Macchina della verità: prova provata?

Un avvocato di Brooklyn tenta di introdurre in tribunale la risonanza magnetica funzionale. Per rilevare le bugie

Roma – Un avvocato newyorkese sta tentando di far ammettere come prova in tribunale i test effettuati con la risonanza magnetica funzionale, imbracciata come fosse una macchina della verità.

Il principio è semplice : quando si mente arriva più sangue all’area ventrolaterale della corteccia prefrontale e gli scanner possono rilevarlo misurando il livello di ossigeno nel sangue fluito al cervello.

L’accuratezza non sarebbe perfetta: secondo test effettuati in laboratorio sarebbe compresa tra il 76 e il 90 per cento. Nonostante ciò un procuratore di Brooklyn, David Levin, sta spingendo per poter impiegare lo strumento in un caso di molestie sul posto di lavoro. Che a questo punto potrebbe creare un precedente.

Secondo la dottrina statunitense, per essere ammessa una prova deve essere “generalmente accettata come riconosciuta nella comunità scientifica di riferimento”.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • il signor rossi scrive:
    vogliono imporre i contenuti
    Attenzione perché il fine ultimo di tutto questo è imporre i propri contenuti.Una rete libera come quella di adesso pone, ai governi e alle aziende, due problemi:1) ai governi, pone il problema che l'informazione è libera e non è quella che loro possono veicolare a piacimento attraverso le televisioni2) alle aziende, pone il problema che i contenuti sono scelti dagli utenti (quando non addirittura fatti dagli utenti) e non dalle aziende stesse, e che soprattutto sono spesso gratuiti (Youtube).In Italia, essendo il presidente del consiglio anche proprietario di televisioni, si sommano i due punti: internet è audience sottratto alle sue televisioni e alla sua informazione controllata. Ma il problema è comunque generale (vedi il caso Francia, dove gli isp si sono spinti a chiedere soldi a Google sostenendo che youtube gli consuma banda, ma forse la verità è che toglie utenti ai loro servizi di vendita di contenuti....).Il fine ultimo quindi è quello di far sì che internet diventi, che so, una sorta di sky o digitale terrestre... un sistema dove c'è un proprietario che decide quali contenuti possono transitare e quanto devi pagarli. L'offerta è vasta, ma comunque non è libera.Ecco perché è importante preservare la net neutrality, perché essa rappresenta l'essenza stessa della rete, ovvero la possibilità di pubblicare e di fruire di contenuti e informazione in maniera libera.E' importante capirlo e resistere, non si tratta solo di scaricare un po' più lenti dal peer2peer!
  • nome e cognome scrive:
    ...non capisco...
    ...come il p2p (anche inteso come download di contenuti protetti) possa saturare la rete...cioè se uno paga ad es. una 7 mega....più di 7 mega non può utilizzare, o sbaglio? quindi se io e tutte le persone che hanno una flat utilizzassimo tutta la banda a diposizione(regolarmente pagata) per download e upload tramite ftp, o magari guardando filmati in streaming o mandando e ricevendo un flusso continuo di mail la rete non ne risulterebbe rallentata?
    • markoer scrive:
      Re: ...non capisco...
      Il protocollo TCP/IP non ha integrato il quality of service, quindi non possono veramente importi dei limiti se non vengono installate delle apparecchiature di traffic shaping. Il tuo limite di 7 Mb/sec è solo stimato ed imposto grossolanamente e soggetto al reale utilizzo del segmento su cui ti trovi (gli altri utenti...). È normale osservare che in certi orari viaggi meglio che in altri - quando i tuoi vicini di casa usando Internet a loro volta.Per avere un vero traffico garantito devi pagare una connessione professionale dedicata. Oppure bisognerebbe che l'ISP avesse questi meccanismi di shaping - cosa che probabilmente stanno cercando di fare adesso - ma questo significa investire soldi e non lo fanno se non pensano che questo abbia un ritorno economico di qualche tipo. Ovviamente non puoi nemmeno cavare sangue da una rapa, se tutti nel tuo quartiere guardano YouTube nello stesso momento, per fare un esempio, non aspettarti di andare a 7 Mbit/sec.Probabilmente è più giustificabile un investimento in questo traffic shaping che non upgradare la fibra...Cordiali saluti
      • markoer scrive:
        Re: ...non capisco...
        Correggo me stesso: IPv4 non ha il QoS, IPv6 ce l'ha
        • ullala scrive:
          Re: ...non capisco...
          - Scritto da: markoer
          Correggo me stesso: IPv4 non ha il QoS, IPv6 ce
          l'haQuesta te la avevo perdonata perchè era irrilevante nel contesto del discorso che facevi.Anche se è l'ennesima dimostrazione di pensiero retrogrado dei carrier!Investimenti zero e pianto greco sulla scarsità (artificiosamente mantenuta) della banda, aggiunta alla mungitura della "grassa XXXXX".Il markettaro domina e il manager non ha idea di cosa sia non dico un router ma neppure di a cosa serve il filo.
          • markoer scrive:
            Re: ...non capisco...
            Premettendo che molto probabilmente hai ragione, passare da IPv4 a IPv6 non è così semplice...Cordiali saluti
          • ullala scrive:
            Re: ...non capisco...
            - Scritto da: markoer
            Premettendo che molto probabilmente hai ragione,
            passare da IPv4 a IPv6 non è così
            semplice...


            Cordiali salutiNeanche poi così complesso come si vuole far credere sulle mie reti è già in uso... con e senza tunnel broker di supporto per la retrocompatibilità ipv4..... E comunque è sicuramente meno complesso farlo ora con il tempo (non tanto ma più di niente) a disposizione che farlo per forza dopo (a breve) a viva forza (di necessità virtù).Il tempo sta per scadere... e le logiche di nat non "scalano" (olre a complicare la vita) per reggere l'urto di miliardi di devices.
          • markoer scrive:
            Re: ...non capisco...
            È molto complesso, ma io non parlo - soltanto - di complessità tecnica.Se la tua rete è semplice e flat, di certo non ci sono grandi problemi. Un'altra cosa in reti più complesse. E soprattutto, bisognerebbe averne un motivo, visto che nessun grande sito o servizio è offerto via IPv6. Quindi a che pro?Cordiali saluti
          • ullala scrive:
            Re: ...non capisco...
            - Scritto da: markoer
            È molto complesso, ma io non parlo - soltanto -
            di complessità
            tecnica.

            Se la tua rete è semplice e flat, di certo non ci
            sono grandi problemi. Un'altra cosa in reti più
            complesse. E soprattutto, bisognerebbe averne un
            motivo, visto che nessun grande sito o servizio
            è offerto via IPv6. Quindi a che
            pro?Non sai di che parli e ti consiglierei di evitare... non ti ho detto se la mia rete e flat o meno... fossi in te non mi sbilancerei a parlare di cose che non sai. Il pro lo scoprirete a breve!20 classi e poi finita!Il sito che ha l'indirizzo ipv4 ha (automaticamente) anche un ipv6 (anzi ben più di uno) già assegnato di default!Quello non è un problema!Il problema è chi lo deve raggiungere (ipv6 serve "to people") gli indirizzi ipv4 sono alla frutta e (ripeto) NAT non scala e ti complica solo la vita (e la sicurezza).Dormire e aspettare serve solo a cadere nel tombino!
          • markoer scrive:
            Re: ...non capisco...
            Mi sa che non sai con chi stai parlando, LOL. Direi che ne so abbastanza, dato che ci lavoro. Chi mi sa che sottovaluti il problema sia proprio tu, forse hai a che fare con aziende medio-piccole.Cordiali saluti
      • nome e cognome scrive:
        Re: ...non capisco...
        credo di essere stato frainteso...non mi riferivo ad un probelma concreto ma era una provocazione al concetto che esistano dei "furbi" che abusano della banda. la questione è questa: che uno paghi una X mega (teorici) per poi poterne utilizzare meno (e fin qui uno si può ancora accontetare) e che se utilizza la banda che riesce ad avere disponibile si senta dire che "abusa" del servizio mi sembra troppo. non vedo perchè io pago per piu di quello che ottengo, telecom (in questo caso) vende per più di quello che ha e non reinveste neanche questi lauti e illegittimi guadagni per migliorare la propria infrastruttura lo str***o sarei io perchè mi prendo la libertà di mangiare le briciole della pagnotta che ho regolarmente pagato (anche salata rispetto alla media europea). in ogni caso ti ringrazio per la spiegazione approfondita!! :-)
        • angros scrive:
          Re: ...non capisco...
          Ma che ti credi?Questi fanno OVERBOOKING come le compagnie aeree. Ti vendono piú posti (piú velocitá di acXXXXX alla rete) di quelli che materialmente hanno a disposizione, nella speranza che il signor Ruppolo Roberto non si presenti al Gate in orario di punta...
          • markoer scrive:
            Re: ...non capisco...
            Credo che tu abbia centrato il problema ;-)Cordiali saluti
          • ullala scrive:
            Re: ...non capisco...
            - Scritto da: angros
            Ma che ti credi?
            Questi fanno OVERBOOKING come le compagnie aeree.
            Ti vendono piú posti (piú velocitá di acXXXXX
            alla rete) di quelli che materialmente hanno a
            disposizione, nella speranza che il signor
            Ruppolo Roberto non si presenti al Gate in orario
            di
            punta...Bingo!
      • entromezzanotte scrive:
        Re: ...non capisco...

        apparecchiature di traffic shaping. Il tuo limite
        di 7 Mb/sec è solo stimato ed imposto
        grossolanamente e soggetto al reale utilizzo del
        segmento su cui ti trovi (gli altri utenti...). ÈI 7Mb/sec sono solo la velocità del doppino di rame da casa tua alla centrale (il last mile!).Le altre 20 tratte di diverse tecnologie e molto più trafficate che devi passare, non te le dicono.
      • ullala scrive:
        Re: ...non capisco...
        - Scritto da: markoer
        Il protocollo TCP/IP non ha integrato il quality
        of service, quindi non possono veramente importi
        dei limiti se non vengono installate delle
        apparecchiature di traffic shaping. Il tuo limite
        di 7 Mb/sec è solo stimato ed imposto
        grossolanamente e soggetto al reale utilizzo del
        segmento su cui ti trovi (gli altri utenti...). È
        normale osservare che in certi orari viaggi
        meglio che in altri - quando i tuoi vicini di
        casa usando Internet a loro
        volta.

        Per avere un vero traffico garantito devi pagare
        una connessione professionale dedicata. Oppure
        bisognerebbe che l'ISP avesse questi meccanismi
        di shaping - cosa che probabilmente stanno
        cercando di fare adesso - ma questo significa
        investire soldi e non lo fanno se non pensano che
        questo abbia un ritorno economico di qualche
        tipo. Ovviamente non puoi nemmeno cavare sangue
        da una rapa, se tutti nel tuo quartiere guardano
        YouTube nello stesso momento, per fare un
        esempio, non aspettarti di andare a 7
        Mbit/sec.

        Probabilmente è più giustificabile un
        investimento in questo traffic shaping che non
        upgradare la
        fibra...

        Cordiali salutiIl traffic shaping non ti dà la banda che non hai!Ottimizza l'utilizzo ma se le la rete è satura è satura punto e basta!Non cavi sangue da una rapa come hai detto!Senza investimenti in infrastruttura (che non è filo ce ne è a bizzeffe di filo e per di più spesso inutilizzato) non vai da nessuna parte.I carrier tengono "stupidamente" (notare le virgolette) alti i prezzi perchè vogliono essere solo loro a fare trading di banda.In compenso lungo le strade (anche le semplici statali) ci sono km e km di fibra "spenta" inutilizzata!Accenderla costa 2 lire ma non si fa perchè è più economico "mungere la XXXXX".oggi su una coppia ottica porti comodamente 10 Gb (già IP) con meno di 1000 euro se sei l'ultimo cretino della terra figuriamoci se sei un carrier!E invece la fibra marcisce nelle canaline!
        • markoer scrive:
          Re: ...non capisco...
          Sono totalmente d'accordo come penso di aver già detto, volevo solo puntualizzare sul fatto che anche gli utenti dovrebbero fare bene i loro calcoli - anche se l'ISP lavora bene c'è sempre il cretino che si lamenta ;-)Che poi le fibre siano lasciate alla critica roditrice dei topi... peccato, ma non credo. Dove sono installate sono certamente utilizzate. Almeno l'azienda per cui lavoro io dove necessario investe in connettività layer 1 o 2. Il lavoro di ISP non è semplicemente aprire un portafoglio e scavare buche nell'asfalto, anche se non tutti arrivano a capirloCordiali saluti
          • ullala scrive:
            Re: ...non capisco...
            - Scritto da: markoer
            Sono totalmente d'accordo come penso di aver già
            detto, volevo solo puntualizzare sul fatto che
            anche gli utenti dovrebbero fare bene i loro
            calcoli - anche se l'ISP lavora bene c'è sempre
            il cretino che si lamenta
            ;-)
            Inevitabile... il cretino esisterà sempre... ma il punto è che in questo caso TUTTI ci lamentiamo!
            Che poi le fibre siano lasciate alla critica
            roditrice dei topi... peccato, ma non credo. Dove
            sono installate sono certamente utilizzate.Non qui purtroppo ci sono paesi in digital divide (addirittura sulla pontina ad esempio) dove passa la fibra a mazzette (spente e/o sottoutilizzate).E si tratta di roba pagata (99 volte su 100) con denari pubblici!
            Almeno l'azienda per cui lavoro io dove
            necessario investe in connettività layer 1 o 2.
            Il lavoro di ISP non è semplicemente aprire un
            portafoglio e scavare buche nell'asfalto, anche
            se non tutti arrivano a
            capirloNo anzi è tutt'altro infatti chi fa infrastrutture di connettività fisica dovrebbe essere cosa (mestiere) del tutto diverso da chi invece mette a disposizione risorse e servizi (infrastrutturali e non) che permettono alla gente di avvalersi delle infrastrutture di connettività.
          • markoer scrive:
            Re: ...non capisco...
            - Scritto da: ullala[...]
            No anzi è tutt'altro infatti chi fa
            infrastrutture di connettività fisica dovrebbe
            essere cosa (mestiere) del tutto diverso da chi
            invece mette a disposizione risorse e servizi
            (infrastrutturali e non) che permettono alla
            gente di avvalersi delle infrastrutture di
            connettività.Sono d'accordo solo a metà. Se porti questo ragionamento alle estreme conseguenze, chi dovrebbe fornirte la fibra? il governo? per carità, non sono manco capaci di fare un sito web... l'incumbent? in Italia? LOL appaltiamolo direttamente ai partiti o ai palazzinari che si fa prima.Cordiali saluti
          • markoer scrive:
            Re: ...non capisco...
            Tralasciando i problemi di competenze (che non esistono, tanto chiunque, ISP, governo, incumbnet...) di sicuro non posano cavi personalmente ma appaltano ad una azienda, secondo te chi li dovrebbe pagare? questo è il quesito a cui voglio una risposta.Cordiali saluti
  • anonimo scrive:
    voip non telecom bloccato
    non so se è correlato a queste nuove politiche, ma da un mese a questa parte mi risulta quasi impossibile utilizzare il voip (che non è telecom, mentre l'adsl è telecom), cioè dopo tre minuti salta proprio la sincronizzazione del router con la centrale telecom, inoltre dallo stesso periodo, per quel poco che il voip non telecom funziona, lo fa malissimo con un ritardo ed una qualità penosa...nonostante io abbia una linea 20M/1M, ovvero la più potente disponibile...a me sembra che vogliano bloccare il voip che non è telecom...poi magari sarà solo una "coincidenza"...
    • lol scrive:
      Re: voip non telecom bloccato

      disponibile...a me sembra che vogliano bloccare
      il voip che non è telecom...poi magari sarà solo
      una
      "coincidenza"...tiscali già lo faceva bloccando in uscita le porte del voip.ora non lo fanno + (x fortuna)
    • Nome e cognome scrive:
      Re: voip non telecom bloccato
      Voipstunt e Voip4BIZ perfettamente funzionanti con Alice 7 Mega, impostati direttamente su IAD con porte FXS/FXO.
  • ruppolo scrive:
    Causa -
    Effetti
    Pirati che scaricano 24/7 portando la banda a saturazione provocano una serie di effetti, nocivi per tutti. Questo è uno dei tanti. La soluzione di un problema persistente è nota a chiunque: rimozione della causa.
    • Paperoliber o scrive:
      Re: Causa -
      Effetti
      A parte che adesso c'è anche il p2p da siti legali dove compri film o li guardi in streaming, e se io pago per vedere un film lovorrei vedere benee non a saltelli. Poi basta a dare la colpa sempre a chi scarica. Telecom succhia i soldi come un vampiro, io nel mio comune sono stato "raggiunto" dall'adsl da tre anni e al massimo dovrei andare a 8 mega ma se vado a 2 o 3 è già festa !!! Gli altri 5 io li pago ma chi li vede ???? Abbiamo delle centrali costruite dalla SIP prima che la privatizzassero e diventasse Telestrozz-ino e dopo solo salassi e niente investimenti !!!!
    • Guge scrive:
      Re: Causa -
      Effetti
      - Scritto da: ruppolo
      La soluzione di un problema persistente è nota a chiunque: rimozione della causa.ovvero il diritto d'autore
    • lol scrive:
      Re: Causa -
      Effetti

      Pirati che scaricano 24/7 portando la banda a
      saturazione provocano una serie di effetti,
      nocivi per tutti. Questo è uno dei tanti.è vero in più sono tutti dei comunisti bruciamoli
      La soluzione di un problema persistente è nota a
      chiunque: rimozione della
      causa.esatto ma a me stanno antipatici anche skype e youtube eliminiamoli dal web...ridicolo...
    • Sgabbio scrive:
      Re: Causa -
      Effetti
      La tua superficialità non ti smentisce mai.Sai che sono siti come youtube ad usare più banda ormai ?
    • valerivs scrive:
      Re: Causa -
      Effetti
      Ruppolo a volte sei indifendibile.Di solito ti apprezzo per le tue crociate contro la banda di troll che infesta questo forum con il solo scopo di criticare Apple.Ma a volte fai sparate come questa che fanno cadere le braccia.
      • Sgabbio scrive:
        Re: Causa -
        Effetti
        Il problema è che pure lui trolla non poco...
        • valerivs scrive:
          Re: Causa -
          Effetti
          Vero, questo è uno di quei casi da te citati.Ma secondo me sono veramente pochi episodi; di solito ribatte con estrema razionalità alle follie dette da molti contro Apple.
          • Sgabbio scrive:
            Re: Causa -
            Effetti
            Non hai mai visto quando parla di pirateria, ad uno l'ha insultato dandolo del pezzente :D
          • valerivs scrive:
            Re: Causa -
            Effetti
            LOL!In effetti il personaggio è "forte" in tutti i sensi.Però le sue argomentazioni hanno spento in più occasioni le varie trollate disperate (quelle del tipo "non ho paura di dire una c...ata pur di criticare Apple)
      • angros scrive:
        Re: Causa -
        Effetti
        Bello mio. Ruppolo ha competenze, o crede di averne, solo per quello che riguarda Apple. Del resto non ne sa un tubo!Pure Skype si basa sul P2P... che facciamo, ammazziamo pure Skype???
        • valerivs scrive:
          Re: Causa -
          Effetti
          Risposta da fanboy (quale ambisco essere): non serve avere competenze extra-Apple, perché Apple rappresenta il "best of" del panorama IT.Risposta da persona simil-equilibrata: i tuttologi non esistono, se Ruppolo è specializzato Apple buon per lui, te a quanto ho capito dai vari post sei ferrato in tutto ciè che è "FSF" (passami la semplificazione). Non si può sapere tutto di tutto.Tornando al caso in questione, ho detto io per primo che stavolta, ed in genere sul tema P2P, l'ha sparata grossa, ed una volta tanto non sono d'accorod con lui.
    • CCC scrive:
      Re: Causa -
      Effetti
      - Scritto da: ruppolo
      Pirati che scaricano 24/7 portando la banda a
      saturazione provocano una serie di effetti,
      nocivi per tutti. Questo è uno dei tanti.ballei "pirati" sono coloro i quali si appropriano privatamente di un bene pubblico comune quale è la conoscenzae la saturazione si ha soprattutto per streaming audio e video legali (cose tipo alice tv, tipo youtube ecc.)
      La soluzione di un problema persistente è nota a
      chiunque: rimozione della
      causa.giusto:- abolizione totale di copyright, brevetti e marchi
    • Viper scrive:
      Re: Causa -
      Effetti
      Se io pago per una connessione a internet devo avere un servizio decente sia che scarico costantemente al massimo della banda per 24 ore al giorno 7 giorni su 7, sia se apro il programma di posta 1 volta al mese.C'è poco da lamentarsi con Telecom, nelle condizioni contrattuali di tutti i servizi ADSL (Ngi o casi simili esclusi) si parla sempre di "Velocità Massima" mai di "Velocità Minima" e di "Banda Garantita".Quindi se sottoscrivere un contratto per un servizio ADSL con velocità massima di 7 Mbit/s e minima 56 Kbit/s (ovviamente si parla il down) e poi va a 57 Kbit/s avete poco da lamentarvi.Io ho atteso l'ADSL per ben 7 anni prima che arrivasse anche nella mia zona, ora ho una 7 MBit/s che va a 6,8 Mbit COSTANTI a qualsiasi ora del giorno.Sono fortunato lo so, ma il discorso che ho fatto prima vale comunque.Se si vuole qualcosa di garantito si deve pagare, e anche profumatamente... provate a guardare i prezzi F5 di NGI.
  • Anonymous scrive:
    Certo.. come no..
    Chissà come pretendete che Telecom faccia per migliorare la qualità... si metterà a generare banda dal nulla.Specie un'azienda sull'orlo del collasso visto com'è stata spolpata in lungo ed in largo.
    • Martin scrive:
      Re: Certo.. come no..
      Investendo in infrastrutture e non strozzando le linee. Dico TI ma vale anche per gli alti operatori morti di fame europei, che si lamentano con google.
  • Flexiglas scrive:
    ISP mai contenti
    Si tratta di capire che tipo di traffic shaping viene fatto.Se il traffico dati generato dal P2P viene leggermente penalizzato a vantaggio del traffico web, posta, video e VoIP l'esperienza di tutti potrebbe essere migliore.Tra l'altro studi su modelli di traffico recente dicono che il througput reale dai P2Pers migliorebbe (non ho capito bene come confesso).Certo che se Telecom osteggia il VoIP qualcuno potrebbe avere da ridire: ma del resto internet è una cosa, il contratto con telecom è in "best effort" (ABR/UBR) e telecom potrebbe rispondere compratevi un canale almeno VBR se volete farci VoIP, che costerebbe legettimamente leggermente di più.Discorso diverso per i video in streaming che chiedono molta più banda e che, per garantire la qualità dell' HD mettono a dura prova le reti di oggi. Questo anche perché non so quanti sarebbero disposti a pagare una rete in fibra di più dell'ADSL di oggi per scaricare da YouTube un video HD.Google dal suo canto sta entrando nel mondo della connettività cercando di imporre i propri prezzi.Insomma ognuno fa i propri interesse: le telco con i cavi senza investirci molto, gli utenti con la banda sperando di pagare poco, gli isp con i cavi delle telco senza metterci un quattrino in investimento, e google con i video a sbafo sulla banda pagata.Non si capisce sulla base di cosa questo modello possa portare ad un'evoluzione in crescita della qualità del servizio...
    • echoesp1 scrive:
      Re: ISP mai contenti
      Si, ok, quello che dici è sensato, ma il fatto è che così non si risolve niente.E' normale che con l'andare del tempo la necessità di banda aumenta: si chiama evoluzione.Quello che manca è la stessa evoluzione degli ISP, che invece di aggiornare la piattaforma hardware cercano di contenere la situazione fino a quando, con l'acqua alla gola, dovranno pur far qualcosa (che sarà rimettere mano ad un infrastruttura in modo tale che "tenga botta" per altri due anni, o meglio fare il minimo per evitare il collasso per qualche tempo ancora...).Quello che fa rabbia è che ti vendono la 20 mega, spendono milioni per pubblicità "cagata", installano device hardware penosi, e poi stringi stringi possono fare di te, cliente, quello che vogliono...Ma il mercato non dovrebbe essere diverso?Non vale più il detto "il cliente ha sempre ragione?"
      • il solito bene informato scrive:
        Re: ISP mai contenti
        - Scritto da: echoesp1
        Ma il mercato non dovrebbe essere diverso?
        Non vale più il detto "il cliente ha sempre
        ragione?"non sono assolutamente comunista, ma è sotto gli occhi di tutti che il capitalismo ha fallito di brutto (scusate il termine tecnico)
        • Regur Mortis scrive:
          Re: ISP mai contenti
          direi il contrario il capitalismo funziona il problema è che la telecom è monopolio che riceve soldi anche dallo stato se ci fosse libera concorrenza come in America le cose sarebbero diverse, poichè appunto quando hai tanti concorrenti fai di tutto per essere il numero 1.
          • fulcrum scrive:
            Re: ISP mai contenti
            Consiglieri di riportare avanti le lancette dell'orologio... Dagli anni '90 di acqua ne è passata sotto i ponti... Ed il monopolio Telecom se l'è portato via... ;-)Cordiali SalutiFulcrum
          • Sgabbio scrive:
            Re: ISP mai contenti
            Guarda che anche all'estero i grossi ISP frignano sulla banda, basti vedere la notizia di qualche settimana fa, dove i più grossi ISP europei volevano i soldi da google per la banda che usava.
          • markoer scrive:
            Re: ISP mai contenti
            Sul fatto che il capitalismo sia un fallimento non ci sono dubbi, d'altronde stiamo distruggendo il pianeta e la gran parte della popolazione soffre la fame. Ma questo non ha molto a che vedere con le Telco :-)Cordiali saluti
          • angros scrive:
            Re: ISP mai contenti
            É arrivato il comunista-pacifista-buonista di turno. E pure OT!
          • markoer scrive:
            Re: ISP mai contenti
            Primo, non sono comunista, infatti io non ho mai mandato nessuno nei gulag.Non sono buonista, infatti ci metto mezzo secondo a mandare quelli come te a fa****o.Non sono pacifista, infatti conosco un bel po' di gente che prenderei volentieri a randellate....ma per dire che il capitalismo è fallito non devi essere comunista, solo non avere fette di prosciutto sugli occhi spesse come il cartone. Infatti, ci sono tanto di premi nobel dell'economia che lo dicono, non servo certo io. Ma questo non dirlo ai deficienti berlusconiani, non ci credono, loro credono solo alle notizie edulcorate riportate dai loro rotocalchi televisivi di partito (molto, molto simili alle TV di stato dei regimi comunisti, guarda caso. Non a caso Berlusconi è grande amico di dittatori come Putin... c'è sintonia).Cordiali saluti
          • Riketto scrive:
            Re: ISP mai contenti
            Ben in un paese civile...Qui in itaglia o sei monopolista (ma in regime di "libero mercato" e quindi lo scopo e' massimizzare i profitti, posso garantirlo, ci ho fatto la tesi di laurea su questo) o si fa un bel "cartello". La concorrenza e' riservata solo ai gelatai sul lungomare (e nemmeno li' perche' c'e' in proposito proprio il "dilemma del gelataio"..)In un paese civile i lampioni sarebbero pieni di manager penzolanti...
      • entromezzanotte scrive:
        Re: ISP mai contenti

        Ma il mercato non dovrebbe essere diverso?
        Non vale più il detto "il cliente ha sempre
        ragione?"Tralasciando tutti i post demenziali di quelli che dicono "il capitalismo ha fallito" (perché, il comunismo è stato un sucXXXXXne ???), vorrei farti notare che in molti settori in Italia e in Europa non esiste un vero mercato libero (al contrario degli USA).E proprio nel settore della telefonia & internet, DI FATTO Telecom Italia gode di posizione privilegiata e dominante per legge: per una grossa porcheria nella parte realizzativa della privatizzazione a fine anni 80, D'Alema ha regalato la rete "pubblica" (centrali, fili, scavi, canalette) ad una sola società di privati.Di fatto quindi in Italia l'unica rete fisica nazionale esistente è in mano a Telecom Italia, e questo la mette in chiara posizione di monopolio. Non siamo quindi in regime di libero mercato. Ogni operatore che ti vuole vendere una ADSL deve comunque passare per Telecom, fatta eccezione per quelle rare zone dove qualcuno ha osato a fare gli scavi a sue spese.Diciamo che nel settore telco siamo ancora nel medioevo, come nel settore dei notai: non abbiamo introdotto né il capitalismo, né il comunismo, né il liberismo. Al medioevo siamo.Per correggere questa distorsione di mercato, i vari governucci che hanno seguito quello della privatizzazione non hanno fatto altro che imporre norme normative codicilli sempre più restrittivi a Telecom Italia, nel vano tentativo di favorire gli altri fornitori.Di fatto il risultato è stato tragico:- Telecom Italia si lamenta, giustamente, di essere troppo vessata da norme e normative che le impediscono di triplicare i prezzi quando vuole. E con questa ed altre scuse intanto fa bilanci catastrofici regalando comunque milioni ai suoi manager incapaci.- Il mercato di fatto non è ancora libero: la rete è ancora in mano a Telecom. Provate ad avere lo stesso problema (guasto di rete/centrale) con una ADSL di Telecom o una di Tele2 su telecom. I tempi di risoluzione del problema, e la probabilità di arrivare alla soluzione sono completamente a favore di telecom.In UK se ne sono accorti di avere fatto una XXXXXta simile alla nostra, ma British Telecom ha "mollato" la rete separando le società ancora nel 2007.Come va ? Come non va ? non lo so.Mi piacerebbe leggerlo su PI.Solo che se da una parte (UK) vedo un comportamento migliorativo (che libererebbe il mercato da inutili lacci), qui vedo ancora solo medioevo.
        • il solito bene informato scrive:
          Re: ISP mai contenti
          - Scritto da: entromezzanotte

          Ma il mercato non dovrebbe essere diverso?

          Non vale più il detto "il cliente ha sempre

          ragione?"

          Tralasciando tutti i post demenziali di quelli
          che dicono "il capitalismo ha fallito" (perché,
          il comunismo è stato un sucXXXXXne ???),Hai ragione, ho sbagliato: il capitalismo è stato un sucXXXXXne ! I ricchi si arriccano, i poveri si impoverano, i consumatori vengono "violentati" continuamente da presunti mercati liberi e concorrenziali, che alla fine altro non sono che cartelli per mantenere i prezzi elevati, e il 50% di ogni prodotto che acquisti va alle banche sotto forma di interessi, cioè ricchezza inventata, il tutto manovrato da un gioco adatto a bambini di età compresa tra i 3 e i 12 anni che si chiama "Borsa". Una farfalla batte le ali a Pechino e Atene va in fiamme.Un paradiso, direi.Comunque scusate l'OT, quoto tutto il resto del tuo post e "demenziale", per favore, lo dici ad un tuo amico.Grazie
          • angros scrive:
            Re: ISP mai contenti
            Di demenziale qui c'é la lingua italiana che sta morendo!I ricchi si ARRICCHISCONO e i poveri IMPOVERISCONO (come il mio cervello), caso mai!
          • ullala scrive:
            Re: ISP mai contenti
            - Scritto da: angros
            Di demenziale qui c'é la lingua italiana che sta
            morendo!
            I ricchi si ARRICCHISCONO e i poveri
            IMPOVERISCONO (come il mio cervello), caso
            mai!Compra un vocabolario cerca alla voce ironia!Rileggi il post con "arriccano" e vedi se hai più fortuna!
          • il solito bene informato scrive:
            Re: ISP mai contenti
            - Scritto da: ullala
            - Scritto da: angros

            Di demenziale qui c'é la lingua italiana che sta

            morendo!

            I ricchi si ARRICCHISCONO e i poveri

            IMPOVERISCONO (come il mio cervello), caso

            mai!
            Compra un vocabolario cerca alla voce ironia!
            Rileggi il post con "arriccano" e vedi se hai più
            fortuna!grazie :-)
          • entromezzanotte scrive:
            Re: ISP mai contenti


            Tralasciando tutti i post demenziali di quelli

            che dicono "il capitalismo ha fallito" (perché,

            il comunismo è stato un sucXXXXXne ???),

            Hai ragione, ho sbagliato: il capitalismo è stato
            un sucXXXXXne ! I ricchi si arriccano, i
            poveri si impoverano, i consumatori vengono
            "violentati" continuamente da presunti mercatiVedo che anche con la comprensione della struttura del testo sei messo malino.a) Non ho scritto da nessuna parte che il capitalismo è stato un sucXXXXXne (dove lo leggi ???).b) Ho volontariamente lasciato incompleta quella parte, perchè mettermi a discutere se comunismo o altri insiemi di regole economico/finanziarie siano migliori, in questo forum mi sembra OT.c) Spiegami cosa intendi per sucXXXXX o fallimento. Uno fallisce se non raggiunge gli obiettivi che si è posto in partenza. Sembra che tu consideri solamente la redistribuzione di capitali come obiettivo di un sistema economico/finanziario: un po' limitativo.Ma qui è OT. Basta grazie.
          • il solito bene informato scrive:
            Re: ISP mai contenti
            - Scritto da: entromezzanotte


            Tralasciando tutti i post demenziali di quelli


            che dicono "il capitalismo ha fallito"
            (perché,


            il comunismo è stato un sucXXXXXne ???),



            Hai ragione, ho sbagliato: il capitalismo è
            stato

            un sucXXXXXne ! I ricchi si arriccano, i

            poveri si impoverano, i consumatori vengono

            "violentati" continuamente da presunti mercati

            Vedo che anche con la comprensione della
            struttura del testo sei messo
            malino.
            a) Non ho scritto da nessuna parte che il
            capitalismo è stato un sucXXXXXne (dove lo leggi
            ???).non ero sarcastico nei confronti del tuo post: piuttosto ha mosso nella mia testa la riflessione (al tuo punto "c") e ho rivisto la mia idea originale con in più un "pizzico" di ironia.
            c) Spiegami cosa intendi per sucXXXXX o
            fallimento. Uno fallisce se non raggiunge gli
            obiettivi che si è posto in partenza. Sembra che
            tu consideri solamente la redistribuzione di
            capitali come obiettivo di un sistema
            economico/finanziario: un po'
            limitativo.
            Ma qui è OT. Basta grazie.si scatenerebbe una discussione che costringerebbe quelli di PI a scriverci un articolo. :-)
          • entromezzanotte scrive:
            Re: ISP mai contenti

            si scatenerebbe una discussione che
            costringerebbe quelli di PI a scriverci un
            articolo.Mah, mi piacerebbe discutere ancora, ma essendo OT chiudo :)Mi aggancio appunto all'ultima frase per chiedere a PI:a) Farete mai una analisi di quanto è veramente libero il mercato TELCO Italia ? Eddai.. suvvia, metteteci qualcosa di vostro ogni tanto, senza fare il copiaeincolla di qualcun'altro :) Così tornerò a leggervi più frequentemente. Da quando avete tolto le date e l'ordine dei vostri post, vedo la vostra homepage molto più raramente. Molto più raramete.b) E che effetti ha avuto lo scorporo della rete di BT in uk che dovrebbe essere avvenuta in UK nel 2007 e poi non si è più sentito niente ?
        • fiertel91 scrive:
          Re: ISP mai contenti
          - Scritto da: entromezzanotte
          Tralasciando tutti i post demenziali di quelli
          che dicono "il capitalismo ha fallito" (perché,
          il comunismo è stato un sucXXXXXne ???)Il comunismo marxista è arrivato e nessuno ha saputo nulla? :S
        • markoer scrive:
          Re: ISP mai contenti
          - Scritto da: entromezzanotte[...]
          Tralasciando tutti i post demenziali di quelli
          che dicono "il capitalismo ha fallito" (perché,
          il comunismo è stato un sucXXXXXne ???),Il fatto che non ci siano alternative, non significa che quello che abbiamo attualmente sia un sucXXXXXne, non credi?Mica ti devi accontentare di questo schifo di mondo perché non ne abbiamo un'altro. Puoi sempre migliorare, non credi?Cordiali salutiPS. il più grosso sucXXXXX capitalistico lo hanno avuto... i comunisti, portando un paese contadino arretrato uscito da una civile e due guerre mondiali ad essere la seconda potenza mondiale. Questo a volte ce lo dimentichiamo... (ancora, io non supporto le dittature, di qualsiasi colore... ma tanto per mettere i puntini sulle "i")
    • Anonymous scrive:
      Re: ISP mai contenti
      - Scritto da: Flexiglas
      Si tratta di capire che tipo di traffic shaping
      viene
      fatto.
      Se il traffico dati generato dal P2P viene
      leggermente penalizzato a vantaggio del traffico
      web, posta, video e VoIP l'esperienza di tutti
      potrebbe essere
      migliore.Effettuare degli upgrade alle infrastrutture no eh? Già ti dicono che ti danno una 20 Mbit ed invece ti propinano una 256 Kbyte effettiva, poi adesso anche questo. Sti qua vogliono sempre più utenti per rimpinguarsi di soldi, tagliuzzando sempre di più la banda a disposizione. Ecco cosa vogliono. Altro che migliorare la qualità. Questo sistema truffaldino di stupro sistematico dell'utente deve finire.
      Tra l'altro studi su modelli di traffico recente
      dicono che il througput reale dai P2Pers
      migliorebbe (non ho capito bene come
      confesso).Infatti. E' puro vapore.
      • Alfonso Maruccia scrive:
        Re: ISP mai contenti
        Immagino sia un pò come la "soluzione" che le tecnocrazie europee si sono inventate per "salvare" la Grecia già fallita: impacchettare debito, farselo garantire dalla BCE e poi passarlo alla Grecia come "credito".Così come per Telecom di interventi infrastrutturali neanche l'ombra, non conviene e quindi tanto vale spremere ogni singolo bit dai polli che ci pagano con le pratiche di "network management" che ricavano, con un miracolo che manco gesù cristo che va a 50 all'ora sull'acqua, banda e qualità laddove c'è già il nulla....
        • Uno scrive:
          Re: ISP mai contenti
          -- Così come per Telecom di interventi infrastrutturali neanche l'ombra, non conviene e quindi tanto vale spremere ogni singolo bit dai polli che ci pagano con le pratiche di "network management" che ricavano, con un miracolo che manco gesù cristo che va a 50 all'ora sull'acqua, banda e qualità laddove c'è già il nulla....--.Scusi l'ignoranza, ma non ho capito. Potrebbe rispiegarmelo in modo più semplice ?
          • Sgabbio scrive:
            Re: ISP mai contenti
            Se ho capito quello che dice il nostro amico della redazione:Telecom praticamente di taglia le gambe su alcune applicazioni perchè la banda non è più sufficente sul numero di utenti che ci sono.Anche se poi il problema non è nemmeno il p2p, ma è il resto che sta crescendo, come youtube e simili, par non parlare dei cloud....E' ora di investire.... mi sembra ormai chiaro.
        • fulcrum scrive:
          Re: ISP mai contenti
          - Scritto da: Alfonso Maruccia
          Immagino sia un pò come la "soluzione" che le
          tecnocrazie europee si sono inventate per
          "salvare" la Grecia già fallita: impacchettare
          debito, farselo garantire dalla BCE e poi
          passarlo alla Grecia come
          "credito".

          Così come per Telecom di interventi
          infrastrutturali neanche l'ombra, non conviene e
          quindi tanto vale spremere ogni singolo bit dai
          polli che ci pagano con le pratiche di "network
          management" che ricavano, con un miracolo che
          manco gesù cristo che va a 50 all'ora sull'acqua,
          banda e qualità laddove c'è già il
          nulla....Non è che "non conviene"... E' che un levereged buy out (Colannino) ed una gestione assassina (Tronchetti), in sequenza, han lasciato l'azienda con un indebitamento micidiale. In sostanza: gli investimenti per la NGN costano un botto... Ed i soldi in cassa non ci sono... Consideriamo l'esposizione già in essere e la necessità (dato il tipo di azionariato) di staccare un dividendo.Sommiamoci la crisi che provoca una contrazione anche nella capacità di spesa dei Clienti... Capito il problema? Non è poi così difficile, eh... ;-)Cordiali SalutiFulcrum
        • il signor rossi scrive:
          Re: ISP mai contenti
          - Scritto da: Alonso Maruccia

          Così come per Telecom di interventi
          infrastrutturali neanche l'ombra, non conviene e
          quindi tanto vale spremere ogni singolo bit dai
          polli che ci pagano con le pratiche di "network
          management" che ricavano, con un miracolo che
          manco gesù cristo che va a 50 all'ora sull'acqua,
          banda e qualità laddove c'è già il
          nulla....Maruccia, sei un grande!!!Se vai in politica hai il mio voto... :)
        • ullala scrive:
          Re: ISP mai contenti
          - Scritto da: Alfonso Maruccia
          Immagino sia un pò come la "soluzione" che le
          tecnocrazie europee si sono inventate per
          "salvare" la Grecia già fallita: impacchettare
          debito, farselo garantire dalla BCE e poi
          passarlo alla Grecia come
          "credito".E cosa c'è di strano è esattamente la ripetizione della prassi in cui tramite la banca si trasforma il debito in massa finanziaria!Il debito "spacciato" per soldi!Il debito verrà rimborsato a "comode rate" "si compila il bollettino postale"... :DCioè ne più ne meno che il meccanismo che ci ha portato ad avere un volume di carta (finanza) 16 volte (lo dice l'ONU) più grande della intera produzione mondiale di beni e servizi (ricchezza reale).Secondo te i 10 o 12 (uno più uno meno) che hanno accumulato vagonate di questa carta (massa finanziaria) pensano di ammettere che si tratta di carta straccia? O pensano che la differenza in valore (16 volte) tra la carta e la ricchezza reale la paghi tu, noi, i greci ecc. ecc.?Naturalmente a rate eh? :Dah mariù ma perchè ti meravigli?
        • Rozino scrive:
          Re: ISP mai contenti

          Così come per Telecom di interventi
          infrastrutturali neanche l'ombrain realtà investimenti ce ne sono: un DSLAM costa 50 k + le schede ora che rientri da questo investimento on utili già ne passa.Chiaro che pesnare di rientrare da investimenti di miliardi di euro per portare la fibra in italia non si scherza: soprattutto se lagente continua a vole apgar il meno possibile
      • markoer scrive:
        Re: ISP mai contenti
        - Scritto da: Anonymous[...]
        Effettuare degli upgrade alle infrastrutture no
        eh? Già ti dicono che ti danno una 20 Mbit ed
        invece ti propinano una 256 Kbyte effettiva, poi[...]Premettendo che sono d'accordo con l'impostazione, attenzione a non fare calcoli sbagliati. Magari è vero che la situazione in Italia fa schifo (dove vivo io ho solo l'imbarazzo della scelta tra linee ISDN, cavo, fibra, DSL, satellite...). Tuttavia quando parlano di un certo numero di Mbit/sec immagino parlino di effettivi bit trasmessi, non certo della velocità in cui tu scarichi il tuo caro pr0n... Mr. TCP/IP come minimo di impone un 20% di overhead, spesso viaggi anche in PPPoE e quindi ci sta un altro 0,5% di overhead. (ok minimo ma esiste).Certi Luser riescono persino a confondere Mbit/sec con Mbyte/sec, vedono che il loro browser scarica a "500 Kbyte/sec" e dicono "ma cribbio io ho pagato per una linea da 7 Mega!!!" ma se magari facessero la divisione per otto scoprirebbero che hanno speso bene i loro soldi.Ripeto non certo per difendere le linee Telecom e questa azienda lottizzata come d'altronde tutto in Italia - e siete voi Italiani ad averlo permesso quindi non lamentatevi troppo - ma a volte si leggono dei commenti da scomXXXXXXrsi dal ridere.Cordiali saluti
        • markoer scrive:
          Re: ISP mai contenti
          - Scritto da: entromezzanotte[...]
          Mi scrivi "voi italiani". Ma tu cosa sei ?Beh, chi ti dice che sono Italiano?Io ho già due cittadinanze, tra un paio d'anni potrò chiederne un'altra e penso che lo farò con piacere visto che dovrò così lasciare quella Italiana, già non vivo in Italia e non mi interesso di quello che avviene costaggiù se non perché ci vado ogni tanto in vacanza o a trovare i parenti, mi preoccupo di quello che succede nel mio paese.
          E dimmi cosa "io italiano", contrario a come è
          stata privatizzata male telecom, ma favorevole ad
          una sua scissione come per BT nel 2007, come per
          le baby bells molti anni fa negli usa, dovrei
          fare per migliorare la situazione
          !Il tuo unico strumento è il voto, e quello voi italiani (non tu personalmente, voi che votate per il parlamento italiano) avete usato, con i risultati che potete osservare.
          L'accusa gratuita non mi piace.Mi dispiace, ma non mi pare gratuita, mi pare che vi siate scavati la fossa e che stiate continuando a scavare.Cordiali saluti
Chiudi i commenti