Mageia ammazza Mandriva

Ennesima trasformazione nel rutilante bestiario delle distro Linux: gli sviluppatori dell'OS francese annunciano il distacco dalla società omonima e preannunciano una nuova fondazione con cui rilanciare il progetto

Roma – Sono stati scorporati e infine “liquidati”, e per questo hanno deciso di seguire la propria strada e portare con loro l’esperienza costruita attorno a Mandriva Linux . Sono gli ex-impiegati di Edge-IT , sussidiaria della società francese Mandriva S.A. a cui facevano riferimento molti degli sviluppatori principali del sistema operativo. Nasce così il fork Mageia , nuova distro Linux che riprende dove Mandriva Linux ha lasciato con la fondazione di un organizzazione non profit in grado di gestire il progetto.

Il progetto Mageia conta tra le sue fila più di 50 sviluppatori ex-Mandriva e alcuni impiegati liquidati con la dismissione di Edge-IT, tutti concordi nel non avere più fiducia nelle capacità della società Mandriva S.A., “o qualsiasi altra società”, di funzionare da porto sicuro per il progetto Mandriva/Mageia.

I prossimi passi del gruppo prevedono la nascita di una fondazione non profit assieme all’istituzione di un consiglio “ad interim” di membri della community a cui affidare, durante il primo anno, la gestione della delicata fase di passaggio in vista di un’elezione democratica per il consiglio da tenersi in un secondo momento.

Fondazione a parte, le esigenze più impellenti del “core group” di Mageia includono la ricerca di hardware utile a costruire i server e ospitare il codice del progetto Mageia, le location più indicate per l’hosting e nuovi sviluppatori/contributori disposti a lavorare per realizzare “una distribuzione Linux facile e immediata da utilizzare, con strumenti di configurazione di sistema integrati e una migliore integrazione tra sistema, desktop e applicazioni”.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • non so scrive:
    webos
    e i miliardi spesi per webos? niente, non sono riusciti ad usarlo nemmeno su una stampante. che figura di emme
    • Funz scrive:
      Re: webos
      - Scritto da: non so
      e i miliardi spesi per webos? niente, non sono
      riusciti ad usarlo nemmeno su una stampante. che
      figura di
      emmeL'hanno comprato di recente, e mi sfugge a cosa potrebbe servire su una stampante...E mi sfugge anche lo scopo di questo tablettino evirato.
      • MikDic scrive:
        Re: webos
        Sembrerebbe una dimostrazione di scarsa capacita dell'HP, ma conoscendo questa grande società, ci sono altre motivazioni, tra cui il time-to-market. Probabilmente questo aggeggio era gia pronto da po.Inoltre una grossa società qual'è HP deve soddisfare un'infinita tipologia di utenti e scenari, di gran lunga superiore ad un'altra grande società dove la gran parte degli utenti sono fanboy (non inteso in senso solo negativo). Ecco la differenzazione di molti SO che essa propone, ad esempio hp ha un ottimo hp-unix ma collabora ed ha patnership con tutti.
Chiudi i commenti