McAfee brevetta l'update antivirus

Ma già lo aveva fatto Symantec. Si torna ai superbrevetti blocca-tutto? L'iniziativa di Network Associates ricorda i brevetti su ipertesto e FTP


Web – L’Ufficio dei brevetti americani ha rilasciato, con il numero 6.296.456, un brevetto che descrive l’operazione di aggiornamento automatico del software antivirus via internet. A registrarlo è stato nientemeno che McAfee, l’azienda antivirus del gruppo Network Associates.

A quanto pare, il “Sistema per la fornitura di aggiornamento automatico delle applicazioni antivirus attraverso un sistema informatico”, viene spacciato da Network Associates come qualcosa che “distingue ulteriormente le soluzioni antivirus McAfee da quelle proposte da altri produttori”.

Inutile dire che l’aggiornamento automatico dell’antivirus è una funzionalità che da anni viene impiegata anche dagli altri produttori. Utile ricordare, invece, che Symantec lo scorso febbraio ha ottenuto il brevetto per le sue funzionalità di LiveUpdate, che consentono l’aggiornamento automatico del software antivirus. In quell’occasione Symantec aveva spiegato a Punto Informatico di essersi limitata “a registrare il brevetto della propria tecnologia di live updating, una tecnologia esclusiva e diversa da quelle già utilizzate da altri produttori”.

McAfee non ha dichiarato con esattezza cosa intende fare del brevetto, ora che lo ha ottenuto. Quel che è certo è che appare singolare come un’azienda del calibro di Network Associates possa rivendicare “l’invenzione” di un sistema utilizzato ampliamente dai propri concorrenti e addirittura brevettato, certamente con alcune differenze, dal principale competitor.

Si tratta di brevetti che ricordano da vicino altre “follie patentate”. Come quelle di E-Data, azienda che da anni chiede royalty a tutti i produttori di sistemi di download, ritenendo di possedere il brevetto del download da internet, o quelle di British Telecom, che chiede alle aziende americane royalty perché convinta di possedere il brevetto dell’ipertesto….

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Spero che resista
    Ce l'ho da una vita il mio indirizzo, non vorrei cambiarlo o lasciare Bigfoot.Pero' non sono disposto a pagarlo.
    • Anonimo scrive:
      Speri? Paga paga
      Ehehehehehehci dobbiamo abituare tutti cari miei, se si vuole un servizio di qualita', che funzioni, che non si impianti continuamente, che ti dia qualche garanzia... dobbiamo paga'.io ora spendo in servizi internet circa 30 dollari al mese, che forse aumenteranno. ma almeno navigo senza problemi.consiglio: paga paga
      • Anonimo scrive:
        Re: Speri? Paga paga

        io ora spendo in servizi internet circa 30
        dollari al mese, che forse aumenteranno. ma
        almeno navigo senza problemi.Scusa ma sei intontito?PAGHI?????????????????????????????Io giro tranqUILLAMente su INTernNET senza PAGare una lira, se non A quelli di ACTIVE network
        • Anonimo scrive:
          Re: Speri? Paga paga
          Incredibile!Si vuole Internet, si vogliono i servizi, ma nessuno vuole pagare, ma cacchio anche un minimo server costerà due lire? O posso pagarlo comunicando il numero di connessioni giornaliere al mio servizio?
          • Anonimo scrive:
            Re: Speri? Paga paga
            - Scritto da: Keper
            Incredibile!
            Si vuole Internet, si vogliono i servizi, ma
            nessuno vuole pagare, ma cacchio anche un
            minimo server costerà due lire? O posso
            pagarlo comunicando il numero di connessioni
            giornaliere al mio servizio?questo è sicuramente vero, ma bisogna sottolineare che tutte le grandi aziende che operano nella rete sono arrivate ad essere grandi solo(ripeto solo) perchè offrivano servizi gratuiti, e anche quelle che operano nell'e-commerce hanno fatto fortuna perchè c'era gente che navigava in internet perchè c'erano questi servizi gratuitie tutto andava bene finchè c'era la pubblicità che sosteneva tutto ..... ed ora .... i costi pubblicitari sono alle stelle e naturalmente il calo è stato inevitabile persino i motori di ricerca ora sono diventati inutilizzabili perchè ai primi posti di ogni ricerca c'è chi ha pagato di + ( a mio parere uno scandaloooooooo ..... per fortuna alcuni ancora si salvano ma è solo una questione di tempo)comincio ad avere una certa nostalgia del buon vecchio internet di qualche anno fà =(
Chiudi i commenti