Madonna: la mia violenza sulla Rete

Il suo ultimo video non piace per la sua violenza e MTV lo fa girare una volta sola. Così la rockstar più celebre decide di ricorrere, ancora una volta, ad Internet e trasformare la censura in un evento

Roma – Si chiama “What it feels like for a girl” il video che la popstar Madonna non riesce a far girare sulle televisioni dedicate alla musica e che ha quindi deciso di “portare in Rete”. Con un gesto a metà tra l’aggiramento della censura e l’ennesima trovata promozionale.

Dopo aver creato un “caso” attorno alla violenza contenuta nel suo video ed aver incassato con una certa soddisfazione la decisione di MTV di mandarlo in onda una sola volta, evento che ha portato la questione su tutti i giornali, Madonna ha deciso di ricorrere ad Internet, mezzo che da tempo ha abbracciato con decisione.

Il successo sulla Rete è peraltro garantito proprio in queste ore da AOL Time Warner che sta distribuendo streaming del video agli utenti del suo canale AOL Music. Anche se non sono rese note le cifre, la curiosità che gira attorno al video è notevolissima e si stima che possa ripetersi “l’assalto” che si è verificato al concerto dello scorso dicembre, diffuso in esclusiva via Internet da MSN.

Per la cronaca, il video racconta di come una giovane donna (Madonna) si impegna in un giorno di razzie e violenze concluso dallo schianto di un’automobile.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Censura Si, esagerazione No
    Sero solo che la censura non esageri scatenando una delle solite crociate sui videogiochi violenti che cambierebbero la mente dei ragazzi. Io, da quando avevo 13 anni, ho giocato a tutti gli sparatutto che esistono partendo da wolfenstein 3d (sigh..) a quake 3 e soci.Beh, non ci crederete, ma non vado in giro con una pistola in mano ad ammazzare a destra e a manca, anzi. Meraviglia delle meraviglie non ho mai fatto una strage o accoltellato i miei genitori.Certo una certa legislazione ci vuole. In fondo il realismo raggiunto di recente da alcuni giochi è impressionante.Il sangue-pixel sembra quasi sangue-veroE di certo gli sviluppatori non risparmiano sulla violenza (uguale del resto ad un comune film d'azione per tutti).Speriamo bene...
  • Anonimo scrive:
    VERGOGNA!
    CANADESI BIGOTTI!
    • Anonimo scrive:
      Re: VERGOGNA!

      CANADESI BIGOTTI!Io invece penso sia una buona idea. Non ho capito perchè io devo giocare a Carmageddon col sangue verde e gli alieni perche' lo stesso gioco puo' essere giocato da un minore.A questo punto preferisco 2 confezioni una per i minori e una per i maggiori di anni 18.
Chiudi i commenti