Londra: non toccate le cabine telefoniche

Oftel smentisce British Telecom: le cabine le usano tutti, anche quelli che hanno il cellulare. E servono tantissimo a chi si trova in affitto temporaneo o non dispone di linee fisse a casa

Londra – Le cabine telefoniche pubbliche sono una risorsa per il paese e vengono utilizzate da ampi strati della popolazione e, dunque, la loro sopravvivenza deve essere garantita: così si è espressa Oftel, l’autorità di regolamentazione del settore TLC in Gran Bretagna, sul futuro delle cabine telefoniche.

Il parere formulato dall’Autorità arriva dopo che, di recente, British Telecom aveva annunciato un piano per ridurre ulteriormente il numero delle cabine, sostenendo che le entrate sono in picchiata e l’uso del cellulare le rende sempre più inutili. In particolare, BT aveva annunciato che non avrebbe più prodotto e installato nuove cabine e avrebbe “razionalizzato” quelle esistenti.

Oftel, che sostiene di aver espresso un parere senza tenere conto delle scelte di BT, ha spiegato che le cabine devono continuare ad essere disponibili. Ricerche condotte dall’organismo di sorveglianza, infatti, sembrerebbero indicare che per molti cittadini inglesi le cabine sono ancora essenziali. Il 12 per cento della popolazione adulta, ha rilevato Oftel, utilizza le cabine.

Inoltre Oftel ha sottolineato che le persone che non dispongono di una linea fissa a casa propria, coloro che vivono in affitti temporanei o provvisori, come molti studenti, sono gli utenti che più spesso ricorrono alle cabine che, dunque, non avrebbero perso assolutamente il proprio “peso” nella vita di tutti i giorni. Oftel ha anche sostenuto che utenti delle cabine telefoniche sono anche i possessori di telefoni cellulari, smentendo così le ricerche condotte da BT che sembravano indicare esattamente il contrario. L’utente “mobile” userebbe spesso le cabine quando le batterie del cellulare si esauriscono o quando utilizzare il telefono pubblico significa risparmiare vistosamente sulla chiamata che si intende effettuare.

“Non contenta”, l’autorità TLC britannica ha anche ricordato a British Telecom che il suo status di fornitore del “servizio universale” la obbliga non solo a fornire cabine in tutto il paese ma anche ad offrire una serie di servizi collegati: “I prezzi dei servizi devono essere alla portata di tutti e distribuiti sul territorio, per garantire che gli utenti in tutto il Paese paghino la stessa cifra indipendentemente da dove si trovino”.

Stando alle ricerche effettuate da Oftel, l’affidabilità e la disponibilità sul territorio delle cabine telefoniche vengono considerate dal pubblico ancora molto importanti. E se sono molte le difficoltà dell’utenza a comprendere le diverse classi di prezzo per le chiamate, pare proprio che la maggioranza degli utenti delle cabine telefoniche siano disponibili a continuare ad utilizzarle anche a fronte di piccoli aumenti.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Re: Il Grande Toro!
    - Scritto da: pippo
    ... hahaha...

    Io corro ai ripari: vegetariano e
    agricoltura bio.vegetariono non ti salvi.....devi diventare vegano!!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Il Grande Toro!
      - Scritto da: ... huhhuh...


      - Scritto da: pippo

      ... hahaha...




      Io corro ai ripari: vegetariano e

      agricoltura bio.

      vegetariono non ti salvi.....devi diventare
      vegano!!!!Mi sa proprio che hai ragione!
Chiudi i commenti