L'orrore in un pixel bruciato

Un giovane lettore racconta di come ha investito i suoi fondi in un monitor LCD di fascia alta che, però, riservava una sorpresina davvero sgradita


Roma – Gentile redazione di Punto Informatico, leggo da tantissimo tempo e ormai quotidianamente la vostra rivista. Mi soffermo spesso sulle lettere che vi mandando i miei colleghi lettori riguardo a problemi che incontrano in questo “pazzo” mondo dell’informatica. Ho sempre sperato di non seguire mai il loro esempio, di non trovarmi cioè nella posizione di scrivere dei problemi che sto avendo purtroppo ora io.

Premesso che ho 21 anni e che non posso permettermi di spendere molti soldi per il PC, ma che allo stesso tempo sono appassionato di computer da quando ero piccolo e specialmente di una periferica del computer: il monitor. Purtroppo ho sempre dovuto accontentarmi di monitor davvero orrendi, negli ultimi mesi però sono riuscito a conservarmi qualcosa e ieri ho “investito” in quello che credevo un fantastico monitor LCD.

Dopo infatti aver cercato quello che più mi soddisfacesse e che allo stesso tempo potessi permettermi ho deciso di prendere un Sony SDMHS95S… UNO SPETTACOLO…

Purtroppo però, una volta tornato a casa, sono stato subito preso dall’angoscia. Dopo aver speso piu di 400 euro (le vecchie 800 mila lire che per me equivalgono a mesi di sacrificio) mi accorgo che il mio monitor NUOVO ha un bel Pixel Difettoso.

Subito ho chiamato la Sony ma loro, appellandosi ad una legge, mi hanno detto che purtroppo solo se il mio monitor aveva piu di 8 pixel rotti lo avrebbero sostituito..

NON ho parole.. credevo di aver fatto un bell’acquisto di essere finalmente riuscito ad avere quello che volevo e invece ho solo un monitor che mentre vedo un film ha un bellissimo puntino verde che si vede.

Io non capisco perchè devo tenermi un prodotto che non soddisfa le mie richieste, anche perché leggo spesso la possibilità di recesso qualora il prodotto acquistato non soddisfi le richieste dell’acquirente. E’ come consentire ad una ditta di automobile di vendere una macchina nuova graffiata: anche se ci sono 6 graffi sul auto non fa niente, è considerata nuova.

Scusate lo sfogo ma mi piacerebbe che tutti coloro che si apprestano a prendere un monitor lcd facciano di tutto per vederlo acceso.

Vi ringrazio per la cortese attenzione

Cordiali Saluti,
Simone I.

Caro Simone
il problema che sollevi è il più comune cruccio di un acquirente di monitor LCD: ogni marca adotta politiche diverse ma più o meno tutte basano la possibilità di una sostituzione sulla quantità e sulla posizione dei pixel bruciati.
Non sempre è così: Asus da tempo sta estendendo la sua garanzia “Zero Bright Dot”, che porta alla sostituzione del monitor anche in presenza di un solo pixel difettoso.
Che in tutti gli altri casi sia il consumatore a dover fare le spese di una imperfezione di questo tipo credo la dica lunga sulla considerazione che leggi e produttori nutrono per l’utente finale.
Per concludere con un sorriso ti rimando a questa lettera : c’è anche chi, trovandosi nelle tue stesse condizioni, ha deciso di prenderla con una certa… filosofia.
Alla prossima, Lamb

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    ma comunque le cose sono molto meglio
    La notizia non sconvolge più di tanto: si sa che anche in Cina e altrove le multinazionali americane collaborano apertamente con i regimi per limitare l'accesso libero alle risorse.Peggio comunque hanno fatto le multinazionali che vendono armi...Tornando all'Iran è fondamentale però segnalare che:- resta uno dei paesi più liberi tra quelli non totalmente democratici: le opinioni scorrono sempre di più tra la gente sebbene non sia possibile superare gli scogli imposti dal clero.- la condizione femminile è molto migliore degli altri paesi musulmani: le donne possono guidare, condurre aziende, studiare all'università ecc... Resta il fazzoletto in testa, ma in altri paesi dove non è obbligatorio le compressioni delle altre libertà sono maggiori- negli ultimi dieci anni ho notato un progressivo miglioramento: una volta internet per loro era solo posta elettronica con accesso telnet su server unix (per intenderci schermo nero e banda di 2.400 bit al secondo, troppo poco per un allegato).Oggi sceggiano come pazzi e gli internet point sono ovunque nel paese, sebbene con qualche filtrino...Il paese è molto moderno (soprattutto nelle città principali) la gente è splendida e ospitale, non vi sono problemi di ordine pubblico e non manca ogni comodità, non vi sono malattie endemiche e con la vita così a buon mercato è anche un'ottima meta turistica, se evitate l'estate torrida, visto che la vostra donna dovrà portare un fazzoletto in testa anche se non è del luogo...Max
    • Funz scrive:
      Re: ma comunque le cose sono molto megli
      Ceerto, si vive bene e si naviga veloci (sui siti fondamentalisti?), di fronte a questo che vuoi che sia non avere la liberta'?
      • Anonimo scrive:
        Re: ma comunque le cose sono molto megli
        - Scritto da: Funz
        Ceerto, si vive bene e si naviga veloci (sui siti
        fondamentalisti?), di fronte a questo che vuoi
        che sia non avere la liberta'?qui da noi invece abbiamo piena libertà di guardare G.F., Costantino e le Lecciso.... che bella libertà, sopratutto che bei valori andati in fumo!
        • Anonimo scrive:
          Re: ma comunque le cose sono molto megli
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Funz

          Ceerto, si vive bene e si naviga veloci (sui
          siti

          fondamentalisti?), di fronte a questo che vuoi

          che sia non avere la liberta'?

          qui da noi invece abbiamo piena libertà di
          guardare G.F., Costantino e le Lecciso.... che
          bella libertà, sopratutto che bei valori andati
          in fumo!Sei OTA prescindere dai valori espressi dai contenuti dei palinsesti italiani, noi almeno abbiamo la facoltà di vedere certa roba, poi se non vogliamo possiamo sempre spegnere il televisore. Loro anche se volessero vedere certe schifezze, non potrebbero perchè lo stato non lo permetteAmuro
          • Anonimo scrive:
            Re: ma comunque le cose sono molto megli

            noi almeno abbiamo la
            facoltà di vedere certa roba,certa roba meglio nn vederla....posso avere la facoltà di vedere Biagi?
            poi se non vogliamo
            possiamo sempre spegnere il televisore. lo so che possiamo.... ma quanti italiani lo fanno?
          • Anonimo scrive:
            Re: ma comunque le cose sono molto megli
            - Scritto da: Anonimo

            noi almeno abbiamo la

            facoltà di vedere certa roba,

            certa roba meglio nn vederla....
            posso avere la facoltà di vedere Biagi?Beato che che non ti sei dovuto sorbire per vent'anni le leccate di culo che il vecchio Enzone da Sasso Marconi faceva ai potenti di allora.Prova a leggerti IL SIGNOR FIAT per capire cosa dico.Poi che sia favorevole alla sua censura ti direi di no.Nemmeno per un vecchio trombone come lui.



            poi se non vogliamo

            possiamo sempre spegnere il televisore.

            lo so che possiamo.... ma quanti italiani lo
            fanno?E allora? Che ca~~o vuoi? Educare la gente col vetriolo, come facevano in passato i Pasdaran con le donne iraniane che non portavano il velo?
          • gattosiamese scrive:
            Re: ma comunque le cose sono molto megli
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: Funz


            Ceerto, si vive bene e si naviga veloci (sui

            siti


            fondamentalisti?), di fronte a questo che vuoi


            che sia non avere la liberta'?



            qui da noi invece abbiamo piena libertà di

            guardare G.F., Costantino e le Lecciso.... che

            bella libertà, sopratutto che bei valori andati

            in fumo!
            Sei OT

            A prescindere dai valori espressi dai contenuti
            dei palinsesti italiani, noi almeno abbiamo la
            facoltà di vedere certa roba, poi se non vogliamo
            possiamo sempre spegnere il televisore. Loro
            anche se volessero vedere certe schifezze, non
            potrebbero perchè lo stato non lo permette

            Amurovabbèil canone però devi pagarlo lo stesso..........
    • Anonimo scrive:
      Volevo solo dare una visione completa
      Se leggiamo la nostra stampa l'Iran fa spesso la parte del cattivo, e viene anche accomunato ad altri stati retrogradi, invece non è così retrogrado come sembra, sebbene vi sia comunque un regime fondamentalista.Questo era lo scopo del mio intervento.Non posso certo difendere un regime del genere che ha fatto molti danni e molti morti, resta però il fatto che per mantenere l'ordine pubblico il regime ha fatto anche delle importanti concessioni che altrove non si verificano. Questo andava precisato.Si naviga bene e veloci su molti siti internazionali, su alcuni ci sarà la sempre più sofisticata censura di cui all'articolo, ma almeno si naviga e si discute quotidianamente...Non ci scordiamo che l'Arabia, alleata dell'America, ricca e strasfondata di soldi è il paese dove le donne non possono fare altro che chiudersi in casa e dove i cellulari multimediali sono vietati se hanno la fotocamera...Se poi parliamo delle altre restrizioni religiose mi verrebbe quasi da tirare fuori il vecchio detto:- internet+ cabernetMax
      • gattosiamese scrive:
        Re: Volevo solo dare una visione complet
        - Scritto da: Anonimo
        Non ci scordiamo che l'Arabia, alleata
        dell'America, ricca e strasfondata di soldi è il
        paese dove le donne non possono fare altro che
        chiudersi in casa e dove i cellulari multimediali
        sono vietati se hanno la fotocamera...quoto
Chiudi i commenti