Mantello invisibile, Duke ci riprova

Grazie ad un nuovo algoritmo la modalità di realizzazioni dei metamateriali necessari all'invisibilità è stata semplificata. Dando il via alla realizzazione di un nuovo e promettente dispositivo

Roma – Il 2009 potrebbe essere l’anno in cui “vedrà la luce” un nuovo mantello dell’invisibilità: questo è quanto emerso dalle dichiarazioni del team della Duke University . Il nuovo dispositivo, più evoluto rispetto a quello concepito nel 2006 in collaborazione con l’ Imperial College di Londra, è ottenuto grazie ad un nuovo algoritmo in grado di semplificare la costruzione dei metamateriali, strutture dotate di specifiche capacità fisiche che sono essenziali alla mimetizzazione hi-tech.

Il nuovo strumento di invisibilità consiste in un pannello fatto di fibre di vetro, composto da circa 10 mila pezzi, di cui almeno 6 mila hanno una forma unica. Ogni pezzo è stato assemblato in base agli specifici calcoli forniti dall’algoritmo in questione ed il dispositivo finale ha una dimensione di 50×10 cm circa. Stando alle parole dei ricercatori, l’introduzione del nuovo procedimento ha permesso di realizzare il dispositivo in soli 9 giorni, un lasso di tempo insignificante rispetto ai quattro mesi necessari per la costruzione del suo predecessore. Inoltre, il nuovo modello sarebbe anche più flessibile ed adattabile alle esigenze degli studiosi, che ora possono progettare con molti metamateriali diversi dalle specifiche caratteristiche e varie dimensioni.

“La differenza tra il primo dispositivo e quello appena sviluppato è pari a quella che esiste tra il giorno e la notte” commenta David R. Smith, professore di ingegneria elettronica ed informatica alla Duke , nonché referente del progetto. “Il nuovo dispositivo è in grado di occultare uno spettro di onde molto più ampio, quasi illimitato, e passa in maniera molto più semplice tra infrarossi e luce visibile”. Per il futuro prossimo Smith e la sua equipe sperano di riuscire a far riflettere diversi tipi di onde: il tutto grazie anche alle recenti sperimentazioni della nanotecnologia .

Al di là delle possibili implicazioni militari di questo nuovo passo avanti in materia di mimetizzazione, uno degli scopi primari dei ricercatori è quello di realizzare una tecnologia in grado di superare gli ostacoli fisici che limitano il propagarsi di onde radio. “La tecnologia dell’invisibilità può essere usata per far sparire ostacoli fisici che impediscono il diffondere dei segnali di comunicazione” spiega Smith. “Ad esempio, può capitare che vi siano due o più antenne che tentino di ricevere il segnale, bloccato dalla presenza delle altre antenne. Aggiungendo dispositivi mimetici sarebbe possibile rendere ogni antenna invisibile all’altra, eliminando così qualsiasi interferenza”.

Vincenzo Gentile

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Stever scrive:
    peccato martellarlo !
    Peccato però martellare un hd quando potrebbe essere ancora buono per applicazioni di backup magari come hd esterno con un case usb da quattro soldi o magari se si hanno più dischi vecchi tra loro in jobd (linux: RAID Linhr) in modo da avere una capacità totale "unica" adeguata con prestazioni soddisfacenti grazie all'alto numero di testine :-)
  • attonito scrive:
    Per il Garante: meno pippe, please
    Caro Garante, si "facci" meno pippe mentali e dia una occhiatina, se riesce, alle XXXXXte che fanno Tim, telecom, Alice, Fastweb, etc etc sulle offerte pubblicitarie farlocche, le segreterie "gratis" che surrettiziamente implicano un abbonamento da 5Euro la settimana, etc etc etc.
  • z f k scrive:
    faber libertatis
    Esistono delle associazioni che recuperano apparecchi funzionanti e decentemente recenti (altrimenti il rischio di guasto a breve termine s'impenna), per impiegarli in progetti, tipicamente presso il terzo mondo.http://faberlibertatis.org/wiki/Requisiti_minimi_per_il_recupero_di_materiale_informaticohttp://faberlibertatis.org/wiki/CollegamentiCYA
Chiudi i commenti