L'utente italiano visto di profilo

Jupiter MMXI traccia un quadro dell'utenza Internet italiana secondo cui in Italia si collega il 12,5 per cento della popolazione, pari a quasi 8 milioni di persone. Non entusiasmante la diffusione del PC


Roma – Nel primo trimestre del 2001 il profilo dell’utente Internet italiano è stato vagliato in lungo e in largo da Jupiter MMXI, società di rilevazione americana che da tempo ha esteso le proprie attività anche nel Vecchio Continente.

Stando allo studio appena presentato, nel mese di marzo gli utenti italiani che si sono collegati da casa sono stati 7,65 milioni, pari al 12,5 per cento della popolazione. Secondo la società di rilevazione si tratta di “un dato significativo, che indica che anche l’Italia ha raggiunto una ‘massa criticà di internauti, nonostante la bassa penetrazione del PC nelle case italiane (29%: solo il Portogallo e la Grecia hanno una penetrazione inferiore).”

Jupiter MMXI, che entra nel sempre più affollato mercato della rilevazione dei gusti dell’utente Internet italiano, si spinge anche ad affermare che le preferenze dell’utenza domestica vanno ai portali generalisti. Il 40 per cento di questi utenti, infatti, si recherebbe su questo genere di siti.

Le rilevazioni avrebbero indicato che, come accade anche nel resto d’Europa, i gruppi industriali più noti rientrerebbero tutti tra i siti più visitati. In particolare tra i primi 10 gruppi si trovano Microsoft, Seat Pagine Gialle, Infostrada, Tiscali, il Gruppo Editoriale l’Espresso, il Gruppo Fininvest, Yahoo!, Dada e Lycos.

Questi dati, secondo Jupiter MMXI, pongono “il mercato Internet italiano” al quarto posto in Europa.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Re: Altro secolo

    Mi pare che la novita' sta nel fatto che
    presto questa roba sara' sul mercato e
    sinceramente ne sono molto preoccupato.Tranquillizzati: un'emissione radar si scopre facilmente con un banale rilevatore/ricevitore (e sicuramente per "bucare un muro e tornare indietro" dovra' avere una bella potenza!)Dovrai solo dotare la tua casuccia di rilevatori laser, radar, e missili tetto-terra antiscocciatore a comando vocale... ;-)
  • Anonimo scrive:
    INVEZZIONE REVULUZZONARIA !!!!!
    AHHHHHH LU MIE SISTEME E' MOLTO MOLTO MEJE. ESSO E' CUMPOSTO DA NU SISTEMA A ONDE LE QUALI PRODUCHENE ALLA FINE DE CUMPLESSE OPERAZIONI TRASMUTANTI NU SEGNALO SONORO DE VARIA INTENZITA'LO QUALO COSTRINGE LU MALCAPITATO LADRO CHE VULEMO SPIA' A INTERROMBE IL TERRIBILE SUONO, RIVELANDO ALTRESI LA SUA PRESENZA DIETRO MURA SPESSE ANCHE DIECI DICO DIECI METRI !!! ACCIAIO CUMPRESO !!! L'UNICO INCONVENIENDO CHE NUN AGGE ANGORA RISOLTO E' CHE LU LADRO SPIATO PUTREBBE STACCA LU TELEFONO !!!! MA CAZZO ARMENO STU SISTEMA COSTA MOLTO MENO !!!!!
  • Anonimo scrive:
    vecia
    La tecnologia impiegata nel "radar" in realta un misuratore di gravitamisura le variazioni di gravia che provoca il corpo umano veso la terrala terra attrae il corpo ma ance il corpo attrae la terra di pochissimo ma e cosie uscita su qualche giornale + di un anno fa
  • Anonimo scrive:
    Altro secolo
    La stessa notizia, datata 24 settembre 1997, la potete trovare qui:http://gtresearchnews.gatech.edu/newsrelease/FLASH.htmlAltro secolo...
    • Anonimo scrive:
      Re: Altro secolo
      Mi pare che la novita' sta nel fatto che presto questa roba sara' sul mercato e sinceramente ne sono molto preoccupato.
Chiudi i commenti