MC-link lancia l'IP personale

Portarsi appresso il proprio IP statico per accedere in sicurezza da qualsiasi punto a reti protette come quelle aziendali, indipendentemente dal tipo di connessione e dal provider utilizzato
Portarsi appresso il proprio IP statico per accedere in sicurezza da qualsiasi punto a reti protette come quelle aziendali, indipendentemente dal tipo di connessione e dal provider utilizzato


Roma – Si chiama “Personal IP” un servizio lanciato in queste ore da uno dei pionieri della rete italiana, MC-link, un servizio pensato per chi vuole sfruttare la sicurezza di un accesso autorizzato alle proprie reti tramite IP anche quando si trova fuori sede.

Il servizio, che MC-link considera il primo nel suo genere, permette di accedere ad Internet con lo stesso IP indipendentemente dal tipo di connessione e dal provider utilizzato, perché viene assegnato un IP in modo ?statico? non alla singola connessione ma direttamente all?individuo , così che possa disporre sempre dello stesso indirizzo IP da qualsiasi posizione si trovi a lavorare.

L’idea, dunque, è quella di consentire a chi lavora spesso al di fuori del proprio ufficio e necessita di accedere a dati e informazioni residenti sui server aziendali in sicurezza, di evitare che informazioni riservate o sensibili possano finire sotto gli occhi sbagliati. “Il modo più semplice per assicurare la certezza dell?identificazione – sostiene ora il provider – è appunto farsi riconoscere tramite un IP statico che permette di individuare in modo certo l?utente”.

Per l’assegnazione dell’IP, la soluzione di MC-link si avvale di un client di rete virtuale (VPN) basato su tecnologia Cisco System in grado di collegarsi al server reso disponibile da MC-link. Una volta identificato attraverso una procedura protetta, l?utente può connettersi con il suo IP personale che si sovrappone a quello previsto dalla connessione principale.

“Immaginiamo – ha spiegato Cesare Veneziani, amministratore delegato di MC-link – la giornata di un professionista, che si connette a Internet in aeroporto in Wi-Fi, in taxi grazie al GPRS, poi presso un cliente utilizzando una connessione in dial up e infine con l?ADSL da casa: grazie al Personal IP, indipendentemente dalla tecnologia e dalla connessione che utilizza, potrà accedere a Internet sempre con lo stesso IP avendo la certezza di essere identificabile dal server e di poter quindi accedere a informazioni protette fondamentali per svolgere la propria attività”.

Il costo del servizio varia dai 150 ai 300 euro l’anno con un contributo di attivazione di 50 euro (prezzi Iva esclusa).

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

27 10 2003
Link copiato negli appunti