Londra: studenti online anche fuori da scuola

Londra: studenti online anche fuori da scuola

Parte un progetto voluto dal Governo inglese: una task force di enti e imprese del settore didattico e società del mondo IT spingerà per portare Internet ai bambini. Ovunque si trovino
Parte un progetto voluto dal Governo inglese: una task force di enti e imprese del settore didattico e società del mondo IT spingerà per portare Internet ai bambini. Ovunque si trovino

Il Governo anglosassone è seriamente convinto che il futuro del paese sia legato alle competenze “digitali” e le capacità di accesso al Web delle nuove generazioni. Jim Knight, Ministro per l'Istruzione in carica, ha pungolato sulla questione non solo le scuole e le organizzazioni educative ma anche l'industria IT. Sfruttando il palco londinese del BETT , il più importante evento dedicato alla dimensione “educational” dell'ICT, ha lanciato il guanto di sfida. “Il cosiddetto digital divide non può essere tollerato per creare o rafforzare le divisioni sociali ed accademiche”, ha tuonato Knight, di fronte ad un parterre di tecnici ed esperti educatori.

Le stime sono piuttosto chiare: circa 800 mila bambini possono accedere al Web solo da scuola . La situazione, afferma Knight, deve essere affrontata al più presto con l'impegno di tutti. Il Governo, insomma, è intenzionato a creare una task-force che coaguli tutte le organizzazioni e sfrutti il know-how delle imprese per portare il web nelle case, in tutte le scuole e nei dopo-scuola . Intel, RIM e Dell hanno già fornito qualche possibile ricetta ma quello che Knight ha voluto sottolineare con il suo intervento è che “vi è bisogno di tutti, perché il Governo non può caricarsi sulle spalle tutto l'investimento”.

I dati confermano che gli investimenti ICT nelle scuole sono aumentati notevolmente negli ultimi 9 anni: si è passati dai 112 milioni di sterline del 1998 agli 801 milioni di sterline (1,2 miliardi di euro) di quest'anno. Ed entro il 2008 il Department for Education and Skills ha confermato che per disporre delle migliori tecnologie bisognerà investire nelle scuole non meno di 5 miliardi di sterline .

Le profonde convinzioni del Governo sono tutte nelle parole di Knight. “La tecnologia ha un grande impatto. Una scuola su cinque ha già integrato la tecnologia in tutte le attività educative. Vogliamo sfruttare al meglio questa opportunità, invece che ritrovarci domani completamente sopraffatti dal cambiamento”, ha spiegato il ministro.

Il BETT è il luogo delle nuove frontiere: quindi, non stupisce che perfino il Governo sostenga la possibilità dell'implementazione del “personalised learning”, ovvero l'opportunità per i bambini di scegliere corsi e materie che preferiscono in sinergia con le soluzioni di e-learning.

Ad occuparsi del “nuovo IT” scolastico sarà Becta , il Garante IT per le scuole che di recente era stato criticato da esponenti del Parlamento britannico perché si era opposto all'adozione delle tecnologie open nelle scuole. Polemiche che sembrano ora destinate a ripartire di slancio.

Dario d'Elia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

11 01 2007
Link copiato negli appunti