno in modo che ciò non avvenga.[CUT]
      • Anonimo scrive:
        Re: Azzardo una traduzione
        - Scritto da:
        Quoto in pieno. Da tempo cominciavo a teorizzare
        che dovrebbe esistere una legge internazionale in
        cui un nucleo famigliare (e solo quello, non
        imprenditori o altri soggetti) può avere solo un
        robot e che questo può essere impiegato come
        tale nucleo crede meglio: cioé se può essere di
        utilità a casa o essere mandato a lavoro, e
        quindi essere anche di utilità economica. Questo
        perché altrimenti sostituendo i robot agli operai
        non lavora e non guadagna più nessuno. Tutti
        disoccupati senza soldi. Un automa propietario di
        una famiglia invece per essere impiegato deve
        essere assunto- e quindi costituire una rendita
        per la famiglia stessa. Cosa ne
        pensate?pensala così: noi abbiamo bisogno di lavorare perchè coi soldi ci compriamo le cose e i servizi. Se un giorno ci saranno robot che costruiranno i beni per noi, che faranno le cose per noi, che saranno in grado di costruire e riparare se stessi, cercare le risorse energetiche/minerarie per i propri componeneti ecc... ecc... non avremo più bisgno di lavorare per guadaganare e vivere
    • MandarX scrive:
      Re: Azzardo una traduzione
      Io Robot (il film) insegna
      • Masque scrive:
        Re: Azzardo una traduzione
        - Scritto da: MandarX
        Io Robot (il film) insegnaChe film orrendo!! o forse sarebbe meglio parlare di lunghissima marchetta per Converse, Audi e non mi ricordo chi altro. :(
  • Anonimo scrive:
    Più che interrogarsi
    sui diritti delle macchine umanizzate, dovrebbero interrogarsi su quelli degli umani robotizzati.(cylon)
    • Anonimo scrive:
      Re: Più che interrogarsi
      - Scritto da:
      sui diritti delle macchine umanizzate, dovrebbero
      interrogarsi su quelli degli umani
      robotizzati.
      (cylon)Come non quotarti! :(
  • Anonimo scrive:
    e quelli umani?
    Ma se UK e USA un po' alla volta stanno eliminando i più elementari diritti degli esseri umani?!... Vogliono mettersi a fare anche quelli dei robot?Anche i robot avranno il "diritto" di essere deportati a Guantanamo, o di essere "terminati" senza processo in casi siano sospetti terroristi?(cylon)
    • Anonimo scrive:
      Re: e quelli umani?
      - Scritto da:
      Ma se UK e USA un po' alla volta stanno
      eliminando i più elementari diritti degli esseri
      umani?!Dall'abolizione della tratta degli schiavi, alla parita' e al voto alle donne e diritti alle persone di colore in poi, pur con qualche passo indietro, ci risulta storicamente il contrario.Ma forse sei piu' informato tu, dato che di scarsi diritti te ne intendi: il cittadino italiano infatti ne ha meno dei cittadini inglesi e americani. Ma di questo non si cura, dei problemi in casa non scrive, perche' ha il nemico esterno da vilipendere e combattere.
      • Anonimo scrive:
        Re: e quelli umani?


        Ma se UK e USA un po' alla volta stanno

        eliminando i più elementari diritti degli esseri

        umani?!

        Dall'abolizione della tratta degli schiavi, alla
        parita' e al voto alle donne e diritti alle
        persone di colore in poi, pur con qualche passo
        indietro, ci risulta storicamente il
        contrario.
        Ma forse sei piu' informato tu [...]Ehm, ma se negli ultimi anni non si fa che parlare dello stato di polizia messo su in Gran Bretagna.
Chiudi i commenti