Macedonia, Ubuntu sale in cattedra

Entro pochi mesi tutte le scuole dell'obbligo della Macedonia parleranno Linux e, in particolare, il dialetto semplice e vivace dell'ormai famosa distribuzione Ubuntu
Entro pochi mesi tutte le scuole dell'obbligo della Macedonia parleranno Linux e, in particolare, il dialetto semplice e vivace dell'ormai famosa distribuzione Ubuntu

Roma – Tra i governi che si stanno rapidamente convertendo all’open source c’è anche quello della Macedonia, che proprio in questi giorni sta installando Linux in oltre 460 scuole e 180 centri di calcolo del Paese. A destare particolare interesse è il fatto che gli amministratori locali hanno scelto, come distribuzione di riferimento, l’ancor giovane – benché già popolarissima – Ubuntu .

Il sistema operativo, basato sul desktop environment GNOME, verrà adottato sugli oltre 5.000 PC che popolano le aule di tutte le scuole primarie e secondarie della Macedonia. Tali computer verranno utilizzati per far girare programmi didattici open source e per consentire agli alunni di partecipare a progetti collettivi. Gli insegnanti, che in questi mesi hanno seguito un corso di formazione finanziato dal Governo locale, potranno controllare a distanza ogni PC e sperimentare nuove forme di e-learning.

Nel prossimo futuro i responsabili del progetto hanno in mente di dar vita ad un portale web dove gli scolari potranno creare un account personale, uploadare i propri lavori (codice, disegni, testi ecc.), collaborare con altri studenti e comunicare con gli insegnanti. La connessione fra i singoli computer e il server centrale avverrà grazie ad una rete Wi-Fi: questa farà parte di quell’ imponente network wireless con cui la Macedonia si appresta a coprire l’intera nazione.

L’ingresso di Linux nella scuole macedoni è un progetto promosso dal Ministro locale per l’Educazione e la Scienza e appoggiato, grazie all’iniziativa E-School.MK , dal’US Agency for International Development (USAID) e dall’Education Development Center (EDC).

Darko Arsov, technology integration manager di EDC, ha spiegato in un’intervista apparsa su gnomejournal.org che per il futuro verrà preso in considerazione l’uso, specie nella scuola primaria, di Edubuntu : una versione di Ubuntu specificamente pensata per l’uso pedagogico.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

06 12 2005
Link copiato negli appunti