Medal of Honor, talebani rinominati

Annunciata la rimozione della possibilità per i gamer di impersonare un guerrigliero che faccia strage di soldati a stelle e strisce. Il fuoco delle polemiche era stato scatenato dal Pentagono e dalle famiglie statunitensi

Roma – Manca poco al lancio del nuovo capitolo della popolare saga videoludica Medal of Honor . I possessori di PC, Xbox 360 e PlayStation 3 potranno così tornare a scatenarsi in nuove imprese belliche, questa volta ambientate nei torridi paesaggi dell’Afghanistan. Vestendo i panni di militari occidentali alle prese con agguerrite forze nemiche.

Opposite forces . Questa l’espressione ora utilizzata da Electronic Arts , che ha di recente annunciato alcuni cambiamenti all’originale gameplay del celebre sparatutto in prima persona. Il fuoco delle polemiche era infatti divampato , dopo la decisione degli sviluppatori di inserire nella trama del gioco la possibilità per gli utenti di mettersi a capo di una truppa di guerriglieri talebani .

La concreta possibilità di uccidere soldati statunitensi aveva quindi destato le indignazioni più feroci sia da parte dei vertici militari del Pentagono che delle varie famiglie, in particolare di quelle che avevano già pianto i propri figli impegnati sul fronte afghano. Lettere di protesta erano giunte presso la sede principale di Electronic Arts .

E non solo . Gli stessi vertici militari a stelle e strisce – appoggiati da quelli britannici – avevano successivamente ordinato la messa al bando del nuovo titolo della serie, in particolare presso 50 punti vendita GameStop situati all’interno di altrettante basi distribuite sul territorio.

Ora – come annunciato da un post apparso sul sito ufficiale di Medal of Honor – il publisher Electronic Arts ha provveduto alla rimozione della possibilità di impersonare un guerrigliero talebano. Si parlerà invece di opposite forces , di forze nemiche. Lo stesso post ha poi sottolineato come il resto del gameplay rimarrà assolutamente invariato.

La voce di famiglie e militari è stata dunque definita “molto importante” da Greg Goodrich, executive producer del videogame. Una voce che meriterebbe di essere ascoltata con attenzione, dal momento che il cuore pulsante di Medal of Honor ha sempre mostrato simpatia nei confronti delle forze alleate, in particolare dei soldati statunitensi.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti