L'uomo chiederà alle macchine di evolversi

Punto Informatico intervista Alan Ganek, tecnologo e dirigente di IBM, esperto di autonomic computing, per tracciare un primo quadro sul futuro delle macchine. La loro complessità potrà essere governata nella forma, non nel merito

Milano – Il percorso dell’innovazione potrebbe portare a macchine a tal punto complesse da non essere più gestibili dall’uomo, non tanto in termini di capacità quanto sotto il profilo dei costi e dei benefici . Non si tratta di uno scenario futuribile che appassiona analisti hi-tech, ma di un tema tra i più dibattuti nella comunità scientifica internazionale. Anche per l’impatto in termini di business che può generare la corsa alla complessità . Di questo tema Punto Informatico ha parlato con Alan Ganek (nella foto qui sotto), vicepresidente responsabile della divisione Autonomic Computing di IBM, presente nei giorni scorsi a Monza per un evento di presentazione delle nuove soluzioni software ideate da Big Blue.

Alan Ganek Punto Informatico: Mister Ganek, molti osservatori affermano che lo sviluppo dell’informatica e quello delle reti sono prossimi a un bivio: il proliferare delle informazioni disponibili e la necessità di disporre di soluzioni in grado di elaborarle stanno conducendo a un livello di complessità dei sistemi senza precedenti e presto i conti potrebbero non tornare più. Si rischia, insomma, di superare le capacità umane o quanto meno l’utilità di gestire macchine così complesse. È d’accordo?
Alan Ganek: È un tema di cui si discute da tempo, soprattutto per le implicazioni di business. Allo stato attuale ci sono tre linee di tendenza nel processo di semplificazione dei data center: da una parte si cerca di semplificare l’infrastruttura, dall’altra di migliorare i processi di controllo e gestione delle macchine, attraverso una gestione integrata dei sistemi che garantiscono il controllo e la gestione dei data center. Tra i nostri clienti assistiamo a un progressivo spostamento verso i network basati sulla rete Internet e al consolidamento dei loro server distribuiti in un BladeCenter. Strategie che contribuiscono a migliorare l’efficienza, riducendo al contempo i consumi energetici.

PI: Queste strategie saranno sufficienti a evitare che la situazione sfugga di mano?
AG: Queste sono le strade praticabili al momento e che possono garantire buoni risultati. Lo stesso vale per quanto riguarda i processi, con un’attenzione crescente verso l’It Infrastracture Library (ITIL), che consente l’ottimizzazione degli stessi basata sulle pratiche che si sono rivelate vincenti.

PI: È possibile immaginare macchine capaci di autogestirsi in modo da ridurre da sole la propria complessità?
AG: È questa la direzione verso cui si sta muovendo l’industria. Per quanto ci riguarda, abbiamo lanciato nell’ormai lontano 2001 un ragionamento sull’autonomic computing per ridurre l’intervento umano.

PI: Di cosa si tratta nello specifico?
AG: Partiamo dalla considerazione che, in un sistema capace di autogestirsi, l’uomo deve limitarsi a definire le regole generali di funzionamento senza interessarsi della gestione pratica.
Il progetto dell’autonomic computing abbraccia i concetti di: auto-configurazione (intesa come possibilità di adattare il sistema ai veloci cambiamenti dell’ambiente esterno, aumentando così la sua velocità di risposta), auto-ottimizzazione (per ottenere un’efficienza operativa mediante il tuning delle risorse e del carico di lavoro), auto-gestione e auto-protezione (per mettere al sicuro informazioni e risorse anticipando, rilevando, identificando e proteggendo il sistema da attacchi maliziosi e non).

a cura di Luigi dell’Olio

da War Games

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • anonimo scrive:
    17 è pedo in Italia: Legge 269(98
    spiacente
  • fesseria scrive:
    Re: Hano 1000 buone ragioni per scoprire...
    Belle cose! Alla faccia dei bambini!
  • ... scrive:
    Re: Hano 1000 buone ragioni per scoprire...
    esatto, il tuo discorso è giustissimosuccede lo stesso per le guardie forestali, nel 90% dei casi gli incendi sono appiccati da chi poi deve spegnerli o proteggere le foreste, perché altrimenti perderebbero tutti il posto
    • rotfl scrive:
      Re: Hano 1000 buone ragioni per scoprire...
      - Scritto da: ...
      esatto, il tuo discorso è giustissimo
      succede lo stesso per le guardie forestali, nel
      90% dei casi gli incendi sono appiccati da chi
      poi deve spegnerli o proteggere le foreste,
      perché altrimenti perderebbero tutti il
      postoSi' certo, come no. Inoltre:- le malattie sono create al 97.3% dai medici- i ladri e gli assassini sono al 92.1% poliziotti che poi fanno finta di dare la caccia a ladri e assassini- i veterinari vanno in giro a infettare cani e gatti altrimenti non avrebberlo lavoro- gli spazzini buttano spazzatura per le strade perche' altrimenti non ci sarebbe nulla da pulire- i lavacessi ca**no e pisciano ripetutamente nei cessi altrimenti non ci sarebbe nulla da pulire
      • SirParsifal scrive:
        Re: Hano 1000 buone ragioni per scoprire...

        - Scritto da: ...

        esatto, il tuo discorso è giustissimo

        succede lo stesso per le guardie forestali, nel

        90% dei casi gli incendi sono appiccati da chi

        poi deve spegnerli o proteggere le foreste,

        perché altrimenti perderebbero tutti il

        posto
        Si' certo, come no. Inoltre:Magari avrà sbagliato i toni e sicuramente l'esempio, ma il dicorso sui falsi volontari è purtroopo realtà:http://archiviostorico.corriere.it/1993/agosto/06/doloso_per_cento_dei_roghi_co_0_9308068171.shtmlhttp://archiviostorico.corriere.it/1994/luglio/07/piogge_Nord_temperature_calo_rischio_co_0_9407073974.shtmlSi tratta prevalentemente di stagionali addetti al rimboschimento e non di guardie forestali ed in questo caso i criminali appiccano effettivamente gli incendi e non si limitano a creare allarme, quindi il paraganone è sbagliato.Resta fermo il problema sollevato da laterzio sulla reale attività di molte onlus e sulla loro trasparenza.Purtroppo il mondo del volontaraiato (e parlo in generale) è spesso preda di soggetti privi di scrupoli che mirano soprattutto al loro tornaconto personale e per cui la ONLUS è solo uno strumento con cui evitare controlli ed accedere a benefici fiscali.
        - le malattie sono create al 97.3% dai mediciNon sei poi così lontano dal vero. Più che medici si tratta delle case farmaceutiche e più che creare malattie si crea allarme per malattie "nuove"http://www.mednat.org/malattie_inventate.htmhttp://archivio.panorama.it/scienze/articolo/idA020001035040.arthttp://www.ilbisturi.it/story_2866.htmlhttp://www.ariannaeditrice.it/articolo.php?id_articolo=2447
        - i ladri e gli assassini sono al 92.1%
        poliziotti che poi fanno finta di dare la caccia
        a ladri e
        assassiniNo lì è utilizzato l'allarme sociale per fini politici (ti dice nulla PATRIOT ACT? o DL ANTITERRORISMO?Le FdO son troppo serie per prestarsi a questi giochetti (quasi sempre almeno).
        - gli spazzini buttano spazzatura per le strade
        perche' altrimenti non ci sarebbe nulla da
        pulireNon gli spazzini, ma le società di gestione e smaltimneto. Anche l'emergenza spazzatura è spesso artificialmente gonfiata (e qui spesso con interventi diretti della criminalità che lucra poi sugli appalti.http://archiviostorico.corriere.it/1995/febbraio/23/avvisi_garanzia_per_business_della_co_10_9502233963.shtmlhttp://www.paololiguori.com/tag/spazzatura/http://www.ariannaeditrice.it/articolo.php?id_articolo=18864http://www.striscialanotizia.mediaset.it/template/template_rifiuti.shtml
        - i lavacessi ca**no e pisciano ripetutamente nei
        cessi altrimenti non ci sarebbe nulla da
        pulireCOsa facciano i lavacessi non so, ma tu sicuramenrte l'hai fatta fuori dal vaso.Qui si parla di allarmismo ingiustificato, è diverso dai tupoi esempi.Un consiglio: prima di postare leggere e capire.
        • rotfl scrive:
          Re: Hano 1000 buone ragioni per scoprire...
          - Scritto da: SirParsifal
          COsa facciano i lavacessi non so, ma tu
          sicuramenrte l'hai fatta fuori dal
          vaso.
          Qui si parla di allarmismo ingiustificato, è
          diverso dai tupoi
          esempi.
          Un consiglio: prima di postare leggere e capireMi sa che invece devi farlo tu. Quando uno posta messaggi che afferma che il 90% degli incendi sono appiccati da "finte guardie forestali", non puoi controbattere che "ha sbagliato i toni, ma e' vero che succede nel 2% dei casi"... semplicemente ha detto una cazzata indifendibile.
          • sirparsifal scrive:
            Re: Hano 1000 buone ragioni per scoprire...

            Mi sa che invece devi farlo tu. Quando uno posta
            messaggi che afferma che il 90% degli incendi
            sono appiccati da "finte guardie forestali", non
            puoi controbattere che "ha sbagliato i toni, maHai dati di riferimento per dire che succede SOLO nel 2% dei casi?In ogni caso facciamola semplice:vero o falso che parte degli incendi sono appiccati dai "volontari"?vero o falso che i toni erano sbagliati?vero o falso che degli esempi da te poostati per fare lo spiritoso non ne hai azzeccato uno?
  • samu scrive:
    alcune domande
    a) non e' che il numero e' aumentato semplicemente perche' ora sapete cercare meglio ?b) come e' la normativa internazionale a riguardo, perche' sono un po' ignorante: puo' essere che una foto di una minorenne di 17 anni sia pedopornografia in italia ma non - ad esempio - negli usa o in tahilandia ?
    • preciso scrive:
      Re: alcune domande
      17 anni non è "pedo" nemmeno in Italia. Per pedofilia si intendono i bambini e ragazzini pre-pubertà. Negli USA poi sono molto più restrittivi che in occidente (con grosse differenze fra gli stati).Resta il fatto che fare il volontario per ravanare nei siti con bimbi nudi per me è da malati di mente, è un lavoro che spetta a poliziotti preparati anche psicologicamente.Altrimenti basta che un gruppo di pedofili si inventa una associazione e così fa tutte le porcate che gli pare sotto copertura.
      • bridgetjones74 scrive:
        Re: alcune domande
        vorrei solo dire 3 cose:- prima di tutto non si può generalizzare, solo perchè nel 1993-1994 ci sono stati dei casi di VAB che hanno appiccato incendi non vuol dire che lo facciano tutti- non tutti i volontari vengono pagati, nella maggior parte delle onlus i volontari non vengono pagati!!! quindi il riciclo di denaro lo fanno i fondatori della onlus non i volontari- i volontari operano tutti insieme presso la sede della onlus quindi difficilmente potranno abusare del permesso speciale che la polizia postale ha dato loro per indagare sulla presenza dei siti pedoXXXXXgrafici e non credo si mettano a fare atti osceni davanti agli altri volontari no? inoltre la polizia postale ha la possibilità attraverso l'ip del computer dell'associazione di controllare per quanto tempo e quante foto hanno visitato nel sito pedo individuato. I volontari non possono accedere ai siti pedo attraverso il proprio pc personale, nè possono soffermarsi a vedere tutte le foto e video nè possono cercare questi siti da casa loro. Queste informazioni le potete trovare nelle FAQ del sito della polizia. AH SCUSATE UN'ULTIMA DOMANDA: QUESTE SCUSE CHE SCRIVETE QUI SONO SCUSE PER NON SCUCIRE UN EURO ALLE ONLUS OPPURE PER NON MUOVERE UN DITO E FARE GLI INDIFFERENTI? CREDO CHE L'INDIFFERENZA SIA PEGGIORE DELLA SPECULAZIONE.. IO COMBATTO LA PEDOFILIA SE MI CAPITA CON SEGNALAZIONI ALL'ASSOCIAZIONE ARCOBALENO E CONTEMPORANEAMENTE AL SITO DELLA POLIZIA POSTALE E POSSO ASSICURARVI CHE NON SI PAGA NIENTE, E' GRATIS!!!QUALE SARA' LA VOSTRA PROSSIMA AFFERMAZIONE? CHE I VOLONTARI DELLE ONLUS STUPRANO BAMBINI PER CREARSI UN LAVORO PER IL QUALE NON VENGONO PAGATI? SOLO PER SENTIRSI IMPORTANTI? HA HA MA SMETTETELA IGNORANTI
  • MegaLOL scrive:
    PEDO BEAR alla riscossa!
    .......∩_____∩   |ノ    ヽ  /  ●  ● |   |   ( _●_)ミ 彡、   |∪|  、`\/ __  ヽノ /´
      )(___)   / (_/ |     / |  /\ \ | /    )  ) ∪    (  \ \_)
    • unaDuraLezione scrive:
      Re: PEDO BEAR alla riscossa!
      contenuto non disponibile
      • Il Trattore scrive:
        Re: PEDO BEAR alla riscossa!
        Nonciclopedia
        • unaDuraLezione scrive:
          Re: PEDO BEAR alla riscossa!
          contenuto non disponibile
          • Sgabbio scrive:
            Re: PEDO BEAR alla riscossa!
            sei confuso, lo so anche perchè pedo bear non è tanto un'invenzione di Noncilopedia, ma è un "meme" che gira in quasi tutto le image board straniere (almeno da quelle che ho visto io) esiste pure un sito dedicato che fa molto ridere con fotomontaggi vari. Ma non ricordo il nome.
    • loose scrive:
      Re: PEDO BEAR alla riscossa!
      - Scritto da: MegaLOL
      .......∩_____∩
        
      |ノ   

        /  ● 
        |   ( _●_)ミ
       彡、 
       |∪|  、`&
      / __ 
      ヽノ /´
       
      )
      (___)  &
       |     /
       |  /\ &
       | /   
      ) 
      )
       ∪   
      (  \
      \_)(rotfl)
  • Il Tarpone scrive:
    Mah...
    Ricordo un anno fa di essermi messo alla ricerca di questo materiale pedopornografico che si trova in rete. Ho provato di tutto e non ho trovato niente. Qui si parla addirittura di banner pubblicitari... Voglio dire: sono certo che la pedopornografia in rete esiste ed è un problema e tutto il resto, è solo che forse sono io che non so come trovarla.
    • xxxxxxxxxx scrive:
      Re: Mah...

      Voglio dire: sono certo che la pedopornografia in
      rete esiste ed è un problema e tutto il resto, è
      solo che forse sono io che non so come
      trovarla.Neppure io non ho mai visto nulla del generema lo sappiamo tutti che le molestie versoi minori si consumano nella stragrande maggioranzadei casi nella famiglia d'origine e che Internetnon c'entra una beneamate mazza.
      • Calibano scrive:
        Re: Mah...
        - Scritto da: Genoveffo il terribile

        Oppure, in particolare, nelle parrocchie e da
        parte dei preti
        ...

        http://www.stefanobolognini.it/attualita/preti.htmStorica la puntata di SouthPark... dove alla fine crolla il Vaticano... weeeeeeeeeeeee!
  • asd scrive:
    banner pubblicitari?????
    banner che pubblicizzano materiale pedopornografico???ma che caxxo scrivete!!!!!ma non dite fregnacce!!!!!
  • ABC scrive:
    Internet fa paura ai media tradizionali
    Internet fa paura a molti, e questo è evidente. Supponiamo che debba denunciare un fatto, e che i media tradizionali non mi si filino proprio. Supponiamo che io rosichi... Che faccio, lascio stare ? no ! Prendo la telecamera, giro il mio bel filmatino e lo metto su Youtube...Tada!!! come d'incanto ho scavalcato redazioni e giornalisti mettendo alla portata di tutti il problema reale, e senza censura...Questo da fastidio. MOOLTO fastidio, perchè scavalca tutto e tutti, e questo a qualcuno o a qualcosa non va proprio giù...E allora giù a demonizzare la rete con ogni mezzo, in modo che la stragrande maggioranza della gente, che della rete non capisce una mazza, dica: "oddio! internet è un covo di pedofili ! oddio! alla larga alla larga !"
    • soulista scrive:
      Re: Internet fa paura ai media tradizionali
      - Scritto da: ABC
      Internet fa paura a molti, e questo è evidente.
      Supponiamo che debba denunciare un fatto, e che i
      media tradizionali non mi si filino proprio.
      Supponiamo che io rosichi... Che faccio, lascio
      stare ? no ! Prendo la telecamera, giro il mio
      bel filmatino e lo metto su
      Youtube...
      Tada!!! come d'incanto ho scavalcato redazioni e
      giornalisti mettendo alla portata di tutti il
      problema reale, e senza
      censura...

      Questo da fastidio. MOOLTO fastidio, perchè
      scavalca tutto e tutti, e questo a qualcuno o a
      qualcosa non va proprio
      giù...

      E allora giù a demonizzare la rete con ogni
      mezzo, in modo che la stragrande maggioranza
      della gente, che della rete non capisce una
      mazza, dica: "oddio! internet è un covo di
      pedofili ! oddio! alla larga alla larga
      !"Intanto abolire le pubblcità con bambini, e/o in forma di cartone animato, e dedicate ai bambini.Poi se ne parla.
  • attonito scrive:
    ed il terrorismo?
    oh, era un po' che non si agitavano si PI i due demoni di internet: pedofilia e terrorismo.per il pedo, questo mese siamo a posto: mi raccomando, entro due settimane, il solito articolo sul terrorismo, ok?
    • anonymous scrive:
      Re: ed il terrorismo?
      - Scritto da: attonito
      oh, era un po' che non si agitavano si PI i due
      demoni di internet: pedofilia e
      terrorismo.

      per il pedo, questo mese siamo a posto: mi
      raccomando, entro due settimane, il solito
      articolo sul terrorismo,
      ok?sì ora la droga é un po' passata di moda, ora integralisti islamici, anarco-insurrezionalisti, e stati canaglia
  • Antony scrive:
    Ma sono l'unico...
    ...sono l'unico a non aver mai visto cose pedoporno? cioè, si parla tanto che è "facile imbattersi" in queste cose, però io con le mie 10 ore al giorno di internet e browser aperto, non mi è mai capitata una pubblicità di quel tipo, un sito, un reindirizzamento, un file scaricato camuffato....boh...Dubito che un bambino/adulto si possano imbattere in queste cose. Le si deve proprio cercare ma dubito siano indicizzate dai motori di ricerca, o sbaglio?Mah...
    • ... scrive:
      Re: Ma sono l'unico...
      esatto, proprio come le streghe durante l'inquisizione...è solo una scusa per mettere lucchetti ad internet, troppo libera allo stato attuale, con questo motivo prima o poi faranno una legge (approvata da tutti gli stati) che permetterà la pubblicazione su internet solo dei contenuti "approvati" da qualcuno, tutto il resto sarà illegaleovviamente tutto nel nome della sicurezza per i bambini, come no...
      • pabloski scrive:
        Re: Ma sono l'unico...
        - Scritto da: ...
        ovviamente tutto nel nome della sicurezza per i
        bambini, come
        no...se gli sta veramente a cuore allora devono abolire quelle zoccole che girano seminude in TV, cominciando da una certa rete di un certo personaggio molto noto
        • xxxxxxxxxx scrive:
          Re: Ma sono l'unico...

          se gli sta veramente a cuore allora devono
          abolire quelle zoccole che girano seminude in TV,
          cominciando da una certa rete di un certo
          personaggio molto
          notoE magari smetterla con quel bombardamentopubblicitario dalle mire quanto mai variea cominciare dalle suonerie e numeri a pagamentoche sfruttano bambini ragazzini e anziani (le fasce deboli)per arrivare a fregare soldi dalle tasche dei genitori edalle misere pensioni.
      • Genoveffo il terribile scrive:
        Re: Ma sono l'unico...
        - Scritto da: ...
        ......

        ovviamente tutto nel nome della sicurezza per i
        bambini, come
        no...Già, i bambini non possono vedere due tette nude ma gente squartata come maiali si, eh ......Brutta mentalità quella dei cattobacchettoni.
    • xiretsa scrive:
      Re: Ma sono l'unico...
      deleted-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 02 ottobre 2008 12.21-----------------------------------------------------------
    • Il Tarpone scrive:
      Re: Ma sono l'unico...
      Idem. Ho appena postato qualcosa del genere. Mai trovato niente.
    • soulista scrive:
      Re: Ma sono l'unico...
      - Scritto da: Antony
      ...sono l'unico a non aver mai visto cose
      pedoporno? cioè, si parla tanto che è "facile
      imbattersi" in queste cose, però io con le mie 10
      ore al giorno di internet e browser aperto, non
      mi è mai capitata una pubblicità di quel tipo, un
      sito, un reindirizzamento, un file scaricato
      camuffato....boh...

      Dubito che un bambino/adulto si possano imbattere
      in queste cose. Le si deve proprio cercare ma
      dubito siano indicizzate dai motori di ricerca, o
      sbaglio?

      Mah...Eeeeh ma LORO sono MOOOLTO ESPERTI nel trovare certe cose.
  • Sergio scrive:
    Re: Navigatori scafati
    - Scritto da: LMC
    Proporrei un sondaggio.

    Qui dovrebbe essere ben pieno di navigatori del
    web ben scafati
    (cds).
    Quanti di voi si imbattono in queste MIGLIAIA di
    siti
    pedofili?Il punto è che non esistono,certamente non in ITalia, perché gli spazi dove i pedofili si scambiano file sono server privati, protetti da pass e per entrare è necessario passare degli "esami".Tutte le inchieste sono svolte da agenti sotto copertura che si infiltrano in queste organizzazioni, esattamente come si fa nell'antidroga. Non si sono siti pedofili in Italia, né nella UE, vi sono invece siti civetta creati per incastrare i pedofili. Chiunque vi dice il contrario mente sapendo di mentire.
    • VisualC scrive:
      Re: Navigatori scafati
      in realtà siti a pagamento hanno necessita di essere molto visibili (più gente li vedono + gente paga)...e ripeto se apri un sito del genere o sei un demente o sai che puoi farlo senza rischi.
    • unaDuraLezione scrive:
      Re: Navigatori scafati
      contenuto non disponibile
      • anonymous scrive:
        Re: Navigatori scafati
        - Scritto da: unaDuraLezione
        - Scritto da: Homer S.
        .

        Come cavolo fanno a trovarne 125 AL

        GIORNO???????

        Ma l'hanno scritto come: tramite la pubblicità!
        Non so se ridere o piangere...io non so se crederci
    • xiretsa scrive:
      Re: Navigatori scafati
      - Scritto da: Sergio
      - Scritto da: LMC

      Proporrei un sondaggio.



      Qui dovrebbe essere ben pieno di navigatori del

      web ben scafati

      (cds).

      Quanti di voi si imbattono in queste MIGLIAIA di

      siti

      pedofili?


      Il punto è che non esistono,certamente non in
      ITalia, perché gli spazi dove i pedofili si
      scambiano file sono server privati, protetti da
      pass e per entrare è necessario passare degli
      "esami".Tutte le inchieste sono svolte da agenti
      sotto copertura che si infiltrano in queste
      organizzazioni, esattamente come si fa
      nell'antidroga. Non si sono siti pedofili in
      Italia, né nella UE, vi sono invece siti civetta
      creati per incastrare i pedofili. Chiunque vi
      dice il contrario mente sapendo di
      mentire.quoto in pieno.io personalmente ho sempre avuto il dubbio che tutto quello che in tema pedoneria si trova facilmente, o peggio, per caso, altro non è che un esca.anni fa esistefa un social network che si chiamava "yaf*o", magari qualcuno di voi ne ha sentito parlare. All'interno avveniva la stessa minestra tipica di molti altri social networks. Nascosta all'interno di gruppi privati c'era però una attività schifosissima che consisteva nel creare raccolte fotografiche di ragazzini/e minorenni, non pornografiche, ma sicuramente specchietto per allodole pedone. il contenuto è stato denunciato più volte sia all amdmin sia alla autorità senza successo.Di fatto, non c'era nulla di illecito, anche se le persone sane di mente di solito guardano adulti in costume da bagno e non adolescenti.si passava quindi le notti, ricordo, (e chi ha frequentato il network lo dovrebbe rammentare) a cancellare le fotografie tramite url injection grazie ad un bug presente..una vera e propria guerra. Si beccavano i privilegi e si radeva al suolo un intero gruppo privato. il risultato era che il giorno dopo, se ne avevi cancellato 10 ne trovavi altri 20. Alla fine, il bug fu corretto, il sito fu venduto e cambiò nome. ora si chiama orfay, l'esatto rovescio del nome originale. Apparentemente non esistono più quei gruppi con quei materiali, ma dico apparentemente, visto che senza autorizzazioni del creator del gruppo non si entra più con la stessa facilità.morale: quanti di questi siti "attiranti" sono reali e quanti invece sono messi li apposta per intrappolare informazioni?meditiamo anche su questo
    • soulista scrive:
      Re: Navigatori scafati
      - Scritto da: Sergio
      - Scritto da: LMC

      Proporrei un sondaggio.



      Qui dovrebbe essere ben pieno di navigatori del

      web ben scafati

      (cds).

      Quanti di voi si imbattono in queste MIGLIAIA di

      siti

      pedofili?


      Il punto è che non esistono,certamente non in
      ITalia, perché gli spazi dove i pedofili si
      scambiano file sono server privati, protetti da
      pass e per entrare è necessario passare degli
      "esami".Tutte le inchieste sono svolte da agenti
      sotto copertura che si infiltrano in queste
      organizzazioni, esattamente come si fa
      nell'antidroga. Non si sono siti pedofili in
      Italia, né nella UE, vi sono invece siti civetta
      creati per incastrare i pedofili. Chiunque vi
      dice il contrario mente sapendo di
      mentire.Quindi vuoi dire che Telefono Arcobaleno in realtà si imbatte nei siti civetta, scambiandoli per veri siti pedofili?Sarebbe comico!(rotfl)
    • Genoveffo il terribile scrive:
      Re: Navigatori scafati
      - Scritto da: Homer S.
      .....
      Come cavolo fanno a trovarne 125 AL
      GIORNO???????
      ..............Semplicissimo: trasformano in pedo qualunque sito che pubblichi le tette e la passerina di una 17'enne, che per la nostra cultura catto-castrante è una "bambina" (si, figurati....) mentre per molte altre è una donna già alla grande.....Quindi prima cercano di tirarle su sceme senza parlargli di sesso (non ci riescono, per fortuna), poi le trasformano in vittime ..... robe da pazzi.
    • SirParsifal scrive:
      Re: Navigatori scafati

      Come cavolo fanno a trovarne 125 AL
      GIORNO???????Basta monitorare la bacheche dove vengono pubblicizzati e promossi.Che poi nel 90% dei casi si tratta di siti usa e getta o mirror di altri siti che puntano tutti allo stesso accesso (sito a pagamento).Si tratta di statistiche che spesso lasciano il tempo che trovano. Il vero dato utile è quello analizzato dalla Polpost. siti "nuovi" con immagini "nuove". Quelli fanno testo gli altri son solo un gioco a guardie e ladri.Mi spiego meglio.Faccio il sito X in http://xy.x/01me lo fai chiuderelo riapro come x1 http://xy.x/02me lo fai chiuderelo riapro come x2 http://xy.x/03e così via per N volte.QUani siti hai chiuso?Tu dici N,Altri 1io dico nessuno, perché non hai toccato il VERO sito ed il centro di interesse.
      E' ovvio che è tutta una balla (per prendersi i
      finanziamenti, per introdurre nuove censure, per
      essere al centro dell'attenzone,
      etc).
      I pedofili usano ben altri metodi per scambiarsi
      il
      materiale...Non è vero. Il web viene utilizzato perché è comunque la prima fonte di introiti. L'unica differenza è che viene utilizzato come ti dico io. E' come se un negozio in centro vendesse droga e la polzia si limitasse a rimuovere i suoi cartelloni pubblicitari per poi pubblicare la notizia:chiusi N negozi di droga....
  • Sergio scrive:
    senza dati a supporto
    Solite balle sparate senza dati a supporto.Mi meraviglio che PI si presti a pubblicare FUD di questa natura che inevitabilmente si traduce in pubblicità negativa su internet. Come mai PI non si prodiga a fare una indagine seria, con dati statistici affidabili e di provata fonte, invece di fungere da grancassa alla pubblicità promozionale di Telefono Arcobaleno? Una rivista informatica come PI dovrebbe essere in grado di dissipare paure irrazionali su internet,o almeno di approfondire un fenomeno come la pedopornografia online che, si sostiene, è un'attività rilevante su web.
    • Prozac scrive:
      Re: senza dati a supporto
      Visto che tu conosci la verità, perché non scrivi un articolo in cui racconti come stanno realmente le cose? Inserendo tutti i dati statistici che dimostrano quanto allarmistiche sono queste notizie?E' facile sparare contro...
      • SirParsifal scrive:
        Re: senza dati a supporto

        Visto che tu conosci la verità, perché non scrivi
        un articolo in cui racconti come stanno realmente
        le cose? Inserendo tutti i dati statistici che
        dimostrano quanto allarmistiche sono queste
        notizie?Hai ragione, potrebbe essere una buona idea, ma dato che non posso fare indagini private (art.600-quater c.p.) devo accontentarmi dei dati della Polpost:http://www.poliziadistato.it/pds/primapagina/pedofilia/presentazione%20%20ufficiale%20CETS%2016%2012%2006.pptpagina 3, sono circa 40.000 siti l'anno dal 2001 al 2006ipotizzando che al 30 settembre si siano raggiunti i 10/12 del risultato annuo, avremo che questo valore deve essere pari ai 5/6 di 40.000, giusto? Quindi il rapporto della Postale del 2006 indicava una media di 40000 sitianno, quindi 33333 siti al 30 settembre (a spanne eh!).Il report riporta:dal 1 gennaio al 30 settembre 2008 - 34.152 Quindi un migliaio di siti in più rispetto alla postALE DEL 2006, ma nel 2007?dal 1 gennaio al 30 settembre 2007 - 25.370 quindi oltre 8000 siti in meno rispetto allo stesso periodo della Postale. Significa un GAP di circa 800 siti al mese. Quidni nessun aumento, soltanto che l'anno scorso avevano individuato meno siti.
        E' facile sparare contro...Hai ragione. Vanno bene queste argomentazionI?
      • Prozac scrive:
        Re: senza dati a supporto

        ma il comunicato sentenzia un raddoppio sulla cui
        validità statistica non abbiamo riscontri, quindi
        i dati a supporto o li danno tutti o nessuno, e
        basarsi su "mi arrivano 2 spam pedoporno al
        giorno anzichè una, quindi il fenomeno é
        raddoppiato" oppure "seguendo i link prima
        trovavo 2 siti di minorenni ora 4" non é molto
        serioSe tu leggessi quello che viene scritto. Se approfondissi l'argomento, forse ti renderesti conto che quello che dici è del tutto falso...L'articolo di PI rende semplicemente noto agli utenti del portale che è uscito un nuovo report (datato settembre 2008) da parte dell'osservatorio di Telefono Azzurro. Nell'articolo si commenta che questo report parla di un raddoppio rispetto al 2006 del numero di siti rilevati.Se segui il link presente nell'articolo, puoi vedere nel dettaglio il rapporto. Rapporto che da dei numeri e delle percentuali. Quindi i riscontri statistici ci sono. Se poi vuoi sapere come vengono raccolti questi numeri, sfogliati il sito di Telefono Azzurro e leggi...E' bello fare demagogia, e'?
  • Handy scrive:
    seguire i soldi
    Ma se invece che correre dietro a sti' siti e bloccarli si seguissero i soldi che questi siti generano? Non sarebbe piu' interessante chiudere via gli autori di questo traffico che diventa sempre piu' una professione che rincorrere alla foce la loro attivita' bloccando i siti in questione?
    • VisualC scrive:
      Re: seguire i soldi
      e tu credi che tirano su siti del genere senza mettersi al sicuro?
      • Handy scrive:
        Re: seguire i soldi
        - Scritto da: VisualC
        e tu credi che tirano su siti del genere senza
        mettersi al
        sicuro?Io credo che si devono far pagare in qualche maniera e mica posso farmi consegnare, gestore Tedesco, da un utente australiano banconote in piccolo taglio nel bar sotto casa. Devo usare carta di credito, Paypal o sistemi del genere. Ci sono paradisi fiscali, banche piu' gentili di altre e tutto quello che vuoi, ma in fondo in fondo se ci sono e' perche' a molti fa comodo che ci siano sistemi per nascondere soldi (tangenti, nero delle imprese, denaro di varie mafie). Parlando con un tizio che collabora con la Postale mi diceva che in fondo in fondo sono soldi, quindi legnare si' per finire sui giornali ma non troppo perche' sono pur sempre soldi e non importa da dove vengono. Tu apri un sito (Ruta) dove parli di vicende di mafia e ti condannano in base alla legge sull'editoria, o anche hai 2 canzoni di numero scaricarte illegalmente e ti trascinano in tribunale scomodando i maggiori ISP a controllare tutto il traffico, sei uno spammatore, un gestore di siti pedofili, un truffatore e ne beccano uno una volta ogni morto di papa. Mi sa che chi deve perseguire queste cosa ha altre priorita', mica sono i figli dei capitani di industria e di chi ha il potere politico che finisce su quei siti ...
    • pabloski scrive:
      Re: seguire i soldi
      - Scritto da: Handy
      Ma se invece che correre dietro a sti' siti e
      bloccarli si seguissero i soldi che questi siti
      generano? Non sarebbe piu' interessante chiudere
      via gli autori di questo traffico che diventa
      sempre piu' una professione che rincorrere alla
      foce la loro attivita' bloccando i siti in
      questione?forse perchè sono tutte balle e non esistono questi siti e quindi nemmeno i flussi monetariallo stato attuale tutti i Paesi del mondo, compresi i paradisi fiscali, accettano rogatorie per casi di pedofilia, com'è possibile che le gang dietro a simili atrocità non vengano mai prese? evidentemente i numeri snocciolati sono frutto di inventivala realtà è che la pedofilia è una piaga offline, gestita dalle mafie nel buoi dei loro night club e con clienti affezionatissimi e soprattutto conosciuti di persona dai vari gangster ( in genere i politici hanno questi vizietti, almeno negli USA è storia nota )
  • Barac Obaldo Bau scrive:
    Antivirus XP Pro
    Sapete cosa dicono ora i messaggi di allarme del noto malware che si spaccia per antivirus?"File pedopornografici presenti sul PC"Per spaventare la gente.Quando l'ho visto sono rimasto allibito!Ecco dove siamo arrivati.
    • mirkojax scrive:
      Re: Antivirus XP Pro
      mi sa che chi compra l'antivirus ha la coscienza sporca...
      • rotfl scrive:
        Re: Antivirus XP Pro
        - Scritto da: mirkojax
        mi sa che chi compra l'antivirus ha la coscienza
        sporca...Ti sa male, perche' il malware (non chiamiamolo antivirus per favore, anche se fa finta di esserlo) dice che "potrebbe essere colpa di un trojan" (o qualcosa di simile) appunto per spaventare gli utonti e convincerli a sborsare i soldi.
  • anonymous scrive:
    mi domando
    ma gli "hacker di dio" (sic) come sono (auto?)definiti i ragazzi dell'oratorio del patron don di noto che passano le giornate a navigare su siti zozzi, come fanno a sapere che nei masked files c'é pedoporno ?spero non useranno i loro fondi per acquistare i contenutinon é che ora parte la crociata contro la crittografia e chi usa pgp & c. viene accusato di pedofilia culturale ?
  • guardianodelfaro scrive:
    Il web è lo specchio della società
    I siti pedo-pornografici sono aumentati in proporzione col numero di frequentatori della rete (solo in Cina c'è stato un aumento mostruoso negli ultimi 2 anni).E' indubbiamente un fenomeno che va combattuto con ogni mezzo e penso che su questo la stragrande maggioranza delle persone sia d'accordo.Occorre però fare attenzione a non fare lo stesso sbaglio di certi messaggi provenienti dai media tradizionali che gridano "al lupo, al lupo", demonizzando il web e identificandolo come la causa di tutti i mali.Per combattere efficacemente il problema occorre intervenire a monte.Se identificano un sito pedo-pornografico e lo fanno chiudere, gli stessi soggetti il giorno dopo ne aprono altri cinque.
    • guardianodelfaro scrive:
      Re: Il web è lo specchio della società
      Scusa, dove hai letto nel mio commento che sono incappato in un sito di questo tipo? Io ho scritto tutt'altro.Non capisco cosa intendi quando dici che non ho resistito non ho capito bene a che cosa.Ho scritto semplicemente che se negli ultimi 2 anni sono aumentati i frequentatori del web (in cui tutte le categorie sono rappresentate), è evidente che sono aumentati anche quelli che lo sfruttano per fini illegali e/o pedopornografici.E' come dire che sono aumentati gli incidenti automobilistici rispetto a 20 anni fa, quando il parco auto circolante era inferiore, mi sembra una cosa ovvia. Per questo motivo secondo me sono notizie da prendere con le pinze perché non aggiungono molto di nuovo a quanto gia' si sapeva.Spiegami però cortesemente quali "cazzate" avrei scritto (magari senza offendere, per favore).Io ho solo detto la mia opinione, che non vuole essere assolutamente il Vangelo ma una delle tante voci nel coro, visto che nel web dovrebbe essere garantita pluralità di espressione.Se un giorno dovessi incappare in un sito del genere lo denuncerei sicuramente, anche se con le mie abitudini di navigazione e la mia accortezza nell'identificare potenziali link subdoli finora mi ha tenuto alla larga da queste insidie.Io non ho parlato di telefono arcobaleno, però visto che l'hai menzionato tu posso dire di avere esposto il suo banner su tutti i miei blog perché mi sembra una giusta causa, a costo di sembrare fesso.Non ho parlato nemmeno di Vaticano, anche perché si va un po' troppo off topic.In ogni caso la questione non è cosa fanno o non fanno i presenti in questo forum ma l'atteggiamento generale da assumere quando si acquisiscono notizie di questo tipo e la consapevolezza che intervenire troppo a valle del problema è troppo oneroso, anche per le forze dell'ordine.I siti di un certo tipo comunque vanno chiusi in quanto illegali (poi si può anche discutere dei vari metri di misura dell'illegalità a seconda delle nazioni, ma questo è un altro discorso), ma anche gli ISP e i legislatori devono fare la loro parte.
    • pabloski scrive:
      Re: Il web è lo specchio della società
      ma soprattutto per creare certi siti ci vogliono le foto e i video che vengono prodotte nel mondo realee siccome non stiamo parlando di attori e attrici porno consenzienti, suppongo si tratti di bambini rapiti, incarcerati nei covi di chissà quali mafiosinon sarebbe ora che le forze dell'ordine si dessero una mossa per arrestare questi gangster piuttosto che fare gli hunter del cavolo online?
      • guardianodelfaro scrive:
        Re: Il web è lo specchio della società
        Giusto, però finchè la polizia avrà auto appiedate perchè non hanno i soldi per la benzina o finchè le leggi faranno uscire i pedofili dopo poco tempo saremo sempre qui a parlare delle stesse cose
    • xiretsa scrive:
      Re: Il web è lo specchio della società
      concordo, in assoluto.far chiudere il sito non serve a una mazza.
  • guardianodelfaro scrive:
    Il web è lo specchio della società
    I siti pedo-pornografici sono aumentati in proporzione col numero di frequentatori della rete (solo in Cina c'è stato un aumento mostruoso negli ultimi 2 anni).E' indubbiamente un fenomeno che va combattuto con ogni mezzo e penso che su questo la stragrande maggioranza delle persone sia d'accordo.Occorre però fare attenzione a non fare lo stesso sbaglio di certi messaggi provenienti dai media tradizionali che gridano "al lupo, al lupo", demonizzando il web e identificandolo come la causa di tutti i mali.Per combattere efficacemente il problema occorre intervenire a monte.Se identificano un sito pedo-pornografico e lo fanno chiudere, gli stessi soggetti il giorno dopo ne aprono altri cinque.
  • guardianodelfaro scrive:
    Il web è lo specchio della società
    I siti pedo-pornografici sono aumentati in proporzione col numero di frequentatori della rete (solo in Cina c'è stato un aumento mostruoso negli ultimi 2 anni).E' indubbiamente un fenomeno che va combattuto con ogni mezzo e penso che su questo la stragrande maggioranza delle persone sia d'accordo.Occorre però fare attenzione a non fare lo stesso sbaglio di certi messaggi provenienti dai media tradizionali che gridano "al lupo, al lupo", demonizzando il web e identificandolo come la causa di tutti i mali.Per combattere efficacemente il problema occorre intervenire a monte.Se identificano un sito pedo-pornografico e lo fanno chiudere, gli stessi soggetti il giorno dopo ne aprono altri cinque.
  • guardianodelfaro scrive:
    Il web è lo specchio della società
    I siti pedo-pornografici sono aumentati in proporzione col numero di frequentatori della rete (solo in Cina c'è stato un aumento mostruoso negli ultimi 2 anni).E' indubbiamente un fenomeno che va combattuto con ogni mezzo e penso che su questo la stragrande maggioranza delle persone sia d'accordo.Occorre però fare attenzione a non fare lo stesso sbaglio di certi messaggi provenienti dai media tradizionali che gridano "al lupo, al lupo", demonizzando il web e identificandolo come la causa di tutti i mali.Per combattere efficacemente il problema occorre intervenire a monte.Se identificano un sito pedo-pornografico e lo fanno chiudere, gli stessi soggetti il giorno dopo ne aprono altri cinque.
  • emmeesse scrive:
    Internet pedofila
    Ennesimo allarme creato ad arte con un effetto virale.Ora molte persone sensatescriveranno nel loro blog o in questi commentiche esiste una isteria non giustificata(IMHO vero,concordo)che questa isteria e' prodromica di un tentativo di controllo sulla rete.(IMHO vero,concordo)E cosi', fra sei mesi, questi signori potranno dimostrare numeri alla mano (quali? ed estrapolati cone?)che i siti propedofili sono ulteriormente raddoppiati.Ricordate che essi perseguono persino la "pedofilia culturale"negare la sola esistenza del rischio pedofilia (occultamente correlato con la malsana idea del controllo della rete) massiccio in rete,e' gia' "pedofilia culturale".Un "reato" che assomiglia troppo alla "lesa maesta'" o al "bispensiero".Non sottovalutiamo.
    • francososo scrive:
      Re: Internet pedofila
      - Scritto da: emmeesse
      Ennesimo allarme creato ad arte con un effetto
      virale.
      Ora molte persone sensate
      scriveranno nel loro blog o in questi commenti
      che esiste una isteria non giustificata
      (IMHO vero,concordo)
      che questa isteria e' prodromica di un tentativo
      di controllo sulla
      rete.
      (IMHO vero,concordo)
      E cosi', fra sei mesi, questi signori potranno
      dimostrare numeri alla mano (quali? ed
      estrapolati
      cone?)
      che i siti propedofili sono ulteriormente
      raddoppiati.
      Ricordate che essi perseguono persino la
      "pedofilia
      culturale"
      negare la sola esistenza del rischio pedofilia
      (occultamente correlato con la malsana idea del
      controllo della rete) massiccio in
      rete,
      e' gia' "pedofilia culturale".
      Un "reato" che assomiglia troppo alla "lesa
      maesta'" o al
      "bispensiero".

      Non sottovalutiamo.Si rischia veramente di mandare a puttane la democrazia e lo stato di diritto perchè siamo tutti "potenziali pedofili", "potenziali terroristi"Your potential , our passion ! (geek)(newbie) :( :s :|(ghost)(anonimo)
    • filosofo scrive:
      Re: Internet pedofila
      Da quotare in pieno!!!!!!!!!!Ps il "promotore" della legge sulla pedofilia culurale non mi ha ancora risposto...Le saprà leggere le mail?O è troppo impegnato a glorificare MANGANO?- Scritto da: emmeesse
      Ennesimo allarme creato ad arte con un effetto
      virale.
      Ora molte persone sensate
      scriveranno nel loro blog o in questi commenti
      che esiste una isteria non giustificata
      (IMHO vero,concordo)
      che questa isteria e' prodromica di un tentativo
      di controllo sulla
      rete.
      (IMHO vero,concordo)
      E cosi', fra sei mesi, questi signori potranno
      dimostrare numeri alla mano (quali? ed
      estrapolati
      cone?)
      che i siti propedofili sono ulteriormente
      raddoppiati.
      Ricordate che essi perseguono persino la
      "pedofilia
      culturale"
      negare la sola esistenza del rischio pedofilia
      (occultamente correlato con la malsana idea del
      controllo della rete) massiccio in
      rete,
      e' gia' "pedofilia culturale".
      Un "reato" che assomiglia troppo alla "lesa
      maesta'" o al
      "bispensiero".

      Non sottovalutiamo.
    • VisualC scrive:
      Re: Internet pedofila
      più che altro ricevono soldi per salvare/aiutare bambini se la pedofilia cala loro ne ricevono meno ecco xke le questi annunci tragici :D
      • Fabrizio Cinti scrive:
        Re: Internet pedofila
        In effetti è questa la vera idea devastante di questo tipo di associazioni: se la pedofilia scomparisse, scomparirebbero anch'esse assieme ai soldi, alla visibilità, e parte dell'identità di queste persone.Ed anche la loro occupazione.La morale della favola è anche troppo scontata, direi. Questa gente che spara proclami buoni solo per campagne elettorali, senza fornire dati e cifre precise, e chiunque osi mettere in dubbio il loro operato viene messo in odore di pedofilia.Quando invece vorrei sapere quanto pelo sullo stomaco occorre, quanto tempo occorre ravanare per scovare 3800 siti al mese.... ma poi quanti vengono perseguiti e arrestati? 3800 siti al mese sono 40.000 siti l'anno, quanti pedofili occorrono per mantenere 40.000 siti scoperti l'anno?Stimiamo almeno mezzo milione di persone? E come mai queste oneste e brave associazioni, assieme ai dati sui siti, non diramano le cifre degli arresti? Queste brave associazioni sanno trovare 40.000 siti pedofili all'anno, e non sanno scoprire quanti pedofili vengono arrestati?O forse, il problema è che queste cifre sono troppo verificabili e smentibili, e pertanto si ritorcerebbero contro di loro?
    • H5N1 scrive:
      Re: Internet pedofila
      Ti sei appena tacciato di tale reato.Tanto per fare un esempio di come potrebbero rigirarsi la frittata.
  • Sgabbio scrive:
    Re: il mesiterante
    Di Noto, non fa più parte di Telefono arcobaleno da anni.
    • RedHat scrive:
      Re: il mesiterante
      In compenso tu fai parte della cricca degli imbecilli da un sacco di tempo
    • anonymous scrive:
      Re: il mesiterante
      - Scritto da: Sgabbio
      Di Noto, non fa più parte di Telefono arcobaleno
      da
      anni.ma mi pare sia stato un fondatore e resti uno dei front-men dell'organizzazione, non credo abbia sciolto ogni legamericordo di un dibattito in seguito al film sui preti pedofili dove si scagliava contro le facili accuse al clero al riguardo, quando si dice la coerenza...
      • SirParsifal scrive:
        Re: il mesiterante

        ma mi pare sia stato un fondatore e resti uno dei
        front-men dell'organizzazione, non credo abbia
        sciolto ogni
        legame

        ricordo di un dibattito in seguito al film sui
        preti pedofili dove si scagliava contro le facili
        accuse al clero al riguardo, quando si dice la
        coerenza...No, ti confermo che DINoto non fa più parte di T.A. come molti dei suoi soci fondatori e dei soci storici.
        • fesseria scrive:
          Re: il mesiterante
          Ce la volete finire di abbinare don Di Noto con T. Arcobaleno.Non ha nulla a che vedere ..... da molti anni e sò che non condivide nessuna delle azioni che conducono.
  • Sgabbio scrive:
    Gigantismo.
    Comincio a credere che stiano ingigantendo la questione in maniera incredibile! Dopo tot mesi, econo fuori che aumenta il fenomeno, nonostante le mega retate che fanno ecc ecc....Comunque quella della pubblicità ai siti pedocosi mi ha lasciato perplesso.
    • francososo scrive:
      Re: Gigantismo.
      - Scritto da: Sgabbio
      Comincio a credere che stiano ingigantendo la
      questione in maniera incredibile! Dopo tot mesi,
      econo fuori che aumenta il fenomeno, nonostante
      le mega retate che fanno ecc
      ecc....

      Comunque quella della pubblicità ai siti pedocosi
      mi ha lasciato
      perplesso.Gigantismo no, non è gigantismo è squallida strumentalizzazione del fenomeno "pedofilia" con intentivagamente censori !
      • Sergio scrive:
        Re: Gigantismo.
        - Scritto da: francososo
        Gigantismo no, non è gigantismo è squallida
        strumentalizzazione del fenomeno "pedofilia" con
        intenti
        vagamente censori !Soldi. Queste associazioni campano coi soldi pubblici, e senza questi allarmi non raccattano fondi.
        • Sgabbio scrive:
          Re: Gigantismo.
          poi questo è un Rapporto di T.A. dove il suo presidente affermo che i siti pedofili erano i più visti in assoluto su internet!
          • Genoveffo il terribile scrive:
            Re: Gigantismo.
            - Scritto da: Sgabbio
            poi questo è un Rapporto di T.A. dove il suo
            presidente affermo che i siti pedofili erano i
            più visti in assoluto su
            internet!Non pretenderete mica che un prete sia sincero, no????
          • Sgabbio scrive:
            Re: Gigantismo.
            Di noto, non fa più parte di TELEFONO ARCOBALENO DA ANNI. Non c'entra più nulla.
    • pippopluto scrive:
      Re: Gigantismo.
      - Scritto da: Sgabbio
      Comincio a credere che stiano ingigantendo la
      questione in maniera incredibile! Dopo tot mesi,
      econo fuori che aumenta il fenomeno, nonostante
      le mega retate che fanno ecc
      ecc....

      Comunque quella della pubblicità ai siti pedocosi
      mi ha lasciato
      perplesso.+ che altro non hanno mai fornito dati reali e tangibili sul fenomeno. E' una caccia alle streghe e basta, ma nel vero senso della parola: basta mezzo file e vieni bruciato vivo, si va avanti per proclama senza dati veri e ogni provvedimento e' buono per limitare le liberta' sul web. Il tutto facendo leva sul populismo e sull'ignoranza che hanno terreno fertile su comportamenti giudicati moralmente inaccettabili dai piu' (leggasi "l'odiosita' del reato" e cose simili che spesso sentiamo)telefono arcobaleno vai a farti un giro x strada, nella vita REALE dove la gente vende i propri figli prima di fare da veicolo ai censori
Chiudi i commenti