MandrakeSoft, bancarotta più lontana

Il boss del distributore francese di Linux tranquillizza i propri utenti e fa sapere che il peggio è passato. L'obiettivo è ora quello di uscire dall'amministrazione controllata entro la fine dell'anno
Il boss del distributore francese di Linux tranquillizza i propri utenti e fa sapere che il peggio è passato. L'obiettivo è ora quello di uscire dall'amministrazione controllata entro la fine dell'anno


Parigi – Il pericolo della bancarotta, che all’inizio dell’anno aveva costretto MandrakeSoft ad adottare un regime di amministrazione controllata , sembra ormai scongiurato. A dirlo è il CEO della piccola società parigina, François Bancilhon, che in una lettera spiega a clienti, utenti e partner l’attuale situazione economica dell’azienda e le nuove prospettive per il futuro.

Bancilhon sottolinea in particolare il buon successo, anche in termini di copie vendute, riscosso dall’ultima versione di Mandrake Linux, la 9.1 , e la positiva accoglienza, da parte del mercato enterprise, della propria soluzione server, la Corporate Server 2.1, e del giovanissimo MandrakeClustering , una distribuzione dedicata al calcolo parallelo.

“Ora siamo impegnati – scrive Bancilhon – nello sviluppo di Mandrake Linux 9.2, che rilasceremo come pianificato durante l’autunno del 2003. A breve potrete avere maggiori informazioni su questa imminente release”.

Il boss di MandrakeSoft, che ha ringraziato tutti coloro che in questi mesi hanno dato sostegno morale od economico alla sua società, conta di porre fine all’amministrazione controllata entro l’anno: in questo arco di tempo il distributore francese spera di rinegoziare i propri debiti e rimettere in sesto il proprio bilancio.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

02 07 2003
Link copiato negli appunti