Matrox Parhelia è pronto a colpire

Il produttore canadese svela prezzo e caratteristiche delle nuove schede grafiche e si prepara a lanciare la sua più ambiziosa sfida al mercato videoludico e professionale


Montreal (Canada) – Il mercato delle schede grafiche dovrà presto ampliare la sua arena per far spazio ad un nuovo arrivo: Parhelia, la nuova famiglia di prodotti firmati Matrox che sembrano avere tutte le carte in regola per divenire i prossimi sfidanti di GeForce e Radeon.

Fino ad oggi Matrox aveva sempre preferito evitare gli scontri frontali, badando per lo più a conservare la sua lucrosa nicchia di mercato professionale. Con il nuovo chip Parhelia-512 l’azienda canadese sembra però intenzionata a lanciarsi nella mischia del mercato videoludico andando persino a corteggiare – cosa per lei del tutto inedita – gli esigenti hardcore gamer .

Le schede grafiche Parhelia saranno sul mercato a partire dal 30 giugno nella sola configurazione con 128 MB di memoria e ad un prezzo di 559 euro IVA compresa. Matrox ha affermato che verso la fine dell’estate verranno presentati anche modelli con 64 MB e 256 MB di memoria.

Le schede saranno fornite di driver per Windows XP e Windows 2000 con supporto alle DirectX 8.1 e alle OpenGL 1.2. Fra i software in dotazione si trova l’utility Matrox PowerDesk-HF, per la configurazione hardware e la gestione delle funzionalità multi-display; una speciale versione di Waytech Coloreal, un tool per la calibrazione del colore dei monitor in configurazione multi-display; il plug-in Matrox GigaColor per Adobe Photoshop, che mette gli utenti in grado di vedere file.TIF e.PNG in modalità 10-bit per canale di colore; diversi demo che mostrano le capacità 3D e 2D di Parhelia-512.

Le nuove schede di Matrox hanno un’interfaccia con la memoria di 256 bit, una tripla uscita RGB, una doppia uscita DVI, un’uscita TV e il supporto all’AGP 4X (e dunque non 8X come era stato inizialmente riportato). Tutte le schede offrono poi le funzionalità proprie del nuovo chip Parhelia-512, fra cui 10-bit GigaColor, quattro pixel pipeline con quattro unità di texturing per ciclo di clock, 64 Super Sample Texture Filtering, 16x Fragment Antialiasing (FAA-16x), Glyph Antialiasing, Quad DirectX 9 Vertex Shader Array, 36-operation pixel shader array, Hardware Displacement Mapping, DualHead High Fidelity.

Una delle funzionalità più interessanti di Parhelia è il così chiamato “surround gaming”, una tecnologia che consente di ampliare il campo visivo di un gioco su di un massimo di tre schermi affiancati. Matrox sostiene che la visione panoramica è già supportata da giochi come Flight Simulator 2002, Quake III Arena, Return to Castle Wolfenstein, Star Wars Jedi Knight II: Jedi Outcast e diversi altri.

“E’ fantastico vedere negli acceleratori grafici Matrox Parhelia l’implementazione hardware di un’importante parte della tecnologia DirectX 9.0 di Microsoft,” sostiene Channing Verbeck, direttore del dipartimento Windows Graphics and Gaming Technologies di Microsoft. “In virtù del supporto di Quad Vertex Shader Array e di Hardware Displacement Mapping, compatibili con DirectX.9, Parhelia innalza in modo significativo il livello del realismo nella grafica 3D. Inoltre, il supporto di funzionalità di visualizzazione innovative – come il TripleHead Desktop – consente agli utenti di Parhelia di trarre un enorme vantaggio in termini di produttività, grazie alla possibilità di gestire Windows XP in ambiente multi-monitor.”

Cone le nuove schede Parhelia, Matrox sembra decisa a rivolgersi non soltanto al mercato dell’intrattenimento, ma anche a quello dell’utenza professionale in settori come il desktop publishing, la progettazione Web, la fotografia digitale e il video editing.

“Matrox ha una lunga storia di leadership nella grafica professionale, ove si distingue per la qualità della visualizzazione e per la versatilità del supporto multi-display”, afferma Jon Peddie, presidente di Jon Peddie Research. “Con Parhelia, Matrox introduce iniziative d’ingegno di valore sostanziale e caratteristiche coinvolgenti per i settori 2D workstation e high-end enthusiast”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    x la redazione
    ..."l'attuale software a 64 bit"?!?!?Cioe' quello per Itanium prima generazione?bye, Andrea
    • Anonimo scrive:
      Re: x la redazione
      Oh yes, sir ;-)ADR- Scritto da: Kappei
      ..."l'attuale software a 64 bit"?!?!?
      Cioe' quello per Itanium prima generazione?

      bye, Andrea
Chiudi i commenti