Mars One, la morte arriva in 68 giorni

Un gruppo di studenti del MIT ha analizzato gli ambiziosi progetti della iniziativa privata che vuole portare i primi coloni umani sul pianeta rosso. Per ora la missione non sta in piedi

Roma – Mars One è l’ambizioso progetto che vuole stabilire una colonia umana su Marte a partire dal 2024, ma stando al lavoro di ricerca svolto da alcuni studenti del Massachusetts Institute of Technology (MIT) si tratta anche di un progetto destinato a causare la morte di numerosi coloni-astronauti in tempi relativamente brevi.

I ricercatori del MIT hanno stilato una “valutazione indipendente della fattibilità tecnica” del piano di missione di Mars One, un piano che sostiene di poter colonizzare Barsoom usando le tecnologie già disponibili al momento. Uno dei principi della missione Mars One, che prevede l’utilizzo delle stesse strutture sia per la coltivazione del raccolto (necessario per il cibo e per la produzione di ossigeno) che per ospitare gli astronauti, sarà per gli studenti del MIT la causa delle prime morti tra i coloni intorno al 68esimo giorno della missione.

I piani di Mars One non sono in grado di mantenere una pressione atmosferica sufficiente a garantire l’ossigeno a livelli adatti alla normale respirazione di un essere umano, spiega lo studio, perché al momento non esiste una tecnologia adatta a rinnovare l’aria di un ambiente chiuso che sia in grado di preservare l’azoto limitandosi a scambiare solo ossigeno. O almeno, non esiste per applicazioni “spaziali” come quelle ipotizzate da Mars One.

Gli aspetti critici della missione di colonizzazione sono tanti, spiegano da MIT, e prima ancora che la mancanza di ossigeno cominci a essere un problema – un problema mortale, in effetti – le condizioni di vita negli avamposti marziani diventerebbero molto presto proibitive, con un livello di umidità del 100 per cento provocato dalla stessa configurazione “a serra” degli alloggiamenti.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Paul scrive:
    in una parola...iuuuleeenzaa!
    Forse si sta o si è persa l'ideologia del free software. coi droni ci bombardi esseri umani tra le altre cose...chissà cosa ne pensa Stallman.
    • Salvatore di mondo scrive:
      Re: in una parola...iuuuleeenzaa!
      - Scritto da: Paul
      Forse si sta o si è persa l'ideologia del
      free software. coi droni ci bombardi esseri
      umani tra le altre cose...chissà cosa ne
      pensa Stallman.Fosse per stallman non saremmo ancora cosi' evoluti da avere dei droni.
      • collione scrive:
        Re: in una parola...iuuuleeenzaa!
        è evidente che non conosci Stallmanvedo che c'è chi continua a criticarlo per partito preso, nonostante tutte le sue "affermazioni stravaganti" del decennio scorso abbiano trovato piena conferma nei XXXXXX prodotti dal "cloud" aka "web 3.0" aka "ti fotto e ti rifotto by NSA"
        • Salvatore di mondo scrive:
          Re: in una parola...iuuuleeenzaa!
          - Scritto da: collione
          è evidente che non conosci StallmanA te sembra un innovatore ? Uno che vuole usare tecnologie prima che siano testate ? Magari riempiendole di interfaccine fuffolose per renderle piu' carine ?Perche' e' di quello che si stava parlando eh
          vedo che c'è chi continua a criticarlo per
          partito preso, nonostante tutte le sue
          "affermazioni stravaganti" del decennio scorso
          abbiano trovato piena conferma nei XXXXXX
          prodotti dal "cloud" aka "web 3.0" aka "ti fotto
          e ti rifotto by
          NSA"
          • Funz scrive:
            Re: in una parola...iuuuleeenzaa!
            - Scritto da: Salvatore di mondo
            usare
            tecnologie prima che siano testate ? Magari
            riempiendole di interfaccine fuffolose per
            renderle piu' carine
            ?ma stai parlando di Windows? (newbie)(newbie) :o :o :| :|(rotfl)(rotfl)
          • collione scrive:
            Re: in una parola...iuuuleeenzaa!
            - Scritto da: Salvatore di mondo
            A te sembra un innovatore ?quindi la FSF e tutta la filosofia GNU l'hai creata tu?e non parliamo di "piccoli" software come Emacs, GCC, le binutils, gli autotools
            Uno che vuole usare
            tecnologie prima che siano testate ? Magari
            riempiendole di interfaccine fuffolose per
            renderle piu' carine
            ?
            uh??? Stallman vuole le interfaccine?mi sa che vivi in un universo parallelo
    • meh scrive:
      Re: in una parola...iuuuleeenzaa!
      - Scritto da: Paul
      Forse si sta o si è persa l'ideologia del free
      software. coi droni ci bombardi esseri umani tra
      le altre cose...chissà cosa ne pensa
      Stallman.linux non è mai stato un progetto di stallman.Il che mi porta a pensare a HURD e al fatto che senza linux la FSF sarebbe in brache di tela.
      • collione scrive:
        Re: in una parola...iuuuleeenzaa!
        linux senza gnu non sarebbe mai arrivato da nessuna partehurd non è un progetto fallito per incompetenza di chi l'ha iniziato, ma perchè gli obiettivi sono realisticamente impossibili da raggiungereleggiti un pò di roba sui translators e capirei perchè hurd è un progetto irrealizzato ed irrealizzabileStallman voleva costruire il motore a curvatura quando il massimo della tecnologia esistente era ( e in buona parte è ) il carretto col bue che lo traina
  • minqua scrive:
    'A Legu'
    143 parole, 754 caratteri, per uno sproloquio sulla parola "drone" assolutament OT :Sei utile quanto un buco di XXXX sul gomito (cit.)Ma XXXXXXXXXX và! (troll2)
  • Leguleio scrive:
    Per la serie ho le idee chiare
    Titolo: " Dronecode, Linux a bordo di droni e UAV "Droni e UAV sono esattamente la stessa cosa. Il primo è l'italianizzazione di drone, fuco in inglese, un nome per nulla tecnico dovuto al ronzio, il secondo sta per unmanned aerial vehicle.Il nome scelto in italiano per UAV è aeromobili a pilotaggio remoto (APR).
    • pirata dell aia scrive:
      Re: Per la serie ho le idee chiare

      , fuco Il fuco sarebbe l'ape col "pungiglione" (troll3)
      • cicciobello scrive:
        Re: Per la serie ho le idee chiare
        No, il fuco è il maschio dell'ape, e NON ha il pungiglione: il pungiglione c'è solo nelle femmine (e le api operaie sono femmine, anche se sterili), perché in origine era l'organo da cui escono le uova (ovopositore). Le api discendono dalle vespe, e le vespe più primitive usano il pungiglione per deporre le uova dentro altri insetti: la larva divora l'insetto dall'interno, riducendolo ad un sacco vuoto, poi lo squarcia ed esce (il film "Alien" probabilmente si era ispirato a questo).In inglese, la parola "drone" si usa sia per indicare le operaie, che i fuchi, ma sui dizionari di solito è riportata la traduzione "fuco"
    • La redazione scrive:
      Re: Per la serie ho le idee chiare
      Grazie caro Leguleio. :)
    • bradipao scrive:
      Re: Per la serie ho le idee chiare
      Se vuoi essere preciso "essilo" sino in fondo:- Scritto da: Leguleio
      Droni e UAV sono esattamente la stessa cosa. Non è esatto. Gli UAV rientrano nella categoria generica dei droni, ma non la esauriscono. Per esempio ci sono anche gli UCAV.
      Il nome scelto in italiano per UAV è aeromobili a
      pilotaggio remoto (APR).Veramente la seconda è la denominazione ufficiale dell'organizzazione dell'aviazione civile internazionale.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 13 ottobre 2014 19.50-----------------------------------------------------------
      • Leguleio scrive:
        Re: Per la serie ho le idee chiare

        Se vuoi essere preciso "essilo" sino in fondo:

        - Scritto da: Leguleio

        Droni e UAV sono esattamente la stessa cosa.

        Non è esatto. Gli UAV rientrano nella categoria
        generica dei droni, ma non la esauriscono. Per
        esempio ci sono anche gli
        UCAV.Io veramente questo sistema di classificazione non l'ho mai sentito, però se hai un link indacamelo.Nella classificazione in base alla funzione degli UAV ci sono:- Intelligence, Surveillance and Reconnaissance (ISR) - Logistics - Target and Decoy e appunto- Unmanned Combat Aerial Vehicle (UCAV)."Drones" è un soprannome, ma è un perfetto sinonimo, in inglese:http://www.differencebetween.info/difference-between-drone-and-uavE pure in italiano, se non fosse che sarebbe da evitare.

        Il nome scelto in italiano per UAV è aeromobili
        a

        pilotaggio remoto (APR).

        Veramente la seconda è la denominazione ufficiale
        dell'organizzazione dell'aviazione civile
        internazionale.Be', in ogni lingua l'acronimo cambia. In italiano è APR, in inglese RPA (remotely piloted aircraft).
        • Molibdeno Mantecato scrive:
          Re: Per la serie ho le idee chiare
          Si ma UCAS sarà:"Unmanned Combat Air System"oppure "Ufficio Complicazione Affari Semplici"?(newbie)
        • Luppolo scrive:
          Re: Per la serie ho le idee chiare

          Be', in ogni lingua l'acronimo cambia. In
          italiano è APR, in inglese RPA (remotely piloted
          aircraft).Il termine corretto non è RPA ma RPV cioè Remote Piloted Vehicle.
          • Luppolo scrive:
            Re: Per la serie ho le idee chiare
            anzi ... Remotely Piloted Vehicle pardon.
          • Leguleio scrive:
            Re: Per la serie ho le idee chiare
            - Scritto da: Luppolo
            anzi ... Remotely Piloted Vehicle pardon.In che senso "corretto"?http://ec.europa.eu/enterprise/sectors/aerospace/uas/
          • Luppolo scrive:
            Re: Per la serie ho le idee chiare
            - Scritto da: Leguleio
            - Scritto da: Luppolo

            anzi ... Remotely Piloted Vehicle pardon.

            In che senso "corretto"?

            http://ec.europa.eu/enterprise/sectors/aerospace/uNel senso che "Drone" è un termine in uso nel linguaggio militare, e nella sua accezione più generale è un RPV, cioè un veicolo controllato da remoto.Gli RPA o UAV sono un sottoinsieme dei droni, che hanno la capacità di volare, che essendo quelli più rappresentativi della categoria nel linguaggio corrente, sono spesso considerati sinonimo di droni ma ciò non è corretto.Non è corretto nemmeno nel senso dell'articolo, perchè definire uno standard per il controllo dei "Droni", implica la definizione di un controllo per una serie di dispositivi (motori passo, accelerometri, controllo energia) che possono essere installati sia su un drone volante che su un drone marittimo come questo :http://www.wired.it/attualita/tech/2014/09/29/drone-acquatico-mit/correttamente definito DRONE o questi :http://www.directindustry.it/fabbricante-industriale/drone-terrestre-86179.htmlaltrettanto correttamente definiti DRONI, nonostante, a causa dell'assenza delle capacità di volo, non possano essere considerati RPA ma invece RPV.Dunque definire il termine DRONE come sinonimo di UAV o RPA non è corretto, mentre è corretto definirlo RPV di cui gli RPA sono un sottoinsieme molto significativo.Il titolo dell'articolo non è altresì scorretto ma è ridondante, infatti gli UAV sono un sottoinsieme dei DRONI e quindi usare la congiunzione "e" può essere considerato inappropriato ma non del tutto errato.Essa infatti può sussistere in un rafforzativo del significato della parola e in una precisazione tecnica, poichè come noto il sistema di controllo di un UAV è, nella maggior parte dei casi, molto più complesso di quello di un drone marittimo o terrestre.
          • ... scrive:
            Re: Per la serie ho le idee chiare
            - Scritto da: Leguleio
            Forse quanto a terminologia ne sanno qualcosa di
            più di <I
            Wired </I
            Italia, non
            credi?o forse no.
            Anche questo è il sito pubblicitario ("il salone
            online dell'industria") di qualcuno che vuole
            attrarre clic, non vedo assolutamente una fonte
            autorevole che specifica l'uso del termine drone.Ecco, ci risiamo... "Non mi sembra autorevole, ergo tutte caxxate!"
            Non è che un titolo di PI diventi più chiaro se
            si usa una termine a casaccio. Casomai il
            contrario.Prima dici che è un sinonimo, poi un "termine a casaccio"...Mah...
          • Leguleio scrive:
            Re: Per la serie ho le idee chiare

            o forse no.Ti invito a fare interventi costruttivi, non interventi che mi fanno solo perdere tempo.
          • ... scrive:
            Re: Per la serie ho le idee chiare
            Sono costruttivi tanto quanto i tuoi "Non ci vedo nulla di autorevole in quella fonte, quindi ho ragione io!" - il tutto condito dall'aggiunta di qualche link a fonti contrarie e/o di parte.
          • Leguleio scrive:
            Re: Per la serie ho le idee chiare

            Sono costruttivi tanto quanto i tuoi "Non ci vedo
            nulla di autorevole in quella fonte, Un sito commerciale.L'ideale per le definizoini, neh?
            A quindi ho
            ragione io!" - il tutto condito dall'aggiunta di
            qualche link a fonti contrarie e/o di
            parte.Un dizionario. Incredibile, vero?
          • nammarnazi scrive:
            Re: Per la serie ho le idee chiare
            - Scritto da: Leguleio
            Un sito commerciale.
            L'ideale per le <b
            definizoini </b
            , neh? <i
            *definizioni </i
            Stiamo perdendo colpi, eh?
    • rindronato scrive:
      Re: Per la serie ho le idee chiare
      - Scritto da: Leguleio
      Titolo: " <B
      Dronecode, Linux a bordo di droni e
      UAV </B
      "

      Droni e UAV sono esattamente la stessa cosa. Il
      primo è l'italianizzazione di drone, fuco in
      inglese, un nome per nulla tecnico dovuto al
      ronzio, il secondo sta per unmanned aerial
      vehicle.Beh, è un articolo di Maruccia.[img]http://img1.wikia.nocookie.net/__cb20071110053414/nonciclopedia/images/7/73/Canebd.jpg[/img]
    • collione scrive:
      Re: Per la serie ho le idee chiare
      eheheh Leguleio, stavolta l'hai fatta fuori dal vasettoper drone s'intende qualsiasi sistema unmanned, compresi gli UAS, gli UMS, i MAV, ecc...
    • panda rossa scrive:
      Re: Per la serie ho le idee chiare
      - Scritto da: Leguleio
      Titolo: " <B
      Dronecode, Linux a bordo di droni e
      UAV </B
      "

      Droni e UAV sono esattamente la stessa cosa.[img]http://intermarketandmore.finanza.com/files/2014/08/CHISSENEFREGA.jpg[/img]La notizia dice LINUX.
      • 2014 scrive:
        Re: Per la serie ho le idee chiare
        - Scritto da: panda rossa
        - Scritto da: Leguleio

        Titolo: " <B
        Dronecode, Linux a bordo
        di droni
        e

        UAV </B
        "



        Droni e UAV sono esattamente la stessa cosa.

        [img]http://intermarketandmore.finanza.com/files/2

        La notizia dice LINUX.Quindi aspettiamo droneshock prossimamente su questi schermi? :D
    • Papple scrive:
      Re: Per la serie ho le idee chiare
      - Scritto da: Leguleio
      Titolo: " <B
      Dronecode, Linux a bordo di droni e
      UAV </B
      "

      Droni e UAV sono esattamente la stessa cosa. Il
      primo è l'italianizzazione di drone, fuco in
      inglese, un nome per nulla tecnico dovuto al
      ronzio, il secondo sta per unmanned aerial
      vehicle.

      Il nome scelto in italiano per UAV è aeromobili a
      pilotaggio remoto
      (APR).Non esattamente l'UAV è chiaramente un aeromobile mentre il drone, denominazione più generica può indicare anche un mezzo terrestre o navale a controllo remoto entrambi molto usati nell'esercito
      • Leguleio scrive:
        Re: Per la serie ho le idee chiare


        Droni e UAV sono esattamente la stessa cosa.
        Il

        primo è l'italianizzazione di drone, fuco in

        inglese, un nome per nulla tecnico dovuto al

        ronzio, il secondo sta per unmanned aerial

        vehicle.



        Il nome scelto in italiano per UAV è
        aeromobili
        a

        pilotaggio remoto

        (APR).

        Non esattamente l'UAV è chiaramente un aeromobile
        mentre il drone, denominazione più generica può
        indicare anche un mezzo terrestre o navale a
        controllo remoto entrambi molto usati
        nell'esercitoQuesta non la sapevo.Quindi sarebbe un drone pure questo, essendo a controllo remoto?http://www.cartolibreriagiocattolistefania.it/files/1595-220_1024x768.jpgHai un link che conferma questa definizione di drone?
        • Luppolo scrive:
          Re: Per la serie ho le idee chiare
          Va bene questo ?http://www.treccani.it/vocabolario/drone/
          • Leguleio scrive:
            Re: Per la serie ho le idee chiare
            - Scritto da: Luppolo
            Va bene questo ?

            http://www.treccani.it/vocabolario/drone/Conferma ciò che dico io:"Velivolo privo di pilota e comandato a distanza, usato generalmente per operazioni di ricognizione e sorveglianza, oltre che di disturbo e inganno nella guerra elettronica"Esiste anche la definizione di "bersaglio telecomandato", ma in ogni caso non vedo treni, automobili o navi chiamate droni solo perché sono comandati a distanza.
          • Funz scrive:
            Re: Per la serie ho le idee chiare
            - Scritto da: Leguleio
            - Scritto da: Luppolo

            Va bene questo ?



            http://www.treccani.it/vocabolario/drone/

            Conferma ciò che dico io:

            "Velivolo privo di pilota e comandato a distanza,
            usato generalmente per operazioni di ricognizione
            e sorveglianza, oltre che di disturbo e inganno
            nella guerra
            elettronica"

            Esiste anche la definizione di "bersaglio
            telecomandato", ma in ogni caso non vedo treni,
            automobili o navi chiamate droni solo perché sono
            comandati a
            distanza.Direi che è l'accezione italiana e/o la definizione del dizionario ad essere incompleta, negli USA si dice così per qualsiasi veicolo comandato a distanza.ad esempio:https://www.google.it/search?q=terrestrial+drone&client=firefox-a&hs=9UQ&rls=org.mozilla:it:official&channel=sb&tbm=isch&tbo=u&source=univ&sa=X&ei=BHc-VJaMFpDfasiHgogD&ved=0CEsQsAQ&biw=824&bih=566https://www.google.it/search?q=terrestrial+drone&ie=utf-8&oe=utf-8&aq=t&rls=org.mozilla:it:official&client=firefox-a&channel=sb&gfe_rd=cr&ei=A3c-VJS_PKTD8gfzn4C4Dg#rls=org.mozilla:it:official&channel=sb&q=underwater+dronehttps://www.google.it/search?q=terrestrial+drone&ie=utf-8&oe=utf-8&aq=t&rls=org.mozilla:it:official&client=firefox-a&channel=sb&gfe_rd=cr&ei=A3c-VJS_PKTD8gfzn4C4Dg#rls=org.mozilla:it:official&channel=sb&q=naval+drones
          • Luppolo scrive:
            Re: Per la serie ho le idee chiare

            Direi che è l'accezione italiana e/o la
            definizione del dizionario ad essere incompleta,
            negli USA si dice così per qualsiasi veicolo
            comandato a
            distanza.Ma infatti, la definizio del vocabolario, identifica entrambe le categorie, la prima come "uso comune" in quanto se dici "drone" pensi a qualcosa che vola, la seconda tiene conto del significato "generale".Nell'ambito militare, specialmente nelle esercitazioni si usano droni non necessariamente volanti, e come hai detto tu anche in ambito civile in America per esempio, c'è una cultura più avanzata nei confronti di questi oggetti.
Chiudi i commenti